REGOLAMENTO per la distribuzione dell acqua potabile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO per la distribuzione dell acqua potabile"

Transcript

1 Regione Campania Provincia di Caserta COMUNE DI SAN TAMMARO C.so D. Capitelli n San Tammaro Caserta Tel Fax REGOLAMENTO per la distribuzione dell acqua potabile Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 26 del

2 INDICE CAPO I - GESTIONE DELL ACQUEDOTTO Ente gestore del servizio art. 1 CAPO II DISTRIBUZIONE DELL ACQUA Categorie di utenza art. 2 Aventi diritto all erogazione del servizio art. 3 Sistema di distribuzione dell acqua - art. 4 Domanda e vincolo di concessione - art. 5 Contratto art. 6 Subentri e volture art. 7 Recesso della concessione art. 8 Continuità del servizio di erogazione art. 9 Diritto di rifiuto art. 10 CAPO III PRESE E CONTATORI Richiedere un allacciamento art. 11 Presa singola art. 12 Allacciamenti condominiali art. 13 Opere di presa art. 14 Spostamento impianto art. 15 Responsabilità dell utente art. 16 Impianti interni art. 17 Impianto di pompaggio art. 18 Apparecchi di misura art. 19 Posa e rimozione degli apparecchi di misura art. 20 Sostituzione degli apparecchi di misura art. 21 CAPO IV CONTATORI Lettura contatori art. 22 Verifica contatore art. 23 Irregolare funzionamento del contatore art. 24 CAPO V PAGAMENTI Fatturazione dell acqua art. 25 Minimo impegnato e garantito art. 26 Utente moroso art. 27 CAPO VI TARIFFE Tariffe annuali art. 28 CAPO VII DIRITTO DI ALLACCIAMENTO - NOLO CONTATORE - IMPORTI FORFETTARI E TARIFFARI Nolo contatore art. 29 Norme tecniche per allacciamento impianti art. 30 2

3 Tariffario servizi, prestazioni tecniche, penali art. 31 CAPO VIII DIVIETI - SANZIONI Divieti art. 32 Sanzioni art. 33 CAPO IX SEGNALAZIONE GUASTI Art. 34 CAPO X DISPOSIZIONI GENERALI Art. 35 ****************** 3

4 CAPO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO ART. 1 - Ente gestore del servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile nel territorio Comunale è assunto in base alle vigenti disposizioni per l assunzione diretta dei pubblici servizi da parte del Comune. Le norme tecnico-amministrative, la determinazione delle tariffe e la gestione economica annuale per l esercizio dell acquedotto sono previste nel presente Regolamento e successivi adempimenti, nonché nelle leggi e norme dello Stato e della Regione. Una copia della planimetria e della rete a disposizione deve essere depositata in Comune ed aggiornata, annualmente. CAPO II DISTRIBUZIONE DELL ACQUA ART. 2 - Categorie di utenza La concessione di uso dell acqua potabile è fissata secondo le seguenti categorie di utenza: categoria per uso potabile domestico ordinario; categoria per uso potabile non domestico. Comprende il consumo relativo ad edifici adibiti ad uso pubblico (scuole, ambulatori, chiese, ecc.) o ad uso commerciale (uffici, negozi, bar, ristoranti, alberghi, ecc.) per le esigenze igienico sanitarie della persona; categoria per uso agricolo; categoria per uso agricolo annesso ad attività di allevamento di animali (con iscrizione alla C.C.I.A.A.). e secondo le seguenti specifiche: La concessione di acqua potabile per usi domestici non ammette concessioni uniche per più appartamenti La concessione di acqua potabile per usi non domestici dovrà essere richiesta specificando l uso ed il presumibile consumo medio giornaliero. Nel caso di fabbricati e locali in multiproprietà, serviti da un unica concessione e dotati di un unico contatore, in occasione di interventi di manutenzione straordinaria,gli utenti hanno l obbligo di modificare l impianto di distribuzione al fine di avere un contatore per ogni singola utenza. In difetto dei suddetti interventi, se nella stessa unità immobiliare insistono utenze appartenenti a categorie eterogenee, i consumi verranno calcolati con l applicazione della tariffazione più elevata. Le concessioni in atto all entrata in vigore del presente Regolamento 4

5 dovranno nel termine di un anno, adeguarsi alle suddette disposizioni, pena la revoca della concessione stessa. ART. 3 - Aventi diritto all erogazione del servizio La fornitura dell acqua viene concessa come segue: ai proprietari degli stabili; agli inquilini, i quali devono presentare, all atto del contratto di fornitura, l autorizzazione del proprietario. ART. 4 - Sistema di distribuzione dell acqua Il Comune concede l erogazione dell acqua potabile con somministrazione a deflusso libero misurato dal contatore e garantisce inoltre l erogazione a bocca libera anche sul suolo pubblico per il servizio di estinzione incendi e per le fontanelle pubbliche. Anche per i cantieri l uso dell acqua è concessa a contatore. La rete di distribuzione di acqua potabile deve essere posta nella generalità dei casi in suolo pubblico. Qualora, per servire l utente si dovesse porre la tubazioni su terreni di terzi, il richiedente dovrà fornire il nulla osta del proprietario del terreno per servitù d acquedotto o equivalente titolo legale. Spetta al comune, tenuto conto della potenzialità degli acquedotti, stabilire a quale conduttura debba essere fatto l attacco. ART. 5 Domanda e vincolo di concessione Le domande di concessione dovranno essere stese su apposito modello (modello in allegato) nel quale dovrà risultare la qualifica del richiedente, la categoria per l uso cui l acqua viene destinata, la via, il numero civico e il proprietario dell immobile. Ove il richiedente non sia il proprietario dell immobile dovrà essere aggiunta la dichiarazione di consenso del proprietario. Qualora la fornitura sia condominiale, la domanda di fornitura deve essere sottoscritta da tutti i condomini o dall amministratore, ad eccezione di costruzioni di insediamenti residenziali nuovi, in tal caso viene sottoscritta dal proprietario dell immobile. E riservato al Comune il diritto di vincolare la concessione ad altre condizioni non contenute nel presente Regolamento e motivate da considerazioni di interesse pubblico.l utente non può cedere ad altri, nemmeno in parte, l acqua ad esso concessa; può solo il proprietario o amministratore di condominio ripartire le spese relative ai propri inquilini o singoli condomini. ART. 6 - Contratto Ogni concessione fatta con regolare atto, può essere sospesa da parte del Comune in qualunque momento dietro preavviso e senza indennità per pubbliche necessità. Nell atto di concessione viene stabilito il consumo minimo impegnato, rapportato al periodo annuale, garantito dall utente e da pagare anche se non consumato (art. 25). La concessione è valida per un anno solare e allo scadere dello stesso si intende tacitamente rinnovata, salvo disdetta di una delle parti antro il primo dicembre di ogni anno con preavviso di almeno un mese(modello in allegato). Qualora la concessione venisse disdetta prima di tale termine, l utente è tenuto a saldare il canone di abbonamento annuale e la quantità di acqua registrata dal contatore fino al momento in cui viene liberata l unità immobiliare.la spesa della scrittura oltre al bollo, è a carico dell utente al quale verrà rilasciata copia del contratto. Qualora l'utente abbia necessità di effettuare 5

6 alcune modifiche contrattuali (indirizzo recapito bolletta, richiesta maggiore quantità di acqua, disdetta, trasferimento residenza ecc.) può utilizzare l apposito modello (modello in allegato). ART. 7 - Subentri e volture In caso di subentro o di voltura nella proprietà o nella locazione di uno stabile o di un esercizio dove esista già in funzione una presa, deve stipulare una scrittura, pagando all atto della stipulazione l importo stabilito all art. 32. Nel caso di una fornitura cessata ma con tubo di presa in opera, qualora il tubo di presa venga sostituito con tubo di diametro superiore, si dovrà pagare il diritto di allacciamento sulla differenza del tubo esistente a quello di nuova posa. ART. 8 - Recesso della concessione L utente cessante, in caso di vendita dello stabile, di cessione dell esercizio o di termine, continuerà ad essere responsabile degli obblighi assunti fino a quando il suo successore non abbia stipulato una nuova scrittura a nome proprio, salvo che sia stata eseguita la voltura della concessione preesistente o abbia dato disdetta della concessione a termine dell art.6 e svolto la prescrizione dell art. 32. ART. 9 - Continuità del servizio di erogazione L acqua verrà distribuita continuativamente, il Comune però si riserva, per ragioni di ordine tecnico, di diminuire la pressione nelle ore notturne. In caso di interruzione prevedibile, il Comune è obbligato ad avvertire tempestivamente gli utenti, per mezzo di pubblico avviso. Né in questo caso, né in quello di interruzione per rottura o guasto gli utenti potranno reclamare indennità o riduzioni di pagamento. ART Diritto di rifiuto Nel caso di fornitura per usi diversi da quello domestico, è facoltà del Comune di rifiutare,sospendere o revocare in qualsiasi tempo la fornitura stessa ove si verifichino condizioni eccezionali di erogazione o di servizio, o sorgano gravi motivi che verranno valutati insindacabilmente dal Comune. CAPO III PRESE E CONTATORI ART. 11 Richiedere un allacciamento La concessione di acqua potabile è disciplinata dal Regolamento che disciplina il servizio per la generalità degli Utenti. L allacciamento alla rete di distribuzione è concesso a domanda dell interessato sulla base dell esistenza dei presupposti dettati dal regolamento e delle prescrizioni dettate dal Comune. L allacciamento presuppone l esistenza di una rete di distribuzione al quale collegare la derivazione e il misuratore; una quantità di acqua capace di soddisfare il nuovo allacciamento; l esistenza di permessi e nulla osta per l attraversamento di suoli di proprietà privata o pubblica; l osservanza delle norme tecniche di esecuzione delle derivazioni; l assenza di morosità. Redatta la domanda il Comune disporrà per un sopralluogo e per la redazione di un preventivo di spesa. Una volta accettato il preventivo e versate le somme ivi esposte saranno effettuati i lavori di 6

7 connessione, installato il misuratore e redatto il verbale d' inizio fornitura. Se la richiesta di un nuovo allacciamento si riferisce a fabbricati posti in vio o località sprovviste di rete di distribuzione, l acquedotto Comunale deciderà se estendere la rete idrica comunale o se la concessione potrà essere rilasciata prescindendo particolari condizioni all utente in riferimento al tipo di tubazione, e alla partecipazione alla spesa che potrà essere stabilita a totale carico dell utente o solo per una parte. Trascorsi dieci anni la nuova tubazione potrà diventare proprietà dell Amministrazione Comunale e le successive richieste di allacciamento potranno essere autorizzate esclusivamente dalla stessa. Se entro cinque anni salla concessione altri utenti facessero domanda di allacciamento alla nuova tubazione, l Acquedotto comunale provvederà a stabilire in maniera proporzionale il rimborso della spesa a suo tempo sostenuta. Nb: non saranno concessi nuovi allacciamenti agli utenti che siano risultati morosi nei confronti dell Acquedotto Comunale per il pagamento di fatture inerenti consumi o prestazioni di servizi per allacciamenti preesistenti. In allegato i modelli: per uso domestico (persona fisica) per uso diverso dal domestico (persona fisica) per uso diverso dal domestico (persona giuridica) contratto persone fisiche contratto persone giuridiche ART Presa singola Ogni utente dovrà avere una presa separata da quella degli altri utenti. Il Comune si riserva comunque a suo giudizio insindacabile quando lo reputi opportuno di innestare nuove prese su quelle esistenti, sempre però prima del contatore. La diramazione avrà diametro e spessore fissato dal Comune. Il Comune si riserva di adoperare tubazioni anche di diametro superiore a quello indispensabile, qualora lo ritenga opportuno per altre eventuali diramazioni, ma a carico dell utente resta la spesa che sarebbe occorsa per tubi di diametro occorrente allo stesso. Sulla derivazione di alimentazione verrà collocato un rubinetto di arresto che verrà utilizzato solo dal Comune.E rigorosamente vietato all utente di manovrare con qualsiasi mezzo questo rubinetto. Dopo il contatore l utente collocherà un secondo rubinetto di arresto che potrà comodamente manovrare. ART Allacciamenti condominiali L allacciamento condominiale è eseguito di norma con un solo contatore purché l utilizzazione sia riferita a una sola categoria. Nel caso in cui per uno stesso fabbricato siano necessari allacciamenti per ogni unità immobiliare, ad ognuno di essi deve corrispondere una propria rete ed un proprio contatore. Nel caso l allacciamento fosse condominiale, all utente intestatario della fornitura verrà addebitato un minimo per ogni unità immobiliare oltre all eventuale eccedenza. ART Opere di presa Le opere di presa e le tubazioni relative alla rete di distribuzione, fino al contatore compreso, saranno eseguite direttamente ed esclusivamente dal Comune o per mezzo di ditta da esso autorizzata e rimarranno di proprietà comunale. L importo di spesa è però a 7

8 carico dell utente e dovrà essere versato, presso la tesoreria comunale all atto della concessione d utenza. ART Spostamento impianto Lo spostamento di impianto a qualsiasi causa dovuta o per adeguamento,qualora il misuratore fosse all interno della proprietà, è eseguita a cura del Comune o per mezzo di ditta autorizzata ed è a spese dell utente se eseguito all interno della proprietà, mentre sarà a carico del Comune se in proprietà di terzi. ART Responsabilità dell utente L utente è responsabile di guasti, manomissioni, furti, rotture per il gelo, di quelle parti di presa che sono nella sua proprietà. Qualora non venisse rispettata la profondità della tubazione, come prevista dalle prescrizioni tecniche comunicate dall Amministrazione Comunale, i costi per le riparazioni saranno a carico dell utente anche se su proprietà di terzi. E rigorosamente proibito all utente di innestare nella sua diramazione tanto all esterno che all interno dello stabile, delle prese d acqua a favore di altri stabili senza il preventivo parere favorevole dell Amministrazione, esplicitamente e favorevolmente espresso, onde evitare l esercizio dell azione civile e penale. ART Impianti interni Le condutture private dopo il contatore saranno costruite a perfetta regola d arte e mantenute in buono stato a cura dell utente. Il Comune si riserva perciò il diritto di verificare, in ogni momento, lo stato delle condutture e di prescrivere le eventuali opere di riparazione con tempi prefissati. L impianto interno dovrà risultare elettricamente isolato dalla rete stradale, pertanto la tubazione non dovrà essere utilizzata come presa di terra per il collegamento di apparecchi elettrici. ART Impianto di pompaggio Per l eventuale impianto di pompe o autoclavi, dovrà essere presentata esplicita richiesta all amministrazione comunale la quale, sentito il parere dell Ufficio Tecnico Comunale,si riserva la facoltà di autorizzare o meno la messa in opera di dette apparecchiature, prescrivendo, se del caso,le modalità d impianto.le utenze che abbiano installato un impianto di sollevamento interno, dovranno dotarsi di un autoclave con pressostato di sicurezza di minima pressione di monte, tarato secondo le prescrizioni del Comune e con valvola limitatrice di portata, oppure di un serbatoio di sconnessione idraulica. E vietato in ogni caso l inserimento diretto della pompa sulla conduttura prima del contatore. ART Apparecchi di misura Il contatore sarà fornito, posto in opera e tenuto in manutenzione a spese del Comune che ne rimane proprietario. L utente sarà tenuto al versamento di un nolo annuo come stabilito all art. 30. Il contatore verrà collocato in custodia a muro pozzetto libero, nel punto che il comune giudicherà più opportuno, per un facile e continuo accesso di lettura al confine della proprietà. Al contatore verrà posto un sigillo e l utente sarà responsabile della integrale conservazione di esso. Il tipo e il calibro degli apparecchi di misura dell acqua sono stabiliti dal Comune in relazione alla natura della concessione ed al consumo previsto. Il Comune ha la facoltà di cambiare gli apparecchi di misura quando lo ritiene opportuno, senza l obbligo di preavviso o di giustificazione. Il contatore può essere installato anche nel suolo pubblico. E comunque vietata la posa dei contatori all interno di edifici, fatto salvo per quelli già Installati. In caso di ristrutturazione di un edificio avente il contatore interno, si dovrà provvedere a collocare esternamente il contatore. 8

9 ART Posa e rimozione degli apparecchi di misura All atto della messa in opera del contatore vengono registrati dal personale del Comune, o da quello della ditta incaricata della gestione del servizio, il tipo di apparecchio, il numero di matricola ed il consumo indicato. Gli apparecchi di misura non possono essere rimossi o spostati se non per disposizione del Comune. ART Sostituzione degli apparecchi di misura Le spese per la sostituzione degli apparecchi di misura per causa di incuria, manomissione, rotture, ecc. sono a carico dell utente. CAPO IV CONTATORI Art Lettura contatori Il Comune non procede alla lettura di eventuali contatori di appartamenti posti a valle di quello di derivazione. Qualora non sia possibile eseguire la lettura periodica del contatore, il personale incaricato lascia l apposito avviso con le istruzioni necessarie per far pervenire all ufficio Comunale i dati del consumo. Ove ciò non avvenga, il Comune provvederà ad emettere fattura in base al consumo medio dell anno precedente. Il Comune ha comunque la facoltà di fare eseguire, quando lo ritenga opportuno, letture supplementari a sua discrezione. Il rifiuto a far eseguire le verifiche e le letture dà diritto all Amministrazione Comunale di sospendere l erogazione dell acqua. La constatazione del rifiuto sarà verbalizzata dagli incaricati. Art Verifica contatore L utente ha sempre il diritto, compilando l apposito modello (modello in allegato), di far eseguire la verifica del contatore. Se la verifica comprova l esattezza del contatore entro i limiti di tolleranza del 5% in più o in meno, il Comune addebita in fattura le spese di verifica sostenute come stabilito all art. 36 così come a carico dell utente risulteranno le spese inerenti alla manutenzione del proprio misuratore. Il modello in allegato potrà essere utilizzato anche per richiedere: Lo spostamento del misuratore La sigillatura del contatore La sostituzione del contatore Il controllo della lettura, bollette..; Un sopralluogo tecnico Art Irregolare funzionamento del contatore In base alle norme regolamentari che disciplinano il servizio, l'utente è comodatario del contatore che resta di proprietà del Comune. In tale veste l Utente è tenuto a conservarlo e custodirlo e a dare immediata comunicazione al Comune di rottura o malfunzionamento(modello in allegato). Qualora il contatore cessasse di indicare la quantità di acqua erogata e da parte dell utente non c è stata alcuna comunicazione del 9

10 mal funzionamento del misuratore, il consumo per il periodo di mancato funzionamento è valutato in base alla media delle ultime due letture utili. CAPO V PAGAMENTI ART Fatturazione dell acqua L acqua viene pagata in ragione del consumo indicato dal contatore, nonché della quota fissa annuale in ragione degli impegni contrattuali e secondo scaglionamento delle tariffe in corso. In ogni caso sarà fatturato all utente un importo corrispondente al consumo minimo impegnato anche se l acqua non è stata consumata. Il pagamento dei consumi e delle prestazioni va effettuato entro la scadenza e con le modalità indicate in fattura o nella bolletta.il quantitativo di acqua segnata dal contatore anche se dipendente da fughe è a carico dell utente. L invio della bolletta all Utente è effettuato su base informatizzata con contemporaneo invio e con sufficiente anticipo per la totalità delle utenze, per cui non dovrebbero verificarsi disservizi nella fase di spedizione. Può tuttavia accadere che in fase di instradamento e consegna della corrispondenza si possano verificare dispersioni o furti che causano la mancata ricezione della bolletta. In tale eventualità l Utente deve farsi parte diligente e richiedere al Comune l emissione di un duplicato della bolletta. Il consumo registrato dai contatori verrà fatto pagare sulla base delle tariffe deliberate annualmente dal Consiglio Comunale ai sensi dell art. 42 lettera f del D.L.vo ART Minimo impegnato e garantito Per ciascuna erogazione a contatore viene stabilito nel contratto un consumo minimo impegnato, rapportato al periodo annuale, garantito dall utente e da pagare anche se non consumato. Il consumo minimo impegnato è determinato dal tipo di utilizzazione per le quali la derivazione è costituita. USI DOMESTICI tariffa agevolata fino a 36mc annuali da pagarsi anche se non consumati(minimo garantito) tariffa base da 36 mc fino a 73mc annuali I scaglione da 73mc fino a 144 mc annuali II scaglione oltre i 144 mc USI NON DOMESTICI tariffa fino a 73 mc I scaglione da 73 a 150 mc II scaglione oltre i 150 mc USI COMUNALI per ogni quantitativo, pagamento al mc USI ZOOTECNICI per le attività di allevamento degli animali il costo unitario del servizio è ridotto al 50% della tariffa ordinaria determinata per le abitazioni civili. I consumi di acqua potabile riferiti alle scuole ed agli impianti sportivi in genere di proprietà e/o gestiti da enti diversi dal comune, sono sottoposti alla tariffazione prevista per le utenze pubbliche comunali scolastiche e per gli impianti sportivi. 10

11 ART Utente moroso Il pagamento dei consumi deve essere effettuato dall utente entro la data di scadenza indicata nella bolletta. Trascorsa la data predetta, l utente è considerato moroso senza necessità di preventiva costituzione in mora. Trascorsi inutilmente 15 giorni dalla data di scadenza, il Comune invia sollecito scritto dando tempo 20 giorni per il pagamento avvisando che trascorso tale periodo procederà, senz altro avviso, alla sospensione della fornitura che non potrà mai avvenire nei giorni festivi e prefestivi e potrà essere ripristinata dietro versamento di quanto dovuto e dei diritti previsti per l operazione. Il pagamento a bolletta scaduta comporta, ove effettuato entro 15 giorni dalla scadenza, la corresponsione di un indennità di mora del 5 % dell importo della bolletta. L indennità si accrescerà del 2% dell importo della bolletta per ogni 15 giorni di ritardo in più. Il periodo di 15 giorni verrà conteggiato pieno anche se solo parzialmente trascorso. Il Comune si riserva inoltre il diritto di eseguire ogni arretrato per qualsiasi titolo dovuto ed eventualmente conguagli fiscali. CAPO VI TARIFFE ART Tariffe annuali Le tariffe del servizio acquedotto devono essere deliberate dal Consiglio Comunale, annualmente, sulla base del costo di gestione dell anno precedente e secondo la seguente distribuzione: categoria per uso potabile domestico ordinario; categoria per uso potabile non domestico. Comprende il consumo relativo ad edifici adibiti ad uso pubblico (scuole, ambulatori, chiese, ecc.) o ad uso commerciale (uffici, negozi, bar, ristoranti, alberghi, ecc.) per le esigenze igienico sanitarie della persona; categoria per uso agricolo; categoria per uso agricolo annesso ad attività di allevamento di animali (iscritto alla C.C.I.A.A.). Per la quarta categoria di utenza sopracitata connessa all allevamento di animali, il costo unitario del servizio a mc. non potrà superare il 50% della tariffa ordinaria determinata per le abitazioni civili qualora dimostrino di essere iscritti come tali alla C.C.I.A.A. competente per territorio o di altro Ente abilitato. Il provento derivante dall applicazione delle tariffe sopracitate per il servizio dell acquedotto non può essere, in nessun caso, superiore al 100% dei costi di gestione e comunque non può essere inferiore all 80% di tali costi di gestione. Tali limiti verranno adeguati, di volta in volta, alla legge nazionale per la finanza locale. Sono escluse dalle tariffe del presente Regolamento le applicazioni di imposte e tasse sugli scarichi delle acque provenienti da qualsiasi attività ed uso di acque. 11

12 CAPO VII DIRITTO DI ALLACCIAMENTO NOLO CONTATORI IMPORTI FORFETTARI E TARIFFARI ART Nolo contatore Il canone annuo da corrispondere a titolo di nolo contatore è così determinato: Per tubazioni di presa da Per tubazioni di presa da 1 1/ Per tubazioni di presa da Per tubazioni di presa da oltre ART Norme tecniche per allacciamento impianti Lo scavo dovrà essere limitato alla minima larghezza indispensabile; L estradosso del rivestimento di protezione dovrà avere una profondità minima di cm. 100 e riempito con materiale inerte costipato nel caso di scavo su strada, mentre per lo scavo in aperta campagna dovrà essere riempito con materiale di risulta; La protezione della tubazione dovrà essere costituita da cm. 20 di sabbia; Alla profondità di circa 40 cm. Dovrà essere steso un nastro per la segnalazione della tubazione sottostante; I pozzetti di posa del contatore e dei rubinetti di arresto dovranno avere una dimensione utile di cm. 60 x 60; Il ripristino della pavimentazione stradale dovrà essere eseguito in due fasi: Riempimento dello scavo in tuotvenant/calcestruzzo Ripristino finale conforme all esistente, realizzato dopo un congruo periodo di tempo ad assestamento avvenuto e dovrà avere una larghezza minima di cm. 100 previa fresatura e tappetino; A monte e a valle del contatore dovrà essere posto un rubinetto di arresto; I lavori dovranno essere portati a termine entro tre mesi dalla data dell autorizzazione salvo motivata richiesta di proroga da presentarsi almeno sette giorni prima della scadenza; La mancata ultimazione dei lavori entro il tempo stabilito comporta la decadenza dell autorizzazione; Il contatore sarà fornito dall Amministrazione Comunale; Particolare attenzione dovrà essere riservata alla realizzazione della custodia del contatore (per evitare il gelo) e all accessibilità (per una facile lettura) 12

13 ART Tariffario servizi, prestazioni tecniche, penali Tariffario servizi Descrizione Costo fisso di allacciamento (sopralluogo fattibilità, attività amministrative e informatiche, ecc.) Costo fisso voltura contrattuale Anticipo fornitura domestica residente Anticipo fornitura domestica non residente Anticipo fornitura attività produttive (strutture ricettive, campeggi, alberghi) Anticipo fornitura altre attività Anticipo fornitura bocche antincendio Anticipo fornitura per uso temporaneo Installazione nuovo contatore fornito dal comune Sopralluogo presso l impianto a richiesta dell Utente Spostamento del contatore a richiesta dell Utente Verifica funzionamento contatore risultato funzionante, in loco a richiesta dell Utente Verifica lettura risultata esatta 0.00 Chiusura per disdetta Distacco a causa di morosità o irreperibilità dell utente Riapertura sbocco chiuso per morosità o irreperibilità Chiusura dello sbocco mediante intercettazione della tubazione Preavviso di chiusura inviato con raccomandata ar 0.00 Solleciti per adempimenti contrattuali inviati con raccomandata ar 0.00 Solleciti per adempimenti contrattuali inviati con posta ordinaria 0.00 Attività di ricerca indirizzo per bollette e corrispondenza non recapitata 0.00 Costi unitari per l esecuzione di singolo attacco completo di misuratore Descrizione um Q.Tà Singolo attacco completo di misuratore cad Penali Descrizione Manomissione sigilli del contatore senza prelievo abusivo Spostamento non autorizzato del misuratore Rottura contatore causa manomissione senza prelievo abusivo Realizzazione di by-pass su condotta fornita di misuratore oltre al rimborso dell'acqua consumata Inversione del misuratore oltre al rimborso dell'acqua consumata Prelievo abusivo dalla bocca antincendio CAPO VIII DIVIETI - SANZIONI 13

14 ART Divieti E rigorosamente vietato ad ogni estraneo di accedere alla cabina di manovra delle pompe, di serbatoi, di usare le chiavi di manovra alle prese ed anche di tenerle in deposito, di manomettere gli idranti, le saracinesche, le fontanelle o qualsiasi parte dell impianto, compresi i chiusini. E vietato innestare tubi di gomma od altro alle pubbliche fontane per qualsiasi uso, in particolare per il lavaggio di automezzi, motomezzi, animali, per bagnare orti e giardini. ART Sanzioni Le sanzioni a carico dei privati saranno constatate e verbalizzate dagli incaricati del servizio ed il verbale avrà corso come ogni altra contravvenzione di polizia urbana. Salvo diversa disposizione di legge, per le violazioni delle disposizioni dei regolamento comunale si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da. 100 a 300.il Comune potrà sospendere o revocare la concessione in base alla gravità delle violazioni. Il contravventore dovrà inoltre rimborsare al Comune tutte le spese di verbale, della ditta assegnata per il ripristino dell opera, riapposizione dei timbri o sigilli e di altri accessori. Nei casi di falsità o di frode si provvederà a norma del Codice Penale. ART. 34 CAPO IX SEGNALAZIONE GUASTI NUMERO DI TELEFONO Il servizio di segnalazione dei guasti è completamente gratuito ed è attivo 24ore dal lunedì alla domenica. Il numero è utilizzabile esclusivamente per la segnalazione di perdite di acqua dalle reti o dai contatori dell acqua. Il regolamento di concessione dell acqua potabile impone agli utenti di comunicare al Comune le perdite che si verificano nella rete di distribuzione. E comunque un preciso dovere civico collaborare per evitare lo spreco di una così importante e limitata risorsa. L acquisizione tempestiva da parte del Comune delle notizie relative a guasti della rete distributiva dell acqua potabile, consente: di ridurre gli sprechi di risorsa; di quantificare il fenomeno e ridurre gli inconvenienti; di localizzare tratti di rete soggetti a frequenti rotture per progettarne la sostituzione;. di programmare le riparazioni intervenendo prioritariamente nei casi più urgenti. Prima di chiamare annotare l esatta localizzazione della perdita (località, via, numero civico, ) e nel caso di contatori, il codice utente rilevabile da una qualunque bolletta o in alternativa, l indirizzo del luogo ove è situato il misuratore. CAPO X DISPOSIZIONI GENERALI 14

15 ART. 35 Le disposizioni del presente Regolamento faranno parte integrante del contratto di concessione. Con l entrata in vigore del presente Regolamento è abrogato il precedente approvato con delibera consigliare n.07 del 10 maggio Sarà comunque diritto dell Amministrazione Comunale di modificare in qualsiasi tempo, in tutto o in parte le disposizioni del presente Regolamento, sempre che le modifiche non siano in contrasto con le Leggi e i regolamenti generali dello Stato e della Regione. Con il presente regolamento sono fatte salve le disposizioni transitorie approvate con deliberazione di C.C. n.8 del 10/05/2011, che qui si intendono integralmente riportate 15

16 COMUNE DI SAN TAMMARO MODELLI IN ALLEGATO ************* 16

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Comune di CASTELBIANCO

Comune di CASTELBIANCO Comune di CASTELBIANCO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 6 del 6 Giugno 2003 INDICE Art 1. Fornitura dell acqua. Art 2. Domanda di fornitura Art 3. Modalità per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO RURALE E PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA USO IRRIGUO COMUNE DI BIANZONE PROVINCIA DI SONDRIO Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 27.04.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Regolamento acquedotto

Regolamento acquedotto Regolamento acquedotto APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 61/1997 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 57/1998 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 26/1999 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46/2004 MODIFICATO

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE 1 I N D ICE Art. 1 Fornitura dell acqua Art. 2 Nuovi allacciamenti su strade prive di rete Art. 3 Ampliamenti di tubazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE ************************* DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Il servizio della distribuzione

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO ANNO 2001 Versione modificata con la Delibera del Consiglio Comunale Numero

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO Testo integrato e coordinato con le modifiche apportate (al testo originario adottato con deliberazione C.C. nr. 122 del

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Contratto. di subentro alla fornitura di AcquaPotabile

Contratto. di subentro alla fornitura di AcquaPotabile Contratto di subentro alla fornitura di AcquaPotabile Società soggetta a direzione e coordinamento di CAP Holding spa via Rimini, 34/36 20142 Milano - telefono 02 89520.1 - fax 02 89540058 Capitale Sociale

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO Allegato A alla deliberazione n. 246/2006 PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO 1. Premessa La presente procedura definisce i criteri e le metodologie per la determinazione

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n.20 del 28.01.2005 1 TITOLO I GENERALITA ART.1 ENTE GESTORE DELL

Dettagli

Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE

Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Il presente regolamento, da sottoporre all approvazione del Consiglio Comunale, è stato predisposto

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ed. ANNO 2016 Oggetto ed applicabilità Il presente listino prezzi verrà applicato in maniera imparziale sul territorio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 11 giugno 2008 Modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas L allacciamento alla rete elettrica per le utenze in bassa e media tensione Allacciamento e attivazione Altre prestazioni L allacciamento è la connessione dell impianto di utenza alla rete di distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

Contratto di servizio per utenze raggruppate

Contratto di servizio per utenze raggruppate PGQ -7-02-70 Contratto di servizio per utenze raggruppate Art. 1 Oggetto e finalità Il presente contratto disciplina, in attuazione dell art. 50 del Regolamento del Servizio Idrico Integrato e della Direttiva

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014 2013 Rev. 03 16/01/2014 Metodo tariffario transitorio ai sensi della deliberazione n 585/2012 dell AEEG Definito in conformità alla delibera n. 2 del 04.12.2013 della Conferenza dei Comuni dell Ambito

Dettagli

Regolamento per il servizio lampade votive

Regolamento per il servizio lampade votive COMUNE DI SAN GODENZO Provincia di Firenze Regolamento per il servizio lampade votive Approvato con deliberazione consiliare N 5 del 23.02.2012 Indice Art.1 - Premessa 2 Art.2 - Allacciamento 2 Art.3 Spese

Dettagli

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA.

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO n. 10 DEL 25.02.2002 REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA Articolo 1 Distribuzione dell acqua e uso Il Comune somministra acqua nel suo

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

TARIFFARIO LUINO N. 3

TARIFFARIO LUINO N. 3 COMUNE DI LUINO TARIFFARIO LUINO N. 3 SERVIZIO ACQUEDOTTO Allegato al regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 15/3/2002 Adeguamento tariffe approvato con deliberazione

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA USO IDRO-POTABILE PER UTENZE EXTRAURBANE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO 1. Con il presente contratto

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio 3.3 Infrastrutture Manutenzioni Ambiente - Reti Tecnologiche Cimitero Parchi e Giardini Responsabile geom. Mario Bettelli SERVIZIO

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE approvato con delibera C.C. n. 9 del 11.02.2011 INDICE Art. 1 - (Fornitura dell'acqua)

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE TITOLO I RETE DI DISTRIBUZIONE Art. 1 I. Il servizio pubblico della distribuzione dell acqua potabile è gestito direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 2010 Rev. 01 12/2010 Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 SOMMARIO 1. CONTRIBUTI ALLACCIAMENTO E ALTRE PRESTAZIONI...3 A. Allacciamenti con scavo... 3 B. Allacciamenti senza scavi...

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva ELENCO PREZZII e CONDIIZIIONII DEII SERVIIZII E DELLE PRESTAZIIONII INDICE 01.00 PRESTAZIONI TECNICHE SVOLTE DAL DISTRIBUTORE... 2 02.00 PRESTAZIONI OPZIONALI... 2 03.00 ELENCO PREZZI ANNO 2009... 3 a

Dettagli

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE C O M U N E D I U M B E R T I D E -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE PRESSO I CIMITERI DEL COMUNE DI UMBERTIDE APPROVATO CON

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO Comune di Spresiano (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO - Delibera C.C. n 14 del 28.05.1998: Adozione nuovo Regolamento comunale per la gestione dell Acquedotto

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA Rev. 1 2011 1. OGGETTO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2.1. Attività comprese... 3 2.2. Esclusioni... 3 2.3. Attività non Standard... 3 2.4. Validità...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE ANNO 2015 A.S.GA S.r.l. Via Roma 36 20083 GAGGIANO (MI) 1. Oggetto Il presente listino prezzi è relativo alle prestazioni accessorie offerte da A.S.GA S.r.l. relativamente

Dettagli

IMPEGNATIVA DI TRAPASSO DI UTENZA DI ACQUA POTABILE

IMPEGNATIVA DI TRAPASSO DI UTENZA DI ACQUA POTABILE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO Domanda da produrre in 2 copie GESTIONE CLIENTI Via Meda, 44-20141 Milano tel 800 02 18 00 - fax +39 02 78 00 33 servizio.clienti@metropolitanamilanese.it IMPOSTA DI BOLLO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05. 2010 Rev. 01 21/05/2010 Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.2010 Approvato dall Assemblea del Consorzio dell Autorità d Ambito Ottimale della Provincia di Bergamo il 30.06.2010 Ambito

Dettagli

Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE

Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE &2081(',*(1=$12',520$ Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE (Approvato con Deliberazione di C.C. n 78 del 27 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO - 1 - Art. 1 Il Patriziato di Avegno, riconosciuta la necessità di dotare il Comune di un impianto d acqua potabile, sollevandolo da ogni spesa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GALATONE Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla delibera di consiglio n. del Art. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI DI CASTAGNETO CARDUCCI DONORATICO BOLGHERI Approvato

Dettagli

ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS

ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS Edison DG Spa Società a socio unico Sede Legale - Via Pelosa, 20 35030 Selvazzano Dentro PD Tel. +39 049 8739444 ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS Richiedere l allaccio è semplice È sufficiente presentare la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI CAVALLASCA CAP 22020 Via Imbonati, 1 (CO) TEL. 031 210455 - FAX 031 536439 Provincia di Como N. Part. Iva 00516340130 REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE Approvazione: Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE modello 1 A.O Domanda per ottenere il Nulla Osta all allaccio in fognatura pubblica per lo scarico di reflui domestici provenienti da unità abitative residenziali modello (ai sensi dell art. 45 del D.Lgs.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO CAPITOLO I Norme generali Applicazione Art. 1 Il presente regolamento, regola la costruzione, l esecuzione, la manutenzione e il

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 -

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - - IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - Pagina 1 di 8 info@ SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI A SERVIZIO DEL PUNTO DI RICONSEGNA Tutte le attività descritte sono svolte da personale interno della

Dettagli

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA GESTIONE IN ECONOMIA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PRIVATADELLE SEPOLTURE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

b) la durata del contratto con l indicazione del periodo selezionato dal Cliente;

b) la durata del contratto con l indicazione del periodo selezionato dal Cliente; 1. Oggetto del contratto Il presente contratto di Housing ovvero di Residence ha per oggetto la concessione in godimento temporaneo da parte di The Best Rent S.r.l. al Cliente di una unità immobiliare,

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Approvato con delibera di C.C. n. 25 del 10.04.08, modificato con delibera di C.C. n.15 del 30.03.2001 e successiva

Dettagli

Il contratto di fornitura

Il contratto di fornitura Il contratto Il contratto di fornitura Per avere l'energia elettrica bisogna stipulare un contratto con un fornitore che si impegna a fornirla in cambio di denaro Una volta stipulato il contratto, le parti

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978)

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) L anno duemiladodici (2012), il giorno ( ) del mese di.., in Santa Fiora (GR), tra: Maurizio ONOFRI,

Dettagli