Relazione finanziaria semestrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finanziaria semestrale"

Transcript

1 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

2 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia 74 Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia Codice Fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro delle Imprese di Bergamo n ABI Albo delle Banche n Albo dei Gruppi Bancari n Capogruppo del Gruppo Bancario Unione di Banche Italiane Capitale sociale al 30 giugno 2015: Euro i.v.

3 Indice UBI Banca: cariche sociali... pag. 5 Gruppo UBI Banca: principali partecipazioni al 30 giugno pag. 6 Gruppo UBI Banca: articolazione territoriale al 30 giugno pag. 8 Gruppo UBI Banca: principali dati e indicatori... pag. 9 Il rating... pag. 10 RELAZIONE INTERMEDIA SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 Lo scenario di riferimento... pag. 14 Gli eventi rilevanti del primo semestre pag Modifiche statutarie... pag La riforma delle Banche Popolari... pag Operazioni di razionalizzazione societaria... pag Prestitalia... pag Adeguamenti alle disposizioni di Vigilanza in materia di controlli interni... pag Evoluzione del contesto normativo di riferimento... pag. 27 La struttura distributiva, il posizionamento, l innovazione digitale e la monetica... pag. 28 Le risorse umane... pag. 34 Prospetti consolidati riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo... pag. 39 Il conto economico consolidato... pag. 47 L intermediazione con la clientela: la raccolta... pag La raccolta totale... pag La raccolta diretta... pag La raccolta indiretta e il risparmio gestito... pag. 66 L intermediazione con la clientela: gli impieghi... pag L evoluzione del portafoglio crediti... pag La rischiosità... pag. 74 L attività sul mercato interbancario e la situazione di liquidità... pag. 80 L attività finanziaria... pag. 84 Il patrimonio netto e l adeguatezza patrimoniale... pag. 100 Informazioni relative al capitale, al titolo azionario, ai dividendi pagati e all utile per azione... pag. 105 Informazioni sui rischi e sulle politiche di copertura... pag Principali rischi e incertezze relativi al secondo semestre dell anno... pag. 118 Società consolidate: dati principali... pag. 121 Le operazioni con parti correlate e con soggetti collegati... pag. 125 Altre informazioni... pag Accertamenti ispettivi... pag Anatocismo... pag Novità fiscali... pag. 130 Prevedibile evoluzione della gestione consolidata... pag. 135 BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2015 Schemi del Bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno pag. 139 Stato patrimoniale consolidato... pag. 140 Conto economico consolidato... pag. 141 Prospetto della redditività consolidata complessiva... pag. 142 Prospetti delle variazioni del patrimonio netto consolidato... pag. 143 Rendiconto finanziario consolidato... pag

4 Note illustrative... pag. 147 Politiche contabili... pag Principi generali di redazione... pag Altri aspetti... pag Informativa sul fair value... pag. 159 L area di consolidamento... pag. 161 Informazioni di natura contabile... pag Tabelle esplicative del Conto economico consolidato... pag Tabelle esplicative dello Stato patrimoniale consolidato... pag. 168 Le attività materiali e immateriali... pag. 170 Le attività/passività non correnti in via di dismissione... pag. 172 I fondi per rischi ed oneri... pag. 173 Le passività potenziali... pag Informativa sul contenzioso... pag Informativa di settore... pag Le operazioni con parti correlate ai sensi dello IAS pag. 182 Eventi successivi alla chiusura del semestre... pag. 185 ATTESTAZIONE DEL CONSIGLIERE DELEGATO E DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI... pag. 187 RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE... pag. 191 INFORMATIVA SULL ANDAMENTO DELLA CAPOGRUPPO UBI BANCA SCPA NEL PRIMO SEMESTRE 2015 Prospetti riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo... pag. 196 L andamento nel periodo... pag L evoluzione economica... pag Gli aggregati patrimoniali... pag. 213 Schemi del bilancio separato semestrale abbreviato al 30 giugno pag Stato patrimoniale... pag Conto economico... pag Prospetto della redditività complessiva... pag Prospetti delle variazioni del patrimonio netto... pag Rendiconto finanziario... pag. 228 POTERI DEGLI ORGANI SOCIETARI E DELEGHE LORO ATTRIBUITE Raccomandazione Consob n del 20 febbraio pag. 229 ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL GRUPPO UBI BANCA CALENDARIO DEGLI EVENTI SOCIETARI DI UBI BANCA PER IL 2015 CONTATTI Legenda Nelle tavole sono utilizzati i seguenti segni convenzionali: - linea (-): quando il fenomeno non esiste; - non significativo (n.s.): quando il fenomeno non è significativo; - non disponibile (n.d.): quando il dato non è disponibile; - segno X : quando la voce non è da valorizzare (conformemente alle Istruzioni della Banca d Italia). Gli importi, ove non diversamente indicato, sono espressi in migliaia di euro. 4

5 UBI Banca: cariche sociali Presidente Onorario Giuseppe Vigorelli Consiglio di Sorveglianza (nominato dall Assemblea dei Soci il 20 aprile 2013) Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Vice Presidente Andrea Moltrasio Mario Cera Alberto Folonari Armando Santus Dorino Mario Agliardi Antonella Bardoni Letizia Bellini Cavalletti Marina Brogi Pierpaolo Camadini Luca Vittorio Cividini Alessandra Del Boca Ester Faia Marco Giacinto Gallarati Carlo Garavaglia Gianluigi Gola Lorenzo Renato Guerini Alfredo Gusmini (*) Federico Manzoni Mario Mazzoleni Enrico Minelli Sergio Pivato Andrea Cesare Resti Maurizio Zucchi Consiglio di Gestione (nominato dal Consiglio di Sorveglianza il 23 aprile 2013) Presidente Franco Polotti Vice Presidente Giorgio Frigeri Consigliere Delegato e Direttore Generale Victor Massiah (**) Silvia Fidanza Luciana Gattinoni Italo Lucchini Ettore Giuseppe Medda (***) Flavio Pizzini Elvio Sonnino Direzione Generale Direttore Generale Victor Massiah (**) Vice Direttore Generale Vicario Elvio Sonnino Vice Direttore Generale Rossella Leidi Vice Direttore Generale Ettore Giuseppe Medda Dirigente preposto ex art. 154 bis TUF Elisabetta Stegher Società di Revisione DELOITTE & TOUCHE Spa (*) Segretario del Consiglio di Sorveglianza (**) Francesco Iorio ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di Direttore Generale con effetti dal 1 giugno 2015; da tale data pertanto a sensi di Statuto è decaduto dalla carica di Consigliere di Gestione. Dal 1 giugno 2015 Victor Massiah ha assunto anche la carica di Direttore Generale con durata non oltre la scadenza del mandato dell Organo di gestione (Assemblea 2016). (***) Nominato dal Consiglio di Sorveglianza il 14 luglio

6 Gruppo UBI Banca: principali partecipazioni al 30 giugno 2015 UBI Banca Scpa BANCHE RETE ALTRE BANCHE SOCIETÀ FINANZIARIE Banca Popolare di Bergamo Spa 100% IW Bank Spa (2) 100% UBI Leasing Spa 99,62% Banco di Brescia Spa 100% UBI Banca International Sa Lussemburgo 100% UBI Factor Spa 100% Banca Popolare Commercio e Industria Spa 83,76% Prestitalia Spa 100% Banca Regionale Europea Spa 74,77% (1) Banca Popolare di Ancona Spa 99,55% Banca Carime Spa 99,99% Banca di Valle Camonica Spa 84,13% (1) La percentuale rappresenta il controllo sul capitale complessivamente detenuto (azioni ordinarie, di risparmio e privilegiate). (2) La Società riviene dalla fusione per incorporazione di IW Bank in UBI Banca Private Investment e dalla ridenominazione della nuova realtà in IW Bank Spa, con efficacia giuridica dal 25 maggio (3) Il restante 1,44% è detenuto da Cargeas Assicurazioni Spa (già UBI Assicurazioni Spa). (4) Nel giugno 2015 un terzo della quota partecipativa è stato collocato fra le attività non correnti in via di dismissione ai sensi dell'ifrs 5. Le percentuali si riferiscono alle quote di partecipazione complessivamente detenute dal Gruppo (dirette + indirette) sull intero capitale sociale.

7 ASSICURAZIONI ASSET MANAGEMENT E SERVIZI FIDUCIARI ALTRE Aviva Assicurazioni Vita Spa 20% UBI Pramerica SGR Spa 65% BPB Immobiliare Srl 100% Aviva Vita Spa 20% UBI Management Co Sa Lussemburgo 100% S.B.I.M. Spa 100% Lombarda Vita Spa 40% Centrobanca Sviluppo Impresa SGR Spa 100% UBI Sistemi e Servizi SCpA 98,56% (3) UBI Trustee Sa Lussemburgo 100% UBI Academy SCRL 100% Zhong Ou Asset Management Co. Ltd Cina 35% (4) Società consolidate con il metodo integrale Società consolidate con il metodo del patrimonio netto

8 Gruppo UBI Banca: articolazione territoriale al 30 giugno Trentino Alto Adige Lombardia (759) 1 Veneto 27 1 Valle d Aosta Friuli Venezia Giulia Piemonte (169) Emilia Romagna (43) Liguria (38) Marche 80 Umbria Toscana (7) Abruzzo (17) Molise Lazio (106) Puglia (94) 93 1 Basilicata 19 1 Sardegna Campania (78) Calabria 84 Filiali in Italia UBI Banca Scpa 4 Banca Popolare di Bergamo Spa 350 Banco di Brescia Spa 288 Banca Popolare Commercio e Industria Spa 196 Banca Regionale Europea Spa 208 Banca Popolare di Ancona Spa 208 Banca Carime Spa 216 Banca di Valle Camonica Spa 66 IW Bank Spa 21 Filiali all estero 6 Banca Regionale Europea Spa Nizza, Mentone, Antibes (Francia) UBI Banca International Sa (Lussemburgo) Lussemburgo, Monaco (Germania), Madrid (Spagna) Presenze Internazionali UBI Factor Spa Cracovia (Polonia) UBI Management Co. Sa Lussemburgo Zhong Ou Asset Management Co. Ltd Shanghai (Cina) UBI Trustee Sa Lussemburgo Uffici di rappresentanza San Paolo (Brasile), Mosca, Mumbai, Hong Kong, Shanghai.

9 Gruppo UBI Banca: principali dati e indicatori INDICI DI STRUTTURA Crediti netti verso clientela /totale attivo 71,4% 70,3% 71,2% 70,1% 76,8% 78,0% 80,1% 79,0% Raccolta diretta da clientela /totale passivo 79,0% 76,5% 74,5% 74,6% 79,2% 81,8% 79,5% 80,0% Crediti netti verso clientela /raccolta diretta da clientela 90,5% 91,9% 95,5% 94,0% 97,0% 95,4% 100,8% 98,7% Patrimonio netto (incluso utile/perdita del periodo) /totale passivo 8,3% 8,1% 8,3% 7,4% 6,9% 8,4% 9,3% 9,1% Risparmio gestito /raccolta indiretta da clientela privata 60,4% 57,1% 55,2% 54,3% 51,2% 54,6% 53,2% 53,1% Financial leverage ratio (tot.attivo - attività immat.)/(pn incluso utile/perdita + pn di terzi - attività immat.) 13,6 14,0 14,7 17,0 18,5 19,3 17,1 17,3 INDICI DI REDDITIVITÀ Dati annualizzati ROE (utile netto)/(patrimonio netto incluso utile/perdita del periodo) 2,5% 2,4% 2,4% 0,8% 3,9% 1,6% 2,4% 0,6% ROTE [utile netto /pn tangibile (pn incluso utile/perdita - immobilizzazioni immat.)] 3,1% 2,9% 3,4% 1,2% 5,9% 3,1% 4,6% 1,2% ROA (utile netto /totale attivo) 0,21% 0,19% 0,20% 0,06% 0,27% 0,13% 0,22% 0,06% Cost/income (oneri /proventi operativi) 61,2% 61,8% 62,3% 64,3% 69,5% 70,6% 64,4% 63,9% Spese per il personale /proventi operativi 38,3% 38,2% 37,9% 39,0% 41,4% 41,5% 37,5% 38,8% Rettifiche nette su crediti /crediti netti verso clientela (costo del credito) 0,91% 1,08% 1,07% 0,91% 0,61% 0,69% 0,88% 0,59% Margine di interesse /proventi operativi 49,6% 53,3% 50,9% 52,8% 61,7% 61,3% 61,5% 68,7% Commissioni nette /proventi operativi 39,2% 36,0% 34,5% 33,5% 34,7% 33,9% 31,1% 33,3% Risultato netto dell'attività finanziaria /proventi operativi 6,5% 5,9% 9,4% 7,3% 0,2% 1,0% 3,2% -5,9% INDICI DI RISCHIOSITÀ Sofferenze nette /crediti netti verso clientela 4,91% 4,70% 3,89% 3,18% 2,49% 1,91% 1,36% 0,88% Rett.di valore su soff./soff.lorde (grado di copertura delle sofferenze) 38,68% 38,56% 41,60% 42,60% 43,31% 48,69% 51,57% 54,58% Grado di copertura delle sofferenze al lordo degli stralci delle posizioni oggetto di procedura concorsuale e delle relative rettifiche 53,03% 53,36% 56,05% 57,63% 59,06% 63,62% 66,10% Crediti deteriorati netti / crediti netti verso clientela 11,31% 11,10% 10,53% 8,73% 6,30% 5,17% 4,62% 2,40% COEFFICIENTI PATRIMONIALI Basilea 3 dal Tier 1 ratio (Tier 1 capital dopo filtri e deduzioni /attività di rischio ponderate) 12,94% 12,33% 13,23% 10,79% 9,09% 7,47% 7,96% 7,73% Common Equity Tier 1 ratio (Common Equity Tier 1 dopo i filtri e le deduzioni/ attività di rischio ponderate) 12,94% 12,33% 12,60% 10,29% 8,56% 6,95% 7,43% 7,09% Total capital ratio (Totale Fondi propri/ attività di rischio ponderate] 15,62% 15,29% 18,91% 16,01% 13,50% 11,17% 11,91% 11,08% Totale Fondi propri (dati in migliaia di euro) di cui: Tier 1 capital dopo i filtri e le deduzioni Attività di rischio ponderate DATI ECONOMICI, PATRIMONIALI (in migliaia di euro), OPERATIVI E DI STRUTTURA (numero) Utile (perdita) del periodo di pertinenza della Capogruppo ( ) ( ) Utile (perdita) del periodo di pertinenza della Capogruppo ante oneri per esodi anticipati e impairment Utile (perdita) del periodo di pertinenza della Capogruppo normalizzato Proventi operativi Oneri operativi ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) Crediti netti verso clientela di cui: sofferenze nette crediti deteriorati netti Raccolta diretta da clientela Raccolta indiretta da clientela di cui: Risparmio gestito Raccolta totale da clientela Patrimonio netto del Gruppo (incluso utile/perdita del periodo ) Attività immateriali Totale attivo Sportelli in Italia Forza lavoro di fine periodo (dipendenti effettivi in servizio + collaboratori con contratto di somministrazione) Forza lavoro media 3 (dipendenti effettivi in servizio + collaboratori con contratto di somministrazione) Promotori finanziari Gli indicatori sono stati costruiti utilizzando i dati riclassificati riportati nel capitolo Prospetti consolidati riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo della Relazione intermedia sull andamento della gestione consolidata. Le informazioni relative al titolo azionario sono riportate nello specifico capitolo all interno della Relazione. Con riferimento agli esercizi 2014 e 2011, si segnala che gli indici di redditività sono stati costruiti utilizzando l utile d esercizio ante oneri per esodi anticipati e impairment. 2 I dati al 31 dicembre 2013 e al 31 dicembre 2012 erano stati calcolati secondo la metodologia Basilea 2 AIRB e si riferiscono rispettivamente agli indicatori: Tier 1 (patrimonio di base/attività di rischio ponderate); Core Tier 1 dopo le deduzioni specifiche dal patrimonio di base (patrimonio di base al netto delle preference shares e azioni di risparmio o privilegiate di terzi/attività di rischio ponderate); Total capital ratio (patrimonio di vigilanza + Tier 3/attività di rischio ponderate). Per i periodi precedenti i dati erano stati calcolati secondo il metodo Basilea 2 Standard. 3 Nel calcolo della forza lavoro media i dipendenti part-time vengono convenzionalmente considerati al 50%. 9

10 Il rating Di seguito si riportano i giudizi di rating assegnati al Gruppo UBI Banca dalle tre principali agenzie internazionali. A conclusione di un processo di consultazione avviato nel settembre 2014, il 16 marzo 2015 Moody s ha pubblicato la nuova metodologia di rating delle banche. La revisione introduce alcune importanti novità: un macro profilo ed una più ampia gamma di elementi quali/quantitativi di osservazione ai fini della determinazione del BCA, l indicatore che esprime la solidità finanziaria intrinseca della banca (nel contempo è stato eliminato il Bank Financial Strength Rating); una analisi della struttura del passivo delle banche soggette a regimi di risoluzione per valutare gli impatti, in termini di perdita attesa, che l eventuale difficoltà della banca potrebbe avere, in assenza di alcun supporto, sulle varie categorie di strumenti di debito emessi e sui depositi [Loss Given Failure (LGF) analysis]; una valutazione del rischio controparte (Counterparty Risk Assessment), ovvero del rischio di default, relativamente agli impegni operativi e contrattuali assunti dalla banca (Covered Bond, derivati, garanzie, ecc.), generalmente non considerati dai sistemi di risoluzione esistenti. Il 17 marzo l Agenzia ha pertanto posto in revisione i rating di tutte le banche a livello globale. Il 22 giugno 2015, a conclusione della revisione per l Italia, che ha incorporato anche le nuove valutazioni in merito alle diminuite probabilità di supporto governativo, Moody s ha annunciato interventi sui rating di 17 banche/gruppi bancari, tra i quali anche UBI Banca. Il rating sui depositi e sul debito a lungo termine è stato aumentato da Baa3 a Baa2, con Outlook Stabile; il rating a breve termine è anch esso migliorato, da P-3 a P-2, mentre il BCA è rimasto invariato a ba1. Il rating a lungo termine su depositi e debito senior ha beneficiato di due notch di upgrade rispetto al BCA sulla base dei risultati della LGF analysis applicata al Gruppo UBI Banca che, in considerazione dell elevato volume di debito senior e del limitato ammontare di titoli subordinati, ha evidenziato una perdita attesa estremamente contenuta in caso di risoluzione. Nel contempo ad UBI Banca è stata assegnata una valutazione di Baa1 e di P-2 in termini di Counterparty Risk che ha reso possibile un miglioramento da Aa3 ad Aa2 del rating sul primo programma di Covered Bond, ufficializzato il 23 giugno. MOODY'S Long-term debt and deposit rating (I) Short-term debt and deposit rating (II) Baseline Credit Assessment (BCA) (III) Long-term Counterparty Risk Assessment (IV) Short-term Counterparty Risk Assessment (IV) Outlook (LT deposit & senior unsecured debt) GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured Euro Commercial Paper Programme Covered Bond (Primo Programma mutui residenziali) Baa2 Prime-2 ba1 Baa1(cr) Prime-2(cr) Stabile Baa2 Prime-2 Aa2 (I) Capacità di rimborso del debito in valuta locale a lungo termine (scadenza pari o superiore a 1 anno) (Aaa: miglior rating C: default) (II) Capacità di rimborso del debito in valuta locale a breve termine (scadenza inferiore a 1 anno) (Prime -1: massima qualità Not Prime: non classificabile fra le categorie Prime) (III) Il BCA non è un rating ma un giudizio sulla solidità finanziaria intrinseca della banca in assenza di supporti esterni (aaa: miglior rating c: default) (IV) Il Counterparty Risk (CR) Assessment non è un rating, ma un giudizio sulla probabilità di default negli impegni operativi e contrattuali assunti dalla banca [Aaa(cr): miglior rating C (cr): default)] [P-1 (cr): miglior rating Not Prime (cr): non classificabile fra le categorie Prime] Facendo seguito ad un processo di consultazione avviato nel novembre 2014, il 27 aprile 2015 Standard & Poor s ha pubblicato un evoluzione della propria metodologia di rating delle banche con l introduzione di una nuova componente di analisi, l Additional Loss-Absorbing Capacity (ALAC). Trattasi di una forma di potenziale supporto esterno che potrebbe essere incorporata nell Issuer Credit Rating per tenere conto del minore rischio di default delle obbligazioni senior in presenza di regolamentazioni che richiedono alle banche di detenere 10

11 passività bail-inable, ovvero passività che possono essere svalutate o convertite in capitale per evitare il default o la liquidazione della banca. Il 3 luglio 2015 l Agenzia ha rivisto l Outlook sul rating a lungo termine del Gruppo da Negativo a Stabile. Secondo S&P la stabilizzazione delle condizioni economiche e il rallentamento del deterioramento degli attivi consentiranno ad UBI Banca di continuare a rafforzare gradualmente, attraverso la generazione interna, la propria base di capitale. STANDARD & POOR S Short-term Issuer Credit Rating (i) A-3 Long-term Issuer Credit Rating (i) BBB- Stand Alone Credit Profile (SACP) (ii) bbb- Outlook (rating a lungo termine) Stabile GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured debt BBB- French Certificats de Dépôt Programme A-3 (i) L Issuer Credit Rating riflette il giudizio sul merito creditizio intrinseco della banca unitamente ad una valutazione del potenziale futuro supporto che la banca potrà ricevere in caso di difficoltà (dal governo o dal gruppo di appartenenza). Breve termine: capacità di ripagare il debito con durata inferiore ad un anno (A-1: miglior rating D: default) Lungo termine: capacità di pagamento degli interessi e del capitale su debiti di durata superiore ad 1 anno (AAA: miglior rating D: default) (ii) Il SACP rappresenta il giudizio sul merito creditizio intrinseco della banca, in assenza di supporto esterno (da parte del governo o del gruppo di appartenenza). Viene ottenuto partendo da un Anchor SACP che sintetizza la valutazione dei rischi economici e industriali propri del settore bancario italiano, poi rettificato per tenere conto di specifici fattori della banca quali la patrimonializzazione, la posizione commerciale, l esposizione al rischio, la raccolta e la situazione di liquidità, valutati anche in ottica comparativa. Il 1 aprile 2015, nell ambito della revisione annuale dei rating delle quattro maggiori banche italiane, Fitch Ratings ha ridotto a BBB/F3 (da BBB+/F2) con Outlook Stabile i rating di UBI Banca. Pur riconoscendo i miglioramenti intervenuti nella redditività operativa, la solida capitalizzazione, la stabile posizione di liquidità, il contenuto profilo di rischio e la buona rete distributiva, la decisione dell Agenzia riflette un livello al momento ancora significativo di attivi deteriorati generatisi negli ultimi anni di recessione. L 8 aprile 2015 il rating sul primo programma di Covered Bond è stato portato ad A (da A+ ) e posto in Watch Negativo poi risolto, il 28 aprile, confermando il rating A con Outlook Stabile mentre il rating sul secondo programma è stato mantenuto invariato a BBB+ con Outlook Stabile. A conclusione di una revisione dei supporti governativi a livello globale annunciata nel marzo 2014, alla luce dell evoluzione in atto nei sistemi di risoluzione delle crisi bancarie, il 19 maggio 2015 Fitch ha reso note le rating action sulle banche italiane. Per nove di esse, tra le quali anche UBI Banca, in considerazione del venir meno delle probabilità di un intervento governativo in caso di difficoltà, il Support Rating è stato portato a 5, il livello più basso, mentre il Support Rating Floor è divenuto NF (No Floor). FITCH RATINGS Short-term Issuer Default Rating (1) Long-term Issuer Default Rating (2) Viability Rating (3) F3 BBB Support Rating (4) 5 Support Rating Floor (5) Outlook (Long-term Issuer Default Rating) GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured debt Euro Commercial Paper Programme French Certificats de Dépôt Programme Covered Bond (Primo Programma mutui residenziali) Covered Bond (Secondo Programma mutui commerciali) bbb NF Stabile BBB F3 F3 A BBB+ (1) Capacità di rimborso del debito nel breve termine (durata inferiore ai 13 mesi) (F1+: miglior rating D: default) (2) Capacità di fronteggiare puntualmente gli impegni finanziari nel lungo termine indipendentemente dalla scadenza delle singole obbligazioni. Questo rating è un indicatore della probabilità di default dell emittente (AAA: miglior rating D: default) (3) Valutazione della solidità intrinseca della banca, vista nell ipotesi in cui la stessa non possa fare affidamento su forme di sostegno esterno (aaa: miglior rating - f: default). (4) Giudizio sull eventuale probabilità, adeguatezza e tempestività di un intervento esterno (da parte dello Stato o di azionisti istituzionali di riferimento) nel caso la banca si trovasse in difficoltà (1: miglior rating 5: peggior rating) (5) Questo rating costituisce un elemento informativo accessorio, strettamente correlato al Support Rating, in quanto identifica, per ogni livello del Support Rating, il livello minimo che, in caso di eventi negativi, potrebbe raggiungere l Issuer Default Rating. 11

12 12

13 RELAZIONE INTERMEDIA SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015

14 Lo scenario di riferimento 1 Nella prima parte dell anno lo scenario macroeconomico è risultato ancora condizionato da rischi di instabilità, che hanno nuovamente accentuato, nel secondo trimestre, la volatilità sui mercati finanziari. In primis va segnalata l evoluzione della crisi greca. Il 26 giugno il Governo ha interrotto le trattative in corso per il prolungamento del sostegno finanziario la cui scadenza era fissata per il 30 giugno 2 decidendo di sottoporre a referendum, il 5 luglio, la proposta presentata da istituzioni e paesi creditori, che subordinava la proroga al rispetto di stringenti obiettivi di bilancio per il periodo e all approvazione di importanti riforme, tra cui quella delle pensioni. Nel referendum hanno prevalso i voti contrari a tale proposta. In tale contesto sono andati accentuandosi i deflussi dei depositi e le tensioni sulla liquidità delle banche greche, che dal 28 giugno sono rimaste chiuse per tre settimane introducendo limiti ai prelievi di contante dai distributori automatici 3. Il 13 luglio i capi di Stato e di governo dell Area euro, dopo un confronto molto difficile, hanno raggiunto un intesa per iniziare le trattative finalizzate ad un terzo programma di sostegno. L avvio dei negoziati è stato condizionato all approvazione in tempi rapidi da parte del Parlamento greco di un ampio pacchetto di misure stringenti e dettagliate, che include tra l altro provvedimenti in tema di tassazione indiretta, pensioni, privatizzazioni e riforma della Pubblica Amministrazione. Nella seduta del 15 luglio il Parlamento greco ha approvato una prima serie di disposizioni. Conseguentemente la BCE ha innalzato il livello massimo per l erogazione di liquidità di emergenza alle banche greche mentre il 17 luglio l Unione europea ha predisposto l erogazione di un prestito ponte di 7,16 miliardi di euro che ha permesso alla Grecia di fronteggiare gli impegni finanziari a breve termine nei confronti della BCE e dell FMI 4. Sempre il 17 luglio, l Eurogruppo ha raggiunto un accordo per negoziare il sostegno dell ESM, mentre il 22 luglio il parlamento ellenico ha ratificato la seconda serie di riforme concordate con i creditori. Negli ultimi giorni la discussione tra i creditori di Atene (FMI, Unione europea e BCE) si sta orientando sulla possibilità di una seconda ristrutturazione dell enorme debito pubblico greco, nel 2014 pari al 177,1% del Pil. Hanno contribuito ad aumentare l incertezza anche: il brusco calo delle borse cinesi, a partire dalla metà di giugno, quale conseguenza dello scoppio di una bolla speculativa con rischi di contagio per l economia; il progressivo aggravamento delle tensioni geopolitiche in Medio Oriente e in Nord Africa, nonostante il raggiungimento in luglio di un accordo sul nucleare tra Stati Uniti ed Iran che potrebbe portare alla revoca delle sanzioni nei confronti della Repubblica islamica. Il dibattito in corso sulla gestione dei flussi migratori, l esito delle elezioni autunnali in Portogallo e Spagna nonché la prospettiva di un referendum nel Regno Unito in merito alla permanenza nell Unione europea, potrebbero rappresentare ulteriori elementi di rischio per la ripresa dell Area euro. I differenziali tra i titoli di Stato dei Paesi periferici e quelli tedeschi hanno subito oscillazioni crescenti nel corso del semestre. Dopo aver raggiunto tra fine febbraio ed inizio marzo livelli minimi dall avvio della crisi, sulla scia dell annuncio del programma di acquisto di titoli pubblici da parte della BCE (Quantitative Easing), gli spread sono tornati a crescere repentinamente da inizio aprile in seguito all aggravarsi della crisi debitoria greca. Il differenziale tra il BTP decennale e l omologo bund tedesco pari a 153 punti base a fine giugno ha subito un impennata ad inizio luglio in concomitanza con l esito del referendum greco, per poi riportarsi rapidamente intorno ai 120 punti base successivamente al raggiungimento dell intesa. 1 Redatto sulla base dei dati disponibili al 31 luglio Il 30 giugno e il successivo 13 luglio la Grecia non ha rimborsato le tranche in scadenza del prestito ricevuto dal Fondo Monetario Internazionale (FMI). 3 La BCE ha deciso infatti di mantenere invariato rispetto al 26 giugno il livello massimo stabilito per l erogazione di liquidità di emergenza alle banche del Paese. 4 Non potendo far ricorso allo European Stability Mechanism (ESM), in quanto non sottoscritto da tutti i 28 Paesi membri dell Unione, il prestito è stato erogato attingendo alle risorse residue del fondo European Financial Stabilisation Mechanism (EFSM). 14

15 Spread BTP-Bund decennali Punti base GFMAMGLASONDGFMAMGLA SONDGFMAMGLA SONDGFMAMGL ASONDGFMAMGL ASONDGFMAMGL Fonte: Thomson Financial Reuters Alla luce della fragile ripresa e degli squilibri presenti a livello mondiale le principali Banche centrali continuano a portare avanti politiche monetarie accomodanti anche se negli ultimi mesi è andato emergendo un disallineamento tra gli Stati Uniti e l Europa. Per quanto attiene alla Banca Centrale Europea: al fine di conseguire un adeguata espansione del bilancio dell Eurosistema e di contrastare i rischi connessi con un periodo eccessivamente prolungato di bassa crescita dei prezzi, il 22 gennaio la BCE ha deciso di ampliare il programma di acquisto di titoli per finalità di politica monetaria, che in precedenza riguardava asset-backed Securities (ABS) e covered bond, includendo i titoli emessi dai Paesi membri e da alcune agenzie pubbliche dell Area (tra le quali anche la Cassa Depositi e Prestiti), nonché da talune istituzioni europee. Il programma di acquisti sul mercato secondario (Public Sector Purchase Program) è stato avviato il 9 marzo, ammonta complessivamente a 60 miliardi di euro al mese e proseguirà almeno sino alla fine di settembre del 2016 e comunque sino a quando l andamento dell inflazione nell Area euro non risulterà coerente con l obiettivo di politica monetaria (circa il 2%) 5 ; il 25 marzo ed il 24 giugno sono state inoltre regolate la terza e la quarta operazione mirata di finanziamento a più lungo termine (TLTRO). Alla prima, in cui l ammontare ottenibile da ciascuna banca era connesso con la quantità di prestiti erogati a famiglie ed imprese tra maggio del 2014 e gennaio del 2015, hanno partecipato 143 intermediari dell Area, che hanno ottenuto fondi per 98 miliardi di euro; alle controparti della Banca d Italia sono stati assegnati 36 miliardi 6. All operazione svoltasi in giugno hanno preso parte 128 intermediari dell Area, che hanno ottenuto fondi per 74 miliardi di euro; alle controparti della Banca d Italia sono stati assegnati 17,5 miliardi (111 miliardi dall inizio del programma); il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principale è stato mantenuto al minimo storico dello 0,05%. Sull altra sponda dell Atlantico, la Federal Reserve ha lasciato invariato il tasso di riferimento sui Fed Funds tra 0-0,25%, prefigurando un rialzo graduale a partire dal quarto trimestre da monitorare alla luce dell effettivo consolidamento dell economia americana, ma anche del più generale impatto sulla ripresa globale. La Bank of Japan in giugno ha ribadito l obiettivo per la base monetaria confermando il programma di acquisto di titoli da 80 mila miliardi di yen l anno. Nei principali Paesi emergenti le banche centrali, ad eccezione di quella brasiliana, hanno progressivamente allentato le condizioni monetarie 7. 5 Al 10 luglio erano stati acquistati 216 miliardi di titoli pubblici, 98 miliardi di covered bond e 9 miliardi di ABS. 6 A partire dalla terza operazione è stato eliminato il differenziale di 10 punti base applicato in precedenza al tasso delle operazioni di rifinanziamento principale (0,05%). 7 La People s Bank of China ha progressivamente ridotto sia il coefficiente di riserva obbligatoria, sia il tasso d interesse a un anno sui prestiti bancari (25 punti base a marzo, maggio e giugno), ora pari al 4,85%. In India la Banca centrale ha ridotto tre volte di 25 punti base ciascuna (gennaio, marzo e giugno) il Repo, ora al 7,25%. Anche la Banca centrale russa ha cercato di avviare un percorso di riduzione dei tassi, tagliando quello ufficiale, ora all 11,50%, di 200 punti base in gennaio, 100 punti base in marzo, 150 punti base in aprile e 100 punti base in giugno; per contro la Banca centrale del Brasile ha accentuato la restrizione monetaria alzando cinque volte (gennaio, marzo, aprile, giugno e luglio) il tasso di riferimento di 50 punti base ciascuna al 14,25% per riportare l inflazione all interno dell intervallo di riferimento. 15

16 Sul mercato dei cambi, nel secondo trimestre sembra giu-15 essersi interrotto il A deprezzamento dell euro nei confronti delle principali valute internazionali 8. Dalla tabella emerge anche una progressiva svalutazione dello yen nei confronti del dollaro. Nelle prime settimane di luglio, in parallelo con Fonte: Thomson Financial Reuters l acuirsi della crisi greca, l euro è tornato a indebolirsi nei confronti della moneta USA. Principali cambi, quotazioni del petrolio (Brent) e delle materie prime L andamento dell indice delle materie prime riflette una debolezza per la componente non energetica, legata anche alla perdita di slancio dell economia cinese e all apprezzamento del dollaro, più che compensata nel secondo trimestre dal recupero delle quotazioni delle risorse energetiche. Tra aprile e giugno, infatti, il prezzo del petrolio di qualità Brent, si è stabilizzato intorno ai 65 dollari al barile, in ripresa rispetto ai minimi raggiunti a metà gennaio (47 dollari al barile). Nel mese di luglio tuttavia, i corsi petroliferi si sono riportati sui livelli di fine marzo, frenati dall elevata produzione negli Stati Uniti e nei paesi OPEC, ma anche dalle attese di una positiva conclusione dei negoziati con l Iran. Le dinamiche precedentemente descritte stanno mantenendo l inflazione su livelli particolarmente contenuti nei Paesi industrializzati; per contro nei principali Paesi emergenti, ad eccezione della Cina, i prezzi continuano a mostrare variazioni molto più accentuate. L andamento dell economia mondiale si conferma trainato dai Paesi emergenti asiatici, seppur con un rallentamento in Cina, ma anche dal crescente contributo dei Paesi avanzati 9. * * * mar-15 B dic-14 C Var. % A/C set-14 D giu-14 E Euro/Dollaro 1,1135 1,0730 1,2097-8,0% 1,2631 1,3691 Euro/Yen 136,39 128,89 144,78-5,8% 138,49 138,69 Euro/Yuan 6,9037 6,6515 7,5057-8,0% 7,7529 8,4933 Euro/Franco CH 1,0415 1,0435 1, ,4% 1,2063 1,2141 Euro/Sterlina 0,7086 0,7240 0,7766-8,8% 0,7790 0,8003 Dollaro/Yen 122,49 120,12 119,68 2,3% 109,64 101,30 Dollaro/Yuan 6,2000 6,1990 6,2046-0,1% 6,1380 6,2036 Futures - Brent (in $) 63,59 55,11 57,33 10,9% 94,67 112,36 Indice CRB (materie prime) 227,17 211,86 229,96-1,2% 278,55 308,22 Consuntivi e previsioni: Paesi industrializzati Prodotto Interno Lordo Prezzi al consumo Disoccupazione Disavanzo (+) Avanzo (-) Settore Pubblico (% del PIL) Tassi di riferimento Valori percentuali (1) 2016 (1) 2014 (2) giu-15 (3) 2015 (1) (2) 2014 (2) giu-15 (3) 2015 (1) (2) (1) 2016 (1) dic-14 lug-15 Stati Uniti 2,4 2,2 2,4 1,6 0,1 0,5 6,2 5,3 5,3 5,0 4,3 3,1 0-0,25 0-0,25 Giappone -0,1 1,0 1,2 2,8 0,4 0,2 3,5 3,4 3,4 8,4 7,6 7,0 0-0,10 0-0,10 Area Euro 0,8 1,4 1,6 0,4 0,2 0,3 11,6 11,1 10,8 2,4 2,2 1,7 0,05 0,05 Italia -0,4 0,7 1,3 0,2 0,2 0,2 12,7 12,7 12,3 3,0 3,0 2,8 - - Germania 1,6 1,5 1,8 0,8 0,1 0,5 5,0 4,7 4,7-0,7-0,6-0,8 - - Francia 0,2 1,3 1,4 0,6 0,3 0,3 10,2 10,2 10,4 4,0 3,7 3,0 - - Portogallo 0,9 1,2 2,0-0,2 0,8 0,7 14,1 12,4 13,2 4,5 3,2 3,1 - - Irlanda 4,8 3,1 3,0 0,3 0,4 0,0 11,3 9,7 9,6 4,1 3,9 3,4 - - Grecia 0,7-2,9-1,6-1,4-1,1-1,5 26,5 25,6 27,0 3,5 5,5 4,7 - - Spagna 1,4 3,2 2,6-0,2 0,0-0,1 24,5 22,5 22,8 5,8 4,3 3,2 - - Regno Unito 3,0 2,6 1,9 1,5 0,0 0,4 6,2 5,6 5,0 5,7 5,0 4,6 0,50 0,50 (1) Previsioni Fonte: Prometeia e Statistiche ufficiali (2) Tasso medio annuo (3) Laddove non ancora pubblicati i dati al 30 giugno 2015, sono state utilizzate le ultime informazioni disponibili Tra aprile e giugno il Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 2,3% annualizzato, quinto rialzo consecutivo (+0,6% il dato rivisto dei primi tre mesi), beneficiando di un miglioramento dei 8 Per quanto riguarda la significativa variazione del cambio euro/franco svizzero intervenuta rispetto a dicembre, si ricorda che la stessa è da porre in relazione con l abbandono del regime di cambio minimo deciso in gennaio dalla Banca Nazionale Svizzera. 9 Secondo la revisione delle stime del Fondo Monetario Internazionale (luglio 2015), il Pil mondiale crescerà del 3,3% nel 2015 (+3,4% nel 2014), sempre trainato dai Paesi emergenti (+4,2%; +4,6% nel 2014), ma con un recupero delle economie avanzate (+2,1%; +1,8% nel 2014). 16

17 consumi e delle esportazioni nette, a fronte di una contrazione delle scorte e un indebolimento degli investimenti fissi. Sul mercato del lavoro indicazioni incoraggianti provengono dal tasso di disoccupazione sceso a giugno al 5,3%, il livello più basso dal maggio 2008 (5,6% a fine anno). Nel primo semestre l inflazione sembra essersi stabilizzata su valori pressoché nulli (0,1% a giugno), dopo il brusco calo intervenuto tra ottobre e gennaio (0,8% a dicembre). L indice core (al netto dei prodotti alimentari ed energetici) è risultato più stabile (1,8% a giugno; 1,6% a dicembre). Tra gennaio e maggio il saldo negativo della bilancia commerciale è aumentato a 212,8 miliardi di dollari (+0,5% rispetto al corrispondente periodo del 2014), risentendo di un accresciuto deficit nei confronti di Cina, Giappone e delle altre economie emergenti asiatiche, che ha più che compensato il miglioramento del saldo, ora positivo, nei confronti dei Paesi Opec. Nella prima parte del 2015 la crescita su base annua del Pil cinese è risultata stabile al 7%, il livello più basso degli ultimi sei anni, risentendo di una persistente debolezza degli investimenti nel comparto immobiliare e nel suo indotto oltre che di una riduzione dell attività commerciale. Tutti i principali indicatori della domanda interna hanno continuato a registrare sviluppi significativi in termini tendenziali sebbene in Consuntivi e previsioni: principali Paesi emergenti Valori percentuali Prodotto Interno Lordo Prezzi al consumo Tassi di riferimento (1) 2016 (1) 2014 (2) giu-15 (3) dic-14 lug-15 Cina 7,4 6,3 6,0 2,0 1,4 5,60 4,85 India 7,0 8,0 6,9 7,2 5,4 8,00 7,25 Brasile 0,1 0,1-1,5 6,3 8,9 11,75 14,25 Russia 0,6-3,4 0,2 7,8 15,3 17,00 11,50 (1) Previsioni Fonte: Prometeia, FMI e Statistiche ufficiali (2) Tasso medio annuo (3) Laddove non ancora pubblicati i dati al 30 giugno 2015, sono state utilizzate le ultime informazioni disponibili graduale rallentamento rispetto agli anni precedenti: +11,4% gli investimenti fissi; +4,6% gli investimenti nel settore immobiliare (+10,5% nel 2014); +10,4% le vendite al dettaglio di beni di consumo; +6,3% la produzione industriale (+7,1% per il comparto manifatturiero). Con riferimento agli scambi commerciali, nel primo semestre le contrapposte dinamiche tendenziali di esportazioni (+1%) ed importazioni (-15,5%) hanno determinato un surplus di 263,2 miliardi di dollari che ha contribuito a sostenere le riserve valutarie, a fine giugno pari a miliardi di dollari, per circa un terzo stabilmente investite in titoli pubblici statunitensi. Dopo una rapida discesa allo 0,8% nel mese di gennaio, l inflazione si è riportata su valori prossimi a quelli di dicembre (1,5%), attestandosi a giugno all 1,4%, sostenuta dai comparti dell abbigliamento (2,9%) e del tabacco/alcolici (3,5%). Nei primi tre mesi dell anno l economia giapponese ha registrato segnali positivi, con il Pil in crescita congiunturale dell 1% (+0,3% nell ultimo periodo del 2014). A fronte della stabilità della domanda interna per consumi, tale dinamica ha beneficiato di un accresciuto apporto delle scorte e degli investimenti non residenziali, solo in parte compensato dalla flessione dell interscambio commerciale. I primi dati riferibili al secondo trimestre esprimono indicazioni contrastanti: a maggio la produzione industriale si è ridotta del 2,1% su base congiunturale (terza flessione negli ultimi quattro mesi); per contro l indagine Tankan di giugno ha evidenziato un miglioramento del livello di fiducia in particolare per le imprese di grandi dimensioni, manifatturiere e non. A giugno il tasso di disoccupazione si è portato al 3,4%, in linea con dicembre, mentre l inflazione si è attestata allo 0,4% (2,4% a dicembre), in sensibile calo dal mese di aprile per il venir meno dell effetto base dell aumento dell imposta sui consumi introdotta nell aprile Tra gennaio e marzo nell Area euro la ripresa economica sembra essersi stabilizzata, con il Pil in crescita dello 0,4% rispetto al periodo precedente (+0,4% anche nell ultimo trimestre del 2014), grazie al contributo dei consumi, degli investimenti fissi questi ultimi in progressivo miglioramento e delle scorte, a fronte di un generalizzato peggioramento delle esportazioni nette. Nonostante i difficili negoziati sul debito greco continuino ad essere motivo di preoccupazione, permane uno scenario favorevole ad un progressivo consolidamento della crescita nell Area, considerati gli attuali livelli del petrolio e del cambio, nonché le condizioni finanziarie espansive. 17

18 Per quanto attiene al secondo trimestre, in giugno l indicatore -coin calcolato dalla Banca d Italia che fornisce una stima della dinamica di fondo del Pil europeo ha registrato il settimo lieve aumento consecutivo dal minimo di novembre 2014, sostenuto anche dall andamento dell interscambio con l estero, i cui effetti sono stati in parte compensati dalla debole dinamica dell attività industriale. A conferma di un trend non ben definito, l indice della produzione industriale a maggio si è ridotto dello 0,4% su base congiunturale (invariato ad aprile; -0,4% a marzo), riflettendo anche l andamento del dato tedesco, pur in presenza di un miglioramento per le altre economie principali (+0,9% in Italia; +0,4% in Spagna; +0,3% in Francia). Per contro, il dato tendenziale risulta in crescita dell 1,6% (+0,9% ad aprile; +2,1% a marzo). A giugno, il tasso di disoccupazione si è confermato stabile all 11,1%, in marginale riduzione rispetto all 11,3% di dicembre, incorporando ancora situazioni di particolare criticità in Grecia (25,6% ad aprile), Spagna (22,5%), Italia (12,7%) e Portogallo (12,4%). Dopo un progressivo recupero tra gennaio (-0,6%, livello minimo) e maggio (0,3%), a giugno l inflazione è risultata pari allo 0,2%. L indice core, al netto dei prodotti alimentari ed energetici, è risultato pari allo 0,8%, sostanzialmente stabile rispetto a dicembre (0,7%). All interno dell Area euro, l economia italiana sembra manifestare i primi segni di un inversione di tendenza rispetto al passato. Dopo cinque periodi di variazioni negative e nulle, nel primo trimestre 2015 la dinamica congiunturale del Pil è tornata ad essere positiva (+0,3%), sostenuta dalle scorte e dagli investimenti fissi (in particolare mezzi di trasporto e costruzioni in vista dell apertura dell EXPO), a fronte di un apporto negativo dell interscambio commerciale e, marginalmente, dei consumi. Dai primi dati relativi al secondo trimestre, pare emergere un consolidamento della ripresa. A maggio l indice della produzione industriale corretto per gli effetti del calendario si presentava in deciso miglioramento al 3%, dopo le variazioni negative dei primi mesi dell anno (-2,2% a gennaio), sintetizzando variazioni tendenziali positive per quasi tutti i settori, fra i quali la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi (+16,2%), la fabbricazione di mezzi di trasporto (+15,4%), e la produzione di prodotti farmaceutici (+10,5%). Solo i settori estrattivo (-12,1%), tessile (-1,4%) e alimentare (-0,5%) mostravano una dinamica negativa. Sul mercato del lavoro, il tasso di disoccupazione a giugno è salito al 12,7%, livello più elevato da inizio anno (12,4% a dicembre), nonostante le misure di decontribuzione per i nuovi assunti introdotte dalla legge di stabilità 2015 e le innovazioni previste dal Jobs Act 10. Il tasso relativo alla fascia anni ha presentato un trend analogo (44,2% a giugno; 41% a dicembre) 11. Il dato generale continua peraltro ad essere mitigato dalla presenza degli ammortizzatori sociali che tra gennaio e giugno hanno evidenziato una significativa riduzione tendenziale della Cassa Integrazione Guadagni: 365,5 milioni di ore autorizzate a fronte dei 524,1 milioni di un anno prima (-30,3%), quale sintesi di una generalizzata flessione delle diverse componenti (-21,9% l ordinaria; -22,4% la straordinaria; -61,7% la cassa in deroga). L inflazione, misurata dall Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo, è tornata positiva da maggio, registrando a giugno, per il secondo mese consecutivo, una lieve accelerazione su base annua pari allo 0,2% (-0,1% a dicembre). L andamento dei mesi primaverili è riconducibile anche al settore dei servizi. Nei primi cinque mesi dell anno il saldo della bilancia commerciale è migliorato a 15,7 miliardi di euro (+13,9 miliardi nello stesso periodo del 2014) in virtù di un rilevante avanzo dell interscambio dei prodotti non energetici, del quale circa due terzi stabilmente riferibile ai beni strumentali, che ha più che compensato il deficit energetico (-14,4 miliardi). Il surplus complessivo è stato alimentato da un volume di scambi più sostenuto, con le esportazioni in aumento nei cinque mesi del 4,1% su base tendenziale spiegato per oltre un terzo dall incremento delle vendite di autoveicoli verso gli Stati Uniti e le importazioni in crescita del 3,2%. Si segnala che in data 2 luglio il Parlamento ha definitivamente approvato la legge di delegazione europea 2014, provvedimento che contiene i criteri di delega per la trasposizione nell ordinamento nazionale di numerose importanti direttive europee. Tra queste figura la Direttiva sul Risanamento e la Risoluzione delle Banche (BRRD), da completare con l emanazione dei relativi decreti legislativi. La Banca d Italia è stata designata quale Autorità italiana di risoluzione delle crisi. 10 Il 7 marzo e il 25 giugno sono entrati in vigore quattro decreti attuativi del Jobs Act (Decreti Legislativi 4 marzo 2015, n. 22 e n. 23; Decreti Legislativi 15 giugno 2015, n. 80 e n. 81). 11 Il dato esprime l incidenza dei giovani disoccupati sul totale dei giovani occupati o in corso di occupazione. 18

19 * * * L andamento dei mercati azionari, particolarmente favorevole per la borsa nipponica e le borse europee, ha subito per quest ultime un ritracciamento nel corso del secondo trimestre a seguito dell incalzare di possibili timori di contagio dei Paesi periferici, derivanti dalla delicata questione greca. Come si evince dalla Andamenti dei principali indici azionari espressi in valuta locale tabella, nonostante questa inversione di tendenza, le migliori performance del semestre hanno interessato i listini italiani, con variazioni rispetto a dicembre di poco inferiori al 20%. Per contro si è riscontrata una maggiore stabilità per le borse americane, già su livelli ampiamente superiori a quelli precrisi. L indice MSCI che rappresenta l andamento dei mercati dei Paesi emergenti in lieve crescita nei sei mesi, risulta stabile rispetto a marzo nonostante l improvviso calo che ha interessato il mercato azionario cinese dalla metà di giugno. Su tale mercato, le quotazioni sono bruscamente diminuite del 30% in meno di un mese, a fronte dei consistenti rialzi registrati a partire da novembre (+150%), alimentati da un massiccio accesso al mercato borsistico da parte dei piccoli risparmiatori, il cui basso grado di conoscenza finanziaria può aver amplificato le fluttuazioni. Ciò ha riflesso l allentamento delle condizioni monetarie e l esortazione esplicita delle autorità a sostenere lo sviluppo del mercato azionario. All inizio di luglio le autorità finanziarie sono intervenute per cercare di arrestare la caduta dei corsi, stimolando l acquisto di azioni da parte delle agenzie e delle società pubbliche; al contempo sono state sospese le contrattazioni di quasi la metà delle aziende quotate e bloccati i nuovi collocamenti. Con riferimento al risparmio gestito, il settore dei fondi comuni di investimento sta continuando a trainare l aggregato complessivo grazie ad una raccolta netta che a fine giugno si presentava positiva per 68,7 miliardi di euro, riconducibili per oltre due terzi ai fondi di diritto estero (+50,5 miliardi) ed in via residuale a quelli di diritto italiano (+18,2 miliardi). In termini di tipologie, alla favorevole evoluzione hanno concorso principalmente i fondi flessibili (+32,4 miliardi), gli obbligazionari (+18,7 miliardi) e i bilanciati (+10 miliardi), mentre variazioni più modeste hanno interessato gli azionari (+6,1 miliardi) e i prodotti di liquidità (+1,8 miliardi), a fronte di una sostanziale stabilità per gli hedge (-0,3 miliardi). A fine giugno il patrimonio gestito aveva pertanto raggiunto i 780 miliardi di euro, dai 683,3 miliardi di dicembre (+14,2%), sintetizzando nel periodo una ricomposizione in termini percentuali a favore dei fondi flessibili (dal 22% al 23,7%), degli azionari (dal 20,7% al 21,3%) e dei bilanciati (dal 6,4% al 7,2%), mentre si segnala una riduzione per la quota dei prodotti obbligazionari (dal 46,1% al 43,2%) e di liquidità (dal 3,9% al 3,7%). La fragilità del contesto di riferimento continua a condizionare il sistema bancario, nell ambito del quale la dinamica della raccolta permane negativa riflesso anche della perdurante, seppur più moderata, flessione dei prestiti a fronte di un marginale, ma progressivo rallentamento dei crediti deteriorati. giu-15 A * * * mar-15 B dic-14 C Var. % A/C set-14 D giu-14 E Ftse Mib (Milano) ,1% Ftse Italia All Share (Milano) ,1% Xetra Dax (Francoforte) ,6% Cac 40 (Parigi) ,1% Ftse 100 (Londra) ,7% S&P 500 (New York) ,2% DJ Industrial (New York) ,1% Nasdaq Composite (New York) ,3% Nikkei 225 (Tokyo) ,0% Topix (Tokyo) ,8% MSCI emerging markets ,7% Fonte: Thomson Financial Reuters Per risolvere il problema della scarsa accessibilità al credito da parte delle aziende il 27 giugno è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale un Decreto Legge (D.L. 83/2015) recante misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell amministrazione giudiziaria. Tra le misure contenute figurano: 19

20 la deducibilità integrale delle svalutazioni e perdite su crediti verso clientela degli enti creditizi e finanziari e delle imprese di assicurazione nell esercizio in cui sono rilevate in bilancio, anziché in cinque anni, allineando in tal modo la normativa a quella degli altri principali Paesi europei; una revisione della Legge fallimentare che ha interessato sia le procedure concorsuali sia quelle esecutive. Rispetto alle prime sono stati rafforzati gli strumenti negoziali tesi a favorire una ristrutturazione dell esposizione; sono stati introdotti termini stringenti per la conclusione della fase di liquidazione, disponendo sanzioni per il mancato rispetto. Riguardo ai procedimenti esecutivi, sono stati elaborati nuovi criteri di aggiudicazione dei beni, semplificate le fasi di vendita e accorciati alcuni termini procedurali. Sulla base delle prime stime pubblicate dall ABI 12, a fine giugno il tasso di variazione tendenziale della raccolta diretta (depositi di residenti e obbligazioni) si presentava pari al -1,4%, confermandosi negativo da dicembre 2013 (-1,2% a dicembre 2014). All interno dell aggregato permane la netta contrapposizione tra la raccolta obbligazionaria (-14,8% dal -13,6% di fine ) e l insieme delle altre forme tecniche (+3,9% dal +4% di dicembre 14 ). Come evidenziato dai dettagli di Banca d Italia relativi al mese di maggio 15, in quest ultimo caso il trend riflette sia l incremento dei depositi in conto corrente (+9,3%), sia la ripresa dei pronti contro termine (+57,2%), ascrivibile per oltre due terzi ai primi cinque mesi del Per contro i depositi con durata prestabilita fino a due anni stanno continuando a ridursi (-19,4%). Sempre secondo le anticipazioni dell ABI, gli impieghi a residenti appartenenti al settore privato a giugno evidenziavano ancora una flessione annua dell 1,1% 16, ancorché meno accentuata rispetto a dicembre (-2,1%). In termini di destinatari, i dettagli relativi al mese di maggio pubblicati da Banca d Italia 17 che tengono conto dei prestiti non rilevati nei bilanci bancari in quanto cartolarizzati e sono al netto delle variazioni delle consistenze non connesse con transazioni (ad esempio, variazioni dovute a fluttuazioni del cambio, ad aggiustamenti di valore o a riclassificazioni) segnalavano una progressiva stabilizzazione per le famiglie, dopo due anni e mezzo di caduta, e una perdurante debolezza per le imprese, nonostante condizioni di offerta sempre più accomodanti. Per le prime il trend (-0,1%; -0,5% a dicembre) sta beneficiando anche del favorevole andamento delle nuove erogazioni per l acquisto di immobili e del flusso di nuove operazioni di credito al consumo, mentre nel caso delle società non finanziarie la dinamica (-1,9%; -2,3% a dicembre) continua ad essere condizionata dalla debolezza della domanda 18, in particolare dal lato degli investimenti, pur in presenza di un recupero tendenziale delle nuove erogazioni. Sotto il profilo della rischiosità i segnali di miglioramento, benché presenti, sono ancora modesti. A maggio le sofferenze del settore privato al lordo delle svalutazioni 19 si presentavano in aumento a 193,3 miliardi di euro, ma con una dinamica annua in progressiva decelerazione (+14,9% dal +17,8% del 2014; +5,5% da inizio anno). Lo stock delle sofferenze lorde risultava costituito per 52,2 miliardi dalle famiglie (+10,1% su base annua; +4,8% rispetto a dicembre) e per 138,1 miliardi dalle imprese (+15,6% su base annua; +5,7% rispetto a dicembre) 20. Il rapporto sofferenze lorde del settore privato/impieghi al settore privato si era così portato all 11,77% (11,11% a fine dicembre). Le sofferenze nette, pari a 83,4 miliardi, sono cresciute del 9,3% nei dodici mesi (+5,6% nel 2014), ma risultano in flessione dell 1,3% rispetto a dicembre avendo beneficiato anche di operazioni di cessione. 12 ABI Monthly Outlook, Economia e Mercati Finanziari-Creditizi, 14 luglio Le variazioni sono state calcolate escludendo dalla raccolta obbligazionaria la quota che figura tra gli investimenti del portafoglio titoli. La dinamica dell aggregato risente dei significativi volumi di titoli in scadenza oltre che dell abbondante e competitiva liquidità immessa nel sistema bancario dalla BCE attraverso le TLTRO e le linee di finanziamento a breve termine. 14 Le variazioni sono state calcolate escludendo dai depositi gli importi connessi con operazioni di cessioni di crediti e con controparti centrali. 15 Supplemento al Bollettino Statistico Moneta e Banche, 8 luglio In termini di stock a fine giugno i prestiti a residenti appartenenti al settore privato ammontavano a 1.557,7 miliardi di euro a fronte dei miliardi in essere a fine 2007, prima dell inizio della crisi. 17 Comunicato stampa Principali voci dei bilanci bancari, 8 luglio I pagamenti dei debiti arretrati della Pubblica Amministrazione potrebbero continuare ad influenzare la dinamica dei prestiti alle imprese, in particolare sul breve periodo. Si segnala inoltre che l entrata in vigore del Regolamento BCE/2013/33, per effetto del recepimento del Sistema Europeo dei Conti (SEC2010), ha comportato già a valere su dicembre 2014 la riclassificazione statistica delle società di partecipazione (holding) dal settore società non finanziarie al settore altre istituzioni finanziarie quantificabile in circa 9 miliardi. 19 Supplemento al Bollettino Statistico Moneta e Banche, 8 luglio Anche per le sofferenze lorde l entrata in vigore del Regolamento BCE/2013/33 ha determinato la riclassifica di circa 1 miliardo dal settore società non finanziarie al settore altre istituzioni finanziarie. 20

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo,

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2015 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2015 Banca Popolare Commercio & Industria Società per Azioni Capitale Sociale: Euro 934.150.467,60 interamente

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2015 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2015 Banca Carime S.p.A. Sede legale e Direzione di Cosenza - Viale Crati - 87100 Cosenza - tel. 0984.8011

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2015 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2015 Banca Regionale Europea Società per Azioni Appartenente al Gruppo UBI Banca Capitale sociale 587.892.824,35

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2015 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2015 Banco di Brescia San Paolo Cab Società per Azioni Capitale Sociale Euro 615.632.230,88 Codice Fiscale

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2015 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2015 Banca Popolare di Bergamo Società per Azioni con Socio unico Capitale Sociale: Euro 1.350.514.252,00

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2015 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2015 Banca Popolare di Ancona Società per Azioni Appartenente al Gruppo UBI Banca Capitale sociale 147.301.670,32

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2015 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2015 Banca di Valle Camonica Società per Azioni Capitale Sociale Euro 3.176.883,00 Registro Imprese CCIAA

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione

Resoconto intermedio di gestione Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione

Resoconto intermedio di gestione Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2015 Società per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia 74 Aderente

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale

Relazione finanziaria semestrale Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

COMUNICATO STAMPA * * *

COMUNICATO STAMPA * * * COMUNICATO STAMPA Si confermano solidi e in crescita gli indici patrimoniali Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 marzo 2015 pari al 12,45% (non include l autofinanziamento di periodo) rispetto al

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2012

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2012 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2012 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2012 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo,

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione

Resoconto intermedio di gestione Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2014 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Iscritta all'albo delle Banche al n. 5561-ABI n. 5428.8 Appartenente al Gruppo bancario Unione

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2011

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2011 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2011 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Resoconto Intermedio di gestione al 31 marzo 2011

Resoconto Intermedio di gestione al 31 marzo 2011 Resoconto Intermedio di gestione al 31 marzo 2011 Indice RELAZIONEINTERMEDIASULL ANDAMENTODELLAGESTIONECONSOLIDATAAL31MARZO2011 BILANCIOCONSOLIDATOINTERMEDIOAL31MARZO2011 DICHIARAZIONEDELDIRIGENTEPREPOSTOALLAREDAZIONEDEI

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Relazioni e Bilanci 2013

Relazioni e Bilanci 2013 Relazioni e Bilanci 2013 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia 74 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

MICROMACRO. DASHBOARD n 11. NOVEMBRE 2015 (Documento aggiornato con dati disponibili al 23.11.2015) Novembre 2015 1

MICROMACRO. DASHBOARD n 11. NOVEMBRE 2015 (Documento aggiornato con dati disponibili al 23.11.2015) Novembre 2015 1 DASHBOARD n 11 NOVEMBRE 2015 (Documento aggiornato con dati disponibili al 23.11.2015) Novembre 2015 1 INDICE 1. SOMMARIO DEL TRIMESTRE pag. 3 2. QUADRO MACROECONOMICO TRIMESTRALE pag. 6 3. SCENARIO PREVISIONALE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 www.bpspoleto.it BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 Spoleto, 24 Agosto 2011 CRESCITA DELLA BANCA REALE Base Clientela a 137.943 unità (+2,8% rispetto al 31/12/10) Conti Correnti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Banca Popolare di Ancona Spa Sede Legale e Direzione Generale: Jesi (AN), Via Don Battistoni, 4 Iscritta all Albo delle Banche al n. 301 ABI n. 05308.2 Appartenente al Gruppo bancario Unione di Banche

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 Relazioni e Bilancio Al 31 Dicembre 2014 Banca Carime S.p.A. Sede legale e Direzione di Cosenza - Viale Crati - 87100 Cosenza - tel. 0984.8011 Direzione di Bari:

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Resoconto Intermedio di gestione al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di gestione al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di gestione al 30 settembre 2011 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006)

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) UBI BANCA pro-forma (non inclusivi dell effetto dell appostazione della differenza di fusione)

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2013 Relazioni e Bilancio 2013 Banca Popolare di Bergamo Società per Azioni con Socio unico Capitale Sociale: Euro 1.350.514.252,00 interamente versato Codice Fiscale

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 Relazioni e Bilancio Al 31 Dicembre 2014 UBI Banca Private Investment Società per Azioni Capitale Sociale Euro 67.950.000 Codice Fiscale e numero di iscrizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 Relazioni e Bilancio Al 31 Dicembre 2014 Banco di Brescia San Paolo Cab Società per Azioni Capitale Sociale Euro 615.632.230,88 Codice Fiscale e numero di iscrizione

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE

RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE al 30 GIUGNO 2014 Relazione Finanziaria Semestrale Al 30 Giugno 2014 UBI Banca Private Investment Società per Azioni Capitale Sociale Euro 67.950.000 Codice Fiscale e numero

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Relazioni e Bilancio Al 31 Dicembre 2014

Relazioni e Bilancio Al 31 Dicembre 2014 Relazioni e Bilancio Al 31 Dicembre 2014 Banca Popolare di Ancona Società per Azioni Appartenente al Gruppo UBI Banca Capitale sociale 147.301.670,32 interamente versato Iscrizione al registro delle imprese

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONI E BILANCIO al 31 DICEMBRE 2014 Relazioni e Bilancio Al 31 Dicembre 2014 Banca Regionale Europea Società per Azioni Appartenente al Gruppo UBI Banca Capitale sociale 587.892.824,35 Codice ABI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 1 30 2015 13% 12,94% 30.06.2015 15,31% (15,62% 30.06.2015) 1 12,56%1 (12,33% 30.06.2015) 6,22% 6,04% NSFR

COMUNICATO STAMPA 1 30 2015 13% 12,94% 30.06.2015 15,31% (15,62% 30.06.2015) 1 12,56%1 (12,33% 30.06.2015) 6,22% 6,04% NSFR COMUNICATO STAMPA Confermato il solido assetto patrimoniale del Gruppo Common Equity Tier 1 ratio phased in al 30 settembre 2015 pari al 13% rispetto al 12,94% del 30.06.2015 Total capital ratio phased

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE UBI Banca Private Investment Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Brescia, Via Cefalonia, 74 Codice Fiscale ed Iscrizione al Registro delle Imprese di Brescia n. 00485260459,

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli