STUDIO DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI"

Transcript

1 Dipartimento III - Servizi per la Formazione, il lavoro e la qualità della vita Direzione - Ufficio 2 "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 3 Report 2014 sul Mercato del Lavoro della Provincia di Roma STUDIO DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI Responsabile scientifico: Giovanni Calcerano Staff tecnico: Elisabetta Rossetti, Paolo Pucello

2 Indice Premessa...3 Esiti occupazionali degli iscritti ai Centri per l'impiego...4 Esiti occupazionali degli iscritti ai corsi CPFP...7 Analisi esiti dei tirocini chiusi nel OSSERVAZIONI FINALI...13 Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 2 di 13

3 Premessa Questo terzo report del mercato del lavoro della Provincia di Roma vuole evidenziare i risultati ottenuti, in termini di occupazione, da coloro i quali utilizzano i servizi per l'impiego e per la formazione della Provincia di Roma, oppure da coloro i quali utilizzano gli specifici strumenti messi a disposizione, quali il tirocinio. Già da subito è importante dire che è fuorviante focalizzare l analisi dell azione dei servizi della formazione e del lavoro sull unico momento dell'avviamento occupazionale, intendendo per esso quello in cui un lavoratore viene assunto da un datore di lavoro. Occorre mantenere una visione più ampia, che tenga in considerazione l intero processo di ricerca attiva del lavoro, sapendo che un lavoro può essere trovato molto più facilmente se si è formati e se si hanno le idee chiare su dove cercarlo, su come proporsi e per cosa proporsi. Insomma, se si diventa più abili nell assumere un ruolo attivo nella ricerca del lavoro. In questo senso è quindi importante capire se i servizi aiutano questi processi ed in che misura questo aiuto si trasforma in una maggiore capacità di cogliere le opportunità lavorative che si presentano. Tra l'altro, le esigenze di monitoraggio e valutazione delle politiche attive del lavoro sono profondamente mutate, negli ultimi anni, in virtù di una progressiva integrazione tra sistemi di istruzione e formazione, della quale è importante misurare l'efficacia. Il report è diviso in tre capitoli: Nel primo, andremo a valutare quanti riescono a trovare lavoro dopo essersi rivolti al Centro per l'impiego Nel secondo, valuteremo quanti riescono a trovare lavoro dopo avere svolto un corso presso un Centro di Formazione Professionale della Provincia di Roma Nel terzo, analizzeremo l'efficacia dello strumento del tirocinio, per il quale i Centri per l'impiego sono uno dei possibili soggetti promotori, quale mezzo per entrare, "in pianta stabile", in una azienda Infine, presenteremo un capitolo con le conclusioni emerse dalle suddette analisi. I dati relativi alle assunzioni sono tratti dal sistema Bussola della Provincia di Roma, che registra tutti gli avviamenti al lavoro comunicati dalle aziende e relativi a sedi e/o lavoratori del territorio. Quindi, l'analisi interessa l'intero panorama delle tutte (e sole) comunicazioni di assunzione "ufficiali". A differenza dunque di analoghe analisi svolte attraverso questionari, che chiedono informazioni anche su eventuale lavoro "nero", i dati presentati nel report sono sicuramente più attendibili (per l'omnicomprensività del nostro database di riferimento) ma potrebbero essere sottostimati, perché non fanno emergere quelle attività lavorative che sfuggono alle comunicazioni ufficiali. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 3 di 13

4 Esiti occupazionali degli iscritti ai Centri per l'impiego Nel corso dell'anno solare 2013 (1 gennaio 31 dicembre) sono state rese, presso i Centri per l'impiego della Provincia di Roma, un totale di Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro (quelle che, nella definizione "popolare", legata ai vecchi Uffici di collocamento, vengono definite iscrizioni). Suddividendo le iscrizioni in base alla fascia di età dei lavoratori, otteniamo la seguente tabella: Fascia di età Totale Iscrizioni Di cui uomini Di cui donne sotto i 20 anni da 20 a da 30 a da 40 a da 50 a e oltre TOTALE Suddivisione delle iscrizioni per fascia di età Iscrizioni sotto i 20 anni da 20 a 29 da 30 a 39 da 40 a 49 da 50 a e oltre E' da notare che, nel corso di uno stesso anno, una persona può anche iscriversi più di una volta. Può capitare infatti che l'iscritto trovi un lavoro temporaneo e, in seguito alla chiusura di tale rapporto, si rechi nuovamente al Centro per l'impiego per rendere ulteriore dichiarazione di disponibilità. Contando quindi il solo numero di cittadini che hanno reso almeno una iscrizione al Centro per l'impiego nel corso del 2013, otteniamo il valore di iscritti. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 4 di 13

5 Di questi, abbiamo verificato quanti, entro 6 mesi dall'iscrizione, abbiano trovato lavoro, con o senza intervento diretto dei Centri per l'impiego. Ne abbiamo ricavato che, dei iscritti, cittadini hanno avuto almeno un contratto di lavoro (a prescindere da tipologia, durata e qualifica) entro 6 mesi dall'iscrizione. Ossia, hanno trovato lavoro un numero di cittadini pari al 28,15% degli iscritti. Suddividendo i lavoratori per fasce di età, otteniamo la seguente tabella: Fascia di età Lavoratori sotto i 20 anni 1207 da 20 a da 30 a da 40 a da 50 a e oltre 586 TOTALE Suddivisione dei lavoratori che hanno trovato lavoro entro 6 mesi per fasce di età Lavoratori sotto i 20 anni da 20 a 29 da 30 a 39 da 40 a 49 da 50 a e oltre E' interessante mettere a confronto le percentuali di incidenza delle fasce di età rispetto alle iscrizioni e rispetto ai lavoratori che hanno trovato occupazione entro sei mesi. Attraverso tale confronto è possibile decifrare "l'appetibilità" delle diverse fasce sul mercato del lavoro. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 5 di 13

6 Percentuali di incidenza delle fasce di età rispetto alle iscrizioni e ai rapporti di lavoro 35,00% 30,00% 25,00% 20,00% 15,00% % Iscrizioni %Lavoratori 10,00% 5,00% 0,00% sotto i 20 anni da 20 a 29 da 30 a 39 da 40 a 49 da 50 a e oltre Si nota che, nelle fasce di età relative a cittadini tra 20 e 39 anni, l'incidenza percentuale dei lavoratori è maggiore dell'incidenza percentuale delle iscrizioni. Ossia, questo intervallo presenta una "appetibilità" particolarmente significativa sul mercato del lavoro. Per avere un ulteriore dettaglio riguardo gli esiti occupazionali di coloro i quali si rivolgono ai Centri per l'impiego, siamo andati ad analizzare nello specifico i lavoratori che hanno effettuato, nel corso del 2013, un PAI - Piano di Azione Individuale, che è lo strumento con cui si concorda un percorso personalizzato per favorire l occupabilità (proposte formative, incontro domanda offerta, etc.) A fronte di 3467 PAI redatti da altrettanti cittadini nel 2013, è stato verificato che 1127 di questi hanno avuto un rapporto di lavoro entro sei mesi, per una percentuale pari al 32,5% Ossia, quasi un terzo di coloro i quali hanno effettuato un PAI (quindi, si sono rivolte ai CPI della provincia ed hanno ricevuto un servizio di orientamento, incontro domanda offerta, preselezione) hanno trovato lavoro entro sei mesi. Rispetto alla verifica della maggiore o minore utilità dei CPI, questi numeri danno la misura di come, in realtà, i servizi offerti dai CPI entrino assolutamente in gioco, nel percorso di ricerca del lavoro, per una parte consistente delle persone disoccupate. Ovviamente, non è sicuramente possibile parlare di un nesso di diretta causalità fra servizi per l'impiego e susseguente occupazione. Tuttavia, è pacifico che attività di informazione mirata, orientamento in forma individuale o collettiva, partecipazione a percorsi di preselezione etc offrano un significativo valore aggiunto negli obiettivi di uscita dallo stato di disoccupazione. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 6 di 13

7 Esiti occupazionali degli iscritti ai corsi CPFP E' stata effettuata una analisi per verificare quanti, tra gli idonei dei corsi di formazione per maggiorenni svolti dai Centri Provinciali di Formazione Professionale e conclusi nell'anno formativo , abbiano poi ottenuto almeno un contratto di lavoro (di qualsiasi tipo, e per qualsiasi qualifica) entro sei mesi e, successivamente, entro un anno dalla chiusura del corso. Qualifica rilasciata Totale Allievi Idonei esiti positivi a 6 mesi Percentuale positivi a 6 mesi esiti positivi ad un anno Acquisizione competenze di Informatica ,62% 11 29,73% Qualifica di Estetista ,34% 7 24,14% Qualifica di Grafico Pubblicitario ,00% 9 45,00% Qualifica di Tecnico in soluzioni EDP Acquisizione di competenze di American Bar e flair Qualifica di Installatore e manutentore di impianti elettrici e fotovoltaici Qualifica di Operatore in soluzioni EDP Qualifica di Saldocarpentiere navale Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici Acquisizione Competenze di AUTOCAD Acquisizione competenze di Lingua Francese Acquisizione competenze di Lingua Inglese Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici Qualifica di Operatore Office Automation Qualifica di Tecnico marketing territoriale turistico ,33% 9 50,00% ,00% 5 25,00% ,86% 10 47,62% ,05% 6 31,58% ,00% 8 50,00% ,09% 13 56,52% ,22% 7 38,89% ,32% 7 36,84% ,52% 5 23,81% ,33% 10 47,62% ,00% 1 10,00% ,77% 5 38,46% percentuale positivi ad un anno Si nota che le performance più basse sono per i corsi di Operatore Office Automation e per Acquisizione competenze di Lingua Inglese, probabilmente perché il mercato del lavoro è già saturo di figure con tali conoscenze e, di conseguenza, non si ottiene nessun valore aggiunto spendibile. Si nota invece che il corso di "Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici" raggiunge il 56,52% di esiti positivi ad un anno dalla conclusione. Notevoli sono anche le performance dei corsi di "Saldocarpentiere navale" e di "Tecnico in soluzioni EDP" che raggiungono, dopo un anno, il 50%. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 7 di 13

8 E' da evidenziare, in ogni caso, che la maggior parte dei corsi presenta, ad un anno, una percentuale di esiti positivi maggiore del 25%, e in ben 10 casi la percentuale è maggiore del 33%. Percentuale degli esiti positivi ad un anno Qualifica di Tecnico marketing territoriale turistico Qualifica di Operatore Office Automation Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici Acquisizione competenze di Lingua Inglese Acquisizione competenze di Lingua Francese Acquisizione Competenze di AUTOCAD Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici Qualifica di Saldocarpentiere navale Qualifica di Operatore in soluzioni EDP Qualifica di Installatore e manutentore di impianti elettrici e fotovoltaici Acquisizione di competenze di American Bar e flair Qualifica di Tecnico in soluzioni EDP Qualifica di Grafico Pubblicitario Qualifica di Estetista Acquisizione competenze di Informatica 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% 60,00% Considerando il totale degli allievi che hanno concluso positivamente i corsi nell'anno formativo , e verificando quanti di essi hanno avuto almeno un rapporto di lavoro entro un anno, otteniamo il seguente valore: 305 % Corsisti occupati = 100* = 37,05% 113 Ossia, complessivamente, più di un corsista su tre, formato dai CPFP nei corsi per maggiorenni, ha trovato lavoro entro un anno. E' da notare, ovviamente, che l'indagine non tiene conto di eventuali rapporti di lavoro non "ufficiali" (lavoro nero, collaborazioni familiari ecc), per cui si può ragionevolmente supporre che il numero effettivo di coloro i quali abbiano ottenuto, dai corsi dei Centri di Formazione Provinciali, un beneficio a livello occupazionale sia ulteriormente maggiore. E' inoltre interessante fare distinzioni di genere e di età, e verificare se l'occupabilità è più o meno marcata per i giovani, oppure per i maschi rispetto alle femmine. Abbiamo per questo analizzato gli esiti, a sei mesi e ad un anno, dei soli allievi sotto i 30 anni, e dei soli uomini. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 8 di 13

9 Verifica degli esiti positivi per i soli giovani Totale Allievi sotto i 30 anni Idonei esiti positivi a 6 mesi Percentuale positivi a 6 mesi esiti positivi ad un anno percentuale positivi ad un anno Qualifica rilasciata Acquisizione competenze di Informatica ,08% 4 30,77% Qualifica di Estetista ,54% 6 23,08% Qualifica di Grafico Pubblicitario ,27% 6 54,55% Qualifica di Tecnico in soluzioni EDP ,36% 7 63,64% Acquisizione di competenze di American Bar e flair ,00% 5 33,33% Qualifica di Installatore e manutentore di impianti elettrici e fotovoltaici ,00% 7 58,33% Qualifica di Operatore in soluzioni EDP ,00% 5 41,67% Qualifica di Saldocarpentieri navale ,33% 7 58,33% Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici ,65% 9 52,94% Acquisizione Competenze di AUTOCAD ,29% 3 42,86% Acquisizione competenze di Lingua Francese ,69% 3 23,08% Acquisizione competenze di Lingua Inglese 9 0 0,00% 2 22,22% Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici ,33% 4 66,67% Qualifica di Operatore Office Automation 2 0 0,00% 0 0,00% Qualifica di Tecnico marketing territoriale turistico ,00% 2 50,00% Dai dati ricavati, risulta che, su 170 allievi sotto i 30 anni, 70 hanno avuto almeno un rapporto di lavoro entro un anno, Quindi, considerando i soli giovani, la percentuale di esiti positivi sale al 41,18% Verifica degli esiti positivi per i soli maschi Totale Allievi maschi Idonei esiti positivi a 6 mesi Percentuale positivi a 6 mesi esiti positivi ad un anno percentuale positivi ad un anno Qualifica rilasciata Acquisizione competenze di Informatica ,78% 7 38,89% Qualifica di Grafico Pubblicitario ,27% 4 36,36% Qualifica di Tecnico in soluzioni EDP ,33% 5 55,56% Acquisizione di competenze di American Bar e flair ,65% 5 29,41% Qualifica di Installatore e manutentore di impianti elettrici e fotovoltaici ,86% 10 47,62% Qualifica di Operatore in soluzioni EDP 9 0 0,00% 1 11,11% Qualifica di Saldocarpentieri navale ,00% 8 50,00% Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici ,09% 13 56,52% Acquisizione Competenze di AUTOCAD ,67% 7 46,67% Acquisizione competenze di Lingua Francese ,57% 2 28,57% Acquisizione competenze di Lingua Inglese ,09% 4 36,36% Qualifica di Tecnico Installatore pannelli fotovoltaici ,00% 9 45,00% Qualifica di Operatore Office Automation ,67% 1 16,67% Qualifica di Tecnico marketing territoriale turistico 2 0 0,00% 1 50,00% Analizzando la tabella si nota che, su 185 allievi maschi idonei, 77 hanno avuto almeno un rapporto di lavoro entro un anno, Quindi, considerando i soli allievi maschi, la percentuale di esiti positivi sale ancora, al 41,62% Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 9 di 13

10 Analisi esiti dei tirocini chiusi nel 2013 Dalle banche dati di Bussola risultano essersi chiusi, nel corso dell'anno solare 2013, tirocini. Questo numero è da intendersi relativo non solo a quei rapporti che vedono il CPI come ente promotore, bensì all'intero panorama dei contratti instaurati. Di questi , abbiamo verificato quanti, entro due mesi dalla data di fine del rapporto, si siano poi trasformati in un effettivo rapporto di lavoro. Ossia, per ogni tirocinio siamo andati a vedere se la stessa azienda e lo stesso lavoratore hanno attivato un contratto nel bimestre successivo alla chiusura. Abbiamo quindi verificato che i tirocini "trasformati" sono pari a 3302, che rappresentano il 21,26% del totale dei tirocini chiusi. Abbiamo poi analizzato nel dettaglio questi 3302 rapporti di lavoro, ed abbiamo estratto alcune tabelle statistiche che possono aiutarci a comprendere meglio lo specifico contesto. In particolare, abbiamo innanzitutto verificato l'intervallo di tempo intercorso tra chiusura del tirocinio e avviamento del nuovo rapporto. Intervallo tra chiusura tirocinio e successiva assunzione Contratti attivati 01-1 giorno tra 2 e 5 giorni tra 6 e 15 giorni tra 16 e 30 giorni tra 31 e 60 giorni 387 Intervallo tra chiusura tirocinio e successiva assunzione Contratti attivati giorno 02 - tra 2 e 5 giorni 03 - tra 6 e 15 giorni 04 - tra 16 e 30 giorni 05 - tra 31 e 60 giorni Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 10 di 13

11 Come si può vedere, ben 1197 tirocini (pari al 36,25%) sono stati trasformati già a partire dal giorno successivo alla fine del percorso. Inoltre possiamo verificare che il 77,41% dei tirocini "trasformati" va a buon fine entro 15 giorni. Passiamo ora ad analizzare il tipo di contratto con il quale vengono assunti i lavoratori in seguito al rapporto di tirocinio. Tipologia Contratto Contratti attivati APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE 1277 LAVORO A TEMPO DETERMINATO 899 LAVORO A TEMPO INDETERMINATO 404 LAVORO A PROGETTO / COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA 368 LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER SOSTITUZIONE 141 CONTRATTO DI FORMAZIONE LAVORO (SOLO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE) 61 CONTRATTI DI BORSA LAVORO E ALTRE WORK EXPERIENCES 48 LAVORO INTERMITTENTE 35 APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA PROFESSIONALE E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE 26 LAVORO OCCASIONALE 19 LAVORO O ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILE (LSU - ASU) 11 LAVORO AUTONOMO NELLO SPETTACOLO 7 APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA 3 ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE 2 LAVORO INTERMITTENTE A TEMPO DETERMINATO 1 E' evidente che il contratto maggiormente utilizzato è l'apprendistato, ma notiamo anche che il contratto a tempo determinato viene utilizzato nel 27,23% dei casi, e che il contratto a tempo indeterminato assorbe il 12,24% delle trasformazioni. Possiamo anche analizzare l'età dei lavoratori coinvolti nelle trasformazioni dei tirocini fascia Contratti attivati 01 - Fino a 23 anni Da 24 a 29 anni da 30 a 35 anni da 36 a 50 anni oltre 50 anni 33 Come si vede, la fascia di età compresa tra 24 e 29 anni è quella che assorbe il maggior numero di trasformazioni, con una percentuale pari al 56,15%. In seconda posizione troviamo la fascia di età Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 11 di 13

12 che comprende lavoratori fino ai 23 anni di età, con una percentuale del 25,83%. Complessivamente, quindi, le due fasce rappresentano una percentuale pari quasi all'82% del totale. E' interessante infine andare ad analizzare i contratti utilizzati, nel rapporto di lavoro successivo al tirocinio, rispetto alla fascia di età. In particolare, abbiamo estratto i primi 5 contratti, in ordine di utilizzo, per ognuna delle 5 fasce utilizzate nella tabella precedente. Fascia di età 01 - Fino a 23 anni 02 - Da 24 a 29 anni 03 - da 30 a 35 anni 04 - da 36 a 50 anni 05 - oltre 50 anni Contratti attivati % rispetto al totale dei contratti attivati nella fascia di età Tipologia Contratto APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE ,78% LAVORO A TEMPO DETERMINATO ,60% LAVORO A PROGETTO / COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA 52 6,10% LAVORO A TEMPO INDETERMINATO 51 5,98% LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER SOSTITUZIONE 44 5,16% APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE ,20% LAVORO A TEMPO DETERMINATO ,82% LAVORO A PROGETTO / COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA ,94% LAVORO A TEMPO INDETERMINATO ,33% LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER SOSTITUZIONE 74 3,99% LAVORO A TEMPO DETERMINATO ,96% LAVORO A TEMPO INDETERMINATO 81 21,20% LAVORO A PROGETTO / COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA 57 14,92% APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE 40 10,47% CONTRATTO DI FORMAZIONE LAVORO (SOLO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE) 31 8,12% LAVORO A TEMPO DETERMINATO 60 33,33% LAVORO A TEMPO INDETERMINATO 51 28,33% CONTRATTI DI BORSA LAVORO E ALTRE WORK EXPERIENCES 24 13,33% LAVORO A PROGETTO / COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA 18 10,00% CONTRATTO DI FORMAZIONE LAVORO (SOLO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE) 11 6,11% LAVORO A TEMPO INDETERMINATO 11 33,33% LAVORO A TEMPO DETERMINATO 10 30,30% CONTRATTI DI BORSA LAVORO E ALTRE WORK EXPERIENCES 7 21,21% LAVORO O ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILE (LSU - ASU) 2 6,06% LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER SOSTITUZIONE 2 6,06% Da questa tabella si evince che, al crescere dell'età, cresce corrispondentemente la percentuale rappresentata dal lavoro a tempo indeterminato. Infatti, si passa dal 5,98% della fascia fino a 23 anni, al 33,33% della fascia oltre i 50 anni. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 12 di 13

13 OSSERVAZIONI FINALI A conclusione di queste analisi è importante evidenziare alcune riflessioni. Tenendo presente il primo capitolo, sono da considerarsi assolutamente fuorvianti le affermazioni che attribuiscono ai CPI la capacità di occuparsi solo del 3-4 % dei disoccupati di un territorio. Il dato che emerge è ben più significativo: più del 28% dei disoccupati che si sono avvalsi dei servizi erogati dai CPI in termini di orientamento, informazione mirata, preselezione, incontro domanda e offerta, etc hanno poi avuto una occupazione, e questa percentuale sale al 32,5% per chi ha redatto un Piano di Azione Individuale. Poco importante, a nostro parere, è la effettiva verifica legata a "chi ha trovato lavoro a chi", nel senso che, anche se l'occupazione non fosse stata indicata direttamente dal Centro per l'impiego, in ogni caso l'incontro con il CPI ha fornito gli strumenti per un aumentato appeal del candidato nel mercato del lavoro. Inoltre, questo dato diventerebbe ancor più significativo se venisse confermata l ipotesi che, ai CPI, si rivolge la frazione "più debole" e "meno skillata" di coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro. Quindi, rivolgersi ad un CPI conviene oppure no? Quanto emerso ci permette sicuramente di dire che: rivolgersi ad un CPI può rappresentare un volano per un più veloce reingresso nel mercato del lavoro, nonchè per un minor stazionamento nell area della disoccupazione; i Centri per l Impiego sembrano essere in grado di aumentare la capacità di attivazione dei disoccupati, che si dimostrano quindi maggiormente in grado di cogliere le opportunità che si presentano nel corso della loro ricerca attiva di lavoro. Le ulteriori riflessioni che si possono cogliere, da questo report, sono legate all'importanza della formazione personale nell'ambito del mercato del lavoro. Altamente significativo, in questo senso, è il terzo capitolo, che ci evidenzia come il tirocinio, inteso come strumento "on the job" di formazione utile all acquisizione di nuove competenze da utilizzare per inserirsi o reinserirsi nel mercato del lavoro, sia in grado di trattenere, all'interno della stessa azienda in cui il tirocinio è stato svolto, ben il 21,26% dei lavoratori. Ancor più significativo appare il dato emerso dal secondo capitolo: il 37,05% dei maggiorenni formati dai Centri di Formazione Professionale della Provincia di Roma è riuscito ad ottenere almeno un avviamento al lavoro. In conclusione quindi, non si può negare che sia possibile promuoversi molto più facilmente se si è formati e se si hanno le idee chiare su dove cercare lavoro, per cosa proporsi, su come proporsi, ed è altrettanto innegabile che gli strumenti messi a disposizione dalla Provincia di Roma, in tale ambito, riescono a fornire ai cittadini quelle potenzialità che permettono un inserimento lavorativo ad una percentuale ben più ampia di quella comunemente, ed erroneamente, indicata nel "sentito" popolare. Ufficio "Pianificazione ed implementazione flussi informativi - Coordinamento e messa a sistema delle interrelazioni tra i servizi" 13 di 13

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Bollettino mensile N. 9 ottobre 2014 Ultime da fuori Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Migliore capacità di spesa e maggiore efficacia di FESR e FSE: questi i principali obiettivi

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro INCENTIVI OCCUPAZIONALI - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro JOBS ACT Nuove assunzioni a tempo indeterminato con CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: - sgravio contributivo

Dettagli

ASSE IV CAPITALE UMANO

ASSE IV CAPITALE UMANO ASSE IV CAPITALE UMANO 1.PERCORSI FORMATIVI E SERVIZI SUCCESSIVI AL CONSEGUIMENTO DELL OBBLIGO Attività SCOLASTICO FINO A 16 ANNI, RIVOLTI ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA 2. PERCORSI FORMATIVI ANCHE

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Insieme di interventi di carattere pubblico finalizzati alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. COSA SONO Politiche

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere Il sistema dell offerta formativa regionale

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere Il sistema dell offerta formativa regionale Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere Il sistema dell offerta formativa regionale Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 167 Testo unico dell apprendistato ai sensi dell art. 1, comma

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

I SERVIZI PER L'IMPIEGO

I SERVIZI PER L'IMPIEGO I SERVIZI PER L'IMPIEGO Nel corso degli anni il ruolo del Centro per l Impiego è cambiato: c'è stato un passaggio epocale da amministrazione meramente certificatrice (ufficio di collocamento) ad amministrazione

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO Le attività di formazione professionale per cittadini migranti finanziate dalla Provincia di Torino nel 2007

PROVINCIA DI TORINO Le attività di formazione professionale per cittadini migranti finanziate dalla Provincia di Torino nel 2007 PROVINCIA DI TORINO Le attività di formazione professionale per cittadini migranti finanziate dalla Provincia di Torino nel 2007 Anche per il 2007 la Provincia di Torino, Servizio Formazione Professionale,

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

Il servizio PUSH IDO della Provincia di Roma

Il servizio PUSH IDO della Provincia di Roma Il servizio PUSH IDO della Provincia di Roma Ossia: come ricevere le offerte di lavoro dei Centri per l Impiego, comodamente nella propria email Cos è PUSH IDO? E un servizio attraverso il quale ogni cittadino

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Prima ancora di entrare nel dettaglio, occupandoci degli aspetti di preselezione e monitoraggio di competenza degli Operatori Centri

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 0 1 1 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Servizio FAQ Sezione: Domande Generali Aggiornamento del 23 Giugno 2015 1) Chi può aderire al programma Garanzia Giovani? I giovani

Dettagli

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 1 La valutazione L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 Esiti occupazionali a 24 dalla partecipazione Vengono qui riassunti i risultati della

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni San Michele all Adige, 3 giugno 2015 L

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

LAVORARE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LAVORARE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PUBBLICO IMPIEGO si intende il rapporto di lavoro che lega un soggetto a una pubblica amministrazione, di cui fanno parte tutti gli enti pubblici: statali: Ministeri, Scuole, Forze Armate e Prefetture

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 L Agenzia del lavoro L Agenzia del lavoro gestisce l anagrafe dei lavoratori (adempimenti) attua gli

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI FINANZIATO DALLA REGIONE LIGURIA CON CONTRIBUTO PER AZIONI INNOVATIVE O A RILEVANZA REGIONALE

Dettagli

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI 1 1. Obiettivi e principi dell intervento 1. L Avviso promuove interventi personalizzati di inserimento lavorativo per i giovani. 2. L azione mira da

Dettagli

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole sull'acquisizione, conservazione e perdita dello stato di disoccupazione, approvate

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, LEGGE n. 68/99 Il giorno Tra la PROVINCIA DI ROVIGO con sede legale in Rovigo, via Celio, 10, C.F. 93006330299 rappresentata da Il Datore di lavoro

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

Un salto nel passato delle politiche del lavoro?

Un salto nel passato delle politiche del lavoro? Un salto nel passato delle politiche del lavoro? L. 29 aprile 1949 n. 264 Provvedimenti in materia di avviamento al lavoro e di assistenza dei lavoratori involontariamente disoccupati Dopo periodo corporativo

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99 Il giorno I Servizi per l'impiego della Provincia.., rappresentati da......... Il Datore di lavoro..... rappresentato da...... Premesso

Dettagli

TECNICHE DI RICERCA ATTIVA. Dr.ssa ELENA BERTONI Psicologa del lavoro

TECNICHE DI RICERCA ATTIVA. Dr.ssa ELENA BERTONI Psicologa del lavoro TECNICHE DI RICERCA ATTIVA Dr.ssa ELENA BERTONI Psicologa del lavoro CANALI UTILIZZATI PER LA RICERCA DI PERSONALE (anno 2012) Canali utilizzati dalle imprese per la selezione del personale Altre modalità

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 1 dicembre 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 Rev 1 1 di 14 Indice Presentazione...3 Erogazione servizi essenziali...4 Colloquio di orientamento...4

Dettagli

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione di Silvia Spattini 1. Le novità normative su l anagrafe dei lavoratori e lo stato di disoccupazione L art. 3 del d.l. n.

Dettagli

Attività di monitoraggio esiti occupazionali della formazione professionale 2000-2001 Sintesi - Giugno 2004

Attività di monitoraggio esiti occupazionali della formazione professionale 2000-2001 Sintesi - Giugno 2004 Attività di monitoraggio esiti occupazionali della formazione professionale 2-21 Sintesi - Giugno 24 1. Costruzione banca dati allievi, partendo dall archivio corsi FP 2 2. Realizzazione indagine censuaria

Dettagli

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014 Maggio 2014 La strategia è rivolta a: prevenire e contrastare la dispersione scolastica e formativa; rafforzare le competenze dei giovani a vantaggio dell occupabilità; favorire le occasioni di efficace

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI FABBISOGNI RILEVATI, PRIORITÀ' DI INTERVENTO Il documento di ricognizione tecnica

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012)

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) MISURE/45 Aprile 2013 1. Introduzione e sintesi Il numero di licenziamenti registrati in Italia nel corso del 2012,

Dettagli

DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE. Antonella Chiusole

DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE. Antonella Chiusole DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE Antonella Chiusole 1 II) FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E OCCUPATI Intervento 3: FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E A RISCHIO DISOCCUPAZIONE

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

PIANIFICARE LA RICERCA DI LAVORO: TECNICHE E STRUMENTI

PIANIFICARE LA RICERCA DI LAVORO: TECNICHE E STRUMENTI PIANIFICARE LA RICERCA DI LAVORO: TECNICHE E STRUMENTI Dr.ssa ELENA BERTONI Psicologa del lavoro PIANIFICARE LA RICERCA PER UNA RICERCA EFFICACE DEL LAVORO E NECESSARIO ESSERE CONSAPEVOLI DEL PROPRIO OBIETTIVO

Dettagli

Il ruolo dell ente promotore e la Garanzia Giovani in Lombardia

Il ruolo dell ente promotore e la Garanzia Giovani in Lombardia Il ruolo dell ente promotore e la Garanzia Giovani in Lombardia Milano, 27 ottobre 2015 Progetto NEETwork La Fondazione Adecco per le Pari Opportunità Fondazione Adecco per le Pari Opportunità è una fondazione

Dettagli

PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI

PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI OLBIA - Palazzo Provincia Olbia Tempio 6 novembre 2014 PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

LE AGENZIE LAVORO DI SOLCO BRESCIA

LE AGENZIE LAVORO DI SOLCO BRESCIA LE AGENZIE LAVORO DI SOLCO BRESCIA CHI SIAMO Servizio al lavoro accreditato L.R. 22/2006 (albo degli accreditati) Erogazione Servizio S.I.L. (Servizio di Integrazione Lavorativa) Erogazione Servizio P.A.L.

Dettagli

APPUNTI 24 MARZO 2015

APPUNTI 24 MARZO 2015 XIII RAPPORTO SULL ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Ancora in aumento gli iscritti all Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), con un ritmo assai consistente per quanto riguarda in particolare

Dettagli

Bando ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE

Bando ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE Bando ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE Anno Accademico 2009/2010 Codice progetto POR09034aSV89 approvato con D. D. n. 964 del 22 giugno 2009 pubblicato sul BUR Puglia n. 94 del 25/06/2009 relativa

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa PROVINCIA DI MANTOVA Area Istruzione, Lavoro e Formazione Servizio Provinciale del Lavoro PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005 Premessa

Dettagli

PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA PER STRANIERI

PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA PER STRANIERI PERCORSI DI ORMAZIONE CIICA PER STRANIERI I ORMAZIONE, SCUOLA E LAORO Percorsi di cittadinanza Attività Parole da ricordare dichiarazione di valore: è un certificato con le informazioni sugli studi fatti

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE luglio 2014 n 19 Livorno, 24 luglio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE In forza della delibera del Consiglio di Amministrazione del 09/07/2015 che prevede l assunzione di più profili a tempo indeterminato entro i termini previsti dal comma 118 dell art. 1, L. 190/2014 affinché

Dettagli

- 23-24 anni 17,4 25-26 anni 69,6 27 anni e oltre 13,0 età media alla laurea 26,6 Cittadini stranieri (%)

- 23-24 anni 17,4 25-26 anni 69,6 27 anni e oltre 13,0 età media alla laurea 26,6 Cittadini stranieri (%) anno di laurea: 2008 tipo di corso: laurea specialistica a ciclo unico Ateneo: Foggia Facoltà: Giurisprudenza PROFILO DEI LAUREATI Numero dei laureati 23 Hanno compilato il questionario 19 1. ANAGRAFICO

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd. Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.it Decidere di avere volontari. Implica necessariamente:

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012. Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L.

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012. Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L. La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012 Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L.68/99 Destinatari Persone in possesso dei requisiti previsti dalla Legge

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

EVENT MANAGER. Servono, quindi, delle figure professionali di riferimento che riescano a gestire gli eventi in modo efficace.

EVENT MANAGER. Servono, quindi, delle figure professionali di riferimento che riescano a gestire gli eventi in modo efficace. EVENT MANAGER Scenario Il settore congressuale e degli eventi risulta oggi essere tra quelli di più ampio sviluppo del mercato turistico degli ultimi dieci anni particolarmente utilizzata sia da Enti pubblici

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO. Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047

AVVISO PUBBLICO. NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO. Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047 AVVISO PUBBLICO NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047 Soggetto accreditato presso la Regione Umbria che realizza l intervento: TUCEP

Dettagli

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali 1 Dove si cerca lavoro? Centri per l Impiego Agenzie per il Lavoro Sportelli per il Lavoro Conoscenza (l 80% degli avviamenti al lavoro avvengono tramite

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

L inserimento professionale dei dottori di ricerca

L inserimento professionale dei dottori di ricerca 14 dicembre 2010 L inserimento professionale dei dottori di ricerca Anno 2009-2010 Tra dicembre 2009 e febbraio 2010 l Istat ha svolto per la prima volta l indagine sull inserimento professionale dei dottori

Dettagli

SCHEDA DELLA PROVINCIA DI PISA

SCHEDA DELLA PROVINCIA DI PISA SCHEDA DELLA Introduzione La seguente scheda è finalizzata alla presentazione dei dati sull utenza della Provincia di Pisa nonché delle esperienze realizzate a livello locale e rientranti a pieno titolo

Dettagli

Progetto Fondo UNRRA : "Una Borsa d'esperienza"

Progetto Fondo UNRRA : Una Borsa d'esperienza Progetto Fondo UNRRA : "Una Borsa d'esperienza" 1) Descrizione del contesto di riferimento e dei bisogni da soddisfare I U B G Regione Emilia-Romagna e dagli Enti Locali per cercare di contrastare la fase

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

I PERCORSI POST-DIPLOMA DEI GIOVANI PRATESI. Rassegna stampa

I PERCORSI POST-DIPLOMA DEI GIOVANI PRATESI. Rassegna stampa I PERCORSI POST-DIPLOMA DEI GIOVANI PRATESI Rassegna stampa Novembre 2011 PROVINCIA DI PRATO Comunicato stampa Venerdì 4 novembre 2011 I giovani e il lavoro, i percorsi post diploma dei ragazzi

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli