Schio 20 luglio 2012 Dott. Margherita Marin

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schio 20 luglio 2012 Dott. Margherita Marin"

Transcript

1 MERCATI INTERNAZIONALI: partner e strategie. Schio 20 luglio 2012 Dott. Margherita Marin

2 Oggi parleremo di: 1. GLOBALIZZAZIONE ed INTERNAZIONALIZZAZIONE. 2. I PARTNER del processo di internazionalizzazione. 3. I SERVIZI offerti da ciascun partner. 4. Gli STEP per attuare un efficace STRATEGIA di Internazionalizzazione. 5. Difficoltà e SOLUZIONI. 6. OPPORTUNITA : Sprint, Small Business Act, Progetto Matricole, Programma straordinario di promozione del Made in Italy, etc

3 1.1 GLOBALIZZAZIONE Dalla fine degli anni 80 ha iniziato a diffondersi un fenomeno denominato GLOBALIZZAZIONE, che ha modificato radicalmente l assetto economico di tutto il mondo. Con il termine GLOBALIZZAZIONE si indica il processo di crescita progressiva delle relazioni e degli scambi a livello mondiale in diversi ambiti. Tra i numerosi effetti prodotti dalla globalizzazione vi sono: l integrazione dei mercati, ovvero l intensificarsi della circolazione dei beni all interno dei singoli Paesi; l integrazione delle strutture produttive in assetti industriali multinazionali: allo scopo di ridurre i costi di fabbricazione, il processo produttivo viene dislocato in siti industriali situati in più paesi. CONSEGUENZA: se già vent anni fa era di basilare importanza saper vendere all estero, oggi è diventato fondamentale pensare la produzione in un orizzonte planetario (cioè ovunque sia conveniente farlo).

4 1.2 INTERNAZIONALIZZAZIONE In uno scenario economico così mutato, da un lato è favorito l'aumento della concorrenza, anche nei settori di tradizionale specializzazione italiana, dall'altro nascono opportunità di intervento in nuove aree dove la domanda è in continuo sviluppo o dove i costi di produzione sono allettanti. Le imprese che vogliono competere in questo contesto devono dotarsi di: Il processo di INTERNAZIONALIZZAZIONE impone che l azienda abbia bisogno di essere informata, consigliata ed assistita da esperti in tutte le fasi che precedono, esse sono concomitanti e seguono l attuazione di qualsiasi investimento. Elasticità nell assetto dei fattori produttivi, non ultimo quello finanziario; Velocità di reazione rispetto ai vantaggi comparati tra i vari Paesi; Per le PMI Italiane ciò è possibile se si liberano dal loro individualismo ed affrontando queste nuove sfide con iniziative aggregate nelle vendite, negli acquisti e negli investimenti (ad es. reti di Imprese).

5 1.3 INTERNAZIONALIZZAZIONE Per superare gli ostacoli informativi, legislativi ed operativi che s incontrano in un contesto internazionale, Le Istituzioni Italiane Gli Istituti di Credito ed Assicurativi Le Associazioni di categoria Unioncamere, etc. hanno creato delle strutture Partner e dei servizi su misura che agevolano le PMI.

6 2.1 PARTNER SIMEST:la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese italiane all'estero, controllata dal Governo Italiano che detiene il 76% del pacchetto azionario, ed è partecipata da banche, associazioni imprenditoriali e di categoria. ICE: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, sottoposto ai poteri di indirizzo e vigilanza del Ministero dello sviluppo economico, del Ministero degli affari esteri e del Ministero dell'economia e delle finanze. SACE: gruppo assicurativo-finanziario attivo nell export credit, nell assicurazione del credito, nella protezione degli investimenti, nelle garanzie finanziarie, nelle cauzioni e nel factoring. VENETO INNOVAZIONE: l agenzia in house della Regione del Veneto istituita con l obiettivo di promuovere e sviluppare la ricerca applicata e l innovazione all interno del sistema produttivo veneto.

7 2.2 SIMEST Simest è stata istituita con la Legge n. 100 del 24/4/1990, come società per azioni, controllata dal ministero del Commercio con l'estero (ora ministero Attività Produttive) e partecipata da banche, imprese e associazioni imprenditoriali. Gli interventi di Simest, per quanto concerne gli investimenti, riguardano prevalentemente quei paesi che hanno adottato normative di salvaguardia degli investimenti esteri o che sono firmatari di accordi con il Governo italiano o con organizzazioni internazionali destinate alla protezione degli investimenti esteri, del loro disinvestimento e del trasferimento degli utili. Simest interviene soprattutto a favore delle piccole e medie imprese, ma può partecipare anche in imprese di grandi dimensioni per iniziative di particolare interesse nazionale. Dal 1 gennaio 1999, SIMEST è chiamata a gestire tutte le agevolazioni pubbliche destinate a sostenere le esportazioni italiane, gli investimenti all'estero, la presenza commerciale all'estero e la partecipazione italiana a gare internazionali.

8 2.3 SIMEST Il D.Lgs. 143/98 ha dato la gestione a Simest dei seguenti strumenti: agevolazione dei crediti all'esportazione, ai sensi del D.Lgs. 143/98, capo secondo (ex Legge 227/77 - Legge Ossola); agevolazioni per gli investimenti in società o imprese all'estero (al di fuori della UE) ai sensi della Legge 100/90; finanziamento agevolato di programmi di penetrazione commerciale all'estero (al di fuori della UE) ai sensi della Legge 394/81; finanziamento agevolato delle spese di partecipazione a gare internazionali (al di fuori della UE) ai sensi della Legge 304/90; finanziamenti agevolati delle spese relative a studi di prefattibilità e fattibilità connessi all'aggiudicazione di commesse all'estero, nonché delle spese relative a programmi di assistenza tecnica e studi di fattibilità collegati alle esportazioni e agli investimenti italiani all'estero (al di fuori della UE) ai sensi dell'articolo 22, comma 5, del D.Lgs. 143/98 - D.M. 136/2000. La SIMEST può quindi: partecipare fino al 25% del capitale (rispetto al 15% originariamente previsto) delle società estere partecipate dalle imprese italiane al di fuori della U.E. ; concedere finanziamenti alle imprese estere partecipate, anche nell'ambito di operazioni di cofinanziamento con istituti internazionali, fino al 25% dell'impegno finanziario previsto dal programma economico della società estera; partecipare a joint ventures e a investimenti all'estero con capitale totalmente italiano o di imprese aventi stabile organizzazione in un altro Paese dell'unione Europea e controllate da imprese italiane; partecipare a società italiane ed estere che abbiano finalità strumentali alla promozione e allo sviluppo di iniziative di investimento e di collaborazione commerciale e industriale all'estero, come società finanziarie, assicurative, di leasing e di factoring.

9 2.4 SIMEST I CRITERI adottati da SIMEST per la selezione delle imprese beneficiarie sono: affidabilità ed esperienza dell'operatore italiano e del partner locale quando previsto; validità delle tecnologie previste dal progetto; qualità dei prodotti/servizi e prospettive di mercato; adeguato apporto di mezzi propri a copertura degli investimenti lordi; riflessi dell'iniziativa su bilancia dei pagamenti, occupazione, utilizzazione di risorse locali del paese destinatario; idonea redditività attesa dell'iniziativa. La partecipazione italiana nell'investimento all'estero deve preferibilmente configurare: una presenza significativa nel capitale di rischio e nella gestione aziendale; l'apporto del management e di programmi di formazione del personale chiave. Analogamente, l'eventuale partecipazione estera dovrà prevedere l'apporto di: una quota adeguata di mezzi propri; un efficace contributo all'operatività aziendale (messa a disposizione di immobili ed impianti; fornitura di materie prime, semilavorati, servizi industriali; commercializzazione locale; gestione di pratiche amministrative).

10 2.5 SIMEST: un esempio di AGEVOLAZIONE DEI CREDITI ALL'ESPORTAZIONE (DECRETO LEGISLATIVO 143/98, ex L. 227/77) A cosa serve? L'agevolazione consente alle imprese esportatrici italiane di offrire agli acquirenti/committenti esteri dilazioni di pagamento a medio/lungo termine a condizioni e tassi di interesse competitivi, in linea con quelli offerti da concorrenti di paesi OCSE. L'intervento è nella forma del contributo agli interessi su finanziamenti concessi da banche italiane o estere. Esportazioni agevolabili? Forniture di macchinari, impianti, studi, progettazioni, lavori e servizi, nonché semilavorati o beni intermedi destinati in via esclusiva ad essere integrati in beni di investimento. Verso quali paesi? Senza limitazioni Forma di intervento? Contributi agli interessi su finanziamenti concessi da banche italiane o estere. Finanziamenti ammissibili? Il finanziamento può essere denominato in Euro ed in tutte le principali valute e può essere concesso dalla banca all impresa italiana esportatrice a fronte del credito da questa accordato all acquirente estero (credito fornitore) o direttamente alla controparte estera (credito acquirente o finanziario). Il finanziamento deve essere comunque denominato nella stessa valuta di denominazione del contratto di fornitura. Ai fini dell ammissibilità, la garanzia assicurativa della SACE non è obbligatoria. Importo agevolabile del finanziamento: Copre al massimo l 85% dell importo della fornitura; una quota pari ad almeno il 15% deve essere pagata dall acquirente per contanti. Durata del credito all esportazione? Uguale o superiore a 24 mesi dal "punto di partenza del credito" (spedizione/consegna o, nel caso di impianti "chiavi in mano", collaudo preliminare). La durata massima è determinata in base agli accordi internazionali (Consensus), in relazione alla categoria del paese ed alle tipologie di operazioni. Altre informazioni in

11 2.6 ICE L'ICE è l Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - attualmente in gestione transitoria - è stata istituita dalla Legge 22 dicembre 2011 n. 214 come ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, sottoposto ai poteri di indirizzo e vigilanza del Ministero dello sviluppo economico che li esercita sentiti, per le materie di rispettiva competenza, il Ministero degli affari esteri ed il Ministero dell'economia e delle finanze. L'Agenzia ha il compito di sviluppare, agevolare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l'estero, con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti (RETI). L'ICE opera al fine di sviluppare l'internazionalizzazione delle imprese italiane, nonché la commercializzazione dei beni e servizi italiani nei mercati internazionali, e di promuovere l'immagine del prodotto italiano nel mondo. L'Agenzia svolge le attività utili al perseguimento dei compiti ad essa affidati e, in particolare, offre servizi di INFORMAZIONE, ASSISTENZA E CONSULENZA alle imprese italiane che operano nel commercio internazionale e promuove la cooperazione nei settori industriale, agricolo e agro-alimentare, della distribuzione e del terziario, al fine di incrementare la presenza delle imprese italiane sui mercati internazionali. I servizi offerti da ICE possono essere gratuiti o su preventivo.

12 2.7 ICE: servizi gratuiti SERVIZI GRATUITI: sono consultabili sul sito previa iscrizione gratuita all Export Club INFORMAZIONI GENERALI E DI PRIMO ORIENTAMENTO: Informazioni generali e di primo orientamento sulle possibilità di accesso al mercato prima di investire in analisi di mercato più specifiche. GUIDE AL MERCATO: Sono uno strumento informativo di facile consultazione e di primo orientamento sulle caratteristiche dei mercati e sulle opportunità per il Made in Italy. Contengono informazioni sul quadro economico generale, sul rischio Paese, sull interscambio commerciale ed i flussi di investimento, sulla normativa doganale, fiscale e societaria ed un analisi delle opportunità per i prodotti italiani con l indicazione dei settori promettenti in ogni mercato. SCHEDE PRODOTTO: Analisi statistiche e sintesi grafiche che consentono di evidenziare nel contesto internazionale i mercati dinamici, i mercati incerti ed i mercati meno dinamici, per oltre 200 prodotti. Le schede, scaricabili anche in formato Excel, contengono informazioni dettagliate sulla domanda e la concorrenza internazionale per i prodotti di interesse.

13 2.8 ICE: servizi gratuiti BIBLIOTECA DI COMMERCIO ESTERO: Ricerca su uno schedario titoli di circa volumi e periodici, italiani ed esteri, sul commercio internazionale. Il materiale è consultabile presso la Biblioteca dell ICE della Sede di Roma. GARE INTERNAZIONALI: Informazioni sintetiche sulle gare internazionali, interrogabili sia per settore che per Paese, con una sintesi dei bandi ed i riferimenti utili alla richiesta del capitolato d appalto e la presentazione dell offerta. Notizie sulle aggiudicazioni (se disponibili), utili per eventuali contratti di subfornitura. Le informazioni sono raccolte e immesse nel sistema in collaborazione con la rete del Ministero degli Affari Esteri e di Assocamerestero. E disponibile un servizio di aggiornamento automatico via . FINANZIAMENTI INTERNAZIONALI: La Banca Dati Finanziamenti fornisce informazioni sintetiche sui progetti di finanziamento dei principali organismi internazionali suddivisi per Paese beneficiario e per settore, per seguire il ciclo di vita e gli stadi di avanzamento di ciascun progetto. E disponibile un servizio di aggiornamento automatico via .

14 2.9 ICE: servizi gratuiti ANTEPRIMA GRANDI PROGETTI : Segnalazione delle opportunità di partecipazione ad iniziative ed attività, prima che queste si concretizzino in gare e progetti di finanziamento. Le informazioni sono suddivise per paesi e settori, con indicazione delle fonti per eventuali approfondimenti. Le informazioni sono raccolte e immesse nel sistema in collaborazione con la rete del Ministero degli Affari Esteri e di Assocamerestero. E disponibile un servizio di aggiornamento automatico via . INIZIATIVE PROMOZIONALI NEL MONDO: Elenco delle attività previste dal programma promozionale. Per ogni iniziativa vengono fornite informazioni sullo stato di avanzamento, sulle modalità di partecipazione e sui risultati conseguiti nelle edizioni precedenti. RICERCA PROFESSIONISTI LOCALI: Selezione e conferma sulla disponibilità di professionisti locali (interpreti, traduttori, avvocati, commercialisti, tecnici, consulenti, organizzazioni specializzate, società di certificazione, studi tecnici, ecc.) ed eventuale organizzazione del primo appuntamento. PUBBLICAZIONI SETTORIALI : Pubblicazioni settoriali e monografiche di tipo macroeconomico e su mercati, prodotti, normative e aspetti legislativi.

15 2.10 ICE: servizi gratuiti STATISTICHE DI PRIMA INFORMAZIONE : Elaborazioni statistiche predefinite relative a dati macroeconomici e d interscambio dell Italia, per paesi e settori.e disponibile l aggiornamento automatico via . STATISTICHE SELEZIONABILI A MENU: Il servizio permette di selezionare una serie di tavole statistiche predefinite, per analizzare il posizionamento competitivo dell Italia rispetto ai principali concorrenti nei diversi mercati, con livelli di disaggregazione per settore, prodotto ed area geografica. OPPORTUNITA COMMERCIALI : Permette di conoscere tempestivamente le occasioni di business con l estero (esportazioni e importazioni di merci e servizi, segnalazioni di collaborazione industriale e di investimento) trasmesse quotidianamente dalla rete degli Uffici dell Istituto, anche con aggiornamento via per paesi e settori di interesse. NOTIZIE ITALIA/ESTERO: Notiziario telematico quotidiano con informazioni economiche e commerciali, notizie sulla concorrenza internazionale, sulle novità dei mercati esteri e sugli aspetti normativi, doganali, fiscali e tecnici. E disponibile l aggiornamento automatico via per ricevere le notizie sui paesi e settori di interesse.

16 2.11 ICE: servizi su preventivo SERVIZI SPECIALIZZATI E PERSONALIZZATI: Sono a pagamento e forniti (dietro richiesta) dagli Uffici in Italia e all estero. Occorre inviare la richiesta direttamente all Ufficio del Paese cui si è interessati. I preventivi sono gratuiti. Per il pagamento del servizio sarà emessa una fattura dalla Sede di Roma. I prezzi dei Servizi Personalizzati sono stabiliti sulla base di parametri di giornate/uomo, secondo i seguenti tre gruppi di uffici: 1) 260,00 giornata/uomo: Algeri, Almaty, Amman, Baku, Bangkok, Beirut, Belgrado, Bratislava, Bucarest, Budapest, Calcutta, Canton, Casablanca, Dakar, Damasco, Giacarta, Hochiminh City, Il Cairo, Istanbul, Johannesburg, Karachi, Kiev, Kuala Lumpur, Lima, Manila, Mosca, Bombay-Mumbai, New Delhi, Novosibirsk, Pechino, Praga, Riga, San Pietroburgo, Sarajevo, Seoul, Shanghai, Sofia, Taipei, Tallinn, Tashkent, Teheran, Tirana, Tripoli, Tunisi, Varsavia,Vilnius, Zagabria. 2) 300,00 giornata/uomo: Amsterdam, Atene, Buenos Aires, Caracas, Città del Messico, Dubai, Dublino, Helsinki, Hong Kong, Kuwait, Lisbona, Lubiana, Madrid, Montevideo, Montreal, Riyad, San Paolo, Santiago, Singapore, Skopje, Sydney, Tel Aviv, Toronto. 3) 360,00 giornata/uomo: Atlanta, Berlino, Bruxelles, Chicago, Copenhagen, Düsseldorf, Houston, Londra, Los Angeles, Miami, New York, Osaka, Oslo, Parigi, Stoccolma, Tokyo, Vienna e Uffici ICE della Rete Italia

17 2.12 ICE: servizi su preventivo STATISTICHE PERSONALIZZATE: Elaborazioni statistiche realizzate per specifiche esigenze dall Area Studi della Sede di Roma. STATISTICHE DI FONTE ESTERA:Elaborazioni statistiche di fonte locale fornite dagli uffici della Rete estera. RICERCHE DI MERCATO PERSONALIZZATE: Sono strutturate sulle esigenze del cliente, per valutare le concrete possibilità di introduzione del prodotto nei singoli mercati. INFORMAZIONI DOGANALI, FISCALI E TECNICHE[ Standard: 50,00 - Personalizzate: su preventivo ]: Informazioni e normative relative a trasporti, imballaggi, regime di marchi, brevetti e normative doganali, fiscali, valutarie, tecniche e altro. INFORMAZIONI CONTRATTUALI[ Standard: 50,00 - Personalizzate: su preventivo ]: Informazioni su normative ed eventuali usi locali in materia di contratti di compravendita, di agenzia e di rappresentanza, leasing, franchising, arbitrato.

18 2.13 ICE: servizi su preventivo DISCIPLINA DEL LAVORO E DEGLI INVESTIMENTI[ Standard: 50,00 - Personalizzate: su preventivo ]: Informazioni necessarie a valutare le ipotesi di investimento diretto all estero. NOMINATIVI DI OPERATORI ECONOMICI ESTERI: Elenchi di nominativi selezionati in base alle richieste. Il servizio garantisce l accuratezza della parte anagrafica, del settore merceologico e dell attività svolta ma non l interesse degli operatori locali ad intraprendere relazioni d affari. ELENCO SEMPLICE DI CONTATTI (*) [ 55,00 ]: Elenco (massimo 15) di importatori, agenti, trading companies, potenziali partner commerciali ed industriali relativi al settore indicato. ELENCO A MAGGIOR DETTAGLIO MERCEOLOGICO (*)[ 130,00 ]:I nominativi (massimo 15) sono selezionati sulla base dello specifico segmento di mercato di interesse dell azienda richiedente. (*) Questi elenchi preconfezionati di contatti non sono disponibili per tutti i paesi e/o prodotti, in tali casi sarà quindi proposto un Elenco di contatti personalizzato

19 2.14 ICE: servizi su preventivo ELENCO DI CONTATTI PERSONALIZZATO: I nominativi sono selezionati e forniti in base alle specifiche e personali esigenze dell azienda richiedente e mediante un accurata ricerca e selezione da parte degli Uffici ICE. RICERCA CLIENTI E PARTNER ESTERI: Il servizio si compone delle seguenti attività: selezione di un elenco di imprese locali potenzialmente interessate; invio di documentazione e/o campioni, forniti dal richiedente, alle imprese selezionate, con lettera di accompagnamento dell Ufficio ICE ed eventuale questionario, conformemente agli usi locali; follow-up telefonico per verificare l avvenuto ricevimento del materiale inviato e per riscontrare l interesse all offerta; relazione finale sui risultati. ORGANIZZAZIONE INCONTRI D AFFARI: Organizzazione di incontri sia con partner economici selezionati dagli Uffici della Rete estera sia con operatori segnalati dai clienti. INFORMAZIONI RISERVATE SU IMPRESE ESTERE: Possono essere richieste, per valutare l affidabilità dei potenziali partner, agli Uffici della Rete Italia ed estera. I prezzi variano in relazione al Paese: Unione Europea, Andorra, Liechtenstein, Monaco, Norvegia, Svizzera, USA e Canada [ 100,00 ]; Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Turchia e Islanda[ 125,00 ]; Resto del mondo [ 155,00 ]. Sono previsti dei supplementi per le richieste urgenti.

20 2.15 SACE SACE è un gruppo assicurativo-finanziario attivo nell export credit, nell assicurazione del credito, nella protezione degli investimenti, nelle garanzie finanziarie, nelle cauzioni e nel factoring. Il Gruppo sostiene la crescita di oltre 25 mila imprese in più di 180 paesi, garantendo flussi di cassa più stabili e trasformando i rischi di insolvenza in opportunità di sviluppo. SACE assicura contro i seguenti rischi di: Credito, connesso al mancato pagamento parziale o totale del debitore; Mancata o ritardata restituzione parziale o totale delle cauzioni, depositi o anticipazioni; Escussione delle fidejussioni previste per concorrere ad aste e appalti, a fronte di pagamenti anticipati a garanzia di buona esecuzione del contratto; Produzione, per impossibilità di eseguire le prestazioni contrattuali; Requisizione, confisca o comportamento arbitrario da parte dello Stato estero; Distruzione o danneggiamento di beni connessi all operazione assicurata; Investimento all estero a cui è esposto l operatore nazionale nel caso in cui costituisca, partecipi o controlli un impresa estera. Gli eventi generatori di sinistro considerati da SACE possono essere di natura politica o commerciale.

21 2.16 SACE Tra i servizi offerti da SACE ci sono: POLIZZA CREDITO FORNITORE: garantisce le esportazioni singole contro il rischio di mancato pagamento del credito per eventi di natura politica e commerciali senza limiti di importo. Se la singola transazione è destinata verso un paese UE o alcuni paesi OCSE, la dilazione del credito deve essere pari o superiore ai 24 mesi. Per il resto del mondo non sono previste soglie minime di dilazione. In presenza di effetti cambiari la polizza permette inoltre la monetizzazione pro soluto dei crediti assicurati attraverso una operazione di sconto, con trasferimento (voltura) della polizza stessa alla banca o altro intermediario finanziario scontante. Per contratti di importo non superiore a 5 milioni la polizza è disponibile anche online. Questo servizio è dedicato ad imprese italiane ed in particolare a PMI che esportano merci e erogano servizi all estero.

22 2.17 SACE POLIZZA PLUS ONE: assicura il rischio di: -mancato pagamento del credito per eventi di natura politica e commerciale -mancato recupero dei costi di approntamento della fornitura per revoca della commessa -indebita escussione delle fideiussioni -distribuzione, danneggiamento, requisizione e confisca dei beni esportati temporaneamente POLIZZA BASIC: versione semplificata della Polizza credito fornitore, garantisce le esportazioni singole di importo non superiore a 500mila, regolate con dilazione fino a 6 mesi. POLIZZA LAVORI: assicura l impresa, impegnata in lavori civili o nella realizzazione di forniture con posa in opera all estero, contro i rischi di revoca del contratto e/o mancato pagamento che potrebbero verificarsi nel corso di esecuzione della commessa a seguito di eventi di natura politica e/o commerciale, attraverso la copertura di un massimale indicato dall assicurato.

23 2.18 SACE POLIZZA MULTIMARKET GLOBALE: permette di assicurare i crediti dal rischio di mancato pagamento per eventi di natura commerciale e politica. E lo strumento adatto a chi opera in Italia e all estero concedendo ai clienti dilazioni di pagamento fino a 12 mesi. POLIZZA MULTIEXPORT ONLINE: permette di assicurare transazione ripetute verso uno o più clienti/debitori con dilazioni di pagamento inferiori a 12 mesi, attraverso la semplice compilazione online di un modulo di richiesta. GARANZIA FINANZIARIA/POLIZZA CREDITO ACQUIRENTE: garantisce i finanziamenti concessi dalla tua banca ai tuoi clienti, nell ambito di transazioni che vedono coinvolte la tua azienda o le tue controllate estere in qualità di esportatore, investitore, acquirente. POLIZZA CONFERME DI CREDITO DOCUMENTARIO: consente alla tua banca di garantirsi dal rischio di mancato rimborso della banca estera che emette la lettera di credito. GARANZIE PER APPALTI

24 2.19 SACE POLIZZA FIDEJUSSIONI ONLINE: consente di coprire fino al 70% dell ammontare complessivo delle garanzie contrattuali emesse. GARANZIE PER RISCHI DELLA COSTRUZIONE GARANZIE PER DIRITTI DOGANALI GARANZIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI: sostiene l impresa nei processi di crescita sui mercati esteri, garantendo finanziamenti erogati da banche convenzionate. GARANZIA FINANZIARIA SUGLI INVESTIMENTI: garantisce finanziamenti erogati all impresa per investimenti esteri o in Italia, se di rilevanza strategica per il Paese (es. energie rinnovabili).

25 2.20 VENETO INNOVAZIONE Veneto Innovazione Spa è l agenzia in house della Regione del Veneto ed è stata istituita con la legge regionale del 6 settembre 1988 n.45, con l obiettivo di promuovere e sviluppare la ricerca applicata e l innovazione all interno del sistema produttivo veneto, con particolare attenzione alle piccole e medie imprese orientate a perseguire un accentuato livello tecnologico, un miglioramento della situazione ambientale e la qualificazione delle risorse umane. L attività dell agenzia regionale per la diffusione dell innovazione si sviluppa attraverso tre azioni: 1. Sostegno alla ricerca applicata 2. Sostegno all innovazione 3. Sostegno al trasferimento tecnologico Veneto Innovazione si sta occupando inoltre del BANDO PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DI CONTRATTI DI RETE TRA MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE

26 2.21 VENETO INNOVAZIONE Tra i numerosi progetti promossi da Veneto Innovazione vi sono: PROGETTO KNOWMAN: Veneto Innovazione partecipa al progetto europeo, KNOW- MAN, finanziato nell ambito del programma INTERREG IVC per promuovere lo sviluppo regionale stimolando la cooperazione a tripla elica tra R&S, imprese e amministrazioni regionali. PERIA: Le Agenzie Regionali per l Innovazione presenti in numerose Regioni europee nascono con la mission di aiutare a supportare la crescita delle imprese attraverso progetti innovativi, lo sviluppo di un ambiente innovation-friendly e il miglioramento dei servizi e dei network innovativi della Regione. PERIA è un progetto europeo di cooperazione tra queste agenzie e le autorità Regionali europee con lo scopo di condividere esperienze e metodologie riguardanti servizi e politiche per l innovazione, oltre che conoscenze nel campo della gestione dei sistemi innovativi regionali.

27 MINI EUROPE: 2.22 VENETO INNOVAZIONE progetto INTERREG MINI EUROPE mira a fornire un importante supporto alla performance economica regionale, sostenendo l'innovazione e il conseguimento di una crescita economica delle PMI. Il progetto coinvolge, oltre alla Regione del Veneto, altri sette partner:la Regione di Flevoland (Olanda), il distretto di Tameside (Gran Bretagna), la regione di Ésak-Alföld (Ungheria), il distretto di Maramures (Romania), la regione dello Jämtland (Svezia), la città di Valencia (Spagna) e la regione della Grecia occidentale. MINI EUROPE si propone di analizzare le buone pratiche in grado di rafforzare le infrastrutture regionali a sostegno dello sviluppo delle PMI esistenti nelle Regioni partner catalogandole, cercando nel contempo di svilupparne di nuove.

28 2.23 VENETO INNOVAZIONE ATTIVITA INTERNAZIONALI: In quest area le attività di Veneto Innovazione possono essere schematizzate come segue: Screening delle opportunità di cooperazione a livello nazionale e internazionale; Scambio di conoscenza con centri di ricerca stranieri, settore pubblico (per le forniture e le gare d'appalto su tecnologia), grandi aziende, imprese, consorzi, etc.; Organizzazione di visite e missioni incoming e outgoing; fund raising: ricerca di fondi private e pubblici per il sostegno di attività e progetti; Formazione: programmazione e sviluppo di moduli formativi sulla gestione dell innovazione, il trasferimento di conoscenza e i fondi europei; Promozione del sistema di innovazione: l'accreditamento istituzionale ai partner tecnologici, enti di standardizzazione, centri di ricerca locali e promozione attraverso la partecipazione a eventi, convegni, incontri B2B.

29 3.1 STRATEGIA: posizionarsi all estero Gli STEP per attuare un efficace STRATEGIA di Internazionalizzazione della PRODUZIONE sono: a) ANALISI DI MERCATO b) INVIO DI MANAGER c) OUTSOURCING d) UFFICIO DI RAPPRESENTANZA e) TRADING COMPANY f) INVESTIMENTO PRODUTTIVO

30 3.2 - a) ANALISI DI MERCATO Il primo passo per una corretta strategia di INTERNAZIONALIZZAZIONE sia per progetti commerciali che produttivi, è uno studio di mercato dettagliato, finalizzato a scoprire: le caratteristiche del mercato target; E opportuno che le analisi di mercato siano svolte da professionisti che preferibilmente raccolgano i dati sul campo e non si limitino dunque alla semplice elaborazione di informazioni tratte da internet. le caratteristiche del settore economico di riferimento, l individuazione della concorrenza locale e internazionale, l ubicazione dei mercati di approvvigionamento, tutti gli altri elementi che concorrono ad attuare la strategia aziendale di posizionamento.

31 3.3 - b) INVIO DI UN MANAGER La seconda fase può prevedere l invio di un manager aziendale nel paese d interesse, che dovrà verificare le possibilità di realizzazione del progetto commerciale o industriale. Alcune società di consulenza offrono la possibilità di ospitare il manager all interno della loro sede ( in appositi spazi dotati di pc, telefono, fax e servizio di segreteria), il che facilita l ingresso nelle dinamiche del paese a livello sia professionale che personale. Il mandato esplorativo del manager va quindi ad inserirsi nel programma condiviso con la società di consulenza. Il manager rimarrà nel paese fino a quando avrà raccolto sufficienti indicazioni, cosicché al suo ritorno l azienda sia in grado di valutare adeguatamente gli investimenti da compiere.

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa 3 aprile 2014 INDICE Premessa

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Introduzione alle nuove direttive comunitarie in tema di appalti e concessioni e al loro recepimento in Italia

Introduzione alle nuove direttive comunitarie in tema di appalti e concessioni e al loro recepimento in Italia Introduzione alle nuove direttive comunitarie in tema di appalti e concessioni e al loro recepimento in Italia Avv. Marco Iannacci Dipartimento di Diritto Amministrativo e degli Appalti Pubblici Convegno

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli