I vantaggi di una impresa eco - efficiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I vantaggi di una impresa eco - efficiente"

Transcript

1 I vantaggi di una impresa eco - efficiente Diminuiscono Impatti ambientali Incidenti Rischi di contenziosi Costi assicurativi Costi di smaltimento Aumentano Coinvolgimento operatori Immagine per le parti interessate Valutazione degli Enti di controllo Risparmio di risorse Opportunità di mercato Agevolazioni per accesso a finanziamenti pubblici Gestione degli adempimenti di legge Controlli nei processi produttivi Semplificazioni amm.ve Valutazione in caso di quotazione

2 VANTAGGI CERTIF./REG.AMBIENTALE S.G.A. GESTIONALI COMPETITIVI GARANZIE DI MIGLIORE GESTIONE DEL RISCHIO AMBIENTALE Polizze assicurative con premi ridotti: - Gruppi assicurativi riconoscono una migliore classe di rischio con relativa riduzione dei costi per polizza R.C.I. Diminuzione dei costi di finanziamento -Banc he : Migliore valutazione nella concessione del credito (Basilea 2 ) RIDUZIONE RISCHIO DI VIOLAZIONE DI LEGGI AMBIENTALI RIDUZIONE RISCHIO DI SANZIONI PENALI E PECUNIARIE MIGLIORI RAPPORTI CON LA COMUNITA LOCALE ACCESSO A FINANZIAMENTI : (Comunitari-nazionali-locali ) -copertura spese di certificazione amb. -agevolazioni per richieste su programmi di investimenti RIDUZIONE INEFFICIENZE Ottimizzazione uso risorse VALORIZZAZIONE SITO: -La certificazione del sito è un valore aggiunto MIGLIORAMENTO IMMAGINE AZIENDALE MIGLIORE POSIZIONE DI MERCATO Forniture e gare di appalto sempre + spesso vincolate a requisiti di ecogestione ( Es. Green Purchasing ) SEMPLIFICAZIONI AMMINISTRATIVE -permessi -concessioni -autorizzazioni -alleggerimento dei controlli -Legge n.93 /2001 art.18 -D.Lgs.152/99 art.23 com.1 bis -D.Lgs.334/99 art.6,comma 6 -D.Lgs.372/ 99 IPPC art.4-art 7 -DPR 416/ 2001 All.Tecn.parteII -Legge 70/94 art.5 comma 5 FINANZIARI

3 VANTAGGI CERTIF./REG. AMBIENTALE S.G.A. Rimanere aggiornati con il progresso tecnologico - Diminuire impatti ambientali attraverso modifiche alla progettazione e composizione dei prodotti,ed all utilizzo di tecnologie produttive ecoefficienti (EVABAT) -Ridurre i costi legati al consumo di acqua-gas-elettricitàspazi- smaltimento rifiuti Mantenere aggiornato il quadro legislativo pertinente l impresa Mantenere aggiornato il quadro di incentivi e finanziamenti e contributi previsti da CE e governi Nazionali e Regionali Avere un riconoscimento ufficiale che assicura che l ambiente viene protetto Diminuire il rischio di incidenti e malattie per i dipendenti e le comunità limitrofe :MIGLIORE GESTIONE DEL RISCHIO AMBIENTALE DELL IMPRESA - Soddisfare leggi e regolamenti C.E- Nazionali-Regionali-locali - progetti di Agenda 21 locale - Migliorare l immagine esterna v.s.gli stakeholders: fornitori,banche,opinione pubblica, clientiassicurazioni, assoc. consumatori,ong,ecc) -Migliorare il clima aziendale e l' immagine interna v.s. i dipendenti - ASSICURAZIONI: MIGLIORE CLASSE DI RISCHIO - BANCHE : MIGLIORE RATING PER LA CONCESSIONE DEL CREDITO - Evitare sanzioni penali ed economiche - Essere meno soggetti a controlli dagli Enti preposti -Ottenere agevolazioni fiscali e finanziamenti (che ricoprono ampiamente i costi di implementazione dell S.G.A.) - Semplificare gli adempimenti e procedure amm.ive - Acquisire nuovi clienti ( attenti all ambiente e quindi motivati e fidelizzabili ); nuovi mercati e commesse v.s. Paesi ed aziende dove avere la certificazione ambientale è requisito necessario Migliorare la produttività attraverso il maggior coinvolgimento dei dipendenti che sono + motivati nel percepire l impegno dell impresa - Ottenere coperture assicurative (polizze R.C.I.) con premi + bassi - Ottenere prestiti bancari a tassi + bassi - Valorizzazione del sito

4 AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLA CERTIF./REG. AMBIENTALE NORMATIVA EUROPEA 6 PROGRAMMA D AZIONE PER L AMBIENTE ( Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio,n 1600 del 22 Luglio 2002 ) DIRITTO COMUNITARIO DEGLI APPALTI PUBBLICI ( Comunicazione della Commissione 4 Luglio 2001 ) CRITERI PER LE ISPEZIONI AMBIENTALI ( Raccomandazione UE n 2001/331 ) AGEVOLAZIONI AMMINISTRATIVE INCORAGGIARE UNA PIU AMPIA ADOZIONE AD EMAS E SVILUPPARE MISURE CHE INCORAGGINO LE IMPRESE A PUBBLICARE RELAZIONI RIGOROSE E CERTIFICATE DA ESPERTI INDIPENDENTI IN MATERIA AMBIENTALE O DI SVILUPPO SOSTENIBILE ; INTRODURRE MECCANISMI DI RICOMPENSA PER LE AZIENDE CON LE MIGLIORI PRESTAZIONI AMBIENTALI ; INCORAGGIARE IMPEGNI ED ACCORDI DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER CONSEGUIRE CHIARI OBIETTIVI AMBIENTALI ISTITUIRE UN PROGRAMMA DI ASSISTENZA ALL OSSERVANZA CON SPECIFICO AUSILIO PER LE PMI QUALORA IL PROGRAMMA AMBIENTALE E IL S.G.A. DI UNA IMPRESA POSSANO ESSERE CONSIDERATI REFERENZE RICHIESTE PER STABILIRE LA CAPACITA TECNICA DELLA ORGANIZZAZIONE,LA CERTIFICAZIONE O REGISTRAZIONE AMB. ISO / EMAS VALGONO COME MEZZO DI PROVA I PIANI DELLE ISPEZIONI AMBIENTALI DOVREBBERO TENERE CONTO DELLE INFORMAZIONI PERTINENTI DISPONIBILI IN RELAZIONE A SITI SPECIFICI O TIPI DI IMPIANTI CONTROLLATI,COME I RISULTATI DI AUDIT E DICHIARAZIONI AMBIENTALI, IN PARTICOLARE QUELLE PRODOTTE IN CONFORMITA AD EMAS

5 AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLA CERTIF.REG. AMBIENTALE NORMATIVA NAZIONALE DISPOSIZIONI IN CAMPO AMBIENTALE LEGGE 93 / 2001Art.18 : SEMPLIFICAZIONI DELLE PROCEDURE AMM.VE PER LE IMPRESE REGISTRATE EMAS - NORME PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLE EMISSIONI DI SO2 - Nox DPR 416/2001 DISPOSIZIONI SULLA TUTELA DELLE ACQUE D.LGS 152 / 99 Art.23 comma 1 bis RISCHIO DI INCIDENTI RILEVANTI D.LGS 334 / 99 (SEVESO BIS ) Art.6 comma 6 PREVENZIONE E RIDUZIONE INTEGRATA DELL INQUINAMENTO ( IPPC ) Art.4 comma 4 D.LGS 372 / 99 Art.7 comma bis SEMPLIFICAZIONI ADEMPIMENTI AMBIENTALI ED ATTUAZIONE DI EMAS LEGGE 70 / 94 Art.5 comma 5 PROPOSTA DI LEGGE AC 4901 Art.4 RECEPITA COME LINEA GUIDA GIA OPERATIVA DAL COMITATO ECOLABEL ECOAUDIT,APAT E DALLE ARPA AGEVOLAZIONI AMMINISTRATIVE PER IL RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL ESERCIZIO DI UN IMPIANTO LE IMPRESE REGISTRATE EMAS POSSONO SOSTITUIRE CON L AUTOCERTIFICAZIONE ALLE AUTORITA COMPETENTI : AUTORIZZAZIONE ALLE EMISSIONI ATMOSFERICHE AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO (D.LGS 152 / 99 ) AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE.INTEGRATA ( D.LGS 372/99 ) PER LA VERIDICITA DEI DATI DI EMISSIONE DICHIARATI SARA VALIDA LA DOCUMENTAZIONE PRODOTTA NELL AMBITO DELL S.G.A. CHE ABBIA OTTENUTO LA CERTIFICAZIONE ISO O LA REGISTRAZIONE EMAS IN TEMA DI DERIVAZIONE DELLE ACQUE...IN CASO DI PIU DOMANDE CONCORRENTI PER USI INDUSTRIALI E PREFERITA QUELLA DEL RICHIEDENTE CHE ADERISCE AL SISTEMA ISO O EMAS IN TEMA DI NOTIFICHE...IL GESTORE DELLO STABILIMENTO PUO ALLEGARE LE CERTIFICAZIONI...E QUANT ALTRO IN BASE A REGOLAMENTI COMUNITARI AD ESEMPIO EMAS LE INFORMAZIONI E DATI PRODOTTI IN CONFORMI TA ALLA ISO O EMAS POSSONO ESSERE UTILIZZATI PER OTTENERE L AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE. GLI IMPIANTI REGISTRATI EM AS POSSONO EFFETTUARE IL RINNOVO OGNI 8 ANNI INVECE CHE OGNI 5 ACCORDO DI PROGRAMMA TRA MINISTERO INDUSTRIA E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO EMAS PRESSO LE PMI PREVEDENDO A TAL FINE AGEVOLAZIONI PROCEDURALI E FINANZIARIE QUALORA UNA IMPRESA,NEL CORSO DELLA PROCEDURA DI A.A.I. DEL SITO, DA SOTTOPORRE A REGISTRAZIONE EMAS, RILEVI UNA NON CONFORMITA LEGISLATIVA IN MATERIA AMBIENTALE, E AUTORIZZATA A CONCORDARE CON L AUTORITA PREPOSTA I TEMPI E LE MODALITA PER IL SUPERAMENTO DELLA N.C.

6 AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLA CERTIF./REG.AMBIENTALE NORMATIVA NAZIONALE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE D.M. MINAMBIENTE 5 FEBBRAIO IMPORTI A GARANZIE PER LE IMPRESE CHE EFFETTUANO BONIFICHE DI AMIANTO Art.4 PROMOZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE NELLE PMI D.M PROTOCOLLO DI INTESA SULLA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE ( PROGETTO ECOIMPRESA ) 8 MAGGIO 2002 DISPOSIZIONI IN CAMPO AMBIENTALE LEGGE 179/ 2002 Art.5 TESTO UNICO DELLE DIRETTIVE PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI DI CUI ALLA LEGGE 488 / 92 DECRETO 3 LUGLIO 2000 FEDERALISMO FISCALE LEGGE 133 / 1999 Art. 11 ALLE IMPRESE REGISTRATE EMAS SI APPLICA IL 30 % DEGLI IMPORTI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER IL RIMBORSO SINO ALL 80% DELLE SPESE AMMISSIBILI SOSTENUTUTE PER SERVIZI DI CONSULENZA E ASSISTENZA VOLTI ALLA CERTIFICAZIONE O REGISTRAZIONE DI S.G.A. AI SENSI ISO /. EMAS MINISTERO AMBIENTE E CONFINDUSTRIA,PER LA PROMOZIONE DELLA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE NELLE PMI PREVEDONO UN FINANZIAMENTO COMPLESSIVO DI 25 MILIONI DI EURO PER AGEVOLARE I COSTI SOSTENUTI PER LA CERTIFICAZIONE AUTORIZZA UNA SPESA DI EURO ANNUI PER VARIE INIZIATIVE TRA CUI PROMOZIONE E SVILUPPO DI S.G.A.E DI QUALIFICAZIONE ECOLOGICA DEI PRODOTTI NELL AMBITO DEL SISTEMA EMAS- ECOLABEL PREVEDE CONTRIBUTI PER LE PMI DEL SETTORE COMMERCIO E TURISMO NELLE AREE DEPRESSE,OLTRE AD INCREMENTARE DEL 5% L INDICATORE AI FINI DELLA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LE AZIENDE CON ISO O EMAS PREVEDE L INTRODUZIONE DI INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA AMBIENTALE E PER LO SVILUPPO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE,ETC...

7 AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLA CERTIF./REG. AMBIENTALE NORMATIVA NAZIONALE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE D.M. 24 MARZO 1999 MODIFICAZIONI AL D.M. 20 OTTOBRE 1997 RECANTE RIPARTIZIONE DI 800 MILIARDI DI LIRE PER LO SVILUPPO SOCIOECONOMICO DEL TERRITORIO D.M.446 / 98 REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DI AGEVOLAZIONI IN FORMA AUTOMATICA ( CREDITI D IMPOSTA) DECRETO 3 AGOSTO 1998 N 311 LEGGE 449 / 97 Art.4 Comma 9 INCREMENTO DEL CREDITO DI IMPOSTA DELIBERAZIONE CIPE N 259 /97 LEGGE 341 / CIRCOLARE MICA DEL 16/10/98 LEGGE 488/ 92 - CIRCOLARE N DEL 20/11/97 ASSEGNAZIONE MAGGIOR PUNTEGGIO PER GRADUATORIA FINANZIAMENTI PREVEDE FINANZIAMENTI PER LE PMI CHE ADOTTANO S.G.A....PREVEDE CHE SIANO AMMISSIBILI LE SPESE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADESIONE DI UN S.G.A. NORMATO O ALL ECOLABEL NELL OTTICA DI RICONOSCERE E VALORIZZARE L IMPEGNO DELLE IMPRESE CHE HANNO ADERITO AD EMAS,SI INCREMENTA DI 1 MILIONE DI LIRE I CREDITI DI IMPOSTA DELLE IMPRESE BENEFICIARIE AI SENSI DELLA LEGGE 449/ 97,QUALORA ABBIANO ADERITO AD EMAS TALUNI CREDITI DI IMPOSTA POSSONO ESSERE INCREMENTATI PER LE PMI CHE ADERISCONO AD EMAS...AGEVOLAZIONI IN FORMA AUTOMATICA NEL LE AREE DEPRESSE, RICONOSCE LE SPESE D ELLA AVVENUTA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE NEL LIMITE MASSIMO DEL 5% DELL ULTIMO FATTURATO DELL IMPRESA RICHIEDENTE INCENTIVI AUTOMATICI PREVEDONO BONUS DA UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE PER SPESE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADESIONE DI UN S.G.A. EMAS O ISO CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE IMPRESE A FRONTE DI INVESTIMENTI PRODUTTIVI. AI FINI DELLA GRADUATORIA PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI SI ASSEGNA UN PUNTEGGIO MAGGIORE ALLE IMPRESE EMAS ( 10 PUNTI ) O ISO ( 7 PUNTI )

8 AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLA CERTIF./REG. AMBIENTALE NORMATIVA REGIONALE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE LEGGE REGIONE ABRUZZO N 99 / 1999 NORME IN MATERIA DI QUALITA E GESTIONE AMBIENTALE NELLE PMI DOCUP ABRUZZO BANDI MONOSETTORIALI MISURA 2.1 AZIONE REGIME DI AIUTO A SOSTEGNO DELLE PMI PER IL COFINANZIAMENTIO DELLA LEGGE 341/ 95 CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PARI AL 50% DELLA SPESA MASSIMA AMMISSIBILE FISSATA IN 50 MILIONI DI LIRE PER LE IMPRESE CHE REALIZZINO S.G.A. CERTIFICATI ISO O EMAS. L AZIENDA PUO RICHIEDERE UN ANTICIPO PARI AL 50% DEL FINANZIAMENTO CON PRESENTAZIONE DI APPOSITA GARANZIA FIDEIUSSORIA. SONO FINANZIATI INVESTIMENTI DIRETTI A RIDURRE GLI IMPATTI AMBIENTALI DEL PROCESSO PRODUTTIVO ( COMPRESA LA CERTIFICAZIONE / REGISTRAZIONE DEL S.G.A. ISO / EMAS ) CONVENZIONI ED ACCORDI VOLONTARI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE COMPAGNIE ASSICURATIVE SCONTI DAL 10 AL 20% SULL IMPORTO DELLE POLIZZE PER RESPONSABILITA CIVILE INQUINAMENTO (R.C.I. ) BANCHE REGISTRATE EMAS: TASSI AGEVOLATI PER LE IMPRESE RICHIEDENTI, CERTIFICATE / REGISTRATE ISO 14001/EMAS

Agevolazioni per organizzazioni registrate secondo il Regolamento (CE) n. 761/2001(EMAS) e/o certificate ISO 14001

Agevolazioni per organizzazioni registrate secondo il Regolamento (CE) n. 761/2001(EMAS) e/o certificate ISO 14001 Area Riferimento rmativo An Agevolazione Acque R.D. n. 1775 (art. 9 comma 1 bis) 1933 In caso di più domande concorrenti per nuove concesoni e utilizzazioni di acque ad u produttivi è preferita quella

Dettagli

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative 15 Convegno di Igiene Industriale Corvara 03 aprile 2009 M. Mengoli,

Dettagli

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011 Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001 Cuneo, 14 gennaio 2011 Gli Strumenti di Gestione Ambientale Norma UNI EN ISO 14001: Norma internazionale emanata nella

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Tipologia semplificazione

Tipologia semplificazione Regione N. Provvedimento Descrizione semplificazioni Delib.G.R. 21/05/2015, n. 10/3619 Integrazioni alle linee guida di attuazione dell'asse 1 del POR FESR 2007-2013. Introduzione dell'azione G - "Sostegno

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 23 luglio 2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 28 novembre 2009, n.278, concernente

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA CONOSCENZA E DELLA PREVENZIONE Dai sistemi di monitoraggio alla diffusione della cultura ambientale Milano, 24 25 26 Novembre 2003 Teatro Dal Verme - Palazzo delle Stelline

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare:

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare: Nota di approfondimento Il Fondo Kyoto Cambia la disciplina del Fondo rotativo Kyoto, istituito dalla Legge Finanziaria 2007 e originariamente regolamentato dal D.M. 25 novembre 2008 e s.m.i. e dalla relativa

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014

I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014 2015: obblighi e opportunità per l Efficienza Energetica I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014 Nino Di Franco ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica 23 Workshop del programma T.A.C.E.C.

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Economia e delle Finanze DOCUP obiettivo 2 2000/6 Allegato VI Spese ammissibili per le misure a Regia Regionale Spese ammissibili per le

Dettagli

NEWSLETTER n. 40 del 16 febbraio 2015

NEWSLETTER n. 40 del 16 febbraio 2015 SOMMARIO Pag. 2. PREVENZIONE DEI RIFIUTI: PUBBLICATO IL PIANO NAZIONALE Pag. 3. BANDO FOTOVOLTAICO: PUBBLICATA LA GRADUATORIA DELLO SPORTELLO 1 Pag. 3. AMIANTO: ADOTTATO IL PIANO REGIONALE DI PROTEZIONE,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese ALLEGATO N. 1 Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese DM 4 DICEMBRE 2014 Regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita e lo sviluppo di società cooperative

Dettagli

Innovazione tecnologica: "semplificazioni normative ed agevolazioni fiscali per le imprese certificate EMAS ed ISO14001".

Innovazione tecnologica: semplificazioni normative ed agevolazioni fiscali per le imprese certificate EMAS ed ISO14001. Atti del Convegno Emergenze ambientali & sviluppo eco-compatibile dell industria metallurgica. Impatto ambientale: il presente e le prospettive future. Associazione Industriali di Brescia, Provincia di

Dettagli

La riforma della Legge 488/92

La riforma della Legge 488/92 Ministero delle Attività Produttive IPI Istituto per la Promozione Industriale La riforma della Legge 488/92 Nuovi criteri e modalità per la concessione delle agevolazioni ex lege 488/92 a seguito della

Dettagli

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo 1991 - La certificazione energetica degli edifici in Italia è un idea che parte da lontano, tanto che il percorso compie proprio

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO EMAS

PROGRAMMA FORMATIVO EMAS PROGRAMMA FORMATIVO EMAS Tipo di FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 (16 h) Generale Elementi di Diritto civile e Diritto amministrativo Ecologia Risparmio energetico e di materie

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Università di Palermo, Facoltà di Giurisprudenza 30 maggio 2007 Avv. Salvatore Mancuso Mancuso L interesse alla produzione industriale Interesse pubblico

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

D.Lgs. 102/2014: i vantaggi per le imprese e le opportunità per le ESCo.

D.Lgs. 102/2014: i vantaggi per le imprese e le opportunità per le ESCo. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO EFFICIENZA ENERGETICA. OPPURTUNITÀ PER IMPRESE E PROFESSIONISTI. D.Lgs. 102/2014: i vantaggi per le imprese e le opportunità per le ESCo. Nicola Graniglia

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE

INGEGNERIA PER L AMBIENTE Studio associato di ingegneria per l ambiente INGEGNERIA PER L AMBIENTE E PER IL RISPARMIO ENERGETICO professionisti per l impresa e per i suoi obiettivi sostenibilità ambientale risparmio ed efficienza

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

COMUNE DI AREZZO. Art. 1 Oggetto

COMUNE DI AREZZO. Art. 1 Oggetto COMUNE DI AREZZO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI PRIVATI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE O TRASFORMAZIONI A GAS DI VEICOLI EURO 0 - ANNO 2006 (Allegato al

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO l'articolo 3 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO

IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO Misure per l efficientamtento energetico degli edifici scolastici Carlo Scognamillo, Roma 27 maggio 2015 Cenni storici Il protocollo di Kyoto, adottato l 11 dicembre 1997 in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

MARKETING INFORMATION

MARKETING INFORMATION Gentile Concessionario, Come sicuramente avrete visto negli ultimi giorni, con una circolare il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via alle agevolazioni della NUOVA LEGGE SABATINI per lo sviluppo

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O RELATIVA AL I SAL RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DATA SPEDIZIONE (presentazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Roma, 11 giugno 2013 Scenario AMMONTARE DEI DEBITI DELLA PA: 90 miliardi (stima Banca d Italia) TEMPI DI PAGAMENTO PA: 180

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese ALLEGATO N. 2A Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese DM 7 AGOSTO 2014 Credito d imposta a favore delle imprese sottoscrittrici di accordi di programma volti

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA INTEGRAZIONE DEL SISTEMA ISPRA -ARPA/APPA NEI PROCESSI DI ADESIONE AD EMAS DELLE ORGANIZZAZIONI INDICE. 1.

PROCEDURA OPERATIVA INTEGRAZIONE DEL SISTEMA ISPRA -ARPA/APPA NEI PROCESSI DI ADESIONE AD EMAS DELLE ORGANIZZAZIONI INDICE. 1. PROCEDURA OPERATIVA INTEGRAZIONE DEL SISTEMA ISPRA -ARPA/APPA NEI PROCESSI DI ADESIONE AD EMAS DELLE ORGANIZZAZIONI INDICE 1. Premessa 2. Campo di applicazione 3. Documenti di riferimento 4. Definizioni

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012

Perugia 30 Novembre 2012 Perugia 30 Novembre 2012 La politica della Regione Umbria per le Certificazione e le TIC negli anni Negli ultimi anni con cadenza quasi annuale la Regione Umbria ha sostenuto l acquisizione di Servizi

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO Spett.le Soggetto Gestore Via.n...

Dettagli

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1 A. Procedura Ordinaria - Modello di valutazione per le imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori: industria manifatturiera, edilizia, alberghi (società alberghiere proprietarie dell immobile),

Dettagli

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: Elementi ambientali negli appalti pubblici un futuro verde o al verde secondo la normativa contrattuale Stefano Manetti Hotel NH Touring

Dettagli

Articolo 1 Definizioni

Articolo 1 Definizioni Selezione per il finanziamento di Progetti per la realizzazione di iniziative di informazione territoriale delle Associazioni dei consumatori iscritte al CNCU (PDT2) Visti: la legge 14 novembre 1995, n.

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

CERTIQUALITY STEFANO ALDINI

CERTIQUALITY STEFANO ALDINI CERTIQUALITY Procedure semplificate, D.Lgs. 231 ed efficacia dei Modelli Organizzativi per la prevenzione delle responsabilità: il ruolo delle verifiche indipendenti dei sistemi di gestione della salute

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana E ANIA - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici Confindustria,

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

Principali Agevolazioni attive a favore delle Imprese Ottobre 2013

Principali Agevolazioni attive a favore delle Imprese Ottobre 2013 Principali Agevolazioni attive a favore delle Imprese Ottobre 2013 Attività Beneficiari Agevolazione Scadenza Note Valorizzazione economica dei brevetti PMI Nazionali Fino ad esaurimento Promozione dei

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico ALLEGATO N. 3 Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese FONDO PER LA CRESCITA SOSTENIBILE BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE o AGENDA DIGITALE DOMANDA DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2014 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2015 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2014

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

COMUNE DI MARANO. Provincia di Napoli PIANO DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI BANDO DI ASSEGNAZIONE IN PROPRIETA DI LOTTI

COMUNE DI MARANO. Provincia di Napoli PIANO DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI BANDO DI ASSEGNAZIONE IN PROPRIETA DI LOTTI COMUNE DI MARANO Provincia di Napoli PIANO DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI BANDO DI ASSEGNAZIONE IN PROPRIETA DI LOTTI CONCESSIONARIO: INIZIATIVE INDUSTRIALI - SOCIETA DI PROGETTO S.R.L. 1 PIANO DEGLI INSEDIAMENTI

Dettagli

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL PI VALLE DELL IRNO BANDO ATTUATIVO DELLA SCHEDA PROGETTO P002 Nuovo regime d agevolazione a favore delle PMI SPAZIO RISERVATO AL GESTORE CONCESSIONARIO

Dettagli

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI II SAL O SALDO

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI II SAL O SALDO DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI II SAL O SALDO PI POLO ORAFO CAMPANO BANDO ATTUATIVO DELLA SCHEDA PROGETTO P002 Nuovo regime d agevolazione a favore delle PMI SPAZIO RISERVATO AL GESTORE CONCESSIONARIO

Dettagli

IN ATTESA DI REGISTRAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI IL CAPO DIPARTIMENTO

IN ATTESA DI REGISTRAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI IL CAPO DIPARTIMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER LA FORMAZIONE SUPERIORE E PER LA RICERCA Direzione Generale per il Coordinamento, la Promozione e Valorizzazione della Ricerca

Dettagli

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti

Dettagli

Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia

Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia Regione Lombardia U.O. Riduzione Emissioni in atmosfera e Sostenibilità Ambientale Arch. Anelisa Ricci 1 La

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E ALLE IMPRESE APPROVATO con deliberazione del C.C. n 69 del 30.11.2011

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER LA FORMAZIONE SUPERIORE E PER LA RICERCA Direzione Generale per il Coordinamento, la Promozione e Valorizzazione della Ricerca

Dettagli

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e DEL 31.10 10.2013 Oggetto: L.R. n. 18 del 26.07 07.201.2013,, art. 3 e D.L. 185/2008, art. 9, comma 3-bis3 e 3-ter. Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli