Profesia University CATALOGO CORSI 2013/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Profesia University CATALOGO CORSI 2013/2014"

Transcript

1 Profesia University CATALOGO CORSI 2013/2014 Ultimo aggiornamento ottobre 2013

2 CHI SIAMO Profesia aiuta le imprese a governare e automatizzare i processi aziendali che hanno la loro complessità nel numero di persone, sistemi informativi coinvolti e budget. I percorsi formativi completano l offerta di commerciale, nell ottica di offrire ai propri clienti supporto e affiancamento nell adozione di soluzioni e metodologie nell ambito dell ingegneria dello sviluppo software. INFORMAZIONI GENERALI À I corsi si svolgono, salvo esigenze del cliente, presso la sede di Corso Orbassano, Torino (Centro Nadim) Scala 2 3 piano. Orario dei corsi > Pagamento: bonifico bancario, alla data di svolgimento del corso. La quota d'iscrizione comprende: materiali didattici, eventuali attrezzature multimediali e informatiche a supporto del partecipante, attestato di partecipazione, coffee- break. 8 L aula è dotata di proiettore e accesso a internet Wifi. Per la sistemazione alberghiera, i partecipanti possono avvalersi di convenzioni con alcuni hotel vicini alla sede del corso. TIPOLOGIA CORSI E COSTI IN AULA PRESSO PROFESIA ,00 /giorno a persona Tutti i corsi sono fruibili presso la sede del Cliente; su richiesta si confezionano percorsi dedicati. 2

3 Indice dei Corsi º Gestione dei Requisiti» 4 Ingegneria dei Requisiti Corso Base (2 g) 4 Precisazione dei Requisiti (2 g) 6 Definizione dei casi d uso di un sistema (2 g) 8 Subversion User/Team Training (2 g) 10 Configurazione e Amministrazione di Subversion (1 g) 12 MySubversion Workshop (1 g) 14 Git User/Team Training (2 g) 16 Configurazione e Amministrazione di Git (1 g) 18 MyGit Workshop (1 g) 19 º Modelli e tecniche di analisi e design» 20 UML - per la modellazione del Software (3 g) 20 SysML - per la modellazione dei sistemi (2 g) 23 BPM - per la modellazione dei processi di Business (2 g) 25 Modellazione concettuale e logica dei dati Hardware/Software (3 g) 27 Maven (2 g) 29 Maven Repository Management con Neus (1 g) 31 Build Automation con Jenkins (1 g) 32 Ant Nant (1 g) 34 º Formazione specialistica di prodotto» 36 Adobe InDesign 36 Enterprise Architect by Spar Systems (2 g) 38 Spar Systems Enterprise Architect Foundation (5 g) 40 Spar Systems Enterprise Architect Advanced (3 g) 43 Spar Systems Enterprise Architect Customization (2 g) 45 Test Automation con Selenium (1 g) 47 Test Complete by SmartBear Corso Base (2 g) 49 º Metodi» 50 Metodologie Agili, Scrum e extreme Programming (1 g) 50 Produzione di Applicazioni mobilli su Android (3 g) 52 Il Test in accordo con i modelli di riferimento per il continuous improvement CMMI Constellations 54 º Linguaggi» 57 Da COBOL a JAVA (1 g) 57 SQL Advanced (3 g) 59 Linguaggio WSDL (4 g) 61 Linguaggio XML (3 g) 63 Real Unified Modeling Language (5 g) 65 Unified Modeling Language Foundation (1 g) 67 º Contatti» 69 3

4 º Gestione dei Requisiti» Ingegneria dei Requisiti Corso Base (2 g) Titolo Ingegneria dei Requisiti Corso Base Codice RE01 Durata (GG) 2 Finalità Analisti ed Esperti di dominio acquisiranno in particolare la conoscenza dei ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti; il "ciclo di lavorazione" dei requisiti, dalla scoperta all'analisi, alla negoziazione, all'accordo, alle verifiche in corso d'opera; il conflitto di requisiti e quello tra requisiti, costi e tempi; le tecniche per l'individuazione e la specifica dei requisiti; la definizione dei criteri di accettazione per la verifica di corrispondenza tra requisiti e sistema. Obiettivi Contenuto Il corso intende fornire il bagaglio di conoscenze necessario a definire i requisiti di un sistema, ed a gestire il cambiamento di tali requisiti durante le diverse fasi di un progetto. I requisiti nello sviluppo dei sistemi Ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti, e le loro relazioni Ciclo di lavorazione dei requisiti e dei sistemi software nei diversi approcci metodologici (waterfall, processi iterativi, processi agili) Gestione dei requisiti nel Capability Maturity Model (CMMI) Tracciabilità dei requisiti Gestione del cambiamento dei requisiti in corso d'opera Tecniche per la scoperta dei requisiti Identificazione degli interlocutori da coinvolgere Interviste e workshop Recupero e analisi di documentazione da sistemi 4

5 esistenti Descrizione degli scenari di utilizzo Prototipi degli scenari di interazione Analizzare e specificare i requisiti Classificazione dei requisiti per tipologia Importanza e priorità relativa dei singoli requisiti Eliminazione delle ambiguità dai requisiti, e modalità di verifica Forme di documentazione e template Strumenti per la definizione e la gestione dei requisiti Durante il corso vengono effettuate numerose esercitazioni sulle tecniche affrontate in sede di esposizione teorica. Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Analisti, Esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti. E opportuna una conoscenza generale delle problematiche relative allo sviluppo e all evoluzione dei sistemi. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 5

6 Precisazione dei Requisiti (2 g) Titolo Precisazione dei Requisiti Codice RE02 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti affronteranno il tema della precisazione dei requisiti utile al fine della chiarezza, evidenziando differenze di interpretazione tra punti di vista diversi che altrimenti rimarrebbero nascoste. Serve a tutti i ruoli coinvolti nei progetti per valutare meglio le priorità e individuare soluzioni accettabili (trade-off) tra esigenze potenzialmente in contrasto. Serve per decidere le scelte architetturali e per fornire indicazioni migliori a chi sviluppa. Che si tratti di requisiti booleani (verificabili in termini di vero/falso, come i requisiti funzionali) o scalari (verificabili con misurazioni, come la maggior parte dei requisiti non funzionali), la precisazione dei requisiti consente di risparmiare tempi e costi, e di aumentare la qualità del sistema realizzato. Obiettivi Contenuto Nel corso vengono insegnate le tecniche più efficaci per precisare i requisiti, con numerose esercitazioni pratiche per consentirne un apprendimento effettivo. Verifiche sui requisiti documentati Verifiche strutturate della documentazione Walkthrough di scenari e casi d'uso Requisiti booleani e requisiti scalari Precisare i requisiti funzionali Precisare i requisiti non funzionali Scomposizione di requisiti complessi in requisiti elementari Scale e misurazioni Derivare i test dai requisiti La relazione tra requisiti e test Test per precisare i requisiti Derivare casi di test dai casi d'uso Specifiche eseguibili: FIT, Behaviour Driven Development 6

7 Target Requisiti di ingresso Analisti, Capi progetto, Esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti, Architetti e progettisti. Essendo un corso di approfondimento è opportuna la partecipazione preventiva al corso Ingegneria dei requisiti. Modalità didattiche Ausili didattici Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 7

8 Definizione dei casi d uso di un sistema (2 g) Titolo Definizione dei casi d uso di un sistema Codice PA01 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti affronteranno sia gli aspetti di modellazione (diagrammi dei casi d'uso) che le problematiche relative alla descrizione testuale, usata come strumento di specifica per la progettazione del sistema, anche attraverso una cospicua serie di esercitazioni pratiche. Obiettivi Contenuto Il corso fornisce il bagaglio di conoscenze necessario per individuare e definire in dettaglio i casi d'uso di un sistema, sia per la descrizione dei processi di business che per l'approfondimento e la specifica degli scenari di operatività degli utilizzatori nei confronti del sistema informatico. Casi d uso Teoria dei casi d'uso e ambito della loro applicazione Individuazione degli attori e definizione del contesto del sistema Relazioni tra attori e casi d'uso Modello dei casi d'uso "business" Modello dei casi d'uso per il sistema software Differenze tra casi d'uso e altre tecniche di definizione dei requisiti Specificare i casi d uso Descrizione testuale degli scenari (scenario base, scenari alternativi, varianti) Stili utilizzabili per la descrizione, e linee guida di scrittura Esercitazioni pratiche di scrittura dei casi d'uso, con verifica in aula Ruolo ed utilizzo dei diagrammi UML dei casi d'uso Relazioni tra casi d'uso in UML (specializzazione, etend, include), e ambito della loro applicazione 8

9 Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Analisti, Esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti. È opportuna una conoscenza generale delle problematiche di sviluppo e all evoluzione dei sistemi. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 9

10 Subversion User/Team Training (2 g) Titolo Subversion User/Team Training Codice CM01 Durata (GG) 2 Finalità La finalità del corso è l acquisizione della piena conoscenza di Subversion, uno dei sistemi di controllo di versione Open Source più diffuso. Subversion è uno standard di fatto per i sistemi di controllo delle versioni; è un progetto Open Source ed Profesia ne supporta la community Italiana grazie a subversionitalia.it. I partecipanti assisteranno ad interventi di carattere teorico seguiti da esercitazioni pratiche a consolidamento delle nozioni acquisite. Obiettivi Obiettivo del corso è fornire le basi teoriche e pratiche per sfruttare appieno le potenzialità di Subversion come utente sviluppatore e come configuration manager. Contenuto Concetti generali di Subversion Task tipici nell'uso di Subversion Scenari diversi (optimistic locking, pessimistic locking) Esercizi con il client di Subversion di preferenza dell'utente (ad esempio TurtoiseSVN, Subversive, linea di comando) Lavorare con i branch merging di bugfi e cambiamenti Target Qualunque utente di Subversion, in particolare se avete deciso di migrare verso Subversion o se la migrazione è già stata fatta. Se il team di sviluppo ha utilizzato fino ad ora uno strumento di controllo di versione differente ed è necessario aumentarne la produttività. Requisiti di ingresso Modalità Lezione frontale 10

11 didattiche Ausili didattici Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 11

12 Configurazione e Amministrazione di Subversion (1 g) Titolo Configurazione e Amministrazione di Subversion Codice CM02 Durata (GG) 1 Finalità Coloro che parteciperanno al corso acquisiranno le conoscenze necessarie a installare, rendere sicuro e configurare Subversion. Verranno inoltre spiegati concetti avanzati quali branching e merging. Obiettivi Questo corso fornisce tutte le informazioni necessarie a eseguire il set up di Subversion e lo si vuole configurare secondo le proprie esigenze. Contenuto Concetti generali di subversion Installazione di Subversion Backing up Subversion Branching, merging, tagging Sicurezza di Subversion Politiche di locking e proprietà di Subversion Target Amministratori, Build Manager, Configuration Manager, Project Manager Requisiti di ingresso Modalità didattiche Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica 12

13 Ausili didattici E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 13

14 MySubversion Workshop (1 g) Titolo MySubversion Workshop Codice CM06 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti al workshop potranno acquisire conoscenze di Subversion di alto e basso livello. Obiettivi Fornire nozioni di Subversion sulla base delle esigenze specifiche richieste dal cliente. Contenuto È possibile scegliere 5 o 6 argomenti a scelta tra i seguenti: Concetti generali di Subversion Installazione di Subversion Task tipici nell'uso di Subversion Scenari diversi (optimistic locking, pessimistic locking) Esercizi con il client di Subversion di preferenza dell'utente (ad esempio TurtoiseSVN, Subversive, linea di comando) Lavorare con i branch merging di bugfi e cambiamenti Backing up Subversion Branching, merging, tagging Sicurezza di Subversion Politiche di locking e properties di Subversion Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche A carico del cliente Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning 14

15 Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 15

16 Git User/Team Training (2 g) Titolo Git User/Team Training Codice CM04 Durata (GG) 2 Finalità Attraverso interventi di carattere teorico seguiti da esercitazioni pratiche, i partecipanti acquisiranno e consolideranno nozioni su Git, il sistema di controllo di versione distribuito Open Source più conosciuto e utilizzato. Concepito per il Configuration Management di progetti software di grandi dimensioni (è il sistema di versionamento utilizzato per lo sviluppo di Linu e Android), la sua natura distribuita ne rende l utilizzo efficace anche in contesti più ristretti. Si tratta di uno strumento molto potente e versatile, che incoraggia l utilizzo di branch locali e fornisce strumenti quale la stashing area per favorire lo sviluppatore nel cambio del contesto durante la fase di sviluppo. Il supporto a workflow multipli in ambiente distribuito, permette al configuration manager di definire il processo di gestione di configurazione più rispondente alle proprie esigenze. Obiettivi Obiettivo del corso è fornire le basi teoriche e pratiche per sfruttare appieno le potenzialità di Git come utente sviluppatore e come configuration manager. Contenuto Introduzione ai fondamenti del versioning con Git Installazione git su macchine win e linu/mac Git basics: comandi base per l'operatività quotidiana Tecniche di branching e merging avanzate Gestione branch remoti Workflow distribuiti Esercitazioni 16

17 Target Requisiti di ingresso Sviluppatori, Configuration Manager. Nessuno Modalità Lezione frontale didattiche Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 17

18 Configurazione e Amministrazione di Git (1 g) TITOLO Configurazione e Amministrazione di Git Codice CM03 Durata(GG) 1 Finalità I partecipanti acquisiranno competenze di configurazione e amministrazione di Git adeguate al ruolo di Configuration Manager. Obiettivi Il corso si pone l obiettivo di fornire ai futuri Configuration Manager di GIT gli strumenti per la definizione dei workflow collaborativi e per la gestione sistemistica dei repository remote. Contenuto Workflow distribuiti Panoramica dei protocolli disponibili Panoramica dei tool a supporto della configurazione sistemistica dei repository remoti Tematiche di sicurezza e di encryption Target I futuri amministratori sistemisti di Git (Configuration Manager e Sistemisti). Requisiti di ingresso Nessuno Modalità Lezione frontale didattiche Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 18

19 MyGit Workshop (1 g) Titolo MyGit Workshop Codice CM05 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti al workshop potranno acquisire conoscenze di Git di alto e basso livello. Obiettivi Contenuto Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Fornire nozioni di Git sulla base delle esigenze specifiche richieste dal cliente. È possibile scegliere 5 o 6 argomenti a scelta tra i seguenti: Introduzione ai fondamenti del versioning con Git Installazione git su macchine win e linu/mac Git basics: comandi base per l'operatività quotidiana Tecniche di branching e merging avanzate Gestione branch remoti Workflow distribuiti Panoramica dei protocolli disponibili Panoramica dei tool a supporto della configurazione sistemistica dei repository remoti Tematiche di sicurezza e di encryption A carico del cliente Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 19

20 º Modelli e tecniche di analisi e design» UML - per la modellazione del Software (3 g) Titolo UML - per la modellazione del Software Codice MO04 Durata (GG) 3 Finalità Attraverso un esercitazione / caso studio completa i partecipanti acquisiranno la piena conoscenza dei modelli e delle tecniche di analisi e design dell UML (Unified Modeling Language), il linguaggio di rappresentazione standard dei sistemi software, diffuso in tutto il mondo, che ha ormai raggiunto un livello di maturità sufficiente per essere usato in modo efficace e produttivo in ogni settore dello sviluppo software. Le modalità concrete dell uso di UML, però, variano a seconda dello stile di sviluppo adottato, dell ambito applicativo, delle relazioni esistenti e delle modalità di comunicazione tra i diversi ruoli coinvolti nei progetti. Obiettivi Il corso offre una panoramica completa sui concetti, sugli elementi e sui diagrammi di UML, con particolare attenzione alle modalità concrete del loro uso nelle diverse situazioni progettuali, fornendo linee guida minimali e pragmatiche che distinguono tra ciò che è indispensabile fare in ogni caso e ciò che può invece risultare utile solo in ambiti particolari. Contenuto Introduzione a UML Princìpi base Object Oriented Caratteristiche generali di UML UML e processi di sviluppo (a cascata, Unified Process, iterativi, agili) Panoramica sui diagrammi UML Model-Driven-Architecture (MDA) Costrutti generali (package, stereotipi, meccanismi di estensione, profili) 20

21 Cenni sugli strumenti di modellazione Casi d'uso Attori, casi d'uso, sistema di riferimento (subject) Diagramma dei casi d'uso Cenni sulla specifica dei casi d'uso Modellare gli aspetti strutturali del sistema Diagramma dei componenti rappresentazione di un sistema ad alto livello componenti interfacce dipendenze Diagramma delle strutture composite scomposizione di un elemento complesso in parti porte e connettori Diagramma dei package package per organizzare la documentazione di progetto package per organizzare il software Diagrammi delle classi e degli oggetti strategie per l'individuazione e la definizione delle classi attributi e operazioni associazioni e altre relazioni tra classi rappresentazione delle strutture dati relazioni tra componenti e classi Diagramma di deployment nodi connessioni ambienti di esecuzione Artifact e componenti Modellare gli aspetti dinamici del sistema Diagrammi di interazione messaggi e responsabilità diagramma di sequenza diagramma di comunicazione (collaborazione) 21

22 diagramma di overview dell'interazione diagramma di timing Diagramma di stato stati e transizioni stati compositi transizioni composite e pseudostati Diagramma di attività attività e azioni flussi di controllo parallelismi e sincronizzazioni oggetti in input ed output Target Analisti Architetti software Sviluppatori Requisiti di ingresso Modalità didattiche È opportuna una conoscenza generale delle problematiche di sviluppo e dell evoluzione dei sistemi software. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Ausili didattici Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 22

23 SysML - per la modellazione dei sistemi (2 g) Titolo SysML - per la modellazione dei sistemi Codice MO02 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti apprenderanno approfondite conoscenze del Systems Modeling Language (SysML), lo standard OMG per l'ingegneria dei sistemi. Deriva da UML (Unified Modeling Language), lo standard per la rappresentazione del software, e ne costituisce un profilo compatibile. Rispetto a UML, SysML ha introdotto estensioni utili per la rappresentazione di sistemi complessi in cui il software, se presente, costituisce solo una delle componenti. L'esposizione dei concetti viene accompagnata da una nutrita serie di esercitazioni. Obiettivi Il corso presenta tutti i diagrammi SysML, che coprono dalla specifica dei requisiti alla definizione degli aspetti strutturali e comportamentali, evidenziando le relazioni che legano tra loro gli elementi per consentire la loro tracciabilità. Contenuto Introduzione a SysML Ambito di applicazione di SysML Relazioni con UML Panoramica sui diagrammi Rappresentazione dei requisiti Requirement Diagram Caratteristiche dei requisiti Tracciabilità dei requisiti con gli elementi di implementazione Aspetti strutturali Block Definition Diagram Internal Block Diagram Parametric Diagram Package Diagram Aspetti comportamentali Use Case Diagram Sequence Diagram State Machine Diagram 23

24 Activity Diagram Costrutti ulteriori Allocazioni Modelli, View, Viewpoint Target Capi progetto Ingegneri di sistemi Analisti e architetti IT Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici SysML estende UML. É quindi opportuna la preventiva partecipazione al corso "UML" o il possesso di conoscenze equivalenti. Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 24

25 BPM - per la modellazione dei processi di Business (2 g) Titolo BPM - per la modellazione dei processi di Business Codice BU01 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti apprenderanno e approfondiranno le strategie per l'individuazione dei processi e gli aspetti tecnici per la loro descrizione. Affronteranno inoltre il tema dell'individuazione dei punti critici dei processi, e delle relative possibilità di miglioramento. L'esposizione teorica avviene con l'aiuto di un ampio insieme di esempi, e di esercitazioni pratiche di difficoltà crescente. Obiettivi Contenuto Il corso presenta la notazione standard per la rappresentazione dei processi organizzativi, BPMN (Business Process Model and Notation). Introduzione all analisi dei processi Livelli di modellazione Strategie per l individuazione dei processi di business Dove fermarsi: individuare i possibili punti di miglioramento Presentazione di BPMN Origine Caratteristiche generali Costrutti di base BPMN Processi, sottoprocessi, Task Flussi di sequenza e Gateway Eventi di inizio, intermedi, di fine Pool, Lane, Messaggi Costrutti avanzati BPMN Tipologie di eventi Tipologie di processi Tipologie di gateway 25

26 Target Analisti business Analisti IT Esperti di processo coinvolti nelle attività di modellazione Requisiti di ingresso Nessuno Modalità didattiche Ausili didattici Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 26

27 Modellazione concettuale e logica dei dati Hardware/Software (3 g) Titolo Modellazione concettuale e logica dei dati Hardware/Software Codice MO01 Durata (GG) 3 Finalità I partecipanti acquisiranno competenze di progettazione concettuale e logica dei dati. Obiettivi Contenuto La progettazione delle basi dati è un'attività essenziale nello sviluppo della maggior parte dei sistemi applicativi. Il corso espone i due modelli teorici più usati per la definizione di schemi concettuali e logici dei dati, l'entity Relationship (ER) ed il relazionale, trattando in modo dettagliato i meccanismi di astrazione, di generalizzazione e di aggregazione. In termini di rappresentazione vengono presentate le notazioni più diffuse: ER (nelle sue diverse varianti) ed il profilo di data modeling UML. La progettazione logica dei dati ha basi scientifiche (teoria della normalizzazione), ma anche aspetti meno deterministici, per i quali è necessaria la capacità di analizzare i pro ed i contro delle diverse soluzioni possibili per uno stesso problema. Per questo motivo il corso prevede numerose esercitazioni, e studio di casi reali. Concetti base Natura, obiettivi e vincoli della modellazione dei dati Architettura dei DBMS secondo il modello ANSI/SPARC I livelli concettuale, logico e fisico Il modello Entity Relationship Entità Attributo Tipi di dato base e user-defined Identificatore Associazione Generalizzazione / specializzazione Aggregazione Notazioni Entity Relationship (Chen e varianti) 27

28 Profilo UML di Data Modeling Il modello relazionale Relazioni Domini e Data Type Vincoli di integrità dei dati Operatori dell'algebra relazionale Forme normali e normalizzazione Dipendenza funzionale, dipendenza multivalente, dipendenza di join 1, 2, 3 forma normale BCNF, 4 e 5 forma normale Integrazione di schemi Evoluzione di schemi dati nello sviluppo incrementale Schemi di progetto e schemi aziendali Progettazione logica di data base Trasposizione di generalizzazioni / specializzazioni nel contesto relazionale Denormalizzazioni e altre forme di ottimizzazione Target Esperti di dominio applicativo Analisti Progettisti software Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 28

29 º Build Management» Maven (2 g) Titolo Maven Codice BM03 Durata (GG) 2 Finalità I partecipanti acquisiranno conoscenze approfondite sull utilizzo di Maven. Maven è molto di più di un tool di build automation; con Maven è infatti possibile automatizzare non solo il processo di build, ma anche quello di creazione di documentazione e reportistica dei progetti basati su tecnologia Java. Obiettivi Il corso si propone di fornire gli strumenti per: 1. Configurare il ciclo di vita della propria build, dal caso della semplice applicazione a quello di applicazioni multi-modulo. 2. Gestire la creazione di build dello stesso progetto destinate ad ambienti differenti 3. Creare la documentazione e la reportistica sul codice sorgente del progetto. Gli interventi di carattere teorico saranno seguiti da esercitazioni pratiche a consolidamento delle nozioni acquisite. Contenuto Prima giornata: Build portability e strumenti di build management. Breve introduzione al build tool Ant e principali differenze con Maven. Introduzione ai concetti fondanti di Maven (Convention over Configuration, common interface, common interface, universal reuse) Maven Project Object Model (POM) Maven plugins e goals Maven lifecycle Maven coordinates Maven repositories 29

30 Maven dependency Management Site generation e reporting Introduzione al plugin assembly Esercitazioni Seconda giornata POM in dettaglio o Effective POM e settings o Snapshot e Release o Builds number o Dependency ranges o Dipendenze transitive o POM inheritance Maven Multimodule Projects Multimodule Vs Inheritance Utilizzo di Profiles e Resource filtering per la gestione di diversi ambienti Maven assembly Esercitazioni Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Architetti, Sviluppatori, Build Manager Sono richieste competenze di Java e XML base Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 30

31 Maven Repository Management con Neus (1 g) Titolo Maven Repository Management con Neus Codice BM04 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti acquisiranno, anche attraverso esercitazioni pratiche, le competenze per l utilizzo di Sonatype Neus. Obiettivi Il corso si propone di fornire gli strumenti per l utilizzo di Sonatype Neus, che rappresenta il tool standard di fatto per il Maven repository management. Attraverso il server Neus è possibile condividere i propri artefatti all interno dell azienda e definire proy verso repository remoti pubblici. Neus è rilasciato in versione Open Source e in versione PRO. Contenuto o Introduzione di Sonatype Neus o Repository Management o Installazione, configurazione e amministrazione di Neus o Esercitazioni Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Ausili didattici Architetti, Sviluppatori, Build Manager Conoscenza di Maven Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 31

32 Build Automation con Jenkins (1 g) Titolo Build Automation con Jenkins Codice BM02 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti acquisiranno le conoscenze di Build Automation con Jenkins, un applicazione web che permette l esecuzione e il monitoring di job. Grazie all integrazione con i tool di build automation (ant e Maven) e di Software Configuration Management (quali Svn, Git), viene utilizzato per l automazione del processo di build, testing e deploy, anche in modalità Continous Integration. Si tratta di uno strumento Open Source molto versatile e aperto all integrazione di plugin scritti in Java, molti dei quali resi disponibili da un attiva comunità di sviluppatori. Obiettivi Il corso viene proposto con un taglio spiccatamente pratico, e si pone l obiettivo di fornire gli strumenti per la configurazione di un server Jenkins in un ambiente di produzione reale. Contenuto Build portability e strumenti di build management Introduzione e concetti della continuous integration Installazione e configurazione del server Configurazione dei vari tipi di build (ant,maven,gradle) Automazione dei test Mettere Jenkins in sicurezza Notifiche Code quality Configurazione avanzata delle build Build distribuite Deploy automatico e Continous Delivery Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Build Manager Si richiede la conoscenza di base delle tematiche di build automation e di Maven o Ant Nessuno Lezione frontale Lavoro di gruppo Role playing 32

33 Ausili didattici On the job Aula didattica E-learning Dispense Esercitazioni Simulazioni su pc Case study Supporti audio-video Multimedia 33

34 Ant Nant (1 g) Titolo Ant Nant Codice BM01 Durata (GG) 1 Finalità I partecipanti impareranno in concreto l utilizzo dei software Ant e Nant. Ant è un software per l automazione del processo di build di applicativi Java. Il suo corrispettivo in ambiente.net è NAnt. In generale ant permette l automazione di un qualsiasi processo possa essere definito in termini di target e task. Ant fornisce una serie di task built-in che permettono la compilazione, il deploy e il running di applicazioni Java e può essere integrato negli IDE e nei tools di build automation quali Jenkins. Obiettivi Il corso viene proposto con un taglio spiccatamente pratico, e si pone l obiettivo di fornire gli strumenti per la configurazione di build complesse. Contenuto Build portability e strumenti di build management. Breve introduzione al build tool ANT e principali differenze con Maven. Ant concetti e terminologia Lavorare con Ant Integrare Ant nel vostro IDE (Eclipse - NetBeans - IntelliJ) Ant Tasks Automatizzare le build, test e deploy con ant Definire custom ant tasks Utilizzare Ant con Jenkins Esercitazioni Target Requisiti di ingresso Modalità didattiche Sviluppatori, Build Manager Sono richieste competenze di Java o C# e XML base Lezione frontale Lavoro di gruppo 34

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 22 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) Indice degli argomenti Introduzione all Ingegneria del Software UML Design Patterns Refactoring

Dettagli

Dettaglio dei corsi in aula

Dettaglio dei corsi in aula L offerta formativa Dettaglio dei corsi in aula Software Engineering Object Oriented Analysis and Design: fondamenti e principi dell object orientation. Dall analisi alla progettazione. I Design Pattern.

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 28 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java

Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso Analista Programmatore Java Tematiche Trattate Modulo Uno

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

Corso analista programmatore Java. Corso analista programmatore Java Programma

Corso analista programmatore Java. Corso analista programmatore Java Programma Corso analista programmatore Java Programma 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche per svolgere la professione di Programmatore

Dettagli

ALTEN è ad oggi training Provider:

ALTEN è ad oggi training Provider: L ALTEN ITALIA ACADEMY è l ente di formazione specialistica del gruppo ALTEN in Italia che, in ragione del proprio accreditamento, talvolta esclusivo, con alcuni dei più importanti schemi di certificazione

Dettagli

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

MS WINDOWS SERVER 2008 - AUTOMATING ADMINISTRATION WITH WINDOWS POWERSHELL

MS WINDOWS SERVER 2008 - AUTOMATING ADMINISTRATION WITH WINDOWS POWERSHELL MS WINDOWS SERVER 2008 - AUTOMATING ADMINISTRATION WITH WINDOWS POWERSHELL UN BUON MOTIVO PER [cod. E102] L obiettivo del Corso è fornire ai partecipanti la preparazione e le competenze necessarie per

Dettagli

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Catia Trubiani Gran Sasso Science Institute (GSSI), L Aquila catia.trubiani@gssi.infn.it Cosa sono? 2 1

Dettagli

Software Project Management Plan Progetto Atena

Software Project Management Plan Progetto Atena Software Project Management Plan Versioni: 0.1, rilasciata il 18/09/2004 Scheletro del documento 1.0, rilasciata il 20/2/2005 Versione finale Redatto da: Bianca Lo Cascio Davide Rizzo Approvato da: Bianca

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG LARMAN AGILE AND ITERATIVE DEVELOPMENT: A Manager s Guide APPLYING UML AND PATTERNS WORKSHOP: Mastering OOA/D ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI

Dettagli

Progetto di Informatica III

Progetto di Informatica III Progetto di Informatica III Sviluppo Agile (Agile Software Development) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Metodologia agile Agile Manifesto Che cos è l agilità

Dettagli

MS WINDOWS VISTA - DEPLOYING AND MANAGING THE MICROSOFT DESKTOP OPTIMIZATION PACKS

MS WINDOWS VISTA - DEPLOYING AND MANAGING THE MICROSOFT DESKTOP OPTIMIZATION PACKS MS WINDOWS VISTA - DEPLOYING AND MANAGING THE MICROSOFT DESKTOP OPTIMIZATION PACKS UN BUON MOTIVO PER [cod. E405] L obiettivo del Corso è fornire ai partecipanti la preparazione e le competenze necessarie

Dettagli

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Relatore Felice Del Mauro Roma, Cosa è la Continuous Integration A software development practice where members of a team integrate their

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Titolo del corso in Catalogo del corso (in ore)

Titolo del corso in Catalogo del corso (in ore) Tematica formativa del Catalogo * Titolo del corso in Catalogo Durata del corso (in ore) Livello del corso ** Modalità di verifica finale *** Abilità personali Intelligenza relazionale: processo di comunicazione

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

4.0. 04/03/2015 Information & Communication Technology Group

4.0. 04/03/2015 Information & Communication Technology Group 4.0 04/03/2015 What s AlmaToolBox? Middleware OS & CI Jenkins: motore di automazione delle Build Jfrog Artifactory: repository manager Selenium: automazione test web SonarQube: strumenti di analisi statica

Dettagli

Introduzione a UML 2.0 1 parte Iolanda Salinari

Introduzione a UML 2.0 1 parte Iolanda Salinari Introduzione a UML 2.0 1 parte Iolanda Salinari Per un introduzione generale ai diagrammi UML si rimanda al tutorial Introduzione UML presente su questo sito UML E un linguaggio che serve per visualizzare

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica lllo Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER SOI (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES ROMA 27-29 MAGGIO 2009 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 White paper Novembre 2007 Per informazioni aggiornate, visitare l indirizzo www.microsoft.com/italy/vstudio È possibile che a questo

Dettagli

Small Software Factories

Small Software Factories NEWITS SERVIZI PER LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Small Software Factories Sviluppare software in piccole realtà per grandi clienti Software Configuration Management 1 Software Configuration Management

Dettagli

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro Processi di Sviluppo Software Introduzione Giuseppe Calavaro Processi di sviluppo software - Agenda Differenza tra Programmazione e Progettazione SW I Processi di Sviluppo Software Waterfall Spirale RUP

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Area di formazione. Mobile & Technology. Ingolosito dalle nuove tecnologie? Appassionato di sviluppo App e Mobile? Corso ios avanzato Swift

Area di formazione. Mobile & Technology. Ingolosito dalle nuove tecnologie? Appassionato di sviluppo App e Mobile? Corso ios avanzato Swift Area di formazione Mobile & Technology Ingolosito dalle nuove tecnologie? Appassionato di sviluppo App e Mobile? 01 02 03 04 05 Corso ios base Swift Corso ios avanzato Swift AngularJS Up and running Ideare

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1 Il percorso formativo MAD 2 rappresenta un efficace risposta ai fabbisogni di formazione di specifiche figure professionali specializzate nella progettazione, sviluppo e design di applicazioni per smartphone

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 Fumarola Roberta, Galeano Antonio Andrea Linguaggio di modellazione Insieme di simboli e regole atto a descrivere la struttura e le funzionalità di un Database prima

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Mobile & Technology. Area di formazione. Corso ios base. Corso ios avanzato. Il mondo delle App: idee, creatività, business.

Mobile & Technology. Area di formazione. Corso ios base. Corso ios avanzato. Il mondo delle App: idee, creatività, business. Area di formazione Mobile & Technology 01 02 03 04 05 Corso ios base Corso ios avanzato Il mondo delle App: idee, creatività, business Progetto App AngularJS - Up and running 01 Corso ios base Ore: 24

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Progetto di Informatica III. Introduzione al corso

Progetto di Informatica III. Introduzione al corso Progetto di Informatica III Introduzione al corso Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Contatti Obiettivo Natura Argomenti Organizzazione Materiale didattico Modalità

Dettagli

ALLEGATO 1.1 PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 1.1 PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI BASATI SU TECNOLOGIE JAVA E PHP CIG. 56017538CE

Dettagli

I N G E G N E R E G I A N L U C A D I T O M A S S I

I N G E G N E R E G I A N L U C A D I T O M A S S I PACCHETTI FORMATIVI Corso Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS): linee guida e misure attuative Il codice sulla privacy Adempimenti ed opportunità La cultura della sicurezza come vantaggio competitivo

Dettagli

MS SHAREPOINT 2003 - ADMINISTRATING SHAREPOINT SERVICES AND SHAREPOINT PORTAL SERVER 2003

MS SHAREPOINT 2003 - ADMINISTRATING SHAREPOINT SERVICES AND SHAREPOINT PORTAL SERVER 2003 MS SHAREPOINT 2003 - ADMINISTRATING SHAREPOINT SERVICES AND SHAREPOINT PORTAL SERVER 2003 [cod. E722] UN BUON MOTIVO PER L obiettivo del corso è fornire agli studenti le conoscenze e gli skill necessari

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379 www.abba-ballini.it email: info@abba-ballini.it DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Sistemi

Dettagli

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Agile Origini dello Sviluppo Agile Proposta di un gruppo di sviluppatori che rilevava una serie di criticità degli approcci convenzionali: Troppa rigidità dei

Dettagli

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso di Sviluppo su Cellulari con Android Programma Base Modulo Uno - Programmazione

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati

Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati 2 0 0 9 p r i m o s e m e s t r e Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE 1 SEMESTRE

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Claudia Raibulet raibulet@disco.unimib.it Il processo di sviluppo software Rappresenta un insieme di attività per la specifica, progettazione, implementazione,

Dettagli

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno:

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno: ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GUGLIELMO MARCONI Piazza Poerio 2, 70126 Bari - Tel.080-5534450 Fax.080-5559037 - www.marconibari.it - info@marconibari.it Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013

Dettagli

WorkFlow Management Systems

WorkFlow Management Systems WorkFlow Management Systems Cosa è un? Automazione di un processo aziendale (business process) con: documenti, informazioni e compiti partecipanti insieme predefinito di regole obiettivo comune 2 Esempi

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT ROMA 23-25 GIUGNO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione ICT Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Descrizione In questo corso viene descritto PL/SQL e vengono illustrati i vantaggi derivanti dall'uso di questo potente linguaggio di programmazione. Viene spiegato come creare blocchi di codice PL/SQL

Dettagli

sviluppo di dispositivi medici

sviluppo di dispositivi medici La soluzione Rational per lo sviluppo di dispositivi medici Indice 1 La soluzione Rational per lo sviluppo di dispositivi medici 3 Flussi di lavoro di sviluppo sistemi per dispositivi medici 7 Gestione

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP5 R7 1ª edizione (luglio 2012) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it Modelli di Processo Il Modello del Processo Il modello del processo stabilisce i principi di base su cui si fonda lo sviluppo del software (e a cui è dovuto il successo o l insuccesso) Non esiste un unico

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 15-17 NOVEMBRE 2010 ROMA 18-19 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 15-17 NOVEMBRE 2010 ROMA 18-19 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART DESIGNING FOR USABILITY Tecniche collaudate di GUI Design, Web Accessibility e Information Architecture RAPID PROTOTYPING Tecniche collaudate di Prototyping per

Dettagli

CIISE 2014 CONFERENZA INCOSE ITALIA SU SYSTEMS ENGINEERING. Modeling Approaches for the Design and Analysis of Complex Systems Prima Parte

CIISE 2014 CONFERENZA INCOSE ITALIA SU SYSTEMS ENGINEERING. Modeling Approaches for the Design and Analysis of Complex Systems Prima Parte CIISE 2014 CONFERENZA INCOSE ITALIA SU SYSTEMS ENGINEERING Modeling Approaches for the Design and Analysis of Complex Systems Prima Parte Università di Tor Vergata ROMA, 24-25 Novembre 2014 Model Based

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica. Ingegneria del Software II (IS2)

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica. Ingegneria del Software II (IS2) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Ingegneria del Software II (IS2) a.a. 2010/12 Ingegneria del Software 2 - Introduzione 1 Docente Prof.ssa Anna Rita Fasolino Dipartimento di Informatica

Dettagli

MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione dei profili professionali INDICE 1 PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI 3 1.1 CAPO PROGETTO 3 1.2 ANALISTA FUNZIONALE 4 1.3 ANALISTA PROGRAMMATORE 5 1.4 PROGRAMMATORE

Dettagli

Corso Online. We Train Italy info@wetrainitaly.it

Corso Online. We Train Italy info@wetrainitaly.it Corso Online Programmatore Java New Edition We Train Italy info@wetrainitaly.it Programma Generale del Corso Programmatore Java New Edition 1. Introduzione al corso Java da 0 al web Presentazione del corso

Dettagli

MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS

MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS UN BUON MOTIVO PER [cod. E103] Questo corso combina i contenuti di tre corsi: Network Infrastructure Technology Specialist, Active

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 1 di 21 Indice 1 CICLI DI VITA... 3 1.1 Ciclo di Sviluppo... 3 1.2 Ciclo di Manutenzione... 6 2 LE FASI PROGETTUALI...

Dettagli

Introduzione a UML. Adriano Comai. http://www.analisi-disegno.com. versione 19 marzo 2010. Adriano Comai. Introduzione a UML Pag.

Introduzione a UML. Adriano Comai. http://www.analisi-disegno.com. versione 19 marzo 2010. Adriano Comai. Introduzione a UML Pag. Introduzione a UML versione 19 marzo 2010 http://www.analisi-disegno.com Introduzione a UML Pag. 1 Obiettivo di questa introduzione fornire alcuni elementi di base su UML introdurre i diagrammi fornire

Dettagli

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261)

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Questo corso ha lo scopo di fornire ai professionisti senza esperienza specifica di lavoro con Microsoft

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo di Residenza Indirizzo di Domicilio SARA GILLO VIALE VESUVIO N 6E, 80040 VOLLA(NA). VIA LA SPEZIA

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROGER ROMA 24-25 MAGGIO 2010 ROMA 26-27 MAGGIO 2010 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROGER ROMA 24-25 MAGGIO 2010 ROMA 26-27 MAGGIO 2010 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROGER BURLTON BUSINESS PROCESS MANAGEMENT GESTIRE I VOSTRI PROCESSI COME ASSETS BUSINESS PROCESS MODELING, ANALISI E DESIGN ROMA 24-25 MAGGIO 2010 ROMA 26-27 MAGGIO 2010

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Glossario Standard dei termini usati nell Ingegneria dei Requisiti

Glossario Standard dei termini usati nell Ingegneria dei Requisiti Glossario Standard dei termini usati nell Ingegneria dei Requisiti Versione 1.3 (1 Dicembre 2014) DOCUMENTO DI TRACCIABILITÁ DEI TERMINI tra GLOSSARIO REQB in LINGUA e GLOSSARIO tradotto in LINGUA ITALIANA

Dettagli

CRAIG LARMAN ROMA 9 GIUGNO 2008 ROMA 10-13 GIUGNO 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

CRAIG LARMAN ROMA 9 GIUGNO 2008 ROMA 10-13 GIUGNO 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG LARMAN Agile and Iterative Development: a Manager s Guide Agile Modeling con UML, Patterns e sviluppo Test-Driven ROMA 9 GIUGNO 2008 ROMA 10-13 GIUGNO 2008 VISCONTI

Dettagli

Glossario Standard dei termini usati nell Ingegneria dei Requisiti

Glossario Standard dei termini usati nell Ingegneria dei Requisiti Glossario Standard dei termini usati nell Ingegneria dei Requisiti Versione 1 (15 aprile 2013) Prodotto dal Board DOCUMENTO DI TRACCIABILITÁ DEI TERMINI tra GLOSSARIO REQB in LINGUA e GLOSSARIO ITA-REQB

Dettagli

UML. Una introduzione incompleta. UML: Unified Modeling Language

UML. Una introduzione incompleta. UML: Unified Modeling Language UML Una introduzione incompleta 1/23 UML: Unified Modeling Language Lo Unified Modeling Language (UML) è una collezione di notazioni grafiche che aiuta a progettare sistemi software, specialmente quelli

Dettagli

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise SisTabWeb Web Sistema Tabelle for Enterprise Overview La condivisione del patrimonio dati a livello aziendale diventa essenziale nel momento in cui il sistema informativo, elemento chiave per l'efficienza

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES ROMA 18-19 MAGGIO 2015 ROMA 20-21 MAGGIO 2015 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES ROMA 18-19 MAGGIO 2015 ROMA 20-21 MAGGIO 2015 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES HOBART MOBILE DESIGN FOR ENTERPRISE USER EXPERIENCE (UX) DESIGN ROMA 18-19 MAGGIO 2015 ROMA 20-21 MAGGIO 2015 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 info@technologytransfer.it

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI?

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Agenda Cloud Overview Approccio al Cloud Computing Impatto sullo sviluppo delle applicazioni

Dettagli

Processi per lo sviluppo rapido del software

Processi per lo sviluppo rapido del software Lezione 3 Processi per lo sviluppo rapido del software Sviluppo Rapido del Software Slide 1 Riferimenti bibliografici I. Sommerville Ingegneria del Software 8a edizione Cap.17 R. Pressman- Principi di

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

02CIXPG Sistemi informativi aziendali

02CIXPG Sistemi informativi aziendali 02CIXPG Sistemi informativi aziendali Introduzione al Corso 1 http://bit.ly/sistinfo http://elite.polito.it/ teaching-mainmenu-69/ laurea-specialistica-mainmenu-83/117-02cix Fulvio Corno Dipartimento di

Dettagli

è laforzadel gruppo www.evolviti.it Evolviti s.r.l. - Via Gian Domenico Romagnosi, 1b - 00196 Roma - tel 0688816711

è laforzadel gruppo www.evolviti.it Evolviti s.r.l. - Via Gian Domenico Romagnosi, 1b - 00196 Roma - tel 0688816711 e ela forzadel singolo è laforzadel gruppo www.evolviti.it Evolviti s.r.l. Via Gian Domenico Romagnosi, 1b 00196 Roma tel 0688816711 ii SOMMARIO CHI SIAMO 1 INFO GENERALI, LA MISSION....................

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 6 C.F.U. 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti

Dettagli

ALLEGATO 1.5 DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI E MODELLO DEI CURRICULA VITAE

ALLEGATO 1.5 DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI E MODELLO DEI CURRICULA VITAE ALLEGATO 1.5 DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI E MODELLO DEI CURRICULA VITAE Allegato 1.5 Descrizione dei profili professionali e modello CV Pagina 1 di 31 Indice 1. Introduzione... 3 2. Profili professionali

Dettagli

Paradigma object-oriented

Paradigma object-oriented Paradigma object-oriented Dati & Comportamento Implementazione trasparente dei servizi Facile mantenimento Omogeneità nella gerarchia dati-funzioni Procedural approach OO approach Data hierarchy Replaced

Dettagli