Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante."

Transcript

1 Contratti di compravendita e distribuzione internazionale: strategie negoziali e aspetti giuridici dei rapporti con i Mercati Emergenti, in particolare con la Cina 1 Da alcuni decenni i Paesi occidentali hanno sviluppato sempre più intensi rapporti commerciali con i Paesi appartenenti ai cosiddetti Mercati Emergenti (contraddistinti anche come BRIC Brasile, India e Cina), attratti non solo dalle materie prime e servizi a prezzi maggiormente competitivi rispetto all offerta locale, ma anche dalla prospettiva di trovare nuove aree di scambio ed esportazione dei propri prodotti. E stato rilevato che nei primi due mesi del 2009 le esportazioni ed importazioni di merce da e verso i Paesi del BRIC hanno subito un importante flessione, probabilmente dovuta alla crisi finanziaria che sta interessando l intero mondo occidentale. Secondo i dati dell'ufficio di statistica cinese le esportazioni dalla Cina, che nell'ultimo trimestre del 2008 facevano già registrare un trend negativo rispetto all anno precedente, nel mese di febbraio hanno subito un crollo del 25,7%. Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante. Una delle ragioni alla base di tale interesse risiede nella politica incentivante, soprattutto a livello fiscale, nei confronti delle importazioni attuata dai governi stranieri al fine di agevolare anche nei mercati emergenti la diffusione di beni contraddistinti da un certo valore aggiunto, nonché l importazione di materie prime da lavorare. All interno della Repubblica Popolare Cinese, ad esempio, esiste un regime IVA agevolato per l importazione di beni legati all agricoltura come i pesticidi e i fertilizzanti chimici, le macchine agricole, ma anche per i combustibili, i cereali ed altri generi di consumo come libri, giornali e riviste. In alcuni casi si può arrivare persino ad un esenzione totale dall IVA, come nel caso in cui i prodotti agricoli siano acquistati direttamente da agricoltori. Allo stesso modo, esiste uno speciale regime di favore in determinati settori per l importazione di materie prime finalizzate alla realizzazione di prodotti finiti da rivendere all estero. Attualmente con un provvedimento straordinario del Governo Cinese i dazi sull importazione di materie prime anche in settori generalmente soggetti a tassazione sono stati temporaneamente sospesi. Le esportazioni, in generale, non sono soggette ad IVA, né ad imposizione, ad eccezione di alcune materie prime. Per fare fronte al calo che per la prima volta ha interessato la domanda di esportazioni dalla Cina verso USA ed Europa, nei primi mesi del 2009 le autorità hanno già messo in atto una politica di ulteriori incentivi per favorire le esportazioni di prodotti, quali articoli di elettronica e macchinari. 1 Il tema è stato recentemente analizzato a livello europeo nel corso di una conferenza-seminario dell Union International des Avocats (UIA), tenutasi a Velencia il 27 e 28 marzo

2 E evidente che un simile regime fiscale abbia influito ed influisca notevolmente sul turnover di import/export dalla Cina verso i Paesi occidentali ed abbia incentivato, in generale, gli investimenti nei Mercati Emergenti. Un ulteriore motivo alla base del sempre maggiore interesse per il commercio con i Paesi BRIC, soprattutto con la Cina, riguarda l evoluzione normativa degli ultimi decenni. Da un punto di vista strettamente negoziale i rapporti con tali Paesi sono stati caratterizzati in passato anche da una certa diffidenza nei confronti di sistemi che non offrivano alle trading companies occidentali sufficienti garanzie né a livello legale, né giurisdizionale e che presentavano un eccessiva burocratizzazione. Oggi la situazione pare notevolmente mutata soprattutto dopo l ingresso della Repubblica Popolare Cinese nella World Trade Organisation, che ha avviato un processo di adattamento alle regole in materia commerciale e contrattuale comunemente in vigore negli altri Paesi. Dal 1987, inoltre, la Repubblica Popolare Cinese ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite in materia di contratti internazionali di compravendita di merce (Vienna, 1980). Il Brasile, invece, ad oggi non è ancora parte della convenzione di Vienna. Sussistono ancora, tuttavia, alcuni aspetti pratici e legali da tenere in considerazione nell ambito della negoziazione, stipulazione ed esecuzione di rapporti commerciali aventi ad oggetto la compravendita e distribuzione di prodotti e servizi con i Paesi suddetti. Di seguito ne vengono analizzati alcuni concernenti i rapporti derivanti dalla stipulazione di contratti di compravendita o distribuzione con una parte cinese. 1. Un primo fondamentale argomento riguarda la lingua del contratto. Gli accordi internazionali che coinvolgono una controparte cinese devono essere provati per iscritto 2. La scelta della lingua è lasciata alla volontà delle parti, in generale, per cui alcuni contratti, come agenzia o distribuzione possono essere redatti anche nella sola lingua inglese. Tuttavia, in alcuni casi è necessario avere una versione cinese, quando il contratto necessita di essere trascritto in pubblici registri secondo la legislazione cinese, come nel caso del franchising. Nella pratica, comunque, i contratti vengono generalmente sottoscritti sia in versione inglese che cinese. E sempre buona regola, però, assicurarsi attraverso l assistenza di esperti che la versione inglese corrisponda effettivamente al significato della versione cinese, considerato che non sempre è agevole esprimere il medesimo concetto giuridico in entrambe le lingue. E inoltre conveniente stabilire che in caso di contrasto sia la versione inglese a prevalere. 2 La Repubblica Popolare Cinese ha ratificato la Convenzione di Vienna del 1980 in materia di compravendita internazionale con una riserva all art. 11, cioè stabilendo che tutti i contratti che coinvolgono una parte straniera debbano essere provati per iscritto. 2

3 Un dettaglio da tenere in particolare considerazione è costituito dai nomi dei soggetti di origine cinese che assumono obbligazioni derivanti dal contratto. E d uso, infatti, per gli imprenditori cinesi, ma a volte anche per le persone fisiche, attribuirsi una denominazione in lingua inglese o altra lingua diversa dal cinese, con la quale, per maggiore comprensione, si fanno conoscere al pubblico internazionale. Tale denominazione non corrisponde quasi mai alla traduzione della denominazione cinese e le autorità locali sono solite non riconoscere validità ai contratti in cui la denominazione del soggetto in questione non sia riportata in lingua cinese, proprio perché non corrispondente a quella risultante dai documenti e registri ufficiali cinesi. 2. Quando la controparte cinese non è conosciuta, in considerazione del fatto che attraverso la stipulazione di un contratto commerciale si tende generalmente ad instaurare una relazione duratura, è sempre buona norma far precedere la negoziazione da una due diligence volta ad accertarne le caratteristiche. In molti casi può risultare opportuno, quando vengono forniti prodotti o servizi, prevedere la concessione di garanzie da parte del soggetto straniero che si obbliga a pagarne il prezzo, soprattutto quando il prezzo non sia pagato alla consegna. Si può trattare di lettere di credito o altre garanzie bancarie. Tale cautela si impone in considerazione dei costi e dei rischi che potrebbero derivare da un eventuale azione da instaurare nel Paese straniero per recuperare il credito. 3. Sussiste tutta una serie di norme amministrative alle quali deve necessariamente conformarsi un impresa straniera che intenda instaurare in Cina un rapporto di distribuzione, agenzia o franchising, a seconda del settore merceologico in cui opera. Tali requisiti possono derivare sia da leggi del governo centrale che da norme locali. E quindi sempre opportuno richiedere competente assistenza in loco, al fine di ottenere tutte le autorizzazioni necessarie. 4. Una questione sempre particolarmente delicata in qualsiasi rapporto internazionale è rappresentata dalla scelta della legge applicabile al contratto. Al fine di evitare difficili contrasti interpretativi da risolvere in caso di controversia tra le parti, è sempre buona regola prevedere nel contratto quale sia la legge applicabile. La legislazione cinese lascia spazio alla libertà delle parti nella determinazione della legge applicabile al contratto con profili di internazionalità. La scelta deve essere espressa 3. Capita sovente, tuttavia, che ciascuna delle parti pretenda di assoggettare il rapporto alla legge del proprio Paese d origine. 3 L articolo 3 delle Rules of the Supreme People s Court on the Provisions of the Supreme People s Court on Certain Issues Concerning the Application of Law for the Hearing of Foreign-related Civil or Commercial Contractual Disputes, emanate nel giugno del 2007 stabilisce che Le parti [di un contratto con aspetti di internazionalità] scelgono la legge o modificano la scelta della legge che governa il contratto in caso di controversia in modo espresso. 3

4 Nel caso in cui un rapporto avente ad oggetto un attività economica da svolgersi in Cina sia assoggettato ad una legge straniera, occorre tenere in considerazioni che nei rapporti con soggetti stranieri si pretende sempre e comunque il rispetto di principi di tipo etico, dell ordine pubblico locale, della normativa fiscale locale, ed altri limiti di carattere generale. Per quanto riguarda il contratto di franchising, poi, alcune norme di diritto cinese hanno carattere inderogabile, come l obbligo di registrare il contratto, di rivelare determinate informazioni al franchisee, ecc. Nell esperienza cinese in tema di contratti di distribuzione la scelta della legge cinese per una controparte straniera non sempre rappresenta la soluzione peggiore, tuttavia. Occorre considerare infatti che la legislazione del Paese suddetto in tema di agenzia e distribuzione, ad esempio, è meno invasiva di molte legislazioni europee e meno garantista nei confronti dell agente o distributore. La legge cinese può risultare inoltre più vantaggiosa, rispetto ad altre legislazioni straniere, nel caso in cui eventuali controversie debbano essere risolte di fronte ad una corte cinese. 5. Un problema fondamentale nella redazione di contratti internazionali di vendita, distribuzione o agenzia con una parte cinese è relativo, infatti, alla scelta della giurisdizione cui sottomettere eventuali controversie nell esecuzione del rapporto. La scelta di una giurisdizione straniera rispetto a quella cinese è vivamente sconsigliata per le difficoltà che comporterebbe l esecuzione di una sentenza straniera in Cina. La Repubblica Popolare Cinese, infatti, non ha stipulato alcuna convenzione con nessuno dei Paesi che maggiormente commerciano con la Cina, riguardo l esecuzione delle sentenze straniere. Dall altra parte, la giurisdizione cinese non offre grandi garanzie alle controparti internazionali, poiché i tribunali cinesi sono molto spesso composti da funzionari del governo e non da veri e propri giuristi. Inoltre, questa scelta è fortemente sconsigliata quando un contratto sia regolato da una legge diversa da quella cinese. Pertanto, la scelta migliore è sicuramente quella dell arbitrato. La Cina in tempi recenti ha aderito alla Convenzione di New York del 1958 in tema di riconoscimento ed esecuzione dei lodi stranieri, per cui lodi emessi all estero potranno essere eseguiti in territorio cinese e viceversa. Ciononostante si rileva che l esecuzione di lodi stranieri, anche se emessi da istituzioni universalmente riconosciute, come la Corte Internazionale di Arbitrato istituita presso la Camera di Commercio Internazionale, trovino ancora difficoltà di esecuzione. Per questo in molti casi si preferisce affidare l arbitrato alla China International and Trade Arbitration Commission (CIETAC) che, seppure istituzione cinese, è caratterizzata da una forte internazionalità e soprattutto, è l unica istituzione arbitrale le cui decisioni, negli ultimi anni trovano effettiva esecuzione in Cina. Essa, inoltre, è composta da arbitri competenti e con caratteristiche di professionalità, anche stranieri, provenienti dai principali Paesi che commerciano con la Cina e offre anche l opportunità di svolgere il processo al di fuori del territorio cinese. 4

5 6. Infine, alcune ulteriori cautele da adottare in occasione della stesura di contratti di compravendita o distribuzione con una parte cinese riguardano la previsione di specifiche penali per l ipotesi inadempimento. Nel diritto cinese, infatti, i concetti di lucro cessante e danno emergente sono molto vaghi e difficile è fornire la prova del danno. Inoltre, la liquidazione del danno da parte di un tribunale cinese, che sarebbe sicuramente rapportata all economia cinese, risulterebbe insufficiente per un soggetto appartenente ad un economia occidentale. E poi sempre raccomandabile fare riferimento ai cd. Inconterms (International Commerce Terms) una serie di termini utilizzati nel campo delle importazioni ed esportazioni, valida in tutto il mondo, che definisce in maniera univoca e senza possibilità di errore ogni diritto e dovere competente ai vari soggetti giuridici coinvolti in un operazione di trasferimento di beni da una nazione ad un altra. Da ultimo, in caso di importazione di merce dalla Cina, l esperienza insegna l importanza di avere un soggetto di fiducia che al momento della spedizione nel porto cinese accerti l effettivo contenuto dei containers, la qualità della merce spedita e la rispondenza con l ordine, al fine di evitare spiacevoli sorprese all arrivo nel porto di destinazione. 5

FARE BUSINESS IN OMAN: WARNINGS COTRANTRATTUALI E PRESENZE STABILI

FARE BUSINESS IN OMAN: WARNINGS COTRANTRATTUALI E PRESENZE STABILI FARE BUSINESS IN OMAN: WARNINGS COTRANTRATTUALI E PRESENZE STABILI CENTRO ESTERO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Torino, 1 Luglio 2014 Avv. FRANCESCA FALBO PRESUPPOSTO: IL CONTRATTO COME PONTE Il contratto

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y EMIRATI ARABI UNITI CONTRATTI COMMERCIALI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI di Avv. Francesco Misuraca Contratti di distribuzione La distribuzione vede spesso coincidere le figure di importatore/grossista, di

Dettagli

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti 10 Regole per contribuire al successo di un rapporto di fornitura Introduzione Le forniture destinate alla Russia non richiedono,

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Dal 17 dicembre 2009 la Convenzione di Roma sulla legge applicabile è stata sostituita dal Regolamento CE 593/2008

Dal 17 dicembre 2009 la Convenzione di Roma sulla legge applicabile è stata sostituita dal Regolamento CE 593/2008 Dal 17 dicembre 2009 la Convenzione di Roma sulla legge applicabile è stata sostituita dal Regolamento CE 593/2008 1 Durante la negoziazione del contratto vi sono delle clausole che incideranno in maniera

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

Contrattualistica per l internazionalizzazione d impresa

Contrattualistica per l internazionalizzazione d impresa Contrattualistica per l internazionalizzazione d impresa Il Corso attraverso una metodologia di natura strettamente operativa, si propone di far acquisire all'impresa le conoscenze necessarie a impostare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli

TUNISI - REPUBBLICA TUNISINA

TUNISI - REPUBBLICA TUNISINA Repubblica Tunisina CENTRO D ARBITRATO INTERNO ED INTERNTIONALE AL-INSAF RUE DE LA MOSQUE CITE TAIEB M HIRI AL OUINA ROUTE DE LA MARSA -2045 TUNISI www.al-insaf.com.tn TUNISI - REPUBBLICA TUNISINA BREVE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

APPROCCIO RAGIONATO ALLE CLAUSOLE DI SCELTA DEL FORO, ARBITRATO E LEGGE APPLICABILE. LA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI (ROMA I)

APPROCCIO RAGIONATO ALLE CLAUSOLE DI SCELTA DEL FORO, ARBITRATO E LEGGE APPLICABILE. LA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI (ROMA I) L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO TERZO MODULO - IL CONTRATTO COMMERCIALE CON L ESTERO 26 maggio 2015 APPROCCIO RAGIONATO ALLE CLAUSOLE DI SCELTA DEL FORO, ARBITRATO E LEGGE APPLICABILE.

Dettagli

OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel quinquennio.

OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel quinquennio. RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 ottobre 2003 OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA Aspetti pratici, legali e tributari, dei contratti di distribuzione, di licenza di marchi e brevetti, i prezzi di trasferimento e l accertamento fiscale Bologna,

Dettagli

Risoluzione n. 49/E. Roma, 13 marzo 2007

Risoluzione n. 49/E. Roma, 13 marzo 2007 Risoluzione n. 49/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 marzo 2007 OGGETTO: Istanza d Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212. Associazione Alfa Imposta di registro Contratti di

Dettagli

Agenzia & Distribuzione

Agenzia & Distribuzione Maggio 2013 Agenzia e distribuzione a Hong Kong e nella Repubblica Popolare Cinese I rapporti di agenzia e distribuzione a Hong Kong sono retti dai principi di common law sulle obbligazioni contrattuali.

Dettagli

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi 1. Premessa Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi Con il termine escrow agreement si individua una particolare figura contrattuale, derivata dall esperienza dei paesi anglosassoni,

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015 RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica applicabilità delle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina alle pertinenze dei terreni

Dettagli

Studio Legale. www.advokatibeograd.rs

Studio Legale. www.advokatibeograd.rs Studio Legale Studio Legale Kopilovic & Kopilovic è uno studio legale con sede a Belgrado. La sua innovazione sta nell aver prestato particolare attenzione all ambiente internazionale. Lo Studio è specializzato

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/154278 Disposizioni concernenti l accesso alla procedura di accordo preventivo connessa all utilizzo di beni immateriali ai sensi dell articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 10.02.2014 Invio dei beni in deposito extra - UE R.M. 94/E/2013 Categoria: IVA Sottocategoria: Operazioni extracomunitarie Con la R.M. 94/E/2013,

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SLOVACCHIA CONTRATTI COMMERCIALI IN SLOVACCHIA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia in Slovacchia La disciplina degli art. 577 e seguenti del Codice commerciale slovacco regola un contratto

Dettagli

L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1

L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1 L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1 Nello sviluppo e nelle dinamiche del commercio internazionale la sicurezza delle transazioni e la certezza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009 RISOLUZIONE N. 151/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 giugno 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 - Redditi di capitale corrisposti a soggetti non

Dettagli

I Contratti Internazionali

I Contratti Internazionali I Contratti Internazionali Avv. Luisa Brevi 18.06.2014 Programma: Quadro generale: cos è un contratto internazionale Impostazione generale dell operazione: Due diligence Impostazione specifica: i documenti

Dettagli

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina 1 Agenda > Tutela dei diritti di proprietà individuale > Joint Venture/WOFE > Comprare e vendere in Cina > Servizi offerti dall Ufficio di Rappresentanza 2 3 Tutela dei diritti di proprietà individuale

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

MOROCCO SUNTRUST HOLDING SARL

MOROCCO SUNTRUST HOLDING SARL MOROCCO SUNTRUST HOLDING SARL CONTRATTUALISTICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE E RAPPORTI CON L ITALIA MOROCCO SUNTRUST HOLDING SARL 217 RES EL FATH BD BRAHIM ROUDANI PROLONGE 1ER ETG N 3 CASABLANCA MOROCCO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

FARE BUSINESS NEGLI USA. Casi di studio e analisi dei principali profili legali e fiscali. API TORINO Torino, 14 Maggio 2012

FARE BUSINESS NEGLI USA. Casi di studio e analisi dei principali profili legali e fiscali. API TORINO Torino, 14 Maggio 2012 FARE BUSINESS NEGLI USA Casi di studio e analisi dei principali profili legali e fiscali API TORINO Torino, 14 Maggio 2012 1 1 - Esportazione diretta di beni negli USA Impresa italiana esporta merci negli

Dettagli

STUDIO LEGALE BEMBO. Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici

STUDIO LEGALE BEMBO. Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici STUDIO LEGALE BEMBO Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici L'implementazione di incentivi alle attività imprenditoriali, tra le quali quelle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO, RABBITO, BUGLIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO, RABBITO, BUGLIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5464 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO,

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Master in International Law Diritto Internazionale

Master in International Law Diritto Internazionale Master in International Law Diritto Internazionale DESTINATARI Il Corso si rivolge a professionisti o laureati di tutte le Università italiane o straniere che desiderano avere conoscenze più approfondite

Dettagli

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto)

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto) Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) 1. In attuazione dei principi della Costituzione italiana e della Carta dei diritti fondamentali

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

ACADEMY FLA 2016. Corso di Formazione Negoziare sui mercati esteri: come impostare una trattativa di successo le regole Paese per Paese

ACADEMY FLA 2016. Corso di Formazione Negoziare sui mercati esteri: come impostare una trattativa di successo le regole Paese per Paese ACADEMY FLA 2016 Corso di Formazione Negoziare sui mercati esteri: come impostare una trattativa di successo le regole Paese per Paese Ufficio Formazione Mara Lorenzini-0280604435 mara.lorenzini@federlegnoarredo.it

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE Tra la Gruppo360 s.r.l., corrente in Palermo (PA), Via Marchese Ugo,56, P.I. 06033530822 nella persona del suo legale rappresentante David Sangiorgio; (di seguito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo. Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.it NOTA INFORMATIVA N. 1/2009 IL RECUPERO CREDITI DI SOCIETA

Dettagli

LA REVOCA DELLA FIRMA DIGITALE PER LE PERSONE NON FISICHE

LA REVOCA DELLA FIRMA DIGITALE PER LE PERSONE NON FISICHE INDICE: Convegno Top Legal Milano 27 Giugno 2013 h 16,30 : LUSSEMBURGO OLTRE IL SEGRETO BANCARIO 2 Ultimi sviluppi sulla procedura del Brevetto Unitario Europeo 3 La revoca della firma digitale per le

Dettagli

NOTA DI SINTESI. Possono essere alternativamente chiamati Certificati (Certificates) invece che Obbligazioni (Notes).

NOTA DI SINTESI. Possono essere alternativamente chiamati Certificati (Certificates) invece che Obbligazioni (Notes). NOTA DI SINTESI La presente Nota di Sintesi deve essere letta come introduzione al Prospetto Base e qualsiasi decisione di investire nei Titoli deve essere effettuata prendendo in considerazione il Prospetto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 58/E Roma, 27 febbraio 2002 OGGETTO: Interpello n.954-130/2001. Articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n.212. Contratto di tesoreria accentrata Cash pooling. Applicabilità del regime di

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2140

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2140 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2140 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PANIZZA e ZIN COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 NOVEMBRE 2015 Modifica al decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

LA MEDIAZIONE NEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DELLE MACCHINE UTENSILI Marzo 2011

LA MEDIAZIONE NEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DELLE MACCHINE UTENSILI Marzo 2011 LA MEDIAZIONE NEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DELLE MACCHINE UTENSILI Marzo 2011 1.Introduzione Con l obiettivo di facilitare le imprese del settore nell ambito della risoluzione delle controversie commerciali

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

LO STUDIO UNA BOUTIQUE LAW FIRM A MILANO

LO STUDIO UNA BOUTIQUE LAW FIRM A MILANO LO STUDIO UNA BOUTIQUE LAW FIRM A MILANO Edoardo Ricci Avvocati appartiene alla categoria delle Boutique law firms: è uno studio legale specializzato che, al di là del numero dei professionisti impiegati,

Dettagli

I contratti internazionali

I contratti internazionali I contratti internazionali I contratti internazionali sono quei contratti che presentano legami (in senso tecnico collegamenti) con territori sottoposti all'autorità di stati diversi, quindi governati

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014

DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014 DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014 Pubblicata sulla G.U. n.121 del 27 maggio 2014 la Legge 23 maggio 2014, n.80, di conversione, con modificazioni, del Decreto Legge 28 marzo

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

ACCORDO. tra Intrachannel Srl in seguito RIVENDITORE AMS o anche solo RIVENDITORE ) e (in seguito GESTORE POINT o anche solo GESTORE )

ACCORDO. tra Intrachannel Srl in seguito RIVENDITORE AMS o anche solo RIVENDITORE ) e (in seguito GESTORE POINT o anche solo GESTORE ) ACCORDO tra Intrachannel Srl in seguito RIVENDITORE AMS o anche solo RIVENDITORE ) e (in seguito GESTORE POINT o anche solo GESTORE ) congiuntamente le Parti, 1 - premesso che AMS - ARABIA MOBILE SERVICES

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA AVV. ALESSANDRO ALBICINI Avv. Alessandro Albicini Studio Legale Albicini Via Marconi,, 3 40122

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 22/E. Quesito RISOLUZIONE N. 22/E Roma, 5 marzo 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Stoccaggio gas Trattamento ai fini IVA. Art. 3, primo comma, DPR 26 ottobre

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

ARIANNA IMMACOLATO IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013

ARIANNA IMMACOLATO IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013 IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE ITALIANA ED EUROPEA SULL INDUSTRIA ITALIANA DEL RISPARMIO GESTITO ARIANNA IMMACOLATO DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013 1

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Titolo della presentazione

Titolo della presentazione Titolo della presentazione Antonio Valente L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA. LA SCELTA DEL MERCATO ESTERO ADATTO AL PROPRIO CORE BUSINESS LE STRATEGIE DI SVILUPPO SUL TERRITORIO INDICE Abstract Analisi

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Newsletter, Marzo 2013

Newsletter, Marzo 2013 Newsletter, Marzo 2013 Contenuti: 1. Diritto della previdenza sociale 2. Diritto commerciale 3. Diritto amministrativo 4. Diritto bancario 5. Diritto civile 1. Diritto della previdenza sociale Ordinanza

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

Pagamenti e transazioni finanziarie con il Canada

Pagamenti e transazioni finanziarie con il Canada Pagamenti e transazioni finanziarie con il Canada Giancarlo Bianchi Responsabile Trade & Export Finance Direzione Estero Banca Popolare di Vicenza Componente del Gruppo di lavoro ABI sull Internazionalizzazione

Dettagli

tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante della presente.

tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante della presente. Spettabile Monte Titoli S.p.A Piazza degli Affari, 6 20131 MILANO Raccomandata A/R Anticipata via fax n. 02 33635 558 Richiesta di gestione della sollecitazione di deleghe per l assemblea della società

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLII BARI, 7 OTTOBRE 2011 N. 156 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti.

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti. Direzione Area Contabile Servizio Affari Fiscali Viale Gallipoli 49-73100 Lecce Tel. 0832/293392 - Fax. 0832/293042 Lecce, lì 18 luglio 2003 Prot. 15971 Ai Direttori dei Centri di Spesa Ai Responsabili

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Relazioni internazionali per il marketing. Classe: 5 Disciplina: Diritto. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Relazioni internazionali per il marketing. Classe: 5 Disciplina: Diritto. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Relazioni internazionali per il marketing Classe: 5 Disciplina: Diritto prof. Competenze disciplinari: 1. Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale,

Dettagli

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Cendon / Book DIRITTO INTERNAZIONALE PROFESSIONAL IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Diego Comba Monica Rosano Edizione MAGGIO 2015 Copyright MMXV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI

Dettagli

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong di Cristiano Donnet La Convenzione è stata firmata in data 14 gennaio 2013 Il Segretario ai Servizi Finanziari del Tesoro, Professor KC Chan,

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

Investire con successo in Turchia. Dieci Principi Importanti

Investire con successo in Turchia. Dieci Principi Importanti Investire con successo in Turchia Dieci Principi Importanti Dieci principi utili per stabilire una relazione commerciale di successo Introduzione Considerata la sua posizione geografica, al crocevia tra

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli