AVANZINI (CONAD) "DALLA CRISI NUOVI STILI DI CONSUMO"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVANZINI (CONAD) "DALLA CRISI NUOVI STILI DI CONSUMO""

Transcript

1 AssoBio news 14 agosto 2015 AVANZINI (CONAD) "DALLA CRISI NUOVI STILI DI CONSUMO" A fine luglio Freshplaza ha intervistare il direttore commerciale del Consorzio Nazionale Conad, Francesco Avanzini. "Nei prossimi dieci anni vivremo tutti da ambientalisti - ha dichiarato Avanzini - Ecco perché Conad, fedele alla sua natura e alla sua filosofia di fondo, sta prestando un occhio di attenzione agli autentici prodotti locali e alle tipicità regionali, non come approccio speculativo bensì di reale vicinanza ai territori. Il tutto anche nell'ottica di preservare, per le nuove generazioni, quello che è il patrimonio agroalimentare italiano". Avanzini, che vanta una trentennale esperienza nel mondo del food, è entrato in Conad con il suo attuale ruolo nel 2009, all'inizio dunque della fase di crisi che ha investito l'economia europea in generale e italiana in particolare. "Paradossalmente - ricorda - è stata proprio la crisi a riattivare e far emergere stili di consumo che sono destinati a divenire tendenze consolidate nel panorama della vendita al dettaglio". Tra i nuovi stili di consumo si annoverano le tendenze ad acquistare biologico, vegetariano/vegano, fairtrade, salutistico, fino al consumo critico, che richiede meno sprechi, maggiore sostenibilità ambientale e responsabilità sociale nei processi produttivi del cibo. "Queste tendenze - avverte Avanzini - non individuano tuttavia un solo consumatore; si tratta di tipologie diverse di persone, solo in parte sovrapponibili e che vanno conosciute meglio per rispondere alle loro esigenze. È da rilevare, comunque, che l'insieme di questi nuovi stili di consumo presenti da cinque/sei anni e che coinvolgono diversi settori merceologici (non solo il food) rappresentano per Conad un 10% degli acquisti. Cosa per cui amplieremo la nostra offerta a scaffale e daremo vita a un nuovo brand aziendale (private label) destinato proprio a questo pubblico". Avanzini è dell'avviso che non si tratti di un fenomeno transitorio: "I nuovi stili di consumo sono destinati a crescere e ampliarsi nei prossimi anni. Le prospettive economiche stanno mutando e la nostra epoca, come ogni altra che ci abbia preceduto, pone oggi nuove sfide da affrontare al meglio delle nostre capacità". CALA IL ROSSO NEL BILANCIO 2014 DELLE FAMIGLIE Meno debiti nel 2014 per le famiglie italiane che registrano un "rosso" annuo medio di euro, in calo rispetto al Il dato è frutto di una ricerca della Cgia di Mestre che sottolinea come il fenomeno sia dovuto a una più sensibile e oculata gestione della spesa (a cominciare da un minor numero di acquisti di beni mobili e immobili), ma anche dalla stretta creditizia operata, nel lungo periodo di crisi, da parte dell'intero sistema bancario nazionale. Per gli artigiani, poi, dall'inizio della crisi al 2014, la variazione del debito medio nazionale delle famiglie consumatrici è stato del +34,2%, anche se dopo il picco massimo toccato nel 2011 (506,2 miliardi di euro) le esposizioni sono scese costantemente. L'inflazione, invece, nello stesso periodo è cresciuta del 13,6%. Scomponendo i dati, l'indebitamento maggiore è tutto a carico della Lombardia, con Milano a fare da baricentro. Il capoluogo lombardo fa registrare un debito di euro a famiglia; al secondo posto quelle di Monza-Brianza, con euro e al terzo o residenti a Lodi, con euro. Appena fuori dal podio c'era Varese: il debito medio ammonta a euro. Negli ultimi posti della graduatoria nazionale, invece, le famiglie residenti nella provincia di Reggio Calabria, con un'esposizione di euro, quelle di Vibo Valentia, con un debito di euro, quelle di Enna, con euro. Infine, le famiglie meno indebitate d'italia si trovavano nell'ogliastra, con un "rosso" che tocca gli euro. Per Paolo Zabeo, della Cgia, "premesso che le aree provinciali più gravate dai debiti sono quelle che presentano i livelli di reddito più elevati" diventa "evidente che anche in queste zone - sottolinea - tra gli indebitati vi sono molti nuclei appartenenti alle fasce sociali più deboli". "Tuttavia, le forti esposizioni bancarie di questi territori, soprattutto a fronte di significativi investimenti avvenuti negli anni scorsi nel settore immobiliare - conclude - non destano particolari problemi che, invece, si riscontrano in altre aree del Paese, in particolar modo nel Mezzogiorno". BENE L EXPORT ALIMENTARE Le esportazioni di prodotti alimentari Made in Italy fanno segnare un forte balzo con un aumento che va dal 29% sia in Usa che in Cina fino al 9,7% nei Paesi Ue. È quanto emerge dai dati Istat relativi all'andamento del commercio estero a giugno. Un risultato ancora più incoraggiante se si considera il crollo delle spedizioni verso la Russia a seguito dell'embargo che ha colpito importanti comparti dell'agroalimentare. Il prodotto dell'agroalimentare più esportato dall'italia è il vino, ma rilevanti sono anche le spedizioni all'estero di ortofrutta, di pasta e di olio di oliva. I 2/3 del fatturato si ottengono con l'esportazione di prodotti agroalimentari verso i paesi dell'unione Europea, ma il Made in Italy va forte anche negli Usa, che sono il principale mercato di sbocco extracomunitario. ODG DELLE REGIONI SUGLI OGM In occasione dell ultima riunione, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato e consegnato al Governo un ordine del giorno in materia di OGM che ribadisce la posizione più volte espressa di contrarietà alla coltivazione di OGM sul territorio nazionale e impegna il Governo stesso a garantire: - che per ciascuna notifica/domanda presentata o autorizzazione concessa sia predisposta una specifica richiesta alla Commissione europea che preveda di escludere la coltivazione degli organismi geneticamente modificati dall intero territorio dell Italia; - a trasmettere senza

2 indugio, e comunque non oltre i termini indicati dalla legge (dir. UE 412/2015) alla Commissione europea le richieste dell Italia di adeguamento dell ambito geografico delle notifiche/domande presentate o delle autorizzazioni concesse, in modo che tutto il territorio nazionale sia escluso dalla coltivazione degli organismi geneticamente modificati. Particolare soddisfazione per il provvedimento è stata espressa da Anna Casini, assessore regionale all Agricoltura e vicepresidente della Regione e che riveste anche il ruolo di coordinatrice delle Regioni italiane in materia di OGM e di vice presidente della rete delle Regioni europee OGM- free. HUMANA SI DÀ AL BIO Humana, società parte del gruppo DMK Deutsches Milchkontor GmbH lancia "Io e Bio", nuova linea di prodotti biologici adatti allo svezzamento: omogeneizzati (di frutta e di carne, italiana e tedesca), merende (frutta e yogurt, frutta e cereali), biscotto solubile, creme di cereali (di riso, di mais e tapioca), pastina (cinque formati). Altri dettagli: MA ANCHE SODASTREAM La filiale italiana di Sodastream International BV, leader della gasatura domestica delle bevande introduce anche nel nostro Paese gli sciroppi biologici (fiori di sambuco, limone verde, rabarbaro, ribes nero) prodotti in Germania. Gli sciroppi sono presentati in bottiglia di vetro da 500 ml; è sufficiente versare contenuto in una bottiglia d acqua liscia o gassata (dose consigliata 140 ml per litro). HELÀ, IL GELATO Cresce il progetto Helà (www.helaa.it), gelaterie biologiche con certificazione Bioagricert avviato da Suad Hortez srl con sede a Padova. Al primo esercizio di Milano, inaugurato nel marzo 2014, si sono affiancati quelli al Centro Ipercoop Il Gialdo di Chieri (TO), all Ipercoop Ossola Shopping Center di Crevoladossola (VB) e nella centralissima piazza Cavour di Padova. Gli esercizi offrono gelato, macaron, yogurt, frozen yogurt, milkshake, smoothies, succhi di frutta e verdura freschi. Alla segnalazione, aggiungiamo una notazione normativa. In realtà, la ristorazione (somministrazione di gelateria compresa) rimane fuori del campo di applicazione del regolamento 834/2007: per esclusione espressamente indicata dalla norma europea, che dà spazio a norme nazionali (mai adottate dall Italia), non sussiste alcun obbligo di certificazione. Diverso è il caso del laboratorio che fornisca i gelati (in vasca o in preimballi) all'operatore che li somministra al pubblico: egli, infatti, è un preparatore, che non somministra al pubblico, ma serve chi somministrerà: non essendo egli un "ristoratore", dovrà sottoporsi al regime di controllo, così come non deve sottoporsi al controllo l'operatore che somministra al pubblico un panino imbottito, ma devono farlo i fornitori del pane e dell'imbottitura, che nella fase precedente la somministrazione al pubblico compiono normalissime cessioni tra operatori. Chi svolga sia l attività di somministrazione al pubblico che di cessione del prodotto ad altri operatori dovrà, invece, essere sottoposto al controllo; la certificazione, tuttavia, riguarderà solo l'attività di preparazione e non quella di somministrazione, anche se l organismo di controllo dovrà verificare il bilancio di massa tenendo conto pure delle somministrazioni, ai fini di accertare la congruità dei volumi. Se al sistema di controllo l'operatore che effettui solo la somministrazione possa aderire in forma volontaria, per fornire ai consumatori l'attestazione di un ente terzo a conferma della sua conformità è materia di discussione, stante il fatto che la norma europea sulla ristorazione manca: a cosa si può dichiarare la conformità? Sembra preferibile, nell'attesa dell'adozione di un apposito quadro normativo pubblico, la certificazione di conformità a standard privati (degli organismi di controllo o di organizzazioni di categoria), evitando ogni confusione col sistema di controllo europeo cogente, che non riguarda l attività di somministrazione. Notazione normativa a parte, il gelato al mango e al limone testati direttamente dal segretario sono organoletticamente assai apprezzabili. BAREBURGER A TOKYO, NON CHIAMATELO FAST FOOD A Tokyo apre un esercizio di ristorazione biologico a marchio del newyorkese BareBurger (www.bareburger.com) con gestione della giapponese Tomorrowland Co, catena di negozi di abbigliamento che già ha esperienza nel comparto dei pubblici esercizi.. BareBurger (raccomandato dalla Guida Michelin 2011, 2012, 2013 e 2014, sempre tra i 10 migliori hamburger di New York negli stessi anni secondo Zagat), il cui hamburger gourmet sarà proposto a non meno di yen (poco meno di 11 EUR) ha iniziato l attività nel 2009 e oggi gestisce 27 locali negli Stati Uniti e in Canada, altri 8 programmati nei prossimi mesi, a breve apertura anche a Francoforte e previsioni di ulteriori espansioni all estero. Per Euripides Pelekanos, A.D. di BareBurger, il punto di forza della catena negli Stati Uniti è il suo focus sugli ingredienti biologici (è una delle poche catene di ristoranti a utilizzarli massicciamente, con slogan come Hell no GMO e There is no pride in pesticide, mentre pullulano ristoranti con generiche insegne natural ), per Yasuhiro Ishida, executive officer di Tomorrowland Co "gli alimenti biologici si stanno diffondendo alle masse". Un punto critico sarà la difficoltà di reperire una gamma completa sia di carne che di ortaggi biologici in Giappone: si prevede quindi di importare parecchio dall Australia e di ricorrere anche a prodotti da coltivazioni locali non certificati, ma a basso impatto. Il locale servirà anche insalate, birra biologica e vino.

3 Molte voci del menu si rifanno chiaramente allo stile newyorchese, ma sono previste alcune ricette locali, come un Tsukune Burger di pollo e un Tomorrow burger realizzato con carne del famoso manzo Ozaki, al prezzo di circa (21,5 EUR). Tomorrowland ha annunciato l intenzione di aprire un secondo esercizio nel lussuoso quartiere di Ginza nella prossima primavera. Info: COCA-COLA INVESTE NEI SUCCHI BIO DI SUJA LIFE Secondo quanto riporta Reuters, Coca-Cola, sarebbe vicina all'accordo per rilevare una quota di minoranza nel produttore Usa di succhi bio Suja Life (www.sujajuice.com, al secondo posto delle Most Promising Companies nella classifica di Forbes nel 2015), operazione finalizzata alla crescita al di fuori del tradizionale business delle bibite, che riscontra un raffreddamento del favore tra i consumatori Usa. Suja, fondata nel 2012, ha tra i suoi investitori Alliance Consumer Growth Partners e Evolution Media Partners, ma anche personaggi pubblici come Leonardo DiCaprio, Jared Leto e Sofia Vergara. L'investimento di Coca-Cola dovrebbe valutare Suja intorno a 300 milioni di dollari. WHOLE FOODS SOFFRE IN BORSA Il titolo di Whole Foods è stato per anni tra i più caldi si potessero acquistare. Ha guadagnato oltre il 1000% dall'inizio del 2009 alla fine del 2013, un andamento senza eguali nella grande distribuzione, con aumenti trimestrali delle vendite in crescita regolarmente sopra l'8% fino al Ma la crescita rallenta, e ciò si ripercuote sulla quotazione, che è scesa del 30% dall inizio dell anno. La causa principale non è nello scandalo che è seguito alla contestazione da parte del NYC Department of Consumer Affairs dell indicazione di un peso superiore all effettivo, ripreso in tutto il Paese: questo è solo un problema tecnico temporaneo. Il problema a lungo termine è più grave per gli investitori: la crescita delle vendite di Whole Foods è al tasso più basso dal Chiariamo: le vendite sono in buon aumento, a crescer meno sono quelle a rete costante. Whole Foods è stato il pioniere del biologico e dell alimentazione naturale in USA, quindi ha contato su un enorme vantaggio iniziale. Ma ora gli altri rivenditori stanno recuperando terreno e i prodotti biologici sono molto più diffusi, anche nelle catene convenzionali che son diventate i maggiori concorrenti, come Target, Wal-Mart, CostCo, Trader Joe s eccetera. Whole Foods,soprannominato whole paycheck (un intera busta paga), ha dovuto abbassare i prezzi per rimanere competitivo. Va da sé che i tagli prezzo incidono sui ricavi a rete costante e sui margini lordi, che nell ultimo trimestre son scesi più del previsto. Gli analisti non prevedono una significativa ripresa delle quotazioni nel breve-medio termine. Whole Foods conta di recuperare slancio con una nuova campagna pubblicitaria prevista per l autunno e, più a lungo termine, punta sul nuovo concept di pdv 365 by Whole Foods Market che avrà prezzi più bassi. La strategia può acquisire nuovi clienti, ma potrebbe cannibalizzare le vendite dei negozi principali e trascinarne verso il basso i margini. Staremo a vedere CONTINUA LO SHOPPING EUROPEO DI HAIN CELESTIAL A fine luglio Hain Celestial Group (www.hain-celestial.com, fatturato 2014 di 21.9 miliardi EUR) ha acquistato dai precedenti azionisti (i fondi di venture capital Value Creation Investments II, Athena Burgenland Beteiligungen AG, BRB Bur-

4 genländische Risikokapital Beteiligungen AG, i fondatori e la direzione) l azienda austriaca Mona Naturprodukte GmbH (www.joya.info); due terzi del prezzo di acquisto sono stati liquidati in contanti, un terzo in azioni Hain. Il gruppo statunitense intende utilizzare Mona come base per l'espansione nel mercato dell'europa orientale. Mona produce bevande vegetali e affini a base di cereali e di soia ("Usiamo solo soia non-gm austriaca. Perché crediamo nel potere del regionalismo e per sostenere gli agricoltori locali") che acquista direttamente da produttori sulla base di contratti di produzione; ai suoi marchi JOYA e Happy Soya, affianca produzioni a private label ed esporta in una trentina di Paesi oltre l'80% della produzione, per un fatturato 2014 di circa 45 milioni. FRANCIA, CRESCE IL CONSUMO RESPONSABILE L Observatoire de la consommation responsable ha pubblicato a luglio i risultati dell ottava edizione dei "Dati sul consumo responsabile". Nel 2014, biologico e commercio equo e solidale hanno aumentato il loro peso sul mercato alimentare francese. Le vendite di alimenti biologici sono aumentate del 10% tra il 2013 e il A 9 francesi su 10 è capitato di consumare biologico nel 2014, sei su 10 almeno una volta al mese (ovvero il 10% in più rispetto al 2013). Accanto al biologico, il commercio equo e solidale ha fatturato 499 milioni nel 2014, con una crescita del 16% anno sull anno precedente. Caffè, zucchero, tè e riso valgono l'80% dell importo. Latte, yogurt e uova biologiche stanno guadagnando quote di mercato. Nel 2014 è stato biologico il 6% del latte consumato (+8% sul 2013), il 2,5% dello yogurt (+12,3%); per ambedue i prodotti i prezzi medi sono diminuiti (-2,3% per il latte e -1,4% per lo yogurt), mentre quello delle versioni convenzionali è aumentato del 2,7% (latte) e del 3,1% (yogurt). Passo dopo passo è arrivata all 11,3% la quota di mercato delle uova francesi coperta dal biologico, con un incremento dell'8% (il mercato delle uova convenzionali si è contratto de 3% in volume). I cosmetici rappresentano il 13% del valore del consumo responsabile, saldamento guidato dall alimentare (80%). Il peso di quella naturale e biologica sul totale della categoria della cosmesi è dal 3 al 4%, con aumento del 7,5% nel NUTRIBIO SI MUOVE IN CINA Nutribio, società del gruppo Sodiaal, principale cooperativa lattiero-casearia francese a fine luglio ha siglato con la cinese Century International Trade (CIT) un accordo di partnership per la fornitura e la distribuzione di latte biologico per l infanzia sul territorio cinese. Il nuovo contratto rafforza la partnership tra le due aziende, avviata nel 2012 con l attribuzione CIT della distribuzione per la Cina del latte convenzionale Nactalia. Nutribio realizzerà la linea Nactalia Organic destinata al mercato cinese, con promozione e marketing a cura di CIT. Sodiaal accompagnerà oltre un centinaio di stalle della regione di sud-ovest alla conversione. "Questo progetto incarna l'impegno attivo di Sodiaal nel trovare nuovi sbocchi commerciali per i suoi soci dopo la fine delle quote latte, e offre nuove prospettive di sviluppo internazionali ha dichiarato Nutribio. Sodiaal dovrà triplicare la produzione di latte biologico entro 4 anni per raggiungere i 200 milioni di litri. Nutribio, con impianti a Montauban e Doullens ha fatturato nel milioni e occupa 400 collaboratori; Sodiaal nello stesso anno ha raccolto 4,8 miliardi di litri di latte da allevatori, con vendite per 5,4 miliardi, per l 85% generati dall export. EXPO, L ONDATA DEI COSMETICI BIO [Corriere della sera, 11 agosto] Cresce (fino al 25 per cento) in tutti i Paesi del Mondo, dal Brasile al Sud Est asiatico. Il futuro? La nutraceutica, i prodotti -alimento. Il nostro viaggio tra super frutti esotici Glocal. In sintonia con il territorio e la biodiversità, siano le eccellenze mediterranee o i super-frutti esotici. La cosmesi del futuro è sempre più «verde», sensibile all ambiente e a trazione vegetale. Fotografa le dinamiche del mercato l ultimo rapporto presentato il 1 luglio a Expo dal Gruppo cosmetici erboristeria di Cosmetica Italia (Confindustria). Secondo il Beauty trend watch, l osservatorio sui temi emergenti, il 25 per cento dei consumatori è attratto dai preparati bio, green e naturali. Staccati di 15 punti dal canale web e social media. Sviluppo a una cifra: rallentato, ma non azzerato dalla crisi. Merito, anche, delle vendite a domicilio aumentate con volumi superiori alla media. Se nel 2014 il comparto erboristico ha fatto registrare un più 2,4 per cento, per un valore di circa 420 milioni di euro, «le previsioni per il primo semestre del 2015 spiega il responsabile del centro studi di Cosmetica Italia, Gian Andrea Positano indicano un ulteriore segno positivo di 3 punti percentuali». Tra le principali motivazioni di acquisto l efficacia degli addetti alle vendite (23,4 per cento) e l appeal degli ingredienti (15,1 per cento). Brasile e Sud-est asiatico i più dinamici Tendenza in crescita, dunque, ma meno esuberante rispetto ad altre nazioni europee. L anno scorso, nel Regno Unito le vendite di prodotti di bellezza organici certificati sono aumentate del 20 per cento, per un valore di 44,6 milioni di sterline (fonte Soil Association s Organic Market). In Germania, secondo il Naturkosmetik Branchenmonitor, a settembre 2014 il mercato dei cosmetici naturali controllati guadagnava un ulteriore 11 per cento. Seguito da quello francese: più 7,6 per cento, pari a 425 milioni di euro (dati Natexpo). Sul mercato globale dei cosmetici green, che nel 2014 valeva 33 miliardi di dollari con una spinta propulsiva di 1o punti percentuali (studio elaborato dalla società di ricerche di mercato Kline), è il Brasile il Paese più dinamico. Tallonato dall Asean (Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico), che l anno scorso ha visto schizzare le vendite di prodotti di bellezza organici e naturali oltre i 2,5 miliardi di dollari, con stime di crescita

5 fino a 4,4 miliardi nel 2020 (dati Future Market Insights). L incremento annuale oscilla tra il 15 e il 25 per cento nei diversi Paesi: in testa la Cina, secondo il Giappone (fonte Organic Monitor). «Eco-bio» o «vicini alla natura» In Italia le aziende validate dall Icea-Istituto per la certificazione etica ed ambientale di Bologna sono 120 (109 quelle di eco-bio cosmesi, 11 quelle di cosmesi naturale). «Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna spiega Rosalinda Nardi, del coordinamento cosmetici e detergenti Icea sono le aree con il maggior numero di siti da noi certificati. Seguono le altre regioni del Nord e del Centro, mentre scarseggiano i centri produttivi al Sud, con qualche eccezione in Sicilia, Abruzzo, Campania e Calabria». Gli ingredienti da agricoltura biologica più utilizzati? «Il burro di karitè e gli oli: di girasole, oliva, argan, agrumati o di lavanda, di jojoba o di ricino. Componenti che nei claim pubblicitari, ormai, non vengono neppure citati sottolinea Nardi per dare maggiore risalto agli ultimi ritrovati dai nomi esotici e più in voga». Spesso, infatti, se il brand punta tutto sulla novità, non sempre nella formulazione prevale la sostanza pubblicizzata. «A oggi non è possibile definire in modo univoco il mercato dei cosmetici green chiarisce Umberto Borellini, cosmetologo. L Iso (Organizzazione internazionale per la normazione) sta preparando uno standard a livello mondiale, per stabilire i requisiti utili a classificare i prodotti bio e naturali». Diversi da quelli «a connotazione naturale» o «vicini alla natura» che, proprio in mancanza di una legge, sono ricompresi nella stessa macroarea. La società di consulenza Kline & Company utilizza un sistema di classificazione su scala decimale: tra uno e quattro si posizionano i marchi «ispirati alla natura», da cinque a dieci quelli «veramente naturali». Numerose aziende europee e statunitensi stanno già ripensando le proprie linee cosmetiche per renderle sempre più verdi. Il segmento campione di vendite è la skincare (prodotti per la cura della pelle, in particolare del viso) che, secondo Transparency Market Research, nei prossimi cinque anni continuerà a dominare il mercato. Attrattive anche altre tipologie di cosmetici, nelle quali continuano a investire i grandi retailer e i colossi del settore, interessati al lancio di nuovi preparati certificati o all acquisizione di aziende organiche. Terzo asset, l oral care (igiene orale). Quando l alimento è benessere Uno dei settori in forte crescita del mercato green è la «nutraceutica» (nutrizione e farmaceutica), neologismo coniato nel 1989 dal medico americano Stephen De Felice. Il termine si riferisco allo studio di alimenti che si suppone abbiano una funzione benefica sulla salute umana. La vendita globale degli integratori che favoriscono il benessere fisico è aumentata da 1,37 miliardi di euro nel 2009 a 1,73 miliardi nel 2014 (dati Market analyst Euromonitor International). Il primo a crederci fu Ippocrate, padre della medicina occidentale. Suo il motto: «Lasciate che il cibo sia la vostra medicina e la vostra medicina sia il cibo». Indiani, egiziani, cinesi e sumeri hanno sviluppato conoscenze tali da suggerire che gli alimenti possano essere utilizzati per curare e prevenire le malattie. E l ayurveda, la medicina tradizionale indiana vecchia di cinquemila anni, ha citato i benefici del cibo a scopi terapeutici. Gli alimenti nutraceutici, definiti anche «funzionali», sono: l uva rossa, che contiene l antiossidante resveratrolo; i prodotti con fibre solubili, come la buccia del seme del plantago per ridurre l ipercolesterolemia; i broccoli, in grado di prevenire varie forme di tumori; la soia, ricca in isoflavoni per migliorare la salute delle arterie. E poi il vino rosso, la frutta, il latte di capra, l aglio e il ginseng. Altri esempi sono gli antiossidanti flavonoidi, come l acido linolenico nei semi di lino o di salvia, il beta-carotene estratto dai petali di calendula, gli antociani di more e mirtilli, il licopene e gli Omega-3. Proprio il consumo di questi ultimi derivati benefici dall olio di pesce, aggiunti al cibo confezionato e alle bevande, è cresciuto, secondo il Market analyst Euromonitor International, del 23 per cento tra il 2008 e il Anche il collagene è diventato un ingrediente da inserire in integratori e bevande per la salute di ossa e articolazioni, raggiungendo nel ,22 miliardi di euro di vendite. Il mercato più recettivo per i «prodotti di bellezza» assunti per via orale («bfw», cioè beauty from within) è quello dell Asia- Pacifico, che nel 2014 ha coperto il 40 per cento delle vendite globali, pari a 297 milioni di euro. La stima di crescita mondiale dal 2014 al 2019 è del 26 per cento. La questione fondamentale è diventata, però, la produzione sostenibile: i nutraceutici non devono essere ricavati da materie prime animali ma, ad esempio, da micro alghe. Anche il gusto di questi «principi attivi» è stato performato per risultare gradevole, soprattutto ai giovani consumatori. Legato al territorio e alle sue tipicità, lo studio su alcuni materiali di scarto dell olivo (foglie, rami, acque di lavaggio dopo la gramolatura), come fonte alternativa di polifenoli: «La nostra ricerca spiega Silvia Tarpucci, del centro Nutrafood dell Università di Pisa si concentra in particolare su ingredienti derivati dalla tradizione agroalimentare toscana e sullo sviluppo di nuove formulazioni in grado di stabilizzare gli attivi, favorire la loro permeazione attraverso le barriere biologiche e controllarne la velocità di assorbimento». Tra le strategie formulative in fase di perfezionamento, sistemi di delivery nanostrutturali in grado di rendere più stabili gli estratti e i fitocomplessi idrofili con una maggiore facilità di permeare attraverso le barriere biologiche. Gli oli, le star del verde «Se esiste una tendenza che va oltre le mode, è quella degli oli cosmetici afferma Borellini. Sono le star del verde». Come mai? «Influisce l aspetto psicologico risponde l esperto Olio significa prima di tutto protezione, non solo per le pelli secche. Apportando un surplus di buon sebo alla cute grassa, si può contribuire a normalizzarla». Sono numerosi i frutti e i semi dai quali si estraggono oli vegetali utilizzati nei preparati cosmetici, ma devono essere puri e spremuti a freddo (la raffinazione impoverisce il contenuto di vitamine, fitosteroli e lecitine). Ottimi antiage per pelli secche, rilassate e non più giovani. Efficaci anche contro i danni causati dai raggi UV, per l equilibrio del cuoio capelluto e per ridurre cicatrici o discromie. Impiegati allo stato naturale o nella preparazione di prodotti emollienti, restitutivi, protettivi e idratanti. TRIPLICA L EXPORT DI OLIO BIO TUNISINO Maghreb Emergent riferisce che nel corso del 2014 i ricavi da export di olio d oliva biologico della Tunisia sono aumentati del 300%, totalizzando 190 milioni di dinari (87.3 milioni di EUR). Si è trattato di tonnellate di olio, con un incremento del 260% rispetto alla scorsa stagione, secondo le dichiarazioni del ministero tunisino dell'agricoltura, delle risorse idriche e della pesca. L olio di oliva rappresenta l'80% delle esportazioni di prodotti biologici dalla Tunisia. Il prodotto è stato trattato da 32 esportatori e esportato a 10 destinazioni,

6 tra cui spiccano l'italia (48%), la Francia (22%) e la Spagna (18%). Solo il 5% delle esportazioni riguarda prodotto confezionato, ergo il 95% è venduto sfuso per essere poi miscelato o imbottigliato tal quale in Europa. La difficile campagna olearia in Europa ha fatto sì che le esportazioni di olio d'oliva tunisino abbiano generato ricavi record. Dal mese di novembre 2014 alla fine di giugno 2015, il Paese ha esportato tonnellate, per un fatturato di circa 690 milioni di EUR. NETWORK INTERNAZIONALE: ASSOBIO SOCIA IFOAM E IFOAM UE Questa settimana sia IFOAM EU che IFOAM - Organics International hanno accolto la domanda di ammissione a socio presentata da AssoBio. Il consiglio direttivo dell associazione aveva deliberato di aderire alle organizzazioni internazionali per una serie di motivi: contribuire al rafforzamento del movimento a livello internazionale, incrementare il networking con le analoghe organizzazioni, incidere maggiormente sulle politiche delle istituzioni UE. In particolare l associazione parteciperà alle attività del gruppo d interesse delle imprese di trasformazione e distribuzione, collaborando alla definizione delle posizioni sulle specifiche esigenze delle categorie da presentare ai decision maker EU. AssoBio Tel Fax Mobile

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in USA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in USA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in USA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 NOTA SUL MERCATO DEI PRODOTTI BIOLOGICI NEGLI U.S.A. (Dati piu recenti disponibili)

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Nata nel 1957, l'associazione Nazionale delle Cooperative Agroalimentari

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER Avvertenze I dati utilizzati sono gli ultimi disponibili, eccetto ove indicato. Le fonti sono istituti statistici

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO

AREA AMBIENTE E TERRITORIO AREA AMBIENTE E TERRITORIO "VERSO UNA NUOVA STRATEGIA NAZIONALE PER L'AGRICOLTURA BIOLOGICA: LA VALORIZZAZIONE DEL BIOLOGICO ITALIANO» di Annalisa Saccardo Bologna 12 settembre 2015 IL PARADOSSO DEL BIOLOGICO

Dettagli

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 1 Il contesto strutturale in Italia Numeri importanti, ma c è ancora

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Parte 2 Mercati Esteri Con la collaborazione di IL CONTESTO INTERNAZIONALE Panoramica europea del petcare Pag.

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi Evento organizzato da: In collaborazione con: LE FINALITÀ CONOSCITIVE DEL CONTRIBUTO DI NOMISMA PER L OSSERVATORIO

Dettagli

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

03/04/2014. Il mercato biologico globale: situazione e tendenze. Roberto Pinton

03/04/2014. Il mercato biologico globale: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato biologico globale: situazione e tendenze Roberto Pinton 1 Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2 associazioni

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Nota di mercato. L industria cosmetica italiana nella Repubblica di Corea. Report a cura di Ran Woo, ITCCK

Nota di mercato. L industria cosmetica italiana nella Repubblica di Corea. Report a cura di Ran Woo, ITCCK Nota di L industria cosmetica italiana nella Repubblica di Corea Report a cura di Ran Woo, ITCCK Indice: 1. Obiettivi 2. Attuale posizione di delle industrie cosmetiche italiane in Corea - Profumi - Cura

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

Il mercato tedesco del vino

Il mercato tedesco del vino Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco del vino Berlino, marzo 2013 2 INDICE 1. Importanza del mercato

Dettagli

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton L organizzazione delle filiere biologiche italiane Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2 associazioni

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008 Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale

Dettagli

Freebeverage per la Ristorazione Commerciale. vantaggi commerciali, economici e ambientali per il tuo locale

Freebeverage per la Ristorazione Commerciale. vantaggi commerciali, economici e ambientali per il tuo locale Freebeverage per la Ristorazione Commerciale vantaggi commerciali, economici e ambientali per il tuo locale consumo libero libero e a costo di fisso bevande Il servizio Freebeverage viene realizzato all

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS Alessandro Marino Segretario Generale Camera di Commercio Italo-Tedesca IMPORT TEDESCO ALIMENTARE Altri 33,3% Paesi Bassi 18,7%

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F

Dettagli

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO 5144-01:07:15/13:05 - milano, (agra press) - nel 2014 per l'agroalimentare le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

La linea baby tutta biologica e tutta italiana.

La linea baby tutta biologica e tutta italiana. ALCE NERO BABY. GENERAZIONE BIO IL BUONO DEL BIOLOGICO DAL 1978 La linea baby tutta biologica e tutta italiana. Alce Nero, leader del biologico italiano da oltre trent anni, completa le sue linee di prodotto

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE Bolzano, 29 maggio 2015 PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Il Made in Italy Dop e Igp :

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 11/12/2015

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 11/12/2015 Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato 11/12/2015 SPECIALE NATALE 2015 L'artigianato alimentare ed il made in Italy di prodotti alimentari e bevande in Al III trimestre 2015 il settore dell

Dettagli

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE:

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: Australia, Brasile, Canada, Cina e Hong Kong, Corea

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

IL MERCATO DELL'OLIO DI OLIVA IN IRLANDA. 1. PREMESSA Il mercato dell'olio di oliva è un settore chiave in Irlanda.

IL MERCATO DELL'OLIO DI OLIVA IN IRLANDA. 1. PREMESSA Il mercato dell'olio di oliva è un settore chiave in Irlanda. IL MERCATO DELL'OLIO DI OLIVA IN IRLANDA 1. PREMESSA Il mercato dell'olio di oliva è un settore chiave in Irlanda. Il buon rendimento è dovuto al fatto che l'irlanda ha produzione autoctona di oliva, perciò

Dettagli

Henkel con una buona crescita organica

Henkel con una buona crescita organica Comunicato stampa Düsseldorf, 6 agosto 2008 Secondo trimestre all insegna di National Starch e del programma per l incremento dell efficienza Henkel con una buona crescita organica Forte crescita del fatturato

Dettagli

Il mercato internazionale e nazionale dei prodotti biologici e le opportunità per le imprese italiane sul mercato tedesco

Il mercato internazionale e nazionale dei prodotti biologici e le opportunità per le imprese italiane sul mercato tedesco Marzo 2013 Il mercato internazionale e nazionale dei prodotti biologici e le opportunità per le imprese italiane sul mercato tedesco In sintesi La fiera Biofach di Norimberga rappresenta ormai uno dei

Dettagli

COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA Premesse: SA Soluzioni Aziendali srl nasce dalla ventennale esperienza dei Soci fondatori nel management di impresa e nella consulenza aziendale.

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI Le importazioni di prodotti ottenuti con il metodo di produzione biologico provenienti da Paesi Terzi possono realizzarsi

Dettagli

Birra e bevande Pasta ripiena Importatori. Delicatessen. Salumi Spezie. Olio. Formaggi. Export. Aceto. Latte e derivati. Parma, 5-8 Maggio CIBUS 2014

Birra e bevande Pasta ripiena Importatori. Delicatessen. Salumi Spezie. Olio. Formaggi. Export. Aceto. Latte e derivati. Parma, 5-8 Maggio CIBUS 2014 Prodotti BiologiciFrozenfood Pane e sostituti Formaggi Pasta ripiena CioccolatoAcque minerali Conserve vegetali Export Pasta secca Formaggi Carni Delicatessen CIBUS 2014 Salumi Buyer Parma, 5-8 Maggio

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

QUALE FUTURO PER LA COSMESI IN ITALIA: COME INNOVARSI ED ESSERE COMPETITIVI. 9 Novembre 2012. Naturale? Biologico? Prodotto Cosmetico Certificato?

QUALE FUTURO PER LA COSMESI IN ITALIA: COME INNOVARSI ED ESSERE COMPETITIVI. 9 Novembre 2012. Naturale? Biologico? Prodotto Cosmetico Certificato? QUALE FUTURO PER LA COSMESI IN ITALIA: COME INNOVARSI ED ESSERE COMPETITIVI 9 Novembre 2012 Naturale? Biologico? Prodotto Cosmetico Certificato? Cosmetica Naturale e Bio Mercato Globale We certify who

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISTORAZIONE Ristorazione 2004 Milano, 23-24 settembre 2004 Dr.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL CONTESTO - Il 2014 era atteso come l anno dell inversione di tendenza, dopo i timidi segnali di ripresa registrati nel primo trimestre.

IL CONTESTO - Il 2014 era atteso come l anno dell inversione di tendenza, dopo i timidi segnali di ripresa registrati nel primo trimestre. Silvia Zucconi, Coordinatore Area Agroalimentare silvia.zucconi@nomisma.it IL CONTESTO - Il 2014 era atteso come l anno dell inversione di tendenza, dopo i timidi segnali di ripresa registrati nel primo

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009)

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009) Obiettivo 14-2010 in collaborazione con Mercato Italiano GRANO TENERO Il panorama generale del mercato nazionale può essere definito leggermente migliore: il ridursi della disponibilità di prodotto nazionale

Dettagli

L ORO VERDE ITALIANO INDAGINE ONLINE E OFFLINE SULL OLIO EXTRAVERGINE DOP/IGP ITALIANO

L ORO VERDE ITALIANO INDAGINE ONLINE E OFFLINE SULL OLIO EXTRAVERGINE DOP/IGP ITALIANO L ORO VERDE ITALIANO INDAGINE ONLINE E OFFLINE SULL OLIO EXTRAVERGINE DOP/IGP ITALIANO Executive Summary 1 2 3 4 5 6 Finalità indagine Analisi di comparto Analisi punti vendita Web Listening Analisi comunicazione

Dettagli

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca FEDERAZIONE RUSSA Interscambio, Esportazioni settore agroalimentare, Attività promozionale a supporto di Agenzia ICE Mosca Camera di Commercio Italo-Russa 29 Aprile 2015 Maurizio Forte Direttore Agenzia

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview:

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview: IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI Overview: La prima settimana di Aprile si è svolta a Verona la 47 edizione del VINITALY che ha registrato 148.000 (+6% rispetto lo scorso anno) dei quali 50.000 esteri

Dettagli

io breakfast beverage & food global solutions servizi bevande e alimenti per la ristorazione turistica

io breakfast beverage & food global solutions servizi bevande e alimenti per la ristorazione turistica io breakfast beverage & food global solutions servizi bevande e alimenti per la ristorazione turistica descrizione io breakfast è una soluzione completa e integrata di vari servizi di distribuzione bevande

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali «Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 8 settembre 2015 Agenda 1 Importanza e specificità

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Presentazione La filiera corta

Presentazione La filiera corta Presentazione La filiera corta Un progetto di marketing agroalimentare Prof. Gervasio Antonelli a cura di: Riccardo Piras, Giulia Santi, Luca Mosciatti Facoltà di Economia, Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

Russia Scheda Paese marzo 2013

Russia Scheda Paese marzo 2013 Russia Scheda Paese marzo 2013 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.: 06-59926707 agro.alimentari@ice.it A cura di: Pietro Simonelli Impaginazione e grafica Vincenzo

Dettagli

Le strade del Made in Italy: quale futuro? IX FORUM DEL COMITATO LEONARDO Campidoglio, 20 ottobre 2010

Le strade del Made in Italy: quale futuro? IX FORUM DEL COMITATO LEONARDO Campidoglio, 20 ottobre 2010 Le strade del Made in Italy: quale futuro? IX FORUM DEL COMITATO LEONARDO Campidoglio, 20 ottobre 2010 FOCUS SETTORE AGROALIMENTARE a cura di Giandomenico Auricchio Presidente Federalimentare IL SETTORE

Dettagli

ALLA RICERCA DELLA QUALITÀ

ALLA RICERCA DELLA QUALITÀ ALLA RICERCA DELLA QUALITÀ E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE DOCUMENTO NON RIPRODUCIBILE INTEGRALMENTE L Italia è, anche agli occhi del mondo, il Paese del buon cibo, il regno dell eccellenza, testimoniata

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

rassegnastampa link alla rassegna stampa coldiretti completa http://www.coldiretti.it

rassegnastampa link alla rassegna stampa coldiretti completa http://www.coldiretti.it Coldiretti TORINO rassegnastampa 19 febbraio 2014 quotidiani indice coldiretti coldiretti news Commercio estero, Coldiretti, agroalimentare record, +5% export regione e provincia rassegna stampa coldiretti

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli