Brokeraggio assicurativo e pubbliche amministrazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Brokeraggio assicurativo e pubbliche amministrazioni"

Transcript

1 Giosy TOMASELLO (*) Brokeraggio assicurativo e pubbliche amministrazioni (*) Frequentatrice del IV Corso di formazione iniziale per Segretari Comunali (Roma, Veientana)

2 Introduzione Il presente lavoro è il risultato di un attività di esegesi e di coordinamento di fonti relative alla figura del broker assicurativo. Sebbene si tratti di un settore a lungo inesplorato e solo di recente balzato all attenzione della dottrina e della giurisprudenza, la figura del broker va ad inserirsi nel delicato campo della gestione del rischio ed in una società, in cui l attività umana si scontra con rischi di ogni genere. Diventa allora fondamentale poter riporre la propria fiducia in un soggetto che della gestione del rischio è un profondo conoscitore. Ciò vale per qualunque operatore giuridico, vale soprattutto per un soggetto, quale la P.A., teleologicamente ed istituzionalmente preposto alla promozione ed alla tutela di interessi collettivi. Qualora la P.A. si avvalga correttamente dell ausilio del broker nella propria attività di gestione del rischio, ne trarrà inestimabili benefici, essendo interesse di tutti, soggetti pubblici e privati, avere una P.A. in grado di offrire servizi di alta qualità, con la massima razionalizzazione delle spese. In realtà, nella coscienza civile dei cittadini è andata crescendo una esigenza, quella della tutela di alcuni interessi, quelli più tecnicamente definiti come diffusi. Accanto al nascere dell esigenza di queste nuove difese sociali, non ci sono state nuove forme di responsabilità se non quelle già esistenti; soprattutto quella di tipo penale. Questa considerazione fa riflettere sulla opportunità di un nuovo scenario sulle forme di responsabilità, che possano portare serenità agli amministratori e soprattutto possano rendere assicurabili alcuni rischi. Bisogna, quindi, che i pubblici amministratori considerino attentamente questa nuova responsabilità assicurativa, con la consapevolezza di poter disporre di strumenti adeguati per poterla fronteggiare, tramite, appunto, i brokers assicurativi. Per queste ragioni si è stimato utile e proficuo elaborare un analisi sulla figura del broker assicurativo, che vanta una sua propria tradizione nell esperienza della common law. 660

3 Giosy TOMASELLO Peraltro, in assenza di dati normativi specifici, la definizione e la qualificazione di broker è stata opera di ingegneria giuridica di dottrina e giurisprudenza. A tutt oggi la figura del broker si pone al confine tra gli istituti del mediatore, dell agente e del prestatore d opera intellettuale nel campo assicurativo. Da quanto sarà esposto, emergerà la positività del ricorso della P.A. al broker assicurativo, in considerazione della inesistenza di costi e della imprescindibilità per la stessa di una consulenza nel settore delle assicurazioni, purché il broker mantenga una posizione di terzietà rispetto alle compagnie di assicurazioni ed operi esclusivamente al servizio della P.A. richiedente. Il broker assicurativo quale fornitore di servizi alla P.A. Una figura strettamente connessa all impresa assicurativa, e la cui alterna fortuna, nella nostra esperienza, è in gran parte legata alla posizione che la media e grande impresa assicuratrice è stata in grado di assumere rispetto alla domanda di copertura dei rischi, è rappresentata dal broker assicurativo. L Unione Europea, come noto, ha assunto una serie di iniziative con delle direttive in materia di qualità in generale, di qualità dei prodotti, ma anche, specificamente, di qualità dei servizi. Anche il nostro Governo, ed in particolare il Ministero della Funzione Pubblica, ha assunto una serie di iniziative, adottando in particolare la Carta dei Servizi. Le organizzazioni che producono servizi in molti settori quali Sanità, Trasporti, Energia, si devono impegnare nei confronti dell utenza a raggiungere determinati standard qualitativi. Sempre più, quindi, il bisogno di qualità si dovrà tradurre in atti concreti, in azioni effettive. Emerge a questo punto in tutta la sua evidenza l importanza dell operatività del broker assicurativo nella sfera di attività della P.A. 661

4 Oggi, appare sempre più rilevante il problema della qualità della gestione delle organizzazioni pubbliche dal momento che la qualità del servizio, cioè del prodotto (rientrando il servizio in una particolare classe di prodotti), richiede certamente di intervenire nella gestione. Ciò vuol dire prevenire errori, intervenire sull organizzazione, sulla formazione delle risorse, vuol dire anche intervenire in fase di acquisto di prodotti, di beni e di servizi. Il broker offre, appunto, un servizio del quale la P.A. può avere bisogno, perché c è, nella gestione dell organizzazione, nella gestione del rischio, un problema articolato che riguarda il tema della prevenzione e degli aspetti tecnici. Il broker, se correttamente utilizzato, si inserisce come un tassello di ausilio, di aiuto ad una corretta gestione, in regime di qualità, da parte degli enti pubblici. V è infatti un interesse dei cittadini e delle imprese, ad avere una P.A. che offra servizi di alta qualità. Ebbene questa qualità passa anche attraverso la gestione del rischio, e, quindi, attraverso la qualità del broker. Il broker: origini e funzioni Come si evince dalla denominazione, anche perché non renderebbe giustizia alla figura una sua traduzione in lingua italiana, il termine broker è mutuato dall esperienza di common law, in cui è usato indifferentemente - come termine omnicomprensivo - per indicare genericamente qualsiasi tipo di operatore assicurativo-intermediario diverso dalla società e dall agente di assicurazioni, laddove il solo termine broker indica in genere il mediatore, il sensale, l intermediario o il commissionario. Tra gli intermediari d affari la figura del broker appare una delle più rilevanti. Egli è, infatti, mercante e conoscitore delle più svariate forme di assicurazione e dei premi quotati ed è quindi il soggetto che meglio di ogni altro è in grado di operare la selezione più vantaggiosa per il proprio cliente. 662

5 Giosy TOMASELLO Il broker non è, quindi, - nell esperienza inglese da cui trae vita - un agente dell assicuratore, ma, al contrario, opera, normalmente, per conto e talora anche in nome dell assicurato, dal quale riceve l incarico, con la descrizione del rischio e della necessaria copertura. Il compito del broker consiste nel predisporre modelli contrattuali che per tipo e condizioni meglio rispondono alle esigenze dell assicurando, nel sottoporli agli assicuratori e nel concordare con essi le migliori condizioni di polizza e richieste di indennizzo. Occorre sottolineare, tuttavia, che se nell esperienza inglese il broker è normalmente agente dell assicurato non è infrequente il caso del broker agent dell assicuratore; ciò si verifica allorquando il broker provvede a riscuotere l ammontare del premio o a sottoscrivere una polizza per l assicuratore. Nella nostra esperienza si è verificata una mera trasposizione linguistica del termine, contenente tuttavia allusioni a compiti pressoché omologhi; insorgono invece problemi di qualificazione, in particolare il problema della assimilazione della figura del broker a quella del mediatore. La definizione di broker e la sua qualificazione In assenza di dati normativi specifici, la definizione e la qualificazione di broker è stata opera di creazione dottrinale e giurisprudenziale, ed i provvedimenti legislativi (in particolare la legge istitutiva dell albo dei brokers del 28/11/1984 n. 792) si sono sviluppati recependo solo in parte quella elaborazione. Di qui i problemi più difficili da risolvere e relativi alla vincolabilità delle definizioni legislative e alla libertà dell interprete, anche successivamente all intervento del legislatore. La ricostruzione dogmatica della figura del broker è stata compiuta in modo approfondito, ma del tutto disomogeneo, dagli studiosi che se ne sono occupati. La diversità di opinioni che in proposito si registra vede contrapposta la tesi che riconduce il rapporto di brokeraggio alla figura della mediazione a quella che ravvisa nel rapporto gli estremi del contratto di presta- 663

6 zione d opera intellettuale 1. Una posizione intermedia è assunta da chi qualifica il brokeraggio come contratto innominato misto, frutto della combinazione dei richiamati schemi legali e da chi lo qualifica come contratto tipico tout court. L accoglimento di una piuttosto che dell altra tesi comporta conseguenze pratiche di rilievo. La prima tesi riconduce i rapporti cui dà vita il broker allo schema della prestazione d opera intellettuale. Poiché caratteristica indefettibile del rapporto di mediazione è l imparzialità, e tale requisito non è riscontrabile nell attività del broker, si esclude che il broker sia mediatore. Il broker è in questa prospettiva considerato, essenzialmente, un fiduciario dell assicurando, e la realtà della pratica degli affari dimostrerebbe come la prestazione qualificante sia costituita dalla selezione, operata professionalmente, delle varie offerte di copertura assicurativa conseguenti ad una valutazione della qualità e della quantità dei rischi da assicurare. La seconda tesi è difesa da chi sostiene il carattere essenzialmente mediatorio del brokeraggio. Si pone, pertanto, l accento sull attività di relazione e di contatti sviluppata dal broker tra assicurando ed assicuratore. L accessoria attività di consulenza, che il broker è solito prestare all assicurando, rientrerebbe in una nozione lata di rapporto di mediazione, sulla scorta della considerazione che l ipotesi di mediatore astratto, per così dire, da rapporti diretti con le parti è residuale, tanto nel campo assicurati- 1 Cfr: Guido ALPA - Giovanni B. FORLINO, Broker, in Digesto delle discipline privatistiche - Sezione Commerciale - Torino Atti del Convegno, Brokers e P.A., Roma, 12 giugno BONILINI, Sulla qualificazione giuridica del rapporto di brokeraggio, nota a Cass. n del 1980 in GC, 1980, I. CARDANI, L accertamento della idoneità professionale dei mediatori di assicurazione alla luce della L. 792/84, DPA, CARRIERO, Sulla figura giuridica del broker, nota a Cass n in FI, 191, I, 749. DAVEGGIA, L intermediazione assicurativa nel Medio Evo, AS, DEL CASTILLO, GALTIERI, REALFONZO, Gli appalti pubblici di servizi, Milano, FERRARINI, Le Assicurazioni Marittime, Milano, LA TORRE, I Mediatori di assicurazione, AS, F. PAPARELLA, Broker e P.A.: un incontro proficuo, in Assinews 59, 13 e ss.. PAR- TESOTTI, Commentario, NLCC, PARTESOTTI Gli intermediari di assicurazione, AS, 1971, I. PICOZZA E. Gli appalti pubblici di servizi, II, Ed. Rimini, POGLIANI, Discorso breve sulla qualificazione del broker in Italia, RCP, TRA- MONTANO Luigi, Diritto degli Enti Locali, Ed. Simone,

7 Giosy TOMASELLO vo quanto nella pratica negoziale in genere. Piuttosto incerte sono ancora le definizioni prospettate dalla giurisprudenza in materia di brokeraggio assicurativo. Di recente la Suprema Corte è giunta alla conclusione che il broker è un mediatore di assicurazioni che mette in relazione l assicurando e l assicuratore senza essere legato ad alcuna delle parti da rapporti di collaborazione, dipendenza e rappresentanza. È pertanto incompatibile con il broker la disciplina del rapporto di agenzia (Cass. n. 6956/1992). La definizione legislativa del broker L art. 1 della L. 28/11/1984 n. 792 dà una definizione legislativa della figura del broker di assicurazioni. Si tratta peraltro di una definizione meramente oggettiva e descrittiva. Invero, la prima parte della definizione, ove si denota l attività di broker come mediatore professionale tra compagnie di assicurazioni e soggetti assicurandi, sembra avvicinarsi alla posizione espressa dalla giurisprudenza e da quella parte della dottrina che riconducono il rapporto di brokeraggio all area della mediazione. Viceversa, la seconda parte della definizione - ove si denota il rapporto tra il broker e il soggetto assicurando come rapporto di assistenza e collaborazione - appare ricettiva della opposta istanza teorica, propria di altra parte della dottrina, con la quale si avvicina l attività del broker assicurativo alla diversa figura, pure legislativamente tipica, della prestazione d opera intellettuale. La legge n. 792 del 1984 introduce tuttavia una serie di elementi idonei a far ritenere che l attività del broker assicurativo, come ivi definito, riveste prevalente carattere di mediazione, in quanto attività necessariamente esercitata in forma di impresa commerciale, con conseguente prevalente rilievo in sede di ricostruzione sistematica del dato economico (mediazione) rispetto al fatto materiale ed eventuale del servizio prestato. 665

8 Invero, il broker assicurativo organizza ed esercita un attività economica ausiliaria dell attività assicurativa e tale organizzazione si concreta in forma di impresa in presenza di un rischio imprenditoriale, carattere incompatibile con la prestazione d opera intellettuale. Non vi è dubbio che l attività professionale del broker denoti anche un connotato intellettuale, esigendo in chi la esercita specifiche ed approfondite conoscenze di economia, tecnica e diritto delle assicurazioni. Tuttavia, come si è esattamente sottolineato in dottrina, l antitesi legislativa fra l esercizio professionale dell attività commerciale e l esercizio delle professioni intellettuali non esclude il carattere intellettuale dell uno e dell altro. Ma, mentre, nelle professioni intellettuali in senso proprio e stretto, l elemento organizzativo, se sussiste, ha carattere meramente strumentale ed interno, nell esercizio professionale di un attività economica (nella specie, di un attività economica di mediazione) l elemento organizzativo riveste un carattere funzionale ed esterno. E non si può dubitare che un tale elemento organizzativo funzionale ed esterno si riscontri nell attività del broker assicurativo, il quale non si limita a consigliare o a suggerire ai propri cliente un predeterminato affare assicurativo, come potrebbe fare un qualsiasi consulente nel proprio ambito e come fa il produttore libero o procacciatore d affari indipendente nello specifico ambito assicurativo, ma pone egli stesso in essere affari, assumendosi in proprio obbligazioni e responsabilità. Il broker al servizio della P.A. La nozione di servizio indica un tipo di prestazione lavorativa che può diventare momento caratterizzante di rapporti contrattuali riconducibili a due diverse figure. Se il servizio viene svolto da un operatore individuale si ricade nella figura del rapporto di lavoro autonomo, se invece viene svolto da un organizzazione d impresa, vale a dire da un operatore che si avvale di una propria organizzazione, si ricade nella figura generale dell appalto di servizi. 666

9 Giosy TOMASELLO Normalmente l attività del broker ricade in questa seconda figura, ma le linee fondamentali della legge istitutiva dell Albo non escludono che l attività del broker possa ricadere anche nelle dimensioni minori di un contratto di lavoro autonomo. Nell attività del broker, come già evidenziato, confluiscono due componenti nettamente distinte, ma necessariamente compenetrate e complementari. La prima è quella della prestazione di un servizio di consulenza e di assistenza. Ad essa si affianca una componente rassomigliabile alla mediazione, vale a dire alla prestazione di un attività umana volta a favorire il perfezionamento di accordi contrattuali tra due diversi soggetti. Va detto che di queste due componenti, quando una delle due parti del futuro rapporto di assicurazione è un soggetto di diritto pubblico, un ramo della P.A. o un ente pubblico autonomo, la seconda, quella mediatizia, viene ad essere attenuata. Assume rilievo, invece, preminente la componente che si potrebbe definire preofessionale; questo perché, nella scelta, nella ricerca del contraente privato, l amministrazione è normalmente vincolata dal dovere di seguire meccanismi e criteri di scelta che attenuano l apporto, di natura intermediatizia, che può essere esplicato da un broker. La prevalenza di questo momento di attività in senso lato professionale, consente di restringere la definizione della figura a quella categoria di rapporti contrattuali per i quali, quando essi restano nelle dimensioni quantitativamente minori del contratto di lavoro autonomo, il nostro diritto positivo riserva una disciplina speciale. Disciplina caratterizzata dalla nozione di esercizio di professioni cosiddette intellettuali. Ebbene, anche la professione del broker, a partire dal 1984, si può ascrivere alla categoria non solo delle professioni intellettuali, ma anche delle professioni liberali, nel senso che anche per i brokers è obbligatoria, con tutte le implicazioni che ne conseguono, l iscrizione in un apposito albo. 667

10 Connotato caratterizzante di tutte le professioni ed in particolare di quelle intellettuali è la rilevanza spiccata dell elemento fiduciario personale che deve qualificare il rapporto tra cliente e professionista. La scelta è infatti basata sul cosiddetto intuitus personae, cioè sulla conoscenza e l apprezzamento del singolo operatore. Questo connotato non può non essere presente anche nella scelta del broker. Ove le dimensioni dell impresa di brokeraggio superino quelle del lavoratore autonomo, del singolo professionista, e si passa quindi, sotto il profilo della ricostruzione concettuale del rapporto contrattuale, da un contratto di lavoro autonomo ad un contratto di appalto di servizi, non vi sono variazioni. Del resto lo stesso Codice Civile contiene una norma di raccordo - l art secondo cui le norme relative all esercizio di professioni intellettuali si applicano pure se la prestazione professionale propria di questo tipo di professionisti viene svolta da un organizzazione di impresa. Si applicano in concorrenza con esse, anche le norme relative l esercizio in generale dell impresa. Se l impresa di brokeraggio è un impresa di dimensioni tali da superare la figura del broker autonomo, ed è, quindi, un impresa che appalta ed esegue un servizio, il problema che si pone è di stabilire se e in che misura il contratto di brokeraggio si possa istituire, prescindendo dall applicazione obbligatoria di certa normativa generale che prescrive criteri particolarmente garantistici fondati su principi di imparzialità, di trasparenza, eccetera, che regolano in generale gli appalti di servizi. Per gli appalti di servizi, come abbiamo visto, c è una disciplina comunitaria recepita dal D.lgs. 157/95, che, al di sopra di una certa dimensione quantitativa, la cosiddetta soglia comunitaria, prescrive l obbligo di procedere alla scelta del contraente privato da parte dell amministrazione pubblica mediante un procedimento di tipo concorsuale. È possibile affermare che, seppure le dimensioni del contratto di 668

11 Giosy TOMASELLO brokeraggio superano la soglia comunitaria, ai fini dell applicazione dell ordine di gara, si può prescindere da tale obbligo, in forza di una considerazione che scaturisce dalla peculiare struttura economica del rapporto che normalmente si instaura tra aspirante assicurato e broker. Si tratta di una peculiarità che differenzia quello di brokeraggio da qualunque altro tipo di lavoro autonomo o di appalto di servizi; una differenza che non è consacrata in una norma di diritto positivo, ma che è nella prassi contrattuale assorbita dal costume. Diversamente da quanto accade in qualunque altro tipo di rapporto professionale o di lavoro autonomo o di appalto di servizi, tra il contraente committente e l assuntore del servizio si crea infatti un rapporto che non determina a carico del committente alcuna obbligazione di pagamento di corrispettivi, perché il corrispettivo è traslato sull altra parte del futuro rapporto assicurativo. Se non fosse per la dimensione economica, il rapporto di brokeraggio, in quanto rapporto di lavoro libero professionale connotato da uno spiccato grado di rilevanza dell intuitus personae, sarebbe sicuramente sottratto, secondo i principi generali del diritto nazionale, all obbligo di gara. E la stessa ragione per cui è sottratto all obbligo di gara il contratto di opera professionale, che l Amministrazione, ad esempio, stipula con un avvocato od un ingegnere! Il problema, il dubbio, sulla necessità di un procedimento di scelta di tipo concorsuale nasce ove si superi la soglia comunitaria. Se non che il contratto di brokeraggio, così com è praticato, non produce per l Amministrazione un autonomo onere di spesa. E un contratto in forza del quale l Amministrazione si assicura i vantaggi di una prestazione professionale qualificata, nella gestione del procedimento di scelta del contraente assicuratore e nella successiva gestione del rapporto, senza assoggettarsi ad alcuna spesa propria. Se è vero questo, allora, viene meno il presupposto per porre in dubbio la necessità della gara nel procedimento concorsuale di scelta del broker. Si ricade nell ambito di applicazione del diritto nazionale, alla stre- 669

12 gua del quale la non necessità della gara può trovare il suo valido fondamento proprio nel carattere libero professionale. La scelta del broker si fonda su un fenomeno di rilevanza dell intuitus personae che caratterizza tutte le professioni intellettuali, anche se queste vengono esercitate da un organizzazione di dimensioni di impresa, perché anche il rapporto di lavoro autonomo libero professionale intellettuale resta tale anche se svolto da un impresa. Tra l altro anche nel testo unico sull impiego pubblico c è una norma generale che consente all amministrazione di avvalersi genericamente dell opera di esperti. Ben può farlo quindi, senza potersi dubitare che nella scelta di questo esperto la stessa amministrazione sia tenuta a rispettare regole di tipo formale e procedimentale. Bisogna stabilire ora come il broker, che viene scelto con la rilevanza dell elemento dell intuitus personae, possa essere utile nella fase successiva e più importante per l amministrazione che è quella della scelta della compagnia di assicurazione e della gestione successiva del contratto di assicurazione. Tutto quello che è stato detto per la scelta del broker non vale per la scelta della compagnia di assicurazione. Questa scelta va tendenzialmente fatta con una gara, perché questo contratto rientra senza dubbio nella figura dell appalto di servizi e viene regolato dal D.lgs. 157/95, se l importo supera la soglia comunitaria. Al di sotto di tale soglia ci sono le meno rigide, ma pur sempre abbastanza nette, limitazioni, circa il ricorso alla trattativa privata, sancite dalla normativa generale della Contabilità di Stato. L art. 7 comma 2 del D.lgs. 157/95 consente il ricorso alla trattativa privata qualora per motivi di natura tecnica, artistica o per ragioni attinenti alla tutela di diritti esclusivi, l esecuzione dei servizi possa venire affidata unicamente ad un particolare prestatore di servizi. Questi motivi tecnici sono molto ristretti; infatti, nel caso che stiamo esaminando, è sicuramente poco immaginabile un ricorso alla trattativa privata per la scelta della compagnia di assicurazione. 670

13 Giosy TOMASELLO C è in realtà un piccolo spazio che può essere lasciato a questa trattativa e che è rappresentato dai contratti di economato. L esempio tipico potrebbe essere l assicurazione di responsabilità civile o del rischio incendio per una sola autovettura. Il broker come risorsa per la P.A. nella gestione del rischio In passato, i Comuni stipulavano essenzialmente tre tipi di polizze, la prima per il proprio patrimonio, la seconda per alcuni rischi del proprio personale, e la terza per i possibili danni agli utenti e ai cittadini. Negli ultimi anni i Comuni stipulano altri numerosi tipi di polizze, ad esempio quella che copre gli amministratori per i rischi collegati allo svolgimento del proprio mandato amministrativo. E ancora la polizza 109/94, per i maggiori oneri che possono determinarsi in caso di difetti relativi alla progettazione di opere pubbliche. La razionalizzazione ed il risparmio possono essere raggiunti attraverso l intervento di brokers assicurativi. Si tratta di un intervento - come già evidenziato- gratuito per gli enti, essendo l attività dei brokers remunerata dalle compagnie di assicurazione. L attività del broker si può qualificare come una consulenza gratuita in favore dei Comuni resa sulla base di uno specifico rapporto convenzionale. Un attività resa su settori assai specifici, per i quali si richiede una particolare professionalità, peraltro assente nei comuni, e in cui l esistenza di un albo di brokers costituisce un ulteriore motivo di garanzia per gli enti. La P.A. non ha, infatti, normalmente, nell ambito della propria organizzazione interna, risk managers, cioè non ha uffici specializzati per trattare la gestione del rischio sotto il profilo assicurativo. Si rivolge, allora, al mercato delle Assicurazioni, ricorrendo a uno specialista che abbia caratteristiche di indipendenza, quindi, di estraneità e di terziarietà nei confronti delle compagnie di Assicurazioni, tale soggetto è appunto il broker. 671

14 Broker e P.A.: un dibattito ancora aperto Sebbene da più parti si evidenzi la proficuità per la P.A. del ricorso ai brokers assicurativi, dal momento che ciò potrebbe comportare una razionalizzazione della spesa per la copertura dei rischi in vari settori dell attività gestionale della P.A., soprattutto considerato che la consulenza è gratuita, non sempre si registrano in materia di brokers opinioni favorevoli. Una recente sentenza del T.A.R. del Friuli Venezia Giulia, la n. 447 del 24 novembre 1995, ha dichiarato l illegittimità delle clausole del capitolato speciale di un appalto di servizi per l assicurazione dei rischi professionali dei dipendenti di una U.S.L., che prevedevano la gestione di detto appalto a mezzo di un broker designato dalla U.S.L. aggiudicatrice. Tale sentenza si è posta all attenzione degli operatori giuridici per la novità del tema, vertendo su istituti quali il broker o mediatore professionale di assicurazione e gli appalti pubblici di servizi, che, per ragioni diverse, non possono ancora vantare in Italia una consolidata tradizione giuridica. Secondo il capitolato d appalto stilato dalla U.S.L. friulana il broker avrebbe dovuto: ricevere le comunicazioni dei sinistri da parte dell assicurata U.S.L.; incassare i premi dovuti dall assicurata con obbligo di rilasciare quietanza di pagamento per conto della compagnia aggiudicataria; intrattenere rapporti giuridici ed economici con la compagnia aggiudicataria. Una delle compagnie partecipanti contestava tali clausole, dichiarando che non le avrebbe rispettate in caso di aggiudicazione. L esclusione dalla gara e l aggiudicazione dell appalto ad una impresa concorrente, conseguentemente disposta dalla U.S.L., veniva impugnata innanzi al T.A.R. Friuli Venezia Giulia con esito vittorioso. Il T.A.R. ha ritenuto che l operatività del broker nel caso in questione fosse illegittima, non perché posta in essere al servizio della P.A., ma perché obbligava le compagnie ad intrattenere rapporti giuridici ed economici con il broker, e, quindi, snaturava completamente il profilo professiona- 672

15 Giosy TOMASELLO le delineato dalla L. 792/84, in aperta violazione della stessa. Il broker, infatti, si connota - secondo l orientamento seguito dal T.A.R. - nel profilo tracciato dalla L. 792/84 come un soggetto imparziale, che svolge sia opera di mediazione assicurativa, volta a mettere in contatto gli assicurandi con le compagnie di assicurazione, alle quali egli non deve essere legato da rapporti giuridici ed economici, sia opera di gestione ed esecuzione dei contratti di assicurazione nell interesse degli assicurandiassicurati. La norma configura cioè l attività del broker come opera di mediazione e di collaborazione alla concreta stipula e gestione dei soli contratti posti in essere in virtù della propria intermediazione. Prevedendo l obbligo per la compagnia aggiudicataria di intrattenere rapporti giuridici ed economici, nonché la creazione in capo al broker della posizione di rappresentante tanto dell assicurato, quanto dell assicuratore, snaturerebbe il profilo professionale delineato dalla legge, in aperta violazione della stessa. Un secondo profilo di illegittimità riconosciuto dal T.A.R. è stato individuato nella incompatibilità tra il contratto di brokeraggio e le procedure di scelta del contraente da parte di una P.A.. Infatti, nessuno spazio di intermediazione sussiste - secondo l orientamento della citata decisione - laddove la procedura di individuazione del contraente sia predeterminata, o dalla legge, o dalla stessa amministrazione in sede di autolimitazione della discrezionalità, così come avviene per tutti i contratti della P.A. diversi dalla trattativa privata pura. Questa sentenza ha suscitato un coro di critiche negative, soprattutto da parte delle associazioni dei brokers. E stato obiettato, infatti, che detta sentenza, peraltro impugnata dinanzi al Consiglio di Stato, ha erroneamente accolto il ricorso sulla base, da un lato, di una non corretta interpretazione della figura del broker di assicurazioni, dall altro, di una errata interpretazione delle norme generali sull attività della P.A.. Quanto alla prima censura, è stato rilevato dal Presidente dell Asso- 673

16 ciazione Italiana dei Brokers che essa è del tutto priva di fondamento. La prassi del mercato assicurativo, a suo dire, non esclude che gli effetti economici del contratto concluso tra la P.A. e la compagnia di assicurazione creino un rapporto di tipo creditizio tra il broker e l assicuratore. Ne è appunto conferma la consuetudine del mercato assicurativo che pone a carico dell assicuratore il pagamento della provvigione del broker, ancorché il beneficiario dell attività sia principalmente l assicurato. La legge istitutiva sottolinea sì il profilo di libertà dell attività di brokeraggio per distinguerla da quella di un semplice agente, non esclude, però, che il compenso del broker sia a carico di una delle parti del costituendo contratto di assicurazione. A tal proposito bisogna ricordare che nell attività di ausilio che il broker svolge in favore della P.A. si è soliti distinguere tre fasi: quella di predisposizione del bando di gara, quindi prima della procedura di scelta del contraente, il ruolo del broker durante la procedura; quello successivo alla conclusione del contratto di assicurazione, e cioè di gestione di tale contratto. Nella prima fase il broker agisce come consulente, aiuta l amministrazione a predisporre il bando, senza naturalmente mediare le clausole, ma con totale separatezza, predisponendo clausole, il più possibile certe, predeterminate e trasparenti. La trasparenza si fonda su alcuni aspetti estremamente concreti, il primo dei quali è sicuramente quello di definire tutte le condizioni del contratto in modo tale che se esse mutino nel corso della gara, questa modificazione avvenga in modo totalmente sottratto alla disponibilità del broker. Inoltre, un aspetto importante ai fini della trasparenza è quello che riguarda il compenso del broker, il quale compenso dovrebbe opportunamente essere determinato, o comunque determinabile in modo automatico, ancor prima dell aggiudicazione e dovrebbe, come indica la prassi di mercato, essere posto a carico dell aggiudicataria. La convenienza per l assicurando di ricorrere all ausilio del broker sta 674

17 Giosy TOMASELLO essenzialmente nell attività di consulenza da quest ultimo generalmente svolta nella fase di predisposizione del bando. Se l attività di consulenza si rivolge principalmente a favore della P.A., essa può concretizzarsi anche in una indiretta attività di mediazione, in quanto è interesse delle compagnie conoscere fin dall inizio i profili tecnici e le aspettative del cliente pubblico. Questa fase certamente non crea vincoli per le compagnie di assicurazioni, ma giova anche ad esse la circostanza che il broker svolga attività di consulenza in favore della P.A. per individuare così le condizioni migliori dei futuri contratti di assicurazione, e, indirettamente, per individuare quale compagnia sia più idonea, sotto il profilo tecnico, a soddisfare le esigenze del cliente. Una volta che il broker ha predisposto un bando di gara, che poi fa da sé il proprio corso, questi automatismi depurano il ruolo del broker durante la procedura concorsuale. Quindi il broker deve farsi da parte. Questo è il modo che consente di salvare e di giustificare la presenza del broker nella terza fase: quella dell esecuzione del contratto. Se il broker passa indenne attraverso la fase della scelta del contraente, se rimane neutrale in questa fase, si verifica la condizione per far rientrare in gioco lo stesso nella fase dell esecuzione del contratto. In questo senso il broker potrà legittimamente aiutare la P.A. nella fase di gestione, anche perché il ricorso della P.A. ai propri uffici è imposto soltanto per l espletamento di compiti istituzionali e certamente l attività di gestione del contratto di assicurazione non integra gli estremi dell attività istituzionale. Posto che il broker non è stato parte nella scelta del contraente, ne deriva, come risultato, che la figura del broker può essere la medesima nella prima e nell ultima fase. A questo punto il nome del broker scelto a monte dall amministrazione ben può essere noto, anzi questo forse aiuta, così come la predeterminabilità del compenso, a raggiungere la trasparenza. 675

18 Vero sarebbe invece il contrario, quindi, a questo punto dovrebbe essere segreto il nome del broker, se l amministrazione decidesse di scindere le due figure nel momento precedente alla procedura concorsuale, quindi, alla scelta del contraente, e in quello successivo, cioè se l amministrazione decidesse di volersi avvalere di due brokers, magari perché il primo non le ha dato tanta soddisfazione, allora probabilmente in questo caso sarebbe opportuno tenere segreto il nome del broker successivo. Questo però ha una controindicazione; è quella per cui il primo broker deve essere pagato dall amministrazione. E questo spiazzerebbe tutta la ricostruzione sulla gratuità per l amministrazione di avvalersi della consulenza del broker anche nella predisposizione del contratto. Per quanto riguarda il secondo profilo di illegittimità individuato dal T.A.R. Friuli - sopra evidenziato - riguardante l incompatibilità tra contratto di brokeraggio e procedure di scelta del contraente da parte della P.A., è stato obiettato che l attività di gestione dei contratti ad opera del broker designato dalla P.A. è secondaria rispetto alla scelta delle condizioni del contratto assicurativo, sulle quali il broker può incidere solo sul piano strettamente intellettuale dello studio e della predisposizione. Tali condizioni - e soprattutto la polizza - sono poi recepite dall amministrazione e determinate fin dal momento della gara: sono pertanto note a tutti i concorrenti e costituiscono la condizione principale, la componente per così dire essenziale dell offerta. Escluso pertanto il rischio di un alterazione delle regole di parità derivanti dalla partecipazione del broker alla gestione del contratto di assicurazione, nessun rilievo può essere riconosciuto alla incompatibilità tra procedimento amministrativo e ricorso al broker. Il broker alla luce di una nuova interpretazione La soluzione di un tale presunto conflitto sta nel tratteggiare una nuova figura, un ruolo più moderno, più evoluto e forse più nobile del broker. 676

19 Giosy TOMASELLO Egli è consulente al servizio della P.A., ma la funzione di mediazione non viene perduta, perché il broker conserva un ruolo causalmente più rilevante per la conclusione dell affare, infatti, nel predisporre questo meccanismo in realtà è parte attiva nella ricerca del contraente, solo che è una parte attiva e in qualche modo autonoma, indipendente, che predispone una macchina che poi non può più controllare. Quindi la funzione di mediazione si sublima nella predisposizione del meccanismo, mentre quella di consulenza opera pienamente, sia all inizio, nella fase di predisposizione del bando, sia dopo, nella fase di gestione. Il broker diventa, quindi, una sorta di mandatario della parte socialmente più debole del contratto di assicurazione. Perché in fondo il contratto si stipula tra una parte molto esperta che è la compagnia di assicurazione e una parte svantaggiata, in questo caso la P.A. Questa tutela della parte debole, e, quindi, questo ruolo del broker che, tutto sommato, non è perfettamente paritario, terzo tra le due parti, ma è anche di consulenza di una delle due, non è incompatibile con il ruolo disegnato dalla L. 792/84, anzi realizza una funzione sociale di tutela del contraente più debole, stabilizzando il rischio, che non viene più strumentalizzato soggettivamente dalla parte più attenta, ma diventa un rischio individuato nella sua oggettività con l aiuto probabilmente proprio del broker. La P.A. può trarre solo vantaggio dal ricorso all ausilio di un broker, specie in quei casi - che costituiscono la normalità - nei quali non grava su di essa alcun impegno economico, traslato sulla impresa assicuratrice aggiudicataria. Le obiezioni sollevate contro la decisione del T.A.R. del Friuli, di cui sopra, hanno - in un certo senso - ricevuto l avallo di una recente sentenza del Consiglio di Stato, che, con decisione del 3 ottobre 1996, ha confermato la regolarità degli incarichi che gli enti pubblici hanno conferito, con licitazione privata, ai brokers, per studiare i problemi di copertura dei 677

20 rischi e richiedere offerte alle compagnie di assicurazioni. Secondo il Consiglio di Stato non sussistono, in questo caso, interessi legittimi di altri operatori del settore e l attività dei brokers non lede in alcun modo quella degli agenti di assicurazione e viceversa. 678

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

I.1. Sia la direttiva 2004/18 che il testo del Codice non apportano profonde innovazioni rispetto al regime previgente.

I.1. Sia la direttiva 2004/18 che il testo del Codice non apportano profonde innovazioni rispetto al regime previgente. Codice dei contratti pubblici: la trattativa privata negli appalti di servizi e forniture, il rinnovo e gli acquisti in economia nei settori ordinari. Prime notazioni. di Alessandro Massari I. La trattativa

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

CAPITOLO II IL SISTEMA CONCESSORIO. 1. La riserva allo stato e il sistema concessorio e autorizzatorio di pubblica sicurezza

CAPITOLO II IL SISTEMA CONCESSORIO. 1. La riserva allo stato e il sistema concessorio e autorizzatorio di pubblica sicurezza CAPITOLO II IL SISTEMA CONCESSORIO 1. La riserva allo stato e il sistema concessorio e autorizzatorio di pubblica sicurezza Il legislatore ha previsto, da un lato, la riserva in favore dello Stato in materia

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE

CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE SOMMARIO: 1. Il sistema dell evidenza pubblica e i principi cardine. - 2. I sistemi di individuazione del contraente. - 2.1 Le procedure aperte. - 2.2

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA CAPITOLO 1 LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA SOMMARIO: 1. L attività contrattuale della pubblica amministrazione. 2. Le opere e i lavori pubblici. 3. I sistemi di realizzazione

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore CASI I. FATTISPECIE SOGGETTIVE Per orientare gli Ordini Locali nella valutazione dei singoli casi si ricordano e fanno proprie le seguenti definizioni: 1. Per ministro di qualunque culto, il diritto canonico

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO.

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. 1 GESTIONI INDIRETTE DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI SISTEMI CONTRATTUALI CONCESSIONE APPALTO CONVENZIONE ( ONLUS,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato Relazione tenuta al Convegno Appalto pubblico: chance di sviluppo efficiente,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La potestà legislativa delle Regioni in materia di contratti pubblici dopo le sentenze della Corte costituzionale n. 401 e n.

La potestà legislativa delle Regioni in materia di contratti pubblici dopo le sentenze della Corte costituzionale n. 401 e n. Supplemento 5.2007 7 La potestà legislativa delle Regioni in materia di contratti pubblici dopo le sentenze della Corte costituzionale n. 401 e n. 431 del 2007 Annamaria De Michele* Sommario 1. L assetto

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli