Il brand come nuovo indicatore economico: Il Modello ibrido

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il brand come nuovo indicatore economico: Il Modello ibrido"

Transcript

1 Il brand come nuovo indicatore economico: Il Modello ibrido

2 Il modello ibrido: cos è? Uno strumento u7le alle imprese per esplorare un nuovo mercato. U7lizzo di strategie generalmente riferite al mercato di produzione per operare con maggior profi>o in un area specifica del mercato finanziario. Il brand ha una nuova funzione: veicolare le scelte di inves7tori inesper7.

3 Le 3 colonne portan7 del modello ibrido MERCATO IBRIDO ü Il mercato di riferimento è una nuova area (inesplorata) del sistema finanziario INVESTITORE IBRIDO ü Si tra>a di un piccolo inves7tore con una marcata indole da consumatore PRODOTTO IBRIDO ü Strumen7 finanziari che vengono tra>a7 come normali prodoe di consumo

4 Prima di procedere.finanziarizzazione: Un male necessario? Cos è la Finanziarizzazione di un impresa? Ce lo spiega Luciano Gallino Perché le imprese prediligono questa filosofia al classico processo produevo? La finanziarizzazione è complementare al processo produevo, non può sos7tuirsi ad esso! Processo produevo [D- M- D1] (Marx) Finanziarizzazione [D- D1] Nonostante Il business finanziario sia diventato il core di molte imprese non esistono ancora strategie esplicitamente rivolte ai piccoli inves7tori

5 3 macro aree di indagine Studio dei due a>ori protagonis7 del modello ibrido: Il brand ed il mercato finanziario. Sviluppo teorico del modello e proposte strategiche Case studies e possibili limi7 applica7vi

6 I Gli a>ori principali ed i principi regolatori

7 I Gli a>ori Studio del brand con riferimento al ruolo svolto nel mercato dei beni di consumo: l illogicità dei consumatori. Analisi stru>urale del mercato finanziario: principio di iper- razionalità degli inves7tori.

8 Il brand: Principio di illogicità Il brand diventa per i consumatori una discriminante capace di condizionare profondamente il processo di scelta. La creazione di un legame affeevo con la marca rende gli individui parzialmente incapaci di valutare razionalmente le cara>eris7che dei prodoe. Legarsi ad un brand vuol dire manifestare un certo s7le di vita. Il sogno dei vostri clienti è una vita migliore e più felice. Non muovere prodotti, arricchisci le loro vite Steve Jobs

9 Sistema finanziario: Principio di iper- razionalità Il funzionamento dei merca7 finanziari si basa su valutazioni pienamente razionali Non esiste il fa>ore discrezionale nelle scelte di inves7mento come invece accade per le scelte di consumo Gli indicatori macro e microeconomici sono gli unici pun7 di riferimento ritenu7 affidabili Almeno finora..

10 CRASI Il nostro scopo sarà quello di creare una commis7one tra due realtà economiche apparentemente inconciliabili: area finanziaria e logiche di brand Ma come?

11 II SVILUPPO TEORICO DEL MODELLO IBRIDO

12 II Sviluppo teorico del modello ibrido Mercato azionario come area di competenza ideale per il modello in virtù delle analogie tra 7toli azionari e prodoe di consumo. Il punto di partenza per lo sviluppo del modello è stato individuato nella teoria della razionalità limitata di Herbert Simon Proposta di strategie prese in pres7to dal mercato di produzione per Incrementare il bacino di inves7tori facendo leva sulla loro natura di consumatori

13 II Sviluppo teorico del modello ibrido Perché il mercato azionario? ü Analogie tra i 7toli azionari e prodoe di consumo ü In quest area finanziaria risulta più semplice creare un associazione tra strumento finanziario e brand ü Maggior concentrazione di inves7tori inesper7. La compravendita di 7toli azionari si profila come il passaggio necessario per poter passare successivamente ad altri strumen7 più complessi

14 II Sviluppo teorico del modello ibrido Teoria della razionalità limitata come punto di partenza ü Gli individui sono incapaci di operare scelte in maniera totalmente razionale ü Non si o>errà mai la massima u7lità da una propria scelta ma si tenderà ad optare per la soluzione più soddisfacente ü La teoria viene u7lizzata spesso per descrivere l irrazionalità che cara>erizza il processo decisionale dei consumatori ü Simon parlava dell individuo in tu>e le situazioni di scelta, di conseguenza anche le scelte di inves7mento sono non totalmente razionali e quindi influenzabili

15 II Sviluppo teorico del modello ibrido Gli approcci strategici suggeri7 dal modello ibrido si ispirano apertamente alle strategie u7lizzate per persuadere i consumatori nel mercato di produzione ü Comunicazione commerciale in luogo della semplice offerta di inves7mento (quale linguaggio?) ü Is7tuzione di fondi comuni brandizzac che operino però in maniera neutrale ü Servizi di consulenza finanziaria gratuita per inves7tori inesper7: fidelizzare l inves7tore ü Creazione o finanziamento dire>o di pia>aforme di trading online: creare un e- store di 7toli azionari ü CASO (paradosso) FINCANTIERI: un applicazione parziale del modello

16 III CONDIZIONI FONDAMENTALI PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO I CASI PARMALAT ED ETORO LIMITI APPLICATIVI E QUESTIONE ETICA

17 III Condizioni fondamentali per l applicazione del modello ibrido Sono state individuate 2 condizioni fondamentali ü Apertura da parte delle imprese verso il modello ibrido ü Apertura da parte degli inves7tori alle sollecitazioni operate dalle strategie del modello ibrido: possono gli inves7tori essere sensibili alle sollecitazioni al pari dei consumatori?

18 III La pia>aforma di trading online ETORO ü Conosciuto anche con l acronimo di TOL è una pra7ca regolamentata dal 1999 Dal Nuovo regolamento CONSOB di afuazione del testo unico dei mercac finanziari ü La compravendita (trading) di strumen7 finanziari online è una pra7ca sempre più diffusa in virtù dei bassi cos7 di commissione e della facilità di accesso anche per inves7tori inesper7 ü La stru>ura del sito differisce dalle altre pia>aforme di trading online e presenta non poche similitudini con alcuni tra i più famosi social network ü ETORO offre possibilità su misura per gli inves7tori meno esper7: lezioni di economia finanziaria gratuite e copy trading

19 ETORO La ricerca: metodologia di campionamento Sistema di campionamento a valanga 250 individui nel campione preliminare ridoe a 190 per incompa7bilità di requisi7 Requisi7 necessari per far parte del campione: ü Esperienza minima nel se>ore finanziario ü Capacità di inves7mento rido>a ü Interesse per i 7toli azionari ü Assenza di nozioni teoriche di economia finanziaria

20 ETORO La ricerca: una svolta inaspe>ata ü Campione preliminare composto da 250 individui di cui solo 190 sono risulta7 idonei agli standard dell inves7tore ideale per il modello ibrido ü Una svolta inaspe>ata: In principio la ricerca serviva per individuare gli indicatori economici maggiormente consulta7 per le proprie scelte di inves7mento ma in seguito ad un analisi preliminare sui primi 150 ques7onari res7tui7 non figurava alcun indicatore tra i criteri u7lizza7 per operare le proprie scelte di inves7mento Categoria 1 Altro Indicatore economico ques7onari non validi

21 ETORO: La ricerca: rappresentazione dei da7 In seguito alla consegna di tue i ques7onari i da7 sono così rappresenta7: ü Dei 100 ques7onari valuta7 nell analisi preliminare (con risposta altro ) il 70% dichiara indire>amente di subire l influenza del brand nelle sue scelte di inves7mento ü Il brand influenza le scelte di altri 25 soggee i cui ques7onari sono sta7 consegna7 nelle trance successive ü Su 190 ques7onari validi ben 95 dichiarano di operare scelte basandosi su logiche estranee al sistema finanziario 100 brand ü LA PRIMA CONDIZIONE E STATA 80 SODDISFATTA 60 non validi Categoria 1 indicatori economici

22 Crac Parmalat: I fae ü Il più grave disastro finanziario, di matrice fraudolenta, degli ul7mi 50 anni ü Tanzi, Tonna ed altri 50 collaboratori riescono a creare denaro inesistente mediante la contrazione di debito presso is7tu7 bancari, presumibilmente collusi ü I piccoli inves7tori, ignari, affidavano i propri risparmi alla Mul7nazionale del la>e con sede a Collecchio (PA) ü Allo scoppio della bolla specula7va milioni di 7toli sono evapora7 nelle mani dei piccoli risparmiatori lasciandoli sul lastrico ü Capire che i 7toli azionari ed obbligazionari erano privi di valore sarebbe stato semplice in virtù delle troppe incongruenze riscontrabili nei con7 della società

23 Crac Parmalat: Un esempio di strategia ibrida? ü Il caso Parmalat dimostra come le imprese possano senza problemi e senza alcuno scrupolo applicare le strategie del modello ibrido ü Tanzi&co hanno distribuito 7toli tossici facendo leva sulla natura di consumatore propria di ogni piccolo risparmiatore ü Chi decideva di inves7re in 7toli Parmalat lo faceva ad occhi chiusi in virtù della fiducia che nutriva nei confron7 del brand ü Questo caso rappresenta un esempio di applicazione parziale del modello ibrido, riteniamo, infae, che l applicazione sia stata involontaria pur rispe>ando il dogma del modello: consumatore ancor prima che inves7tore ü Il caso Parmalat ci perme>e di individuare il rispe>o della seconda condizione: apertura da parte delle imprese all applicazione del modello ibrido

24 Limi7 applica7vi Diffidenza da parte dei soggee aziendali nell operare un inves7mento che darà i suoi frue nel medio- lungo termine Come accade per gli inves7men7 rela7vi alla creazione/ges7one di un brand, molte imprese preferiscono inves7re altrove Il ruolo della comunicazione, come elemento fondamentale per la relazione con i clien7, non è ancora riconosciuto in maniera defini7va Il mercato di beni di consumo è un mercato maturo, al contrario, il mercato ibrido, fa>o di inves7tori che si comportano come consumatori di 7toli azionari, non lo è ancora. In tal caso la resistenza verso l inves7mento potrebbe diventare significa7va

25 Ques7one e7ca Le imprese ricoprono una posizione egemone rispe>o agli inves7tori Il modello ibrido è stato creato solo ed esclusivamente per il benessere delle imprese, non si cura dunque di quello degli inves7tori. Il dislivello tra inves7tore ed impresa potrebbe acuirsi ulteriormente Una delle problema7che più ricorren7 riguarda la circolazione di informazioni privilegiate, ovvero, informazioni che avvantaggiano alcuni a sfavore di altri (con riferimento al mercato finanziario), in genere sono i soggee aziendali a possedere questo 7po di informazioni Le strategie ibride associate al dislivello informa7vo possono me>ere le imprese in una posizione eccessivamente dominante Questo eccessivo dislivello, in alcuni casi, potrebbe indurre delle resistenze morali alla sua applicazione

26 Conclusioni Il modello ibrido si profila come una compendio strategico soddisfacente e pienamente applicabile La ques7one e7ca non deve intaccare la bontà del modello, il comportamento dei soggee aziendali è da imputare solo ed esclusivamente alla loro volontà di nuocere Il fa>o che il modello si omologhi al dislivello tra impresa ed inves7tore è la prova della sua validità, probabilmente un modello maggiormente e7co non sarebbe stato altre>anto valido Il proto7po proposto in questa sede rappresenta un buon punto di partenza per le imprese, ma non una soluzione defini7va. E necessario un inves7mento in termini di tempo e monetari per poter giungere ad una macchina perfe>amente sincronizzata

27 GRAZIE PER L ATTENZIONE

I servizi di inves+mento

I servizi di inves+mento Economia e Ges+one degli Intermediari Finanziari I servizi di inves+mento 10 O2obre 2014 Anno Accademico 2014-2015 I temi della lezione La raccolta indire2a. I servizi di negoziazione. I servizi di collocamento.

Dettagli

Informazioni*chiave*per*gli*inves3tori# Obie@vi*e*poli3ca*d'inves3mento# Profilo*di*rischio*e*di*rendimento#

Informazioni*chiave*per*gli*inves3tori# Obie@vi*e*poli3ca*d'inves3mento# Profilo*di*rischio*e*di*rendimento# Informazioni*chiave*per*gli*inves3tori Il presente documento con/ene le informazioni chiave di cui tu6 gli inves/tori devono disporre in relazione a questofondo.nonsitra;adiundocumentopromozionale.leinformazionicontenutenelpresentedocumento,

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng s Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng Brand Reputation La reputazione di un marchio passa oggi anche a

Dettagli

Modelli finanziari quantitativi

Modelli finanziari quantitativi Modelli finanziari quantitativi 17 giugno 2010 Premessa La contrapposizione tradizionale tra analisi fondamentale (sulle variabili caratteristiche di un fenomeno economico-finanziario) e analisi tecnica

Dettagli

Risulta) 9M11. Presentazione comunità finanziaria

Risulta) 9M11. Presentazione comunità finanziaria Risulta) 9M11 Presentazione comunità finanziaria Segrate, 10 Novembre 2011 Highlights 9M11 Scenario di mercato! Contesto economico cara6erizzato da contrazione di consumi e forte instabilità! Merca> di

Dettagli

REGISTRAZIONE AL SITO E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGISTRAZIONE AL SITO E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Le presen( Condizioni Generali disciplinano il rapporto tra 3GWEB (di seguito denominata 3GWEB) ed il Cliente, in ordine all'acquisto di prodo? e servizi di telecomunicazioni della società H3G S.p.A. (di

Dettagli

Forum HR 2014 Banche e Risorse Umane. Le nuove professioni nella Banca che cambia

Forum HR 2014 Banche e Risorse Umane. Le nuove professioni nella Banca che cambia Forum HR 2014 Banche e Risorse Umane Le nuove professioni nella Banca che cambia Roma, 19 e 20 maggio 2014 Premessa: il contesto di riferimento L innovazione e il mondo del lavoro A seguito della crisi

Dettagli

CHI SIAMO INTRODUZIONE

CHI SIAMO INTRODUZIONE Tali cara4eris>che perme4ono quindi l allineamento degli obie=vi della clientela con quelli della società, in quanto al raggiungimento di al> livelli di reddi>vità per la clientela, Zeus Capital persegue

Dettagli

Linee guida per la compilazione della griglia

Linee guida per la compilazione della griglia Linee guida per la compilazione della griglia L intento del presente lavoro è di offrire alle organizzazioni nonprofit approfondimen rispeo agli input già presen nella griglia stessa. Il seguente lavoro

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE Durata: 24 ore Calendario: 8 appuntamen semanali (dalle 19.30 alle 22.30) a parre dal mese di maggio Prezzo: 100,00 + iva, grazie ai contribu

Dettagli

Un contesto dinamico in con-nua evoluzione

Un contesto dinamico in con-nua evoluzione Un contesto dinamico in con-nua evoluzione Il se3ore bancario è un target par*colarmente appe-bile per i cybercriminali, per molteplici finalità So3razione denaro dai con* delle vi9me So;razione e divulgazione

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE Durata: 24 ore Calendario: 8 appuntamen semanali (dalle 19.30 alle 22.30) a parre dal mese di maggio Prezzo: 100,00 + iva, grazie ai contribu

Dettagli

MPS: Fare Marketing, Vendere e Soddisfare il Cliente ABI Dimensione Cliente 2015

MPS: Fare Marketing, Vendere e Soddisfare il Cliente ABI Dimensione Cliente 2015 MPS: Fare Marketing, Vendere e Soddisfare il Cliente ABI Dimensione Cliente 2015 Roma, 9-10 Aprile Paolo Pellegrini Banca Monte dei Paschi di Siena Responsabile Marketing Strategico Retail Negli ultimi

Dettagli

L e*ca dell innovazione nel se5ore farmaceu*co

L e*ca dell innovazione nel se5ore farmaceu*co L e*ca dell innovazione nel se5ore farmaceu*co Francesca Visin*n Ragioni dell emergere di ques*oni e*che nel se5ore farmaceu*co 1. Per giungere sul mercato le medicine devono essere testate sugli animali

Dettagli

Certificazione del servizio di manutenzione di qualità nel settore antincendio. Federico Pasqui, Responsabile Area Gestione Sistemi ICIM S.p.A.

Certificazione del servizio di manutenzione di qualità nel settore antincendio. Federico Pasqui, Responsabile Area Gestione Sistemi ICIM S.p.A. Certificazione del servizio di manutenzione di qualità nel settore antincendio Federico Pasqui, Responsabile Area Gestione Sistemi ICIM S.p.A. Padova, 27 novembre 2014 Scenario se+ore an,ncendio La legge

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

CLASSE 5^ A ITC L. LUZZATTI

CLASSE 5^ A ITC L. LUZZATTI CLASSE 5^ A ITC L. LUZZATTI PROGETTO GIORGIO LUZZATTI IL FUTURO PRIMA SEI DAVVERO TROPPO GIOVANE PER PENSARE ALLA PENSIONE? Siamo la classe 5^ A dell ITC Luzza; di Valdagno. Abbiamo trovato le richieste

Dettagli

Per crescere con le competenze

Per crescere con le competenze T. T. LAB 2.0 Formavo per le Imprese del Turismo Per crescere con le competenze La Camera di Commercio di Nuoro, in collaborazione con le Associazioni di Categoria: Confcommercio, Confesercen, Associazione

Dettagli

Per crescere con le competenze

Per crescere con le competenze T. T. LAB 2.0 Formavo per le Imprese del Turismo Per crescere con le competenze La Camera di Commercio di Nuoro, in collaborazione con le Associazioni di Categoria: Confcommercio, Confesercen, Confindustria,

Dettagli

Reazioni ed aspea!ve del mercato ad un mese da Solvency II

Reazioni ed aspea!ve del mercato ad un mese da Solvency II Newsletter n. 11 Ottobre 2015 EDITORIALE L EVOLUZIONE DEL RUOLO DELL ATTUARIO I NOSTRI PROSSIMI EVENTI Reazioni ed aspea!ve del mercato ad un mese da Solvency II Milano, 23 novembre 2015 In Italia come

Dettagli

HIDEA & PARTNERS inspire business

HIDEA & PARTNERS inspire business HIDEA & PARTNERS inspire business Giovedì 6 o*obre 2011 Disclaimer Le informazioni contenute nel presente documento e i rela4vi allega4 sono riservate e confidenziali e, comunque, sono des4nate esclusivamente

Dettagli

Studio. Studio. Studio. Lo Studio Legale Padovani è fondato e dire3o dall avv. Simone Padovani.

Studio. Studio. Studio. Lo Studio Legale Padovani è fondato e dire3o dall avv. Simone Padovani. Lo Legale Padovani è fondato e dire3o dall avv. Simone Padovani. Lo svolge a8vità di consulenza legale e assistenza giudiziale a clien

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: accesso alla finanza di rischio

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: accesso alla finanza di rischio I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: accesso alla finanza di rischio «I Fondi Europei per la compe22vità e l innovazione delle PMI campane: strategie e opportunità di finanziamento»

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Business Plan. Luca Fores0, 12 Novembre 2011 Cernusco sul Naviglio Cernusco Family Friendly

Business Plan. Luca Fores0, 12 Novembre 2011 Cernusco sul Naviglio Cernusco Family Friendly Business Plan Luca Fores0, 12 Novembre 2011 Cernusco sul Naviglio Cernusco Family Friendly Cosa é è il documento di pianificazione complessiva che descrive l idea imprenditoriale e ne consente una valutazione

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

Sistemi di accumulo dell energia: le prime regole ufficiali per la connessione e l esercizio alla rete in bassa e media tensione

Sistemi di accumulo dell energia: le prime regole ufficiali per la connessione e l esercizio alla rete in bassa e media tensione Sistemi di accumulo dell energia: le prime regole ufficiali per la connessione e l esercizio alla rete in bassa e media tensione WEBINAIR FIRE - 20 gennaio 2015 Ing. Marco Pigni CEO PILA sas Como (Italy)

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

La tecnologia nelle comunicazioni con la clientela

La tecnologia nelle comunicazioni con la clientela La tecnologia nelle comunicazioni con la clientela RISCHI ED OPPORTUNITA Roberto Perata - Kantor Consul2ng 1 In questo workshop 1. Rifle=eremo sui conce@ di riservatezza nelle comunicazioni 2. Analizzeremo

Dettagli

INCASTRUM SOLZA Concorso di idee Crea il logo Incastrum Solza

INCASTRUM SOLZA Concorso di idee Crea il logo Incastrum Solza INCASTRUM SOLZA Concorso di idee Crea il logo Incastrum Solza 1. Sogge(o banditore e finalità La coopera9va Namastè promotrice del proge>o Incastrum Solza con il Comune di Solza e l Associazione Shape,

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE STRUTTURE SPORTIVE

LINEE GUIDA PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE STRUTTURE SPORTIVE LINEE GUIDA PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE STRUTTURE SPORTIVE IL SALUTO DEL PRESIDENTE. Razionalizzare è da sempre una chiave di leura vincente. Quando si parla di energia il conceo assume una valenza

Dettagli

FINANZA ETICA. A cura di. Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM

FINANZA ETICA. A cura di. Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM FINANZA ETICA A cura di Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM TM Piazza Europa 13 36030 Caldogno (VI) Italia tel. + 39. 0444.909056 fax +39.0444905743 cellulare 335441647 e-mail: eleumar@tin.it

Dettagli

LE 5 REGOLE PER NON PERDERE TEMPO E DENARO NELLA TUA ATTIVITÀ DI LIBERO PROFESSIONISTA DELL EDILIZIA. ing. Giovanni Vuerli

LE 5 REGOLE PER NON PERDERE TEMPO E DENARO NELLA TUA ATTIVITÀ DI LIBERO PROFESSIONISTA DELL EDILIZIA. ing. Giovanni Vuerli LE 5 REGOLE PER NON PERDERE TEMPO E DENARO NELLA TUA ATTIVITÀ DI LIBERO PROFESSIONISTA DELL EDILIZIA ing. Giovanni Vuerli Giovanni Vuerli, ingegnere ed esperto professionista dell edilizia, negli ulemi

Dettagli

La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo

La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo Torino, 4 marzo 2004 La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione Prof. Gianmaria Martini Cosa studia l economia L economia è la scienza delle decisioni di soggetti razionali

Dettagli

Il fundraising di successo. A quali condizioni gli en4 locali possono fare fundraising

Il fundraising di successo. A quali condizioni gli en4 locali possono fare fundraising Incontro Forma.vo Accesso ai fondi europei e fundraising: Nuove risorse per la finanza locale Il fundraising di successo. A quali condizioni gli en4 locali possono fare fundraising Prof. Massimo Coen Cagli

Dettagli

L innovazione e le start up

L innovazione e le start up L innovazione e le start up Il modello di valutazione di Invitalia Roma, 25 novembre 2015 SMART & START 2 Invitalia e il sostegno all imprenditorialità: gli incen2vi Smart&Start Smart&Start nasce con l

Dettagli

Company Profile Formazione

Company Profile Formazione Company Profile Formazione MBH Siamo un network internazionale di professionis4 e aziende altamente qualificate che supporta imprese, is4tuzioni e territori nei processi di cambiamento e di ada;amento

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

www.green- hospitality.it green- hospitality@ospita.it

www.green- hospitality.it green- hospitality@ospita.it www.green- hospitality.it green- hospitality@ospita.it Gli ideatori OSPITA di Carmelo Len3ni Hospitality & Tourism Consul;ng Hotel Management BIOQUALITÀ SG Srl Società di consulenza nel seaore della qualità

Dettagli

Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015

Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015 Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015 1 INDICE LE DIRETTRICI 1. Plus&Plus 2. Plus&Plus per il Centro

Dettagli

Presentazione ELLEGI Consulenza S.p.A.

Presentazione ELLEGI Consulenza S.p.A. Presentazione ELLEGI Consulenza S.p.A. è una società di consulenza cos0tuita nel 2006 che opera prevalentemente nei se9ori della previdenza complementare e della sanità integra0va. L esperienza dei nostri

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 09 Il fallimento del fondo LTCM - Long Term Capital Management (cap 2) I fallimenti societari (cap 2) Il fallimento di LTCM - 1 Il fondo di investimento

Dettagli

LA CONVERGENZA TECNOLOGICA: IL CASO

LA CONVERGENZA TECNOLOGICA: IL CASO Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Laurea magistrale in Marke;ng Management Corso di Strategia d Impresa Prof. Tonino Pencarelli A.A 2011/2012 LA CONVERGENZA TECNOLOGICA: IL CASO Studen; relatori:

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Mercati Regolamentati Italiani ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Mercati Regolamentati

Dettagli

FeelFine Incentive & Events

FeelFine Incentive & Events FeelFine Incentive & Events CONCEPT Feelfine: Essere soddisfa0, star bene! Chi non vuole stare bene? La soddisfazione si sa, passa a9raverso il proprio lavoro, a9raverso i rappor: con i colleghi, la famiglia

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Agenda. v L offerta e la strategia Mobile delle banche. v Il profilo evoluto del cliente 5/12/2013

Agenda. v L offerta e la strategia Mobile delle banche. v Il profilo evoluto del cliente 5/12/2013 Agenda v L offerta e la strategia Mobile delle banche v Il profilo evoluto del cliente 1 Il contesto dei nuovi device mobili Fonte: comscore e elaborazione Osservatorio New Tablet & Business ApplicaIon

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. 0,00 0,00 0,00.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. 0,00 0,00 0,00. INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

SOMMARIO. 1. Quali esigenze? 2. Perché scegliere un ERP. 3. Cosa blocca una PMI. 4. Questo è il momento giusto. 5. Vantaggi. 6. Perché SAP è Leader

SOMMARIO. 1. Quali esigenze? 2. Perché scegliere un ERP. 3. Cosa blocca una PMI. 4. Questo è il momento giusto. 5. Vantaggi. 6. Perché SAP è Leader Perché sceglierlo? SOMMARIO 1. Quali esigenze? 2. Perché scegliere un ERP 3. Cosa blocca una PMI 4. Questo è il momento giusto 5. Vantaggi 6. Perché SAP è Leader 7. Perché SAP Business One è Leader Quali

Dettagli

XXIV Edizione Premio Marke7ng. Il Caso SIM, XXIV edizione

XXIV Edizione Premio Marke7ng. Il Caso SIM, XXIV edizione XXIV Edizione Premio Marke7ng Il Caso SIM, XXIV edizione La Società Italiana di Marke1ng nasce nel 2002 sul modello della celebre American Marke7ng Associa7on, con l intenzione di porsi come: punto di

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy

A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy I Osservatorio Leasing finanziario pubblico. Caratteristiche e modalità dell applicazione del leasing finanziario per la realizzazione di investimenti pubblici! A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete. Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese

Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete. Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese A13 Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese Copyright MMXIV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Le re> sociali sono spesso usate come base di studi interculturali in sociologia, in antropologia, in etologia.

Le re> sociali sono spesso usate come base di studi interculturali in sociologia, in antropologia, in etologia. Social Network Social Network Una rete sociale (in inglese social network) consiste di un qualsiasi gruppo di individui connessi tra loro da diversi legami sociali. Per gli esseri umani i legami vanno

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative 24 Marzo 2015 Massimo Calzoni Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici

Dettagli

Barbara Pelliccione Payments Systems and Services Department ABI LA DIGITALIZZAZIONE DEGLI ASSEGNI

Barbara Pelliccione Payments Systems and Services Department ABI LA DIGITALIZZAZIONE DEGLI ASSEGNI Payments Systems and Services Department ABI LA DIGITALIZZAZIONE DEGLI ASSEGNI Gli assegni in Italia In costante decrescita ma con4nuano a svolgere un ruolo importante nel sistema dei pagamen? italiano

Dettagli

Zurich Invest Target Investment Fund

Zurich Invest Target Investment Fund Per una costituzione del patrimonio strutturata e flessibile Zurich Invest Target Investment Fund Target Investment Fund di Zurich Invest SA è una soluzione intelligente e flessibile per raggiungere i

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

LA FINANZIARIZZAZIONE

LA FINANZIARIZZAZIONE http://www.sinedi.com ARTICOLO 70 SETTEMBRE/ OTTOBRE 2014 LA FINANZIARIZZAZIONE INFLUENZA DEL SETTORE FINANZIARIO SULLE IMPRESE Negli ultimi anni il settore finanziario ha ricoperto un ruolo sempre più

Dettagli

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni utile alla determinazione del valore economico di un complesso aziendale o di specifiche categorie di beni Premessa La dottrina e la pratica offrono diverse possibilità nelle metodologie di calcolo del

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

EQDL Start. Approccio per processi. Temi: Individuazione e descrizione dei processi. Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6

EQDL Start. Approccio per processi. Temi: Individuazione e descrizione dei processi. Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6 EQDL Start Approccio per Temi: Individuazione e descrizione dei Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6 La patente europea della Qualità - EQDL START European Quality Driving Licence MOD 3 Start: APPROCCIO PER PROCESSI

Dettagli

Il Valore Aggiunto del Sistema dei Controlli Interni Integrato

Il Valore Aggiunto del Sistema dei Controlli Interni Integrato Il Valore Aggiunto del Sistema dei Controlli Interni Integrato La vista dell Organizzazione e la vista dell Audit Milano, 24 Aprile 2015 LA VISTA DELL ORGANIZZAZIONE Massimo Barazzetta, Responsabile Direzione

Dettagli

Web 2.0 e Social Network: quali opportunità in area nutrizione?

Web 2.0 e Social Network: quali opportunità in area nutrizione? I MILLE VOLTI DELLA NUTRIZIONE Università degli Studi di Milano - Bicocca Auditorium Guido Martinotti Flavio D Annunzio Web 2.0 e Social Network: quali opportunità in area nutrizione? www.digitalforacademy.com

Dettagli

Crowdfunding: modelli, tendenze e prospettive future

Crowdfunding: modelli, tendenze e prospettive future Seminario Crowdfunding: modelli, tendenze e prospettive future Relatore: Francesco Schiavone (Dipartimento di Studi Aziendali e Quantitativi dell Università degli Studi di Napoli Parthenope ) Giovedì 18

Dettagli

Etica ed Economia Fabiano Longoni. Casinò di Venezia - 29 gennaio 2009

Etica ed Economia Fabiano Longoni. Casinò di Venezia - 29 gennaio 2009 Etica ed Economia Fabiano Longoni Casinò di Venezia - 29 gennaio 2009 Etica ed economia Una azione è perfetta quando contiene in se i fini (il benessere dei più) che si è data (Aristotele) essi si raggiungono

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO (CGU) E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA( CGV ) Premessa:

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO (CGU) E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA( CGV ) Premessa: TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO (CGU) E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA( CGV ) Premessa: Il presente accordo è tutelato dalle norma1ve italiane qui rappresentate e da tu5e quelle che saranno da

Dettagli

Regolamento. Sodalitas Social Innovaon è un progeo di Fondazione Sodalitas www.socialinnovaon.sodalitas.it www.sodalitas.it

Regolamento. Sodalitas Social Innovaon è un progeo di Fondazione Sodalitas www.socialinnovaon.sodalitas.it www.sodalitas.it Regolamento Sodalitas Social Innovaon è un progeo di Fondazione Sodalitas www.sodalitas.it Regolamento L iniziava Sodalitas Social Innovaon (SSI) si propone l obievo di: aiutare il Nonprofit a sviluppare

Dettagli

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Mercati, finanza e regole: guidare l economia per il bene comune Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Obiettivi di lavoro Collocare le informazioni economico - finanziarie quotidiane in un orizzonte

Dettagli

Vanno quindi inserite nel sequestro e fermo. verbale di sequestro ex art224 conseguente ad illecito. ter le in7mazioni al ri7ro e amministra7vo che le

Vanno quindi inserite nel sequestro e fermo. verbale di sequestro ex art224 conseguente ad illecito. ter le in7mazioni al ri7ro e amministra7vo che le circolare prot. n. 300/A/5721/14/101/20/21/4, del 1 agosto 2014 il difficile rapporto tra sequestri ex art. 213 e sequestri ex art. 224ter In entrambe le ipotesi, e nei casi in cui il veicolo è stato affidato

Dettagli

Amore e sentimenti online e offline

Amore e sentimenti online e offline Amore e sentimenti online e offline L'affettività degli adolescenti ai tempi di Facebook Prof. Marco Nicolussi Psicologo Psicoterapeuta Docente a contratto Università di Padova Dott.ssa Tiziana De Ruggieri

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

IL RISPARMIATORE RESPONSABILE

IL RISPARMIATORE RESPONSABILE IL RISPARMIATORE RESPONSABILE L INDAGINE COSA CONOSCENZA E INTERESSE VERSO GLI INVESTIMENTI SRI IMPORTANZA DELLE TEMATICHE AMBIENTALI, SOCIALI E DI GOVERNANCE ASPETTATIVE DEGLI INVESTITORI PRIVATI PER

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Finanziarizzazione e globalizzazione della finanza Finanziarizzazione dell economia E un concetto complesso e non univoco:

Dettagli

Specialis nell Energy Saving

Specialis nell Energy Saving Specialis nell Energy Saving LA STORIA Geicolender S.p.a., società dall'esperienza ventennale nei se!ori della ges one e manutenzione di impian tecnologici ed edifici complessi, nell'aprile 2011 incomincia

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA LA BANCA SULLE AUTOSTRADE DELL INFORMAZIONE DI STEFANO DIONI, FABIO BERTOLI Che cosa offre e come utilizzare nel modo più efficace il sito della banca. Un canale complementare,

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

SGR e prodo* del risparmio ges1to

SGR e prodo* del risparmio ges1to Economia e Ges1one degli Intermediari Finanziari SGR e prodo* del risparmio ges1to 11 Novembre 2011 Anno Accademico 2014-2015 I temi della lezione Gli inves1tori is1tuzionali SGR Fondi comuni di inves1mento

Dettagli

Azioni comuni in materia di strumen0 finanziari

Azioni comuni in materia di strumen0 finanziari Azioni comuni in materia di strumen0 finanziari Rilevazioni, fabbisogni e consistenze Assemblea delle Coopera.ve di ABITA.net La Rete delle Coopera.ve di Abitan. Bologna, 27 e 28 febbraio 2014 La rilevazione

Dettagli

Stru%ure sanitarie- ospedaliere

Stru%ure sanitarie- ospedaliere Stru%ure sanitarie- ospedaliere Cara%eris2che tecniche ed ispezionabilità dei componen2 aeraulici Relatore ing. L Oldrini AIISA Bari 15...18/02/2011 Stru2ure sanitarie- ospedaliere:cara2eris=che tecniche

Dettagli

Infermieri, Social network ed e9ca della comunicazione

Infermieri, Social network ed e9ca della comunicazione Infermieri che n@vigano verso il futuro Stato dell arte, a,ualità, scenari futuri della professione 31 maggio, 1 e 2 giugno 2014 Villasimius Infermieri, Social network ed e9ca della comunicazione Rita

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI ECONOMIA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 1. Corsi di laurea L offerta formativa della Facoltà di Economia

Dettagli

"Agent Channel R- evolu0on": la parola agli agen-

Agent Channel R- evolu0on: la parola agli agen- "Agent Channel R- evolu0on": la parola agli agen- Chiara Frigerio - Federico Rajola CeTIF - Università Ca=olica di Milano Conven0on nazionale ANAPA Roma, 13 febbraio 2014 1 Lo scenario di mercato: un se=ore

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli