COMUNE DI SAN VENANZO PROVINCIA DI TERNI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SAN VENANZO PROVINCIA DI TERNI"

Transcript

1 COMUNE DI SAN VENANZO PROVINCIA DI TERNI

2 1)PREMESSA Il presente Piano fa riferimento a situazioni caratterizzate da precipitazioni nevose per le quali si renda necessario attuare interventi immediati per garantire i servizi essenziali, evitare gravi disagi alla popolazione e garantire condizioni di sicurezza per la circolazione stradale. Quando le precipitazioni sono tali da compromettere le condizioni di fluidità del traffico sulla rete stradale e causare gravi disagi alla popolazione il sindaco assume, nell ambito del territorio comunale, la direzione ed il coordinamento dei servizi di emergenza e provvede ad attivare gli interventi necessari dandone immediata comunicazione al prefetto. Nella sua attività il sindaco sarà coadiuvato da: Sig. Geom. Mortaro Stefano coordinatore e responsabile della funzione strutture operative locali. Il referente della funzione servizi essenziali (ENEL-GAS-ACQUEDOTTO) sarà il sig. Geom. Mortaro Stefano. Il referente della funzione viabilità sarà il Sig. Tortolini Sandro (Vigile Urbano). Il referente della funzione materiali e mezzi sarà il sig. Geom. Mortaro Stefano. Il referente della funzione sanità, assistenza della popolazione sarà il Medico di turno della U.S.L.n 2 Media Valle del Teverea Todi/Marsciano reperibile nelle 24h tramite i centralini dell Ospedale della media Valle del Tevere Loc. Pantalla ( Todi) centralino )SCOPI DEL PIANO - individuare i tratti stradali e le zone più sensibili in relazione al fenomeno neve (mappatura della viabilità primaria e secondaria); - individuare i servizi essenziali da garantire (viabilità e punti strategici, energia elettrica, gas, acquedotto, collegamenti telefonici, strutture sanitarie edifici pubblici, scuole ecc.) - individuare situazioni particolari (disabili, anziani residenti in containers o abitazioni isolate ecc.); - organizzare uomini e mezzi e predisporre le misure preventive; - prevedere le modalità di raccordo e concorso dei soggetti concorrenti; - stabilire le modalità di attivazione ed intervento a seguito delle segnalazioni di emergenza; - individuare itinerari alternativi in relazione a situazioni di chiusura al traffico di tratti stradali fortemente innevati. 3)FASI DI INTERVENTO-MISURE PREVENTIVE Al fine di consentire una tempestiva organizzazione delle strutture operative da attivare per gli interventi si individuano le seguenti fasi. ATTENZIONE - la fase di attenzione ha inizio a seguito della previsione di precipitazioni nevose nella zona - adempimenti: - procedere ad una individuazione del personale effettivamente disponibile, compresa l eventuale mano d opera straordinaria da impiegare nel servizio di sgombero neve, costituire le squadre;

3 - verificare la dislocazione dei mezzi, la loro efficienza e la disponibilità di quanto necessario al loro tempestivo approntamento per l impiego (lame, catene ecc); - contattare le ditte private preventivamente individuate per accertare la reale disponibilità di idonei mezzi sgombraneve da impiegare nel territorio; - attivare un costante flusso informativo con le altre strutture del Servizio di Protezione Civile presenti in zona (Distaccamento VV.FF., Provincia, l Agenzia Forestale Regionale dell Umbria, Aziende municipalizzate, Forze di Polizia, Corpo Forestale dello Stato, Croce Rossa Italiana, Associazioni di Volontariato, ENEL TELECOM (VERIFICA IMMEDIATA DELL EFFICIENZA DELLE RETI INTERESSANTI LE AREE ABITATE D EMERGENZA); - verificare le scorte di sale da disgelo e graniglia; - preparare i materiali da puntellamento; - dislocare la segnaletica stradale; - far dotare i mezzi pubblici di catene da neve da tenere a bordo; - INFORMARE (con telefonata e fax) LA PREFETTURA DELL INIZIO E DELLA CESSAZIONE DELLA FASE DI ATTENZIONE. PREALLARME - La fase di preallarme inizia con l invio da parte del Dipartimento della Protezione Civile o della Prefettura del BOLLETTINO DI CONDIZIONI METEO AVVERSE CON LA PREVENZIONE DI PRECIPITAZIONI NEVOSE oppure dopo la fase di attenzione con l inizio delle precipitazioni nevose - adempimenti: - attuare quanto previsto per la fase di attenzione (qualora il preallarme non sia stato preceduto da tale fase); - convocare nella sede comunale i responsabili delle strutture operative di protezione civile (ivi comprese quelle del volontariato) e delle squadre comunali di intervento; - attivare stazioni radioamatori (VHF) -qualora possibile-; - effettuare un controllo continuo delle zone a rischio; - stabilire, tramite i Vigili Urbani, opportuni contatti con (Vigili del Fuoco, Polizia Stradale, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato)per la tempestiva chiusura di tratti stradali critici, soggetti a forte innevamento; - INFORMARE FREQUENTEMENTE LA PREFETTURA CIRCA L EVOLUZIONE DELLA SITUAZIONE. ALLARME - La fase di allarme inizia con il persistere della precipitazione nevosa (manto stradale coperto con conseguente difficoltà di circolazione) oppure con l invio del messaggio di allarme - L allarme dovrebbe sempre essere preceduto dalla fase di preallarme e quindi tutto l apparato della Protezione Civile dovrebbe essere gia allertato. Ma non sono da escludere casi in cui, o per la particolare tipologia del fenomeno meteorologico non sia possibile prevedere una fase che consenta, prima ancora di ufficializzare uno stato di allarme, di predisporre interventi adeguati. adempimenti: - attivare le funzioni operative di supporto (indicate in premessa) ed il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) presso la quale deve essere sempre assicurata (h.24) la presenza di un funzionario coordinatore con esperienza e conoscenza del territorio, in grado di poter seguire la situazione, fornire notizie, attivare gli interventi, inoltrare eventuali richieste di concorso; - dare il via a tutte le attività di intervento previste nelle precedenti fasi; - INFORMARE LA PREFETTURA (telefono e fax) E MANTENERE COLLEGAMENTI COSTANTI. 4)LIMITAZIONI DELLA VIABILITA ITINERARI ALTERNATIVI. LIMITAZIONI DELLA VIABILITA

4 A cura del Comando dei Vigili Urbani dovrà essere data attuazione all ordinanza di chiusura al transito di tutti i veicoli nelle vie e strade comunali non percorribili a causa della presenza della neve. Le precipitazioni nevose nel territorio comunale non avvengono annualmente; nell arco delle precedenti stagioni invernali si sono verificate nevicate in uno o al massimo due periodi la cui durata massima e di circa uno o tre giorni. Le zone maggiormente colpite dalle precipitazioni nevose sono quelle poste ad una quota superiore a 300 mt. S.l.m. e quindi quasi tutto il territorio Comunale. Sono meno soggette a precipitazioni nevose le località di Poggio Aquilone e Località Fontane di Civitella. Le strade ubicate nelle località sopraddette sono: A) STRADE PROVINCIALI: - EX S.S. 317 Marscianese; - S.P. N 57 Pornellese che collega il Capoluogo alla Fraz. Pornello; - S.P. N 61 San Venanzo/Fratta Todina che collega il Capoluogo alle Fraz. Rotecastello Collelungo e Ripalvella; - S.C. N 101 di Morrano che collega la Fraz. San Marino alla ex S.S. 317; - S.P. n 104 di Frattaguida che collega la Fraz. San Marino e Ospedaletto alla ex S.S. 317; - S.P. N 105 di San Vito che collega la Fraz. San Vito in Monte con la ex S.S. 317; - S.P. N 110 per Marsciano che collega la Fraz. Collelungo alla ex S.S. 317 ed al Capoluogo di Marsciano (PG); B) STRADE COMUNALI: 1. S.C. N 109 di Ripalvella che collega la Fraz. Ripalvella con la Fraz. Ospedaletto; 2. S.C. dell Acqua forte che collega la Fraz. San Vito in Monte al Voc. Rotaprona; 3. S.C. del Castello che collega la Fraz. San Vito in Monte alla Loc. Il Castello; 4. S.C. del Cimitero di San Vito che collega il centro abitato della Frazione al cimitero; 5. S.C. del cimitero di Poggio Aquilone che collega il centro abitato alla S.P. per Marsciano/Migliano; 6. S.C. Poggio Aquilone/San Venanzo che collega il Capoluogo alla Fraz. di Poggio Aquilone; 7. S.C. di Civitella che collega la località di Civitella alla ex S.S. 317; 8. S.C. dell Isola di Collelungo che collega la Fraz. di Collelungo alla S.P. n 61; 9. S.C. di Ripalvella che collega la Fraz. di Ripalvella alla S.P. n 61 e S.C. n 109; 10. S.C. Ospedaletto Palazzo Bovarino che collega la Località Palazzo Bovarino alla Fraz. Ospedaletto con innesto alla ex S.S. 317 ed alla Fraz. San Marino con innesto alla S.C. San Marino/Ospedaletto; 11. S.C. Ospedaletto/Spante San Marino collega i centri abitati delle località ospedaletto, Spante e San Marino rispettivamente alla ex S.S. 317 ed alla S.P. 101; 12. S.C. di Vecciano che collega la Loc. Spante alla S.P. 101; 13. S.C. San Marino/Settano che collega la Fraz. San Marino alle Loc. Di Setteno, Casalicchia e Oppio/Cettina; 14. S.C. San Marino/Parrano che collega la Fraz. di San Marino alla S.P. 104; 15. Ospedaletto/Celle/S. Cristina che collega le Loc. Celle e Poggio al centro abitato del Capoluogo e della Fraz. Ospedaletto mediante innesto alla ex S.S. 317; 16. S.V. di Rotaprona con inizio da strada Comunale Loc. Castello di San Vito in Monte fino al Voc. Rotaprona; 17. S.V. di Casaglia da incrocio S.P. 105, collega il Voc. Balli/Voc. Pofao/Voc. Corniete fino al Voc. Casaglia al confine con il Comune di Piegaro. 18. S.C. di Astancolle dal centro abitato della Frazione Collelungo, collega il Voc. Astancolle fino al confine con il Comune di Fratta Todina; 19. S.V. della Badia di Collelungo da incrocio con la S.P. 110 al Voc. Casa Rossa, collega il Voc. Badia/Voc. Benda fino al confine con il Comune di Fratta Todina; 20. S.C. I Poggi dall incrocio con la ex S.S. 317 Marscianese collega il Voc. Casalmusa/Voc. Celli/Voc. Fossatacola, Voc. Olmo fino al Voc. Vaiano; 21. S.C. Ripalvella/Pianicoli dal centro abitato di Ripalvella collega il Voc. Palombaro/Voc. Poggio Voc. Pianicoli fino al confine con il Comune di Montecastello di Vibio.

5 La zona vulnerabile a causa delle precipitazione nevose e quelle del Capoluogo dove sono concentrati i servizi essenziali (Distretto Sanitario, Scuole, Municipio, Ufficio PT, Negozi, Banca). Le vie del Capoluogo sono: - V.le IV Novembre (per intero coincide con la EX S.S. 317); - Piazza Roma; - Via Pasubio; - Vicolo del Mandorlo; - Via XXIV Maggio; - V.le Vittorio Veneto; - Via della Corta; - Via del Giglio; - Piazza Dante Alighieri; - Via Principe Umberto; - Via Trento; - Via Trieste; - V.le della Vittoria; - V.le Gorizia; - Via della Cava; - Via dell Acquedotto; - Via della Noce; - Via Pian della Chiesa; - Via della Fornace; - Via Palombaro; - Via Campo del Soldato; - Via Boschetto; - Via Piantoneto; - Via del Pero; ITINERARI ALTERNATIVI NON ESISTONO validi itinerari alternativi alle Vie del Capoluogo e delle Frazioni sopra elencate, nel caso queste dovessero essere chiuse al traffico. Si può arrivare al termine e/o inizio di dette vie attraverso la viabilità principale (S.S., S.P., S.C.). Nel periodo dell anno compreso tra il primo dicembre e il trenta marzo nelle località sotto elencate, saranno apposti cartelli stradali di preavviso indicanti la dicitura in caso di neve transito consentito ai soli veicoli muniti di catene o di pneumatici da neve : -San Venanzo: -Fraz. San Marino: -Fraz. Ospedaletto: -Fraz. Pornello: -Fraz. San Vito: -Fraz. Poggio Aquilone: -Loc. Civitella dei Conti: -Loc. Fontane di Civitella: -Fraz. Collelungo: -Fraz. Rotecastello: -Fraz. Ripalvella: sulla ex S.S. 317 marscianese a cura della Provincia; sulla S.C. di San Marino/Spante a cura del Comune; sulla S.C. San Marino/Parrano a cura del Comune; sulla S.C. San Marino/Molino del Fruga a cura del Comune; sulla ex S.S. 317 Marscianese a cura della Provincia; sulla S.P. 101 di Morrano a cura della Provincia; sulla S.P. 104 di Frattaguida a cura della Provincia; sulla S.C. 109 di Ripalvella a cura del Comune; sulla S.P. 57 pornellese a cura della Provincia; sulla S.P. di San Vito a cura della Provincia; sulla S.C. Poggio Aquilone/Marsciano a cura del Comune; sulla S.C. Poggio Aquilone/San Venanzo a cura del Comune; sulla S.C. di Civitella a cura del Comune; sulla ex S.S. 317 a cura della Provincia; sulla S.P. 61 San Venanzo/Fratta Todina a cura della Provincia; sulla S.P. 110 per Marsciano a cura della Provincia; sulla S.P. 61 San Venanzo/Fratta Todina a cura della Provincia; sulla S.P. 61 San Venanzo/Fratta Todina a cura della Provincia;

6 sulla S.C. 109 di Ripalvella a cura del Comune. 5)ATTIVAZIONE DEL DISPOSITIVO - GESTIONE DELL EMERGENZA Quando scatta la fase di PREALLARME il Coordinatore Sig. Mortaro Stefano deve: 1)Allertare i responsabili e gli addetti della struttura operativa di protezione civile impartendo i compiti da mettere in atto: 2)Individuare il personale effettivamente disponibile; 3)Contattare l Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 e le Ditte private per verificare l eventuale utilizzo dei relativi operai e mezzi; 4)Attivare un costante flusso operativo con le altre strutture di Protezione Civile (Corpo Forestale dello Stato, VV.FF., Provincia, ECC..); 5)Coordinare e verificare le attività della struttura di Protezione Civile; 6)Informare la prefettura sulla evoluzione della situazione. Compiti del Vigile Urbano: 1)Controllare continuamente la viabilità nel territorio comunale ed in particolare nelle zone a rischio e riferire all Ufficio Tecnico; Compiti dell Ufficio Tecnico: 1)Allertare gli operai (Unità operativa di cantiere); 2)Far verificare le scorte di sale da disgelo e di graniglia; 3)Far dotare i mezzi pubblici di catene da neve da tenere a bordo; 4)Provvedere all immediato acquisto di materiali, segnali ed attrezzature necessarie se insufficienti; 5)Aggiornare costantemente il Coordinatore sullo svolgimento dei propri compiti; Compiti dell Unità Operativa di Cantiere: 1)verificare le scorte di sale da disgelo, graniglia, segnali stradali, transenne, ecc... 2)Mettere a bordo dei mezzi pubblici le catene da neve; 3)Riferire all Ufficio Tecnico delle operazioni svolte e comunicare eventuali carenze di materiali, Compiti del Gruppo di Protezione Civile: 1)Supportare nelle attività amministrative il Coordinatore, il Vigile Urbano e l Ufficio Tecnico. Quando scatta la fase di ALLARME il Coordinatore Sig. Mortaro Stefano deve : 1)Convocare il responsabile e gli addetti della struttura operativa di protezione civile e impartendo i compiti da mettere in atto e consegna del vademecum di intervento; 2)Contattare l Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 e Ditte private per procedere gli interventi da effettuare; 3)Costituire le squadre (operai Comunali, del Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5, e Ditte private) assegnando le zone di intervento; 4)Attivare il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) predisponendo i turni per assicurare la presenza, nelle 24h, di un funzionario coordinatore con esperienza e conoscenza del territorio, in grado seguire la situazione, fornire notizie, attivare gli interventi, inoltrare eventuali richieste di concorso; 5)Attivare un costante flusso informativo con le altre strutture di Protezione Civile (Corpo Forestale dello Stato, VV.FF., Provincia, ECC); 6)Coordinare e verificare l attività della struttura di protezione civile; 7)Informare la prefettura sulla evoluzione della situazione; Compiti del vigile urbano: 1)Controllare continuamente la viabilità nel territorio comunale ed in particolare nelle zone a rischio e riferire all Ufficio Tecnico; 2)Far predisporre le ordinanze di chiusura delle vie non percorribili e verificare la loro esecuzione;

7 3)Aggiornare costantemente il Coordinatore sullo svolgimento dei propri compiti; Compiti dell Ufficio Tecnico: 1)Collaborare con il Vigile Urbano a far dislocare la segnaletica stradale e la chiusura al transito delle Vie non transitabili mediante la dislocazione dell apposita segnaletica; 2)Verificare l evoluzione degli interventi sulle vie messi in atto dall unità operativa di cantiere; 3)Aggiornare costantemente il Coordinatore sullo svolgimento dei propri compiti; Compiti dell Unità Operativa di Cantiere(1): 1)Transennare le vie da chiudere al transito; 2)Procedere alle operazioni di spargimento di sale da disgelo e/o graniglia nelle vie con presenza di gelo o lievemente innevate; 3)Procedere con mezzi meccanici dotati di lama allo sgombero della neve dalle vie chiuse al transito e quindi allo spargimento di sale e graniglia nelle vie sgomberate; Compiti del Gruppo di Protezione Civile: 1)Supportare nelle attività amministrative il Coordinatore, il Vigile Urbano e l Ufficio Tecnico; 2)Verificare anche telefonicamente eventuali disagi di persone disabili o anziane residenti in abitazioni isolate. (1)ATTIVARE GLI INTERVENTI IN MODO DA ASSICURARE PRIORITARIAMENTE LA TRANSITABILITA DELLE STRADE COMUNALI DI ACCESSO AL CAPOLUOGO, AI CENTRI E NUCLEI ABITATI DI SAN MARINO, OSPEDALETTO, PORNELLO, SAN VITO IN MONTE, POGGIO AQUILONE, CIVITELLA DEI CONTI, FONTANE DI CIVITELLA, COLLELUNGO, ROTECASTELLO, RIPALVELLA, SETTANO, CASALICCHIA, CETTINA, CASTELLO SAN VITO, SPANTE E PALAZZO BOVARINO, AI PUNTI STRATEGICI DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ENEL, DEL GAS, DELL ACQUEDOTTO ECC.., UTILIZZANDO I MEZZI MECCANICI A DISPOSIZIONE SECONDO GLI ITINERARI ASSEGNATI DAL COORDINATORE. 6) SOGGETTI CONCORRENTI E MODALITA DI INTERVENTO AGENZIA FORESTALE REGIONALE DELL UMBRIA COMPARTIMENTO N. 5 Referente: Geom. Valentino ROCCHIGIANI Tel. Sede Com. Mont. Orvieto 0763/ Tel. Sede Com. Mont. San Venanzo 075/ Tel. Abitazione 0763/ cell. 328/ Magazzino: 075/ Su attivazione del Sindaco o del Coordinatore responsabile della funzione strutture operative locali l Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5, metterà a disposizione gli uomini e i mezzi di cui dispone per liberare le strade dalla neve o per lo spargimento di sale da disgelo o graniglia da prelevare presso il deposito comunale sito in Via Boschetto. Gli operai del Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 effettueranno il servizio nelle zone assegnate dal Coordinatore della Struttura Operativa. PROVINCIA DI TERNI Centro Operativo di San venanzo 075/ Referente: Sig. FRIZZA 329/ / REPERIBILITA 320/

8 Su attivazione del Sindaco o del Coordinatore responsabile della funzione strutture operative locali l Amministrazione Provinciale procederà con propri mezzi ed operai ad effettuare il servizio di sgombero della neve dalle Strade Provinciali n 57, 61, 101, 104, 105, 110 e EX S.S E.N.E.L. Su attivazione del Sindaco o del Coordinatore responsabile della funzione strutture operative locali l E.N.E.L. procederà a ripristinare le linee elettriche che dovessero subire danneggiamenti a causa della neve. CORPO FORESTALE DELLO STATO Con idonei mezzi fuoristrada interverrà per il trasporto di medicinali, viveri, guardia medica e quant altro necessario presso le abitazioni isolate. VIGILI DEL FUOCO Provvederanno a rimuovere alberi caduti sulla carreggiata stradale, presteranno soccorso ad automobilisti in difficoltà, coadiuveranno il Corpo Forestale dello Stato per svolgere le funzioni sopra richiamate anche con l ausilio dell elicottero nei casi di estrema urgenza e dove non fosse possibile il raggiungimento con mezzi terrestri. CARABINIERI Provvederanno a regolare la viabilità sulle strade extraurbane oltre che a prestare il loro servizio per le varie emergenze che si possono verificare le cui segnalazioni possono pervenire anche autonomamente. UMBRACQUE Su attivazione del Sindaco o del Coordinatore responsabile della funzione strutture operative locali interverrà per il ripristino delle linee idriche rotte a causa del gelo o di qualsiasi altra natura. U.S.L. N 2 Assicurerà l assistenza sanitaria alla popolazione con idonei mezzi medici che all occorrenza saranno trasportati con idonei mezzi del Corpo Forestale dello Stato o dei Vigili del Fuoco. ITALGAS Su attivazione del Sindaco o del Coordinatore responsabile della funzione strutture operative locali interverrà per il ripristino delle linee del gas-metano interrotte dal gelo o qualsiasi altra causa. CONFRATERNITA DI MISERICORDIA di San Venanzo Con idonei mezzi interverrà per il trasporto di medicinali, viveri, guardia medica e quant altro necessario alla popolazione oltre che a prestare il loro servizio per le varie emergenze che si possono verificare le cui segnalazioni possono pervenire anche autonomamente.

9 7) RECAPITI - NUMERI TELEFONICI - FAX ENTI PUBBLICI Prefettura - -TERNI - V.le della Stazione Centr Fax Regione dell Umbria - Protezione Civile - PERUGIA Centr Prot. Civ Fax Provincia di Terni TERNI - V.le della Stazione Centr Prot. Civ Fax Provincia di Terni-ORVIETO Centr centro stradale Fax Provincia di Terni - centro stradale SAN VENANZO centro stradale Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 SAN VENANZO Centr Fax Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 - ORVIETO Centr Vigili del Fuoco - ORVIETO Centr. 0763/ Fax 0763/ Vigili del Fuoco - a TODI - Viale Tiberina Vigili del Fuoco - PERUGIA - Via G. Pennetti Pennella Centr fax USL n 2 OSPEDALE Media Valle del Tevere Loc. PANTALLA (TODI) Centralino Guardia Medica Marsciano: Guardia Medica Todi: Pronto Soccorso ENTI EROGATORI SERVIZI PUBBLICI Nettezza Urbana: S.I.A. - MARSCIANO Loc. Olmeto Centr. 075/ Resp. Tecnico 075/ Cell. 0339/ Fax 075/ E.N.E.L.: N. verde Segnalazione Guasti TELECOM Spa filiale di PERUGIA Corso Vannucci, 10 N. 187 e 194 Guasto Pali Guasto Cavi UMBRACQUE PONTE S. GIOVANNI via G. Benucci Segnalazione guasti ENI GAS Servizio clienti Guasti e dispersioni ITALGAS ORVIETO Via M. Amiata Centr. 0763/ Fax 0763/ ITALGAS Pronto Intervento FORZE DI POLIZIA Carabinieri - San Venanzo V.le V.Veneto tel 075/ Fax 075/ Corpo Forestale dello Stato - San Venanzo tel. 075/

10 Corpo Forestale dello Stato Ospedaletto tel. 075/ Polizia Stradale - Orvieto tel. 0763/ Polizia Stradale - E45 Todi tel. 075/ SCUOLE Scuola Materna Capoluogo tel. 075/ / Scuola Elementare Capoluogo tel. 075/ / Scuola Media Capoluogo tel. 075/ / Direz. Didattica ( I.C.A.O. - Fabro) tel. 0763/832044) Provveditorato agli Studi TERNI tel. 0744/4981 Fax.0744/ DITTE PRIVATE PRESENTI A SAN VENANZO E COMUNI LIMITROFI 1. CAVALLETTI SERGIO GEO TER MIRA DANILO (intervento spandisale strade San Marino) SPACCINO GIAMPIERO (strada Loc. I Poggi) Tenuta Colli Verdi (strada Loc. I Poggi) ROTTI RICCARDO SPACCINO GIAMPIERO AGRITECNO S.R.L. (Strada Cornia) 338/ / ALBERTI GUIDO (Poggio Aquilone) RELLINI CARLO (strada Civitella) SPACCINO DANIELE (strada Poggio Aquilone) BALESTRO MARCO (strada San Vito) PAOLETTI GIORGIO OVERLAND DESCA SERVIZI Orvieto 0744/ ROTICIANI STEFANO ZAFFERA & FARNESI AZ. AGRARIA RELLINI ADRIANA 075/

11 8)ORGANIZZAZIONE UOMINI E MEZZI Il Personale del Comune composto da n. 3 unità e seguenti mezzi: TERNA ARTICOLATA VENIERI, MACCHINA OPERATRICE LANDINI. autocarro FIAT OM 110 e furgonato FIAT DAYLI, avrà il compito di: - Sgombero dalla neve delle strade interne al Capoluogo di San Venano, delle frazioni di Pornello, Ospedaletto, Spante, San Marino, Rotecastello; - Sgombero dalla neve delle seguenti strade: - S.C. 109 di Ripalvella/Ospedaletto e precisamente dal Voc. Felcete al centro abitato diella fraz. Ospedaletto; - S.C. Ospedaletto Palazzo Bovarino che collega la Località Palazzo Bovarino alla Fraz. Ospedaletto con innesto alla ex S.S. 317 ed alla Fraz. San Marino con innesto alla S.C. San Marino/Ospedaletto; - S.C. Ospedaletto/Spante San Marino collega i centri abitati delle località Ospedaletto, Spante e San Marino rispettivamente alla ex S.S. 317 ed alla S.P. 101; - S.C. di Vecciano che collega la Loc. Spante alla S.P. 101; - S.C. San Marino/Settano che collega la Fraz. San Marino alle Loc. Di Setteno, Casalicchia e Oppio/Cettina; - S.C. San Marino/Parrano che collega la Fraz. di San Marino alla S.P. 104; - Spandimento del sale e graniglia - Interventi di supporto per interventi urgenti e situazioni particolari Il Personale del Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 e seguenti mezzi: DOZER CING.APRIPISTA FIAT HIT, APRIPISTA CING. FIAT ALLIS 100, AUTOCARRO RENAULT KERAX, e n. 5 TRATTRICI CV gommate con pala posteriore e la possibilità di attacco spargisale posteriore, avrà il compito di: - Sgombero dalla neve delle strade esterne ai centri abitati del Capoluogo di San Venano e delle frazioni di Pornello e San Vito in Monte; - Interventi di sgombero dalla neve su strade che collegano a fabbricati o località isolate; - Interventi di supporto per interventi urgenti e situazioni particolari Ditta MIRA DANILO Orvieto con mezzo spandisale: - Spandimento del sale e graniglia sulla strada S.C. San Marino/Molino del Fruga a cura del Comune e centro abitato della Fraz. San Marino; Az. Agr. TENUTA COLLI VERDI - Voc. Vaiano San Venanzo, con motopala gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale I Poggi dall incrocio con la ex S.S. 317 Marscianese al Voc. Vaiano/Santa Cristina; Az. Agr. MORCELLINI GIGLIOLA Loc. Cornia - San Venanzo con motopala gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale San Venanzo-Poggio Aquilone dalla Loc Cornia fino al centro abitato della Fraz. Poggio Aquilone;

12 Az. Agr.ALBERTI GUIDO Fraz. Poggio Aquilone - San Venanzo con motopala gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale del cimitero di Poggio Aquilone che collega il centro abitato alla S.P. per Marsciano/Migliano; Az. Agr. SPACCINO DANIELE Voc. Cerreto San Venanzo con motopala gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale Poggio Aquilone/San Venanzo dall incrocio con la ex S.S. 317 alla Loc. Cornia; Az. Agr. RELLINI CARLO Loc. Civitella San Venanzo con motopala gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale di Civitella che collega la località di Civitella alla ex S.S. 317; Az. Agr. BALESTRO MARCO - Fraz. San Vito in Monte San Venanzo con motopala gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale del Castello che collega la Fraz. San Vito in Monte alla Loc. Il Castello; OVERLAND di Paoletti Giorgio Fraz. Collelungo San Venanzo con terna gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale S.C. dell Isola di Collelungo che collega la Fraz. di Collelungo alla S.P. n 61; - Sgombero dalla neve della strada comunale di Ripalvella che collega la Fraz. di Ripalvella alla S.P. n 61 e S.C. n 109; - Sgombero dalla neve della strada comunale N 109 di Ripalvella che collega la Fraz. Ripalvella con la Fraz. Ospedaletto e precisamente dal centro abitato di Ripalvella al Voc. Felcete; DESCA SERVIZI Orvieto: - Operazioni di supporto in merito ad interventi necessari ad abbattimento alberature o tagli rami pericolanti. GEO TER S. Enea Perugia: con terna gommata: - Interventi di supporto per sgombero dalla neve su strade comunali in collaborazione con il personale e mezzi del comune. Az. Agr. ROTICIANI STEFANO Voc. Cerreto San Venanzo con motopala gommata: - Sgombero dalla neve della strada comunale Poggio Aquilone San Venanzo e collaborazione sulle strade del territorio comunale. Az. Agr. ZAFFERA & FARNESI San Venanzo con motopala gommata: - Sgombero dalla neve delle vie interne del capoluogo e collaborazione sulle strade del territorio comunale. Az. Agr. RELLINI ADRIANA San Venanzo con Quad con lama da neve: - Sgombero dalla neve delle vie interne del capoluogo e collaborazione sulle strade del territorio comunale.

13 9)MAPPE - CARTOGRAFIE - ELENCHI AUTOMEZZI A) Carta di determinazione del territorio comunale e sovracomunale scala 1: B) Carta della rete viaria Scala 1: C) Carta dei punti strategici e vulnerabili Scala 1: ELENCO AUTOMEZZI N MEZZO PROPRIETA OPERATORE 1 terna articolata venieri Comune Minciotti Piergianni 2 macchina operatrice landini Comune Minciotti Piergianni 3 autocarro FIAT OM 110 Comune Minciotti Piergianni e Galanello Noemio 4 furgonato GASOLONE Comune 4 furgonato FIAT DAYLI Comune 4 FIAT PANDA 4X4 Comune 6 Dozer cing.apripista FIAT HIT. Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 7 Apripista cing. FIAT ALLIS 100 Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 8 Autocarro RENAULT KERAX Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 9 n. 5 TRATTRICI CV gommate con pala posteriore e la possibilità di attacco spargisale posteriore Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5

14 ELENCO DIRAMAZIONI DESTINATARI: PREFETTO DI TERNI ASSESSORATO REGIONALE AMBIENTE, INFRASTRUTTURE, PROTEZIONE CIVILE - PERUGIA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TERNI PRESIDENTE DELL AGENZIA FORESTALE REGIONALE DELL UMBRIA COMPARTIMENTO N. 5 SAN VENANZO SINDACO COMUNE DI MARSCIANO SINDACO COMUNE DI MONTECASTELLO VIBIO SINDACO COMUNE DI TODI SINDACO COMUNE DI PARRANO SINDACO COMUNE DI ORVIETO SINDACO COMUNE DI FICULLE SINDACO COMUNE DI MONTEGABBIONE SINDACO COMUNE DI MONTELEONE SINDACO COMUNE DI PIEGARO SIG.COMANDANTE DEI CARABINIERI DI ORVIETO SIG.COMANDANTE DEI CARABINIERI DI SAN VENANZO SIG.COMANDANTE SEZIONE POLSTRADA DI TODI SIG.COMANDANTE SEZIONE POLSTRADA DI ORVIETO SIG.COMANDANTE DEI VIGILI DEL FUOCO DI TODI SIG.COMANDANTE DEI VIGILI DEL FUOCO DI ORVIETO SIG.COMANDANTE DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO STAZIONE DI SAN VENANZO SIG.COMANDANTE DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO STAZIONE DI OSPEDALETTO RESPONSABILE E.N.E.L. AGENZIA DI PONTE S. GIOVANNI RESPONSABILE E.N.E.L. AGENZIA DI ORVIETO RESPONSABILE TELECOM AGENZIA DI PERUGIA RESPONSABILE TELECOM AGENZIA DI MARSCIANO DIREZIONE DIDATTICA SAN VENANZO PRESIDENTE DELLA S.I.A. DI MARSCIANO UMBRACQUE PONTE S. GIOVANNI ITALGAS SEDE ORVIETO ALLE DITTE: GEO TER S. Enea - Perugia MIRA DANILO - Orvieto Az. Agr. TENUTA COLLI VERDI - Voc. Vaiano San Venanzo Az. Agr. MORCELLINI MARINO Loc. Cornia - San Venanzo Az. Agr.ALBERTI GUIDO Fraz. Poggio Aquilone - San Venanzo Az. Agr. RELLINI CARLO Loc. Civitella San Venanzo Az. Agr SPACCINO DANIELE Voc. Cerreto San Venanzo

15 Az. Agr. BALESTRO MARCO - Fraz. San Vito in Monte San Venanzo OVERLAND di Paoletti Giorgio Fraz. Collelungo San Venanzo DESCA SERVIZI Orvieto Az. Agr. ROTICIANI STEFANO Voc. Cerreto San Venanzo Az. Agr. ZAFFERA & FARNESI San Venanzo Az. Agr. RELLINI ADRIANA San Venanzo Per Conoscenza PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE VIA ULPIANO 11 ROMA ALLEGATI A)VADEMECUM B)ELENCO PERSONALE C)ELENCO AUTOMEZZI E LORO DISLOCAZIONE D)CARTOGRAFIA TERRITORIO COMUNALE IN 1: IL PRESENTE PIANO E STATO REDATTO DALL UFFICIO URBANISTICA.

16 ALLEGATO A) VADEMECUM INDICE: 1) ENTI (CON NUMERI TELEFONICI E FAX) 2) DITTE (CON NUMERI TELEFONICI E FAX) 1) ENTI ENTI PUBBLICI Prefettura - -TERNI - V.le della Stazione Centr Fax Regione dell Umbria - Protezione Civile - PERUGIA Centr Prot. Civ Fax Provincia di Terni TERNI - V.le della Stazione Centr Prot. Civ Fax Provincia di Terni-ORVIETO Centr centro stradale Fax Provincia di Terni - centro stradale SAN VENANZO centro stradale Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 - SAN VENANZO Centr Fax Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 - ORVIETO Centr Vigili del Fuoco TERNI Via Proietti Divi Terni Centr Fax Vigili del Fuoco - ORVIETO Centr Fax Vigili del Fuoco - a TODI - Viale Tiberina Vigili del Fuoco - PERUGIA - Via G. Pennetti Pennella Centr fax USL n 2 OSPEDALE Media Valle del Tevere Loc. PANTALLA (TODI) Centralino Guardia Medica Marsciano: Guardia Medica Todi: Pronto Soccorso

17 ENTI EROGATORI SERVIZI PUBBLICI Nettezza Urbana: S.I.A. - MARSCIANO Loc. Olmeto Centr Resp. Tecnico Cell Fax E.N.E.L.: N. verde Segnalazione Guasti TELECOM Spa filiale di PERUGIA Corso Vannucci, 10 N. 187 e 194 Guasto Pali Guasto Cavi UMBRACQUE PONTE S. GIOVANNI via G. Benucci Segnalazione guasti ITALGAS ORVIETO via M. Amiata Centr Fax ITALGAS Pronto Intervento FORZE DI POLIZIA Carabinieri - San Venanzo V.le V.Veneto tel Fax Corpo Forestale dello Stato - San Venanzo tel Corpo Forestale dello Stato Ospedaletto tel Polizia Stradale - Orvieto tel Polizia Stradale - E45 Todi tel SCUOLE Scuola Materna Capoluogo tel. 075/ / Scuola Elementare Capoluogo tel. 075/ / Scuola Media Capoluogo tel. 075/ / Direz. Didattica ( I.C.A.O. - Fabro) tel. 0763/832044) Provveditorato agli Studi TERNI tel. 0744/4981 Fax.0744/ ) DITTE PRIVATE PRESENTI A SAN VENANZO E COMUNI LIMITROFI 1. CAVALLETTI SERGIO GEO TER MIRA DANILO (intervento spandisale strade San Marino) SPACCINO GIAMPIERO (strada Loc. I Poggi) Tenuta Colli Verdi (strada Loc. I Poggi) ROTTI RICCARDO SPACCINO GIAMPIERO MORCELLINI MARINO (Strada Cornia)

18 6. ALBERTI GUIDO (Poggio Aquilone) RELLINI CARLO (strada Civitella) SPACCINO DANIELE (strada Poggio Aquilone) BALESTRO MARCO (strada San Vito) PAOLETTI GIORGIO OVERLAND DESCA SERVIZI Orvieto ROTICIANI STEFANO ZAFFERA GIAMPAOLO AZ. AGRARIA RELLINI ADRIANA (MORICONI FEDERICO ) ALLEGATO B) ELENCO DEL PERSONALE COMUNALE 1. CHERUBINI ANNARITA - AUTISTA SCUOLABUS 2. CELLI ROBERTA - UFFICIO TRIBUTI 3. FILIPPETTI FAUSTO UFFICIO ANAGRAFE 4. GALANELLO NOEMIO - AUTISTA SCUOLABUS 5. GALLETTI GIUSEPPINA - CUOCA 6. MARIANI ORNELLA - VIDEOTERMINALISTA 7. MARIOTTI FRANCESCO - ASSISTENTE AMMINISTRATIVO 8. MINCIOTTI PIERGIANNI - AUTISTA MACCHINA OPERATRICE COMPLESSA 9. MORTARO STEFANO GEOMETRA RESPONSABILE UFF. URBANISTICA, PATRIMONIO E LAVORI PUBBLICI 10. TATICCHI ENRICO GEOMETRA UFFICIO TECNICO URBANISTICA 11. TONELLI ROBERTO - RESPONSABILE AREA RAGIONERIA 12. TORTOLINI SANDRO - VIGILE URBANO

19 ALLEGATO C) ELENCO AUTOMEZZI E LORO DISLOCAZIONE 1) MACCHINA OPERATRICE VENIERI Ubicato c/o magazzino comunale 2) MACCHINA OPERATRICE LANDINI TS/27 Ubicato c/o magazzino comunale 3) FIAT OM 110 Ubicato c/o magazzino comunale 4) FURGONATO FIAT DAYLI Ubicato c/o magazzino comunale 5) FIAT PANDA 4X4 Ubicato c/o magazzino comunale AUTOMEZZI COMUNALI AUTOMEZZI AGENZIA FORESTALE REGIONALE DELL UMBRIA COMPARTIMENTO N. 5 1) Dozer cing. apripista FIAT HITACHI FD 145 Ubicato c/o Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 San Venanzo 2) Apripista cing. FIAT ALLIS 100 Ubicato c/o Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 San Venanzo 3) Terna articolata FIAT HITACHI FT 1000 Ubicato c/o Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 San Venanzo 4) Autocarro RENAULT KERAX Ubicato c/o Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 San Venanzo 5) N. 5 TRATTRICI CV gommate con pala posteriore e la possibilità di attacco spargisale posteriore Ubicato c/o Agenzia Forestale Regionale dell Umbria Compartimento n. 5 San Venanzo ALLEGATO D) CARTOGRAFIA TERRITORIO COMUNALE in scala 1: su supporto magnetico SI CONFERMA LA VALIDITA DELLE MAPPE E DELLE CARTOGRAFIE ALLEGATE AL PIANO NEVE ANNO 2011/2012

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015 COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015 1. PREMESSA 2. SCOPI DEL PIANO 3. FASI DI INTERVENTO MISURE PREVENTIVE 4. LIMITAZIONI DELLA VIABILITA ITINERARI ALTERNATIVI 5.

Dettagli

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I PIANO EMERGENZA NEVE COMUNALE INVERNO 2012-2013 PREMESSA Il presente piano costituisce strumento di attivazione degli interventi e di coordinamento delle componenti della Protezione Civile affinché, in

Dettagli

COMUNE DI ALLERONA PROVINCIA DI TERNI. Ufficio Protezione Civile

COMUNE DI ALLERONA PROVINCIA DI TERNI. Ufficio Protezione Civile COMUNE DI ALLERONA PROVINCIA DI TERNI Ufficio Protezione Civile 2013-2014 1) PREMESSA Il presente Piano fa riferimento a situazioni caratterizzate da precipitazioni nevose per le quali si renda necessario

Dettagli

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2013-2014

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2013-2014 COMUNE DI FRATTA TODINA Provincia di Perugia Ufficio Protezione Civile PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2013-2014 1 1) PREMESSA Il presente Piano fa riferimento a situazioni caratterizzate da precipitazioni nevose

Dettagli

COMUNE DI MONTELEONE D ORVIETO PROVINCIA DI TERNI. Polizia Municipale-Ufficio Tecnico

COMUNE DI MONTELEONE D ORVIETO PROVINCIA DI TERNI. Polizia Municipale-Ufficio Tecnico COMUNE DI MONTELEONE D ORVIETO PROVINCIA DI TERNI Polizia Municipale-Ufficio Tecnico 2011-2012 PREMESSA Il presente Piano recepisce gli indirizzi formulati dal Centro di Coordinamento Nazionale in materia

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

PIANO NEVE. COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013

PIANO NEVE. COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013 SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO PIANO NEVE Per informazioni: Comune di Marradi (Fi) - Uff. Tecnico. Te.l. 055/8045952 - tecnico@comune.marradi.fi.it

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

PIANO EMERGENZA NEVE

PIANO EMERGENZA NEVE COMUNE DI CASORATE PRIMO (provincia di Pavia) PIANO EMERGENZA NEVE Piano Emergenza Neve Pagina 1 INDICE: 1. Premessa 2. Scopo del piano 3. Fasi di intervento 4. Limitazioni della viabilità 5. Intervento

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA MODULISTICA OPERATIVA INDICE SCHEDA OPERATIVA PER ATTIVAZIONE PIANO DI EMERGENZA Pag. 2 MESSAGGIO DI ALLARME, EMERGENZA E CESSATO ALLARME Pag. 4 COMUNICATO ALLA POPOLAZIONE Pag. 7 SCHEDA OPERATIVA RISCHIO

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE Approvato con delibera di Giunta Comunale n 92 del 22/12/2015 PREMESSE Il presente piano neve sottoposto all approvazione della Giunta Municipale, programma e disciplina gli

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO

COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO PRINCIPALI NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE IN CASO DI NEVE E GELO A CASA: -

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO

PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO 469 ORDINANZA DEL SINDACO... del IL SINDACO Oggetto: Disposizioni per l emergenza di caduta neve -formazione di ghiaccio

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA Località Territorio comunale Evento sismico di modesta entità, percepito dalla Descrizione popolazione (magnitudo Richter inferiore a 4,0) Grado di rischio

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV)

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la sede comunale in via Municipio, n. 10 Se questi locali risultassero inagibili la sala

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

MESSAGGIO DI PREALLARME

MESSAGGIO DI PREALLARME logo COMUNE DI. Da utilizzarsi per comunicare che sul territorio comunale si sono manifestati eventi potenzialmente in grado di arrecare danni a persone, cose e ambiente. MESSAGGIO DI PREALLARME DA: COMUNE

Dettagli

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Ing. Carlo Costa Direttore Tecnico Lunghezza complessiva: 314 km Dislivello coperto: da 50 a 1375 m.s.l.m. Intersezioni con altre autostrade: - Brenner

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nel Piano emergenza neve sono coinvolti diversi attori (Comune, Provincia, Regione, ecc); anche i cittadini sono chiamati a giocare un

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO Rischio: Ribaltamento di un autobotte di benzina lungo SS 342 SP48 SP69 FS171 Descrizione evento: Lo scenario ipotizzato è relativo al rischio chimico

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

ESERCITAZIONE Basilicata 2012

ESERCITAZIONE Basilicata 2012 ESERCITAZIONE Basilicata 2012 Si è svolta il 15 dicembre la fase esercitativa di "Basilicata 2012", che ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.5 nella Val D Agri con effetti anche nelle

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Comitato operativo per la viabilità Piano di gestione delle criticità nella circolazione stradale in caso di neve ELENCO DI DISTRIBUZIONE UFFICI

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014

PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014 PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014 Fase di ALLERTAMENTO Definizione; Attivazione della fase di allertamento; Piano Neve Rete Ferroviaria Italiana Disponibilità risorse/impianti/attrezzature;

Dettagli

Ord. n. 73 /2014. OGGETTO: DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE DEL CAPOLUOGO PER LAVORI DI ASFALTAURA VIA L. BENATI E VIA CUSTOZA DEL CAPOLUOGO.

Ord. n. 73 /2014. OGGETTO: DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE DEL CAPOLUOGO PER LAVORI DI ASFALTAURA VIA L. BENATI E VIA CUSTOZA DEL CAPOLUOGO. COMUNE DI ROVERBELLA ----------------------- POLIZIA LOCALE Provincia di Mantova Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 Prot. n. 9747 Ord. n. 73 /2014. OGGETTO:

Dettagli

GESTIONE DELLE EMERGENZE DI SERVIZIO

GESTIONE DELLE EMERGENZE DI SERVIZIO GESTIONE DELLE EMERGENZE DI SERVIZIO 1) INTRODUZIONE... 2 2) EMERGENZE DI SERVIZIO... 2 2.1) LE TIPOLOGIE DI EMERGENZA... 2 2.2) INFORMAZIONI RELATIVE ALLE EMERGENZE... 2 3) OBIETTIVI DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE CONTATTI E NUMERI UTILI DI PROTEZIONE CIVILE NUMERI UTILI DENOMINAZIONE INDIRIZZO DELLA SEDE TEL. REPERIBILE PREFETTURA Piazza del Papa

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

PIANO NEVE 2013-2016

PIANO NEVE 2013-2016 COMUNE DI MONTEFIORINO (DECORATO DI MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE) Provincia di Modena UFFICIO TECNICO COMUNALE PIANO NEVE 2013-2016 Il Coordinatore Il Responsabile del Settore Tecnico PIANO NEVE INVERNO

Dettagli

Opuscolo informativo

Opuscolo informativo Istituto Comprensivo 1 Leonardo da Vinci Settala, lì 12/10/2015 Prot. n. 4851/A1b cir int. n. 47 C23 ALL ALBO DEL PLESSO Opuscolo informativo *PIANO DI EMERGENZA ESTERNO Ai sensi degli artt. 8 e 20 del

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE Aggiornato a luglio 2010 Internet: www.comune.quintovicentino.vi.it Ufficio Protezione Civile Tel

Dettagli

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi)

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Area Territorio Ambiente e Attività Produttive RISCHIO IDROGEOLOGICO - ESONDAZIONE FIUME LAMBRO Piano

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Direttiva sulla circolazione stradale in periodo invernale e in caso di emergenza neve Prot. RU \ 1580 16.01.2013 A tutti gli Enti proprietari di strade

Dettagli

IL TERRITORIO COMUNALE

IL TERRITORIO COMUNALE IL TERRITORIO COMUNALE Comune di: SCAFA (breve descrizione del territorio comunale, eventuale suddivisione in frazioni,principali rischi del territorio.) Il paese, che sorge in una zona pressoché pianeggiante

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA

ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE DA PARTE DEL SINDACO; TERMINE ATTIVITA GRUPPO COMUNALE. STATO DI PREALLERTA DIARIO DELLE ATTIVITA SVOLTE

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 117 11 0 - CORPO POLIZIA MUNICIPALE - SETTORE PROTEZIONE CIVILE E COMUNICAZIONE OPERATIVA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 OGGETTO: MISURE DI SICUREZZA A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA

Dettagli

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1.1 MODELLO D INTERVENTO 2 1.1.1 LIVELLI DI ALLERTA E FASI OPERATIVE 2 1.2 MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE OPERATIVE 3 1.2.1 PROCEDURE OPERATIVE (DA ESEGUIRE QUALUNQUE

Dettagli

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate;

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate; LINEE GUIDA PER LA GESTIONE COORDINATA DELLE EMERGENZE INVERNALI SU AREE GEOGRAFICHE VASTE CON INTERESSAMENTO DI PIÙ CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI *EDIZIONE 2014-2015* Premessa Il presente documento si prefigge

Dettagli

MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE

MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE Durante il periodo di reperibilità il Comando di Polizia Locale mantiene attivo un collegamento giornaliero con il servizio di previsione meteorologica dei principali

Dettagli

IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA

IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA Il Piano Neve è attivo da lunedì 10 novembre 2014 a domenica 8 marzo 2015. Durante questo periodo il personale di Aprica, dedicato al servizio, è reperibile

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

Servizio di Protezione Civile

Servizio di Protezione Civile COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia Servizio di Protezione Civile Parliamo di Protezione Civile In Italia il Servizio Nazionale della Protezione Civile è costituito da una pluralità di Amministrazioni,

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comuni aderenti : Acquasparta, Amelia, Alviano, Allerona, Attigliano, Avigliano Umbro, Baschi, Calvi dell Umbria, Castel Giorgio, Castel Viscardo,

Dettagli

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Palmanova, 31 marzo 2009 Normativa Regionale PERIODI DI ALTA PERICOLOSITA Secondo la L.R. n.3 /1991 i periodi

Dettagli

PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014

PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014 PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014 Fase di ALLERTAMENTO Definizione Attivazione della fase di allertamento Piano Neve Rete Ferroviaria Italiana Disponibilità risorse/impianti/attrezzature Azioni preventive/disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI INTERVENTO COORDINATO PER LA RICERCA DELLE PERSONE DISPERSE ----------------------- PREFETTURA DI RIMINI - PIANO PER LA RICERCA DI PERSONE DISPERSE EDIZIONE 2011 Pagina 1 INDICE 1. Premessa pag.3

Dettagli

Comune di Polesella PIANO NEVE

Comune di Polesella PIANO NEVE Comune di Polesella PIANO NEVE Presentazione Il Piano Neve definisce l insieme di attività da adottare per garantire la messa in sicurezza e la transitabilità delle strade quando si preveda il verificarsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 153 in data 29.05.2012, modificato con deliberazione G.P.

Dettagli

Allegato Procedure Operative Standard BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO

Allegato Procedure Operative Standard BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO PRECURSORI BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO Periodo di siccità prolungata, con carenza di apporto idrico da precipitazioni tale da

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME PRIORITÀ ALTA DATA ORARIO: DA: PREFETTURA DI A: AMMINISTRAZIONI, ORGANI ED ENTI DI CUI ALL UNITO ELENCO MESSAGGIO N. ALLE ORE. IN LOCALITÀ. SI E VERIFICATO (INDICARE TIPO

Dettagli

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila.

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. ORDINANZA 814 Prot. n 42760 del 25 ottobre 2010 OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. PREMESSO Che il territorio del Comune dell Aquila, insieme a quello di altri

Dettagli

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle COMUNE CAMPI BISENIO Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle Ordinanza del Responsabile del Servizio Mobilità e Traffico n. 262/2005 IL

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO Le precipitazioni nevose sono eventi atmosferici, non sempre prevedibili, che per le loro caratteristiche provocano disagi e difficoltà su

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA PALESTRA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CAMPIONI MASCHERPA Allegato B (modulistica di riferimento) SERVIZIO PROGETTAZIONE E URBANISTICA

Dettagli

CORNATE D'ADDA. OGGETTO: Istituzione di provvedimenti viabilistici temporanei su Via Mazzini.

CORNATE D'ADDA. OGGETTO: Istituzione di provvedimenti viabilistici temporanei su Via Mazzini. ORDINANZA N. 50 Comune di CORPO DI POLIZIA LOCALE OGGETTO: Istituzione di provvedimenti viabilistici temporanei su Via Mazzini. IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLIZIA LOCALE E PROTEZIONE CIVILE del Comune

Dettagli

COMUNE DI GRANAROLO DELL'EMILIA (BO)

COMUNE DI GRANAROLO DELL'EMILIA (BO) All. n 1 Scheda operativa per attivazione piano di Emergenza Data... Orario segnalazione... N Prot.... Compilatore scheda: (nome)... (qualifica)... Tipologia evento:... Preavviso Prefettura pervenuto il...

Dettagli

S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 MOVIMENTAZIONE PONTI E CONTROLLO DELLA NAVIGAZIONE

S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 MOVIMENTAZIONE PONTI E CONTROLLO DELLA NAVIGAZIONE S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 0 01-06-2012 Prima emissione RSGI VICEPRESIDENTE PRESIDENTE / AD REV. DATA DESCRIZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. DOCUMENTI

Dettagli

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA ALLEGATO A decreto dirigenziale n. del MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA 0. Premessa La valutazione di un evento di protezione

Dettagli

INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE

INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE Nevicate e gelate sono eventi atmosferici eccezionali, che provocano sempre disagi e problemi alla circolazione. Il servizio meteorologico, attraverso modelli scientifici,

Dettagli

COSA FARE QUANDO NEVICA. Il Comune Informa COSA FARE QUANDO NEVICA

COSA FARE QUANDO NEVICA. Il Comune Informa COSA FARE QUANDO NEVICA COSA FARE QUANDO NEVICA Il Comune Informa COSA FARE QUANDO NEVICA Con la collaborazione: COSA FARE IN CASO DI NEVE D inverno può nevicare e la neve provoca disagi anche notevoli soprattutto in zone, come

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA ( approvato con deliberazione della Giunta municipale n. 211 del 29/05/2007) ART. 1 Oggetto del Regolamento. Il presente regolamento disciplina

Dettagli