Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni/3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni/3"

Transcript

1 Amedeo De antis Mario Cacciaglia Giandomenico Petrollini Carlo aggese > EdizioneMista Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni/3 Area tecnica

2 IBN RC Libri.p.A. Milano Prima edizione: aprile 2014 Ristampe: tampa: Cartoedit, Città di Castello (PG) Coordinamento editoriale Impaginazione Redazione Copertina Barbara peziali CDC Arti Grafiche.r.l., Città di Castello (PG) tudio Arcobaleno.r.l., Villasanta (MB) tudio Mizar, Bergamo Il software installato sul DVD è 2011 National Instrument Corporation. Tutti i diritti sono riservati. LabVIEW, MULTIIM, National Instruments, NI, Ultiboard, il logo di LabVIEW ed il logo di National Instruments sono marchi di proprietà di National Instruments. Il corso, il libro e il DVD sono prodotti da RC Libri.p.A. che è la sola responsabile, sia del corso che del libro che del DVD, nonché dei loro relativi contenuti. Né RC Libri.p.A. né qualsiasi libro o altri beni, servizi offerti da RC Libri.p.A. sono pubblicazioni, servizi ufficiali di National Instruments o attribuibili in qualsiasi modo a National Instruments. Il DVD allegato al libro di testo include i software Circuit Design uite versione Education e NI LabVIEW tudent Edition della National Instruments. L utilizzo dei software Circuit Design uite versione Education e NI LabVIEW tudent Edition è limitato a fini didattici in ambito domestico. I diritti di traduzione e riproduzione, totali o parziali anche ad uso interno e didattico con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i paesi. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuare nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla IAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633, ovvero dell accordo stipulato tra IAE, AIE, N e CNA, CONFARTIGIANATO, CAA, CLAAI, CONFCOMMERCIO, CONFEERCENTI il 18 dicembre Le riproduzioni per uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, c.so di Porta Romana 108, Milano, La realizzazione di un libro presenta aspetti complessi e richiede particolare attenzione nei controlli: per questo è molto difficile evitare completamente errori e imprecisioni. L editore ringrazia sin da ora chi vorrà segnalarli alle redazioni. Per segnalazioni o suggerimenti relativi al presente volume scrivere a: Direzione Editoriale RC Libri.p.A. - Divisione Education, via Rizzoli, 8, Milano, fax L editore è presente su Internet all indirizzo: L editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non gli è stato possibile comunicare per eventuali involontarie omissioni o inesattezze nella citazione delle fonti dei brani o delle illustrazioni riprodotte nel presente volume. L editore si scusa per i possibili errori di attribuzione e dichiara la propria disponibilità a regolarizzare. Le immagini utilizzate in questo libro non vanno interpretate come una scelta di merito da parte dell editore, né come invito all acquisto di prodotti. Le illustrazioni o riproduzioni sono state riportate a scopo esclusivamente didattico. I contenuti del tuo libro non si trovano solo sulla carta. Adesso puoi trovare esercizi, espansioni e molto altro sul web, all indirizzo Tali strumenti ti consentiranno di integrare lo studio sul testo cartaceo con la possibilità di ripassare, prepararti alle verifiche orali e scritte, approfondire quanto affrontato in classe, ecc. u ogni pagina del sito troverai un campo in cui digitare il codice che hai trovato nel volume, così avrai accesso diretto ai materiali digitali ad esso relativi. Potrai scaricare e salvare i materiali sul tuo computer in modo che tu possa poi ritrovarli facilmente in qualsiasi momento.

3 Presentazione Il progetto didattico del corso Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni è stato redatto al fine di far acquisire agli studenti del nuovo indirizzo di Informatica e telecomunicazioni degli Istituti Tecnici, settore Tecnologico, le conoscenze e le abilità previste dalle nuove linee guida. Tutti i volumi possono essere adottati sia per l articolazione Informatica, sia per l articolazione Telecomunicazioni, sarà il docente a scegliere e approfondire i diversi argomenti in base alle differenti esigenze didattiche. Nella sezione digitale del corso, disponibile su sono stati trattati ulteriori argomenti mentre altri sono stati approfonditi. Gli argomenti dei volumi si intersecano e si integrano con quelli relativi alla disciplina di istemi e reti, trattati nei testi prodotti dagli stessi autori, con lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze nell ambito del ciclo di vita del prodotto software e dell infrastruttura di telecomunicazione, declinate in termini di capacità di ideare, progettare, produrre e inserire nel mercato componenti e servizi di settore. Per conseguire gli obiettivi specifici della disciplina, i testi sono organizzati secondo una struttura modulare e la ricchezza delle tematiche trattate consente al docente di organizzare una programmazione flessibile adeguando le strategie formative alle sue esperienze professionali e ai livelli di apprendimento delle classi. Particolare attenzione è stata dedicata all attività di laboratorio, intesa come momento di apprendimento e di scoperta, finalizzata a trasmettere agli studenti le tecniche di progettazione e di validazione dei parametri progettuali. Il progetto didattico complessivo previsto nei tre volumi è suddiviso in blocchi tematici, dei quali: il primo prende in esame soprattutto gli aspetti relativi alla teoria dell informazione e della comunicazione fino ad arrivare all analisi degli automi a stati finiti; il secondo blocco tematico sviluppa gli argomenti inerenti la struttura dei moderni istemi Operativi e prevede un approfondimento che riguarda le politiche di gestione dei processi e delle risorse (memoria centrale, memoria di massa e dispositivi di I/O), le tecniche per la programmazione concorrente e la sincronizzazione dell accesso a risorse condivise, le caratteristiche e i casi significativi di funzionalità programmabili di un istema Operativo; il terzo blocco tematico si occupa dei sensori, dei sensori intelligenti e della simulazione circuitale attraverso i software Multisim e LabVIEW; affronta inoltre in maniera esaustiva le problematiche legate ai microcontrollori e ai sistemi di acquisizione e distribuzione dei dati; il quarto blocco tematico rappresenta una novità poiché tratta i concetti fondamentali che sono alla base del Project Management e affronta le problematiche principali legate all ingegneria del software. In particolare vengono illustrate le fasi di un progetto nel contesto del ciclo di sviluppo, i modelli, gli aspetti architetturali, le fasi per la progettazione, le tecniche e gli strumenti per la gestione delle specifiche e dei requisiti nonché gli aspetti legati alla qualità. Il corso è corredato da numerosi progetti dalla valenza molto significativa poiché offrono spunti per realizzare lavori interdisciplinari in collaborazione con i docenti delle altre materie d indirizzo, facilitando in tal modo l integrazione tra le conoscenze teoriche e l attività sperimentale.

4 IV L ampiezza delle trattazioni di questo volume consente di acquisire le seguenti macro-abilità: selezionare e comparare componenti per circuiti elettronici sulla base delle loro specifiche; effettuare misure su dispositivi elettrici utilizzando la strumentazione di laboratorio; verificare il funzionamento di semplici circuiti analogici e digitali; operare con i software di simulazione circuitale analogico/digitale; conoscere e utilizzare i moduli NI DAQ 6008 e NI mydaq nei sistemi di acquisizione e distribuzione dati; conoscere e saper realizzare una rete wireless con moduli a Radio Frequenza XBee per l acquisizione di dati e/o misura; saper utilizzare i moduli DLP-IO8 e DLP-IO14 in ambiente LabVIEW e con linguaggi ad alto livello; sviluppare le capacità di utilizzare Arduino per l I/O digitale e per l acquisizione di grandezze analogiche; conoscere le modalità di stesura ed utilizzo degli sketch; progettare e realizzare applicazioni che interagiscono con le funzionalità dei sistemi operativi; individuare casi significativi di funzionalità programmabili di un sistema operativo; dimensionare un sistema di elaborazione embedded per un applicazione specifica; programmare il microcontrollore di un sistema embedded in presenza o meno del sistema operativo; conoscere l architettura e le tecniche di programmazione dei microcontrollori e dei sistemi embedded; conoscere i dispositivi integrati in un microcontrollore; conoscere le problematiche e le tecniche legate all interfacciamento analogico e digitale di un microcontrollore e/o di un sistema programmabile; realizzare applicazioni per la comunicazione di rete; progettare l architettura di un prodotto/servizio individuandone le componenti tecnologiche; sviluppare programmi client-server utilizzando protocolli esistenti; progettare semplici protocolli di comunicazione; rappresentare e documentare le scelte progettuali e di implementazione in riferimento a standard di settore. Gli Autori

5 Presentazione Il progetto didattico del corso Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni è stato redatto al fine di far acquisire agli studenti del nuovo indirizzo di Informatica e telecomunicazioni degli Istituti Tecnici, settore Tecnologico, le conoscenze e le abilità previste dalle nuove linee guida. Tutti i volumi possono essere adottati sia per l articolazione Informatica, che per quella di Telecomunicazioni, sarà il docente a scegliere e approfondire i diversi argomenti in base alle differenti esigenze didattiche. Nella sezione digitale del corso, disponibile su sono stati trattati ulteriori argomenti, mentre altri sono stati approfonditi. Gli argomenti dei volumi si intersecano e si integrano con quelli relativi alla disciplina di istemi e reti, trattati nei testi prodotti dagli stessi autori. Lo scopo èè quello di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze nell ambito del ciclo di vita del prodotto software. Per conseguire gli obiettivi specifici della disciplina, i testi sono organizzati secondo una struttura modulare. La ricchezza delle tematiche trattate consente al docente di organizzare una programmazione flessibile adeguando le strategie formative alle sue esperienze professionali e ai livelli di apprendimento delle classi. Particolare attenzione è stata dedicata all attività di laboratorio, intesa come momento di apprendimento e di scoperta, finalizzata a trasmettere agli studenti le tecniche di progettazione e di validazione dei parametri progettuali. Il progetto didattico complessivo, previsto nei tre volumi, è suddiviso in blocchi tematici, dei quali: il primo prende in esame soprattutto gli aspetti relativi alla teoria dell informazione e della comunicazione fino ad arrivare all analisi degli automi a stati finiti; il secondo blocco tematico sviluppa gli argomenti inerenti la struttura dei moderni istemi Operativi e prevede un approfondimento che riguarda le politiche di gestione dei processi e delle risorse (memoria centrale, memoria di massa e dispositivi di I/O), le tecniche per la programmazione concorrente e la sincronizzazione dell accesso a risorse condivise, le caratteristiche e i casi significativi di funzionalità programmabili di un istema Operativo; il terzo blocco tematico si occupa dei sensori, dei sensori intelligenti e della simulazione circuitale attraverso i software Multisim e LabVIEW; affronta inoltre in maniera esaustiva le problematiche legate ai microcontrollori e ai sistemi di acquisizione e distribuzione dei dati; il quarto blocco tematico rappresenta una novità poiché tratta i concetti fondamentali che sono alla base del Project Management e affronta le problematiche principali legate all ingegneria del software. In particolare vengono illustrate le fasi di un progetto nel contesto del ciclo di sviluppo, i modelli, gli aspetti architetturali, le fasi per la progettazione, le tecniche e gli strumenti per la gestione delle specifiche e dei requisiti nonché gli aspetti legati alla qualità. il quinto blocco tematico, specifico di questo terzo volume, tratta le tecnologie Web comprese quelle che riguardano i Web ervice e le architetture ervice Oriented.

6 IV Il corso è corredato da numerosi progetti dalla valenza molto significativa poiché offrono spunti per realizzare lavori interdisciplinari in collaborazione con i docenti delle altre materie d indirizzo, facilitando in tal modo l integrazione tra le conoscenze teoriche e l attività sperimentale. L ampiezza delle trattazioni di questo volume consente di acquisire le seguenti macro-abilità: selezionare e comparare componenti per circuiti elettronici sulla base delle loro specifiche; effettuare misure su dispositivi elettrici utilizzando la strumentazione di laboratorio; verificare il funzionamento di semplici circuiti analogici e digitali; operare con i software di simulazione circuitale analogico/digitale; conoscere e utilizzare i moduli NI DAQ 6008 e NI mydaq nei sistemi di acquisizione e distribuzione dati; conoscere e saper realizzare una rete wireless con moduli a Radio Frequenza XBee per l acquisizione di dati e/o misura; saper utilizzare i moduli DLP-IO8 e DLP-IO14 in ambiente LabVIEW e con linguaggi ad alto livello; sviluppare le capacità di utilizzare Arduino per l I/O digitale e per l acquisizione di grandezze analogiche; conoscere le modalità di stesura ed utilizzo degli sketch; progettare e realizzare applicazioni che interagiscono con le funzionalità dei sistemi operativi; individuare casi significativi di funzionalità programmabili di un sistema operativo; dimensionare un sistema di elaborazione embedded per un applicazione specifica; programmare il microcontrollore di un sistema embedded in presenza o meno del sistema operativo; conoscere l architettura e le tecniche di programmazione dei microcontrollori e dei sistemi embedded; conoscere i dispositivi integrati in un microcontrollore; conoscere le problematiche e le tecniche legate all interfacciamento analogico e digitale di un microcontrollore e/o di un sistema programmabile; realizzare applicazioni per la comunicazione di rete; progettare l architettura di un prodotto/servizio individuandone le componenti tecnologiche; sviluppare programmi client-server utilizzando protocolli esistenti; progettare semplici protocolli di comunicazione; rappresentare e documentare le scelte progettuali e di implementazione in riferimento a standard di settore. Gli Autori

7 Guida alla lettura In queste pagine trovi indicazioni utili per organizzare lo studio al meglio attraverso gli strumenti che il corso di Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni ti mette a disposizione: il tuo libro di testo cartaceo; le espansioni che puoi consultare o scaricare collegandoti all indirizzo: Il libro cartaceo è suddiviso in moduli e unità; gli argomenti sono presentati in modo semplice, corredati da esemplificazioni, tabelle, grafici, esempi di simulazioni e proposte di verifiche sperimentali, al fine di facilitare la comprensione coinvolgendo gli studenti con l immediatezza e la praticità. Un ricco e puntuale apporto grafico agevola la comprensione dei con concetti teorici più ostici della materia Trasduttori intelligenti ti, digitali e di misura integra. Trasduttore D1820 tabella 4.1 Caratteristiche Unità di misura Valori elettriche V 3,0 5,5 ione V DD Tensione di alimentaz ura Range di temperat C + 85 C Accuratezza 10 ne max Tempo di conversio Risoluzione C C ± 0,5 B1820 Byte 0 CIRCUIT PARAITE POWER 1 4,7 k DQ 64 - BIT ROM AND 1 - wire PORT INTERNAL VDD GND 2 ENOR TEMPERATURE (TH) ALARM HIGH TRIGGER REGITER (EEPROM) (TL) ALARM LOW TRIGGER REGITER (EEPROM) CRATCHPAD Memoria di lavoro REGITER CONFIGURATION (EEPROM) C PP 5 TO Bit 11 3 DATI (IN) Ad altri trasduttori Temperatura [ C] Codice (Out) da un è caratterizzato rmente perché indirizzato singolacode ( tabella 4.2 ) a 64 bit. tore può essere D ROM Ciascun trasdut nella LAERE memorizzato proprio codice tabella 4.2 Bit Bit rom code. 64-bit lasered NUMBER + 85,0 + 25,0 + 0,5 0,0 0,5 25,0 CODE (10h) 8 BIT FAMILY 48 BIT ERIAL I succesd1020 (10h). 8-BIT CRC il codice del gono un ROM contengono 8 bit più significativi conten Gli significativi della numero seriale. Gli 8 bit meno gono un unico sivi 48 bit conten ridondanza. di controllo ciclico figura 4.8 Bit 10 Bit 2 Bit 1 Bit 0 Bit 6 Bit 3 Bit 7 Bit 4 Bit 8 Bit 5 Bit ,0 tra DATA e Esempi di relazione UCITA (Binaria) Byte di misura Byte di segno centigradi, può espresso in gradi ( tabella 4.3 ). temperatura, il calcolatore Il valore della mentazione con utile per l imple tabella 4.3 Temperatura = 00h) Positiva (2 Byte = Byte 0,5 in decimale del T [ C] = Valore (32h), si ha: è C Es: se il Byte 0 0,5 = 25, ) 0,5 = 50 ( le) UCITA (Esadecima 0 0 A A h h h h Gli aspetti matematici della disciplina sono contenuti senza che la scientificità e la completezza della trattazione risultino penalizzate. F F F F h F F C E h F F 9 2 h o con l algoritmo essere ricavat [ C] = FFh) Negativa (2 Byte = ) x 0,5 a 1 del (1 Byte Complemento in decimale del T [ C] = Valore (92h), si ha: + 1) è a 1 del 1 Byte Es: se il Byte (Complemento 1 = = 55,0 C = 110 0,5 0,5 2) ( All interno delle parti teoriche sono presenti numerosi esempi svolti che consentono di acquisire i concentti teorici. problegli esercizi e le attività di laboratorio sono completate dall analisi dei proble mi attraverso il foglio di calcolo o con programmi di simulazione. 7 dulo 08 Un ampia trattazione è riservata ai programmi 1 NIIl mo UB DAQ 60W LabVIE nt in ambie e CAD, quali LabVIEW e Multisim, nella loro ultiinterfacce izione l acquis ma versione, largamente utilizzati in ambito 1 epedisr tri ne buzio 08 con il DAQ 60 industriale e universitario. dati digitali I software National Instruments sono allegati simulazioal Volume 1 del corso mentre i file di simulazio ne degli esercizi e delle attività di laboratorio, sono disponibili nella sezione digitale. Numerosi esercizi proposti, collocati alla fine delle unità, permettono di consolidare le conoscenze acquisite. Test di verifica consentono di fare il punto sulle competenze acquisite al termine dei principali argomenti. unità DAQ 6008 ulo NI UB he del mod istic 1.1 Caratter di basdaq è un modulo UB, L NI UB 6008 bile con la porta iche. È so costo, collega digitali e analog ents ancon linee di I/O National Instrum caratteprodotto dalla 6009 con alcune che il modulo te. ristiche più avanzalinee di I/O digitali e La gestione delle nte effetessere facilme può iche il DAQ analog W utilizzando tuata con LabVIE te in F UNCTIO N A ITAN T presen o GENERATE (ACQUIRE IGNAL IGNALEXPRE IGNAL). uto nel NIT, conten Il DAQ A ITAN interattiva guida grafica testare e DAQmx, è una per ta utilizza che può essere creare dei DAQ 6008 e per zione configurare il sizione o la distribu task per l acqui unità 172 Misura temperatura 2 Byte Bit 14 Ad esempio è frazionario. il numero binario 2 1, indica che ha: o nella forma (figura 4.8) si Il bit 0, espress binario 0000 per il numero a); 0 (misura positiv = 0 + 0,5 = + 0,5 C. segno = = misura Temperatura 1 4,7 k Tabelle e schemi puntuali accompagnano la trat trattazione teorica. depends on value(s) * Power-up state stored in EEPROM figura Microcontrollore figura 4.5 TO Reserved (FFh) (0Ch) COUNT REMAIN COUNT PER C (10h) egno temperatura Bit 15 LL 182 A 0 D DA LL 182 A 0 D DA LL 182 A 0 D TO EEPROM Byte 1 TH Register or User Byte 2 TL Register or User CRC * 8 al segno 2 è riservato atura e il Byte o se è FFh ico della temper il Byte 1 è 00h e negativ o se e il valore numer atura è positiv Il Byte 1 fornisc valore della temper (figura 4.7). Il 1 Byte (figura 4.7). temperatura figura 4.4 di controllo della ntazione e iale nei sistemi l alime ambito industr 3 fili: due per è utilizzato in su un BU a Il dispositivo più trasduttori ile collegare poiché è possib ) per i dati (figura 4.5). uno (bidirezionale DA 3 - GND 2 - DQ (Data IN/OUT) 1 - V DD Memory Map (AAh) (85 C) Temperature LB (00h) Temperature MB Byte 1* TH Register or User Byte 2* TL Register or User Reserved (FFh) figura BIT CRC GENERATOR POWER UPPLY ENE VDD 133 di memobyte della mappa o dai primi due essere ricavat temperatura può ). Il valore della figura 4.6 trasduttore ( ria tipica del serie D1820. complesso, della MEMORY CONTROL LOGIC VDD intelligenti bit 9, in verità molto lo schema interno La figura 4.4 mostra 4 Trasduttori Unità ms 750 mento al dware per il collega meccanici), disporre dell har è necessario sensori con contatti esercitazioni interruttori (o e le successive natura diversa, Per poter eseguir relè per pilotare carichi di oard. 6008: modulo DAQ su delle breadb zioni. essere montati LED per le segnala re possono eventualmente I dispositivi hardwa laboratorio dei dati. direttamente è alimentato Il dispositivo figura 1.1 UB. attraverso la porta modulo e è riprodotto il Nella figura 1.1 (pin 17 32). posti su due quelli digitali i connettori 1 16) e per sono visibili analogici (pin alla porta UB. collegamento lati per i segnali il cavo per il In alto, è visibile le seguenti: sono di base del modulo P1.3); Le caratteristiche (48 k/s il 6009); P0.7); 4 della porta 1 (P1.0 o uscita. o (max) 10 k/s porta 0 (P0.1 re, come ingress ampling Rate di I/O: 8 della te, via softwa di 4,7 kω colrd di pull-up 12 canali digitali programmabile individualmen è resistore on-boa ciascun canale rain (con un del tipo open-d 11 bit (13 bit Le uscite sono risoluzione a interni); 0 AI 7) con ione a 12 bit risoluz con legato ai +5 volt d ingresso single-ended (AI ) 3 AI 3+ AI ici (AI 0+ AI 0 8 canali analog differenziali il 6009) o 4 canali (14 bit il 6009); d uscita (AO 0 AO 1); ici 2 canali analog r PFI a 32 bit (PFI 0); counte e; 1 ingresso ento di tension +2,5 V riferim max 200 ma. e corrent +5 V con d ingresso): digitali (livelli degli ingressi sso a livello basso); 1. pecifiche V (tensione d ingresso a livello alto); VIL 0,3 0,8 V (tensione d ingre VIH 2,0 5,8 del DAQ 6008 all ingresso ita e interruttori di figura 2.3a di LED all usc re lo schema si può utilizza del DAQ 6008 nella fase di uscite digitali ( figura 1.1 ). dei LED alle il LED spento per comodità Per collega re modo da avere Unità 2) qui riportato non invertente 7407 in (Æ 7, buffer è utilizzato il Per l interfaccia power-on. 1.1 Collegamento figura 1.1 o dell integrato presenti all intern quattro i buffer o usati tutti e con l anodo output verrann tutti connessi l interfaccia di D3 e D4) sono Per realizzare i R1 R4 in LED (D1, D2, I resistor figura 1.2, i quattro dal modulo DAQ ta direttamente e osservare nella essere preleva Com è possibil endo che la può che suppon Ω. V) A), e (+5 da 1800 IL = 2 ma (0,002 all alimentazion Ω. o (2 ma) sono a basso consum un LED con corrente Ω. È stato scelto R4 = 1800 serie ai LED, o considerando i quattro switch = 1600 stato calcolat 1,8) /0,002 L/H, sono utilizzat Il loro valore è collegati alla V, si ha R4 = (5 logici con livello capi sia di 1,8 R8 (da 10 kω) 6008 segnali R5 DAQ pull-up caduta ai suoi i di ingressi del modulo si in serie a dei resistor Per porre sugli Essi vanno connes 4). e 3 (1, 2, 7407 e i quattro = 5 V. non invertente tensione Vcc porte del buffer quattro le utilizza O1, O2, o lo schema che 6008 e alle linee ti interruttori. 1.2 è mostrat digitali del DAQ ento ad altrettan Nella figura con il collegam collegate le uscite. resistori di pull-up I4 (ingressi dei buffer) vanno digitali del modulo I3 e ori) gli ingressi Alle linee I1, I2, te ai quattro interrutt O3 e O4 (collega

8 Il tuo libro sul web I contenuti del tuo libro proseguono sul web all indirizzo Internet: ulle pagine del testo trovi i rimandi alle espansioni: digitando il codice che hai trovato all interno di questo volume, potrai accedervi direttamente e scaricarle sul tuo computer. A partire dalla pagina iniziale, che vedi qui riportata, puoi navigare nei contenuti digitali suddivisi per modulo: approfondimenti, tabelle e grafici su argomenti di particolare interesse; esercizi di simulazione con LabVIEW e Multisim; test di verifica. trumenti sempre disponibili: indicazioni utili per l uso del foglio di calcolo; linkografia a siti di interesse dedicati ai diversi ambiti tecnologici; calcolatrice; tavola periodica; unità di misura.

9 Indice 1 Tecnologie per le reti cablate wireless 1 3 Tecnologie e linguaggi per il Web 53 Unità 1 Reti cablate Mezzi trasmissivi cablati tandard IEEE Fast Ethernet Gigabit Ethernet 8 Unità 2 Reti wireless LAN wireless IEEE Livello Fisico di Livello MAC di Trasmissione dei segnali Criteri di sicurezza Bluetooth Infrarossi WiMAX ZigBee e IEEE Test di verifica 23 2 Metodi e tecnologie per la programmazione di rete 25 Unità 1 La programmazione di rete Client erver con socket Utilizzazione dei socket I componenti Indy con C++ Builder Applicazioni Client erver in rete locale sullo stesso PC Applicazioni Client erver in rete locale su PC diversi erver con indirizzo IP statico erver con indirizzo IP dinamico Applicazione Client erver con scambio d informazioni Applicazione Client erver con due Client 40 Unità 2 Realizzazione di Thread con C++ Builder XE Thread e multithreading Creazione di un thread con VCL 46 Unità 1 Tecnologie Web lato client: HTML HTML: generalità truttura di una pagina HTML Principali tag HTML Immagini e tabelle Form 62 Unità 2 Linguaggi di scripting lato client: Javacript Primo esempio Javacript Funzioni Javacript Interfacciare form con Javacript 69 Test di verifica 74 Laboratorio 76 Approfondimenti Frame in HTML Tecnologie Web lato server 4 Tecnologie per la realizzazione di Web ervice 85 Unità 1 Tecnologie XML truttura di un documento XML Regole XML Namespaces XML chema 92 Unità 2 ervice Oriented Architecture e Web ervice ervice Oriented Architecture Web ervice WDL: Web ervices Description Language OAP: imple Object Access Protocol Il protocollo HTTP UDDI: Universal Description Discoveryand Integration 107 Test di verifica 109 Laboratorio 111

10 VIII 5 Trasduttori di misura integrati, digitali e intelligenti istema di distribuzione analogico multicanale 159 Unità 1 Circuiti di condizionamento 116 Unità 2 Trasduttori di temperatura integrati AD LM Unità 3 Trasduttori digitali Trasduttore On-Off a effetto Hall Trasduttore ottico Trasduttore di temperatura MT Trasduttori di velocità e posizione Encoder ottico 127 Unità 4 Trasduttori intelligenti Trasduttore intelligente di temperatura D L integrato D18B Trasduttore intelligente di temperatura e di umidità HT Test di verifica istemi di acquisizione e distribuzione dati analogici 143 Unità 1 istemi di acquisizione dati Architettura dei sistemi di acquisizione e di distribuzione dati ottosistema di misura ottosistema di controllo ottosistema d uscita Catena di acquisizione a un solo canale Rilevamento, condizionamento e filtraggio Convertitore A/D Massima frequenza del segnale campionabile Circuito /H Convertitori A/D con track-hold interno Campionamento dei segnali 155 Unità 2 istemi di distribuzione dati istema di distribuzione dati a un solo canale 157 Unità 3 Campionamento e ricostruzione segnali Campionamento del segnale continuo Ricostruzione del segnale originale 167 Test di verifica 169 Approfondimenti Convertitori commerciali Campionamento con ADC e /H Campionamento con ADC e Track-hold interno Architettura di un sistema di acquisizione multicanale 7 Acquisizione e distribuzione dati in ambiente LabVIEW 171 Unità 1 Il modulo NI UB DAQ Caratteristiche del modulo NI UB DAQ Installazione del software 173 Unità 2 Acquisizione e distribuzione dati digitali con il DAQ Collegamenti con gli ingressi digitali Collegamenti con le uscite digitali Creazione di un task con DAQ Assistant in LabVIEW Acquisizione e distribuzione dati digitali con LabVIEW 183 Unità 3 Acquisizione e distribuzione dati analogici con il Canali analogici d ingresso Canali analogici d uscita pecifiche Acquisizione di segnali analogici Acquisizione di un canale analogico in modalità N ample Acquisizione di canali analogici in modalità 1 ample (On Demand) Acquisizione di un canale analogico in modalità Continuous Distribuzione di segnali analogici 203

11 IX Unità 4 Il modulo NI mydaq in ambiente LabVIEW Confronto delle caratteristiche con il DAQ 6008 e DAQ Esempio di utilizzazione del mydaq Il counter input/output 215 Test di verifica 217 Approfondimenti Il modulo NI mydaq 8 Acquisizione e distribuzione dati con i moduli DLP-I08 e DLP-I Unità 1 I moduli DLP-IO8 e DLP-IO Unità 2 Applicazione e distribuzione dati digitali in ambiente LabVIEW Comandi per il DLP-IO8 e DLP-IO14 per acquisire o inviare dati digitali Analisi di alcune funzioni.vi ARDUINO e i sistemi embedded 269 Unità 1 istemi Embedded Classificazione dei sistemi di elaborazione Moduli embedded Esempio di sistema embedded a microcontrollore Analisi dell hardware del sistema oftware di gestione del microcontrollore 276 Unità 2 La board ARDUINO UNO Installazione dei driver della scheda pecifiche tecniche Alimentazione della scheda I/O digitali Input analogici Risorse di comunicazione 284 Unità 3 La programmazione di ARDUINO L IDE di Arduino Gli sketch Le librerie 298 Test di verifica 300 Unità 3 Acquisizione di dati analogici con i moduli DLPI-IO8 e DLPI-IO14 con LabVIEW Token per ingressi analogici e per misure di temperatura Acquisizione di canali analogici truttura dei dati acquisiti Acquisizione di una temperatura 250 Unità 4 Il modulo DLP-IO8 con i linguaggi visuali Apertura e chiusura del collegamento con il DLP-IO Acquisizione di dati digitali con DLP-IO Distribuzione di dati digitali con il DLP-IO Le funzioni utilizzate con il DLP-IO Reti wireless per sistemi di acquisizione dati e misura 301 Unità 1 I moduli a radiofrequenza XBee Dimensioni dei moduli e funzioni dei pin Tipo di antenna erie 1, serie 2, serie 2B igla identificativa del modulo Modalità operative Protocolli Protocollo IEEE Protocollo ZigBee Protocollo DigiMesh Configurazione dei Moduli XBee 314 Test di verifica 315 Unità 2 Programmazione dei moduli XBee Programmazione dei moduli con la scheda XBee - UB Board 316

12 X 2.2 Programmazione dei moduli con il Wireless Proto hield 320 Unità 3 Applicazione di sistemi wireless con Arduino Uno crittura dello sketch crittura dei programmi di ricezione sul PC Applicazione in ambiente LabVIEW Applicazione in ambiente C++ Builder Programmazione dei moduli XBee Microcontrollori PIC 329 Unità 1 Il microcontrollore PIC16F876A Caratteristiche di base del PIC16F876A 330 Unità 2 Moduli periferici del PIC16F876A Il convertitore A/D del PIC16F876A I registri ADCON1 e ADCON I registri ADREH e ADREL Tempo di acquisizione e di conversione Acquisizione con generazione d interrupt Il modulo comparatore I moduli Timer Timer TIMER TIMER Capture/Compare/PWM Modo Capture Modo Compare Modo PWM 347 Approfondimenti Programmi applicativi microcontrollori I microcontrollori PIC18FXXX Laboratorio 349 Unità 1 Interfacce per l acquisizione e distribuzione dati digitali con il DAQ Unità 2 Acquisizione dati con termocoppia 355 Unità 3 Acquisizione con il DAQ 6008 con accelerometro a tre assi 360 Unità 4 Realizzazione di un sistema embedded con Arduino Uno 372

13 Tecnologie per le reti cablate e wireless Unità 1 Reti cablate Unità 2 Reti wireless1 Prerequisiti Conoscere le topologie di rete. Conoscere il modello IO-OI per le reti. Conoscere i principali metodi di accesso al mezzo. Obiettivi Conoscere i principali mezzi trasmissivi. Conoscere il progetto IEEE 802 per le reti. Conoscere i dispositivi per la realizzazione di reti cablate e wireless. Conoscere i principali standard per le LAN, WLAN, MAN e WMAN. Conoscere i principali standard per le LR-WPAN. Tecnologie per le reti cablate e wireless U.1 U.2 Reti cablate Reti wireless

14 2 1 unità Reti cablate In un sistema di comunicazione le informazioni da inviare da una sorgente a una destinazione sono associate a un onda elettromagnetica che si propaga in un mezzo trasmissivo, costituito da conduttori metallici, fibre ottiche, spazio libero, guide d onda, ecc. Nello spazio vuoto l onda elettromagnetica si propaga liberamente a una velocità uguale a quella della luce, circa km al secondo. Nei fili di rame o nelle fibre ottiche, invece, la propagazione è delimitata all interno del mezzo e la velocità di propagazione è minore di quella della luce e parzialmente dipendente dalla frequenza. Tenendo presente i modi di propagazione di un onda elettromagnetica è possibile suddividere i mezzi trasmissivi in mezzi guidanti e non guidanti. Mezzi guidanti: sono costituiti da doppini intrecciati, cavi coassiali, fibre ottiche, ecc., e sono detti guidanti perché la propagazione dell onda è forzata al loro interno. Le fibre ottiche sono mezzi ottici guidanti perché in essi si ha la propagazione di un onda elettromagnetica la cui frequenza cade nel visibile (propagazione della luce). Mezzi non guidanti o wireless: sono costituiti dal vuoto e dall aria e sono detti non guidanti perché l onda elettromagnetica si propaga liberamente nello spazio. La comunicazione è affidata a onde radio, raggi infrarossi, luce visibile. I mezzi ottici non guidanti sono utilizzati principalmente per collegare reti LAN mediante segnali emessi da laser e aventi frequenze comprese nella regione dell infrarosso. 1.1 Mezzi trasmissivi cablati Il doppino intrecciato (twisted pair) è costituito da una coppia di conduttori di rame, aventi uno spessore di circa 1 mm e ricoperti ciascuno da una guaina isolante. I conduttori sono intrecciati l uno con l altro (binatura) in forma elicoidale per ridurre al minimo i fenomeni di interferenza fra coppie di cavi posti vicini. Il doppino è usato in telefonia per collegare ciascuna abitazione alla centrale più vicina (terminali del sistema telefonico), può essere usato sia per trasmissioni analogiche sia per trasmissioni digitali. Negli ultimi anni le prestazioni dei doppini sono notevolmente migliorate grazie all utilizzazione di nuovi materiali isolanti e di nuove guaine esterne, alla messa a punto di nuove geometrie delle coppie e all aumento della sezione dei conduttori. I doppini sono classificati in base alla schermatura come TP, FTP e UTP e in un cavo vi possono essere numerose coppie di doppini. Cavo TP (hielded Twisted Pair): ogni doppino ha un proprio schermo cui si aggiunge uno schermo globale. Gli schermi possono essere a foglio, oppure a calza, oppure ibridi (foglio+calza). Per le sue caratteristiche il doppino TP offre le migliori prestazioni ma è molto più ingombrante. Cavo FTP (Foiled Twisted Pair): tutti i doppini contenuti nel cavo sono schermati da un unico foglio di alluminio. Cavo UTP (Unshielded Twisted Pair): non presenta alcun schermo esterno. Il cavo UTP (figura 1.1) è costituito da quattro coppie di fili contenuti in un rivestimento isolante. Ogni coppia è intrecciata con una binatura minima di 6 giri/metro per eliminare l interferenza proveniente dalle altre coppie e da altre apparecchiature elettriche. Il doppino UTP è molto utilizzato nelle reti Ethernet, in quelle Token-Ring e nelle reti telefoniche.

15 Unità 1 Reti cablate 3 I doppini sono classificati in categorie, ognuna delle quali trova applicazione in ambiti specifici. Categoria 1 (Telecommunication): comprende i cavi adatti unicamente a telefonia analogica. Categoria 2 (Low peed Data): comprende i cavi per telefonia analogica, digitale (IDN) e trasmissione dati a bassa velocità (linee seriali). Categoria 3 (High peed Data): i cavi hanno caratteristiche adatte a realizzare reti locali fino a 10 Mbps, in particolare per soddisfare gli standard 10Base-T di IEEE e Token-Ring a 4 Mbps. Categoria 4 (Low Loss, High Performance Data): comprende i cavi per LAN Token-Ring fino a 16 Mbps. Categoria 5 (Low Loss, Extended Frequency, High Performance Data): i cavi sono simili a quelli di categoria 3, ma hanno più spire per centimetro. Possono essere utilizzati per applicazioni fino a 100 Mbps su distanze di 100 metri. Categoria 6: comprende cavi in grado di gestire segnali aventi una banda fino a 250 MHz, sono utilizzati principalmente per Ethernet 10Base-T, 100Base-TX e 1000Base-T, per sistemi di sicurezza, telefono e sono in grado di trasmettere dati e voce fino a 155 Mbps. La lunghezza massima di un segmento di cavo è di circa 220 metri. Categoria 7: comprende cavi in grado di gestire segnali aventi banda fino a 600 MHz, sono utilizzati per reti Ethernet 10Base-T, 100Base-TX con velocità fino a 10 Gbps. figura 1.1 Ogni cavo di categoria superiore è in grado di fornire tutti i servizi offerti da quelle di categoria inferiore. Attualmente sono preferiti i cavi di categoria 5 perché i loro costi sono molto contenuti in relazione alla prestazioni garantite. Il cavo coassiale è formato da un conduttore centrale e da uno o più schermi o calze (figura 1.2). Le tipologie dei cavi coassiali sono principalmente Thin Ethernet e Thick Ethernet. figura 1.2 Thin Ethernet (Ethernet sottile): ha un diametro di circa 5 mm (1/4 ), una impedenza di 50 Ω, un doppio schermo costituito dal foglio più calza ed è previsto dallo standard IEEE Base2. Thick Ethernet (Ethernet spesso RG213): ha un diametro di circa 12,7 mm (1/2 ), una schermatura a quattro strati, è caratterizzato da ottimi parametri elettrici ma è costoso, poco flessibile, e difficile da porre in opera a causa dei notevoli problemi legati ai raggi minimi di curvatura ammessi.

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

Livello fisico: i mezzi trasmissivi

Livello fisico: i mezzi trasmissivi Livello fisico: i mezzi trasmissivi Mod4_1_2_3 Uno degli aspetti più importanti di una rete, indipendentemente dal fatto che sia essa locale o geografica, è costituito dal tipo e dalle caratteristiche

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari Il livello fisico e Topologie di rete Mauro Gaspari 1 Il livello fisico I protocolli sono realizzati sopra il livello fisico Lo scopo del livello fisico è di trasportare un flusso grezzo di bit da una

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

I mezzi trasmissivi Per formare una rete

I mezzi trasmissivi Per formare una rete I mezzi trasmissivi Per formare una rete di comunicazione possono essere usati diversi mezzi trasmissivi (o media). La loro classificazione può essere fatta in base alle loro caratteristiche fisiche e

Dettagli

3.2 Mezzi trasmissivi elettrici

3.2 Mezzi trasmissivi elettrici 25 3.2 Mezzi trasmissivi elettrici I mezzi trasmissivi elettrici rappresentano ancora oggi il mezzo più diffuso, e nell'ambito delle reti locali assumono fondamentale importanza soprattutto per la realizzazione

Dettagli

LE RETI ARGOMENTI TRATTATI Definizione di rete Classificazione delle reti Apparecchiatura di rete Mezzi trasmissivi Indirizzi IP Http Html DEFINIZIONE DI RETE Una rete di computer è costituita da un insieme

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)?

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)? INTRODUZIONE Una rete LAN (Local Area Network) è costituita da numerosi computer e periferiche connessi tramite un sistema di cablaggio entro un area limitata, quale il reparto di un azienda o l interno

Dettagli

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2012-2013 Classe 4^ MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

Sezione propedeutica. Infrastruttura hardware di una rete

Sezione propedeutica. Infrastruttura hardware di una rete Sezione propedeutica Infrastruttura hardware di una rete Client e Server Una rete, sebbene sia usata da persone, è composta da computer. I computer sono classificabili in due categorie: CLIENT e SERVER

Dettagli

Cos'è il cablaggio strutturato?

Cos'è il cablaggio strutturato? Cos'è il cablaggio strutturato? Il cablaggio strutturato è una grande rete di trasmissione dati costituita da un insieme di cavi, prese, armadi ed altri accessori tramite i quali trasportare ed integrare

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Introduzione ai Calcolatori Elettronici

Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione al Web Le Reti A.A. 2013/2014 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : Le reti >> Sommario Sommario n Le reti n

Dettagli

Paragrafo 1: I mezzi trasmissivi

Paragrafo 1: I mezzi trasmissivi Paragrafo 1: I mezzi trasmissivi Classificazione dei mezzi trasmissivi. Essi si dividono in tre categorie: - Elettrici, cioè quelli che sfruttano la proprietà dei metalli di condurre corrente elettrica.

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Triennio, Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, art. TELECOM. MATERIA:

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 4 Martedì 17-03-2015 Mezzi trasmissivi I mezzi trasmissivi si dividono in

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Guida all hardware di rete

Guida all hardware di rete !"##$% Guida all hardware di rete ad uso degli Studenti del Corso di RETI DI CALCOLATORI CdL I livello in Ingegneria Informatica Versione 0.5 Autore: Davide Mazza Mantova, li 16/03/2004 GUIDA ALL HARDWARE

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER 1 ELETTRICI 2 OTTICI 3 WIRELESS MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER MODALI ELETTRICI PARAMETRI 1 IMPEDENZA 2 VELOCITA'

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 1 Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche

Dettagli

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 IPSES S.r.l. Scientific Electronics IPSES SCHEDE DI I/O Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 Le schede di gestione I/O IPSES

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

LabVIEW. Apertura del programma

LabVIEW. Apertura del programma LabVIEW Il termine LabVIEW significa Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. LabVIEW è un prodotto che si è imposto nel tempo come standard di riferimento per la gestione e la elaborazione

Dettagli

CAPITOLO 2. I componenti hardware utilizzati nelle reti

CAPITOLO 2. I componenti hardware utilizzati nelle reti CAPITOLO 2 I componenti hardware utilizzati nelle reti Finora abbiamo soltanto nominato alcuni dei componenti utilizzati nella realizzazione di una LAN. In questo capitolo cercheremo di approfondire la

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione L approvazione dell edizione 2 di ISO/IEC 11801, IEC 61076-3-104 e IEC 60603-7-7 indica che è stato ormai definito e completato uno standard

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

Pier Calderan. Robot fai-da-te

Pier Calderan. Robot fai-da-te Pier Calderan Robot fai-da-te Robot fai-da-te Autore: Pier Calderan Copyright 2012 APOGEO s.r.l. Socio Unico Giangiacomo Feltrinelli Editore s.r.l. Via Natale Battaglia 12 20127 Milano (Italy) Telefono:

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

ARDUINO ARDUINODUE. la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti. New. New. futurashop.it. S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica

ARDUINO ARDUINODUE. la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti. New. New. futurashop.it. S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica ARDUINO la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti Realizza i tuoi progetti sfruttando questa innovativa piattaforma a basso costo, che mette

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Guida al montaggio di un cavo di rete UTP RJ45 CAT5 Diretto o Incrociato (Crossover)

Guida al montaggio di un cavo di rete UTP RJ45 CAT5 Diretto o Incrociato (Crossover) Guida al montaggio di un cavo di rete UTP RJ45 CAT5 Diretto o Incrociato (Crossover) Specifiche EIA568A e B. I cavi usati nelle reti di computer possono essere di vario tipo: Thinnet coassiale: diametro

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Reti di Elabotori Canale 2

Reti di Elabotori Canale 2 Reti di Elabotori Canale 2 Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Via Salaria 113 Ricevimento: su appuntamento Pagina web del corso: http://twiki.di.uniroma1.it/twiki/view/reti_elab/mz/ Reti di calcolatori

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE di Renato Agati INDICE 1 Introduzione 2 La didattica della Teoria elementare dell Informazione 2.1 Prerequisiti, competenze, obiettivi 2.2 Il piano di lavoro 3 La trasmissione

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

CABLAGGIO STRUTTURATO

CABLAGGIO STRUTTURATO CABLAGGIO STRUTTURATO L esigenza di poter comunicare in modo sempre più rapido ed affidabile, attribuisce al settore delle comunicazioni un ruolo primario nel panorama socio-economico. Il continuo e repentino

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

LE RETI LOCALI E INTERNET

LE RETI LOCALI E INTERNET LE RETI LOCALI E INTERNET Con l avvento di Internet, le tecnologie di rete sono diventate protagoniste indiscusse della scena informatica. Anche le vecchie reti locali si sono profondamente trasformate

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED Un tipico sistema di acquisizione dati di tipo PC-based ha quattro componenti hardware fondamentali (Fig.1): una morsettiera, un cavo, un dispositivo DAQ (Data Acquisition

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Tesi di Bachelor 2014 Daniele Barbato Giorgio Rigamonti Sistema di controllo per inverter solare bidirezionale Il lavoro

Dettagli

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Parte 4: Fast Ethernet 1 Fast Ethernet Nel 1992 IEEE ha riunito il comitato 802.3 per sviluppare un protocollo a 100 Mbps basato sulla tecnologia Ethernet

Dettagli

Reti di calcolatori. Evoluzione dei calcolatori

Reti di calcolatori. Evoluzione dei calcolatori Reti di calcolatori Evoluzione dei calcolatori I calcolatori hanno subito nel corso degli anni un evoluzione dei modelli costruttivi, dal mainframe alla rete, che ha influito anche sulle modalità di utilizzo

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Lo scopo di una rete Lo scopo di una rete è quello di mettere in condivisione le risorse hardware (es.

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Telecomunicazioni COORDINATORE B. Favaro Sono presenti i proff. Favaro, Maisto I docenti appartenenti al gruppo disciplinare,

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Paragrafo 1: Prerequisiti Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Lo scopo di una rete Lo scopo di una rete è quello di mettere in condivisione

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli La propagazione e la legge di Snell Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Link budget I cavi 11.2 Ci sono due ragioni importanti

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche (seconda parte) Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/22 Il doppino

Dettagli

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it Reti di Calcolatori una rete di

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 5ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Servomotori

Dettagli

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Indice degli argomenti Indice delle figure...2 Introduzione...3. Parametri misurati dal sistema Hornet...4 2. Caratteristiche hardware del

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

DS100: COLLEGAMENTI E SEGNALAZIONI

DS100: COLLEGAMENTI E SEGNALAZIONI di Davide Ferrario Il Tibbo DS100 è un Server di Periferiche Seriali, consente cioè di collegare un dispositivo munito di porta seriale ad una LAN Ethernet, permettendo quindi l accesso a tutti i PC della

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 16 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 16 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4 INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Catena di misura ODC per applicazione su un reattore a ossi-combustione

Catena di misura ODC per applicazione su un reattore a ossi-combustione Catena di misura ODC per applicazione su un reattore a ossi-combustione R. Bruschi, C. Stringola, S. Giammartini, M. Nobili Report RSE/2009/98 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Prof. Andrea Borghesan

Prof. Andrea Borghesan SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Le reti di calcolatori Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: martedì, 12.00-13.30. Dipartimento di Matematica 1 Modalità

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

Rete di accesso in rame Pag 1

Rete di accesso in rame Pag 1 Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche Rete di accesso in rame Pag 1 Tecnologie per l ultimo miglio Parametri di una linea trasmissiva in rame I 0 Cellula elementare I x G V 0 l g r c V x Linea

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Basilio Focaccia via Monticelli (loc. Fuorni) - Salerno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica Anno scolastico:

Dettagli