IAS / IFRS Bilancio d esercizio 31 dicembre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IAS / IFRS Bilancio d esercizio 31 dicembre 2009"

Transcript

1 IAS / IFRS Bilancio d esercizio 31 dicembre 2009 Abaxbank Società per Azioni Milano Gruppo bancario Credito Emiliano - CREDEM Unico Azionista Soggetta a direzione e coordinamento di Credito Emiliano S.p.A. Iscritta all Albo delle Banche Registro delle Imprese di Milano e P.Iva n ABI Capitale i.v. Sito Internet :

2 INDICE Cariche sociali... 3 Relazione sulla gestione... 4 Schemi di bilancio al 31 dicembre Nota integrativa Attestazione Dirigente Preposto Relazione della Società di Revisione Relazione del Collegio Sindacale

3 CARICHE SOCIALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Vice presidente Lucio ZANON di VALGIURATA Enrico CORRADI Amministratore delegato *Nazzareno GREGORI (dal 14/01/2009) Consiglieri Adolfo BIZZOCCHI **Giovanni CROTTI (dal 23/06/2009) Giorgio FERRARI Matteo MATTEI GENTILI Stefano MORELLINI **Simone PREDIERI (dal 23/06/02009) Rossano ZANICHELLI * in sostituzione di Paolo V.Caroli cessato il 05/01/2009 ** in sostituzione di Marco Braglia e Luigi Maramotti COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaci effettivi Sindaci supplenti DIRIGENTE PREPOSTO alla Redazione dei documenti Contabili societari SOCIETA DI REVISIONE Gianni TANTURLI Emilio AGUZZI DE VILLENEUVE Carlo RICCO Aldo Marco MAGGI Flavia Daunia MINUTILLO (dal 19/02/2009) Alberto BRAZZELLI Deloitte & Touche S.p.A. 3

4

5 1. SOCIETA CONTROLLANTE Abaxbank è controllata al 100% da Credito Emiliano S.p.A. di Reggio Emilia, a propria volta controllata da Credito Emiliano Holding S.p.A., con sede sociale in via Emilia S. Pietro, n. 4, Reggio nell Emilia. Credito Emiliano S.p.A. è subentrata a Credito Emiliano Holding S.p.A. in qualità di Capogruppo di gruppo creditizio il 26 giugno La Capogruppo redige quindi il bilancio consolidato sottoponendolo a revisione contabile. Ai sensi dell art bis del codice civile, nella Parte H della nota integrativa, vengono esposti i dati dell ultimo bilancio approvato di Credito Emiliano S.p.A. Azioni proprie e azioni delle controllanti La Banca a fine esercizio 2009 non detiene azioni proprie; nel corso dell esercizio non sono state negoziate azioni proprie. A fine esercizio 2009 non risultano nel portafoglio di proprietà della Banca azioni delle controllanti. Nel corso dell esercizio non sono state negoziate azioni di Credito Emiliano Holding S.p.A. e della Capogruppo, Credito Emiliano S.p.A. Rapporti con imprese del Gruppo Per quanto attiene ai rapporti con le imprese del Gruppo si rimanda alla Parte H Operazioni con parti correlate della Nota Integrativa, specificando che tali rapporti si riferiscono alla Capogruppo ed alle altre Società del Gruppo. Tali rapporti sono regolati a condizioni di mercato, tenuto conto della qualità dei beni e dei servizi prestati. Per le altre "parti correlate" diverse dalle Società del Gruppo e riconducibili a membri del key management della Banca, i rapporti di fornitura di beni e servizi realizzati dalla Banca sono rappresentati unitamente all'operatività con la clientela, in quanto sempre effettuati a condizioni di mercato con oggetto, corrispettivo, modalità o tempi di realizzazione non dissimili da quanto usualmente praticato nei rapporti con la clientela. Sedi secondarie La Banca non ha sedi secondarie. 5

6 2. OPERAZIONI SOCIETARIE Nel corso dell esercizio 2009, la Società si è uniformata, entro il termine utile del 30 giugno, alle prescrizioni normative emanate da Banca d Italia con provvedimento del marzo 2008 in materia di Disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche. In tale contesto, l Assemblea dei Soci ha tra l altro deliberato le prescritte modifiche statutarie volte prevalentemente a recepire le predette disposizioni ed il Consiglio di Amministrazione ha approvato il Progetto di Governo Societario di Abaxbank. 6

7 3. CREDITI VERSO CLIENTELA Riguardo ai crediti verso la clientela, gli aggregati di bilancio relativi risentono degli effetti delle decisioni del Piano, riducendosi significativamente rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente e risultando in ulteriore contrazione rispetto al dato al 30 giugno Il saldo al 31 dicembre 2009 risulta infatti pari ad 60,4 mln., rispetto ad 90,8 mln. al 30 giugno 2009 ed agli oltre 153 mln. di fine esercizio Il saldo è quasi interamente ascrivibile a finanziamenti per operazioni stipulate negli esercizi precedenti e che, alla data del 31 dicembre 2009, mostravano un saldo per cassa di complessivi 45,5 mln. La chiusura del Dipartimento Structured Finance & Advisory, definita nell ambito del Piano, ha avuto ad immediata conseguenza il blocco delle nuove erogazioni. Le operazioni in essere, puntualmente presidiate, risultano in regolare ammortamento. Non si registrano criticità significative in tale portafoglio. Una sola richiesta di moratoria ai sensi dell Accordo Comune tra Ministero dell economia e delle finanze, ABI e Associazione delle PMI siglato in data 3 agosto 2009 risulta pervenuta (peraltro marginale in quanto relativa ad un erogazione inferiore a nominali 2 mln.). La restante attività riconducibile a crediti verso la clientela evidenzia la progressiva riduzione dell operatività in derivati che ha comportato la significativa contrazione dei margini di garanzia versati dalle controparti a favore della Banca, classificati in questa voce. Per quanto concerne infine i crediti deteriorati e incagliati, si segnala il venir meno di una posizione che, al 31 dicembre 2008, risultava classificata in tale categoria, rinviando, per una descrizione di maggiore dettaglio, alla Nota Integrativa. Si segnalano altresì crediti di firma per complessivi 42,3 mln. 7

8 4. ATTIVITA NELL AMBITO MERCATI FINANZIARI L esercizio 2009 è stato caratterizzato dall importante processo di riorganizzazione delle attività operative definito con il Piano, finalizzato ad un sostanziale ridimensionamento dell operatività e, conseguentemente, della leva finanziaria. Obiettivo non secondario dell azione l adeguamento regolamentare delle attività in un ottica fortemente cautelativa riguardo ai rischi di mercato, operativi, di credito e di liquidità. Per l Area Equity, in particolare, nel corso dell anno è stata interrotta l attività di strutturazione di nuove operazioni da parte dei Dipartimenti Structured Equity Derivatives e CPPI. L andamento di mercato, rientrato in un trend positivo dal secondo trimestre 2009, ha poi permesso il conseguimento di risultati operativi favorevoli. Le principali attività dell Area Fixed Income & OFP si possono così sintetizzare: razionalizzazione e completamento dell informatizzazione dell attività di market making sul mercato secondario e di brokeraggio nel settore FX. Aggiornamento della regolamentazione dell attività di mercato primario rivolto alla ridefinizione degli estremi procedurali sulla sindacazione; coinvolgimento nell attività rivolta ad ottimizzare le politiche creditizie di Gruppo verso financial institution. Le principali attività dell Area Equity sono state rivolte alla razionalizzazione dei processi in un ottica di sostanziale ridimensionamento dell attività e nell intenzione di contenere i rischi operativi in presenza delle attività di ristrutturazione e di adeguamento dell organico. Analisi dell andamento dei ricavi Superati i primi mesi dell anno caratterizzati soprattutto da un peggioramento del rischio di credito, la seconda parte dell esercizio è stata caratterizzata da dinamiche che hanno consentito ai mercati di recuperare dai minimi toccati. Tale ripresa ha perso il suo slancio in chiusura d anno. La BCE ha proseguito con il suo approccio graduale per un exit strategy che si estende quindi alla seconda parte del 2010, quando probabilmente inizierà il ciclo di rialzo dei tassi. Sul reddito fisso, i temi cruciali del 2009 sono stati la forza della ripresa economica, soprattutto nella fase centrale dell anno e la liquidità fornita dalle Banche Centrali. Le tematiche cui gli spread di credito sono stati più sensibili si sono dimostrate con maggior evidenza: l exit strategy delle Banche Centrali, il rischio di nuove bolle sui prezzi degli asset, la sostenibilità del debito pubblico e le prospettive per il rating sovrano. Quest insieme di variabili hanno accompagnato la fase finale del 2009 e si manifesteranno anche nel I valori gestionali esposti in tabella, al netto delle commissioni di brokeraggio, riflettono l andamento congiunturale sopra esposto in un contesto di forte deleveraging delle posizioni operative. 8

9 . Dipartimento/Funzione Fixed Income Trading & IRRA -17,4 50,0 Fixed Income Primary Mkt -0,2 2,3 FX 1,1 1,7 CPPI Product &Portfolio Manager 0,7 1,7 Equity Investment & Equity Brokerage -0,3 1,6 Capital Management -4,5-1,8 Equity Derivative Market Making 4,9 0,7 Structured Equity Derivative -7,8-3,0 Totale ,2 Si rileva, a commento dei dati evidenziati, che: Il Dipartimento Fixed Income Trading: ha capitalizzato la fase di deleveraging gestendo in quest ambito in maniera ottimale il momentum di mercato vendendo l eccesso di esposizione gradualmente e coerentemente con la fase di restringimento degli spread di credito. Ha ridotto drasticamente il portafoglio delle c.d. basi negative e conseguentemente i rischi derivanti dall attività in derivati di credito. Il Dipartimento Fixed Income Primary Market: ha operato conformemente al nuovo quadro procedurale sviluppando una gestione ottimale dei flussi della clientela istituzionale e del ciclo di emissioni sui vari segmenti del mercato obbligazionario. Il Dipartimento FX: ha conseguito ricavi in linea con le aspettative e con la nuova struttura organizzativa, preservando la market share sulla clientela di riferimento. I risultati dell Area Equity sono stati conseguenti all attività di radicale revisione delle attività avvenuta nel corso del Gli unwind effettuati ed i minori ricavi derivanti da operazioni di strutturazione Equity / CPPI hanno avuto un evidente impatto. La chiusura di tutti i Dipartimenti Sales della Banca, a seguito della ristrutturazione definita dal Piano, ha ridotto alla sola attività di brokeraggio FX i ricavi gestionali di natura commerciale e quindi ad una voce di ricavo residuale e contenuta. 9

10 5. ATTIVITA DIVISIONE INVESTMENT BANKING ( IB ) I ricavi gestionali realizzati dalla Divisione ammontano, nel corso dell esercizio 2009, complessivamente ad 2,14 mln, dato non immediatamente comparabile con gli oltre 5,4 mln. dell esercizio precedente, avuto conto delle determinazioni strategiche previste dal Piano attuate in corso d anno. Nello specifico, il 2009 si è rivelato anno particolarmente difficile per il settore M&A. La crisi finanziaria ha provocato, tra le altre cose, una significativa distanza tra domanda ed offerta in numerose trattative che conseguentemente non hanno trovato finalizzazione, mentre le incertezze legate al ciclo economico ed alla sua ripresa hanno reso difficile la costruzione di piani industriali attendibili, bloccando sul nascere iniziative o piani imprenditoriali. Solo verso fine esercizio si sono avuti i primi segnali di ripresa, che portano ad un cauto ottimismo per l economia e per il settore M&A nel suo complesso per l esercizio Abaxbank non è stata eccezione a tale situazione. Il dipartimento M&A registra, rispetto ad un 2008 particolarmente soddisfacente, un fatturato nell esercizio trascurabile ( 0,11 mln.). Tuttavia, il 2010 si presenta con una serie di trattative in fase avanzata di negoziazione, che lasciano ipotizzare un esercizio in linea con le capacità e potenzialità proprie del Dipartimento. Per quanto concerne l operatività del Dipartimento Structured Finance & Advisory, lo stesso registra ricavi per 1,9 mln, interamente riconducibili a posizioni rivenienti dagli esercizi precedenti (nel corso del 2009 è stato deciso il blocco delle nuove erogazioni). Fatto salvo quanto registrato per una posizione marginale, per la quale risulta pervenuta richiesta di moratoria ai sensi dell Accordo Generale del 3 agosto 2009, le restanti posizioni risultano in regolare ammortamento. Ricavi per 0,14 sono invece attribuibili al Dipartimento Equity Capital Market, rientrato nel perimetro di razionalizzazione del Piano. 10

11 6. CONTROLLI INTERNI Comitato di Controllo Interno Nel corso dell esercizio 2009 il Comitato per il Controllo Interno è stato convocato e si è riunito n. 3 volte. L attività del Comitato si è concretizzata nell'analisi degli interventi svolti dal Servizio Auditing della Capogruppo e nell esame di ulteriori temi o eventi di interesse per il sistema dei controlli. Dal 23 giugno 2009 il Comitato Presidio Rischi ha sostituito il Comitato per il Controllo Interno, giusta la delibera del Consiglio di Amministrazione della Banca che ha tra l altro abrogato il Regolamento del Comitato per il Controllo Interno ed approvato il nuovo Regolamento del Comitato Presidio Rischi. Il Comitato è stato fra l altro allargato al Compliance Officer in particolare relazione ai temi riferiti alla normativa market abuse. Organismo Interno di Vigilanza & Controllo L Organismo di Vigilanza e Controllo, istituito ai sensi e per gli effetti dell art. 6 del D.Lgs. 231/01, vigila sull effettiva attuazione del Modello Organizzativo e di Gestione ( MOG ) adottato da Abaxbank, ne valuta l adeguatezza e ne presidia l aggiornamento. L Organismo si è riunito una volta nel corso dell esercizio 2009, verificando in particolare l adeguato aggiornamento del MOG alla data ed i flussi di reporting predisposte delle strutture operative per l Organismo stesso. Revisione Interna L attività di revisione interna è affidata, sulla base di un contratto di outsourcing, al Servizio Auditing della Capogruppo. L attività è volta al controllo della regolare operatività mediante verifiche in loco e a distanza, alla valutazione della funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni, nonché alla formulazione di raccomandazioni finalizzate al miglioramento delle procedure della Banca, delle modalità di controllo e di gestione dei rischi. Il Servizio Auditing ha infine gestito il Registro dei Reclami. Il collegamento tra il Servizio Auditing e le diverse funzioni della Banca è coadiuvato anche dalla presenza presso la Società di un Link Auditor al quale è assegnato il compito, tra gli altri, di monitorare lo stato di avanzamento degli interventi migliorativi concordati, dandone periodica informativa agli Organi della Banca ed al Servizio Auditing. 11

12 I primi mesi dell esercizio 2009 hanno visto la funzione di revisione interna impegnata a collaborare con le altre funzioni di controllo ed operative della Banca nella risposta alle richieste ispettive dei funzionari della Banca d Italia. Nei mesi successivi il Servizio Auditing ha presidiato l elaborazione e l inoltro da parte di Abaxbank delle risposte ai rilievi formulati dall Organo di Vigilanza, nonché delle periodiche relazioni in ordine allo stato di attuazione del Piano. Nel corso del 2009 le attività di verifica svolte hanno interessato le funzioni di controllo di secondo livello e sono state poi indirizzate al processo di revisione del Sistema dei Controlli Interni attivato da Abaxbank con riferimento ai presidi di linea e di primo livello; a riguardo, particolare attenzione è stata posta sulle aree di business che evidenziavano maggiori rischi alla luce delle operazioni in essere e della ristrutturazione in atto in esecuzione del Piano. Compliance Il presidio del rischio di non conformità alle norme è affidato in outsourcing alla Funzione di Controllo di Conformità (Compliance) di Credito Emiliano ed è designato come Compliance Officer lo stesso esponente nominato in tale ruolo dalla Capogruppo. Nell ambito degli indirizzi emanati dalla Capogruppo, la Società si è dotata di un Regolamento gestione del rischio di non conformità, che definisce compiti e responsabilità della Funzione di Controllo di Conformità, le attività che svolge, le facoltà di cui è dotata ed i flussi informativi. I processi disegnati ed il posizionamento della funzione presso la Capogruppo ne garantiscono l indipendenza e le consentono di operare avendo accesso a tutte le attività svolte dalla Banca nonché a qualsiasi informazione rilevante per lo svolgimento dei propri compiti. La Funzione di Controllo di Conformità riferisce in merito all attività svolta al Consiglio di Amministrazione ed al Collegio Sindacale, nonché al Comitato Consiliare per il Controllo Interno istituito presso la Capogruppo. Il perimetro delle aree normative assegnate al controllo della funzione include le norme inerenti: la prestazione dei servizi di investimento; la gestione dei conflitti di interesse (ambito Direttiva MiFID); la normativa Consob in materia di emittenti e di mercati; il market abuse ; la trasparenza bancaria; l antiriciclaggio e l antiterrorismo; l usura; la privacy; 12

13 relativamente alle quali la Funzione di Controllo di Conformità identifica e valuta i rischi di non conformità tenuto conto dei presidi posti in essere dalle strutture della Banca, proponendo i fattori di mitigazione ed i controlli integrativi ritenuti necessari per l eliminazione o il contenimento dei rischi stessi. 13

14 7. GESTIONE DEL RISCHIO Nel corso dell esercizio 2009 Abaxbank ha evidenziato un rischio generico medio, calcolato con la metodologia del VaR parametrico, intervallo di confidenza al 99%, holding period 10 giorni, aggiustato per il coefficiente moltiplicativo previsto dalla Vigilanza, pari ad 3,8 mln., con un valore massimo di 16,3 mln. La forte riduzione rispetto all esercizio 2008 è sostanzialmente riconducibile al ridimensionamento operativo che ha caratterizzato la Banca nel corso del 2009 in esecuzione del Piano. Il rischio specifico su titoli di debito, misurato con metodologia standard di Vigilanza, ha registrato un valore medio di 11,5 mln. e massimo di 15,3 mln. Tale requisito non comprende l assorbimento richiesto per i titoli classificati come Available for Sale ( AFS ), che viene computato all interno dei rischi di credito. Il requisito medio per il rischio specifico su titoli di capitale si è invece attestato ad 1,9 mln. I rischi di credito e controparte medi di periodo sono complessivamente pari ad 33 mln.; come già evidenziato, il deleverage relativo alle posizioni della Banca ha influenzato anche il requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito, in forte contenimento rispetto all esercizio precedente. Relativamente ai rischi operativi, il requisito puntuale al 31 dicembre 2009, calcolato adottando la metodologia TSA (Metodo Standard), è risultato pari ad 4,9 mln. Per una più ampia disamina degli obiettivi e delle politiche della Banca in materia di gestione dei rischi finanziari si rimanda al contenuto della Parte E della Nota Integrativa. Principali caratteristiche dei sistemi di gestione dei rischi e di controllo interno esistenti in relazione al processo di informativa finanziaria ai sensi dell art. 123-bis, comma 2, lettera B), del TUF Il sistema di gestione dei rischi e di controllo interno associato al processo di informativa finanziaria di Abaxbank (nel seguito il Sistema ) è definito sulla base della metodologia definita dalla Capogruppo Credito Emiliano SpA. Il Sistema è finalizzato a garantire che l informativa finanziaria risulti attendibile, accurata, affidabile e tempestiva. Sotto il profilo metodologico, le procedure amministrative e contabili per la formazione dell informativa finanziaria sono definite e valutate attraverso un modello ispirato all Internal control Integrated Framework approvato dal Committee of Sponsoring Organizations of Treadway Commission (COSO) che rappresenta un framework per il sistema di controllo interno generalmente accettato a livello internazionale. Il modello adottato individua i seguenti principali componenti del sistema di controllo interno: - Ambiente di controllo, che presidia l integrità e valori etici, la filosofia e lo stile direzionale del management, la struttura organizzativa, l attribuzione di autorità e responsabilità, le politiche di gestione del personale e le competenze del personale. 14

15 - Valutazione dei rischi, attraverso cui sono definiti i metodi di identificazione e analisi dei rischi. - Informazione e comunicazione, per quanto attiene la corretta gestione dei flussi informativi tra le diverse funzioni dell azienda. - Attività di controllo, che rappresenta l insieme di attività preposte ad una corretta gestione dei rischi al fine di conseguire gli obiettivi aziendali prefissati. - Monitoraggio, vale a dire l insieme delle verifiche periodiche atte a verificare l affidabilità nel tempo del sistema di controllo interno posto in essere. Il Sistema è basato sulle seguenti principali dimensioni di analisi: - Entity Level Controls; - Process Level Controls; Attraverso gli Entity Level Controls viene effettuata un analisi complessiva, a livello azienda, finalizzata a verificare l esistenza di un contesto aziendale che, in generale, risulti funzionale a ridurre i rischi di errori e comportamenti non corretti in relazione all informativa finanziaria. La rilevazione degli Entity Level Controls viene effettuata al fine di verificare l adeguatezza delle dimensioni del modello di controllo interno non analizzate direttamente tramite i Process Level Controls. Tale analisi ha per oggetto l Ambiente di controllo, l Informazione e la comunicazione interna aziendale, oltre che i processi di Monitoraggio e di Valutazione dei rischi. Essa permette di tracciare un quadro di riferimento del contesto aziendale nel quale opera il sistema di controllo interno, ricavando così informazioni utili per indirizzare le successive fasi di test nell ambito dei processi. Attraverso i Process Level Controls viene effettuata un analisi dei singoli processi coinvolti nella produzione dell informativa finanziaria. I Process Level Controls sono analizzati secondo specifiche fasi. In primo luogo è identificato periodicamente il perimetro dei processi ritenuti significativi attraverso, principalmente, analisi quantitative e qualitative legate al potenziale impatto che essi possono produrre sull informativa finanziaria. La successiva fase riguarda la formalizzazione e l analisi dei processi amministrativocontabili rilevanti, sulla base dei profili di rischiosità delle attività rilevate e sulla base degli obiettivi di controllo associati a ciascun rischio. Sono così individuati i controlli la cui assenza/non corretta esecuzione può determinare un errore significativo nel processo di formazione dell informativa finanziaria e ne viene valutata l efficacia del disegno ( Test of design ). L effettivo ed efficace svolgimento dei controlli chiave ( Test of effectiveness ) è verificato su base campionaria; tali verifiche permettono di analizzare, periodicamente, l intero perimetro dei controlli individuati quali rilevanti ai fini dell analisi. Gli esiti della valutazione del sistema di gestione dei rischi e di controllo interno possono portare all identificazione di carenze nel disegno o nell efficacia dei controlli; a tali carenze sono associate specifiche azioni correttive da porre in essere a carico delle unità organizzative aventi in capo i controlli e la cui realizzazione è oggetto di monitoraggio da parte del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari di Abaxbank, che ha il compito di predisporre adeguate procedure amministrativo-contabili per la formazione dell informativa finanziaria. 15

16 Le azioni correttive sono propedeutiche all ottenimento di una valutazione ottimale del controllo e, di conseguenza, all efficace presidio dei rischi aziendali sui quali il controllo agisce. Le attività di presidio agli Entity Level Controls ed ai Process Level Controls sono svolte da Abaxbank con il supporto della struttura organizzativa all interno della quale opera il Dirigente Preposto CREDEM. Il Dirigente Preposto Abaxbank informa periodicamente il Consiglio di Amministrazione circa l esito dei test of effectiveness svolti e circa lo stato delle eventuali carenze in essere. 16

17 8. RISORSE UMANE occupazione puntuale a fine periodo di cui part-time età media anni 41,0 38,9 38,4 anzianità media di servizio anni 7,1 6,3 5,9 numero dipendenti per categoria Dirigenti Quadri Impiegati dipendenti in possesso di laurea 64% 64% 63% distribuzione tra Centri di Ricavo (c.d. front-office) e Centri di Supporto % 51 / / / 43 Nel contesto del Piano ha trovato applicazione la procedura di cui agli artt. 4 e 24 della Legge 23 luglio 1991, n. 223, per riduzione di personale. A seguito di numerosi incontri con le Organizzazioni Sindacali, si è pervenuti ad un accordo che ha consentito di ricollocare alcune risorse all interno del Gruppo Credem, nonchè l accesso al fondo di solidarietà per il sostegno del reddito per coloro che avevano maturato i requisiti. Per il restante personale dichiarato in esubero, sono state attivate misure di sostegno, attraverso incentivazioni all esodo su base volontaria. Quanto sopra ha determinato un occupazione puntuale di fine periodo pari a n. 55 risorse, contro le n. 153 presenti al 31 dicembre Considerando la straordinarietà della situazione determinatasi nel corso dell esercizio, le spese complessive per il personale nel 2009 non sono confrontabili con quelle sostenute nell anno precedente. 17

18 9. ORGANIZZAZIONE/SISTEMA INFORMATIVO Organization Development & Processes Supervision L attività del Dipartimento OD&PS è stata funzionale all evoluzione della struttura organizzativa riveniente dall esecuzione del Piano. Pur nella straordinarietà delle modifiche organizzative intervenute nel corso dell esercizio è stata garantita la continuità del processo di emanazione ed aggiornamento della documentazione della Banca (i.e. Regolamenti, Disposizioni Operative, Mansionari, Manuale dei Processi, MOG, ecc.). Il Dipartimento ha svolto un ruolo rilevante nel Progetto ABAX2010 in seno al quale sono state pianificate tutte le attività necessarie a garantire un ordinato sviluppo delle attività di realizzazione del Piano e degli interventi necessari a rispondere ai rilievi sollevati dall Organo di Vigilanza a seguito dell intervento ispettivo concluso nel mese di aprile. Information Technology L operatività del Dipartimento Information Technology è stata indirizzata primariamente a garantire la continuità operativa delle attività della Banca, gestendo le diverse problematiche rivenienti dallo sviluppo del Piano. Nell ambito del suddetto Progetto ABAX2010 è stato inserito un cantiere denominato Infrastruttura ICT che ha portato alla realizzazione dei seguenti obiettivi: attivato un servizio di outsourcing in ambito facility management ; attivato un servizio di outsourcing in ambito application management ; esternalizzati su fornitori di Grupppo telefonia fissa (in tecnologia voip), telefonia mobile e gestione della posta elettronica. Oltre ai progetti di razionalizzazione ed esternalizzazone sono state anche sviluppate attività evolutive quali: realizzazione di un sistema di market making con price engine Bloomberg/TOMS e sistema di quotazione Orc con totale automatizzazione dei flussi tra i diversi sistemi della Banca (front to back) a supporto dell attività dell Area Fixed Income; sostituzione del sistema di Post Trade Trasparency. 18

19 10. RISULTATI ECONOMICI e PATRIMONIALI I risultati economici L esercizio 2009 si è concluso con un utile netto pari ad 16,6 mln. (dettagli, criteri di valutazione ed altre informazioni sono riportati nella Nota Integrativa e negli Allegati alla medesima). In tale contesto si segnala che: cresce rispetto all esercizio precedente il margine d interesse da -9,9 mln. a 28,8 mln.; l ammontare della voce dividendi e proventi simili pari ad 1,5 mln si riduce fortemente rispetto all esercizio 2008 a seguito della sospensione dell attività di arbitraggio sui titoli azionari quotati; è positivo il margine d intermediazione sia per i risultati positivi conseguiti dall attività di negoziazione sui mercati del fixed income, sia per il reddito conseguito all estinguersi di posizioni creditorie e debitorie con clientela a seguito di un accordo transattivo; le spese per il personale includono gli effetti economici delle misure di incentivazione all esodo a seguito dell esecuzione del Piano; le altre spese amministrative e gli ammortamenti mostrano un decremento totale del 25,9%, a seguito della progressiva semplificazione dell attività della Banca nel corso dell anno; nell esercizio sono stati effettuati accantonamenti per la copertura finanziaria di potenziali contenziosi legali e fiscali e si è proceduto a svalutare in conformità con le linee guida fornite dalla Capogruppo la partecipazione detenuta nel veicolo di private equity Raffaello Lux. nell esercizio è venuta meno una posizione incagliata che ha generato un utile da cessione di attività e passività finanziarie per ca. 11 mln. 19

20 Evidenze patrimoniali Dal punto di vista patrimoniale, considerate le attività tipiche della Banca, le voci principali tra le attività e le passività sono quelle relative agli strumenti finanziari di negoziazione, cash e derivati ed alle connesse operazioni di finanziamento e impiego esposte tra i crediti e i debiti. Tali aggregati patrimoniali sono di seguito esposti: /mln. 31-dic dic-08 Totale Attivo di cui: Attività finanziarie di negoziazione di cui: - cash di cui: titoli di debito titoli di capitale e OICR derivati Attività finanziarie disponibili per la vendita Crediti verso banche di cui: - loans & receivable pct /mln. 31-dic dic-08 Totale Passivo di cui: Passività finanziarie di negoziazione di cui: - derivati Debiti verso banche di cui: - depositi pct

21 Proposta di destinazione degli utili Si propone preliminarmente di riclassificare dalla voce 160 Riserve alla voce 130 Riserve da valutazione l importo di ,60 per utili attuariali da valutazione TFR secondo IAS/IFRS. Si propone la seguente ipotesi di destinazione degli utili: a riserva legale ,99 a copertura di perdite pregresse ,13 a nuovo , Totale utile netto al 31 dicembre ,87 21

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO Banca di Credito Cooperativo ABI soc. coop. con sede in Piazza C.A. Pilati,15 TASSULLO (Provincia di Trento) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Società Cooperativa iscritta al nº A 163872 dell albo delle Soc. Coop. Iscritta presso il Tribunale di Pistoia al nº 1431 Reg. Società Capitale e Riserve euro

Dettagli

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014 BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014; RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI SUL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

Bilancio d esercizio. al 31 dicembre 2011

Bilancio d esercizio. al 31 dicembre 2011 Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2011 Consiglio di Amministrazione 13 marzo 2012 Dati di sintesi patrimoniali finanziari ed economici Sintesi dei dati economici 31.12.2011 31.12.2010 Var. % (milioni

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011 Bilancio 2011 1 BILANCIO DELLA CASSA RURALE MORI VAL DI GRESTA Banca di Credito Cooperativo ABI 08145-5 Soc. coop. con sede in Mori, Via Marconi, 4-38065 MORI (TN) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg.

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda NOTA INTEGRATIVA Parte A Politiche contabili Parte B Informazioni sullo Stato patrimoniale Parte C Informazioni sul Conto economico Parte D Redditività complessiva Parte E Informazioni sui rischi e sulle

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Bilancio 2009 Sommario Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5 Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Relazione sull andamento della gestione 9 Cenni

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA.

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. 1 INTRODUZIONE Il presente documento si compone del conto economico consolidato pro-forma dell'esercizio

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015 MITTEL S.p.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz n. 7 Capitale Sociale 87.907.017 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Milano al n. 00742640154 www.mittel.it *** *** *** *** *** *** *** *** *** COMUNICATO

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2012

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2012 BILANCIO DELLA CASSA RURALE LAVIS-VALLE DI CEMBRA Banca di Credito Cooperativo ABI soc. coop. con sede in LAVIS Via Rosmini, 61 Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese CCIAA di Trento 00109500223

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2012 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 122 Esercizio STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2012 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2012 31/12/2011 10.

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione sull andamento della gestione 465 Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici Interessi

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 365 del 10/02/2011

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO

BILANCIO DELL ESERCIZIO BILANCIO DELL ESERCIZIO 2013 Società sottoposta all attività di direzione e coordinamento di P.F.M. Finanziaria S.p.A. Via Privata Maria Teresa, 7 20123 Milano Capitale Sociale euro 4.000.000 i.v. Cod.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma, 21 febbraio 2002 Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati

Dettagli

Cariche sociali 5 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE 9

Cariche sociali 5 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE 9 Bilancio 2010 Sommario Cariche sociali 5 RELAZIONE E BILANCIO DI BANCO DI NAPOLI 7 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE 9 Dati di sintesi di bilancio e Indicatori alternativi di performance 11 L

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (31 marzo 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.291.457,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.035,2 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 PREMESSA Per quanto riguarda il presente bilancio di Banca Carige SpA si ricorda che nell anno

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

I crediti verso le banche sono espressi al valore di presumibile realizzo, tenuto conto delle stime di perdita.

I crediti verso le banche sono espressi al valore di presumibile realizzo, tenuto conto delle stime di perdita. 79 STRUTTURA E CONTENUTI DEL BILANCIO Il bilancio dell'impresa è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico e dalla Nota Integrativa, corredati dalla Relazione sull'andamento della gestione.

Dettagli

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvazione Consiglio di Amministrazione Data 17/11/2014 Versione 14.01 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. POLITICA DI VALUTAZIONE

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2014 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 124 Esercizio 55 STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2014 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2014 31/12/2013 10.

Dettagli

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3)

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3) CREDEM, RISULTATI PRELIMINARI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MLN EURO; PRESTITI (1) +7,9% A/A VALUTAZIONE BCE Stress test scenario avverso Prima banca italiana per CET1 Ratio REDDITIVITA Utile netto 151,8

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 1 trimestre 2007 Reno De Medici S.p.A. Sede Legale in Milano Via dei Bossi, 4 Direzione Generale e Amministrativa: Pontenuovo di Magenta (MI) Via G. De Medici, 17 Capitale sociale

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE SEMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2014 1 Premessa In applicazione del D. Lgs. del 28 febbraio 2005, n. 38, Esercizio delle opzioni previste dall

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98

COMUNICATO STAMPA. Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98 COMUNICATO STAMPA Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98 Bologna, 24 aprile 2013 Con comunicazione del 17 aprile 2013, la Consob ha richiesto ad Unipol

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio 246 Conto economico 246 Conto economico complessivo 247 Situazione patrimoniale-finanziaria 248 Rendiconto finanziario 249 Variazioni del patrimonio netto 251 Conto economico ai sensi della Delibera Consob

Dettagli