NUOVA TASSA SULLE TRANSAZIONI DEL 0.2% APPLICATA SULLE BLUE CHIPS FRANCESI (FTT)-AGGIORNAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVA TASSA SULLE TRANSAZIONI DEL 0.2% APPLICATA SULLE BLUE CHIPS FRANCESI (FTT)-AGGIORNAMENTO"

Transcript

1 CBS128_it 31 luglio 2012 NUOVA TASSA SULLE TRANSAZIONI DEL 0.2% APPLICATA SULLE BLUE CHIPS FRANCESI (FTT)-AGGIORNAMENTO Monte Titoli è lieta di fornire ai propri clienti un aggiornamento sulle informazioni riguardanti la prossima Tassa sulle transazioni finanziarie (FTT) Disclaimer Il contenuto del presente documento è puramente indicativo ed è soggetto a variazioni a seguito dei lavori condotti dagli organismi competenti in materia. Lo stesso costituisce una preliminare linea guida rivolta ai partecipanti di Monte Titoli che operano sui titoli francesi, cui la norma si applica. Questo documento non ha in alcun modo lo scopo di fornire pareri legali o fiscali in materia di applicabilità della FTT. Introduzione Le informazioni sottoriportate devono essere lette in concomitanza con il precedente annuncio di Monte Titoli emesso il 12 giugno. Il contenuto della presente comunicazione è il risultato dell intenso lavoro di Monte Titoli in coordinamento con : - CSD Europei e ICSD, - Ricezione di consulenza da parte della società francese di consulenza "Francis Lefebvre - La Direction de la legislation Fiscale al Ministero della Finanza Francese.

2 Le informazioni qui di seguito riportate sono da considerarsi quasi definitive, in attesa solo dell'approvazione da parte del Parlamento francese del Progetto di legge previsto per le prime settimane di Agosto. La legge approvata dovrebbe avere effetto retroattivo. 1. Applicazione della tassa. E confermato che una Tassa sulle Transazioni Finanziarie sarà applicata sul valore delle transazioni di acquisto per gran parte dei titoli azionari francesi. Il progetto, sotto revisione da parte del Parlamento Francese, verrà approvato durante le prime settimane di Agosto con effetto retroattivo a partire dal 1 Agosto L'importo della tassa imposta dovrebbe essere elevato fino al 0,2% come richiesto dal governo e dal testo del progetto di legge. L'imposta si applica su tutti gli acquisti di titoli indicati, eseguiti con data di trading 1 agosto 2012 e con prima data di regolamento il 6 agosto Parti Responsabili La legge del Progetto francese nella Chapitre 3, Section 1, Art.11 (Monte Titoli ha partecipato alla consultazione pubblica rilasciata dalla Direction de la Legislation Fiscale) indica per "Parti responsabili" ( Redevable de la taxe ) gli istituti finanziari che offrono servizi in base all Arti L,321-1 del Codice Finanziario e Monetario Francese indipendentemente dal fatto che operino per conto proprio o per conto di terzi. Ne risulta che le Parti Responsabili sono esclusivamente quelle istituzioni che sono per legge obbligate a produrre le dichiarazioni e pagare la FTT Queste possono essere sia: - il fornitore di servizi di investimento o Broker, che ha eseguito l'operazione per conto proprio o per conto del suo cliente; - Il detentore del conto titoli dell'investitore (quando la transazione non è effettuata da un broker). Un importante chiarimento apportato dalla Direction de la Legislation Fiscale ha permesso di chiarire che né Monte Titoli né altre infrastrutture rientrano in questa categoria. Come risultato, gli enti che partecipano alla catena di intermediari tra la parte responsabile e Euroclear France (Monte Titoli inclusa) dovranno assumersi la responsabilità solo in termini di trasmissione delle dichiarazioni e dei versamenti a Euroclear France. 3.Titoli e transazioni interessati

3 La FTT sarà applicata sulle operazioni inerenti azioni francesi rispondenti ai seguenti criteri: - Strumenti rappresentativi del capitale ( titres de capital ) e titoli assimilati (principalmente titoli azionari) -Quotati su un mercato regolamentato francese o estero - Emessi da società con più di 1 miliardo di Euro di capitalizzazione - Emessi da società aventi sede in Francia almeno dal 1 Gennaio 2012 Il Ministero delle Finanze Francese ha messo a disposizione una lista di aziende soggette alla legge. L elenco ufficiale è disponibile sul sito di Monte titoli alla seguente pagina: L'elenco dovrebbe essere aggiornato con cadenza annuale. Il Ministero delle Finanze non pubblicherà un elenco di ISIN, anche se questo può essere reso disponibile da un provider locale di servizi di mercato. L'elenco dovrebbe anche essere modificabile secondo le seguenti condizioni: - L'emittente trasferisca la sede legale al di fuori della Francia - L'emittente trasferisca la sede legale in Francia - L'emittente crei una tranche temporanea e non fungibile di un titolo imponibile già esistente L'imposta sarà applicata per acquisizioni onerose i ( acquisition à titre onéreux ), indipendentemente da dove queste siano state negoziate e a prescindere dal luogo in cui le transazioni stesse vengano regolate. Tutti gli acquisti devono essere dichiarati, sia quelli sottoposti alla tassa che quelli esenti. Per questi ultimi, devono essere fornite le ragioni di esenzione, nonostante un codice di motivazione sia ancora stato identificato per qualificare queste transazioni come esenti. IMPORTANTE: Tra le acquisizioni onerose sono incluse anche quelle franco pagamento che implicano un trasferimento di proprietà per cui un controvalore cash è regolato separatamente. I criteri di calcolo delle imposte non sono attualmente espliciti, il progetto di legge in corso di approvazione non specifica questa questione lasciando alle parti il calcolo dell'imposta dovuta. Per le posizioni compensate, la tassa è applicata solo sull importo risultante complessivamente in acquisto. i Le transazioni intraday transactions sono soggette alla tassa solo sulla posizione netta risultante in acquisto a fine giornata

4 4. Transazioni esenti Il progetto di legge fa riferimento a differenti categorie di operazioni che sono esenti dal pagamento dell'imposta. In particolare si deve notare che le operazioni pronti contro termine, che vengono trattate sul mercato italiano come transazioni back-to-back, ma che sarebbero legalmente inquadrati nell'ambito di un contratto unico se regolate in Francia, dovrebbero essere esentate in quanto risulterebbero come una "vendita temporanea" ( pension livrée, Chapitre 2, Section 5, Art.4 ). Sono esenti le seguenti transazioni: 1. Gli acquisti legati ad emissioni di titoli (mercato primario) 2. Gli acquisti effettuati da una clearing house o da un CSD (per proprio conto) 3. Acquisti legati alla attività di market making 4. Gli acquisti legati ad un contratto di liquidità 5. Le operazioni infragruppo 6. Prestito titoli e pronti contro termine 7. acquisizioni da parte di fondi comuni di investimento per i dipendenti, fondi di investimento aperti per dipendenti e dipendenti direttamente 8. acquisizioni (compreso l'acquisto di azioni proprie) per piani di risparmio dei dipendenti 9. acquisizioni di obbligazioni che possono essere scambiate o convertite in azioni 5. Corporate Actions Alla luce dei primi risultati prodotti dall AFTI in tema di corporate actions, Monte Titoli è lieta di riportare qui di seguito le principali aree di interesse, sebbene ancora provvisorie: Principi generali di applicazione della FTT 1. Una non trascurabile parte delle CA è esclusa dall applicazione della FTT, in quanto non tutti gli eventi prevedono l acquisto di azioni contro pagamento; 2. Tra le CA che rientrano nell ambito di applicazione della FTT, una consistente parte è soggetta clausola di esenzione in quanto prevede l acquisto (o la sottoscrizione), contro pagamento, di azioni di nuova emissione; 3. Per le CA che rientrano nell ambito di applicazione della FTT, la tassazione deve essere gestita: o A cura dei custodian, sul conto dell investitore finale;

5 o A cura dell agent dell emittente, nel caso l evento sia interamente gestito, in via riservata, da quest ultimo. Pre-requisiti L analisi condotta sull impatto della FTT sul processo di gestione delle corporate actions è tuttora subordinata alla disponibilità delle norme definitive in materia ed alle interpretazioni fornite dagli organismi competenti (AFTI e AMAFI). Ciò premesso i principi generali seguiti per l identificazione degli adempimenti necessari, ovviamente subordinati alla conferma ed all approvazione da parte dell Observatoire de la Fiscalité, sono i seguenti: 1. le parti interessate debbono essere informate dell applicazione della tassazione attraverso la valorizzazione di appositi campi nell annuncio dell evento societario; 2. le operazioni tassabili sono quelle per le quali è prevista, come contropartita di un pagamento, l assegnazione di nuove azioni; 3. sono ritenute esenti, in genere, le transazioni di acquisto o assegnazione su azioni di nuova emissione; 4. L acquisto di diritti sul mercato non rientra nell ambito di applicazione della FTT e l assegnazione di azioni conseguente all esercizio è anch esso esente nella misura in cui si assegnano azioni di nuova emissione. Alla luce dei principi generali sopra descritti, si prevede che ogni nuovo annuncio su eventi societari su titoli soggetti alla FTT debba riportare ogni informazione utile ad una corretta applicazione della tassa, e che la responsabilità della disponibilità di tali informazioni sia riposta nell emittente che, direttamente o per il tramite del proprio agent, dovrà precisare quanto segue: Applicabilità FTT: SI /NO Esenzione FTT: SI /NO Motivazioni dell esenzione (tra quelli esplicitamente previsti dalla normativa) Importo (prezzo) sulla base del quale applicare la FTT. Si prevede che Euroclear France veicoli le suddette informazioni ai propri partecipanti attraverso: il modello delle corporate actions gestito tramite piattaforma ESES ; le Euroclear Newsletters ; le Operational news di Euroclear; i messaggi MT564 di notifica delle corporate actions.

6 Monte Titoli, a seguito della ricezione delle informazioni da parte di Euroclear France, avrà cura di riportarle integralmente nelle proprie disposizioni di servizio. Proposte per la gestione della FTT A cura degli operatori interessati, su più tavoli, sono state avanzate le seguenti proposte: 1. Applicazione della FTT solo per eventi societari il cui avvio sia successivo alla data di entrata in vigore della norma. Di conseguenza, le operazioni già in essere a tale data non dovrebbero ricadere nell ambito di applicazione della stessa; 2. Ci sono proposte per il posticipo della data di efficacia della norma (limitatamente alle corporate actions) a gennaio 2013, in considerazione degli onerosi investimenti a carico dei destinatari e della mancanza di chiarezza, in particolare per quanto attiene ai meccanismi pianificati da Euroclear France per veicolare le informazioni propedeutiche all applicazione della norma; 3. L ammontare stimato dell imposta per corporate actions non sembrerebbe particolarmente significativo se comparato con gli investimenti stimati per la gestione del processo di applicazione. Tali considerazioni farebbero pertanto propendere per un esclusione totale delle corporate actions dall ambito di azione della FTT. Appare improbabile, alla luce delle precedenti considerazioni, che gli operatori possano effettivamente essere pronti ad applicare la FTT a partire dalla data di avvio annunciata (agosto 2012). 6. Effetto sugli investitori Le Parti Responsabili (o i loro intermediari) possono interagire con Monte Titoli per adempiere ai loro obblighi nei confronti delle autorità fiscali francesi. Gli obblighi delle parti responsabili sono: - Dichiarazione periodica delle operazioni effettuate sui titoli imponibili, sia per le transazioni soggette a tassa che per quelle esenti - Il pagamento mensile della somma dovuta per effetto della tassa. Si ricorda che: 1. In conformità alla legge, le Parti Responsabili con due o meno di due intermediari tra loro e Euroclear France devono incanalare la loro dichiarazione alle autorità fiscali francesi attraverso

7 Euroclear France. Monte Titoli, in quanto partecipante di Euroclear France, è parte di questo processo. 2. Parti Responsabili con più di due intermediari tra loro e Euroclear France, devono rivolgersi direttamente alle autorità fiscali francesi per adempiere ai propri obblighi, oppure possono pagare e dichiarare l'imposta attraverso un partecipante in Euroclear France, a condizione di aver dato procura a quest ultimo e a condizione di aver informato le autorità fiscali francesi mediante una specifica dichiarazione. A queste Parti Responsabili Monte Titoli ha deciso di offrire lo stesso servizio offerto ai suoi partecipanti diretti. 7. Periodicità Il progetto di legge francese prevede che le dichiarazioni vengano ricevute da Euroclear France prima del 5 giorno di calendario. Al fine di consentire un'agevole attuazione del FTT, le autorità fiscali francesi hanno considerato un approccio composto da due fasi Periodo Transitorio: Operazioni relative al periodo 1 Agosto-31 Ottobre devono essere dichiarate tutte insieme alla fine del periodo. La data esatta, prevista per l'inizio di novembre, per trasmettere la dichiarazione a Monte Titoli verrà comunicata a breve. Periodo a regime: Operazioni relative ai mesi successivi (a valere da novembre 2012), devono essere dichiarate su base mensile secondo i criteri di seguito descritti. 8.Offerta di servizi Alle Parti Responsabili che utilizzano Monte Titoli per adempiere ai propri obblighi fiscali verrà richiesto di: Obbligo a regime scadenza Processo Fornire MENSILMENTE una dichiarazione fiscale Pagare la Tassa MENSILMENTE Il primo giorno lavorativo dopo la fine del mese di riferimento Il secondo giorno lavorativo dopo la fine del mese di riferimento La dichiarazione deve essere fornita esclusivamente in base al formato richiesto dalle autorità fiscali francesi Tutte le parti responsabili dovranno dare procura a Monte Titoli per addebitare il loro conto con l'importo dovuto nella dichiarazione In particolare: Monte Titoli inoltra ad intervalli regolari a Euroclear France (EF) tutte le dichiarazioni ricevute dai propri clienti durante il giorno ed attende la relativa notifica di accettazione da parte di EF

8 La condizione fissata da Monte Titoli perché il pagamento sia effettuato nei tempi previsti è che le dichiarazioni siano in stato accettata da EF entro la scadenza delle ore 21:00 del 1 giorno lavorativo dopo la fine del mese di riferimento Nella mattinata del giorno seguente (ossia, il 2 giorno lavorativo dopo la fine del mese di riferimento) Monte Titoli addebita i conti dei dichiaranti per l ammontare indicato nelle dichiarazioni, effettuando due cicli di addebito (alle 9:00 e alle 12:00) o Qualora i tentativi di addebito non vadano a buon fine per uno o più partecipanti, Monte Titoli terrà valide le dichiarazioni, effettuando altri tentativi di addebito nei giorni successivi, fino ad avvenuto addebito. Tali dichiarazioni saranno considerate alla stregua di dichiarazioni tardive (vedi sotto) e potranno incorrere in penali Dopo aver raccolto tutti gli importi (indicativamente, qualche minuto dopo le 12:00 del 2 giorno lavorativo dopo la fine del mese di riferimento) Monte Titoli invia il FTT payment advice (notifica di pagamento) a EF ed attende la relativa accettazione A seguito dell accettazione della notifica da parte di EF, Monte Titoli invia un messaggio MT202 (entro le ore 16:00, coerentemente con il Blueprint) o Qualora l accettazione di EF arrivasse oltre l orario previsto, il pagamento tramite MT202 verrà effettuato nella mattinata del giorno lavorativo successivo Gestione delle dichiarazioni tardive: Le dichiarazioni tardive (ossia tutte le dichiarazioni che non hanno raggiunto lo stato accettata da EF entro la scadenza sopra indicata) saranno soggette allo stesso processo sopra descritto, con l eccezione delle tempistiche per il pagamento, che sarà effettuato su base giornaliera anziché mensile. In altre parole, Monte Titoli effettuerà ogni giorno le operazioni di addebito e pagamento per tutte le dichiarazioni tardive che si trovano in stato accettata da EF entro le 21:00 del giorno precedente. Dichiarazione fiscale La dichiarazione deve essere presentata a Monte Titoli nel formato CSV indicato come indicato nell annuncio del 12 giugno Monte Titoli chiederà ai propri clienti di inviare la dichiarazione attraverso la piattaforma MT-X. I dettagli su come procedere saranno forniti a breve. Pagamento della tassa Al fine di evitare l'elaborazione manuale, l'imposta sarà prelevata direttamente dal conto della Parte Responsabile, grazie all'autorizzazione derivante dalla procura. Monte Titoli preleverà l'imposta in base alle informazioni incluse nella dichiarazione fiscale. I modelli delle procure saranno resi disponibili nel prossimo futuro. 9.Costi La tariffa applicabile non è ancora disponibile poiché dipende da eventuali oneri applicati da Euroclear France ai suoi partecipanti.

9 10.Ulteriori informazioni Monte Titoli sta mettendo a disposizione nella sezione Cross Border del suo sito web la documentazione ufficiale pubblicata da Euroclear France e dalla Delegation de la Legislation Fiscale. Seguirà a breve un terzo annuncio con informazioni consolidate, non appena i punti aperti saranno chiariti in seguito all approvazione della legge da parte del parlamento francese PER ULTERIORI INFORMAZIONI Client Support Tel: Monte Titoli S.p.A Monte Titoli, società leader nei servizi post-trade, garantisce efficienza e sicurezza ai mercati finanziari, attraverso attività di pre-settlement, settlement, custody e asset services. Monte Titoli gestisce una sofisticata piattaforma di matching per transazioni provenienti dai mercati ed OTC, oltre ad offrire un efficace sistema di settlement europeo e servizi di custody su diverse asset classes. Monte Titoli vanta un ampio bacino di clientela internazionale costituita da più di 400 banche e brokers, CCP e piattaforme di negoziazione e offre i propri servizi a più di emittenti. Monte Titoli S.p.A. fa parte del Gruppo London Stock Exchange.

NUOVE TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE APPLICATA ALLE BLUE CHIPS FRANCESI (FTT)

NUOVE TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE APPLICATA ALLE BLUE CHIPS FRANCESI (FTT) CBS127_it 25 Giugno 2012 NUOVE TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE APPLICATA ALLE BLUE CHIPS FRANCESI (FTT) Monte Titoli è lieta di fornire ai propri clienti informazioni riguardanti la prossima tassa

Dettagli

GRECIA: MIGLIORAMENTO DELLE DEADLINE DI REGOLAMENTO

GRECIA: MIGLIORAMENTO DELLE DEADLINE DI REGOLAMENTO CBS111_it 30 Dicembre 2011 GRECIA: MIGLIORAMENTO DELLE DEADLINE DI REGOLAMENTO Monte Titoli è lieta di comunicare ai propri clienti il miglioramento delle deadline di regolamento per i titoli di debito

Dettagli

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta)

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Ove non espressamente specificato, i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Legge di Stabilità 2013: Tobin Tax e novità in materia di imposta di bollo

Legge di Stabilità 2013: Tobin Tax e novità in materia di imposta di bollo N. 22 del 22.01.2013 Le Daily News A cura di Anita Mauro Legge di Stabilità 2013: Tobin Tax e novità in materia di imposta di bollo La legge di Stabilità per il 2013 ha introdotto alcune novità in materia

Dettagli

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette Circolare n. 6 del 21 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuova imposta sulle transazioni finanziarie (c.d. Tobin tax )... 2 2.1

Dettagli

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul LE NOVITA NEL SISTEMA DI POST-TRADING Le Novità nel sistema di post-trading La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul mercato tramite l abbinamento di ordini

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

(D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50)

(D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50) Al via la Tobin tax sulle azioni Ipsoa.it Saverio Cinieri (D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50) Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo del MEF,

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Express II. Maggio 2008Giugno 2010. Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL)

Express II. Maggio 2008Giugno 2010. Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL) Express II Comunicazioni di Servizio ai sensi dell art. 10, comma 1 del Regolamento dei Servizi di liquidazione (Express II) e delle attività accessorie Maggio 2008Giugno 2010 Express II Comunicazioni

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop.

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Strategia di trasmissione degli ordini su strumenti finanziari VERSIONE N 04 DEL 28/12/2011 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Documento redatto ai sensi dell art. 48 del

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo di MARINA DI GINOSA Documento adottato con delibera del C.d.A. 10/06/2013 Ultimo Aggiornamento con delibera del C.d.A.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

TOBIN TAX L IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

TOBIN TAX L IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE TOBIN TAX Riferimenti: - Legge 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 491 e ss. - D.M. 21 febbraio 2013. Con la pubblicazione della L. 24 dicembre 2012, n. 228 (meglio nota come Legge stabilità 2013)

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA Documento adottato con delibera del C.d.A. n. 11 del 12/10/2007 Aggiornata con delibere

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

1 di 6 03/09/2012 09.23

1 di 6 03/09/2012 09.23 1 di 6 03/09/2012 09.23 English - Versione accessibile - Mappa - Contattaci - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Soggetti vigilati - Per gli intermediari La Consob Emittenti Intermediari

Dettagli

Deutsche Bank quota 7 nuovi ETF a leva con alcune novità assolute per il mercato italiano

Deutsche Bank quota 7 nuovi ETF a leva con alcune novità assolute per il mercato italiano Comunicato stampa Milano 28 aprile 2010 Deutsche Bank quota 7 nuovi ETF a leva con alcune novità assolute per il mercato italiano L offerta comprende il primo ETF a leva sul S&P 500 sia nella versione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Novembre 2011 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Ottobre 2014

Dettagli

di regolamento netto in azioni e il lancio simultaneo di un programma di riacquisto di azioni.

di regolamento netto in azioni e il lancio simultaneo di un programma di riacquisto di azioni. Comunicato stampaa Da non pubblicare o circolare, direttamentee o indirettamente, per intero o in parte, negli Stati Uniti, Australia, Canada, Giappone o Sud Africa, o in altre giurisdizioni nelle quali

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Ultimo aggiornamento con delibera del C.d.A. del 06/12/2011 Indice 1 PRINCIPI GENERALI...

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE Documento adottato con delibera del C.d.A. del 22/10/2007 Ultimo aggiornamento con delibera

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma "CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma "CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE" Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Tasso Variabile in Dollari USA

Dettagli

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007 CASSA RURALE DI LEDRO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Data 29.10.2007 Aggiornata in data 12/10/2012 Indice PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASSAFRA Documento adottato con delibera del C.d.A. del 23 ottobre 2007 Ultimo aggiornamento con delibera del C.d.A.

Dettagli

Caratteristiche e vantaggi della distribuzione diretta su SeDeX di certificati di investimento

Caratteristiche e vantaggi della distribuzione diretta su SeDeX di certificati di investimento Caratteristiche e vantaggi della distribuzione diretta su SeDeX di certificati di investimento Al via la prima «OPV» per tre certificati di investimento di BNP Paribas Indice Introduzione Modello di mercato

Dettagli

ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO

ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO A P R I L E 2 0 1 0 I N D I C E 1 PREMESSA...4 2 SCHEMA OPERATIVO SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO (CONTRO PAGAMENTO)...5 3 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO...6

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY

SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY Modalità di svolgimento della Simulazione del 3 novembre 2012 INDICE 1 GENERALITA 3 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Validità 4 2 SPECIFICHE E PREREQUISITI DELLA SIMULAZIONE

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 11 ottobre 2011 v.0.5 Indice

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Settembre 2015 Indice PREMESSA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di

Dettagli

Operazioni di Consegna franco pagamento per il tramite degli ICSD

Operazioni di Consegna franco pagamento per il tramite degli ICSD Operazioni di Consegna franco pagamento per il tramite degli ICSD Ottobre 2010 Comunicazioni operative riferite al servizio di regolamento estero Sommario Sommario... 2 1. Scopo... 3 2. Disposizione operazioni...

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMENTO DI SINTESI 07 FEBBRAIO 2008 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2. Sezione Prima - Fattori di esecuzione

Dettagli

ORIENTAMENTI. visto lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, in particolare gli articoli 5.1, 12.1 e 14.

ORIENTAMENTI. visto lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, in particolare gli articoli 5.1, 12.1 e 14. 19.6.2015 L 154/15 ORIENTAENTI INDIRIZZO (UE) 2015/948 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 16 aprile 2015 che modifica l'indirizzo BCE/2013/7 relativo alle statistiche sulle disponibilità in titoli (BCE/2015/19)

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 CODICE ISIN: IT0004548258 DESCRIZIONE SINTETICA

Dettagli

CORRISPETTIVI PER I SERVIZI RESI AGLI INTERMEDIARI

CORRISPETTIVI PER I SERVIZI RESI AGLI INTERMEDIARI CORRISPETTIVI PER I SERVIZI RESI AGLI INTERMEDIARI Contenuti Principi generali...1 Corrispettivi applicabili a tutti i servizi...2 Contributo spese per duplicati di documenti...2 Richieste personalizzate

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015 -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015 - STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015-1 Sommario 1 PREMESSA...4 1.1 Scopo del documento...4 1.2 Normativa...4 1.3 Ambito di Applicazione...5 1.4 Categorie

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE Documento adottato con delibera del C.d.A. del 22/10/2007 Ultimo aggiornamento con delibera

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/12/2010-01/12/2015 A TASSO VARIABILE SUBORDINATO LOWER TIER II Codice ISIN IT0004654866

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 Milano

DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 Milano DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 31 agosto 2015 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. Scopo del documento... 3 1.2. Applicabilità... 3 1.3. Riferimenti... 3 1.3.1. Riferimenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

ARIANNA IMMACOLATO IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013

ARIANNA IMMACOLATO IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013 IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE ITALIANA ED EUROPEA SULL INDUSTRIA ITALIANA DEL RISPARMIO GESTITO ARIANNA IMMACOLATO DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013 1

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Tasso

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 16/11/2011 ai sensi dell art. 45 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

ESITO DELLE CONSULTAZIONI

ESITO DELLE CONSULTAZIONI ESITO DELLE CONSULTAZIONI COMUNICAZIONE CONTENENTE CHIARIMENTI DI NATURA APPLICATIVA IN MERITO AL REGOLAMENTO MERCATI DELLA CONSOB ADOTTATO IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MiFID 21 gennaio 2008 Nel novembre

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Luglio 2013 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA...3 1 PRINCIPI GENERALI...3 1.1 Principi generali in tema di best execution...3 1.2 Esecuzione degli ordini

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI EXECUTION-TRANSMISSION POLICY

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI EXECUTION-TRANSMISSION POLICY STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI O EXECUTION-TRANSMISSION POLICY Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12/05/2008 ai sensi dell art. 45 del Regolamento

Dettagli

www.tesoro.it Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana

www.tesoro.it Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana BTP Italia Il risparmio PROTETTO, accessibile da tutte le porte. Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana Recupero immediato

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Codici ISIN: IT0001040820, IT0004459241, IT0004734205, IT0004841349 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/02/2015 Data di entrata

Dettagli