GIORNATE DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO DAL CONGUAGLIO FISCALE BONUS 80 EURO AL JOBS ACT 10/12/2014. Relatore:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIORNATE DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO DAL CONGUAGLIO FISCALE BONUS 80 EURO AL JOBS ACT 10/12/2014. Relatore:"

Transcript

1 GIORNATE DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO DAL CONGUAGLIO FISCALE BONUS 80 EURO AL JOBS ACT 10/12/2014 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» Servizio: Nome servizio Pag. 1

2 Torino, 10/12/2014 PROGRAMMA Conguaglio Fiscale 2014 Impatto Bonus 80,00 Euro Jobs Act Fondo di Solidarietà Residuale Programma Garanzia Giovani Incentivo all assunzione Giovani Agricoli 2

3 Il conguaglio di fine anno 2014 Finalità I Sostituti d Imposta devono compiere il conguaglio tra le ritenute operate sugli emolumenti corrisposti in ciascun periodo di paga dell anno e l imposta effettivamente e complessivamente dovuta nel periodo d imposta, tenendo conto degli oneri deducibili e delle detrazioni eventualmente spettanti al contribuente. (art. 49 e 50 del TUIR) 3

4 Determinazione del reddito I redditi di lavoro dipendente e assimilato sono determinati applicando i criteri fissati dall art. 51 del TUIR. Il periodo d imposta è definito sulla base di un criterio di cassa allargato: sono redditi 2014 da conguagliare anche le somme ed i valori corrisposti entro il 12 gennaio 2015, se riferiti a spettanze del Termini del conguaglio Il conguaglio deve essere operato entro il 28 febbraio 2015 o alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se questo avviene nel corso del

5 Conguaglio complessivo Ai soli fini del conguaglio di fine anno, la disciplina tributaria consente al lavoratore di chiedere al proprio Sostituto d Imposta di considerare anche redditi di lavoro dipendente e/o ad essi assimilati erogati da altri soggetti. La richiesta del lavoratore deve pervenire al sostituto entro il 12 gennaio

6 Operazioni societarie Nel caso in cui, nel corso del 2014, si sia verificato il passaggio di dipendenti da un Sostituto d Imposta ad un altro senza interruzione del rapporto di lavoro, in conseguenza di operazioni straordinarie societarie (fusioni o scissioni di Società, cessioni d Azienda o di un ramo d Azienda, affitti, donazioni o conferimenti d Azienda, successioni), il nuovo è tenuto a completare gli adempimenti fiscali già parzialmente eseguiti dal precedente datore di lavoro nel periodo d imposta. 6

7 Il datore di lavoro subentrante deve: Effettuare le ritenute d acconto sulla totalità del reddito di lavoro dipendente e/o ad esso assimilato, tenendo conto anche dell operato del precedente sostituto Effettuare le operazioni di conguaglio di fine anno 2014 Rilasciare la certificazione fiscale per l intero periodo d imposta 7

8 Novità 2014 E opportuno che i Sostituti d Imposta pongano particolare attenzione alle novità dell anno che possono avere impatti sul conguaglio. Le novità che incidono sulla determinazione del reddito di lavoro dipendente riguardano un numero ristretto di dipendenti: Gli sportivi professionisti I dipendenti e i collaboratori coordinati e continuativi di start-up innovative assegnatari di azioni e/o altri strumenti finanziari I beneficiari di un prestito agevolato da parte del datore di lavoro I cosiddetti frontalieri Coloro che in anni precedenti hanno percepito retribuzioni non dovute e che le hanno restituite al datore di lavoro nell anno in corso 8

9 Quantificazione imposte Nell applicare le imposte, è opportuno prendere in considerazione le novità che riguardano: Il contributo di solidarietà del 3% Detassazione Addizionali IRPEF 9

10 Semplificazioni fiscali Il Decreto: Interviene sul calcolo delle addizionali regionali e comunali Prevede che il modello CUD venga abbandonato a favore di un nuovo schema di certificazione (Certificazione Unica 2015) Stabilisce che le eccedenze di versamento di ritenute, vengano compensate esclusivamente in F24, con la compensazione orizzontale e non più verticale 10

11 Determinazione delle Imposte IRPEF In sede di conguaglio, i Sostituti devono assegnare le detrazioni che spettano in relazione a: Reddito prodotto e carichi familiari dichiarati (artt. 12 e 13 TUIR) Oneri (art. 15 TUIR) sostenuti dal contribuente attraverso l intervento del datore di lavoro 11

12 Le novità di quest anno riguardano: Incremento dell importo delle detrazioni per lavoro Proroga della disciplina che consente a un soggetto fiscalmente non residente in Italia di richiedere le detrazioni per carichi di famiglia Nuovi tetti per la detrazione del 19% dei premi per assicurazioni aventi ad oggetto il rischio morte e invalidità permanente Contributo di solidarietà Prorogato per il triennio 2014/

13 Detassazione La retribuzione connessa alla produttività aziendale continua ad essere assoggettabile al regime fiscale agevolato se: Il dipendente percettore delle somme possiede i parametri reddituali stabiliti dalla norma: nel 2014 riservata ai dipendenti del settore privato che risultano titolari nel 2013 di un reddito di lavoro dipendente di ammontare non superiore ad ,00 Limite retributivo pari ad 3.000,00 La fonte della retribuzione è un contratto collettivo territoriale o aziendale e i contenuti della contrattazione sono quelli previsti per il 2013 Deposito presso la DTL competente del contratto collettivo o accordo 13

14 Novità 2014: Effetti dell accordo territoriale 2014: il Ministro del Lavoro ha chiarito che se la disciplina relativa alla detassazione 2013, è stata di fatto applicata anche nel 2014, i datori di lavoro possono detassare le retribuzioni di produttività di tutto l anno 2014, se, nel corso del medesimo anno, interviene un accordo territoriale che conferma il precedente. 14

15 Addizionale all IRPEF In sede di conguaglio, i Sostituti d Imposta devono determinare le addizionali di competenza dell anno. Addizionali Regionali all IRPEF, dal 2014 le Regioni: Possono aumentare l aliquota di base (pari all 1,23%) fino a un massimo di 1,10 punti percentuali; sui redditi fino a 5.000,00 la maggiorazione non può però superare gli 0,50 punti Non possono introdurre detrazioni d imposta valevoli sull addizionale regionale stessa, in quanto tale disciplina è stata posticipata al 2015 (Legge n. 47/2013) Incassano il tributo con riferimento ai contribuenti residenti alla data del 1 gennaio dell anno di riferimento, anziché alla data del 31 dicembre 15

16 Addizionale Comunale all IRPEF, va segnalato che il Decreto delle semplificazioni dà nuove regole per il calcolo dell acconto dell addizionale da trattenere nel corso del 2015 ai dipendenti il cui rapporto di lavoro non cessa nel 2014, ma continua nell anno successivo. Per calcolare l acconto 2015, i Sostituti d Imposta, dovranno applicare al reddito complessivo oggetto di conguaglio 2014 l aliquota o il sistema di aliquote deliberate dal Comune per l anno L imposta in acconto non è dovuta qualora il reddito non ecceda la soglia di esenzione stabilita dal Comune per il Non necessità più verificare la pubblicazione di una delibera per il

17 BONUS 80,00 Euro Lo scorso 24 Aprile 2014 sulla Gazzetta Ufficiale n. 95 è stato pubblicato il Decreto Legge n. 66 del 24 Aprile 2014 recante l introduzione, in particolare, del bonus di importo massimo annuo pari a 640,00 da riconoscere mensilmente in busta paga ai lavoratori titolari di redditi di lavoro dipendente e di alcune categorie di redditi assimilati non superiori ad ,00. 17

18 Potenziali beneficiari del bonus art. 1 del DL n. 66/2014 I lavoratori che percepiscono: redditi di lavoro dipendente (ex art. 49, comma 1 del TUIR) alcuni redditi assimilati (ex art. 50 del TUIR) e nello specifico: i compensi percepiti, entro i limiti dei salari correnti maggiorati del 20%, dai lavoratori soci delle Cooperative di produzione e lavoro, delle Cooperative di servizi, delle Cooperative agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e delle Cooperative della piccola pesca le indennità e i compensi percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in relazione a tale qualità 18

19 le somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale i compensi per l attività svolta sotto forma di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto le remunerazioni dei sacerdoti le prestazioni pensionistiche di cui al D.Lgs n. 124/1993, comunque erogate i compensi percepiti dai soggetti impegnati in lavori socialmente utili 19

20 Rimangono invece esclusi: i titolari di redditi di pensione (ex art. 49, comma 2, lett. A) alcuni redditi assimilati (ex art. 50 del TUIR) e nello specifico: compensi per l attività libero professionale intramuraria del personale dipendente del Servizio Sanitario Nazionale (lett. E) le indennità, i gettoni di presenza e gli altri compensi corrisposti dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province e dai Comuni per l esercizio di pubbliche funzioni nonché le indennità percepite dai membri del Parlamento Nazionale e del Parlamento Europeo (lett. F e G) le rendite vitalizie e le rendite a tempo determinato, costituite a titolo oneroso, diverse da quelle aventi funzione previdenziale (lett. H) gli altri assegni periodici alla cui produzione non concorrono attualmente né capitale né lavoro Servizio: Paghe on-line 20

21 Il comma 1-bis dell art. 13 del TUIR, introdotto dall articolo 1 del Decreto, prevede che qualora l imposta lorda determinata sui redditi sopra indicati sia di importo superiore a quello della detrazione spettante, è riconosciuto un credito, che non concorre alla formazione del reddito, per un importo pari a: 640,00, se il reddito complessivo non è superiore ad ,00 una quota di 640,00, se il reddito complessivo è compreso tra ,00 e ,00. Il credito corrisponderà quindi al rapporto tra l importo di ,00 diminuito del reddito complessivo, e l importo di 2.000,00 21

22 REDDITO ANNUO COMPLESSIVO BONUS POTENZIALMENTE SPETTANTE 8.000,00 < RR <= ,00 640, ,00 < RR <= ,00 640,00 x ( ,00 RR) 2.000,00 Ne consegue che i lavoratori per i quali l IRPEF residua, al netto delle detrazioni di lavoro dipendente, è pari a zero non hanno diritto al bonus. Il reddito complessivo ai sensi dell art. 13, comma 6-bis, del TUIR, va assunto al netto del reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e di quello delle relative pertinenze di cui all art. 10, comma 3-bis, dello stesso TUIR. 22

23 Il D.L. 66/2014 chiarisce che: il bonus è rapportato al periodo di lavoro nell anno ed è riconosciuto, in via automatica, dai Sostituti d Imposta a partire dalle retribuzioni di maggio fino a dicembre 2014 il Sostituto d Imposta, comma 5 dell articolo 1 del Decreto, utilizza, fino a capienza, l ammontare complessivo delle ritenute (ad esempio IRPEF, addizionali regionali, comunali, imposta sostitutiva, contributo di solidarietà) disponibili in ciascun periodo di paga e, per la differenza, i contributi previdenziali dovuti per il medesimo periodo di paga 23

24 Per i dipendenti che percepiscono indennità di cassa integrazione guadagni, indennità di mobilità e indennità di disoccupazione, considerato che quest ultime costituiscono reddito di lavoro dipendente e danno diritto alle relative detrazioni, si evidenzia che il bonus andrà calcolato per le erogazioni effettuate nel 2014, tenendo conto dei giorni che danno diritto alle indennità: l Ente che eroga in qualità di Sostituto d Imposta sarà tenuto a riconoscerne il credito in "via automatica". 24

25 Adempimento dei contribuenti: I contribuenti che non hanno i presupposti per il riconoscimento del bonus (titolari di reddito complessivo superiore ad ,00) sono tenuti a comunicarlo al Sostituto d Imposta il quale provvederà al recupero del bonus eventualmente erogato, dagli emolumenti corrisposti nei periodi di paga successivi a quello nel quale è resa la comunicazione, e comunque, entro i termini di effettuazione delle operazioni di conguaglio fiscale di fine anno o di fine rapporto. 25

26 I contribuenti titolari di redditi da lavoro dipendente e di redditi assimilati erogati da un soggetto non Sostituto d Imposta, così come i contribuenti ai quali è stato in tutto o parzialmente non riconosciuto seppure spettante, potranno richiederne il godimento in sede di dichiarazione dei redditi; reciprocamente e nella stessa sede, coloro i quali ne avessero impropriamente beneficiato saranno tenuti alla restituzione di quanto non opportunamente percepito. 26

27 Jobs Act (Legge 16 maggio 2014, n. 78 che ha convertito, con modificazioni, il D.L. n. 34/2014, c.d. Decreto Lavoro) La Legge contiene misure di semplificazione per i datori di lavoro, in materia di contratto di lavoro a termine, contratto di apprendistato, DURC. 27

28 Contratti a tempo determinato l estensione del ricorso alla acausalità fino a 36 mesi proroghe: fino ad un massimo di 5 volte nell'arco dei complessivi 36 mesi limite quantitativo: non può eccedere il limite del 20% successione di contratti: ai fini del computo del periodo massimo di durata del contratto si deve tener conto di eventuali periodi effettuati ai sensi, dell'art. 20 del D.Lgs. n. 276/2003, inerente alla somministrazione di lavoro a tempo determinato 28

29 diritto di precedenza e congedo di maternità: fermo restando quanto già previsto dall'art. 5, comma 4-quater, D.Lgs. n. 368/2001, per le lavoratrici il congedo di maternità obbligatorio, intervenuto nell'esecuzione di un contratto a termine, concorre a determinare il periodo di attività lavorativa utile a conseguire il diritto di precedenza nelle assunzioni, anche a tempo determinato sanzioni: 20% della retribuzione se il numero dei lavoratori assunti in violazione del limite percentuale non sia superiore a uno 50% della retribuzione se il numero dei lavoratori assunti in violazione del limite percentuale sia superiore a uno 29

30 Testo Unico dell Apprendistato: si prevede ora la forma scritta esclusivamente del contratto, del patto di prova, del piano formativo individuale è stata abrogata la possibilità per la contrattazione collettiva di stabilire forme e modalità per la conferma in servizio al termine del percorso formativo al fine di ulteriori assunzioni in apprendistato per l apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere è prevista la possibilità che la formazione, svolta sotto la responsabilità dell azienda, possa essere integrata dalla offerta formativa pubblica interna o esterna all azienda, finalizzata all acquisizione di competenze di base e trasversali la reintroduzione degli obblighi legali e contrattuali di stabilizzazione l'introduzione di deroghe per l'apprendistato per la qualifica o il diploma (rispetto alla natura non a termine del rapporto ed al minimo retributivo) e di alta formazione (rispetto ai limiti anagrafici) 30

31 Contratti di solidarietà Il predetto beneficio contributivo consiste nella riduzione per tutta la durata del contratto, con un limite massimo di 24 mesi, dei contributi dovuti per le ore lavorate da ciascun lavoratore interessato al contratto di solidarietà; la decontribuzione prevista è pari al 25% o 35% in base alla percentuale di riduzione di orario applicata ovvero se tra il 20% e 30% o superiore al 30%. 31

32 Aggiornamenti Dicembre 2014 In data 3 dicembre 2014, è stato approvata dal Senato, in via definitiva, la Legge Delega sul Jobs Act rivolto a: a) individuare e analizzare tutte le forme contrattuali esistenti b) promuovere, in coerenza con le indicazioni europee, il contratto a tempo indeterminato come forma comune di contratto di lavoro rendendolo più conveniente rispetto agli altri tipi di contratto in termini di oneri diretti e indiretti c) previsione, per le nuove assunzioni, del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti in relazione all anzianità di servizio d) rafforzamento degli strumenti per favorire l alternanza tra scuola e lavoro 32

33 e) revisione della disciplina delle mansioni, in caso di processi di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale individuati sulla base di parametri oggettivi f) revisione della disciplina dei controlli a distanza sugli impianti e sugli strumenti di lavoro g) introduzione, eventualmente anche in via sperimentale, del compenso orario minimo h) il ricorso a prestazioni di lavoro accessorio per le attività lavorative discontinue e occasionali nei diversi settori produttivi i) abrogazione di tutte le disposizioni che disciplinano le singole forme contrattuali, incompatibili con le disposizioni del testo organico semplificato j) razionalizzazione e semplificazione dell attività ispettiva 33

34 Disegno di Legge n bis (c.d. LEGGE DI STABILITA 2015) Bonus di 80,00 è reso strutturale (commi 9 e 10) Deduzione dalla base dell IRAP dei costi relativi a tutto il personale assunto a tempo indeterminato (c.6) Anticipazione TFR a tassazione ordinaria (c. 21) Aumento degli stanziamenti degli ammortizzatori sociali (c. 83) Assunzioni fino a dicembre 2012 dalla c.d. piccola mobilità (c. 88) 34

35 I lavoratori che sono stati messi in mobilità per chiusura dell attività e che a seguito di accertamento giudiziale hanno visto riconosciuti i loro diritti per esposizione all amianto, possono chiedere entro il 2015 all INPS l integrazione della pensione. (c. 89) Bonus per le assunzioni a tempo indeterminato per tutto il Lo sgravio contributivo è triennale ed è pari a 8.060,00 all anno. (c. 90 e 91) Bonus bebè (c. 95) 35

36 Fondo di Solidarietà Residuale Con l art. 3, commi da 4 a 13 della Legge n. 92/2012 è stato introdotto l obbligo di creare, nei settori esclusi dalle tradizionali forme di integrazione salariale, specifici fondi di solidarietà bilaterali frutto della concertazione tra Associazioni Datoriali e Organizzazioni Sindacali, allo scopo di garantire ai lavoratori una tutela in costanza di rapporto di lavoro, nei casi di riduzione o sospensione dell attività lavorativa. 36

37 In assenza di tali accordi collettivi, al comma 19 dello stesso articolo si determina con decorrenza 1 gennaio 2014 e quindi per Decreto Ministeriale nr del 7 febbraio 2014, l istituzione presso l INPS di un altrettanto specifico fondo di solidarietà residuale destinato ai lavoratori dipendenti delle Imprese: che impiegano mediamente più di 15 dipendenti appartenenti ai settori non rientranti nel campo di applicazione della normativa in materia di integrazione salariale, per i quali non sia stato costituito un fondo di solidarietà bilaterale, ovvero che siano esclusi dal campo di applicazione del fondo di settore 37

38 Finanziamento del Fondo di Solidarietà Residuale E sostenuto da: un contributo ordinario pari allo 0,50% della retribuzione mensile imponibile ai fini previdenziali, di cui 2/3 a carico del datore di lavoro e 1/3 a carico del lavoratore un contributo addizionale totalmente a carico del datore di lavoro che ricorra alla sospensione o riduzione dell attività lavorativa, calcolato in rapporto alle retribuzioni perse nella misura del 3% per le Imprese che occupano fino a 50 dipendenti e del 4,50% per le Imprese che occupano più di 50 dipendenti 38

39 Termine di versamento L INPS con circolare n. 100/2014 e successivo comunicato stampa del 3 settembre 2014 individua le seguenti scadenze: per le mensilità da gennaio 2014 a settembre 2014 dovrà essere versato entro il 16 dicembre 2014 senza applicazione dell 1% di interessi legali per la mensilità di ottobre 2014 dovrà essere versato secondo le ordinarie scadenze, ovvero, entro il 16 novembre

40 Programma Garanzia Giovani In data 2 ottobre 2014 è stato pubblicato il Decreto Direttoriale n dell 8 agosto 2014 recante disposizioni in merito alla concessione ai datori di lavoro di un Bonus di importo variabile per le assunzioni a tempo indeterminato o determinato (almeno 6 mesi) di giovani inoccupati, in relazione al Programma Operativo Iniziativa Occupazione Giovani di seguito Programma Garanzia Giovani. 40

41 I datori di lavoro potenzialmente fruitori del beneficio in oggetto sono tutti quelli del settore privato, indipendentemente dal fatto che siano o meno imprenditori. In relazione ai lavoratori la cui assunzione permette la richiesta del beneficio, vanno individuati: i requisiti soggettivi dei neoassunti, nonché le tipologie contrattuali utilizzate per le assunzioni 41

42 Requisiti soggettivi In primo luogo vanno precisati i requisiti che i giovani devono possedere, ex art. 2 del Decreto Direttoriale in esame. Più precisamente si tratta di giovani che contemporaneamente: sono registrati al Programma Garanzia Giovani hanno un età compresa tra i 16 e i 29 anni hanno assolto agli obblighi di istruzione/formazione qualora minorenni non essere inseriti in percorsi di studio, di formazione, né tanto meno possiedono un occupazione lavorativa 42

43 Tipologie contrattuali La fruizione del bonus è ammessa in caso di assunzione: a tempo indeterminato, anche in somministrazione a tempo determinato per almeno 6 mesi, anche in somministrazione a tempo parziale indeterminato/determinato, con prestazione pari almeno al 60% dell orario ordinario di lavoro del full-time del lavoratore già socio 43

44 N.B.: Per le Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Puglia le suddette assunzioni vanno effettuate esclusivamente a tempo indeterminato. E in ogni caso esclusa la fruizione del beneficio per le assunzioni effettuate con le seguenti tipologie contrattuali: Apprendistato Lavoro domestico Lavoro a chiamata Lavoro ripartito e accessorio 44

45 Importo incentivo L importo dell incentivo va commisurato in base alla profilazione del giovane che s intende assumere ed al rapporto di lavoro instaurato. Per esempio, per un giovane di profilazione molto alta l incentivo è di 2.000,00 per assunzioni a termine di durata superiore o uguale a 6 mesi. L agevolazione verrà fruita a conguaglio mensile con i contributi previdenziali. 45

46 Incentivo all assunzione di Giovani Agricoli L art. 5, comma 1 del D.L. n. 91/2014 convertito in Legge n. 116/2014 ha introdotto un nuovo incentivo per l assunzione di giovani lavoratori agricoli di età compresa tra i 18 e 35 anni, con determinati requisiti. L incentivo spetta ai datori di lavoro che, ai sensi dell art del Codice Civile, sono considerati imprenditori agricoli. Il beneficio spetta per l assunzione a tempo indeterminato o a tempo determinato di lavoratori di età compresa tra i 18 anni compiuti e 35 anni non compiuti, che si trovino in una delle seguenti condizioni: siano privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi non abbiano conseguito un diploma di istruzioni secondaria di secondo grado 46

47 Tipologia di contratto Ai fini della concessione dell incentivo, il contratto di lavoro a tempo determinato, redatto in forma scritta, deve avere una durata almeno triennale e garantire al lavoratore un periodo di occupazione minima di 102 giornate all anno. 47

48 Possono godere del beneficio in esame: la proroga e trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto instaurato prima del 1 Luglio 2014, purché risulti soddisfatto il requisito dell incremento occupazionale netto le assunzioni effettuate tra il 1 luglio 2014 ed il 30 giugno 2015 le assunzioni che comportano un incremento occupazionale netto calcolato sulla base della differenza tra il numero di giornate lavorate nei singoli anni successivi all assunzione e il numero di giornate lavorate nell anno precedente l assunzione 48

49 Misura dell Incentivo L incentivo è pari ad 1/3 della retribuzione lorda imponibile ai fini previdenziali per un periodo complessivo di 18 mesi. Il valore annuale dell incentivo non può superare, per ciascun lavoratore assunto, l importo di 3.000,00 per gli O.T.D. ed 5.000,00 per gli O.T.I.; quest ultimi verranno riproporzionati in caso di rapporto a tempo parziale. 49

50 GRAZIE PER L ATTENZIONE Per informazioni di carattere generale: Per quesiti relativi al servizio Paghe on-line: Sito: Servizio: Nome servizio Pag. 50

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso!

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! @bollettinoadapt, 5 maggio 2014 Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! di Nicola Porelli Tag: #bonus #credito #Renzi #80euroalmese

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Decreto legge 24 aprile 2014, n 66 - Misure urgenti per la competitività

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 22.04.2015 Redditi di lavoro dipendente e assimilati La novità del Bonus Irpef Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nel quadro

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

a cura del Rag. Vassilli TIENGO

a cura del Rag. Vassilli TIENGO Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro San Mauro Pascoli li 14/01/2014 Ai Signori Clienti Loro indirizzi Oggetto: LEGGE DI STABILITÀ 2014 IN SINTESI Sul supplemento ordinario n.87 alla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2013 è stata pubblicata

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti Diritti Riservati HALLEY INFORMATICA L editore declina ogni responsabilità

Dettagli

RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE PER LAVORATORI DIPENDENTI BONUS IRPEF DI 80 EURO IN BUSTA PAGA

RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE PER LAVORATORI DIPENDENTI BONUS IRPEF DI 80 EURO IN BUSTA PAGA Tipologia: LAVORO Protocollo: 2007214 Data: 09 giugno 2014 Oggetto: riduzione cuneo fiscale per lavoratori dipendenti bonus IRPEF di 80 euro in busta paga Allegati: 1. Informativa lavoratore bonus ex art.

Dettagli

RIDUZIONE CUNEO FISCALE PER LAVORO DIPENDENTE BONUS 80 EURO

RIDUZIONE CUNEO FISCALE PER LAVORO DIPENDENTE BONUS 80 EURO RIDUZIONE CUNEO FISCALE PER LAVORO DIPENDENTE BONUS 80 EURO Riferimenti normativi; - Art. 1 DL. n. 66/2014; - Circolare Agenzia delle Entrate n. 8/E del 28.04.204 e n. 9/E del 14.05.2014; - Risoluzione

Dettagli

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato Focus on...jobs Act: : il primo passo La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato dott. Elisa Eracli Consulente del Lavoro Studio Integra Commercialisti Avvocati Consulenti

Dettagli

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Chiarimenti sull applicazione del Bonus di 80 euro Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

Bonus 80,00 euro in busta paga. Circolare 13/2014 16 maggio 2014

Bonus 80,00 euro in busta paga. Circolare 13/2014 16 maggio 2014 STUDIO INTERPROFESSIONALE 20121 Milano, Via Pozzone 1 21047 Saronno (VA), Vicolo del Caldo 30 * 6902 Lugano Paradiso - CH, V. San Salvatore 10 P.O. Box 461 Tel. 02.967.043.82 - Fax 02.967.026.50 www.interprofessionale.net

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2014

LEGGE DI STABILITA 2014 LEGGE DI STABILITA 2014 A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 7 gennaio 2014 Il Parlamento ha pubblicato, sul Supplemento Ordinario n. 87 della Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 02 del 28 MAGGIO 2014 INDICE

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 02 del 28 MAGGIO 2014 INDICE Servizio circolari per la clientela Circolare n. 02 del 28 MAGGIO 2014 INDICE 1 BONUS 80 EURO BUSTA PAGA 1.1 Importo del credito; 1.2 Beneficiari; 1.3 Modalità di determinazione del credito; 1.4 Adempimenti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 22 del 11 Febbraio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bonus 80 euro e bonus bebé: le agevolazioni riconosciute dalla legge di stabilità 2015 Gentile cliente, con la presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014 CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 maggio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

Gli effetti della manovra sul cuneo fiscale

Gli effetti della manovra sul cuneo fiscale Gli effetti della manovra sul cuneo fiscale La soluzione adottata dal Governo Renzi tramite il Decreto Legge n. 66/2014 va in due direzioni Aumento della retribuzione netta dei dipendenti tramite un «bonus

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz I rapporti di lavoro Tamara Capradossi capradossi@esplora.biz TIPOLOGIE DEI RAPPORTI DI LAVORO LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE) LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) LAVORO PARASUBORDINATO (CO.CO.PRO., MINI CO.CO.CO,

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE Milano, 19 gennaio 2015 CIRCOLARE CLIENTI N. 5/2015 LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE La Legge n. 190/2014 (la cd Legge di Stabilità 2015 ) ha previsto diverse misure fiscali di interesse

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015

SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015 Studio di Consulenza del Lavoro Paola dott.ssa Biondi Via Madonna della Neve 1 42026 Canossa RE SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015 LE ULTIME NOVITÀ Stabilità 2016: prime anticipazioni DDL di Stabilità 2016 del

Dettagli

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato;

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato; MAP L'esonero contributivo triennale per l'assunzione A cura di Luca Furfaro Consulente del lavoro in Torino Analizzeremo l esonero contributivo triennale per le assunzioni a tempo indeterminato, effettuate

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

RASSEGNA STAMPA SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE UN BONUS A CHI ASSUME GIOVANI. Vigevano, 10 ottobre 2014

RASSEGNA STAMPA SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE UN BONUS A CHI ASSUME GIOVANI. Vigevano, 10 ottobre 2014 Vigevano, 10 ottobre 2014 RASSEGNA STAMPA SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE UN BONUS A CHI ASSUME GIOVANI Via libera al bonus sulle assunzioni di giovani iscritti al piano Garanzia Giovani. A partire da oggi

Dettagli

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE INFORMAZIONI AGGIORNAMENTO Eseguire il salvataggio degli archivi prima di procedere con l aggiornamento. La Fix 14.30.10 può essere utilizzata come aggiornamento

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 17 settembre 2009 La manovra d estate (DL 1.7.2009 n. 78 convertito nella L. 3.8.2009 n. 102) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

JOBS ACT. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014

JOBS ACT. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014 JOBS ACT A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014 INTRODUZIONE In data 15 dicembre 2014 è stata pubblicata la legge delega n.183 sul Jobs Act.

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2016 SOGGETTI INTERESSATI OGGETTO COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI La certificazione lavoro dipendente,

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE Introduzione... pag. 14 Lo schema del CUD 2014 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Legge di stabilità 2015 Esonero contributivo e Bonus 80 euro

Legge di stabilità 2015 Esonero contributivo e Bonus 80 euro Legge di stabilità 2015 Esonero contributivo e Bonus 80 euro Legge di stabilità Dal 2009 la legge finanziaria è stata sostituita dalla legge di stabilità a seguito dell introduzione di elementi di federalismo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 2 del 8 Gennaio 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Legge di stabilità 2016: le novità in materia lavoro (Legge n. 208 del 28.12.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Fonte normativa Incongruenze della norma Disposizione in dettaglio Nell ambito delle misure previste dall Esecutivo

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Legge di stabilità Parte III CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015 Parma, 22 gennaio 2015 Si fornisce di seguito una breve scheda di sintesi delle principali novità introdotte per il 2015 dalla L n. 190

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 2014) comunale (2006 2013) Piemonte. A cura di Vincenzo Scumaci

Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 2014) comunale (2006 2013) Piemonte. A cura di Vincenzo Scumaci Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 214) comunale (26 213) Piemonte A cura di Vincenzo Scumaci Categorie di redditi e tassazione/continua slide successiva Categorie redditi tassazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015. Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015. Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015 Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 LE FONTI NORMATIVE ED AMMINISTRATIVE Legge 23 dicembre 2014 n.190 (Legge

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli