MONOMI :Definizione, monomi opposti e simili, operazioni con i monomi, espressioni con i monomi, M.C.D. e m.c.m. di monomi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONOMI :Definizione, monomi opposti e simili, operazioni con i monomi, espressioni con i monomi, M.C.D. e m.c.m. di monomi."

Transcript

1 PROGRAMMA CONSUNTIVO ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 MATERIA : MATEMATICA CLASSE 1D DOCENTE : MARINA BASAGLIA ALGEBRA I NUMERI : I numeri naturali: operazioni e proprietà, potenze e proprietà, la scomposizione in fattori primi,calcolo del M.C.D. e del m.c.m. tra due o più numeri, proporzioni e loro proprietà. I numeri razionali:frazioni e numeri razionali, operazioni e proprietà, espressioni con i razionali, numeri decimali e passaggio dalla forma razionale a quella decimale e viceversa. MONOMI :Definizione, monomi opposti e simili, operazioni con i monomi, espressioni con i monomi, M.C.D. e m.c.m. di monomi. POLINOMI : Definizione, polinomi ordinati, completi, omogenei, addizione e sottrazione di polinomi, moltiplicazione e divisione di un polinomio per un monomio, moltiplicazione di polinomi, prodotti notevoli, quadrato di binomio, quadrato di polinomio, differenza di quadrati, cubo di binomio, triangolo di Tartaglia e potenza n-sima di un polinomio, espressioni con i polinomi, divisione di due polinomi, scomposizione di un polinomio in fattori, raccoglimento a fattore totale, parziale, con i prodotti notevoli, somme e differenze di cubi, trinomio particolare, M.C.D. e m.c.m. di polinomi. FRAZIONI ALGEBRICHE Le frazioni algebriche, definizione, semplificazione di frazioni algebriche, somme di frazioni algebriche, prodotti e potenze di frazioni algebriche, divisioni di frazioni algebriche, espressioni con le frazioni algebriche. GEOMETRIA DEL PIANO GEOMETRIA Punto, retta, piano, I postulati della retta e del piano, segmenti e angoli,figure concave e convesse, congruenza delle figure,operazioni tra segmenti, operazioni tra angoli, angoli opposti al vertice, il teorema degli angoli opposti al vertice. I TRIANGOLI Definizioni, bisettrice, mediana, altezza, i 3 criteri di congruenza dei triangoli, Il teorema del triangolo isoscele, la bisettrice nel triangolo isoscele, il teorema dell angolo esterno(maggiore) e relativi corollari, classificazione dei triangoli rispetto ai lati e agli angoli, la relazione tra lato maggiore e angolo maggiore, le relazioni tra i lati di un triangolo, rette parallele e perpendicolari, teorema delle rette parallele e inverso, il teorema dell angolo esterno (somma) INFORMATICA Excel: celle righe, colonne,formattazione dei testi, introduzione di formule, uso funzioni max,min,somma automatica, media,se, costruzione di grafici, stampa di un foglio. S. Vito al T.to, 7 giugno 2014 La docente Marina Basaglia

2 Programma a.s. 2013/14 Classe: ID Dal testo: Catani, Greiner, Pedrelli Fertig, los! Zanichelli Lektion 1 Funzioni comunicative Presentarsi e fornire semplici informazioni su se stessi e gli altri, i numeri, salutare Strutture grammaticali Genere dei sostantivi, pronomi personali, presente indicativo del verbo essere/sein e dei verbi deboli, forma interrogativa, Vocaboli Alfabeto, sport, numeri, nomi geografici Lektion 2 Funzioni comunicative Descrivere una famiglia, descrivere persone, operazioni aritmetiche, descrivere città Strutture grammaticali Il caso nominativo e accusativo, l'articolo indet., agg. possessivi mein/dein, verbo haben, verbi arbeiten e finden, il genitivo sassone, l'agg. predicativo, le parole composte, zu Hause, was?. Vocaboli la famiglia, alcuni animali Lektion 3 Funzioni comunicative parlare dell'orario scolastico e delle materie, chiedere e dire l'ora Strutture grammaticali i verbi lesen, können, wissen e möchten,la forma di cortesia, aggettivi possessivi, costruzione della frase, le congiunzioni aber e denn, preposizioni um, am, uso di wann, wie lange, wie viele Vocaboli La scuola, le materie scolastiche, le festività, i numeri ordinali, l' aula Lektion 4 Funzioni comunicative Parlare del Natale e dei mercatini, invitare, parlare del tempo libero Strutture grammaticali Formazione del plurale, verbi geben, sprechen, helfen, sehen, wollen, la negazione nicht, il caso dativo, il partitivo, le preposizioni für, mit, bei, gli interrogativi warum, wer, wem, wen Vocaboli Il Natale e le attività del tempo libero Lektion 5 Funzioni comunicative

3 Parlare di amicizia e sentimenti, raccontare un film, parlare di regali, descrivere carattere e aspetto Strutture grammaticali I verbi müssen, fahren, laufen, lassen, gefallen, werden, negazione kein.., pronome indefinito man, es gibt, pronomi personali al nom., acc., dat., la costruzione della frase, preposizioni con l'accusativo, la preposizione von, le espressioni zu Hause, nach Hause, von zu Hause, le W-Fragen Vocaboli Amore e amicizia Lektion 6 Funzioni comunicative Parlare delle abitudini alimentari, commentare cibi, parlare delle preferenze alimentari Strutture grammaticali La formazione delle parole composte, verbi con prefissi separabili e inseparabili, verbi vergessen, einladen, essen, nehmen, mögen, nicht nur...sondern auch, imperativo, avverbi di frequenza Vocaboli Cibi, colori Lektion 7 P. 86: immagini di Norimberga p. 87 descrivere la piantina di Norimberga p.88, 89, dialoghi p. 90 segnali stradali p p. 95 es.13, 14 Strutture grammaticali il verbo modale dürfen, la frase secondaria, ja, nein, doch, wo, wohin, zum/zur, in, dort, dorthin wie weit? Esercizi sull'arbeitsbuch relativi agli argomenti svolti Regole di pronuncia Esercitazioni di fonetica, conversazione e arricchimento lessicale con il lettore. Sono state svolte alcune letture da testi autentici da giornale (ricette) La classe ha partecipato ad una visita guidata a Klagenfurt, in occasione del Weihnachtsmarkt, dove ha svolto esercitazioni linguistiche (brevi interviste e raccolta di vocaboli) 20 allievi hanno ospitato studenti del Bundesgymnasium di Sankt Veit an der Glan per tre giorni partecipando ad alcune visite sul territorio e ad attività sportive insieme agli studenti austriaci L Insegnante: Prof. Grazia Santarossa Gli Studenti

4 Liceo Scientifico Le Filandiere S. Vito al Tagliamento a.s. 2013/14 Conversazione in Tedesco Prof. Marco Ivan Blasutig Programma svolto Classe 1D Durante l anno scolastico sono stati trattati i seguenti argomenti: - Sich vorstellen - Rezepte - Meine Familie - Weihnachten; Christkindlmarkt - Vorbereitung des Ausfluges nach Klagenfurt - Schule und Stundenplan - Mein Alltag; Annette aus Coburg (Lektüre) - Was schenke ich? (Dialog) - Film: Lola rennt - Mein Tagebuch - Liebe: mein idealer Typ - Essen und Trinken; Speisekarte (bestellen); - Nürnberg: Orientierung in der Stadt (Spielzeugmuseum und Albrecht-Dürer-Haus) - Mit dem Boot zur Schule (Lektüre) - Mein Schulweg - Studentenviertel (Lektüre) S. Vito al Tagliamento, giugno 2014

5 Liceo Statale Le Filandiere San Vito al Tagliamento Lingua Inglese - Programmi svolti Classe 1 D a.s Testo: - English Plus Pre-Intermediate, Ben Wetz, Oxford University Press Contenuti: Entry Checker Lesson 1: subject pronouns and possessives adjectives; Present simple of verb be; question words; Possessive s; a / an and the; practice exercises. Lesson 2: present simple of have got; there is / there are; demonstrative pronouns; whose and possessive pronouns; practice exercises. Lesson 3: present simple; adverbs of frequency; verbs and prepositions in questions; practice exercises. Lesson 4: object pronouns; verb + -ing; present continuous; practice exercises. Lesson 5: countable and uncountable nouns with some and any; much, many and a lot of / lots of; too, too much, too many and (not) enough; indefinite pronouns; practice exercises Lesson 6: can / can t; good / bad at; can / could; would love, would like, would prefer, would hate; practice exercises. Lesson 7: past simple of be; past simple: positive and negative (regular and irregular verbs); past simple: questions and short answers; past time expressions; practice exercises. Lesson 8: will / won t; imperatives; practice exercises. English Plus Pre-Intermediate Unit 1: Present simple and adverbs of frequency, adverbs of manner, Present continuous, Present simple v Present continuous, order of adjectives; vocabulary for character and personality, communication and attitude, compound adjectives, cognates and false friends; reading and listening to descriptions, talking about frequency, reminding and advising, identifying and finding out about people, describing a friend. Unit 2: Past simple of be, there was and there were, Past simple, Past continuous, Past continuous v Past simple, possessive s; vocabulary for television programmes, regular and irregular verbs; reading and talking about television programmes, comparing opinions, improving your speaking skills, writing a review. Unit 3: much, many, lots of/a lot of, a little, a few, defining relative clauses, comparative and superlative adjectives; vocabulary for containers, quantities, words for the environment, compound nouns, so and because; reading and speaking about environmental issues, talking about quantities, making comparisons, comparing ideas for a present, writing an . Unit 4: Present perfect with ever and never (regular and irregular verbs), Present perfect v Past simple; vocabulary for the internet and websites: verb and noun collocations; reading and talking about young people and the internet, talking about experiences, reacting to news, writing an giving news. Unit 5: present perfect with just, still, already, yet, for and since; suffixes, words used for show business and star qualities.

6 Everyday listening & speaking 1: Describing people Everyday listening & speaking 2 Deciding what to watch on Tv Everyday listening & speaking 3: Discussing how to be green Everyday listening & speaking 4: Reporting a theft Everyday listening & speaking 5: Making a complaint Culture & CLIL 1: The Face of the UK Culture & CLIL 2: Television in the USA Culture & CLIL 3: Think globally, act locally Culture & CLIL 4: Social networks Culture & CLIL 5: The cult of celebrity Attività svolte con la lettrice: ROGRAMMA DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA: CONVERSAZIONE IN LINGUA INGLESE CLASSE: 1D DOCENTE: KIM BUOSI TOPICS OF CONVERSATION Daily routine The Family Different types of Clothing Buying clothes in a Shop Attitudes towards different types of Food Ordering food at a restaurant Music Interviewing a Rock band British Festivities : St Valentine s day Pancake Day Ash Wednesday Easter Notting Hill Carnival Halloween Guy Fawkes Night Christmas New years Eve

7 Comparing British and Italian Festivities School rules Comparing British and Italian education system Language: Asking and giving personal information. Talking about families. Describing physical appearance Making suggestions and stating preferences Requesting / agreeing / refusing Expressing opinions Use of colloquialisms and idiomatic expressions Expressing likes / dislikes Description of an event Expressing obligation San Vito al Tagliamento 09 giugno 2014 L insegnante Evi R. Tesolin

8 ISIS LE FILANDIERE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S PROGRAMMA SVOLTO DALLA CLASSE 1^D L insegnamento della religione cattolica nella scuola italiana; punti di forza dell IRC, finalità e obiettivi; Definizione del termine religione ; la cultura religiosa e suo valore nella storia e nei contesti personale e sociale; Il disagio adolescenziale, la conoscenza di sé e l autostima; riflessioni sul senso della vita e sulla mancanza di senso, risvolti individuali e sociali; Ebraismo, la storia d Israele e di Palestina; il credo, le tappe del percorso storico, le regole alimentari, la pratica e i principi dottrinali; Antisemitismo, razzismo, tolleranza storie e rispetto delle differenze; pluralismo culturale come valore; problematiche collegate ai fenomeni migratori; storie di emigrazione raccolte in famiglia; cittadini del mondo: le frontiere mentali e l integrazione; Islamismo, Allah e la rivelazione del Corano, Maometto e le tappe principali del percorso storico dell islam; i cinque pilastri, le regole alimentari, i gruppi religiosi, la Sunna; islam e integrazione nella società contemporanea; La Bibbia: i libri, gli autori materiali e l Autore, periodo di composizione, il canone ebraico e quello cristiano, il concetto di ispirazione, libri apocrifi e deuterocanonici; i principali personaggi descritti nella Bibbia; le vicende della regina Ester. San Vito al Tagliamento, 4 giugno 2014 L INSEGNANTE Luisa Forte

9 ISIS Le Filandiere S. Vito al Tagliamento (PN) Anno Scolastico 2013/2014 classe I D LIN Programma svolto di Lingua latina Docente: Gabriele Livan Libro di testo: Irene Scaravelli, LL multimediale, Zanichelli 1. FONETICA Storia dell alfabeto latino Vocali e dittonghi Classificazione delle consonanti Le tre leggi dell accento latino e l énclisi Le pronunce del latino 2. MORFOLOGIA Radice, tema, desinenza Le funzioni primarie dei casi, con approfondimenti su strumentale e locativo Il problema del genere Morfologia del sostantivo: le cinque declinazioni. Significato dei sostantivi più comuni (sezione Lessico delle lezioni 1-27 del libro di testo). Il problema del numero: i pluralia tantum, i nomi dal significato diverso Aggettivi qualificativi di prima e di seconda classe; aggettivi sostantivati; aggettivi possessivi. Significato degli aggettivi più comuni (sezione Lessico delle lezioni 1-27 del libro di testo). Forma attiva e passiva delle quattro coniugazioni verbali (compresi i verbi in -io della terza) e del verbo sum. Modi e tempi: indicativo presente, imperfetto, futuro, perfetto; imperativo presente; infinito presente. Paradigmi e significati dei verbi più comuni (sezione Lessico delle lezioni 1-27 del libro di testo); le cinque forme di perfetto (in -avi/-ui, sigmatico, a raddoppiamento, ad alternanza vocalica radicale, con identità di temi). Verbi composti. Le congiunzioni coordinanti principali Le principali preposizioni 3. SINTASSI DELLA FRASE Attributo e apposizione I complementi principali: oggetto, predicativo del soggetto e dell oggetto, specificazione, termine, vocazione, mezzo, strumento, causa, modo, agente, causa efficiente, stato in luogo, moto a luogo, moto da luogo, moto per luogo, tempo determinato e tempo continuato, compagnia e unione, materia, argomento, origine o provenienza, qualità 4. SINTASSI DEL PERIODO Proposizioni causali (introdotte da quod, quia, quoniam) e circostanziale causale 5. DIDATTICA DELLA TRADUZIONE Approfondimenti lessicali (la famiglia, la scuola) Acquisizione delle radici principali Smontaggio della parola in prefissi, radice, suffissi e desinenza Fasi operative della traduzione di una frase (individuazione del predicato, del soggetto e dei vari complementi) e di un periodo (individuazione dei predicati, della principale e delle altre proposizioni, coordinate e/o subordinate) San Vito al Tagliamento, 7 giugno 2014 Gabriele Livan

10 Liceo scientifico Le Filandiere San Vito al Tagliamento Programma svolto nella classe 1 D scientifico linguistico Materie Scienze della Terra e Chimica Docente: Prof. Antonio Marino Testi utilizzati: Stefano Zanoli Terra! Un pianeta da esplorare Le Monnier scuola; F. Bagatti, E. Corradi, A. Desco, C. Ropa La chimica intorno a noi - Zanichelli Contenuti di Scienze della Terra Unità 1 La Terra nello spazio 1. Principi di Astronomia: stelle e galassie 2. Le distanze nell Universo 3. Il Sistema Solare 4. Il Sole e le sue caratteristiche 5. Le leggi di Keplero 6. I pianeti interni 7. I pianeti esterni 8. La fascia degli Asteroidi, meteore e comete 9. La Luna 10. Fasi lunari e le eclissi Unità 2 La Terra 11. Forma e dimensione della Terra 12. I moti della Terra e le conseguenze dei moti 13. I fusi orari 14. le stagioni 15. Le costellazioni e lo zodiaco 16. Orologio solare e le meridiane storiche in Italia Unità 3 Orientamento e cartografia 17. I punti cardinali e l orientamento 18. Il reticolato e le coordinate geografiche 19. Le carte geografiche 20. Lettura e costruzione delle carte geografiche Unità 4 L Idrosfera e il modellamento del paesaggio 21. L acqua sulla Terra 22. Il ciclo dell'acqua 23. Caratteristiche delle acque marine e moti del mare 24. La dinamica delle coste 25. Le acque continentali: i fiumi 26. L'azione erosiva delle acque continentali 27. L erosione e le frane 28. Il dissesto idrogeologico

11 29. I laghi 30. I ghiacciai 31. Azione erosiva dei ghiacciai e del ghiaccio 32. I ghiacciai italiani 33. Le acque sotterranee Unità 5 L atmosfera 34. Atmosfera: composizione e caratteristiche fisiche dell'atmosfera Contenuti di Chimica 1. Il laboratorio: sicurezza, attrezzature, vetreria e suo utilizzo 2. Le grandezze e le unità di misura: massa, volume, densità, temperatura e temperatura assoluta, pressione. 3. La stesura di una relazione scientifica 4. Gli stati della materia e i passaggi di stato; la curva di fusione dei solidi 5. Sostanze pure, sistemi omogenei ed eterogenei 6. Tecniche di separazione dei miscugli 7. Cristallizzazioni 8. L atomo: cenni storici, cenni sulla struttura e configurazione elettronica 9. Elementi: nomi e simboli 10. La tavola periodica: struttura, proprietà periodiche 11. Le soluzioni: soluto, solvente, concentrazioni delle soluzioni. Gli Alunni Il Docente

12 I.S.I.S. Le Filandiere - S.Vito Tagliamento. Programma di Scienze motorie e sportive svolto Anno Scolastico 2013/2014 Classe 1^D Testo consultato: IN MOVIMENTO (Scienze motorie per la scuola secondaria di secondo grado) di Fiorini-Coretti-Bocchi Parte Pratica Test motori sulle capacità coordinative e condizionali. Esercizi di andature e rapidità con la scaletta Esercizi per il potenziamento degli addominali Piccoli attrezzi: palla medica Atletica: staffetta, salto in lungo, salto in alto, corsa a ostacoli, lancio del peso, lancio del turbo-jav Giochi sportivi: calcetto, pallatamburello, pallamano (i fondamentali e le regole di gioco) Parte Teorica La flessibilità: la flessibilità attiva e passiva, gli esercizi di stretching. Come fare gli addominali L atletica leggera La teoria dell allenamento San Vito al T., 30 Maggio 2014 Gli alunni Prof. Stoico Gianluca

13 LICEO LE FILANDIERE San Vito al Tagliamento PROGRAMMA SVOLTO CLASSE PRIMA SEZ. D Docente: GIACOMO BULIANI Testo: BUENA SUERTE Pilar Sanagustìn Viu - Principali strutture grammaticali: - Articoli determinativi e indeterminativi - Sostantivi nel genere e numero - Principali sostantivi irregolari - Aggettivi qualificativi, possessivi, dimostrativi - Pronomi personali e possessivi - Pronomi interrogativi - Aggettivi numerali - I verbi al tempo Presente nelle tre coniugazioni AR/ER/IR - Verbi irregolari al tempo Presente. - Strutture tipiche della lingua spagnola: IR A+Inf. / TENER QUE- HAY QUE-DEBER QUE - I verbi SER e ESTAR e loro differenze d uso. - Il verbo ESTAR + GERUNDIO. - Le preposizioni di luogo( EN/CERCA/LEJOS etc.). - Le preposizioni POR e PARA. - Il PRETERITO PERFECTO: costruzione e uso. - Il PRETERITO INDEFINIDO: introduzione e uso. - Il lessico: Alimenti, luoghi della città e attività commerciali, la casa, l abbigliamento, il cibo. - Uso dei pronomi interrogativi nelle richieste di vario tipo. - Uso di MUY e MUCHO. - Letture integrative dal libro di testo su tematiche riguardanti la storia, la vita sociale, la tradizione artistica di Spagna e America Latina. - Visione di video finalizzata all approfondimento di lessico e strutture grammaticali ( ad esempio il video Mi querida famiglia Lang Edizioni o Bienvenido al espanol E- education Edizioni). - Durante il lettorato si sono trattati approfondimenti delle principali tematiche grammaticali e lessicali del programma attraverso l uso di esercizi da fotocopie, l ascolto di CD o la visione di video in lingua spagnola, dialoghi a coppie o in gruppo. Il docente

14 ISIS Le Filandiere S. Vito al Tagliamento (PN) Anno Scolastico 2013/2014 classe I D LIN Programma svolto di Italiano Docente: Gabriele Livan 1. COMPETENZA TESTUALE AMBITO: LA SCRITTURA Le diverse modalità di scrittura: la parafrasi, la lettera, il testo descrittivo, il testo narrativo, il riassunto, l analisi del testo in prosa, il testo espositivo, cenni al testo argomentativo, soprattutto per quel che concerne la recensione (metodi, focalizzazione sugli errori e individuazione di strategie di recupero). La paragrafazione come struttura del discorso; elementi sull uso della punteggiatura. Produzione di parafrasi, di testi descrittivi, di testi narrativi, di riassunti, di riflessioni, di analisi di testi (in prosa, con analisi di personaggi e individuazione di parole-chiave) e di recensioni, anche in forma di lettera all autore. 2. COMPETENZA LINGUISTICA AMBITO: RIFLESSIONE SULLA LINGUA Elementi di ortografia. La struttura delle parole: radice e desinenza. Le parti variabili e invariabili. Le forme delle parole: articolo, nome, aggettivo, pronome, verbo, avverbio, preposizione, congiunzione e esclamazione. 3. COMPETENZA CULTURALE E LETTERARIA AMBITO: ELEMENTI DI NARRATOLOGIA. IL TESTO NARRATIVO. LETTURE PERSONALI. L EPICA OMERICA a. Elementi di narratologia Fabula, intreccio, tempo. Sequenze: tipi di sequenze, macrosequenze. Il sistema dei personaggi: le gerarchie dei personaggi, i ruoli narrativi, i personaggi-tipo e i personaggi-individuo. Oggetto del desiderio, destinatario e destinatore. Autore e narratore. Punto di vista. Stile. Analisi di alcuni testi esemplificativi: Esopo, La volpe, il leone, il lupo F. Brown, Invasione I. Calvino, Il disegno perfetto D. Buzzati, Incontro notturno U. Console, Il finto stregone H. Böll, Leni Pfeiffer I. Svevo, Argo e il suo padrone L. Compagnone, Il mostro b. Il testo narrativo I generi della narrazione: suspence e horror Meraviglioso e strano. Fantasmi e paura. I vampiri. Il disagio irrazionale dell uomo. Le tecniche narrative. Dal fantastico alla fantascienza. E. A. Poe, Il rumore del cuore

15 G. de Maupassant, La paura W. Allen, Il conte Dracula S. Meyer, Bella e il vampiro R. L. Stevenson, Hyde in azione M. Shelley, La creatura mostruosa J. C. Haldeman II, Gli alieni R. Bradbury, Il lago Incontro con l autore: Primo Levi Come si studia un autore. La carta d identità. Lo stile e il pubblico. La poetica. Letteratura come dovere morale. I. Calvino, Perché leggere un classico. La testimonianza del Lager. L antisemitismo e la Shoah. La vita e le opere. I romanzi. Scienza e tecnologia. P. Levi, Hurbinek: un figlio di Auschwitz (da La tregua) P. Levi, L ordine a buon mercato (da Storie naturali) c. Letture integrali Pier Paolo Pasolini, Il sogno di una cosa Primo Levi, Se questo è un uomo d. L epica omerica Le origini, la questione omerica, oralità e scrittura, gli antefatti, la trama, i temi, l eroe epico, la lingua epica (epiteti e versi formulari, similitudini). Lettura e parafrasi di passi significativi dall Iliade e dall Odissea: Il proemio (Iliade I 1-52) Il litigio di Achille e Agamennone (Iliade I ) Ettore e Andromaca (Iliade VI ) La morte di Patroclo (Iliade XVI ) La morte di Ettore (Iliade XXII ) Priamo e Achille (Iliade XXIV ) Il proemio (Odissea I 1-21) Odisseo e Calipso (Odissea V ) Polifemo (Odissea IX ; , ) Le Sirene (Odissea XII ) La strage dei pretendenti (Odissea XXII 1-68) Odisseo e Penelope (Odissea XXIII , ) S. Vito al Tagliamento, 7 giugno 2014 Gabriele Livan

16 ISIS Le Filandiere S. Vito al Tagliamento (PN) Anno Scolastico 2013/2014 classe I D LIN Programma svolto di Storia e Geografia Docente: Gabriele Livan 1. ORIENTARSI NEL TEMPO, NELLE FONTI, NELLO SPAZIO Cronologia e calendari. Le fonti. Gli spazi della storia antica Darwin e la teoria dell evoluzione. Gli ominidi. Dall homo habilis al sapiens sapiens. Il Paleolitico. La rivoluzione neolitica. GEOGRAFIA: glaciazioni e diffusione dell homo sapiens; le grandi estinzioni 2. LA MESOPOTAMIA E LE PRIME CIVILTÀ DELL ORIENTE ANTICO Le civiltà mesopotamiche. La civiltà di Babilonia, gli Assiri e le altre popolazioni mesopotamiche Gli Ittiti e il concetto di indoeuropeo Gli Ebrei e il monoteismo I Persiani I Fenici e l alfabeto fonetico Gli Egizi GEOGRAFIA: i problemi dell agricoltura intensiva GEOGRAFIA: la trasformazione dell ambiente naturale: il degrado ambientale; l inquinamento GEOGRAFIA: il crescente consumo energetico: lo squilibrio energetico; la corsa finale all oro nero 3. LA GRECIA Creta, Micene e il Medioevo ellenico I poemi omerici e l etica aristocratica La II colonizzazione Ethne e anfizionie La civiltà della polis Lo sviluppo della polis: Atene e Sparta Atene: la riforma di Clistene Colonie, colonizzazione, colonialismo La democrazia ateniese e le democrazie moderne La libertà greca: le guerre persiane L età di Pericle La guerra del Peloponneso e il tramonto di Atene L insegnamento di Socrate; Tucidide, il primo vero storico; i Trenta tiranni e la restaurazione democratica ad Atene Filippo II e la fine della Grecia delle poleis Alessandro Magno e l Ellenismo GEOGRAFIA: un difficile rapporto tra uomo e ambiente; flotte e foreste 4. ROMA La fondazione di Roma; il mito di Romolo e quello di Enea La fase monarchica La res publica; patrizi e plebei; le XII tavole; la guerra giusta Magistrature ed esercito Le guerre puniche I Cartaginesi visti dagli altri La seconda guerra punica: Annibale e Scipione Roma alla conquista del Mediterraneo Il mos maiorum messo in crisi. La questione agraria nel II sec. a. C. Le riforme dei Gracchi Un homo novus: Mario L epoca di Silla Cesare e Pompeo: dal triumvirato alla guerra civile Cesare dittatore e le Idi di marzo Ottaviano e Marco Antonio La battaglia di Azio e la fine della repubblica GEOGRAFIA: la trasformazione della Pianura padana; colture specializzate e immensi pascoli; l organizzazione del territorio agricolo San Vito al Tagliamento, 7 giugno 2014 Gabriele Livan

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Liceo scientifico A. Einstein

Liceo scientifico A. Einstein Liceo scientifico A. Einstein Cervignano del Friuli CLASSE 1^ALSA PROGRAMMA DIDATTICO MODULI REALIZZATI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Prof.ssa Marilena Beltramini Anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMA

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI La Pro Loco Brignano Gera d Adda con il patrocinio dell Amministrazione Comunale in collaborazione con l Istituto Comprensivo Mastri Caravaggini organizza i seguenti Corsi formativi e creativi: AREA INFORMATICA

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGRAMMA 1^B TURISTICO

PROGRAMMA 1^B TURISTICO PROGRAMMA 1^B TURISTICO CONTENUTI DISCIPLINARI ( suddivisi in moduli e unità didattiche ): Libro di testo in adozione: Paul Radley NETWORK CONCISE Student s book & Workbook Ed. Oxford. La parte iniziale

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE PLIDA

LA CERTIFICAZIONE PLIDA PLIDA PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI a cura di Giuseppe Patota e Lucilla Pizzoli II SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI, ROMA Tuttti i diritti di copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli