INDICE GENERALE 1. SEGNALI TITOLI ITALIA INTRADAY 2 2. SEGNALI TITOLI ITALIA MULTIDAY 5 3. SEGNALI PORTAFOGLIO ITALIA 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE GENERALE 1. SEGNALI TITOLI ITALIA INTRADAY 2 2. SEGNALI TITOLI ITALIA MULTIDAY 5 3. SEGNALI PORTAFOGLIO ITALIA 11"

Transcript

1

2 INDICE GENERALE 1. SEGNALI TITOLI ITALIA INTRADAY 2 2. SEGNALI TITOLI ITALIA MULTIDAY 5 3. SEGNALI PORTAFOGLIO ITALIA SEGNALI PORTAFOGLIO EUROPA SEGNALI S&PMIB FUTURE INTRADAY SEGNALI S&PMIB FUTURE MULTIDAY SEGNALI FUTURE EUROSTOXX SEGNALI FUTURE MINI-NASDAQ /51

3 1. SEGNALI TITOLI ITALIA INTRADAY 1 Destinatari del servizio Il servizio Segnali Titoli Italia è rivolto a persone intenzionate a cogliere le opportunità derivanti dalle oscillazioni dei corsi azionari nel breve periodo (dall'infraday ai 7 giorni). Tale tipo di operatività richiede che vi sia piena consapevolezza dei rischi derivanti da una movimentazione del portafoglio azionario molto elevata, ossia della possibilità di incorrere in perdite dovute a movimenti dei prezzi che fanno scattare gli stop loss di protezione. Gli stop loss, vale a dire la chiusura di una posizione poiché i prezzi hanno toccato o si sono portati sotto certi livelli critici indicati (oppure sopra, nel caso di posizioni corte), devono essere seguiti in modo scrupoloso e disciplinato. L'applicazione degli stop loss è condizione essenziale per preservare il capitale investito. L'indicazione di acquisto (o di vendita) su un titolo in ottica trading non implica in alcun modo una valutazione positiva (o negativa) di medio/lungo periodo sul titolo medesimo. 2 Tipo di operatività 2.1 Orari di aggiornamento e titoli oggetto di strategie L aggiornamento delle strategie operative sui titoli italiani può avvenire nelle fasce orarie 9.00/9.30 e 11.00/ Nella pagina di visualizzazione delle strategie compare un messaggio aggiornamento in corso.... Sono oggetto di strategie, i titoli italiani appartenenti al segmento di mercato a più elevata capitalizzazione (S&PMib e/o S&P/MIB). Le indicazioni si considerano valide solo per la giornata borsistica in cui vengono pubblicate. 2.2 L orizzonte temporale L orizzonte temporale delle singole strategie può variare a seconda delle condizioni di volatilità del mercato e della leva: - all aumentare della volatilità diminuisce la durata media della posizione; - le operazioni con leva sono sempre considerate infraday e vanno chiuse in giornata. Le posizioni senza leva, sono considerate multiday, hanno una durata media di circa 3 giorni (la durata media delle 566 posizioni lunghe aperte tra il 3 giugno 2002 e il 31 ottobre 2003 è stata pari a 3,47 giorni per posizione) 2.3 Leva Nella colonna leva viene data una indicazione sull esposizione per singola operazione. Fatto 1 l importo medio col quale si opera, strategie con leva rappresentano operazioni effettuate con controvalori proporzionalmente maggiori. Naturalmente, tali tipi di strategie comportato rischi maggiori e pertanto si consiglia di chiuderle a fine giornata. Naturalmente all aumentare del controvalore scambiato, aumenta il rischio di sleepage ovvero della possibilità di non riuscire ad effettuare l operazione sul mercato al livello di prezzo desiderato (per insufficiente liquidità dello strumento). Di converso, è possibile diminuire l incidenza percentuale delle commissioni in caso di commissioni fisse. L utilizzo di operazioni con leva dipende da: - volatilità del titolo: titoli poco volatili possono essere lavorati con importi elevati per trarre profitto anche da piccole variazioni percentuali; - posizioni in portafoglio: ad esempio, l esigenza di coprire l esposizione su posizioni corte potrebbe spingere l analista a suggerire importi maggiori su posizioni lunghe. Allo stesso modo una elevata esposizione pregressa in portafoglio delle posizioni lunghe potrebbe indurre una maggiore prudenza sulle posizioni lunghe suggerite nella giornata. Gli investitori che non hanno un orizzonte temporale infraday dovrebbero privilegiare le strategie con leva pari a Numero di segnali Il numero di strategie suggerite dipende da una serie di variabili tra le quali si segnalano: la volatilità del mercato: in periodo di volatilità contenuta si preferisce diminuire il numero di operazioni. Quando la volatilità è in compressione l andamento del mercato risulta meno prevedibile e le commissioni incidono in maniera maggiore; andamento del Track record: nei periodi difficili, si preferisce diminuire il numero di segnali; liquidità residua: si ipotizza di impiegare il 5% della liquidità a disposizione per ogni strategia con leva pari a 1. La sommatoria delle posizioni in essere non potrà in nessun caso superare il fattore 20. 2/51 Segnali Titoli Italia Intraday

4 3 La struttura del report Si compone delle sezioni: STRATEGIE APERTE e STRATEGIE CHIUSE. Ciascuna strategia prevede POSIZIONI LUNGHE (in acquisto) e POSIZIONI CORTE (in vendita allo scoperto) dove vengono indicate le strategie di trading e della sezione GESTIONE POSIZIONI per la chiusura anticipata delle posizioni ritenute non più profittevoli. 4 Posizioni Lunghe (ossia in acquisto ) 4.2 Modalità di apertura posizione Nella sezione vengono riportate tre diverse modalità di apertura posizione: Acquisto ai livelli correnti di prezzo (abbreviato in PC): in questo caso si ritiene il titolo interessante indipendentemente da particolari livelli tecnici. Si ritiene improbabile una correzione e, se questa dovesse esserci, il quadro tecnico potrebbe risultarne deteriorato e pertanto la strategia potrebbe non ritenersi più valida. In queste situazioni si sconsiglia l'acquisto se, dal momento in cui è stata fatta l'analisi, il prezzo si discosta molto dai livello di prezzo indicato (sia nel caso di un prezzo più alto, sia nel caso di un prezzo più basso). Acquisto su correzione: si tratta di acquisto "sulla debolezza", ovvero sopra un livello di supporto. In queste situazioni, si sconsiglia l acquisto se il prezzo risulta sensibilmente più basso rispetto all area di acquisto indicata. Acquisto sulla forza: si tratta di operazioni da effettuarsi solo alla rottura di un livello di resistenza. La resistenza si considera violata nel momento in cui il titolo tocca il livello di prezzo indicato nella colonna P.ACQ. 4.3 Modalità di chiusura posizione Stop Loss INFRADAY: lo Stop loss indicato è sempre considerato infraday. Le posizioni in essere vanno chiuse nel momento in cui viene effettuato lo scambio successivo al livello di prezzo indicato. Take profit 1 (abbreviato in Take1, ossia primo livello di presa di beneficio): se le quotazioni raggiungono tale livello (o si avvicinano sensibilmente al livello indicato), si dovrebbe alleggerire la posizione, e portare lo Stop Loss sul prezzo di carico. Le posizioni verranno considerate chiuse se le quotazioni si riportano sui livelli di carico, o sul Take profit 2. Take profit 2 (abbreviato in Take2): indica il livello dove chiudere integralmente la posizioni in essere. Se non è indicato il Take profit 1, si consiglia di chiudere integralmente la posizione sul "Take Profit 2". In questi casi non viene portato lo s/l sul prezzo di carico. 5 Posizioni Corte (ossia in vendita ) 5.1 Tipo di strategia per l apertura di posizioni corte Nella sezione vengono riportate tre diverse modalità di apertura posizione: Vendita ai livelli correnti di prezzo (abbreviato in PC): in questo caso si ritiene il titolo interessante indipendentemente da particolari livelli tecnici. Si ritiene improbabile un rimbalzo e, se questo dovesse esserci, il quadro tecnico potrebbe risultarne deteriorato e pertanto la strategia potrebbe non ritenersi più valida. In queste situazioni si sconsiglia la vendita se, dal momento in cui è stata fatta l'analisi, il prezzo si discosta molto dai livelli di prezzo indicati (sia nel caso di un prezzo più basso, sia nel caso di un prezzo più alto). Vendita su rimbalzi: si tratta di vendita sotto un livello di resistenza. In queste situazioni, si sconsiglia la vendita se il prezzo risulta sensibilmente più alto rispetto all area di vendita indicata. Vendita sulla debolezza: si tratta di operazioni da effettuarsi solo alla rottura di un livello di supporto. Il supporto si considera violato nel momento in cui il titolo tocca il livello di prezzo indicato nella colonna P.VEND. 5.2 Modalità di chiusura posizione Stop Loss INFRADAY: lo Stop loss indicato è sempre considerato infraday. Le posizioni in essere vanno chiuse nel momento in cui viene effettuato lo scambio successivo al livello di prezzo indicato. Take profit 1 (abbreviato in Take1, ossia primo livello di presa di beneficio): se le quotazioni raggiungono tale livello (o si avvicinano sensibilmente al livello indicato), si dovrebbe effettuare una parziale ricopertura, e portare lo Stop Loss sul prezzo di carico. Le posizioni verranno considerate chiuse se le quotazioni si riportano sui livelli di carico, o sul Take profit 2. Take profit 2 (abbreviato in Take2): indica il livello dove chiudere integralmente la posizioni in essere. Se non è indicato il Take profit 1, si consiglia di chiudere integralmente la posizioni sul "Take Profit 2". In questi casi non viene portato lo s/l sul prezzo di carico. 3/51 Segnali Titoli Italia Intraday

5 6 Regole di costruzione del Track record Vengono considerate solo le operazioni andate in posizione durante la seduta in cui è stata data l'indicazione. La posizione rimane aperta finché non viene toccato un livello di Take profit o di Stop loss. Le strategie che contengono due livelli di Take profit vengono considerate aperte finché le quotazioni non raggiungono il secondo livello. Nel caso di raggiungimento del primo livello, la posizione viene considerata alleggerita al 50% e si porta lo s/l sul prezzo di carico. Un livello di Take Profit si considera realizzato se il titolo raggiunge il livello indicato o si avvicina a esso con una scarto massimo dello 0,25%. Per le operazioni con leva, tale scarto va ridotto proporzionalmente alla leva stessa (per esempio, per operazioni con leva 2,5 lo scarto è 0,100%). Per i titoli con un tick superiore a 0,25%, lo scarto è rappresentato dal tick precedente al livello di take indicato. Ad esempio, un take profit su una posizione lunga su IntesaBci a si considera realizzato se le quotazioni raggiungono Per le operazioni con leva, l'utile e la perdita vengono calcolate moltiplicando la variazione per la leva utilizzata. Ad esempio un acquisto del titolo Eni a chiusa in Take profit a ha un utile lordo del 4% (3,63% il netto). Nel caso di utilizzo dell effetto leva l utile lordo considerato sarebbe stato pari al 10.00% (9,07% il netto). Se si apre una nuova posizione, di segno opposto ad una già in essere, quest'ultima si considera chiusa valorizzandola al prezzo di carico della nuova posizione aperta. Per le operazioni lunghe senza leva, i giorni di durata della posizione sono calcolati considerando la chiusura della posizione (raggiungimento del Take profit 2, raggiungimento del Take profit 1 e successiva chiusura in Stop loss sul prezzo di carico, apertura di una posizione di segno contrario). Il risultato medio è rappresentato dal take profit (o stop loss) medio, ponderato per il numero di operazioni relative. Le strategie date sullo stesso titolo, ma in giorni diversi, sono considerate operazioni autonome. Tuttavia, qualora venisse aperta una nuova posizione di segno opposto, vengono automaticamente considerate chiuse tutte le eventuali posizioni in essere. Le operazioni di acquisto/vendita sulla forza/debolezza si considerano entrate in posizione se viene scambiato il livello di prezzo indicato (P.ACQ./P.VEND). La posizione si considera chiusa in Stop loss se viene scambiato il tick successivo al livello indicato. Ad esempio: una posizione lunga su Telecom con Stop loss a 9.18 si considera chiusa se viene scambiato Le operazioni chiuse a fine giornata (mark-to-market) sono valorizzate al prezzo dell asta di chiusura delle 17:40. 7 Utile netto e Track record L utile netto è calcolato sottraendo le commissioni alla variazione percentuale. A tal proposito si considerano commissioni pari a 0,187% moltiplicate per 2 (apertura e chiusura della posizione) e per l eventuale fattore leva (1,66 o 2,50). In sintesi: commissioni per operazione = 0,187% * 2 * fattore leva Utile netto % = Variazione percentuale lorda commissioni % per operazione Il Track record pubblicato sul sito è calcolato facendo la sommatoria dei risultati % netti di tutte le strategie entrate in posizione. Ogni giorno è possibile consultare l utile netto generato dalle strategie fornite nell ultima seduta, scaricando il relativo report. 4/51 Segnali Titoli Italia Intraday

6 2. SEGNALI TITOLI ITALIA MULTIDAY 1 Destinatari del servizio Il servizio Segnali Titoli Italia Multiday è rivolto a persone intenzionate a cogliere le opportunità derivanti dalle oscillazioni dei corsi azionari con un orizzonte operativo indicativamente pari a 1-4 settimane (il cosiddetto Swing Trading ). Chi intende usufruire di tali segnali deve sempre e comunque avere piena consapevolezza dei rischi derivanti dall attività di trading e delle conseguenti possibilità di incorrere in perdite dovute a movimenti delle quotazioni tali da far scattare gli stop loss di protezione (la chiusura delle posizioni per porre limite alle perdite) o di perdite superiori nel caso di impossibilità di chiudere la posizione per anomalie di tipo tecnico o legate al mercato (per esempio, blocco del Tradingon-line, sospensione delle quotazioni da parte della Borsa Italiana, allargamento anomalo dello spread, ossia del differenziale denaro-lettera). L'applicazione degli stop loss è condizione essenziale per preservare il capitale investito. Essi devono essere seguiti in modo scrupoloso e disciplinato. L'indicazione di acquisto o di vendita su un titolo in ottica swing trading non implica necessariamente una valutazione positiva o negativa sull azienda quotata e le sue prospettive economiche, ma solo un ipotesi operativa effettuata utilizzando le tecniche e le metodologie proprie dell Analisi Tecnica. Parimenti, l'indicazione di acquisto o di vendita su un titolo in ottica swing trading non implica una valutazione positiva o negativa sull andamento borsistico del titolo nei mesi successivi. 2 Tipo di operatività 2.1 Orari di aggiornamento e titoli oggetto di strategie L aggiornamento delle strategie operative sui titoli italiani può avvenire il lunedì e il mercoledì, nei giorni lavorativi di Borsa aperta, nella fascia oraria compresa dalle ore alle ore L aggiornamento sarà reso disponibile tramite lo scarico di un file di tipo Acrobat Reader (ossia con estensione.pdf) che riporterà le strategie operative relative ai vari titoli. Si potrà accedere a tale file dalla home page di Sella AdviceTrading, cliccando su: Segnali Titoli Italia Multiday. Sono oggetto di strategie i titoli italiani appartenenti al segmento di mercato a più elevata capitalizzazione (S&P/MIB40). Le indicazioni si considerano valide fino alla pubblicazione dell aggiornamento successivo. Negli aggiornamenti sarà possibile trovare: nuove strategie, ossia nuovi segnali operativi; modifiche e aggiustamenti relativi a posizioni aperte e ancora in essere. Inoltre, indicazioni fornite nel report precedente e ritenute non più profittevoli potranno essere cancellate (ossia, non appariranno più nell aggiornamento). Si sottolinea che ogni aggiornamento integra e sostituisce in ogni sua parte l aggiornamento precedente, che, quindi, non deve più essere preso in considerazione. 2.2 L orizzonte temporale L orizzonte temporale delle singole strategie è indicativamente compreso fra una settimana e un mese, anche se può variare in base alle condizioni di volatilità del mercato: all aumentare della volatilità, la durata media di una posizione tenderà infatti a diminuire; al diminuire della volatilità, la durata media di una posizione tenderà invece ad aumentare. 2.3 Leva Le strategie di trading indicate sono da intendersi come operazioni con leva pari a Numero di segnali Il numero di strategie suggerite dipende da una serie di variabili tra le quali si segnalano: la volatilità del mercato: in periodi di volatilità contenuta si preferisce diminuire il numero di operazioni. Quando la volatilità è particolarmente contenuta o in progressiva diminuzione, i margini per le prese di beneficio si contraggono e l andamento del mercato tende a divenire progressivamente meno prevedibile, mentre le commissioni incidono in maniera maggiore sui ricavi attesi dalle singole operazioni; 5/51 Segnali Titoli Italia Multiday

7 andamento del Track record: durante periodi in cui si manifesta una diminuzione degli utili o un aumento della volatilità del track record stesso, si tenderà a mantenere una condotta più prudente e conservativa, mentre in periodi di utili in crescita con contenuta volatilità, si tenderà a mantenere una condotta più aggressiva. 3 La struttura del report Il report è suddiviso in due parti principali: 1. Strategie per l Apertura di Nuove Posizioni 2. Strategie Posizioni In Essere Quadro Posizioni Chiuse La parte relativa alle Strategie per l Apertura di Nuove Posizioni sarà articolata in due Sezioni (v. Figura 1): POSIZIONI LUNGHE POSIZIONI CORTE Ciascuna sezione presenterà poi due sotto-sezioni rilevanti: MODALITA DI APERTURA DELLA POSIZIONE (lunga o corta) MODALITA DI CHIUSURA DELLA POSIZIONE (lunga o corta) Figura 1 La parte relativa a: Strategie Posizioni in Essere - Quadro Posizioni Chiuse sarà articolata in tre Sezioni: POSIZIONI LUNGHE APERTE POSIZIONI CORTE APERTE POSIZIONI CHIUSE 4 Posizioni Lunghe (ossia in acquisto ) 4.1 Modalità di apertura posizioni lunghe Nella sezione Modalità di Apertura Posizione in Acquisto, vengono riportate tre diverse modalità di apertura posizione: Acquisto ai livelli correnti di prezzo (abbreviato in PC): in questo caso si ritiene conveniente aprire la posizione senza attendere eventuali correzioni, in quanto poco probabili o di lieve entità. La posizione si considera aperta al valore centrale della fascia indicata. Il cliente dovrebbe preferenzialmente effettuare l acquisto all interno della fascia stessa. 6/51 Segnali Titoli Italia Multiday

8 Acquisto su correzione: si tratta di acquisto a seguito di una discesa delle quotazioni verso un livello ritenuto di supporto. Acquisto sulla forza: si tratta di operazioni da effettuarsi solo alla rottura di un livello di resistenza. La resistenza si considera violata nel momento in cui il titolo tocca il livello di prezzo indicato nella colonna P.ACQ. 4.2 Modalità di chiusura posizioni lunghe Stop Loss INFRADAY: lo Stop loss indicato è sempre considerato infraday. Le posizioni in essere vanno chiuse nel momento in cui viene effettuato lo scambio successivo al livello di prezzo indicato. Stop Loss SUL PREZZO DI CARICO: se le quotazioni raggiungono tale livello dopo che è stata aperta la posizione (ovviamente se non è scattato lo stop loss), il livello di prezzo fissato inizialmente come stop loss viene alzato sul Prezzo di Carico, ossia sul valore medio in corrispondenza del quale è stata aperta la posizione in acquisto. Il livello di Stop Loss SUL PREZZO DI CARICO potrà essere indicato o omesso a discrezione dell analista incaricato di definire la strategia di chiusura della posizione. Take profit 1 (abbreviato in Take1, ossia primo livello di presa di beneficio): se le quotazioni raggiungono tale livello (o raggiungono i valori compresi fra tale livello e lo 0,40% in meno rispetto al Take1), si dovrebbe alleggerire la posizione del 50% e portare lo Stop Loss sul Prezzo di Carico. Le posizioni verranno considerate chiuse se le quotazioni si riportano sui livelli di carico o sul Take profit 2. Take profit 2 (abbreviato in Take2): indica il livello dove chiudere integralmente le posizioni in essere. Se non è indicato il Take profit 1, si consiglia di chiudere integralmente la posizione sul "Take 2". Il Take 2 si intende raggiunto se le quotazioni toccano puntualmente tale valore o raggiungono i valori compresi fra tale livello e lo 0,40% in meno rispetto al Take2. 5 Posizioni Corte (ossia in vendita ) 5.1 Modalità di apertura posizioni corte. Nella sezione vengono riportate tre diverse modalità di apertura di posizioni di vendita allo scoperto: Vendita ai livelli correnti di prezzo (abbreviato in PC): in questo caso si ritiene conveniente aprire la posizione senza attendere eventuali rimbalzi, in quanto poco probabili o di lieve entità. La posizione si considera aperta al valore centrale della fascia indicata. Il cliente dovrebbe preferenzialmente effettuare la vendita all interno della fascia stessa. Vendita su rimbalzi: si tratta di vendita a seguito di una salita delle quotazioni verso un livello ritenuto di resistenza. Vendita sulla debolezza: si tratta di operazioni da effettuarsi solo alla rottura di un livello di supporto. Il supporto si considera violato nel momento in cui il titolo tocca il livello di prezzo indicato nella colonna P.VEND. 5.2 Modalità di chiusura posizioni lunghe Stop Loss INFRADAY: lo Stop loss indicato è sempre considerato infraday. Le posizioni in essere vanno chiuse nel momento in cui viene effettuato lo scambio successivo al livello di prezzo indicato. Stop Loss SUL PREZZO DI CARICO: se le quotazioni raggiungono tale livello dopo che è stata aperta la posizione (ovviamente se non è scattato lo stop loss), il livello di prezzo fissato inizialmente come stop loss viene abbassato sul Prezzo di Carico, ossia sul valore medio in corrispondenza del quale è stata aperta la posizione in vendita. Il livello di Stop Loss SUL PREZZO DI CARICO potrà essere indicato o omesso a discrezione dell analista incaricato di definire la strategia di chiusura della posizione. Take profit 1 (abbreviato in Take1, ossia primo livello di presa di beneficio): se le quotazioni raggiungono tale livello (o raggiungono i valori compresi fra tale livello e lo 0,40% in più rispetto al Take1), si dovrebbe alleggerire la posizione del 50% e portare lo Stop Loss sul Prezzo di Carico. Le posizioni verranno considerate chiuse se le quotazioni si riportano sui livelli di carico o sul Take profit 2. Take profit 2 (abbreviato in Take2): indica il livello dove chiudere integralmente la posizioni in essere. Se non è indicato il Take profit 1, si consiglia di chiudere integralmente la posizione sul "Take 2". Il Take 2 si intende raggiunto se le quotazioni toccano puntualmente tale valore o raggiungono i valori compresi fra tale livello e lo 0,40% in più rispetto al Take2. 7/51 Segnali Titoli Italia Multiday

9 6 Strategie Posizioni in Essere Quadro Posizioni Chiuse Come è stato anticipato, la parte relativa a: Strategie Posizioni in Essere - Quadro Posizioni Chiuse sarà articolata in tre Sezioni (v. Figura 2): POSIZIONI LUNGHE APERTE POSIZIONI CORTE APERTE POSIZIONI CHIUSE Figura 2: 6.1 Strategie Posizioni in Essere Le sezioni Posizioni Lunghe Aperte e Posizioni Corte Aperte riportano l elenco dei titoli per i quali è stata aperta una posizione lunga (ossia in acquisto) oppure corta (ossia in vendita). Accanto al nome di ciascun titolo saranno indicati: il Prezzo Corrente relativo al momento in cui viene aggiornato il report; l Area di Acquisto o di Vendita ove è stata aperta la posizione; lo Stop Loss Infraday; l eventuale prezzo a cui spostare lo Stop Loss sul Prezzo di Carico; i livelli di Take1 e Take2; l Utile o la Perdita, espressi in percentuale e calcolati utilizzando il Prezzo Corrente e il Prezzo Medio di Apertura della posizione. I livelli di Stop Loss Infraday, Stop Loss sul Prezzo di Carico, Take1 e Take2 potranno subire variazioni nel corso dei vari aggiornamenti. L analista che definisce la struttura delle varie strategie provvederà infatti ad adeguarle al variare delle condizioni di mercato e del quadro tecnico relativo ai singoli titoli. Per esempio, ipotizzando di avere aperto una posizione lunga (ossia in acquisto), l analista potrebbe alzare il livello di stop loss per preservare parte dell utile accumulato o ridurre le possibili perdite in caso di movimento sfavorevole delle quotazioni. Un aggiornamento che riportasse un livello di stop loss coincidente con il livello di Prezzo Corrente sarà inoltre da intendersi come segnale di chiusura immediata della posizione (chiusura a prezzi correnti). Si ricorda infine quanto è già stato precedentemente sottolineato: ogni aggiornamento integra e sostituisce in ogni sua parte l aggiornamento precedente, che, quindi, non deve più essere preso in considerazione. 8/51 Segnali Titoli Italia Multiday

10 Le tabelle con le Strategie Posizioni in Essere riportano a margine anche delle brevi note, di cui si illustra nel seguito il significato: T1 = posizione aperta; è stato raggiunto il livello di Take1 RAGG. S/L PC = posizione aperta; è stato raggiunto il livello di Stop Loss sul Prezzo di Carico. Qualora le quotazioni ridiscendessero (per le posizioni lunghe) o risalissero (per le posizioni corte) fino a toccare il Prezzo di Carico, la posizione verrebbe chiusa. 6.2 Quadro Posizioni Chiuse Tale sezione fornisce un quadro delle posizioni che sono andate in chiusura nel periodo di tempo compreso fra l ultimo aggiornamento pubblicato e disponibile (cioè quello corrente) e quello precedente. Nella tabella saranno segnalati i livelli di Take Profit raggiunti o, in caso di esito sfavorevole i livelli di Stop Loss toccati dalle quotazioni. Nella colonna Prezzo di Chiusura, verrà indicato il prezzo medio a cui viene valorizzata la posizione che è stata chiusa. Per agevolare l interpretazione della tabella, vengono riportate a margine della stessa alcune brevi note, di cui si illustra nel seguito il significato: S/L PC = è stato raggiunto il livello di Stop Loss sul Prezzo di Carico, dopodiché, le quotazioni sono scese (per le posizioni lunghe) o salite (per le posizioni corte) fino a toccare il Prezzo di Carico e, conseguentemente, la posizione è stata chiusa; S/L = è stato raggiunto il livello di Stop Loss indicato nell ultimo aggiornamento e la posizione è stata chiusa; T1 e S/L PC = è stato raggiunto il livello di Take1, dopodiché, le quotazioni sono scese (per le posizioni lunghe) o salite (per le posizioni corte) fino a toccare il Prezzo di Carico e, conseguentemente, la posizione è stata chiusa; T1 e S/L = è stato raggiunto il livello di Take1, dopodiché, le quotazioni sono scese (per le posizioni lunghe) o salite (per le posizioni corte) fino a toccare il livello di Stop Loss indicato/modificato nell ultimo aggiornamento e, conseguentemente, la posizione è stata chiusa. Si ricorda che, in alcuni casi, l analista potrà provvedere a variare il livello di stop loss relativo alla posizione, alzandolo o abbassandolo in base all evolversi delle sue previsioni sull andamento del mercato e delle quotazioni dei singoli titoli; T1 e T2 = sono stati raggiunti entrambi i livelli di Take Profit e la posizione è stata chiusa; T2 = è stato raggiunto il livello di Take2 e la posizione è stata chiusa (questo avviene nel caso in cui la strategia presenta un solo livello di Take Profit, che viene quindi indicato come Take2). 7 La gestione dei gap Talvolta, tra una seduta e un altra o durante la seduta stessa (sospensioni dalle contrattazioni), possono verificarsi dei vuoti di prezzo, i cosiddetti gap, distinti in gap-up (gap al rialzo) e gap-down (gap al ribasso). I gap sono rappresentati da aree di prezzi non battuti, dovuti ad improvvise accelerazioni dei movimenti delle quotazioni. In pratica avviene che, in un certo intervallo di prezzi, non si verifica alcuno scambio (per es., i prezzi passano da 2.20 a 2.75, senza che siano scambiati azioni nei tick intermedi tra 2.20 e 2.75). Qualora si verificassero dei gap superiori al 6%, si ritiene annullata la strategia. Viceversa per gap inferiori al 6 % occorrerà prendere in considerazione solo i prezzi effettivamente battuti, traendone coerenti conseguenze per l attività di trading, rispettando le seguenti linee guida: Per l apertura di posizioni lunghe: se il gap conduce le quotazioni entro l area di acquisto (acquisto su correzione), è possibile aprire la posizione; se il gap conduce le quotazioni al di sotto dell area di acquisto, si 9/51 Segnali Titoli Italia Multiday

11 sconsiglia di aprire posizioni; se il gap conduce le quotazioni sensibilmente al di sopra del livello soglia indicato per aprire posizioni lunghe sulla forza, si sconsiglia di aprire posizioni, poiché in tal caso l operazione non sarebbe più vantaggiosa in termini di rischio/rendimento atteso. Per l apertura di posizioni corte, valgono, in modo speculare, le considerazioni sopra riportate: se il gap conduce le quotazioni entro l area di vendita (vendita su rimbalzo), è possibile aprire la posizione; se il gap conduce le quotazioni al di sopra dell area di vendita, si sconsiglia di aprire posizioni; se il gap conduce le quotazioni sensibilmente al di sotto del livello soglia indicato per aprire posizioni corte sulla debolezza, si sconsiglia di aprire posizioni, poiché in tal caso l operazione non sarebbe più vantaggiosa in termini di rischio/rendimento atteso. Per la chiusura di posizioni lunghe, se le quotazioni si portano in gap nell area di take profit, si seguono le indicazioni riportate per i casi ordinari; se le quotazioni si portano al di sopra dell area di take profit, si chiuderà la posizione sul livello puntuale di prezzo appena battuto. Per l attivazione dello stop loss su posizioni lunghe, se le quotazioni si portano al di sotto del livello di stop loss, la posizione dovrebbe essere chiusa sul primo livello di prezzo battuto, anche se rimane possibile attendere alcuni scambi per sfruttare un eventuale rimbalzo (che però deve verificarsi entro pochissimi minuti); Per l attivazione dello stop loss su posizioni corte, se le quotazioni si portano al di sopra del livello di stop loss, la posizione dovrebbe essere chiusa sul primo livello di prezzo battuto, anche se rimane possibile attendere alcuni scambi per sfruttare un eventuale correzione (che però deve verificarsi entro pochissimi minuti); Per l attivazione dello stop loss sul prezzo di carico su posizioni lunghe: se le quotazioni toccano il livello indicato per portare lo stop loss sul prezzo di carico, qualora ridiscendano sul prezzo di carico (prima, ovviamente, di toccare il take profit), occorrerà chiudere la posizione sul prezzo di carico (in pari o, comunque, sul primo livello di prezzo battuto, in caso di gap-down); Per l attivazione dello stop loss sul prezzo di carico su posizioni corte: se le quotazioni toccano il livello indicato per portare lo stop loss sul prezzo di carico, qualora risalgano sul prezzo di carico (prima, ovviamente, di toccare il take profit), occorrerà chiudere la posizione sul prezzo di carico (in pari o, comunque, sul primo livello di prezzo battuto, in caso di gap-up). 10/51 Segnali Titoli Italia Multiday

12 3. SEGNALI PORTAFOGLIO ITALIA 1 Destinatari del servizio Il servizio Portafogli Italia è rivolto a persone intenzionate a cogliere le opportunità derivanti dalle oscillazioni dei corsi azionari con un orizzonte operativo indicativamente pari a 1-3 mesi, più lungo rispetto alla normale attività di trading, ma più dinamico rispetto alla tradizionale impostazione da cassettista (la cosiddetta Asset Tattica ). Chi intende usufruire di tali segnali deve sempre e comunque avere piena consapevolezza dei rischi derivanti da un investimento in un capitale di rischio, quale è l investimento azionario, oltre all incremento delle commissioni di negoziazione a seguito della maggiore movimentazione del portafoglio. La diversificazione dei propri investimenti in azioni, obbligazioni e liquidità, su differenti orizzonti temporali, coerentemente con la propria propensione al rischio, è condizione essenziale per preservare il capitale investito. L'indicazione di acquisto o di vendita su un titolo in ottica di Asset Tattica non implica necessariamente una valutazione positiva o negativa sull azienda quotata e le sue prospettive economiche, ma solo un ipotesi operativa effettuata utilizzando le tecniche e le metodologie proprie dell Analisi Tecnica. Parimenti, l'indicazione di acquisto o di vendita su un titolo in ottica Asset Tattica non implica una valutazione positiva o negativa sull andamento borsistico del titolo nei trimestri successivi. 2 Tipo di operatività 2.1 Orari di aggiornamento e titoli oggetto di strategie L aggiornamento delle strategie operative sui portafogli italiani avviene al venerdì, o comunque nell ultima seduta lavorativa di Borsa aperta della settimana entro le ore L aggiornamento sarà reso disponibile tramite lo scarico di un file di tipo Acrobat Reader (ossia con estensione.pdf) che riporterà la composizione e le modifiche apportate ai portafogli. Si potrà accedere a tale file dalla home page di Sella AdviceTrading, cliccando su: Segnali Portafogli Italia. Sono oggetto di strategie i titoli italiani appartenenti al segmento di mercato a più elevata capitalizzazione (S&P/MIB40) ed i titoli italiani appartenenti al segmento di mercato a media capitalizzazione (Midex e Mibstar). Le indicazioni si considerano valide fino alla pubblicazione dell aggiornamento successivo. Negli aggiornamenti sarà possibile trovare: l analisi degli indici S&P/MIB40 e Midex; un portafoglio di titoli appartenenti all indice S&P/MIB40, con le relative variazioni; un portafoglio di titoli appartenenti agli indici Midex e Mibstar, con le relative variazioni; l esposizione azionaria dei due portafogli indicati e le relative statistiche. Si sottolinea che ogni aggiornamento integra e sostituisce in ogni sua parte l aggiornamento precedente, che, quindi, non deve più essere preso in considerazione. 2.2 L orizzonte temporale L orizzonte temporale delle singole strategie è indicativamente compreso fra un mese e un trimestre, anche se può variare in base alle condizioni di volatilità del mercato: all aumentare della volatilità, la durata media di una posizione tenderà infatti a diminuire; al diminuire della volatilità, la durata media di una posizione tenderà invece ad aumentare. 2.3 Ingresso ed uscita dei titoli dal portafoglio Per ogni modifica effettuata al portafoglio, sia con l entrata di un titolo, sia con un uscita, verrà considerato come prezzo di carico o di realizzo il prezzo ufficiale del titolo del lunedì o comunque della prima seduta borsistica successiva all aggiornamento, come riportato dal Il Sole 24 Ore. 11/51 Segnali Portafoglio Italia

13 2.4 Importi sulla singola operazione ed esposizione del portafoglio Fatto 100 l importo che il cliente ritiene di utilizzare come propria esposizione massima sul portafoglio esaminato, coerentemente con il proprio personale profilo di rischio, per ogni nuovo titolo inserito verrà utilizzato un importo pari a 10. L esposizione azionaria sarà quindi calcolata semplicemente sommando il numero di titoli presenti nel portafoglio, considerando che ciascuno di essi corrisponde ad una esposizione del 10 %. Esempi 1 titolo presente in portafoglio esposizione azionaria 10 % 7 titoli presenti in portafoglio esposizione azionaria 70 % 10 titoli presenti in portafoglio esposizione azionaria 100 % 2.5 Utile/Perdita realizzata Per semplicità di calcolo e maggiore trasparenza, ai fini della valorizzazione del Tracker (vedi punto 4.1), si ipotizza un importo fisso costante per ogni singola operazione, pari a 10. Non vengono quindi considerati eventuali utili o perdite pregressi ai fini del reinvestimento. 2.6 Uscita ed entrata contestuale dello stesso titolo nel portafoglio L uscita e la contestuale entrata dello stesso titolo nel portafoglio consigliato può essere utilizzato in modo da ripristinare l esposizione iniziale sul titolo, quando le posizione in essere hanno accumulato un utile o una perdita potenziale superiore al 10-15%. Ad es. A. Utile superiore al %: Il 3 gennaio 04 si acquistano 10 azioni del titolo AMGA ad un prezzo pari a 1.00 euro, per un controvalore pari a 10 euro (controvalore fisso, deciso a priori). Il 24 febbraio 04 la quotazione del titolo è a 1.25 euro, incorporando un utile potenziale del 25 %, per un controvalore di 12.5 euro. L uscita e la contestuale entrata del titolo nel portafoglio fornisce un segnale di alleggerimento della posizione, per riportare a 10 euro l esposizione sul titolo. Ciò comporta la vendita di una parte delle azioni AMGA, in particolare il calcolo da effettuare è il seguente: numero di azioni del titolo in portafoglio * (utile / (100+utile)) 10 (num. azioni) * ( 25 (utile percentuale) / ( (utile percentuale)) = 10 * ( 25 / 125) = 10 * 0,20 = 2 sarà quindi necessaria la vendita di 2 azioni AMGA (delle 10 in portafoglio), in tal modo l esposizione sul titolo viene riportata ai 10 euro iniziali, ossia 1,25 euro (prezzo singola azione) moltiplicato per 8 (numero di azioni ancora in portafoglio). In tal modo l utile viene accantonato; B. Perdita superiore al %: Il 3 gennaio 04 si acquistano 10 azioni del titolo AMGA ad un prezzo pari a 1.00 euro, per un controvalore pari a 10 euro (controvalore fisso, deciso a priori). Il 24 febbraio 04 la quotazione del titolo è a 0.75 euro, incorporando una perdita potenziale del 25 %, per un controvalore di 7.5 euro. L uscita e la contestuale entrata del titolo nel portafoglio fornisce un segnale di incremento della posizione, per riportare a 10 euro l esposizione sul titolo. Ciò comporta l acquisto di un certo numero di azioni AMGA. Il calcolo da effettuare è il seguente: numero di azioni del titolo in portafoglio * (perdita / ( perdita )) 10 (num. azioni) * ( 25 (perdita percentuale) / ( (perdita percentuale)) = 10 * ( 25 / 75) = 10 * 0,33 = 3 sarà quindi necessario un acquisto di 3-4 azioni del titolo AMGA, in tal modo l esposizione sul titolo viene riportata a 10, ossia 0,75 euro (prezzo singola azione) moltiplicato per (numero di azioni in portafoglio). 12/51 Segnali Portafoglio Italia

14 In tal modo la perdita viene ripianata. 3 La struttura del report Il report è suddiviso in tre parti principali: A. Statistiche B. S&P Mib Analisi Nuovo portafoglio e relative modifiche C. Midex Analisi Nuovo portafoglio e relative modifiche A. Statistiche: LA SEZIONE è articolata in: ESPOSIZIONE AZIONARIA DEI PORTAFOGLI (v. Figura 1) e EQUITY LINE DEI PORTAFOGLI (v. Figura 2). Ciascuna sezione presenta poi due sotto-sezioni: S&P MIB40 e MIDEX Figura 1 Esposizione S&P Mib40 Azioni 30% Liqu idità 70% Esposizione Midex-MibStar Azioni 30% Liquidità 70% 13/51 Segnali Portafoglio Italia

15 Figura 2 S&P Mib Midex-MibStar B. S&P Mib Analisi Nuovo portafoglio e relative modifiche In tale sezione, sono presenti l analisi dell indice di riferimento, con un orizzonte temporale settimanale, unito ad alcune considerazioni operative per un eventuale attività di trading sull indice. Vengono poi presentate le modifiche da apportare al portafoglio, con la nuova composizione suggerita. In calce alla sezione sono presenti i dati riguardanti i titoli usciti a inizio settimana (utile o perdita) e il conseguente calcolo della variazioni percentuale del portafoglio da inizio anno, unitamente ad un riassunto delle variazioni settimanali e da inizio anno dell indice di riferimento e del portafoglio. C. Midex Analisi Nuovo portafoglio e relative modifiche In tale sezione, sono presenti l analisi dell indice di riferimento, con un orizzonte temporale settimanale, unito ad alcune considerazioni operative per un eventuale attività di trading sull indice. Vengono poi presentate le modifiche da apportare al portafoglio, con la nuova composizione suggerita. In calce alla sezione sono presenti i dati riguardanti i titoli usciti a inizio settimana (utile o perdita) con l utile o la perdita conseguita. Vengono anche indicate le variazioni percentuali del portafoglio da inizio anno, unitamente ad un riassunto delle variazioni settimanali e da inizio anno dell indice di riferimento e del portafoglio. 4 Calcolo del Tracker Il Tracker, con il grafico che rappresenta l andamento del portafoglio rispetto all indice su base 100 confronto all indice di riferimento (la cosiddetta equity line), rappresenta la valorizzazione del portafoglio considerato con il trascorrere del tempo, tenendo quindi memoria degli utili o perdite pregresse. 14/51 Segnali Portafoglio Italia

16 Il valore attuale del portafoglio viene calcolato ipotizzando di vendere tutti i titoli presenti nel portafoglio al prezzo corrente (per semplicità nei report si considererà il prezzo di chiusura del giovedì o comunque, della penultima giornata lavorativa di mercato aperto della settimana). Per ogni posizione si calcolerà quindi la singola variazione percentuale, per poi sommare tali valori e dividere il totale per dieci, in modo da ottenere la performance complessiva del portafoglio. Per le posizioni già chiuse, vengono calcolate, per ogni posizione entrata e quindi uscita dal portafoglio, l utile o la perdita in termini di punti percentuali, sommando tali variazioni e dividendo il valore ottenuto per 10 (numero massimo di titoli presenti nel portafoglio). Ad esempio: Portafoglio Prezzo di Ultima Variazione acquisto chiusura Percentuale Alleanza 9,12 9,48 3,95% Autogrill 10,05 11,01 9,55% Autostrade 14,60 14,10-3,42% Bnl 2,24 2,10-6,25% Banche Pop. Unite 14,25 14,02-1,61% Somma Var. % 2,21% Performance Portafoglio 0,22% Posizioni chiuse Prezzo di Prezzo di Variazione acquisto vendita Percentuale Banca Antonveneta 14,45 15,75 9,00% Banca Fideuram 5,25 5,02-4,38% Banca Montepaschi 2,45 2,63 7,35% Banca Pop. Milano 5,54 5,74 3,61% Banca Pop. Vr-No 13,21 13,70 3,71% Somma Var 19,28% Performance Posizioni Chiuse 1,93% 15/51 Segnali Portafoglio Italia

17 La performance totale sarà quindi data dalla somma della performance delle posizioni in essere nel portafoglio (+ 0,22%) con quelle delle posizioni chiuse (+ 1,93%), ossia il + 2,15 %. Partendo da una base pari a 100, il valore del portafoglio passerebbe, nell esempio sopra riportato, da 100 a 102,15. Ipotizzando che in tale periodo l indice di riferimento si sia apprezzato dell 1,50 %, si avrebbe la seguente equity line. Equity line S&P Mib40 102, , , , ,5 102,15 101, /51 Segnali Portafoglio Italia

18 4. SEGNALI PORTAFOGLIO EUROPA Destinatari del servizio Il servizio Portafogli Europa è rivolto a persone intenzionate a cogliere le opportunità derivanti dalle oscillazioni dei corsi azionari con un orizzonte operativo indicativamente pari a 1-3 mesi, più lungo rispetto alla normale attività di trading, ma più dinamico rispetto alla tradizionale impostazione da cassettista (la cosiddetta Asset Tattica ). Chi intende usufruire di tali segnali deve sempre e comunque avere piena consapevolezza dei rischi derivanti da un investimento in un capitale di rischio, quale è l investimento azionario, oltre all incremento delle commissioni di negoziazione a seguito della maggiore movimentazione del portafoglio. La diversificazione dei propri investimenti in azioni, obbligazioni e liquidità, su differenti orizzonti temporali, coerentemente con la propria propensione al rischio, è condizione essenziale per preservare il capitale investito. L'indicazione di acquisto o di vendita su un titolo in ottica di Asset Tattica non implica necessariamente una valutazione positiva o negativa sull azienda quotata e le sue prospettive economiche, ma solo un ipotesi operativa effettuata utilizzando le tecniche e le metodologie proprie dell Analisi Tecnica. Parimenti, l'indicazione di acquisto o di vendita su un titolo in ottica di Asset Tattica non implica una valutazione positiva o negativa sull andamento borsistico del titolo nei trimestri successivi. 2 Tipo di operatività 2.1 Orari di aggiornamento e titoli oggetto di strategie L aggiornamento delle strategie operative sui Portafogli Europei avviene il mercoledì, o comunque nella più vicina giornata lavorativa di mercato aperto nel corso della settimana, entro le L aggiornamento sarà reso disponibile tramite lo scarico di un file di tipo Acrobat Reader (ossia con estensione.pdf) che riporterà la composizione e le modifiche apportate ai portafogli. Si potrà accedere a tale file dalla home page di Sella AdviceTrading, cliccando su: Segnali Portafogli Europa. Sono oggetto di strategie i titoli europei appartenenti al paniere europeo DJ Eurostoxx50. Le indicazioni si considerano valide fino alla pubblicazione dell aggiornamento successivo. Negli aggiornamenti sarà possibile trovare: l analisi dell indice DJ Eurostoxx50; un portafoglio di titoli appartenenti all indice Eurostoxx50, con le relative variazioni; l esposizione azionaria di tale portafoglio e le relative statistiche. Si sottolinea che ogni aggiornamento integra e sostituisce in ogni sua parte l aggiornamento precedente, che, quindi, non deve più essere preso in considerazione. 2.2 L orizzonte temporale L orizzonte temporale delle singole strategie è indicativamente compreso fra un mese e un trimestre, anche se può variare in base alle condizioni di volatilità del mercato: all aumentare della volatilità, la durata media di una posizione tenderà infatti a diminuire; al diminuire della volatilità, la durata media di una posizione tenderà invece ad aumentare. 2.3 Ingresso ed uscita dei titoli dal portafoglio Per ogni modifica effettuata al portafoglio, sia con l entrata di un titolo, sia con un uscita, verrà considerato come prezzo di carico o di realizzo il prezzo medio (somma di apertura e chiusura diviso 2) del titolo del giovedì o comunque della prima seduta borsistica successiva all aggiornamento (sui principali quotidiani finanziari è possibile trovare il prezzo di chiusura dei titoli in questione). 17/51 Segnali Portafoglio Europa

19 2.4 Importi sulla singola operazione ed esposizione del portafoglio Fatto 100 l importo che il cliente ritiene di utilizzare come propria esposizione massima sul portafoglio esaminato, coerentemente con il proprio personale profilo di rischio, per ogni nuovo titolo inserito verrà utilizzato un importo pari a 10. L esposizione azionaria sarà quindi calcolata semplicemente sommando il numero di titoli presenti nel portafoglio, considerando che ciascuno di essi corrisponde ad una esposizione del 10 %. Esempi: 1 titolo presente in portafoglio esposizione azionaria 10 % 7 titoli presenti in portafoglio esposizione azionaria 70 % 10 titoli presenti in portafoglio esposizione azionaria 100 % 2.5 Utile/Perdita realizzata Per semplicità di calcolo e maggiore trasparenza, ai fini della valorizzazione del Tracker (vedi punto 4.1), si ipotizza un importo fisso costante per ogni singola operazione, pari a 10. Non vengono quindi considerati eventuali utili o perdite pregressi ai fini del reinvestimento. 2.6 Uscita ed entrata contestuale dello stesso titolo nel portafoglio L uscita e la contestuale entrata dello stesso titolo nel portafoglio consigliato può essere utilizzato in modo da ripristinare l esposizione iniziale sul titolo, quando le posizione in essere hanno accumulato un utile o una perdita potenziale superiore al 10-15%. Esempio: Utile superiore al %: Il 3 gennaio 04 si acquistano 10 azioni del titolo ALFA (usiamo un titolo di fantasia) a un prezzo pari a 1.00 euro, per un controvalore pari a 10 euro (controvalore fisso, deciso a priori). Il 24 febbraio 04 la quotazione del titolo è a 1.25 euro, incorporando un utile potenziale del 25 %, per un controvalore di 12.5 euro. L uscita e la contestuale entrata del titolo nel portafoglio fornisce un segnale di alleggerimento della posizione, per riportare a 10 euro l esposizione sul titolo. Ciò comporta la vendita di una parte delle azioni ALFA, in particolare il calcolo da effettuare è il seguente: numero di azioni del titolo in portafoglio * (utile / (100+utile)) 10 (num. azioni) * ( 25 (utile percentuale) / ( (utile percentuale)) = 10 * ( 25 / 125) = 10 * 0,20 = 2 sarà quindi necessaria la vendita di 2 azioni ALFA (delle 10 in portafoglio), in tal modo l esposizione sul titolo viene riportata ai 10 euro iniziali, ossia 1,25 euro (prezzo singola azione) moltiplicato per 8 (numero di azioni ancora in portafoglio). In tal modo l utile viene accantonato; Perdita superiore al %: Il 3 gennaio 04 si acquistano 10 azioni del titolo ALFA ad un prezzo pari a 1.00 euro, per un controvalore pari a 10 euro (controvalore fisso, deciso a priori). Il 24 febbraio 04 la quotazione del titolo è a 0.75 euro, incorporando una perdita potenziale del 25 %, per un controvalore di 7.5 euro. L uscita e la contestuale entrata del titolo nel portafoglio fornisce un segnale di incremento della posizione, per riportare a 10 euro l esposizione sul titolo. Ciò comporta l acquisto di un certo numero di azioni ALFA. Il calcolo da effettuare è il seguente: numero di azioni del titolo in portafoglio * (perdita / ( perdita )) 10 (num. azioni) * ( 25 (perdita percentuale) / ( (perdita percentuale)) = 10 * ( 25 / 75) = 10 * 0,33 = 3 18/51 Segnali Portafoglio Europa

20 sarà quindi necessario un acquisto di 3-4 azioni del titolo ALFA, in tal modo l esposizione sul titolo viene riportata a 10, ossia 0,75 euro (prezzo singola azione) moltiplicato per (numero di azioni in portafoglio). In tal modo la perdita viene ripianata; 3 La struttura del report Il report è suddiviso in due parti principali: A. Statistiche B. DJ Eurostoxx50 Analisi Nuovo portafoglio e relative modifiche A. Statistiche: LA SEZIONE è articolata in: ESPOSIZIONE AZIONARIA DEI PORTAFOGLI (v. Figura 1) e EQUITY LINE DEI PORTAFOGLI (v. Figura 2). (i dati riportati nelle figure sottostanti sono dati di fantasia usati a scopo esemplificativo) Figura 1 Esposizione DJ EUROSTOXX50 Azioni 30% Liquidità 70% Figura DJ EUROSTOXX50 103, , DATA 10/11/04 INIZIO SEGNALI B. DJ Eurosstoxx50 Analisi Nuovo portafoglio e relative modifiche In tale sezione, sono presenti l analisi dell indice di riferimento, con un orizzonte temporale settimanale, unito ad alcune considerazioni operative per un eventuale attività di trading sull indice. Vengono poi presentate le modifiche da apportare al portafoglio, con la nuova composizione suggerita. In calce alla sezione sono presenti i dati riguardanti i titoli usciti a seguito modifiche del portafoglio (utile o perdita) e il conseguente calcolo della variazioni percentuale del portafoglio da inizio anno, unitamente ad un riassunto delle variazioni settimanali e da inizio anno dell indice di riferimento e del portafoglio. 19/51 Segnali Portafoglio Europa

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente 1 MetaTrader 4/5 per Android Guida per l utente 2 Contenuto Come ottenere il MT4/5 App per Android... 3 Come accedere al vostro Conto Esistente oppure creare un nuovo conto Demo... 3 1. Scheda Quotes...

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Indice 1. Riguardo al MARCHIO... 2 2. Piattaforme di Trading... 3 3. Su cosa si Opera nel Mercato Forex?... 4 4. Cos è il Forex?... 4 5. Vantaggi del Mercato Forex...

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

guida giocare in borsa

guida giocare in borsa guida giocare in borsa Dedicato a chi vuole imparare a giocare in borsa da casa e guadagnare soldi velocemente. Consigli per sfruttare l'andamento dei mercati finanziari investendo tramite internet. Guida

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

V1pc Internet Banking

V1pc Internet Banking 2.6 Area Portafoglio In questa area è possibile ottenere informazioni sull'andamento del portafoglio titoli relativa al dossier selezionato tenendo così costantemente aggiornati l utente sul valore degli

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Guida per lo Smart Order

Guida per lo Smart Order Guida per lo Smart Order (Novembre 2010) ActivTrades PLC 1 Indice dei contenuti 1. Informazioni Generali... 3 2. Installazione... 3 3. Avvio l`applicazione... 3 4. Usi e funzionalita`... 4 4.1. Selezionare

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3

1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3 METATRADER4 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3 1.1 FLESSIBILITÀ, CONVENIENZA, POTENZA...3 1.2 ANALISI TECNICA PROFESSIONALE E PERSONALIZZAZIONE DI INDICATORI 3 1.3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI.3 2.

Dettagli

Manuale per METATRADER5

Manuale per METATRADER5 Manuale per METATRADER5 2 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER 5.3 1.1 FLESSIBILITÀ, CONVENIENZA, POTENZA.3 1.2 ANALISI TECNICA PROFESSIONALE E PERSONALIZZAZIONE DI INDICATORI 3 1.3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI.3

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI A cura di Maurizio Milano Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella INDICE: Analisi Fondamentale Analisi Tecnica I tre pilastri dell Analisi Tecnica

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures Manuale operativo Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. MERCATO REGOLAMENTATO DEI FUTURES O FOREX? Vediamo qual è la differenza tra questi due mercati e soprattutto

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

ETFS Commodity Securities Limited

ETFS Commodity Securities Limited ETFS Commodity Securities Limited (Costituita e registrata in Jersey ai sensi della Companies (Jersey) Law 1991 (e successivi emendamenti) con numero di registrazione 90959. Sottoposta alla regolamentazione

Dettagli