Incrementa il successo della tua azienda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incrementa il successo della tua azienda"

Transcript

1 Incrementa il successo della tua azienda Catalogo formativo per Aziende PA Professionisti

2 INDICE CORSI AREA AZIENDE PAG TITOLO CORSO 6 BUSINESS DEVELOPMENT: LO SVILUPPO DELLE ABILITÀ MANAGERIALI NELLE PMI 7 BUSINESS PLAN: COME COSTRUIRE UN PIANO DI FATTIBILITÀ 8 BUSINESS PROCESS REENGINEERING: COME RIPENSARE L IMPRESA 9 CHANGE MANAGEMENT: AFFRONTARE IL CAMBIAMENTO 10 CHECK UP-UP AZIENDALE: COME ANALIZZARE L IMPRESA 11 COME PRESENTARE EFFICACEMENTE IN PUBBLICO 12 COMUNICARE E GESTIRE: LA PNL AL SERVIZIO DEL MANAGER 13 CONOSCERE E VALORIZZARE IL BRAND ATTRAVERSO IL WEB DEFINING BUSINESS IDEA: COME INDIVIDUARE UN IDEA DI SUCCESSO 15 DI PADRE IN FIGLIO: GESTIRE IL PASSAGGIO GENERAZIONALE 16 E-BIZ: OPPORTUNITÀ PER LO SVILUPPO DI IMPRESA 17 ENTREPRENEURSHIP: DALL IDEA AL PIANO DI IMPRESA 18 FINANZA AZIENDALE 19 HOSPITALITY MANAGEMENT: LA GESTIONE STRATEGICA DELL OFFERTA TURISTICA 20 IL CRUSCOTTO DEI COMANDI: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO 21 IL GRUPPO DI VALORE E IL VALORE DI GRUPPO 22 INFORAMTICA BASE PER L UFFICIO 23 L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA NELLE PMI 24 LA COMUNICAZIONE NELLE IMPRESE DI SERVIZI 25 LA GESTIONE ALLO SPORTELLO: LA VALORIZZAZIONE DEL PUNTO DI CONTATTO NEL SISTEMA BANCARIO 26 LA GESTIONE STRATEGICA DELLE VENDITE: I PROCESSI DI VENDITA ORIENTATI AL CLIENTE 27 LA PNL PER IL PERSONAL EMPOWERMENT 28 LA PNL PER INSTAURARE E MANTENERE UNA RELAZIONE POSITIVA CON IL CLIENTE 29 MARKETING PLACES: IL MARKETING STRATEGICO DEL TERRITORIO 30 MOTIVAZIONE E LEADERSHIP: IL CAPO AL SERVIZIO DELL IMPRESA

3 31 PROBLEM SOLVING E DECISON MAKING 32 PROJECT FINANCE 33 QUALITY AND SERVICE: LA GESTIONE DELLA QUALITÀ NELLE IMPRESE DI SERVIZI 34 RESPONSABILITA E IL BILANCIO SOCIALE: NUOVI SCENARI COMPETITIVI PERLE PMI 35 SOCIAL MEDIA MARKETING 36 STRATEGIE DI MARKETING PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA 37 STRATEGIE DI CRM: I CLIENTI COME VALORE PER L IMPRESA 38 STRUMENTI PER IL BENESSERE ORGANIZZATIVO 39 TAKE OFF: LE AGEVOLAZIONI ALLO START UP DELLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI 40 TECNICHE DI COMUNICAZIONE VENDITA 41 UTILIZZO SOSTENIBILE DELLE RISORSE E ABBATTIMENTO DEGLI SPRECHI NELLE PMI 42 VENDERE IN TEMPI DI CRISI IN ITALIA E ALL ESTERO 43 WEB MARKETING ACCOUNTABILITY AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PAG TITOLO CORSO 45 CITTÀ IN COMPETIZIONE: COMUNICARE IL TERRITORIO 46 CUSTOMER SATISFACTION E TQM: LA GESTIONE DELLA QUALITÀ NELLE ATTIVITÀ DELLA PA 47 IL SISTEMA DEI CONTROLLI NELLA GESTIONE DEI FONDI STRUTTURALI 48 LA CARTA DEI SERVIZI 49 LA COMUNICAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE 50 LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 51 LA SEMPLIFICAZIONE DEL LINGUAGGIO: LABORATORI ESPERIENZIALI 52 MARKETING PLACES: IL MARKETING STRATEGICO DEL TERRITORIO 53 ORGANIZATIONAL TOOLS:STRUMENTI DI INTERVENTO ORGANIZZATIVO PER UNA PA EFFICIENTE 54 PROJECT MANAGEMENT:LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLA PA 55 TEAM WORK:COME MIGLIORARE LE PERFORMANCE DEI GRUPPI 56 TECNICHE DI NEGOZIAZIONE:VALORIZZARE I PROCESSI DI GESTIONE DEGLI ACCORDI SINDACALI

4 AREA SICUREZZA PAG TITOLO CORSO 58 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO PER ADDETTO INDUSTRIA ALIMENTARE CHE MANIPOLA ALIMENTI 59 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO PER ADDETTO INDUSTRIA ALIMENTARE CHE NON MANIPOLA ALIMENTI 60 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO ADDETTO ANTINCENDIO RISCHIO ALTO 61 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO ADDETTO ANTINCENDIO RISCHIO BASSO 62 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO ADDETTO ANTINCENDIO RISCHIO MEDIO 63 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER DATORI DI LAVORO 64 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI 65 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORE PARTE GENERALE 66 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORE PARTE SPECIFICA RISCHIO ALTO 67 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORE PARTE SPECIFICA RISCHIO BASSO 68 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORE PARTE SPECIFICA RISCHIO MEDIO 69 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER PREPOSTI 70 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO DI FORMAZIONE PER RLS 71 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGS N. 81/08 TESTO UNICO: CORSO PONTEGGI ADDETTO MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE 72 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGSN.81/08 TESTO UNICO: CORSO PRIMO INGRESSO IN CANTIERE PER LAVORATORI EDILI 73 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGSN.81/08 TESTO UNICO: CORSO PRIMO SOCCORSO GRUPPO A 74 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGSN.81/08 TESTO UNICO: CORSO PRIMO SOCCORSO GRUPPO B-C 75 SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO D.LGSN.81/08 TESTO UNICO: CORSO PER RESPONSABILE INDUSTRIA ALIMENTARE

5 CATALOGO CORSI AREA AZIENDE

6 BUSINESS DEVELOPMENT: LO SVILUPPO DELLE ABILITÀ MANAGERIALI NELLE PMI Il formativo vuole fornire un concreto supporto allo sviluppo della sensibilità e delle competenze degli imprenditori, dei manager nell attività di gestione d impresa. Affinare la sensibilità dell imprenditore nell analisi e nello studio delle situazioni competitive aziendali, rafforzando il bagaglio di conoscenze indispensabili all attuale gestione d impresa. Trasferire strumenti e tecniche adeguati alla valutazione e successiva implementazione delle sfide imprenditoriali. Riuscire ad apportare processi esperienziali di sviluppo delle singole realtà imprenditoriali coinvolte nell attività formativa, attraverso valutazioni ad hoc da parte di expert d area. Il formativo individua, come suoi destinatari privilegiati, gli imprenditori e coloro che hanno compiti manageriali all interno delle PMI, ma anche coloro che - in qualità di consulenti di piccole imprese - si trovano ad affrontare abitualmente problematiche aziendali Il percorso costruito secondo una logica fortemente interattiva e modulare, prevede: analisi competitiva e scelte strategiche: - analisi del settore e della concorrenza; - analisi delle opportunità e delle minacce; - definizione del business e posizionamento strategico aziendale; - le strategie nell ottica del cambiamento; analisi organizzativa: - ambiente ed organizzazione; - la learning organization; - la gestione del cambiamento; miglioramento continuo e TQM: - la gestione della qualità totale nell ottica strategica d impresa; comunicazione e leadership: - le attività di leading e coaching; - la comunicazione ed il marketing interno; - il team work; gestione della clientela: - profiling; - segmentazione e targeting; - analisi delle vendite e scale clienti; - customer loyalty; pianificazione economico-finanziaria: - analisi economica e scelte aziendali; finanza straordinaria. Il percorso si articola su un totale di 48 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 6

7 BUSINESS PLAN: COME COSTRUIRE UN PIANO DI FATTIBILITÀ Il corso nasce dall esigenza di offrire una completa informazione a quanti sono chiamati a verificare la concreta realizzabilità di una iniziativa mediante la redazione di un piano di fattibilità. Tale strumento, in forte diffusione anche per la spinta imposta dalla ricerca delle agevolazioni delineate in chiave di Unione Europea, rappresenta un supporto indispensabile per coloro che nella loro attività devono valutare la validità di nuove iniziative, ricercare fonti di finanziamento per nuovi investimenti, simulare ed esplicitare un programma di intervento aziendali. L intervento formativo si propone di illustrare cos è e a che cosa serve un piano di fattibilità. Attraverso il trasferimento dei fondamenti concettuali del processo di progettazione si punta a definire il kit di strumenti operativi e metodologici alla base della realizzazione del business plan. Il target principale è rappresentato da soggetti informati, motivati e in possesso di una idea di business, tuttavia non pienamente consapevoli della natura del processo di progettazione. Inoltre, possono costituire un ulteriore target, tutti coloro che per ragioni professionali diverse sono chiamati a confrontarsi con la realizzazione dei piani di fattibilità. Si tratta di laureati o diplomati che vogliono impadronirsi dello strumento per verificare i termini di fattibilità delle proprie iniziative o per migliorare il proprio quadro delle competenze professionali Il corso, ripercorrendo con una forte interazione con d aula le fasi che portano alla redazione del piano, evidenzia gli aspetti informativi qualificanti che il piano di fattibilità deve contenere e fornisce il supporto metodologico di base necessario alla sua realizzazione. l analisi delle condizioni competitive in cui l iniziativa si inserisce; l analisi delle opportunità del mercato di riferimento per l iniziativa; la definizione delle scelte strategiche di fondo dell azienda e del perché dell iniziativa; la coerenza e le modalità di sviluppo delle politiche operative; la verifica economico-finanziaria della fattibilità dell iniziativa. Il percorso si articola su un totale di 24 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 7

8 BUSINESS PROCESS REENGINEERING: COME RIPENSARE L IMPRESA Per Reengineering dei processi si intende un intervento di ristrutturazione organizzativa, volto a ridefinire i processi aziendali, facendo leva sull'analisi del valore delle attività che li costituiscono. In questo modo è possibile definire e misurare il valore che le attività - e quindi i processi - aggiungono all'organizzazione in termini di produttività. Il presente corso mira a: approfondire le logiche ed i concetti delle organizzazioni basate sui processi; presentare la metodologia di Business Process Reengineering; consentire l utilizzo del Business Process Reengineering per creare valore aggiunto e migliorare l efficienza aziendale. Dirigenti, quadri ed impiegati coinvolti in progetti di ridisegno organizzativo; consulenti di direzione aziendale, project manager e responsabili di funzioni. Percorso dal taglio decisamente operativo e pragmatico, alterna lezioni teoriche, esercitazioni, momenti di confronto e discussioni. mutamento dello scenario concorrenziale e breakpoints aziendali: - come le aziende affrontano la discontinuità; - visione, valori, missione e strategie orientate al mercato - i 3 drivers su cui basare il riorientamento del business; miglioramento continuo e cambiamento radicale a confronto - condizioni di applicabilità e vantaggi del Total Quality Management e del Business Process Reengineering (BPR); - differenze tra TQM e BPR; la metodologia Business Process Reengineering: metodi e strumenti per l'analisi e il ridisegno dei processi di business: - a confronto; - gli attori del processo di reingegnerizzazione; - le fasi di lavoro: valutazione, ridisegno e realizzazione; - i passi progettuali con relativi input ed output; - centralità della risorsa informazione; il process re-engineering a regime: - riposizionamento dell'offerta di prodotti/servizi; - ridisegno dei sistemi di gestione e dei processi operativi. Il percorso si articola su un totale di 24 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 8

9 CHANGE MANAGEMENT: AFFRONTARE IL CAMBIAMENTO La gestione del cambiamento è un importante segmento della gestione aziendale che consiste nell insieme delle attività e degli strumenti per il governo sistematico dei processi di cambiamento attraverso lo sviluppo integrato, e costantemente monitorato, delle persone, della cultura, dei processi organizzativi, delle strutture, delle tecnologie. Il Change Management rappresenta la cura preventiva per la profittabilità dell azienda. L obiettivo di questo corso è fornire ai manager gli strumenti per far fronte con successo al cambiamento: come avviare e come condurre il processo di cambiamento, come farlo accettare e condividere da tutti i collaboratori, come superare le resistenze. Vengono analizzati e approfonditi tutti gli aspetti relativi al cambiamento, sia in termini organizzativi, sia in termini di impatto sulle persone, e viene proposto il modello di gestione del cambiamento come complesso. Imprenditori e dirigenti che desiderano acquisire i concetti, gli strumenti e la cultura per avviare e gestire il cambiamento in azienda. Il corso ha un taglio fortemente operativo e prevede il coinvolgimento dei partecipanti in situazioni sperimentali di carattere aziendale per modellizzare le soluzioni e verificare gli apporti metodologici. il processo di cambiamento: - inquadrare il cambiamento desiderato; - gli elementi coinvolti: persone, organizzazione, aspetti finanziari; cambiamento aziendale e capitale umano: - l empowerment come leva motivazionale attiva; - capitale umano e competenze distintive: come creare vantaggi concorrenziali per la propria azienda.; la strategia di cambiamento: - analisi e livelli di intervento; - la creazione del valore e la misurazione delle performance in azienda; - governare lo sviluppo e le dinamiche di cambiamento; il cambiamento come complesso: - tecniche di Project Management per gestire il cambiamento dal punto di vista operativo. Il percorso si articola su un totale di 32 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 9

10 CHECK UP-UP AZIENDALE: COME ANALIZZARE L IMPRESA I check up aziendali servono ad effettuare una diagnosi approfondita dello stato di salute dell azienda che acquisisce una rilevanza strategica per la vita e la sopravvivenza dell impresa stessa, soprattutto in un contesto competitivo ed in rapida evoluzione come quello odierno che esalta la capacità di analisi e di risposta delle imprese. Il corso mira a fornire l'approccio per una visione sistematica e globale dei processi aziendali e a trasferire le competenze per riuscire ad evidenziare i punti di forza e di debolezza dell impresa così da permettere l individuazione di interventi mirati al miglioramento delle performance aziendali. Imprenditori, dirigenti e coloro che intendono approfondire le proprie conoscenze per realizzare una verifica delle funzioni aziendali. Il corso affronta con un taglio consulenziale le aree tematiche in cui si estrinseca un attività di check up su tutte le funzioni aziendali, alternando momenti teorici a momenti di sperimentazione pratica. check up aziendali: logiche e modalità di utilizzo; il profilo aziendale e le Aree Strategiche d'affari nelle quali l'impresa compete; l'assetto organizzativo e delle risorse umane; analisi della funzione commerciale e dell offerta in termini di coerenza del marketing mix; la struttura produttiva e la gestione degli acquisti; l analisi economico-finanziaria. Il percorso si articola su un totale di 16 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 10

11 COME PRESENTARE EFFICACEMENTE IN PUBBLICO La capacità di coinvolgere positivamente gli ascoltatori rappresenta l elemento di successo di ogni tipo di comunicazione, che assume particolare rilievo nelle organizzazioni in cui i manager sono sempre più spesso chiamati a coinvolgere team e presentare i risultati delle proprie attività. Fornire strumenti e tecniche utili per preparare e gestire momenti di comunicazione in pubblico. Pianificare e organizzare presentazioni professionali. Comunicare idee con forza e chiarezza. Essere più naturale e rilassato durante una presentazione. Il corso si rivolge a manager che conducono incontri e riunioni con gruppi di persone, ai venditori che svolgono presentazioni di prodotti o servizi, ai politici, congressisti, giornalisti, avvocati e a chiunque abbia la necessità d incontrare la stampa e comunicare ad un pubblico più o meno numeroso. Ma anche a coloro che nella vita di tutti i giorni desiderano migliorare i rapporti interpersonali. Con una continua alternanza tra momenti teorici e sperimentazioni, il corso trasferisce le principali tecniche di esposizione e le modalità per realizzare un efficace presentazione. come valutare le proprie capacità di comunicazione: - obiettivi personali di miglioramento e capacità di ascolto e attenzione; l arte di parlare in pubblico: - i principi fondamentali della comunicazione; - i fattori che influenzano o ostacolano la comunicazione; - gli elementi della comunicazione verbale; - gli elementi della comunicazione non verbale; - le regole base per comunicare; comunicazione efficace: - le regole per migliorare la comunicazione; - come definire obiettivi e contenuti; - strutturare e realizzare un discorso; - la dinamica dei bisogni quando si comunica; - i meccanismi che orientano il comportamento; intervento in pubblico: - preparazione, apertura, svolgimento e chiusura; - strumenti di supporto alla comunicazione; convincere, persuadere, affermarsi: - il controllo del gruppo - le interruzioni e le obiezioni; - la motivazione; - la gestione dell ansia. Il percorso si articola su un totale di 24 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 11

12 COMUNICARE E GESTIRE: LA PNL AL SERVIZIO DEL MANAGER metodologia La Programmazione Neurolinguistica (PNL) è un modello di analisi del modo in cui si strutturano e si organizzano i processi mentali e i comportamenti. Questo modello offre al manager uno strumento potente e innovativo per porre in atto risposte emotive e atteggiamenti più consoni alle proprie attese e al proprio ruolo professionale. Attraverso il riconoscimento dei propri processi mentali e delle proprie strategie di comunicazione è possibile migliorare il proprio approccio all attività operativa. L utilizzo delle tecniche di PNL migliorando il processo di comunicazione consente di sviluppare più efficacemente il ruolo manageriale, attraverso la creazione di relazioni positive con colleghi e collaboratori. Il corso consentirà di: effettuare una corretta autovalutazione al fine di stimare i propri punti di forza e i limiti che non conviene superare; acquisire un atteggiamento positivo ed empatico, capace cioè di comprendere i sentimenti e le esigenze delle risorse che gestisce. Il corso si rivolge a imprenditori, manager, responsabili della funzione risorse umane, responsabili di funzioni organizzative e di progetti innovativi al fine di: ampliare la gamma di scelte comportamentali a disposizione; focalizzare la struttura dei propri comportamenti e modelli mentali così da valutarne l efficacia in relazione al proprio ruolo; individuare stili di comunicazione più efficaci nella relazione con gli interlocutori; gestire i conflitti in modo positivo. Il corso ha un taglio concreto e applicativo; la didattica di tipo attivo, mediante esercitazione e role playing, facilita il coinvolgimento e la partecipazione, potenziando la capacità di apprendimento. la comunicazione interpersonale - conoscere se stessi; - riconoscere e gestire le emozioni; - comunicare in modo efficace ed ecologico per sé e per gli altri; - gestire gli stati mentali ed emozionali che facilitano le prestazioni; - conflitti e negoziazione; dalla motivazione alla leadership - la motivazione e l affiancamento; - l individuazione del potenziale dei propri collaboratori; - leadership emotiva e delega. Il percorso si articola su un totale di 16 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 12

13 CONOSCERE E VALORIZZARE IL BRAND ATTRAVERSO IL WEB 2.0 Il percorso, intende rispondere alla crescente richiesta da parte delle aziende ed in particolare delle PMI, di figure professionali con competenze specifiche e diversificate legate allo sviluppo del social marketing, del web marketing, e più in generale del mondo del web 2.0 Il corso mira a fornire gli strumenti e le che permettono di focalizzare gli elementi che contribuiscono il miglioramento della brand reputation al fine di aumentare la fidelizzazione della clientela. Imprenditori, manager e professionisti e tutti coloro che intendono approfondire le proprie conoscenze nell ambito del tema della valorizzazione del brand attraverso i nuovi strumenti di web 2.0 Il modulo prevede una metodologia formativa basata su una didattica attiva, con lezioni frontali tenute dal docente, intervallate sempre da esercitazioni pratiche, analisi di casi aziendali e da discussioni e confronto continuo con l aula nell ottica di un percorso formativo fortemente improntato sia all interattività che allo stimolo continuo dei partecipanti. Come posizionare, comunicare e rafforzare il brand aziendale; La corporate identity attraverso il brand; Il ciclo di sviluppo della marca; Aumentare la visibilità del brand aziendale sui social network; Piattaforme, blog e loro reale influenza per l attività di comunicazione della marca/prodotto. Il percorso si articola su un totale di 8 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 13

14 DEFINING BUSINESS IDEA: COME INDIVIDUARE UN IDEA DI SUCCESSO Il corso si propone di offrire a coloro che vogliano intraprendere un attività in proprio o che, di fronte a una generica business idea non riescono a delineare un primo processo di analisi critica, gli strumenti per procedere a una verifica e a uno screening delle potenziali idee di successo. Trasferire ai giovani aspiranti imprenditori gli elementi di base per comprendere il concetto di idea imprenditoriale nelle sue componenti soggettive (l imprenditore o la compagine sociale) e oggettive (impresa/business). Trasmettere i concetti di base del processo di creazione di impresa, facendo emergere le motivazioni a diventare imprenditori mediante il confronto con le caratteristiche tipo. Stimolare i partecipanti a prendere coscienza delle difficoltà e delle problematicità connesse allo sviluppo di un idea di impresa. Sottolineare la ricerca dell innovazione, nelle sue diverse forme, come elemento fondamentale del processo imprenditoriale e come fonte di opportunità. Offrire uno schema di analisi critico delle idee di business che favorisca il processo di autoanalisi dell idea imprenditoriale. Il corso vede, come suoi destinatari ideali, soggetti che abbiano già manifestato esplicito interesse nei confronti dei temi dell'imprenditorialità e che, pertanto, siano portatori di una generica idea di impresa. A questo target si affianca quello composto da tutti quei soggetti che si affacciano al mondo dell entreprerneurship creation per motivi professionali. Il corso si articola in due blocchi formativi: imprenditorialità e innovazione, che - attraverso una didattica fortemente interattiva - puntano a far emergere gli aspetti fondamentali sui quali impostare l analisi e la valutazione di una idea di business. gli elementi di base del concetto di idea imprenditoriale; le caratteristiche dell imprenditore; i profili tipo di imprenditore; il percorso imprenditoriale; il modello imprenditoriale; cambiamento e opportunità; concetto e dimensioni di innovazione; criteri e parametri per una prima valutazione e verifica della potenziale idea di successo. Il percorso si articola su un totale di 16 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 14

15 DI PADRE IN FIGLIO: GESTIRE IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Il giro di boa del passaggio generazionale è un momento particolarmente difficile della vita di una azienda familiare. Le problematiche da tenere sotto controllo sono innumerevoli e particolarmente delicate da affrontare sono quelle della gestione delle relazioni con i collaboratori che si trovano a vivere il passaggio da uno stile di gestione ad un altro. Anticipare e pianificare il processo di successione poiché la trasmissione è un processo pluriennale che va gestito e tenuto sotto controllo. Identificare i principali ostacoli di entrambe le generazioni coinvolte sia a livello personale che a livello organizzativo per il buon svolgimento della successione. Conoscere le best practices manageriali di successioni ben riuscite. Imprenditori e figli di imprenditori. Il corso ha un taglio fortemente consulenziale alterna le lezioni teoriche, a momenti di confronto e discussioni su esperienze concrete che puntano a far emergere gli aspetti emotivi oltre a quelli economici ed organizzativi. aspetti strategici della successione: - pianificare la successione; - la salute patrimoniale dell azienda come elemento chiave per la successione; aspetti umani e manageriali della successione: - come gestire potenziali conflitti tra diverse generazioni; i problemi della vecchia generazione: - le modalità di uscita; - gestire il necessario periodo di coabitazione; i problemi della nuova generazione: - crearsi un immagine autoritaria all interno del vecchio staff; - gestire le resistenze al cambiamento; passaggio, crescita, continuità. Il percorso si articola su un totale di 16 ore. La data di erogazione è da concordarsi con la segreteria corsi con 30 giorni di Il corso potrà svolgersi c/o le sedi Project & Planning o c/o la sede aziendale Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 15

16 E-BIZ: OPPORTUNITÀ PER LO SVILUPPO DI IMPRESA La pervasività dell Information & Communication Technology condiziona pesantemente il modo di fare impresa e impone una profonda riflessione sulle scelte aziendali. In quest ottica il corso intende fornire una chiave di lettura del mutato scenario per i manager che vogliano cogliere meglio l'impatto dell'e-business. L obiettivo primario è quello di esplorare i cambiamenti nel mondo del business; inoltre si vogliono fornire gli strumenti di analisi dell'impatto strategico organizzativo e degli aspetti critici della dimensione tecnologica derivanti dal processo di adozione di una soluzione di e-business. Professionisti aziendali, Manager e Dirigenti interessati allo sviluppo di soluzioni di e-business. Il corso, con un approccio fortemente operativo e con una modalità didattica interattiva, prevede: dinamiche della Rete: - riconoscere l'importanza dell'e-business quale attivatore di nuove opportunità di business; - individuare i modi in cui l'e-business abbatte le barriere geografiche; la riconfigurazione del business; il potenziamento della catena del valore; alla ricerca di un mercato: - riconoscere i benefici delle nuove strategie di marketing nel mercato dell'e-business; - individuare i modi di integrare l e-business nella strategia aziendale; - la gestione dei clienti in ambiente e-biz: e-crm. comunicare i prodotti e/o servizi: - riconoscere il valore delle nuove strategie pubblicitarie introdotte da Internet; - individuare le varie strategie per fare pubblicità su Internet. Il percorso si articola su un totale di 16 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 16

17 ENTREPRENEURSHIP: DALL IDEA AL PIANO DI IMPRESA Il corso, costruito in un ottica di modularità e flessibilità, si propone di prendere per mano e guidare alla realizzazione del piano di impresa coloro che, avendo maturato un idea di business, si trovano nella necessità di dover pianificare lo sviluppo del senza avere la conoscenza dell intero e complesso processo di progettazione. Individuare con chiarezza i fattori chiave da tenere sotto controllo nell avvio e nello sviluppo di un nuovo business, sia nel caso di una nuova iniziativa imprenditoriale, sia in quello di diversificazione di un impresa già esistente. Trasferire i fondamenti concettuali del processo di progettazione di impresa e gli strumenti metodologici e operativi alla base della realizzazione del piano di impresa. Acquisire le tecniche necessarie alla valutazione economica e finanziaria del. Il formativo individua, come suoi destinatari privilegiati, coloro che si trovano nella necessità di pianificare lo sviluppo di progetti imprenditoriali: aspiranti imprenditori, imprenditori, addetti alle attività di pianificazione, assistenti di direzione generale, consulenti e analisti di che non possiedono le strumentazioni necessarie ad affrontare le problematiche della progettazione di impresa. Il corso esamina il tema dello sviluppo di un imprenditoriale con un approccio decisamente operativo dal punto di vista dell impostazione strategica, delle implicazioni operative e degli aspetti economico-finanziari. Inoltre, la presenza di una fase di follow up permette di procedere ad una immediata verifica del proprio processo di apprendimento e avviare un primo confronto con consulenti esperti. l analisi dello scenario competitivo; l individuazione dei vantaggi competitivi; il piano di marketing; il piano di produzione; l assetto organizzativo; il piano di investimento; l analisi economico-finanziaria; analisi di follow up. Il percorso si articola su un totale di 56 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 17

18 FINANZA AZIENDALE La finanza aziendale assume un ruolo strategico in tutte le aziende chiamate a fare i conti sempre più con il cosiddetto paradosso gestionale: prendi più a meno. Il corso mira a trasferire ai partecipanti le logiche di base necessarie al perseguimento di un'efficace gestione aziendale attraverso una chiara metodologia di approccio ai problemi gestionali in chiave finanziaria. Particolare attenzione viene dedicata al trasferimento di conoscenze teoriche e pratiche sulla struttura economica, finanziaria e patrimoniale dell azienda e sui principali strumenti amministrativi e finanziari a disposizione del management aziendale. Quadri e dirigenti con un percorso di carriera già avviato, e coloro che desiderano acquisire una competenza sul tema nell area amministrazione e finanza. Il corso, con un taglio molto operativo, alterna l apprendimento teorico alla sperimentazione e contestualizzazione alle specifiche realtà aziendali seguendo il seguente percorso: analisi di bilancio: - studio del bilancio di esercizio quale primario e inderogabile strumento per l analisi dello stato di salute dell azienda nel profilo patrimoniale, finanziario ed economico; controllo di gestione: - nozioni e strumenti per il controllo di gestione; - principali differenze tra la contabilità generale e quella analitica (o dei costi); - analisi delle tecniche di funzionamento e degli scopi della contabilità analitica; finanza di impresa: - analisi della formazione e delle modalità di copertura del fabbisogno finanziario d impresa; - le fonti esterne di finanziamento; valutazione dei progetti di investimento: - come determinare i flussi di cassa da attualizzare; - valore attuale netto (VAN) come miglior criterio di scelta degli investimenti; - investire quando le risorse finanziarie sono limitate. Il percorso si articola su un totale di 32 ore. La data di erogazione è da concordarsi con la segreteria corsi con 30 giorni di Il corso potrà svolgersi c/o le sedi Project & Planning o c/o la sede aziendale Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 18

19 HOSPITALITY MANAGEMENT: LA GESTIONE STRATEGICA DELL OFFERTA TURISTICA Negli ultimi anni il turismo ha assunto un ruolo sempre più trainante nel sistema economico italiano. La sopravvenuta complessità nel ricercare ed ottenere la soddisfazione della clientela, nonché l elevata competizione esistente non più solo tra località turistiche, ma tra sistemi-paese nella gestione dell offerta turistica complessiva, impongono un ripensamento totale del sistema gestionale utilizzato finora. Occorre sviluppare la sensibilità degli imprenditori impegnati nella gestione del servizio turistico, verso una gestione totale della qualità e, conseguentemente, verso un miglioramento continuo del livello di servizio erogato al cliente. Comprensione delle modalità di gestione dell organizzazione turistica attraverso lo sviluppo di fondamentali competenze manageriali, del tutto simili a quelle utilizzate dalle più avanzate realtà imprenditoriali. Fornire una completa rappresentazione dello scenario turistico nazionale ed internazionale, così da avere presente le principali evoluzioni interessanti il settore. Fornire gli strumenti organizzativi per la gestione delle attività di marketing proprie del comparto turistico. Trasferire le logiche tipiche dell approccio al mercato da parte degli operatori turistici, analizzando nel dettaglio le componenti fondamentali di gestione del servizio turistico ed i soggetti che ne influenzano la performance sui mercati. Imprenditori, dirigenti e funzionari di aziende turistiche e coloro che intendono cimentarsi in una nuova attività imprenditoriale nel comparto turistico. Il corso si articola in un primo momento seminariale che, sempre privilegiando un taglio operativo, consente l approfondimento delle tematiche specifiche, e in un attività di follow up per le verifiche delle specificità sul campo dei concetti illustrati nelle fase seminariale. sistema turistico e scenari prospettici; pianificazione della qualità e prevenzione dei disservizi ; misurazione del livello di soddisfazione della clientela e customer satisfaction; il marketing nel settore turistico; l hospitality management; il marketing di una località turistica: operatori pubblici e privati; attività di follow up. Il percorso si articola su un totale di 24 ore. La data di erogazione è da concordarsi con la segreteria corsi con 30 giorni di Il corso potrà svolgersi c/o le sedi Project & Planning o c/o la sede aziendale Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 19

20 IL CRUSCOTTO DEI COMANDI: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO L'evoluzione della realtà dei mercati ha reso necessaria l'introduzione e l utilizzo di sistemi di Pianificazione e Controllo per il governo delle attività d impresa anche nelle aziende di medie e piccole dimensionale quali richiedono la costruzione di un efficace cruscotto dei comandi che aiuti il manager nelle scelte Il corso si propone l approfondimento dei sistemi di pianificazione e di controllo di gestione per consentire alla direzione: di formulare le scelte strategiche corrette, ottenute mediante l aumento della qualità delle conoscenze e dei supporti ai processi decisionali; l implementazione delle strategie, la guida e la responsabilizzazione dei manager verso gli obiettivi della gestione; la valutazione delle prestazioni a livello di sistema aziendale e di singolo manager. Imprenditori, amministratori delegati, direttori generali, responsabili di funzione aziendale, controller, consulenti di direzione aziendale. Il corso propone da un lato, l analisi di metodi e strumenti di misurazione dei risultati della gestione aziendale strategica ed operativa, dall altro le modalità di responsabilizzazione e di valutazione dei manager sui risultati. La metodologia adottata, caratterizzata da un costante riferimento a realtà operative concrete, prevede un equilibrato mix tra approfondimento teorico e sperimentazione pratica anche con l ausilio di esercitazioni pratiche. il Sistema di Pianificazione e Controllo e la sua evoluzione; il controllo strategico e direzionale; Dash Board e i Key Performance Index; i moderni Sistemi di Pianificazione e Controllo: le balanced scorecards. Il percorso si articola su un totale di 24 ore. Se il percorso formativo verrà erogato presso la sede dell azienda richiedente, il costo includerà la trasferta del docente. 20

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli