CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO K O O L T U O

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO 6-59 - 2013 4 1 0 2 K O O L T U O"

Transcript

1 FONDI&SICAV CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 6 - Numero 59 - Dicembre 2013 Outlook 2014 Un mondo comunque sulla buona strada Wall street sempre stellare Europa, fine di un incubo A caccia di occasioni emerging

2

3 Editoriale Un mondo che cambia Con il recente taglio dei tassi e in attesa dei futuri rialzi che le previsioni collocano a metá 2015 ci si prospetta una situazione verificatasi in passato sui nostri mercati: investire in un mondo a interessi a zero. Scenario nuovo per tutti, gestori compresi, che dovranno dimostrarci di sapere affrontare con successo anche questa nuova e inusuale sfida e non è scontato che tutti ne sappiano uscire vincitori. Il primo passo compiuto dalle società di gestione è stato proporci innovative soluzioni di investimento interessanti che vanno verso quel concetto di delega di cui sempre più spesso sentiamo parlare e di cui il gestore ha quotidianamente bisogno per trovare rendimento in mercati sempre più in evoluzione e volatili. Prodotti che proprio per la flessibilità che ne è caratteristica dovremo però tenere sempre più sotto controllo per condividerne le scelte dei money manager. Questi strumenti dovranno convincerci per essere scelti e, una volta inseriti in un portafoglio diversificato, sarà necessario che siano sottoposti a un secondo esame: anche quello che preso e analizzato da solo può essere il miglior prodotto, non è detto che resti tale, se inserito e mixato con altri investimenti. Fare consulenza in un mercato in continua evoluzione vuole dire anche cambiare il punto di vista: cominciare a ragionare sempre più in ottica di un intero portafoglio invece che considerarlo come semplice sommatoria degli asset che lo compongono. Non limitarsi al solo rendimento, ma considerare anche il rischio. Sembrano banalità, ma la quotidianità ci insegna che spesso ce ne dimentichiamo inseguendo mode e rendimenti. Serve un metodo, occorrono strumenti, è necessaria l informazione finanziaria, bisogna cambiare ed evolvere la figura del consulente del risparmio, che sia esso promotore o bancario o private banker o qualsiasi altra definizione. Sapere scegliere, sia gli strumenti, sia il consulente, farà la differenza. GIUSEPPE RICCARDI Un difficile outlook per l'italia ALESSANDRO SECCIANI T ra gli outlook del 2014 che abbiamo presentato, manca quasi completamente l'italia, che viene sostanzialmente snobbata dalla maggior parte degli interlocutori. Qualcuno si limita a dire che il Belpaese (almeno di ciò nessuno dubita) sta migliorando, così come la periferia europea. Qualche attenzione la riceviamo sul piano strettamente speculativo, sia per quanto riguarda i bond, sia per le azioni, ma ben pochi pensano di investire in maniera costante su Piazza Affari. In fondo, rispetto agli anni in cui venivano lanciati preoccupanti allarmi sulla nostra durata e sulla possibilità di restare nell'euro, possiamo dire che è andata bene: non siamo in cima alle preoccupazioni mondiali come il paese che potrebbe sfasciare l'euro. Ma è davvero così, in un momento in cui cominciano a girare i forconi per strada e leader più o meno populisti vogliono mettere sotto accusa il Presidente della repubblica (la Costituzione lo consente solo per alto tradimento)? E' davvero normale una nazione che non riesce a trovare un accordo neppure sulla legge elettorale, cioè sulla prima delle regole del gioco? Francamente qualche dubbio lo abbiamo. Al di là della leadership politica, sulla quale è già stato detto tutto, ciò che manca nel paese (e non solo da oggi) è una classe dirigente credibile nell'industria, nella finanza, nello stato e in tutti i gangli più importanti. Quanto tempo è che un'industria italiana non coglie significativi successi a livello internazionale, a parte le solite firme della moda, che peraltro vengono sempre più spesso acquisite da gruppi stranieri? Dopo l'exploit di UniCredit, l'ultima grande struttura finanziaria italiana ad avere conquistato una forte espansione internazionale, nessun altro ha di fatto dimostrato un minimo di dinamismo sui mercati fuori dai confini. Per il resto ci sono le Telecom, i Monte dei Paschi e soprattutto il vuoto più assoluto. Ma non è problema recente e non si risolverà nel 2014, anche se i nuovi 40enni d'assalto riuscissero nel loro intento di dare un forte stimolo al paese. Del resto, per quanto siano la cosa più detestabile in assoluto, le guerre danno un quadro veritiero di una nazione. E noi siamo stati quasi sempre furbescamente dalla parte del presunto vincitore (spesso sbagliando...), con un esercito composto da ottimi soldati, bravi sottufficiali (da qui le nostre piccole e medie imprese) e pessimi ufficiali. E purtroppo, con vizi secolari alle spalle, non cambieremo nel FONDI&SICAV/Dicembre

4 Sommario Dicembre Equity global L anno d oro dell Msci World 14 Outlook 2014 Ottimismo, ma non entusiasmo Nel complesso gli analisti sono positivi sull'anno che sta arrivando. Rispetto al recente passato c'è in più la ripresina dell'europa, che solo fino a qualche mese fa appariva nel pieno della crisi. Nessuno però si azzarda a parlare di economia tornata forte e si pensa che nella sostanza sarà ancora una fase di transizione. Aiutata, per fortuna, dalle politiche monetarie delle banche centrali PROMOTORI&CONSULENTI PROMOTORI&CONSULENTI PROMOTORI & 40 FONDI&SICAV Dicembre 2013 Bancari Bancari Bancari nelle reti nelle reti/2 nelle reti/3 Una categoria I portafogli non Formarli non in pieno boom sono scontati è così facile Maurizio Vitolo, amministratore delegato di Consultinvest Investimenti Sim Un anno cruciale Maurizio Vitolo, amministratore delegato di Consultinvest Investimenti Sim «Un anno di grande crescita» Reclutamento dagli sportelli Il bancario nella rete Reclutamento dagli sportelli/2 Per muovere i primi passi 4 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

5 Fondi&Sicav n Etf - Regno Unito Tante opportunità da Albione La Gran Bretagna è oggi uno dei paesi che vanno meglio in Europa e su Borsa Italiana ci sono diversi Exchange traded fund che hanno come benchmark alcuni tra gli indici di riferimento più diffusi sul London Stock Exchange. Tra questi, i più importanti sono il Ftse 100 e l'msci Uk, ma non mancano le possibilità di investire sulle small cap o sui titoli a elevata capitalizzazione, o ancora su quelle società che distribuiscono i dividendi in misura più consistente. 58 Fondi azionari - Giappone Un enigma a Tokyo Saranno necessari almeno altri sei mesi per capire se l Abenomics è un bluff destinato a sgonfiarsi. Nel frattempo dovrebbero partire le indispensabili riforme del sistema. Solo un incremento duraturo degli utili aziendali che dipenda dai progressi fatti in termini di efficienza e non legati alla svalutazione dello yen potrà dire se la piazza nipponica è affidabile. Per il momento, pure in presenza di una fortissima crescita dell'indice di borsa, i ratio sono migliori rispetto agli Usa e gli operatori sono ottimisti 66 Osservatorio previdenza - I medici specialisti ambulatoriali Un intervento pesante L introduzione del metodo di calcolo contributivo indiretto per i trattamenti a decorrere dall 1 gennaio 2013 rappresenta solo una delle modifiche più importanti apportate per assicurare sostenibilità nel lungo periodo alla gestione Enpam. Gli obiettivi principali rimangono l equità attuariale e la sicurezza finanziaria, anche se la differenza di pensione tra nuove e vecchie generazioni resta forte Le rubriche 3 Editoriale 6 Faccia a Faccia 8 Notizie in breve 70 My life, My style FONDI&SICAV/Dicembre

6 Faccia a faccia con il gestore Johannes Jooste di Merrill Lynch «Un maggiore slancio» Se il 2013 doveva essere l anno della big rotation a favore dell equity, il 2014 vedrà la conferma di questo trend, sulla scia di un economia mondiale in via di miglioramento. Con gli Stati Uniti che faranno meglio rispetto agli emergenti e l Europa che uscirà dalla recessione dell ultimo quinquennio JOHANNES JOOSTE, CHIEF MARKET STRATEGIST DI MERRILL LYNCH WEALTH MANAGEMENT EMEA a cura di Elisa Donati Sebbene l Italia venga considerata alla stregua di un malato in via di guarigione, il Vecchio continente, secondo Johannes Jooste, chief market strategist di Merrill Lynch Wealth Management Emea, continuerà a rivestire l ingrato ruolo di fanalino di coda. Tuttavia, con una crescita maggiormente allineata a livello globale, le opportunità non mancheranno, specie nella fascia settentrionale dell Asia e in Cina. Quali sono le vostre previsioni per il prossimo anno a livello globale e, dal punto di vista geografico, dove avete individuato le migliori opportunità? «A nostro avviso, nel 2014 la crescita economica vivrà una fase di maggiore slancio e sarà più sincronizzata a livello globale, a differenza di quanto verificatosi nel Nello specifico, la regione dalla quale ci attendiamo le performance più brillanti è quella che comprende la parte settentrionale dell Asia e la Cina, dove la domanda dovrebbe ruotare, seppure in maniera graduale, dai beni d investimento ad alto utilizzo di materie prime verso i prodotti di consumo. In questo scenario, gli Stati Uniti faranno meglio rispetto alle economie emergenti grazie al maggiore supporto che seguiteranno a ricevere dalla Banca centrale. Spostandosi sul fronte europeo, invece, le previsioni non si possono certo definire altrettanto ottimistiche. Il Vecchio continente, infatti, continuerà a rivestire l ingrato ruolo di fanalino di coda, sebbene ci si aspetti comunque una crescita positiva dopo la pesante recessione che ha caratterizzato l ultimo quinquennio». Soffermandosi un istante sul fronte europeo, in particolare su quello periferico, come ne valutate lo stato di salute? È una regione nella quale si potrebbero trovare occasioni interessanti? «Per quanto riguarda la periferia del Vecchio continente, si scorgono segnali di miglioramento per le esportazioni. Caratterizzeranno il trend ascendente un mix di fattori, quali la rinnovata debolezza dei consumi interni unitamente a una più aspra competitività delle esportazioni, che, incentivati da una crescita globale maggiormente sostenuta, nonché dall aggiustamento dei salari reali in alcuni dei paesi dell area, dovrebbero continuare a favorire questa tendenza durante tutto il 6 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

7 prossimo anno. E, a proposito della questione salariale, ritengo che ci siano alcune puntualizzazioni da fare. Se, ad esempio, in Irlanda la competitività è sostenuta appunto da un deciso allineamento dei compensi verso il basso, lo stesso non si può certo dire di Italia e Francia. D altro canto, è necessario sottolineare come questa manovra di aggiustamento sugli stipendi corrisponda in realtà a una svalutazione interna, in linea con l austerity di matrice tedesca che negli ultimi anni ha rallentato la ripresa dell Eurozona. Se infatti per i paesi di Eurolandia non è possibile acquisire competitività tramite la perdita di valore della moneta unica, allora la sola alternativa è abbattere una scure sui salari. Un processo che potrebbe tuttavia rivelarsi un arma a doppio taglio, poiché l impoverimento progressivo dei consumatori non fa che deprimere la domanda interna, con evidenti ripercussioni sulle imprese». «A destare le maggiori preoccupazioni è la Francia, a causa dei suoi grossi problemi strutturali» A proposito di Italia e Francia, considerando che Parigi è stata recentemente messa sul banco degli imputati dalle agenzie di rating con il downgrade, dove ritenete che vi sia la situazione più difficile? «A destare le maggiori preoccupazioni è sicuramente la Francia, a causa dei suoi grossi problemi strutturali che la penalizzando da tempo. Se infatti l Italia si può considerare alla stregua di un convalescente in via di guarigione, lo stesso non si può dire del paese transalpino. In particolare, appare estremamente complicata la situazione in cui versa il mercato del lavoro, nonché il rapporto debito/pil, peggiorato significativamente rispetto a pochi anni fa, quando era in linea con quello della Germania. Inoltre, i bond francesi con scadenza decennale non riflettono fedelmente la reale situazione in cui si trova il paese, soprattutto se si pensa che i Btp italiani sullo stesso orizzonte temporale pagano sensibilmente di più, con un tasso attorno al 4%». Il 2013 è stato caratterizzato da una rotazione dal reddito fisso all equity. Credete che questo trend si confermerà anche il prossimo anno? «Sicuramente, il miglioramento della congiuntura economica a livello globale si concretizzerà in una predilezione per l equity a scapito del segmento obbligazionario, andando in questo modo a confermare il trend già avviato durante il La dimensione e la qualità degli utili saranno tuttavia determinate più dalle vendite che dall espansione dei margini in molti dei mercati sviluppati. Per chi invece decidesse di restare ancorato al fixed income, stimiamo che si verificherà una decisa preferenza per il rischio credito rispetto al rischio tasso, anche in vista di una normalizzazione della politica monetaria della Fed, il famigerato tapering, che andrà presumibilmente a impattare sui tassi dei titoli di stato, spingendoli al rialzo». Passando, infine, alle manovre di politica monetaria delle banche centrali, quale ritenete che sarà la tendenza per il prossimo anno? «Nel 2014 solo la Banca centrale giapponese dovrebbe aumentare ulteriormente gli stimoli all'economia, al contrario della Fed che invece potrebbe avviare il tapering e della Bce che resterà vigile per aiutare l'economia dell Eurozona a riprendere finalmente il sentiero della crescita. Tuttavia, non escludiamo che l Eurotower possa decidere di lanciare una nuova asta a tre anni (Ltro) se l'asset quality review non porterà le banche a sbloccare finalmente le linee di credito a imprese e privati. Pertanto, il 2014 vedrà il settore privato rivestire un ruolo di maggiore rilievo; la liquidità iniettata dalle banche centrali rimarrà un sostegno altrettanto importante per la crescita economica». FONDI&SICAV/Dicembre

8 News Svezia e Norvegia In alcuni paesi appartenenti al gruppo degli industrializzati, preoccupa non poco il probabile avvio di una fase deflazionista. In Svezia, il ministro delle Finanze e il governatore della Riksbank, la Banca centrale del paese, hanno lanciato l allarme sui rischi collegati alla caduta continuativa dei prezzi, invitando tutti a prendere molto sul serio il fenomeno. L'istituto di emissione ha mantenuto il tasso di riferimento all 1% nel 2013, ma le parole pronunciate dal governatore Stefan Ingves lasciano ipotizzare che sia prossimo il taglio del costo del denaro. La decisione sui tassi si conoscerà il 17 dicembre. Deflazione alla scandinava In ottobre, la variazione dei prezzi al consumo ha registrato un calo di un decimo su base annua, tornando ad alimentare il trend ribassista che aveva caratterizzato il primo semestre dell anno. Inoltre, l economia svedese è ormai prossima alla recessione, dopo che il Pil ha subito una contrazione inter-trimestrale dello 0,2% tra aprile e giugno. Il mercato sta cominciando a scontare una riduzione dei tassi. Nei primi 11 mesi del 2013, la corona svedese ha infatti perso quasi il 5% contro l euro, portandosi sui livelli più bassi dalla metà del Anche nei confronti del dollaro statunitense, la divisa svedese ha ceduto qualche posizione. Allo stesso tempo, la debolezza della valuta di Stoccolma sta contagiando anche la moneta della vicina Norvegia. Il team di Nordea, focalizzato sulle economie scandinave, ha recentemente rivisto le previsioni di crescita della Norvegia da settembre. Ci sono chiari segnali di un arretramento del mercato immobiliare, con un calo dei prezzi delle case sia nel 2014 sia nel 2015 che contribuirà a un brusco calo delle costruzioni. Gli investimenti petroliferi stanno raggiungendo il picco. La discesa dei prezzi delle case, l incremento dei redditi più basso e un aumento dell incertezza economica intaccheranno la capacità di spesa per i consumi, che quest anno sta già mostrando una crescita inferiore alle aspettative. Ma due tagli dei tassi e un ipotetico sostanziale aumento nella spesa dei proventi del petrolio dovrebbero smorzare questo trend. Rupia indiana Il rallentamento dell'economia, l ampio deficit delle partite correnti e la crescente quando sono state introdotte le nuove misulente al deficit delle partite correnti. Da inflazione non sono certo elementi positivi per la rupia. I deflussi di capitali di breve glietto verde, salendo a 63. re, la rupia ha recuperato il 10% contro il bi- termine hanno dato vita al primo crollo della L agenzia S&P ha di recente sottolineato il moneta di Mumbai. Gli investitori hanno abbandonato la valuta, scesa ad agosto ai mini- politica del nuovo governo non fosse suffi- rischio di downgrade, nel caso in cui l agenda mi contro il dollaro americano, vicino quota ciente a generare migliori prospettive di crescita e ridurre il deficit fiscale. Sebbene ci sia- 69. La Banca centrale ha attuato a luglio provvedimenti di emergenza, alzando i tassi no alcuni indicatori che segnalano i rischi di di interesse per contrastare i deflussi e stabilizzare la divisa indiana. Inoltre, l Istituto ha anche elementi mitiganti. Un ampia parte una crisi di finanziamento esterna, ci sono avviato due programmi di swap che permet- dell aumento del debito esterno è imputabile Ancora nella tempesta tono alle banche di attrarre finanziamenti all incremento di quello a breve termine legato a crediti commerciali. Con le importazioni esteri per scambiare quei fondi con rupie a un tasso più basso rispetto a quello di mercato. limitate dal governo, questo debito dovrebbe La Banca centrale ha poi prolungato i programmi, che finora hanno raccolto 22,7 micati è quindi dovuto ai recenti provvedimen- ridursi. Il maggiore livello di fiducia dei merliardi di dollari americani, ammontare equivati della Banca centrale. «In conclusione, siamo ottimisti riguardo l outlook della rupia indiana per i prossimi sei-12 mesi, anche se non sono da escludere ostacoli nel breve termine», sostiene Martin Arnold, responsabile ricerca di Etf Securities. «Nel primo trimestre del 2014 via via che i mercati assorbiranno le aspettative di un tapering della Federal Reserve, il cross usd/inr dovrebbe indebolirsi. L andamento del cambio dipenderà anche dai risultati delle elezioni indiane. Se i politici locali riusciranno ad attuare vere riforme economiche, ci aspettiamo che nel secondo trimestre del 2014 inizierà un apprezzamento strutturale di lungo termine della rupia, verso un livello di 55 contro il dollaro Usa». 8 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

9

10 News Le Filippine secondo Mark Mobius Dopo che alcuni investitori globali nord-orientale degli Stati Uniti, la grande hanno reagito alla tempesta che ha tempesta Sandy del 2012 provocò un calo colpito le Filippine vendendo le solo dell 1% del Pil; date le dimensioni molto più ridotte dell economia filippina, l im- azioni di società del paese, facendo scendere pesantemente il mercato, Mark Mobius, patto è destinato a essere decisamente più forse il più famoso gestore di fondi emerging grave di quello provocato da Sandy negli e money manager di Franklin Templeton, ha Usa. Penso tuttavia che dovrebbe essere di risposto con molta forza e totalmente contro corrente. «Continuiamo a credere nel è in grado di procedere alla ricostruzione durata relativamente breve. Il paese asiatico e «Si riprenderanno presto» grande potenziale di questo paese e riteniamo che abbia le capacità necessarie per rido recuperare le perdite subite». riteniamo che la crescita potrebbe in tal moprendersi e che riuscirà a farlo, anche se non Positiva anche la visione finanziaria: «Le sarà facile», spiega il gestore. «Al momento è rimesse di denaro da parte dei filippini che lavorano all estero, in particolare negli Stati difficile calcolare l impatto del tifone Haiyan sull economia, per la quale quest anno era Uniti, in Medio oriente e in Europa, sono importantissime per l economia del paese e do- stata prevista una crescita del 6,8%, più elevata rispetto a Indonesia, Vietnam, Thailandia e Malaysia. Presumibilmente le perdite mi otto mesi del 2013, i lavoratori all estero vrebbero contribuire alla sua ripresa. Nei pri- legate alla tempesta saranno nell ordine di hanno inviato in patria oltre 14 miliardi di decine di miliardi di dollari. Nella regione dollari Usa. Da parecchio tempo, nutriamo grande fiducia nelle prospettive di questa nazione, che a nostro giudizio ha ancora un notevole potenziale. Grazie a una forza lavoro che parla inglese e ha stretti legami con gli Stati Uniti, il paese ha acquisito un margine competitivo in termini di outsourcing delle attività e di fattori analoghi». Positiva anche la visione politica di Mobius: «Negli ultimi anni, l amministrazione del presidente Benigno Aquino ha avviato un programma di riforme e il rating creditizio globale è stato promosso al rango di investment grade». Svizzera La crescita della Svizzera continua a rimanere solida. L'incremento del Pil del secondo trimestre è più che raddoppiato al 2,5% anno su anno dall'1,2% del primo trimestre. I consumi delle famiglie (+3%) e le esportazioni (+4%) hanno supportato il miglioramento. Buoni i risultati anche in rapporto alla crisi di questi ultimi anni: l'aumento del Pil si attesta a +5,8% rispetto a quello del primo trimestre 2008, contro il 5,3% di Stati Uniti e Regno Unito. Il Giappone e l'eurozona, invece, non sono ancora riusciti a tornare ai rispettivi livelli di reddito pre-crisi. Crescita e solidità Permane tuttavia la deflazione, con i prezzi al consumo in calo dello 0,3%, anno su anno, e quelli core in ribasso dello 0,1% in ottobre: viene così supportata la possibilità di una politica monetaria ultra-accomodante (compreso il costante mantenimento del cambio fisso fra il franco e l'euro a 1,20). Il paese elvetico potrebbe realizzare una crescita dell'1,5-2,0% quest'anno e il prossimo. Questi buoni risultati sono stati favoriti dal continuo flusso dei lavoratori migranti. Lo sviluppo ha interessato in particolare il settore dell'edilizia residenziale. La tendenza potrebbe supportare i consumi più generali: l'istituto Economico Kof prevede una crescita del 2% anno su anno nel Nel mese di ottobre il Barometro economico Kof è salito per il settimo mese consecutivo, a livelli più elevati rispetto a quelli dell'anno prima. Ciò indica che l'incremento del Pil del quarto trimestre potrebbe essere robusto La Svizzera continua a beneficiare di un solido bilancio statale. Le riserve estere si attestavano al 79,2% del Pil nel secondo trimestre, in calo dal primo quarto dell'anno (83,9%), ma in rialzo rispetto ai 12 mesi precedenti (71,75%). I surplus gemelli (fiscale e commerciale) e la previsione di un conto corrente al 12,9% del Pil implicano un ulteriore rafforzamento. Il debito dello stato potrebbe scendere (contrariamente a quanto avviene in altri paesi sviluppati) al 43,2% del Pil nel 2014, da un livello già basso, pari al 46,7% nel FONDI&SICAV/Dicembre 2013

11

12 Equity Global Portfolio by Allfunds Bank L anno d oro dell Msci World Politica di investimento IIl 2013 è stato positivo per l equity global, rappresentato in questo studio dall indice Msci World; da inizio anno la performance è stata del si rispecchia in un overperformance Indice Msci World tafogli hanno qualche differenza, che Informazioni generali 20,53% in dollari, con una breve caduta del 7,4% a maggio. In questo del nostro portafoglio globale dell 1,04% Lancio 16 novembre 2010 focus abbiamo confrontato l indice con un portafoglio Allfunds Bank che ha su tre anni. Divisa Euro reso Ytd circa il 15% contro il 15,94 del benchmark. A livello di paesi, l Msci pesa maggiormente gli Usa, con il 53,64% dell indice, La composizione del benchmark ha per il 21% circa un esposizione ai titoli mentre il portafoglio Afb arriva al 45,8%, con una maggiore quota finanziari, seguita dal 12,23% di consumer discretionary e dall 11,65% di Uk ed Europa. Abbiamo analizzato anche la qualità creditizia dell'allocazione di information technology. Quest ultimo settore ha nelle prime quattro singole non investita in equity e mantenuta in liquidità, osservando che tutti esposizioni ben tre società Usa: Apple, Google e Microsoft. Nel portafoglio gli asset sono altamente liquidabili e con qualità creditizia elevata. che abbiamo creato, invece, il settore finanziario è sottopesato del 5%, Il portafoglio creato per il confronto rappresenta un campione di circa con un esposizione al 15,63%, mentre tra i settori più rappresentati troviamo 1,8 miliardi di euro investiti in fondi intermediati da Allfunds Bank appar- anche i consumer staples al 13,36% e industrials all 11,73%, seguito poi tenenti unicamente alla categoria equity global. da consumer discretionary all 11,72%, sottopesato rispetto all indice. I por- Periodo di calcolo: 18/11/ /11/2013. Tutti i calcoli sono in euro Risultati (dal 1 novembre 2010 al 29 novembre 2013) VAMI Portafoglio Indice 7,5 5 2,5 0-2, / / / / / / / / /2013 Capture ratios (dal lancio) Up capture ratio 24,78% Down capture ratio 77,39% Up months in up markets 83,49% Down months in down markets 73,92% Up market out performance 24,4% Down market out performance 80,91% Total out performance 106,7% Rendimento mensile Anno Portafoglio/Indice* Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic 2013 Portafoglio 2,79% 3% 3,61% 0,19% 1,79% -3,42% 2,79% -1,42% 2,75% 2,77% 1,14% - Msci World 2,24% 3,19% 4,67% 0,8% 0,22% -3,16% 3,64% -2,04% 2,72% 2,8% 1,99% Portafoglio 4,48% 3,13% 0,9% -0,13% -3,22% 2,43% 3,73% -0,06% 0,65% -0,58% 1,13% 0,47% Msci World 3,04% 2,58% 1,68% -0,31% -3,04% 3,37% 3,72% -0,36% -0,01% -1,24% 1,13% 0,14% 2011 Portafoglio -1,76% 1,66% -1,33% 0,57% 1,06% -2,13% -0,68% -5,98% -3,95% 6,98% -0,77% 2,35% Msci World -0,28% 2,27% -3,83% -0,55% 0,77% -2,19% -0,56% -8,48% -2,45% 6,34% 1,54% 3,53% 2010 Portafoglio ,16% Msci World ,33% ROR Volatilità Indice Sharpe Portafoglio 9,65% 9,57% 0,97 Msci World 9,38% 14,43% 0,62 Active Premium Statistiche Drawdown analysis (dal lancio) Drawdown Lunghezza Recovery Peak Valley -17,1% /01/ /10/ ,12% /05/ /06/2013-7,8% /03/ /06/2012-6,4% /10/ /11/2011-7,29% /03/ /06/2012-4,55% /08/ /11/2012 Correlazione R2 Beta Alfa T.E. Info Ratio Jensen Alfa -5-7,5 Treynor Ratio 0,28% 0,81 0,66 0,54 4,56% 8,66% 0,53 4,04% 17,15 12 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

13 A CURA DI ALLFUNDS BANK INVESTMENT SERVICES Asset allocation (dati al 30 settembre 2013) Qualità del credito (dati al 30 settembre 2013) Future Forwards Private equity Liquidità Opzioni Warrants Altri Obbbligazionari Azionari 88,49% 0,6 0,5 0,4 AAA A-1 A-2 BBB+ Altri 0,33% 0,52% 50 0,3 0,2 0,14% 0,16% % 0% 0,01% 0,09% 0,1% 0,11% 2,79% 8,42% 0,1 0,0-0,1-0,08% Distribuzione geografica (dati al 30 settembre 2013) Distribuzione per divisa (dati al 30 settembre 2013) Paesi bassi Germania Canada Giappone Lussemburgo Francia Svizzera Altri Stati Uniti Regno Unito 6,83% 3,63% 3,86% 4,15% 4,93% 5,01% 5,32% 9,35% 19,36% 37,68% ,8% Usd Euro Sterlina Franco svizzero Non disponibile Yen Dollaro canadese Dollaro di Hong Kong Dollaro australiano Corona svedese 19,11% 10,15% 6,4% 4,98% 4,72% 3,4% 2,29% 1,99% 1,15% Distribuzione settori (dati al 30 settembre 2013) Rendimento cumulato 17,5 15,0 12,5 10,0 7,5 5,0 2,5 0,0 Servizi pubblici Energia Altri Materiale It Health care Consumo ciclico Industria 13,36% 11,73% Beni prima necessità Finanziario 11,72% 9,67% 8,8% 8,91% 7,34% 7,41% 1,84% 15,51% Portafoglio Indice 1/1/11 1/4/11 1/7/11 1/10/11 1/1/12 1/4/12 1/7/12 1/10/12 1/1/13 1/4/13 1/7/13 1/10/13 1 giorno 1 sett. mese 3 mesi 6 mesi 1 anno 3 anni Lancio Portafoglio -0,08% 0,25% 0,93% 5,8% 5,02% 17,94% 29,58% 33,49% Indice 0,12% -0,31% 1,24% 6,8% 5,84% 18,24% 27,34% 32,45% La presente scheda ( il documento ) è una presentazione preparata da Allfunds Bank S.A. ( la Banca ). Le informazioni riprodotte nel presente documento non sono e non devono essere intese come ricerca in materia di investimenti, né una raccomandazione o un suggerimento, implicito o esplicito, rispetto ad una strategia di investimento avente ad oggetto gli strumenti finanziari trattati o emittenti strumenti finanziari, né una sollecitazione o offerta, consulenza in materia di investimenti, legale fiscale o di altra natura. Il documento contiene informazioni sintetiche sulle caratteristiche e sui rischi principali di uno strumento finanziario, ha un mero contenuto informativo e riporta solo le informazioni ritenute più rilevanti per la comprensione degli strumenti finanziari e dei loro rischi. Per una descrizione approfondita dello strumento finanziario e dei suoi rischi si rimanda al KIID ed al Prospetto Informativo. Il presente documento contiene informazioni che possono differire rispetto a quelle indicate nella documentazione ufficiale in tal caso valgono queste ultime. Tutte le informazioni contenute in questo documento sono fornite in buona fede sulla base dei dati disponibili al momento in cui è stata redatta. Questo documento si basa su informazioni e fonti considerate attendibili, ma di cui la Banca non è in grado di assicurare l esattezza, a tal fine, quindi. la Banca non è responsabile per eventuali errori, omissioni o inesattezze. È stata adottata la massima diligenza possibile al fine di selezionare le fonti di provenienza dei contenuti. La Banca non offre alcuna garanzia, espressa o implicita, né esprime alcuna dichiarazione in merito all esattezza, adeguatezza o possibilità di accedere a detti contenuti, alla disponibilità degli stessi o al loro utilizzo. La Banca non sarà pertanto responsabile, di nessuno dei suddetti contenuti. Le informazioni sono fornite unicamente a scopo informativo. Il trattamento fiscale applicato dipenderà dalle circostanze individuali di ciascun investitore e può essere soggetto a cambiamenti in futuro. Si prega di consultare i propri consulenti fiscali, contabili e legali. Gli strumenti finanziari presentati sono soggetti ai rischi di mercato e non c è alcuna certezza o garanzia che gli obiettivi degli stessi siano raggiunti. Il valore degli investimenti è soggetto a variazioni anche in virtù delle oscillazioni dei tassi di cambio. Alcuni dei principali rischi dell investimento sono: rischi associati al territorio, rischi di non liquidità, rischi di portafoglio concentrato, rischi di rendimento del portafoglio, rischi di gestione, rischi sui derivati, rischi di prestito, rischi fiscali e rischi azionari. Questi ed altri rischi sono descritti nel prospetto informativo. I potenziali investitori devono leggere attentamente il prospetto informativo per avere informazioni sui rischi, al fine di stabilire se l investimento è adatto a loro. I seguenti rischi possono aumentare la volatilità del prezzo del fondo, amplificando gli effetti del mercato. Si prega di tenere conto, al momento di investire, che: (i) Gli investimenti in titoli azionari sono soggetti ai rischi di mercato, alle condizioni economiche e politiche dei paesi in cui si effettuano gli investimenti e, potenzialmente, al rischio legato ai tassi di cambio valuta. (ii) Gli investimenti in titoli obbligazionari sono principalmente soggetti ai rischi sul tasso d interesse, sul credito e sulla insolvenza e, potenzialmente, al rischio legato ai tassi di cambio valuta. (iii) Gli investimenti in absolute return e strategie alternative sono principalmente soggetti al tasso d interesse, alla liquidità di mercato, al rischio di credito e insolvenza e,potenzialmente, al rischio legato ai tassi di cambio valuta. L uso di prodotti finanziari come parte del processo di investimento può inoltre generare rischi relativi a restrizioni di liquidità e leva finanziaria. (iv) Gli investimenti nei mercati emergenti e/o in piccole società possono comportare un più elevato grado di rischio essendo potenzialmente più volatili rispetto a quelli effettuati nei mercati sviluppati o nelle grandi società. Le performance registrate in passato non sono necessariamente indicative di analoghe performance future. I rendimenti sono al lordo degli oneri fiscali. Il valore dell investimento è soggetto a fluttuazioni. Il presente materiale informativo non è stato soggetto all approvazione di alcuna autorità degli Stati Membri europei. FONDI&SICAV/Dicembre

14 Outlook 2014 La visione globale Ottimismo, ma non entusiasmo Nel complesso gli analisti sono positivi sull'anno che sta arrivando. Rispetto al recente passato c'è in più la ripresina dell'europa, che solo fino a qualche mese fa appariva nel pieno della crisi. Nessuno però si azzarda a parlare di economia tornata forte e si pensa che nella sostanza sarà ancora una fase di transizione. Aiutata, per fortuna, dalle politiche monetarie delle banche centrali Il 2013 è stato un altro anno intenso, anche se meno drammatico del 2012 e sicuramente in misura molto inferiore rispetto al In questi ultimi 12 mesi, infatti, gli investitori hanno avuto come unici momenti di paura, e tutto sommato di breve durata e intensità, una mezza crisi sugli emergenti più squilibrati a livello macro e il paventato tapering da parte della Fed. Per quest'ultimo caso si potrebbe dire che alla fin fine si tratta di problemi che non sono tali, in quanto spie di un'economia più forte e sana. di Boris Secciani e David Tonello In realtà l'apparente marcia trionfale del mercato azionario americano ed europeo nel 2013 nasconde una serie di problemi che non promettono scenari facili. Innanzitutto è chiaro che siamo ben lontani dalla possibilità di tranciare il cordone ombelicale da politiche monetarie ultra-espansive. Di ciò i grandi investitori sembrano rendersi conto con una certa lucidità. Andreas Utermann, global cio di Allianz Global Investors, afferma: «La repressione finanziaria non è finirà tanto presto, con tassi di interesse che sono destinati a rimanere bassi per lungo tempo. Vediamo senz'altro un'accelerazione della crescita economica, specialmente in Europa, ma questo fenomeno dovrebbe rimanere moderato: troppi sono ancora gli ostacoli sul cammino. Il deleveraging del settore privato è appena iniziato nell unione monetaria e difficilmente sarà completato negli Stati Uniti e nel Regno Unito. La riduzione dell indebitamento richiede il costante supporto delle banche centrali, ovvero bassi tassi di interesse per un prolungato periodo di tempo». PROFONDE CICATRICI Utermann non è il solo a vedere nubi, pur in un clima di ottimismo. Wouter Sturkenboom, strategist europeo di Rus- 14 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

15 «La situazione internazionale è stata caratterizzata dal deleverage e dalla lenta crescita che hanno fornito alle grandi economie ottime potenzialità» Il panel dei gestori e degli analisti Lorenzo Alfieri, country head per l Italia di Jp Morgan Asset Management; James Balfour, senior macro strategy analyst di Loomis Sayles (gruppo Natixis Global Asset Management); Fabrizio Basile, head fixed income strategy di Vontobel Asset Management; Evan Bauman, portfolio manager di ClearBridge Investments (Legg Mason Group); Axel Botte, fixed income strategist di Natixis Asset Management; Jan Boudewijns, head of emerging equity management di Dexia Asset Management; Mark Burgess, cio di Threadneedle Investments; Philippe Dehoux, head of corporate bond funds di Dexia Asset Management; Philip Dicken, head of european equities di Threadneedle Investments; David Donora, head of commodities di Threadneedle Investments; Mike Dueker, chief economist di Russell Investments; Nadège Dufossé, asset allocation strategist di Dexia Asset Management; Ian Edmonds, co-manager del Legg Mason Western Asset Global Multi Strategy Fund; Scott Glasser, co-cio, managing director e portfolio manager di ClearBridge Investments (Legg Mason Group); Global equity research team di Credit Suisse; Stefan Grünwald, gestore del team global emerging markets and eastern Europe (fixed income) di Raiffeisen Capital Management; David Hoffman, portfolio manager del Legg Mason Brandywine Global Fixed Income Fund di Legg Mason Asset Management; Bernd Kiegler, gestore nel team global equities di Raiffeisen Capital Management; Chris Iggo, chief investment officer, fixed income di Axa Investment Managers; Brigitte Le Bris, head of emerging fixed income and currencies di Natixis Asset Management; Vincent Marioni, high yield credit portfolio manager di Natixis Asset Management; Patrick Moonen, senior equity strategist di Ing Investment Management; Juan Nevado, gestore di M&G dynamic allocation di M&G Investments; Andreas Nigg, head of equity and commodity strategy di Vontobel Asset Management; Philippe Noyard, head of high yield & arbitrage credit management di Dexia Asset Management; Isabelle Rome, head of emerging markets debt management di Dexia Asset Management; Massimo Siano, head Italia di Etf Securities; Wouter Sturkenboom, strategist europeo di Russell Investments; Team di ricerca di East Capital; James Tomlins, gestore del fondo M&G european high yield bond di M&G Investments; Philippe Uzan, chief investment officer long only di Edmond de Rothschild Asset Management; Andreas Utermann, global cio di Allianz Global Investors; Cormac Weldon, head of Us equities di Threadneedle Investments; Asoka Woehrmann, co-chief investment officer di Deutsche Wealth&Asset Management; Sara Yates, global head of Fx strategy di Jp Morgan Private Bank. FONDI&SICAV/Dicembre

16 Outlook 2014 La visione globale sell Investments, sostiene: «Sin dal crack di Lehman Brothers, la situazione internazionale è stata caratterizzata dal deleverage e dalla lenta crescita che hanno fornito alle maggiori economie grandi potenzialità e basse pressioni inflazionistiche. Quella Usa ha pochi squilibri interni e si trova nel mezzo di uno sviluppo piuttosto solido. Il recente stallo politico genererà altra pressione fiscale che potrebbe frenare lo slancio. Senza questa zavorra, gli Stati Uniti potrebbero raggiungere il prossimo anno un incremento del Pil di quasi il 3% e un tasso di occupazione pari a 200 mila nuovi posti di lavoro al mese. La situazione è simile in Europa, dove i segnali a lungo anticipati di ripresa potrebbero essere ostacolati dal fallimento nel processo di creazione dell unione bancaria. Nello stesso Giappone gli errori di politica economica rappresentano il rischio principale. L Abenomics è stata un successo e ha aiutato il Sol Levante a riprendersi. Tuttavia, il rilevante aumento della tassa dei consumi nel momento in cui la ripresa stava prendendo piede rappresenta un pericolo». Infine riportiamo anche l'analisi di Philippe Uzan, chief investment officer long only di Edmond de Rothschild Asset Management: «Il periodo in cui un'economia emerge da una crisi rende sempre i mercati difficoltosi da navigare e ciò al giorno d'oggi è particolarmente vero. Pensare di basarsi sui trend visti nelle precedenti fasi di recupero risulterebbe erroneo, dal momento che nel recente passato non si è mai visto nulla di così serio come la crisi del I paesi sviluppati portano ancora profonde cicatrici a causa di quell'esperienza: di conseguenza il processo di normalizzazione avverrà in maniera molto graduale. Tra i vari problemi possiamo ricordare la fluidità dell'attuale ambiente, il fatto che banche, aziende e famiglie sono finanziariamente ancora fragili nonché la persistente ambiguità degli indicatori macroeconomici. Sarà dunque difficile scegliere il percorso temporale giusto per attuare un ritorno della politica monetaria a una maggiore ortodossia. In particolare in Europa le difficoltà da gestire derivano da un ciclo creditizio senza precedenti». LUNGHISSIMA TRAVERSATA DEL DESERTO Insomma, come si può capire da questi interventi, quando ormai comincia ad avvicinarsi un decennio dall'inizio della grande crisi e nonostante molti asset rischiosi siano ai massimi storici, il 2014 si presenta nelle vesti dell'ennesimo anno di transizione, parte di una lunghissima traversata nel deserto. Forse ci sarà una ripresa dell'eurozona (gli ultimi dati dell'anno non fanno però gridare al miracolo), il cui Pil potrebbe superare l'1% di crescita per la prima volta dopo tanti anni. Gli Usa dovrebbero vedere un incremento del proprio output economico intorno al 3%, probabilmente oltre un punto percentuale in più rispetto al livello di quest'anno. Molti ricorderanno che però da diverse stagioni le previsioni sull'economia statunitense appaiono sempre decisamente positive verso la fine dell'anno. La Cina nel frattempo dovrebbe proseguire nella propria fase di transizione verso una crescita meno esplosiva, ma più orientata ai consumi interni: l'anno prossimo l'aumento del Pil dovrebbe comunque arrivare oltre la soglia del 7%. Ma il fatto che molte di queste stime abbiano visto un ridimensionamento nelle ultime settimane del 2013 appare come un indicatore di cautela ancora presente nel sistema. In pratica si può notare, a parte qualche dettaglio, che il quadro che emerge a fine 2013 non è molto diverso da quello degli anni passati, a parte (fattore non secondario) l'uscita dell'europa dalla contrazione. Ciò che quest'anno è diverso è il rischio, presente nel sistema, di vedere finalmente un cambio di rotta delle politiche monetarie: il 2014 ci dirà se potrà continuare per gli investitori lo scenario win-win, in cui i corsi degli asset rischiosi vanno su sia in presenza di una moderata ripresa economica, che porterebbe a migliori fondamentali, sia nel caso di crisi, grazie al pronto soccorso delle banche centrali. Ciò che appare certo è che, come il 2013, il prossimo non sarà un anno scialbo: troppi elementi sono oggi in evoluzione. 16 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

17

18 Outlook 2014 L azionario Europa Grandi speranze I titoli delle borse del Vecchio continente hanno fondamentali molto migliori rispetto a quelli Usa e c'è chi parla apertamente di sottovalutazione. Tutti danno per scontati almeno un minimo di recupero e l'aiuto della Bce, che dovrebbe tenere i tassi bassi per tutto l'anno prossimo. Ma definire l'economia e l'intero sistema dell Unione in grande forma è fuori luogo e il pericolo di delusioni c'è Dopo alcuni segnali di ripresa economica nel 2013, per quanto contrastanti e deboli, sembra che tiri aria di ottimismo per l'anno prossimo. L'outlook per le azioni europee nel 2014 in termini di potenziale di profitto e performance è sostanzialmente positivo, tanto che il Vecchio continente potrebbe essere la star dei mercati equity. Alla base di questa previsione c'è il relativo miglioramento della crescita dell area, dopo un biennio orrendo. Ricorda infatti James Balfour, senior macro strategy analyst di Loomis Sayles (gruppo Natixis Global Asset Management): «Il più importante contributo alla crescita globale dovrebbe provenire dall'europa nell ambito del processo di uscita di una recessione in atto ormai da 18 mesi. La combinazione tra tassi di interesse bassi, specialmente nei paesi europei periferici, e riduzione delle misure di austerità fiscale, quali tagli alla spesa pubblica e aumenti delle imposte, sta supportando la ripresa nell'area». Questo fenomeno dovrebbe venire catturato dalle società quotate, in grado di vedere maggiore incremento e visibilità degli utili; indicativa appare al riguardo l'analisi di Lorenzo Alfieri, country head per l Italia di Jp Morgan Asset Management: «Attualmente le aziende europee continuano a mantenere un'interessante crescita dei pro- fitti. Stanno traendo vantaggio dalla ripresa degli Usa, ma anche del miglioramento dei mercati emergenti su cui hanno una penetrazione molto importante. Se il quadro non dovesse modificarsi, i listini continentali dovrebbero continuare a beneficiarne anche nel prossimo anno». CRESCITA DI ELEVATA QUALITÀ Pure altri operatori vedono aiuti dall'economia: «Ci aspettiamo un incremento di almeno il 10% nell'azionario europeo per il 2014», spiega Nadège Dufossé, asset allocation strategist di Dexia Asset Management, «il che è compatibile con un miglioramento di circa l'1%». La proiezione è condivisa da Bernd Kiegler, gestore nel team global equities di Raiffeisen Capital Management, che prevede uno sviluppo di elevata qualità per i gruppi del Vecchio continente: «Ci attendiamo, sia per il 2014 sia per il 2015, un incremento degli Eps intorno al 10%. Questo fenomeno dovrebbe ricevere sostegno dalla crescita dei fatturati e dall'espansione dei margini, una dinamica che si dovrebbe presentare per la prima volta in tre anni». Questi temi vengono declinati in termini geografici da Juan Nevado, gestore dell M&G Dynamic Allocation fund, che nel clima generale di ripresa ritiene non improbabile vedere una dispersione discretamente elevata dei rendi- 18 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

19 «Il potenziale di incremento dei profitti da livelli così bassi è molto più ampio che in altre regioni. Ciò potrebbe determinare un andamento fortemente sovraperformante» menti tra paesi, settori e titoli: «Alcuni mercati azionari sono attraenti rispetto a quasi tutti i bond governativi e alla liquidità, tuttavia occorre essere prudenti: la selezione resta di importanza cruciale. Nel Regno Unito e in Europa i listini hanno beneficiato dei segnali di svolta in positivo emersi dai principali indicatori economici. Peraltro, il Vecchio continente mostra ancora utili molto depressi e nel contesto di ripresa della crescita globale il potenziale di incremento dei profitti da livelli così bassi è ben più ampio che in altre regioni. Ciò potrebbe determinare un andamento fortemente sovraperformante di questi mercati, che presentano tuttora valutazioni scontate». Prospettive «Sono più gli elementi favorevoli» Mike Dueker, chief economist di Russell Investments, esplicita il binomio costituito da quotazioni relativamente più convenienti rispetto ai concorrenti e dalla seria possibilità di vedere un significativo spostamento di liquidità da parte degli investitori nel Vecchio continente: «L Eurozona si è ripresa dalla recessione: i suoi mercati azionari stanno sovraperfomando altre regioni, si registrano flussi di capitale in entrata e la Bce ha un atteggiamento molto accomodante. Anche l austerità sembra diminuire e i rischi sociopolitici appaiono più contenuti. È nostra opinione che i punti favorevoli superino quelli negativi, pertanto manteniamo il nostro orientamento positivo per le azioni europee. Le valutazioni possono anche aumentare, ma l equity della zona euro non è assolutamente caro, anzi risulta chiaramente a buon mercato rispetto a quello statunitense. E questo è esattamente il motivo per cui pensiamo che nel complesso le prospettive dell Eurozona siano sufficientemente positive da mantenere l attuale esposizione». Su questo punto sembra d'accordo anche Philip Dicken, head of european equities di Threadneedle Investments, che mette in evidenza come i listini continentali oggi si trovino in una zona di vantaggio, fatta di un equity risk premium in calo, ma ancora elevato, segno che gli in- FONDI&SICAV/Dicembre

20 Outlook 2014 L azionario Europa vestitori internazionali mostrano un grado di fiducia in aumento: «Un altro fattore positivo per le azioni europee è dato dal fatto che l'equity risk premium (Erp) rimane al top, ma è comunque in calo. Infatti un elevato livello di questo indicatore è una conseguenza degli alti rendimenti richiesti dagli investitori per bilanciare il rischio percepito di detenere posizioni equity. Man mano che i pericoli di coda statistica diminuiscono, anche l'erp dovrebbe recedere, con un maggiore grado di fiducia nei confronti dell'investimento azionario. Ciò dovrebbe spingere al rialzo le borse, un fenomeno già evidente dall'aumento degli acquisti di titoli azionari del Vecchio continente da parte di investitori statunitensi». Più cauto Massimo Siano, head Italia di Etf Securities, che appare scettico sulla qualità della ripresa aziendale: «L'Europa è conveniente nei prezzi rispetto agli Usa, ma rimane in una trappola di liquidità con aziende che investono relativamente meno in ricerca e sviluppo. Punterei forse sulle small cap, che almeno sono obbligate a essere più innovative e hanno corsi ancora interessanti». I temi dominanti Value con caratteristiche cicliche Viene da chiedersi quali saranno i temi dominanti per il Bernd Kiegler, di Raiffeisen Capital Management, specifica: «Nel nostro fondo Raiffeisen European Equity preferiamo puntare su titoli con caratteristiche value in segmenti sensibili al ciclo economico, come i consumi, la tecnologia, gli industriali e alcuni nomi altamente selezionati nei servizi finanziari. In questi ambiti vediamo potenzialità superiori alla media, sia per quanto riguarda i profitti, sia per la possibilità di avere un'espansione dei multipli». Temi value, puntellati dal migliore quadro macro, sono messi in rilievo anche dal Global equity research team di Credit Suisse: «L'aumento degli ordini evidenziato di recente dal Pmi dell'eurozona ci spinge a pensare che il value possa godere di un ulteriore rerating rispetto al resto del mercato. L Msci value tende infatti a fare meglio quando l'indice degli ordini Ism si colloca sopra la soglia del 54%». Sempre in ottica di ripresa ciclica ragiona Asoka Woehrmann, co-chief investment officer di Deutsche Asset&Wealth Management: «L'Eurozona, rispetto agli Stati Uniti, ha un'economia che va peggio. Quest'anno il Pil dovrebbe diminuire di un ulteriore 0,4% e crescere dello 0,7% nel 2014, grazie soprattutto alla ripresa del Sud Europa. Infatti i governi locali sono andati molto avanti nel consolidamento dei conti pubblici, grazie agli sforzi in termini di controllo della spesa. Inoltre un più elevato grado di competitività ha consentito a queste nazioni di avere l'opportunità di ridurre il loro deficit delle partite correnti e di aumentare le esportazioni». MAGGIORE POTENZIALE NEI LISTINI PERIFERICI Periferia europea al centro delle attenzioni pure di Patrick Moonen, senior equity strategist di Ing Investment Management: «Il Vecchio continente beneficerà della svolta economica e di una forte crescita dei profitti e in questo ambito il maggiore potenziale si trova nei listini periferici. Questi fattori, combinati con lo sconto di proporzioni storiche rispetto agli Usa, l'elevato premio al rischio e minori pericoli sistemici contribuiscono a offrire un profilo di rischio/rendimento superiore alle altre piazze». In compenso Massimo Siano di Etf Securities si concentra meno sulle valutazioni e più sulle potenzialità growth: «Sentiremo parlare in Europa di risparmio energetico su case e automobili, perché i governi da qualche parte dovranno trovare i soldi per le imposte. Mi auguro che si parli anche di tagli alla spesa pubblica. Società attive nell'energia alternativa da combustibili 20 FONDI&SICAV/Dicembre 2013

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna del 22/05/2014 INDICE TENDERCAPITAL 21/05/2014 Fondi & Sicav È sempre grande America 21/05/2014 Fondi & Sicav Nel complesso benino 21/05/2014 Fondi & Sicav Il vero

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

IL CONTESTO Dove Siamo

IL CONTESTO Dove Siamo IL CONTESTO Dove Siamo INFLAZIONE MEDIA IN ITALIA NEGLI ULTIMI 60 ANNI Inflazione ai minimi storici oggi non è più un problema. Tassi reali a: breve termine (1-3 anni) vicini allo 0 tassi reali a medio

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2014 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Bigli 21, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Note di mercato. Aprile 2012 UN' IDEA DI INVESTIMENTO - QUI C'E' VALORE!!!

Note di mercato. Aprile 2012 UN' IDEA DI INVESTIMENTO - QUI C'E' VALORE!!! Note di mercato Aprile 2012 UN' IDEA DI INVESTIMENTO - QUI C'E' VALORE!!! A che punto siamo Confronto con le riprese economiche precedenti E uscito da pochi giorni il World Economic Outlook a periodicità

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Linea Azionaria. Avvertenza

Linea Azionaria. Avvertenza Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

Linea Obbligazionaria

Linea Obbligazionaria Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 -

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 - Analisi Settimanale 31.10.2015 sabato 31 ottobre 2015-1 - Le pagelle delle banche centrali In questa settimanale vogliamo fare un analisi delle banche centrali, alla luce del loro operato e dei loro target.

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Portafogli consigliati

Portafogli consigliati 21 giugno 2013 Portafogli consigliati Gestioni Omnia Portafogli consigliati Gestioni Omnia Indice La view e le scelte di portafoglio VaR adeguatezza Portafogli consigliati Gestioni Omnia Area Riserva Area

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%.

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Questa decisione ha colto abbastanza di sorpresa il mercato, non era nelle stime/previsioni:

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli