ART. 1 MODALITA DI AMMISSIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ART. 1 MODALITA DI AMMISSIONE"

Transcript

1 Il presente regolamento interno della SSD a r.l. I Colli di Bergamo Golf & Country Club intende regolare le modalità di utilizzo delle strutture del circolo, andandosi ad aggiungere alle norme presenti nello Statuto della stessa società e di quello della Federazione Italiana Golf. Il presente regolamento è consultabile da tutti i soci e gli Affiliati della SSD, presso la segreteria del Circolo, per il principio della massima trasparenza, evitando così qualsiasi tipo di arbitrio. Il Consiglio di Amministrazione si riserva di modificare il presente regolamento nel caso se ne presentasse la necessità. MODALITA DI AMMISSIONE ESAZIONE DELLE QUOTE E DURATA DELL AFFILIAZIONE ACCESSO ALLE STRUTTURE INVITI DISPOSIZIONI GENERALI DISPOSIZIONI PARTICOLARI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI DISPOSIZIONI VARIE ART. 1 MODALITA DI AMMISSIONE Chiunque desideri far parte della SSD I Colli di Bergamo Golf & Country Club deve sottoscrivere, presso la segreteria, domanda di ammissione firmando l apposito modulo. Nella domanda deve essere specificata la categoria di affiliazione ed il tipo di abbonamento. Le domande di ammissione alla categoria Juniores dovranno essere compilate da uno dei genitori o da chi ne esercita la patria potestà. Entro 7 giorni dalla data di pagamento, il Consiglio di Amministrazione delibererà in merito all ammissione dell Affiliato; in caso contrario, nulla dovrà al richiedente se non la restituzione dell importo della quota versata all atto della richiesta.

2 ART.2 ESAZIONE DELLA QUOTA E DURATA DI AFFILIAZIONE All atto della sottoscrizione della domanda di affiliazione, l Affiliato dovrà provvedere al pagamento della quota di affiliazione comprensiva di contributo di affiliazione, abbonamento prescelto e tessera FIG. La SSD I Colli di Bergamo Golf & Country Club è coperta da R.C. verso gli Affiliati. Dal giorno dell avvenuto pagamento, l Affiliato potrà accedere alle strutture sociali e potrà iniziare ad usufruire dei servizi previsti per l abbonamento prescelto. Prima dell utilizzo degli impianti, gli Affiliati sono tenuti a consegnare in segreteria il certificato di idoneità generica alla pratica sportiva non agonistica. (Sono tenuti a sottoporvisi tutti coloro che non svolgono attività agonistica. Il certificato ha validità un anno e può essere rilasciato dal proprio medico curante oppure da uno specialista in medicina dello sport). L Affiliato che non intende rinnovare l affiliazione per l anno successivo dovrà far pervenire le proprie dimissioni, a mezzo posta elettronica certificata, ovvero raccomandata a/r entro e non oltre il 31 ottobre dell anno sportivo in corso; in caso contrario, l affiliazione s intenderà tacitamente rinnovata. A partire dal 1 febbraio 2016 chi non avesse provveduto al pagamento della Quota di Affiliazione, ma fosse comunque in regola con il tesseramento FIG, sarà tenuto al pagamento del green- fee giornaliero in vigore. Le categorie di Affiliati, le norme per l ammissione e le altre norme comuni sono disciplinate nel Titolo V dello Statuto negli articoli da 34 a 46. Art. 3 ACCESSO ALLE STRUTTURE L accesso alle strutture è riservato: - agli Affiliati delle categorie giocatori, frequentatori, aspiranti giocatori e Juniores in regola con i pagamenti della quota di Affiliazione; - agli Affiliati delle categorie Onorari, Benemeriti e Sostenitori: - agli invitati degli Affiliati, purchè autorizzati (vedi art. 4) - ai giocatori tesserati FIG che pagano il green- fee; - ai figli degli Affiliati fino all età di anni 18, purchè accompagnati dal genitore. Gli orari di apertura e chiusura delle strutture sono stabiliti periodicamente dal Consiglio di Amministrazione.

3 La chiusura settimanale del circolo è fissata nella giornata di lunedì (non festivo). Art. 4 INVITI Ogni Affiliato alla SSD I Colli di Bergamo Golf & Country Club ha il diritto di invitare persone non affiliate alla Federazione Italiana Golf. Ogni invito dovrà essere preventivamente comunicato alla segreteria del Circolo. ART. 5 DISPOSIZIONI GENERALI E fatto divieto di fumare in tutti i luoghi chiusi. Il Circolo non assume alcuna responsabilità in caso di danneggiamento o furto di valori, oggetti personali e/o di altre cose mobili di proprietà degli Affiliati e/o dei loro invitati. L Affiliato è responsabile per danni alle cose, alle attrezzature, agli arredi e al personale che siano provocati dallo stesso o dai suoi invitati. Tutti gli Affiliati sono tenuti al rispetto degli orari stabiliti di apertura e chiusura. Tutti gli Affiliati hanno l obbligo di presentarsi in segreteria prima di svolgere qualsiasi tipo di attività o prima di usufruire di qualsiasi tipo di servizio. Gli Affiliati che non osservano le norme del Regolamento sono passibili delle sanzioni di cui all art. 7 Provvedimenti Disciplinari. ART. 6 DISPOSIZIONI PARTICOLARI 6.1 CLUB HOUSE E AREE COMUNI E obbligatoria la frequentazione in abiti decorosi. Sono obbligatori soft spikes. Sono proibiti giochi d azzardo. L uso del biliardo non è consentito agli Affiliati minorenni. 6.2 PERCORSI DI GIOCO L accesso al percorso richiede la qualifica di G.A. (giocatore abilitato). Gli Affiliati neofiti, prima di accedere al campo gioco, devono essere autorizzati da un Professionista di Golf il quale si renderà garante dell idonea abilitazione

4 a giocare, nonché dell etichetta in generale, depositando in segreteria un apposito modulo (Carta Verde) debitamente compilato e firmato, necessario per ottenere la qualifica di G.A.. Per tutte le categorie di giocatori si richiede il rispetto dell etichetta del gioco del golf e il rispetto dei tempi di gioco. Tutti i giocatori devono essere in possesso della tessera FIG. I giocatori green- fee sono invitati a tenere in evidenza sulla propria sacca il tagliando dell avvenuto pagamento dell ingresso. Il noleggio del golf cart e/o del carrello, deve essere pagato prima dell ingresso al percorso. In caso di maltempo o in caso di lavori di manutenzione, l agibilità del campo verrà stabilita dalla Direzione. Il personale addetto è tenuto a far rispettare rigorosamente tali disposizioni. Eventuali trasgressori verranno segnalati al Consiglio di Amministrazione. Il Circolo non si assume alcuna responsabilità per eventuali incidenti che dovessero avere luogo in seguito ad inosservanza del divieto di accesso al campo o porzioni di esso dichiarate inagibili. Gli abbonamenti ad ingresso devono essere timbrati in segreteria prima dell accesso al campo. 6.3 MAESTRI DI GOLF E LEZIONI L insegnamento del gioco del golf è consentito esclusivamente ai Maestri Professionisti del Circolo. Occasionalmente potrà essere concessa autorizzazione giornaliera ad altri Professionisti che ne facciano richiesta al Circolo. I Maestri Professionisti sono lavoratori autonomi e svolgono attività indipendente; il compenso relativo alle lezioni deve essere regolato direttamente agli stessi. Per questioni organizzative le lezioni devono essere fissate tramite la Segreteria. Le lezioni prenotate e non effettuate, se non annullate almeno 24 ore prima dell ora prefissata, dovranno essere pagate.

5 6.4 ETICHETTA Abbigliamento: i giocatori devono adottare un abbigliamento consono ai canoni richiesti per il gioco del golf. Sono vietate canottiere sia per gli uomini che per le donne. Precedenza sul campo: quando viene richiesta la prenotazione l ordine di partenza è fissato dal tabellone esposto. In linea generale la precedenza sul campo è determinata dalla velocità di gioco sul campo. Il giocatore singolo non ha la precedenza su alcun gruppo. Cura del campo: i giocatori sono tenuti a sollevare SEMPRE i pitch- mark, rastrellare i bunker e a rimettere a posto le zolle. Devono rispettare le indicazioni per il transito dei golf cart ed evitare di transitare sui tee, green ed avant- green con gli stessi cart e con i carrelli elettrici e a mano. Golf Cart privati: è possibile (sino ad esaurimento disponibilità) il rimessaggio dei golf cart di proprietà degli Affiliati. Il pagamento della quota per il deposito dovrà essere effettuato presso la segreteria. Chiunque abbia depositato il golf cart personale presso i locali della Società, dovrà ad ogni utilizzo contattare il personale addetto per il ritiro dello stesso. Golf Cart: non è consentito l utilizzo del golf cart ai giocatori under 18. L uso del golf cart è consentito ad un massimo di due persone per ogni vettura. E competenza della Direzione consentire o meno l uso del golf cart, in relazione alle condizioni del percorso. Rispetto delle regole: tutti i giocatori hanno l obbligo di rispettare le regole del gioco, le norme di comportamento e l etichetta. La generale osservanza delle elementari norme di etichetta è volta a garantire a tutti un adeguato standard di gioco che non deve essere penalizzato dall incuria altrui. Il mancato rispetto delle regole di etichetta e del regolamento dei golf cart comporta l allontanamento immediato dal campo di gioco e il deferimento alla Commissione Disciplinare che, in caso di danni arrecati, potrà comminare una multa. 6.5 CAMPO PRATICA E richiesto il rispetto delle zone delimitate appositamente per la pratica. Sul putting green e nelle vicinanze di esso E VIETATO praticare bastoni diversi dal putter.

6 E TASSATIVAMENTE VIETATO giocare con palline del campo pratica sul putting green e sul campo di gioco. E TASSATIVAMENTE VIETATO raccogliere le palline direttamente dal campo pratica. Il rifornimento delle palline di pratica può avvenire esclusivamente attraverso l apposita macchina distributrice. E TASSATIVAMENTE VIETATO l utilizzo dei bastoni che potrebbero oltrepassare la recinzione posta in fondo al campo pratica. I Soci è gli Ospiti devono riportare presso la macchina distributrice i cestelli vuoti. L accesso al campo pratica per gli ospiti (green- fee) deve avvenire previa registrazione e pagamento in Segreteria della quota di ingresso. 6.6 SPOGLIATOI Dovranno essere osservate le buone norme di igiene e di buon ordine degli effetti personali. Per l utilizzo del locale docce è fatto obbligo di calzare idonee calzature antisdrucciolo. Il Circolo non risponde in alcun modo della custodia dei beni di proprietà privata. Gli asciugamani sono di proprietà di società terze e un utilizzo diverso da quello per cui sono forniti sarà sanzionato. 6.7 ARMADIETTI E DEPOSITO SACCA L Affiliato potrà utilizzare, compatibilmente con la disponibilità e previo pagamento, gli armadietti posti nello spogliatoio. A ciascun Affiliato che ne avrà fatta richiesta, verrà assegnata la postazione per la propria sacca e/o carrello dietro pagamento di una quota annuale. Il Circolo non assume alcuna responsabilità per quanto lasciato nelle sacche personali, siano indumenti, oggetti sportivi o valori. 6.8 ANIMALI DOMESTICI Sono ammessi (ad eccezione del campo gioco) i cani esclusivamente se tenuti al guinzaglio. I proprietari devono provvedere all eventuale pulizia.

7 6.9 RAPPORTI CON IL PERSONALE Il personale addetto alle diverse mansioni è tenuto contrattualmente al rispetto delle regole loro imposte. Per questo motivo invitiamo tutti al rispetto del loro ruolo. Eventuali reclami relativi al comportamento del personale, dovranno essere rappresentati esclusivamente alla Direzione PARCHEGGIO (NON CUSTODITO) E vietato posteggiare le autovetture davanti al campo pratica e agli ingressi del Circolo. Si precisa che il parcheggio non è custodito, pertanto la SSD declina ogni responsabilità per eventuali danni da furti e/o atti vandalici. I danni causati dalle palline da golf ai cristalli delle auto durante l attività sportiva dovranno essere segnalati alla Segreteria, prima di lasciare il Circolo, pena la perdita del diritto al risarcimento del danno RECLAMI I reclami di qualsiasi natura dovranno essere presentati alla Direzione e, per quanto attiene ad eventuali questioni che richiedano sanzioni disciplinari o multe, dovranno pervenire in forma scritta. Art. 7 - PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI La Commissione Disciplinare, ai sensi dell art. 28 dello Statuto Sociale, ha il potere e il dovere di deliberare sanzioni disciplinari nei riguardi degli Affiliati che si siano resi responsabili di mancanze che abbiano arrecato un danno morale o materiale o che abbiano violato lo Statuto Sociale o il regolamento. Le sanzioni disciplinari, in relazione alla gravità del caso, possono essere: a) Richiamo scritto; b) Censura scritta; c) Sospensione temporanea della frequentazione degli impianti e dei locali della Società o della sola attività agonistica; d) Radiazione; In caso di urgenza, il Presidente della S.S.D, o in sua assenza il consigliere delegato, sempre previo accertamento della Commissione Disciplinare, può adottare un provvedimento provvisorio di sospensione immediata, che ha efficacia fino alla delibera della Commissione Disciplinare.

8 La Commissione Disciplinare è competente a svolgere gli accertamenti e le indagini relative alle trasgressioni commesse dagli Affiliati. Nel caso si tratti di Affiliati Juniores la contestazione è fatta anche al genitore o a chi ne fa le veci. Il provvedimento disciplinare dovrà essere redatto per iscritto e depositato presso la Segreteria; copia dello stesso dovrà essere notificato agli interessati a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno e al Presidente del CdA. Contro il provvedimento adottato l'affiliato potrà presentare ricorso al Collegio dei Probiviri entro 15 giorni dalla data del ricevimento. Sino alla decisione da parte del Collegio gli effetti del provvedimento rimangono sospesi, a meno che la Commissione Disciplinare non l abbia dichiarato provvisoriamente esecutivo. Il Collegio dei Probiviri decide sulle impugnazioni dei provvedimenti della Commissione Disciplinare e le sue decisioni sono definitive. Le stesse dovranno essere esposte in bacheca e notificate agli interessati a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno o a mezzo posta elettronica certificata. Il provvedimento che comunica sanzioni disciplinari è reso pubblico solo ed esclusivamente nell ambito della Sede Sociale e nella misura strettamente indispensabile per la sua finale esecuzione. La tipologia della pena e l entità delle multe viene stabilita dalla Commissione Disciplinare a seconda della gravità del fatto. All'Affiliato sospeso non saranno rimborsati i contributi di affiliazione corrispondenti al periodo della sospensione. L'Affiliato radiato non può essere riammesso né essere invitato nei locali sociali per alcuna ragione o titolo. Il suo nome viene comunicato alla F.I.G. ART. 8 - DISPOSIZIONI VARIE Tutte le comunicazioni agli Affiliati vengono fatte mediante invio di posta elettronica. Su richiesta, un Affiliato sprovvisto di posta elettronica, potrà ritirare le comunicazioni in Segreteria. Il Direttore e i responsabili della SSD sono tenuti a far rispettare le norme di questo Regolamento, nell ambito delle direttive impartite dal Consiglio di Amministrazione.

9 Gli Affiliati devono astenersi dall impartire al personale dipendente ed ai collaboratori del Circolo istruzioni di qualsiasi genere. Gli Affiliati, nell interesse e nel rispetto proprio e altrui, sono tenuti a mantenere ordine e decoro negli ambienti che frequentano. Il presente regolamento potrà essere integrato, modificato o sostituito, senza obbligo di preavviso, dal Presidente del CdA, salvo l obbligo da parte dello stesso di dare immediata comunicazione a tutti gli Affiliati, tramite posta elettronica. Il presente regolamento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 30 aprile Le norme rispettano i contenuti dello Statuto della SSD a r.l. I COLLI DI BERGAMO GOLF & COUNTRY CLUB redatto dal Notaio Fabrizio Pavoni in data 2 aprile 2015, registrato a Bergamo il 2 aprile 2015 n IT depositato presso il Registro Imprese di Bergamo Prot.20232/15 il 7 aprile 2015.

Regolamento interno. 1.4 L orario ed il periodo d apertura e di chiusura del Club vengono disposti dal Consiglio di Amministrazione.

Regolamento interno. 1.4 L orario ed il periodo d apertura e di chiusura del Club vengono disposti dal Consiglio di Amministrazione. 1. Norme Generali. 2. Regolamento Club house. 3. Regolamento Segreteria e Club house. 4. Regolamento Campo pratica. 5. Regolamento Campo golf. 6. Regolamento Gare e Sponsors. 7. Regolamento Golf carts.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO 1 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente regolamento dell Associazione Sportiva Dilettantistica Tennis Roma (in seguito anche

Dettagli

LA PINETINA GOLF CLUB REGOLAMENTO DEI SOCI AI SENSI DELL ART.4 DELLO STATUTO SOCIALE PARTE PRIMA NORME GENERALI

LA PINETINA GOLF CLUB REGOLAMENTO DEI SOCI AI SENSI DELL ART.4 DELLO STATUTO SOCIALE PARTE PRIMA NORME GENERALI LA PINETINA GOLF CLUB REGOLAMENTO DEI SOCI AI SENSI DELL ART.4 DELLO STATUTO SOCIALE PARTE PRIMA NORME GENERALI Art. 1 Ferme restando le norme emanate dal Comitato Olimpico Nazionale e dalla Federazione

Dettagli

Stagione sportiva 2015/2016

Stagione sportiva 2015/2016 COPIA PER L ATLETA REGOLAMENTO SETTORE GIOVANILE SCOLASTICO G.S. CALCIO EVANCON Stagione sportiva 2015/2016 Il presente Regolamento dovrà essere sottoscritto dall atleta e da uno dei genitori, o da chi

Dettagli

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali COMUNE DI SOVERE Provincia di Bergamo Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali ART.1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ 1) I presenti criteri di gestione hanno lo scopo di salvaguardare

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

Circolo Tennis Barletta Hugo Simmen

Circolo Tennis Barletta Hugo Simmen REGOLAMENTO ART. 1 Il presente regolamento formulato ed approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11 ottobre 2011, modificato all art. 22 3 comma titolo secondo ( CAMPI DA TENNIS ) con deliberati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

CLUB HOUSE. REGOLAMENTO (Disposizioni applicative Art. 27 del Regolamento in vigore dall 11 maggio 2015) NORME GENERALI

CLUB HOUSE. REGOLAMENTO (Disposizioni applicative Art. 27 del Regolamento in vigore dall 11 maggio 2015) NORME GENERALI CLUB HOUSE REGOLAMENTO (Disposizioni applicative Art. 27 del Regolamento in vigore dall 11 maggio 2015) NORME GENERALI E obbligatoria la frequentazione in abiti consoni al decoro dell ambiente. I soci

Dettagli

ACCESSO ALLA STRUTTURA...

ACCESSO ALLA STRUTTURA... REGOLAMENTO INTERNO ACCESSO ALLA STRUTTURA... 1 Iscrizione... 1 Quota d iscrizione... 2 Tessera di iscrizione... 2 Ospiti... 2 Calendario delle attivita... 2 UTILIZZO DELLA STRUTTURA... 3 Norme generali...

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA EQUESTRI

REGOLAMENTO ATTIVITA EQUESTRI REGOLAMENTO ATTIVITA EQUESTRI ASS. SP. SCUDERIA LA VENTURINA CASCINA VENTURINA 20085 LOCATE TRIULZI (MI) TEL/FAX: 02/90731131 1 1.QUALIFICA DI SOCIO Per frequentare l Associazione è necessario essere in

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO

REGOLAMENTO ORGANICO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA REGOLAMENTO ORGANICO 1. Norme Generali - La vita associativa del Country Club Castelgandolfo è regolata dallo Statuto dell Associazione, dal presente Regolamento Organico,

Dettagli

ALLEGATO: A) Riepilogo penalizzazioni per infrazioni al regolamento e all etichetta del Golf.

ALLEGATO: A) Riepilogo penalizzazioni per infrazioni al regolamento e all etichetta del Golf. GOLF CLUB LA SERRA --------------------------------- REGOLAMENTO ORGANICO ------------------------------------------------------------- 1. Norme Generali 2. Soci - condizioni e requisiti per l appartenenza

Dettagli

COMUNE DI ROGENO. Provincia di Lecco

COMUNE DI ROGENO. Provincia di Lecco COMUNE DI ROGENO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CAMPO DA BEACH VOLLEY/BEACH TENNIS 1 Le presenti norme disciplinano la gestione e l uso del campo da Beach Volley/Beach tennis di Viale

Dettagli

concessionario, viene data in uso la palestra con annesse attrezzature, igienici, siti nel plesso dell edificio scolastico,

concessionario, viene data in uso la palestra con annesse attrezzature, igienici, siti nel plesso dell edificio scolastico, PROVINCIA DI POTENZA ATTO DI CONVENZIONE L anno duemila..( ) il giorno. del mese di.. in Potenza, per il presente atto cui intervengono: 1). nato in. il non in proprio ma quale Dirigente del Settore Edilizia

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Via San Michele, 81 25074 Idro - tel. 036583136 fax. 0365823035 e-mail segreteria@comune.idro.bs.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO E LA GESTIONE DEGLI

Dettagli

Comune di Brembate. Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali

Comune di Brembate. Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali Comune di Brembate Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali Approvato con deliberazione di C.C. 22 del 05 aprile 2014 Articolo 1 - Destinazione degli impianti e loro fruibilità Gli impianti

Dettagli

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Lecco c/o CONI CASA DELLO SPORT Via allo Zucco 6-23900 Lecco tel 0341/251587 - fax 0341/258436 e-mail: lecco@federvolley.it sito internet: www.lecco.federvolley.it

Dettagli

Comune di Villa di Serio

Comune di Villa di Serio Comune di Villa di Serio Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 9 IN DATA 25.09.2013 ART. 1 FINALITA Nell intento di favorire

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Il Comune di Giavera del Montello intende incentivare e facilitare un largo accesso alla pratica sportiva da parte dei cittadini, tanto in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURE SPORTIVE COMUNALI Approvato con Delibera di Giunta Comunale n 19 del 7.03.2006. 1 SOMMARIO Art. 1 Finalità. Pag.3 Art. 2 Titolari delle concessioni temporanee.. Pag. 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

COMUNE di PADERNO D'ADDA

COMUNE di PADERNO D'ADDA COMUNE di PADERNO D'ADDA c.a.p. 23877 PROVINCIA DI LECCO Allegato A File: RegolparcheggioTAMBORINI\2013 REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO COMUNALE DI PALAZZO TAMBORINI Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

ATTIVITÀ PROGRAMMA DI UNA GIORNATA TIPO MODALITÀ DI PRENOTAZIONE E PAGAMENTO

ATTIVITÀ PROGRAMMA DI UNA GIORNATA TIPO MODALITÀ DI PRENOTAZIONE E PAGAMENTO ATTIVITÀ PROGRAMMA DI UNA GIORNATA TIPO MODALITÀ DI PRENOTAZIONE E PAGAMENTO MODULISTICA scheda di iscrizione Campus estivi 2014 regolamento Campus estivi 2014 autorizzazione alla raccolta e alla conservazione

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 1. ISCRIZIONE AI CAMPIONATI E QUOTA DI CAMPO L iscrizione ad ogni campionato è gratuita. Le squadre che si iscrivono ad ogni singola

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE E PER UTILIZZO PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE E PER UTILIZZO PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE E PER UTILIZZO PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ARTICOLO 1 SCOPO DEI CRITERI Scopo dei presenti criteri è quello di regolare l attività ginnico sportiva

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI Le presenti CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO si applicano ai servizi di trasporto di concessione Ministeriale

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

CAMPING CASA DI CACCIA

CAMPING CASA DI CACCIA A. RECEPTION F. TELEFONI PUBBLICI B. MARKET BAZAR EDICOLA G. BAR - RISTORANTE - PIZZERIA C. AMBULATORIO MEDICO E. TV H. DOCCE FREDDE ROULOTTE TENDE E CAMPER D. SERVIZI HANDICAP J. SERVIZI IGIENICI - DOCCE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

2015 / 2016. Stagione Sportiva. SSD Leone XIII Sport. Rugby Scherma. Yoga. SSD Leone XIII Sport. Piscina

2015 / 2016. Stagione Sportiva. SSD Leone XIII Sport. Rugby Scherma. Yoga. SSD Leone XIII Sport. Piscina Orari Segreteria Da lunedì a venerdì 8:30 10:30 15:00 18:30 Sabato 11:00 12:45 Periodo estivo Dall 8 giugno al 4 Settembre 2015 l orario della Segreteria subirà delle modifiche. Si potranno verificare

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. 10) Nei locali dell Associazione Sportiva è fatto divieto assoluto di fumare.

REGOLAMENTO INTERNO. 10) Nei locali dell Associazione Sportiva è fatto divieto assoluto di fumare. REGOLAMENTO INTERNO 1) L adesione all Associazione Sportiva Dilettantistica in qualità di Socio comporta l accettazione del presente Regolamento, delle norme e delle direttive del CIO e del CONI, delle

Dettagli

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.2012) Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare e fissare

Dettagli

Domanda di ammissione a Socio (indicare sempre le generalità del socio, se non maggiorenne anche quelle del genitore o di chi ne fa le veci)

Domanda di ammissione a Socio (indicare sempre le generalità del socio, se non maggiorenne anche quelle del genitore o di chi ne fa le veci) Associazione Sportiva Dilettantistica Domanda di ammissione a Socio (indicare sempre le generalità del socio, se non maggiorenne anche quelle del genitore o di chi ne fa le veci) Socio Il sottoscritto/a....

Dettagli

Regolamento servizio di trasporto scolastico

Regolamento servizio di trasporto scolastico COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona Regolamento servizio di trasporto scolastico Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 4.5.2007 Indice: Art. 1 Finalità e criteri generali Art. 2 Organizzazione

Dettagli

18. L Accesso alla palestra è consentito solo a coloro che devono svolgere l attività sportiva e che sono iscritti alla Società richiedente.

18. L Accesso alla palestra è consentito solo a coloro che devono svolgere l attività sportiva e che sono iscritti alla Società richiedente. Premessa 5(*2/$0(1723(5/ 862'(//(3$/(675(6&2/$67,&+( 1. L Amministrazione Comunale, nel rispetto della legislazione vigente e dei criteri generali, determinati dal Consiglio Scolastico Provinciale con

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

A.S.D. CENTRO EQUESTRE IL SORRISO DI BASSANO REGOLAMENTO INTERNO

A.S.D. CENTRO EQUESTRE IL SORRISO DI BASSANO REGOLAMENTO INTERNO A.S.D. CENTRO EQUESTRE IL SORRISO DI BASSANO REGOLAMENTO INTERNO Approvato con deliberazione consigliare del 01/01/2002 Pagina 1 di 5 CAPITOLO I OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 1 ART. 2 Il presente regolamento,

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

SSD Leone XIII Sport

SSD Leone XIII Sport SSD Leone XIII Sport Stagione Sportiva 2015 / 2016 Rugby Scherma Yoga Piscina CALENDARIO - ORARI - ISCRIZIONI Rugby Corsi Mono / Bisettimanali Under 10 lunedì e venerdì 16:05-17:05 monosettimanale 250

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI Comune di CUSANO MUTRI Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI 1 Art. 1 Il Comune di Cusano Mutri in collaborazione con la Pro Loco Cusanese organizza, annualmente, nel

Dettagli

A.S.D. LIBERI PODISTI PONTECCHIO via Roma n.314 45030 Pontecchio Polesine (RO) P.IVA 01482050299 www.liberipodistipontecchio.altervista.

A.S.D. LIBERI PODISTI PONTECCHIO via Roma n.314 45030 Pontecchio Polesine (RO) P.IVA 01482050299 www.liberipodistipontecchio.altervista. A.S.D. LIBERI PODISTI PONTECCHIO via Roma n.314 45030 Pontecchio Polesine (RO) P.IVA 01482050299 www.liberipodistipontecchio.altervista.org REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 Finalità Il presente regolamento

Dettagli

NOVITA CHERVO GOLF HOTEL SPA & RESORT SAN VIGILIO WELLNESS E PISCINA COPERTA RISCALDATA QUOTE ANNO 2016. Dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2016

NOVITA CHERVO GOLF HOTEL SPA & RESORT SAN VIGILIO WELLNESS E PISCINA COPERTA RISCALDATA QUOTE ANNO 2016. Dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2016 NOVITA CHERVO GOLF HOTEL SPA & RESORT SAN VIGILIO WELLNESS E PISCINA COPERTA RISCALDATA QUOTE ANNO 2016 Dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2016 FORMULE ASSOCIATIVE PROMOZIONI Porta un acconto pari al 50% della

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana)

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) C O M U N E D I A Z Z A T E Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) Approvato con delib. C.C. n. 18 del 10.03.2006 Pubblicato

Dettagli

CLUB HOUSE. REGOLAMENTO (Disposizioni applicative Art. 27 del Regolamento in vigore dal 1 maggio 2014) NORME GENERALI

CLUB HOUSE. REGOLAMENTO (Disposizioni applicative Art. 27 del Regolamento in vigore dal 1 maggio 2014) NORME GENERALI CLUB HOUSE REGOLAMENTO (Disposizioni applicative Art. 27 del Regolamento in vigore dal 1 maggio 2014) NORME GENERALI Si ricordano le regole generali da applicare sempre e in ogni luogo : E obbligatoria

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 Sezione Provinciale di Torino, Via Germagnano, 8 10156 Torino Tel-Fax: 011/2620397 mail: enpa_torino@yahoo.it REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 QUALIFICA Art. 1) Alla qualifica

Dettagli

REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER

REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER COMUNE DI S. AGATA SUL SANTERNO Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 11 Settembre 1995 Angela\Regolamenti\Palestra

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli

CITTA DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA

CITTA DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA CITTA DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA Approvato con deliberazione C.C. n 4 del 16/02/2010 NORME GENERALI ART.

Dettagli

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013)

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto

Dettagli

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI Premessa Lo spirito che darà vita al 47 Torneo di calcio a 11 Coppa Città di Sinnai 2014 si fonda sul principio

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

Associazione Sportiva AMP A.S.D.

Associazione Sportiva AMP A.S.D. ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP A.S.D. REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP - A.S.D. (Associazione Sportiva Dilettantistica) REGOLAMENTO ART. 1 (AMMISSIONE DEI SOCI) L'ammissione dei soci è riservata al Consiglio

Dettagli

UNA SETTIMANA IN BELLEZZA MUSEI CIVICI FIORENTINI 7/13 SETTEMBRE 2015 PER BAMBINI DAI 6 AI 10 ANNI

UNA SETTIMANA IN BELLEZZA MUSEI CIVICI FIORENTINI 7/13 SETTEMBRE 2015 PER BAMBINI DAI 6 AI 10 ANNI UNA SETTIMANA IN BELLEZZA MUSEI CIVICI FIORENTINI 7/13 SETTEMBRE 2015 PER BAMBINI DAI 6 AI 10 ANNI Attività Informazioni Modalità di iscrizione e di pagamento Modulistica: scheda di iscrizione regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo

Dettagli

R E GO L A M E N T O

R E GO L A M E N T O R E GO L A M E N T O Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Articolo 8. Articolo 9. Articolo 10. Articolo 11. Il Circolo Ippico del Mugnano ASD ( di seguito

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014.

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014. C.F. 91041370684 Associazione con Personalità Giuridica Riconosciuta con D.P.G.R. Abruzzo 70/2007 Autorizzazione Presidente Giunta Regionale n. 653 del 16/10/1996 REGOLAMENTO INTERNO Regolamento della

Dettagli

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 - Manifestazione Fera di Usei La F.I.D.C. sezione di Canzo, nel rispetto e fatto salvo quanto previsto dalla normativa in materia di commercio, col presente

Dettagli

COMUNE DI MARTIGNACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA DEL CENTRO SCOLASTICO INTEGRATO DI VIA UDINE

COMUNE DI MARTIGNACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA DEL CENTRO SCOLASTICO INTEGRATO DI VIA UDINE COMUNE DI MARTIGNACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA DEL CENTRO SCOLASTICO INTEGRATO DI VIA UDINE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 42 del 30.11.2012 INDICE

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 67 del 28/05/2010 I ND I C E art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento art. 2 - Funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 ARTICOLO 1 Il praticante che intenda iscriversi deve presentare, oltre ai documenti richiesti dall art.

Dettagli

SCHEDA ISCRIZIONE SCUOLA PORTIERI IMPARANDO STAGIONE 2014/2015 STADIO OTTAVIO PIERANGELI MONTEROTONDO SCALO

SCHEDA ISCRIZIONE SCUOLA PORTIERI IMPARANDO STAGIONE 2014/2015 STADIO OTTAVIO PIERANGELI MONTEROTONDO SCALO SCHEDA ISCRIZIONE SCUOLA PORTIERI IMPARANDO STAGIONE 2014/2015 STADIO OTTAVIO PIERANGELI MONTEROTONDO SCALO DATI PARTECIPANTE : Nome : Cognome : Codice Fiscale: Nato a: il: Società di appartenenza: Peso

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 in data 30 settembre 2004 INDICE ART. 1 Oggetto ART. 2 -

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI DEL COMUNE DI BOTTICINO

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI DEL COMUNE DI BOTTICINO COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI DEL COMUNE DI BOTTICINO DISCIPLINA DELL UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI MEZZI MECCANICI DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO CONSORZIO TRA I COMUNI DI CERNUSCO LOMBARDONE, LOMAGNA, OSNAGO E MONTEVECCHIA PER LA SCUOLA MEDIA STATALE G. VERGA DI CERNUSCO LOMBARDONE. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO

Dettagli

CENTRO VELICO RIVIERAVENTO Associazione Sportiva Dilettantistica

CENTRO VELICO RIVIERAVENTO Associazione Sportiva Dilettantistica 1/ Regolamento generale per la partecipazione alle attività 1. Modalità di partecipazione Per partecipare alle attività del (CVRV) è necessario: essere in regola con la quota annuale di iscrizione (tessera)

Dettagli

A.F.S.D Annunziatella

A.F.S.D Annunziatella Regolamento della scuola calcio L Associazione Formativo Sportiva Dilettantistica Annunziatella ha approvato, in collaborazione con lo staff tecnico, il Regolamento interno della scuola calcio. Tale regolamento

Dettagli

COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) Telefono: 0545/908811 - Telefax: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n xx del xx.xx.2014 1/9 INDICE Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

1. ORGANIZZAZIONE 2. AFFILIAZIONE

1. ORGANIZZAZIONE 2. AFFILIAZIONE 1. ORGANIZZAZIONE ll MSP Italia è un associazione senza fine di lucro, riconosciuta dal CONI quale Ente di Promozione Sportiva e dal Ministero dell'interno quale Ente Nazionale con finalità assistenziali.

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - DISTRETTO SCOLASTICO N. 27 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO G. Rodari 80024 CARDITO (NA) - Via Prampolini - Tel. 081 8313317 Cod.Fiscale: 80103720639-Cod.Meccanog. NAEE 118005 e-mail naee118005@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: Bando di Concorso 2 Corso d avviamento per la Formazione di Insegnanti Professionisti di Golf, Scuola Nazionale Professionisti 2016.

Oggetto: Bando di Concorso 2 Corso d avviamento per la Formazione di Insegnanti Professionisti di Golf, Scuola Nazionale Professionisti 2016. Circolare n. 19 Roma, 14 dicembre 2015 Ai Circoli di Golf affiliati e aggregati LORO SEDI e, p.c. Al Consiglio Federale Ai Comitati Regionali Ai Delegati Regionali Alla Commissione Professionisti Al Comitato

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA. Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale.

COMUNE DI PISTOIA. Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale. COMUNE DI PISTOIA Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Identificativo Documento: 834176 NUMERO D ORDINE Registro Generale 298 del 16/02/2011 OGGETTO: ASSUNZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI 1 Via 2 giugno 22 Ufficio segreteria, attività culturali e economato P. IVA 00524150307 - ( ' 0431382805-7 0431382820 - / segreteria@com-terzo-di-aquileia.regione.fvg.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE 1 INDICE... 2 Premessa... 3 Art. 1 Norme generali e compiti dell insegnante... 3 Art. 2 Norme per gli alunni... 3 Art. 3 Concessione

Dettagli

Ville in affitto Mykonos

Ville in affitto Mykonos - CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE - La sottoscrizione del modulo di prenotazione e considerata piena accettazione di tutte le seguenti condizioni: 1. PRENOTAZIONE Un acconto del 30% del valore dell affitto

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET PREFAZIONE Questo regolamento rappresenta il punto di riferimento per tutti gli associati della Associazione Sportiva Dilettantistica (di seguito ASD ) che risulta essere un punto d incontro per diffondere

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO E ALLA GUIDA DELLE AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 109

Dettagli

REGOLAMENTO Stagione Sportiva 2013 2014

REGOLAMENTO Stagione Sportiva 2013 2014 REGOLAMENTO Stagione Sportiva 2013 2014 Il presente Regolamento viene distribuito al fine da essere accuratamente letto dall'allievo unitamente ai propri Genitori o da chi esercita la podestà genitoriale.

Dettagli

Comune di SAINT-MARCEL

Comune di SAINT-MARCEL Comune di SAINT-MARCEL Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 13 del 11.04.2011 INDICE

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari I gentili clienti sono tenuti a leggere e a impegnarsi al rispetto del presente regolamento per il buon funzionamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI

REGOLAMENTO COMUNALE ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI COMUNE DI ARGEGNO Provincia di Como Via Valle Intelvi, 7 C.A.P. 22010 - c.f. 80010240135 - p. I.V.A. 00695450130 - tel. 031 821120 - fax 031-821977 REGOLAMENTO COMUNALE ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO. Centri Ippici e Patenti

REGOLAMENTO. Centri Ippici e Patenti REGOLAMENTO Centri Ippici e Patenti Regolamento dei Centri Ippici Regolamento Fiduciari Regionali, Fiduciari EDA, Fiduciari.altri settori.. Equitazione di Campagna Fiduciari Regionali, Fiduciari EDA, Fiduciari

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone Area Segreteria Area Segreteria/Istruzione/Cultura/Sport Tel 0434/68075 Fax 0434/68319 P.zza Cecchini 24 33073 Cordovado C.F. 80005330933 P. IVA 00410680938 www.comune.cordovado.pn.it

Dettagli

TURIN MARATHON Società Sportiva Dilettantistica Srl

TURIN MARATHON Società Sportiva Dilettantistica Srl DISPOSITIVO DI GARA Nome manifestazione: XXIX Turin Marathon Gran Premio La Stampa (Gara internazionale IAAF inserita nel calendario AIMS) Approvazione FIDAL Piemonte n. 405/strada/2015 oro Data: 4 ottobre

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli