Profesia University CATALOGO CORSI 2013/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Profesia University CATALOGO CORSI 2013/2014"

Transcript

1 Profesia University CATALOGO CORSI 2013/2014 Ultimo aggiornamento ottobre 2013

2 CHI SIAMO Profesia aiuta le imprese a governare e automatizzare i processi aziendali che hanno la loro complessità nel numero di persone, sistemi informativi coinvolti e budget. I percorsi formativi completano l offerta di commerciale, nell ottica di offrire ai propri clienti supporto e affiancamento nell adozione di soluzioni e metodologie nell ambito dell ingegneria dello sviluppo software. INFORMAZIONI GENERALI À I corsi si svolgono, salvo esigenze del cliente, presso la sede di Corso Orbassano, Torino (Centro Nadim) Scala 2 3 piano. Orario dei corsi > Pagamento: bonifico bancario, alla data di svolgimento del corso. La quota d'iscrizione comprende: materiali didattici, eventuali attrezzature multimediali e informatiche a supporto del partecipante, attestato di partecipazione, coffee- break. 8 L aula è dotata di proiettore e accesso a internet Wifi. Per la sistemazione alberghiera, i partecipanti possono avvalersi di convenzioni con alcuni hotel vicini alla sede del corso. TIPOLOGIA CORSI E COSTI IN AULA PRESSO PROFESIA ,00 /giorno a persona Tutti i corsi sono fruibili presso la sede del Cliente; su richiesta si confezionano percorsi dedicati. 2

3 Indice dei Corsi º Gestione dei Requisiti» 4 Ingegneria dei Requisiti Corso Base (2 g) 4 Precisazione dei Requisiti (2 g) 6 Definizione dei casi d uso di un sistema (2 g) 8 Subversion User/Team Training (2 g) 10 Configurazione e Amministrazione di Subversion (1 g) 12 MySubversion Workshop (1 g) 14 Git User/Team Training (2 g) 16 Configurazione e Amministrazione di Git (1 g) 18 MyGit Workshop (1 g) 19 º Modelli e tecniche di analisi e design» 20 UML - per la modellazione del Software (3 g) 20 SysML - per la modellazione dei sistemi (2 g) 23 BPM - per la modellazione dei processi di Business (2 g) 25 Modellazione concettuale e logica dei dati Hardware/Software (3 g) 27 Maven (2 g) 29 Maven Repository Management con Neus (1 g) 31 Build Automation con Jenkins (1 g) 32 Ant Nant (1 g) 34 º Formazione specialistica di prodotto» 36 Adobe InDesign 36 Enterprise Architect by Spar Systems (2 g) 38 Spar Systems Enterprise Architect Foundation (5 g) 40 Spar Systems Enterprise Architect Advanced (3 g) 43 Spar Systems Enterprise Architect Customization (2 g) 45 Test Automation con Selenium (1 g) 47 Test Complete by SmartBear Corso Base (2 g) 49 º Metodi» 50 Metodologie Agili, Scrum e extreme Programming (1 g) 50 Produzione di Applicazioni mobilli su Android (3 g) 52 Il Test in accordo con i modelli di riferimento per il continuous improvement CMMI Constellations 54 º Linguaggi» 57 Da COBOL a JAVA (1 g) 57 SQL Advanced (3 g) 59 Linguaggio WSDL (4 g) 61 Linguaggio XML (3 g) 63 Real Unified Modeling Language (5 g) 65 Unified Modeling Language Foundation (1 g) 67 º Contatti» 69 3

4 º Gestione dei Requisiti» Ingegneria dei Requisiti Corso Base (2 g) Titolo Ingegneria dei Requisiti Corso Base Codice RE01 Durata (GG) 2 Finalità Analisti ed Esperti di dominio acquisiranno in particolare la conoscenza dei ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti; il "ciclo di lavorazione" dei requisiti, dalla scoperta all'analisi, alla negoziazione, all'accordo, alle verifiche in corso d'opera; il conflitto di requisiti e quello tra requisiti, costi e tempi; le tecniche per l'individuazione e la specifica dei requisiti; la definizione dei criteri di accettazione per la verifica di corrispondenza tra requisiti e sistema. Obiettivi Contenuto Il corso intende fornire il bagaglio di conoscenze necessario a definire i requisiti di un sistema, ed a gestire il cambiamento di tali requisiti durante le diverse fasi di un progetto. I requisiti nello sviluppo dei sistemi Ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti, e le loro relazioni Ciclo di lavorazione dei requisiti e dei sistemi software nei diversi approcci metodologici (waterfall, processi iterativi, processi agili) Gestione dei requisiti nel Capability Maturity Model (CMMI) Tracciabilità dei requisiti Gestione del cambiamento dei requisiti in corso d'opera Tecniche per la scoperta dei requisiti Identificazione degli interlocutori da coinvolgere Interviste e workshop Recupero e analisi di documentazione da sistemi 4

5 esistenti Descrizione degli scenari di utilizzo Prototipi degli scenari di interazione Analizzare e specificare i requisiti Classificazione dei requisiti per tipologia Importanza e priorità relativa dei singoli requisiti Eliminazione delle ambiguità dai requisiti, e modalità di verifica Forme di documentazione e template Strumenti per la definizione e la gestione dei requisiti Durante il corso vengono effettuate numerose esercitazioni sulle tecniche affrontate in sede di esposizione teorica. Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Analisti, Esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti. E opportuna una conoscenza generale delle problematiche relative allo sviluppo e all evoluzione dei sistemi. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 5

6 Precisazione dei Requisiti (2 g) Titolo Precisazione dei Requisiti Codice RE02 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti affronteranno il tema della precisazione dei requisiti utile al fine della chiarezza, evidenziando differenze di interpretazione tra punti di vista diversi che altrimenti rimarrebbero nascoste. Serve a tutti i ruoli coinvolti nei progetti per valutare meglio le priorità e individuare soluzioni accettabili (trade-off) tra esigenze potenzialmente in contrasto. Serve per decidere le scelte architetturali e per fornire indicazioni migliori a chi sviluppa. Che si tratti di requisiti booleani (verificabili in termini di vero/falso, come i requisiti funzionali) o scalari (verificabili con misurazioni, come la maggior parte dei requisiti non funzionali), la precisazione dei requisiti consente di risparmiare tempi e costi, e di aumentare la qualità del sistema realizzato. Obiettivi Contenuto Nel corso vengono insegnate le tecniche più efficaci per precisare i requisiti, con numerose esercitazioni pratiche per consentirne un apprendimento effettivo. Verifiche sui requisiti documentati Verifiche strutturate della documentazione Walkthrough di scenari e casi d'uso Requisiti booleani e requisiti scalari Precisare i requisiti funzionali Precisare i requisiti non funzionali Scomposizione di requisiti complessi in requisiti elementari Scale e misurazioni Derivare i test dai requisiti La relazione tra requisiti e test Test per precisare i requisiti Derivare casi di test dai casi d'uso Specifiche eseguibili: FIT, Behaviour Driven Development 6

7 Target Requisiti di ingresso Analisti, Capi progetto, Esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti, Architetti e progettisti. Essendo un corso di approfondimento è opportuna la partecipazione preventiva al corso Ingegneria dei requisiti. Modalità didattiche Ausili didattici Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 7

8 Definizione dei casi d uso di un sistema (2 g) Titolo Definizione dei casi d uso di un sistema Codice PA01 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti affronteranno sia gli aspetti di modellazione (diagrammi dei casi d'uso) che le problematiche relative alla descrizione testuale, usata come strumento di specifica per la progettazione del sistema, anche attraverso una cospicua serie di esercitazioni pratiche. Obiettivi Contenuto Il corso fornisce il bagaglio di conoscenze necessario per individuare e definire in dettaglio i casi d'uso di un sistema, sia per la descrizione dei processi di business che per l'approfondimento e la specifica degli scenari di operatività degli utilizzatori nei confronti del sistema informatico. Casi d uso Teoria dei casi d'uso e ambito della loro applicazione Individuazione degli attori e definizione del contesto del sistema Relazioni tra attori e casi d'uso Modello dei casi d'uso "business" Modello dei casi d'uso per il sistema software Differenze tra casi d'uso e altre tecniche di definizione dei requisiti Specificare i casi d uso Descrizione testuale degli scenari (scenario base, scenari alternativi, varianti) Stili utilizzabili per la descrizione, e linee guida di scrittura Esercitazioni pratiche di scrittura dei casi d'uso, con verifica in aula Ruolo ed utilizzo dei diagrammi UML dei casi d'uso Relazioni tra casi d'uso in UML (specializzazione, etend, include), e ambito della loro applicazione 8

9 Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Analisti, Esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti. È opportuna una conoscenza generale delle problematiche di sviluppo e all evoluzione dei sistemi. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 9

10 Subversion User/Team Training (2 g) Titolo Subversion User/Team Training Codice CM01 Durata (GG) 2 Finalità La finalità del corso è l acquisizione della piena conoscenza di Subversion, uno dei sistemi di controllo di versione Open Source più diffuso. Subversion è uno standard di fatto per i sistemi di controllo delle versioni; è un progetto Open Source ed Profesia ne supporta la community Italiana grazie a subversionitalia.it. I partecipanti assisteranno ad interventi di carattere teorico seguiti da esercitazioni pratiche a consolidamento delle nozioni acquisite. Obiettivi Obiettivo del corso è fornire le basi teoriche e pratiche per sfruttare appieno le potenzialità di Subversion come utente sviluppatore e come configuration manager. Contenuto Concetti generali di Subversion Task tipici nell'uso di Subversion Scenari diversi (optimistic locking, pessimistic locking) Esercizi con il client di Subversion di preferenza dell'utente (ad esempio TurtoiseSVN, Subversive, linea di comando) Lavorare con i branch merging di bugfi e cambiamenti Target Qualunque utente di Subversion, in particolare se avete deciso di migrare verso Subversion o se la migrazione è già stata fatta. Se il team di sviluppo ha utilizzato fino ad ora uno strumento di controllo di versione differente ed è necessario aumentarne la produttività. Requisiti di ingresso Modalità Lezione frontale 10

11 didattiche Ausili didattici Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 11

12 Configurazione e Amministrazione di Subversion (1 g) Titolo Configurazione e Amministrazione di Subversion Codice CM02 Durata (GG) 1 Finalità Coloro che parteciperanno al corso acquisiranno le conoscenze necessarie a installare, rendere sicuro e configurare Subversion. Verranno inoltre spiegati concetti avanzati quali branching e merging. Obiettivi Questo corso fornisce tutte le informazioni necessarie a eseguire il set up di Subversion e lo si vuole configurare secondo le proprie esigenze. Contenuto Concetti generali di subversion Installazione di Subversion Backing up Subversion Branching, merging, tagging Sicurezza di Subversion Politiche di locking e proprietà di Subversion Target Amministratori, Build Manager, Configuration Manager, Project Manager Requisiti di ingresso Modalità didattiche Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica 12

13 Ausili didattici E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 13

14 MySubversion Workshop (1 g) Titolo MySubversion Workshop Codice CM06 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti al workshop potranno acquisire conoscenze di Subversion di alto e basso livello. Obiettivi Fornire nozioni di Subversion sulla base delle esigenze specifiche richieste dal cliente. Contenuto È possibile scegliere 5 o 6 argomenti a scelta tra i seguenti: Concetti generali di Subversion Installazione di Subversion Task tipici nell'uso di Subversion Scenari diversi (optimistic locking, pessimistic locking) Esercizi con il client di Subversion di preferenza dell'utente (ad esempio TurtoiseSVN, Subversive, linea di comando) Lavorare con i branch merging di bugfi e cambiamenti Backing up Subversion Branching, merging, tagging Sicurezza di Subversion Politiche di locking e properties di Subversion Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche A carico del cliente Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning 14

15 Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 15

16 Git User/Team Training (2 g) Titolo Git User/Team Training Codice CM04 Durata (GG) 2 Finalità Attraverso interventi di carattere teorico seguiti da esercitazioni pratiche, i partecipanti acquisiranno e consolideranno nozioni su Git, il sistema di controllo di versione distribuito Open Source più conosciuto e utilizzato. Concepito per il Configuration Management di progetti software di grandi dimensioni (è il sistema di versionamento utilizzato per lo sviluppo di Linu e Android), la sua natura distribuita ne rende l utilizzo efficace anche in contesti più ristretti. Si tratta di uno strumento molto potente e versatile, che incoraggia l utilizzo di branch locali e fornisce strumenti quale la stashing area per favorire lo sviluppatore nel cambio del contesto durante la fase di sviluppo. Il supporto a workflow multipli in ambiente distribuito, permette al configuration manager di definire il processo di gestione di configurazione più rispondente alle proprie esigenze. Obiettivi Obiettivo del corso è fornire le basi teoriche e pratiche per sfruttare appieno le potenzialità di Git come utente sviluppatore e come configuration manager. Contenuto Introduzione ai fondamenti del versioning con Git Installazione git su macchine win e linu/mac Git basics: comandi base per l'operatività quotidiana Tecniche di branching e merging avanzate Gestione branch remoti Workflow distribuiti Esercitazioni 16

17 Target Requisiti di ingresso Sviluppatori, Configuration Manager. Nessuno Modalità Lezione frontale didattiche Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 17

18 Configurazione e Amministrazione di Git (1 g) TITOLO Configurazione e Amministrazione di Git Codice CM03 Durata(GG) 1 Finalità I partecipanti acquisiranno competenze di configurazione e amministrazione di Git adeguate al ruolo di Configuration Manager. Obiettivi Il corso si pone l obiettivo di fornire ai futuri Configuration Manager di GIT gli strumenti per la definizione dei workflow collaborativi e per la gestione sistemistica dei repository remote. Contenuto Workflow distribuiti Panoramica dei protocolli disponibili Panoramica dei tool a supporto della configurazione sistemistica dei repository remoti Tematiche di sicurezza e di encryption Target I futuri amministratori sistemisti di Git (Configuration Manager e Sistemisti). Requisiti di ingresso Nessuno Modalità Lezione frontale didattiche Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 18

19 MyGit Workshop (1 g) Titolo MyGit Workshop Codice CM05 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti al workshop potranno acquisire conoscenze di Git di alto e basso livello. Obiettivi Contenuto Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Fornire nozioni di Git sulla base delle esigenze specifiche richieste dal cliente. È possibile scegliere 5 o 6 argomenti a scelta tra i seguenti: Introduzione ai fondamenti del versioning con Git Installazione git su macchine win e linu/mac Git basics: comandi base per l'operatività quotidiana Tecniche di branching e merging avanzate Gestione branch remoti Workflow distribuiti Panoramica dei protocolli disponibili Panoramica dei tool a supporto della configurazione sistemistica dei repository remoti Tematiche di sicurezza e di encryption A carico del cliente Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 19

20 º Modelli e tecniche di analisi e design» UML - per la modellazione del Software (3 g) Titolo UML - per la modellazione del Software Codice MO04 Durata (GG) 3 Finalità Attraverso un esercitazione / caso studio completa i partecipanti acquisiranno la piena conoscenza dei modelli e delle tecniche di analisi e design dell UML (Unified Modeling Language), il linguaggio di rappresentazione standard dei sistemi software, diffuso in tutto il mondo, che ha ormai raggiunto un livello di maturità sufficiente per essere usato in modo efficace e produttivo in ogni settore dello sviluppo software. Le modalità concrete dell uso di UML, però, variano a seconda dello stile di sviluppo adottato, dell ambito applicativo, delle relazioni esistenti e delle modalità di comunicazione tra i diversi ruoli coinvolti nei progetti. Obiettivi Il corso offre una panoramica completa sui concetti, sugli elementi e sui diagrammi di UML, con particolare attenzione alle modalità concrete del loro uso nelle diverse situazioni progettuali, fornendo linee guida minimali e pragmatiche che distinguono tra ciò che è indispensabile fare in ogni caso e ciò che può invece risultare utile solo in ambiti particolari. Contenuto Introduzione a UML Princìpi base Object Oriented Caratteristiche generali di UML UML e processi di sviluppo (a cascata, Unified Process, iterativi, agili) Panoramica sui diagrammi UML Model-Driven-Architecture (MDA) Costrutti generali (package, stereotipi, meccanismi di estensione, profili) 20

21 Cenni sugli strumenti di modellazione Casi d'uso Attori, casi d'uso, sistema di riferimento (subject) Diagramma dei casi d'uso Cenni sulla specifica dei casi d'uso Modellare gli aspetti strutturali del sistema Diagramma dei componenti rappresentazione di un sistema ad alto livello componenti interfacce dipendenze Diagramma delle strutture composite scomposizione di un elemento complesso in parti porte e connettori Diagramma dei package package per organizzare la documentazione di progetto package per organizzare il software Diagrammi delle classi e degli oggetti strategie per l'individuazione e la definizione delle classi attributi e operazioni associazioni e altre relazioni tra classi rappresentazione delle strutture dati relazioni tra componenti e classi Diagramma di deployment nodi connessioni ambienti di esecuzione Artifact e componenti Modellare gli aspetti dinamici del sistema Diagrammi di interazione messaggi e responsabilità diagramma di sequenza diagramma di comunicazione (collaborazione) 21

22 diagramma di overview dell'interazione diagramma di timing Diagramma di stato stati e transizioni stati compositi transizioni composite e pseudostati Diagramma di attività attività e azioni flussi di controllo parallelismi e sincronizzazioni oggetti in input ed output Target Analisti Architetti software Sviluppatori Requisiti di ingresso Modalità didattiche È opportuna una conoscenza generale delle problematiche di sviluppo e dell evoluzione dei sistemi software. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 22

23 SysML - per la modellazione dei sistemi (2 g) Titolo SysML - per la modellazione dei sistemi Codice MO02 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti apprenderanno approfondite conoscenze del Systems Modeling Language (SysML), lo standard OMG per l'ingegneria dei sistemi. Deriva da UML (Unified Modeling Language), lo standard per la rappresentazione del software, e ne costituisce un profilo compatibile. Rispetto a UML, SysML ha introdotto estensioni utili per la rappresentazione di sistemi complessi in cui il software, se presente, costituisce solo una delle componenti. L'esposizione dei concetti viene accompagnata da una nutrita serie di esercitazioni. Obiettivi Il corso presenta tutti i diagrammi SysML, che coprono dalla specifica dei requisiti alla definizione degli aspetti strutturali e comportamentali, evidenziando le relazioni che legano tra loro gli elementi per consentire la loro tracciabilità. Contenuto Introduzione a SysML Ambito di applicazione di SysML Relazioni con UML Panoramica sui diagrammi Rappresentazione dei requisiti Requirement Diagram Caratteristiche dei requisiti Tracciabilità dei requisiti con gli elementi di implementazione Aspetti strutturali Block Definition Diagram Internal Block Diagram Parametric Diagram Package Diagram Aspetti comportamentali Use Case Diagram Sequence Diagram State Machine Diagram 23

24 Activity Diagram Costrutti ulteriori Allocazioni Modelli, View, Viewpoint Target Capi progetto Ingegneri di sistemi Analisti e architetti IT Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici SysML estende UML. É quindi opportuna la preventiva partecipazione al corso "UML" o il possesso di conoscenze equivalenti. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 24

25 BPM - per la modellazione dei processi di Business (2 g) Titolo BPM - per la modellazione dei processi di Business Codice BU01 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti apprenderanno e approfondiranno le strategie per l'individuazione dei processi e gli aspetti tecnici per la loro descrizione. Affronteranno inoltre il tema dell'individuazione dei punti critici dei processi, e delle relative possibilità di miglioramento. L'esposizione teorica avviene con l'aiuto di un ampio insieme di esempi, e di esercitazioni pratiche di difficoltà crescente. Obiettivi Contenuto Il corso presenta la notazione standard per la rappresentazione dei processi organizzativi, BPMN (Business Process Model and Notation). Introduzione all analisi dei processi Livelli di modellazione Strategie per l individuazione dei processi di business Dove fermarsi: individuare i possibili punti di miglioramento Presentazione di BPMN Origine Caratteristiche generali Costrutti di base BPMN Processi, sottoprocessi, Task Flussi di sequenza e Gateway Eventi di inizio, intermedi, di fine Pool, Lane, Messaggi Costrutti avanzati BPMN Tipologie di eventi Tipologie di processi Tipologie di gateway 25

26 Target Analisti business Analisti IT Esperti di processo coinvolti nelle attività di modellazione Requisiti di ingresso Nessuno Modalità didattiche Ausili didattici Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 26

27 Modellazione concettuale e logica dei dati Hardware/Software (3 g) Titolo Modellazione concettuale e logica dei dati Hardware/Software Codice MO01 Durata (GG) 3 Finalità I partecipanti acquisiranno competenze di progettazione concettuale e logica dei dati. Obiettivi Contenuto La progettazione delle basi dati è un'attività essenziale nello sviluppo della maggior parte dei sistemi applicativi. Il corso espone i due modelli teorici più usati per la definizione di schemi concettuali e logici dei dati, l'entity Relationship (ER) ed il relazionale, trattando in modo dettagliato i meccanismi di astrazione, di generalizzazione e di aggregazione. In termini di rappresentazione vengono presentate le notazioni più diffuse: ER (nelle sue diverse varianti) ed il profilo di data modeling UML. La progettazione logica dei dati ha basi scientifiche (teoria della normalizzazione), ma anche aspetti meno deterministici, per i quali è necessaria la capacità di analizzare i pro ed i contro delle diverse soluzioni possibili per uno stesso problema. Per questo motivo il corso prevede numerose esercitazioni, e studio di casi reali. Concetti base Natura, obiettivi e vincoli della modellazione dei dati Architettura dei DBMS secondo il modello ANSI/SPARC I livelli concettuale, logico e fisico Il modello Entity Relationship Entità Attributo Tipi di dato base e user-defined Identificatore Associazione Generalizzazione / specializzazione Aggregazione Notazioni Entity Relationship (Chen e varianti) 27

28 Profilo UML di Data Modeling Il modello relazionale Relazioni Domini e Data Type Vincoli di integrità dei dati Operatori dell'algebra relazionale Forme normali e normalizzazione Dipendenza funzionale, dipendenza multivalente, dipendenza di join 1, 2, 3 forma normale BCNF, 4 e 5 forma normale Integrazione di schemi Evoluzione di schemi dati nello sviluppo incrementale Schemi di progetto e schemi aziendali Progettazione logica di data base Trasposizione di generalizzazioni / specializzazioni nel contesto relazionale Denormalizzazioni e altre forme di ottimizzazione Target Esperti di dominio applicativo Analisti Progettisti software Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 28

29 º Build Management» Maven (2 g) Titolo Maven Codice BM03 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti acquisiranno conoscenze approfondite sull utilizzo di Maven. Maven è molto di più di un tool di build automation; con Maven è infatti possibile automatizzare non solo il processo di build, ma anche quello di creazione di documentazione e reportistica dei progetti basati su tecnologia Java. Obiettivi Il corso si propone di fornire gli strumenti per: 1. Configurare il ciclo di vita della propria build, dal caso della semplice applicazione a quello di applicazioni multi-modulo. 2. Gestire la creazione di build dello stesso progetto destinate ad ambienti differenti 3. Creare la documentazione e la reportistica sul codice sorgente del progetto. Gli interventi di carattere teorico saranno seguiti da esercitazioni pratiche a consolidamento delle nozioni acquisite. Contenuto Prima giornata: Build portability e strumenti di build management. Breve introduzione al build tool Ant e principali differenze con Maven. Introduzione ai concetti fondanti di Maven (Convention over Configuration, common interface, common interface, universal reuse) Maven Project Object Model (POM) Maven plugins e goals Maven lifecycle Maven coordinates Maven repositories 29

30 Maven dependency Management Site generation e reporting Introduzione al plugin assembly Esercitazioni Seconda giornata POM in dettaglio o Effective POM e settings o Snapshot e Release o Builds number o Dependency ranges o Dipendenze transitive o POM inheritance Maven Multimodule Projects Multimodule Vs Inheritance Utilizzo di Profiles e Resource filtering per la gestione di diversi ambienti Maven assembly Esercitazioni Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Architetti, Sviluppatori, Build Manager Sono richieste competenze di Java e XML base Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 30

31 Maven Repository Management con Neus (1 g) Titolo Maven Repository Management con Neus Codice BM04 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti acquisiranno, anche attraverso esercitazioni pratiche, le competenze per l utilizzo di Sonatype Neus. Obiettivi Il corso si propone di fornire gli strumenti per l utilizzo di Sonatype Neus, che rappresenta il tool standard di fatto per il Maven repository management. Attraverso il server Neus è possibile condividere i propri artefatti all interno dell azienda e definire proy verso repository remoti pubblici. Neus è rilasciato in versione Open Source e in versione PRO. Contenuto o Introduzione di Sonatype Neus o Repository Management o Installazione, configurazione e amministrazione di Neus o Esercitazioni Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Architetti, Sviluppatori, Build Manager Conoscenza di Maven Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 31

32 Build Automation con Jenkins (1 g) Titolo Build Automation con Jenkins Codice BM02 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti acquisiranno le conoscenze di Build Automation con Jenkins, un applicazione web che permette l esecuzione e il monitoring di job. Grazie all integrazione con i tool di build automation (ant e Maven) e di Software Configuration Management (quali Svn, Git), viene utilizzato per l automazione del processo di build, testing e deploy, anche in modalità Continous Integration. Si tratta di uno strumento Open Source molto versatile e aperto all integrazione di plugin scritti in Java, molti dei quali resi disponibili da un attiva comunità di sviluppatori. Obiettivi Il corso viene proposto con un taglio spiccatamente pratico, e si pone l obiettivo di fornire gli strumenti per la configurazione di un server Jenkins in un ambiente di produzione reale. Contenuto Build portability e strumenti di build management Introduzione e concetti della continuous integration Installazione e configurazione del server Configurazione dei vari tipi di build (ant,maven,gradle) Automazione dei test Mettere Jenkins in sicurezza Notifiche Code quality Configurazione avanzata delle build Build distribuite Deploy automatico e Continous Delivery Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Build Manager Si richiede la conoscenza di base delle tematiche di build automation e di Maven o Ant Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing 32

33 Ausili didattici On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 33

34 Ant Nant (1 g) Titolo Ant Nant Codice BM01 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti impareranno in concreto l utilizzo dei software Ant e Nant. Ant è un software per l automazione del processo di build di applicativi Java. Il suo corrispettivo in ambiente.net è NAnt. In generale ant permette l automazione di un qualsiasi processo possa essere definito in termini di target e task. Ant fornisce una serie di task built-in che permettono la compilazione, il deploy e il running di applicazioni Java e può essere integrato negli IDE e nei tools di build automation quali Jenkins. Obiettivi Il corso viene proposto con un taglio spiccatamente pratico, e si pone l obiettivo di fornire gli strumenti per la configurazione di build complesse. Contenuto Build portability e strumenti di build management. Breve introduzione al build tool ANT e principali differenze con Maven. Ant concetti e terminologia Lavorare con Ant Integrare Ant nel vostro IDE (Eclipse - NetBeans - IntelliJ) Ant Tasks Automatizzare le build, test e deploy con ant Definire custom ant tasks Utilizzare Ant con Jenkins Esercitazioni Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Sviluppatori, Build Manager Sono richieste competenze di Java o C# e XML base Lezione frontale Lavoro di gruppo 34

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza!

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! Scheda corso ipad edition Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! E' pronto il nuovo corso Il tablet a Scuola, un corso rivoluzionario per due motivi: primo perchè

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Valutazione comparativa di applicazioni open source per il Business Process Management

Valutazione comparativa di applicazioni open source per il Business Process Management Valutazione comparativa di applicazioni open source per il Business Process Management Abstract Uno dei passi fondamentali della metodologia USBD (Unified Scenario-Based Design) è la modellazione dei processi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nazionalità Italiana Data di nascita Giugno 1973 Qualifica CONSULENTE DI BUSINESS INTELLIGENCE ESPERIENZE LAVORATIVE

Dettagli