AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15"

Transcript

1 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE Approvato dal del gennaio

2 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale E un progetto da mantenere flessibile e verificabile. Ogni anno si avrà un tema su cui ci si concentra particolarmente (tema prevalente), pur avendo sempre un dinamismo e delle attività su tutte le sfide. Una volta l anno ci sarà un momento (una parte del Consiglio regionale di giugno) con invito a tutti i Comitati di Zona allargati, per riflettere e progettare (momento formativo e momento elaborativo) sul tema prevalente dell anno successivo, in modo che le Zone siano sempre coinvolte sul progetto e questo rimanga vivo fino alla sua completa attuazione. Temi portanti Fare rete: perché, con chi, per che cosa? Capire bene come si può costruire perché è complicata (per non impacchettare, o solo slogan, ). Raccogliere le esperienze già fatte con altre associazioni sulle politiche giovanili e con il progetto Gexò. Prendere posizione su temi importanti. Capire come, su che cosa, dove possiamo contribuire, al di là dei tavoli in cui siamo. Famiglia. Quali istanze educative dalle famiglie che portano i ragazzi nello scautismo. Quali messaggi verso le famiglie e verso i ragazzi, anche per le loro famiglie future. Accoglienza inclusione. Possibili eventi Evento regionale da definirsi nel 2015 (una parte interbranca e una parte di branca) sui temi dell accoglienza e inclusione. Evento regionale da definirsi nel 2016 (una parte interbranca e una parte di branca) su Famiglia e Lavoro, collegandosi anche con le esperienze raccolte dalla Pattuglia Famiglia e Lavoro. 2

3 Protagonismo giovanile - Esperienza AREE DI AZIONE Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Contatti con altre agenzie educative. Scoperta di competenze e di nuove abilità da mettere anche a servizio degli altri mediante l esperienza dei campetti di Piccole Orme. Restituzione monitoraggio Piccole Orme. Riflessione sul valore dell accoglienza dell infanzia da parte del mondo adulto e di noi educatori. Specialità di squadriglia (impariamo a progettare). EG come maestri di specialità nei Campetti specialità. Pubblicazione sul sito delle Imprese migliori delle Specialità di Squadriglia. Verifica sull utilizzo del capitolo. Monitoraggio dei Clan-Fuoco e delle Zone sul lavoro svolto dalla lettura della Carta del Coraggio. Protagonismo giovanile Buoni cittadini Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Comunicazione Workshop RS e capi (in coll con la branca RS) Campetti di specialità (in coll con la branca EG) Workshop RS e capi (in coll con la branca RS) Contatti con altre agenzie educative Contatti con altre agenzie educative. Esperienza di scouting, per Specialità di Squadriglia Monitoraggio della verifica e Forum Terzo Settore entrare, sempre attraverso il (imprese fuori dalla sede) del lavoro da fare sulla Carta Collegamento con organizzazioni del gioco, nell ambiente della città del coraggio da parte di Zone e terzo Settore e rilancio di eventi interni degli uomini e dei bambini Clan / Fuoco. ed esterni sul tema. (attraverso i campetti di Collegamento con il progetto FIS: Tracce sul Sentiero). Educare Energia per la Vita. 3

4 Dall incertezza al rischio - Territorio Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Riflessione su Rapporto con le famiglie. Avvio di una Pattuglia Famiglia e Lavoro. Consiglio allargato come tema prevalente Restituzione monitoraggio sulle Piccole Orme. Esperienza di responsabilità e servizio nei confronti di una comunità che si genera dall incontro con altri bambini al campo e nei confronti di una comunità più grande rispetto al proprio B/C (Tracce sul sentiero). Ambiente Avvio del coordinamento Cambuse critiche. Approfondimento sulla sicurezza delle attività in montagna (in coll. con PC) Sviluppo Analisi territori scoperti. Forum Terzo Settore Collegamento con organizzazioni del terzo Settore e rilancio di eventi interni ed esterni sul tema. Collegamento con il progetto FIS: Educare Energia per la Vita. Collegamento con delegati in forum territoriali, prospettive di presenza in nuovi forum. 4

5 Dall incertezza al rischio Partecipazione attiva Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Avvio di una Pattuglia Famiglia e Lavoro. Consiglio allargato come tema prevalente Riflessione sul valore dell accoglienza dell infanzia da parte del mondo adulto e di noi educatori. Esperienza di forte protagonismo e di messa in gioco di se stessi in una dimensione diversa da quella conosciuta nel proprio Branco/Cerchio Raccolta di azioni di coraggio svolte sul territorio. (Piccole Orme). Esperienza di responsabilità e servizio nei confronti di una comunità che si genera dall incontro con altri bambini al campo e nei confronti di una comunità più grande rispetto al proprio B/C (Tracce sul sentiero). PNS Partecipazione ad assemblee di Libera. Avvio analisi per progetti con Libera sul territorio. Tramite con Regione per favorire la partecipazione alla Giornata della Memoria e dell Impegno di Libera. Sviluppo Analisi possibili alleanze per nuove aperture di Gruppi. Contatti con le associazioni di pellegrinaggio presenti sul territorio (oftal, unitalsi, opfb) al fine di proporre l esperienza agli R-S e ai Clan-Fuochi. Forum Terzo Settore Collegamento con organizzazioni del terzo Settore e rilancio di eventi interni ed esterni sul tema. collegamento con il progetto FIS: Educare Energia per la Vita. 5

6 Dall accoglienza all inclusione Cultura e religione Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Avvio preparazione al Jamboree. Diversi WS sul tema. Sviluppo Monitoraggio e analisi delle esperienze di integrazione (con Internazionale) Proseguimento tavoli sulle Interculturalità/Interreligiosità (con Internazionale). Occasioni di formazione specifica su religioni diverse. Internazionale Formazione in pattuglia Internazionale. Raccolta di materiale e attività sul tema. Partecipazione ad accogliere la Luce di Betlemme (con MASCI) Forum Terzo Settore Collegamento con organizzazioni del terzo Settore e rilancio di eventi interni ed esterni sul tema collegamento con il progetto FIS: Educare Energia per la Vita 6

7 Dall accoglienza all inclusione Fratelli nella diversità Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Evento regionale da definirsi nel 2015 (una parte interbranca e una parte di branca) sui temi dell accoglienza e inclusione. Riflessione e sperimentazione su Coinvolgimento soggetti a rischio di marginalità sociale: progetto Buoni cittadini si diventa. Esperienza di incontro con bambini e capi di altre realtà nei campetti di Piccole Orme e Tracce sul Sentiero. Avvio preparazione al Jamboree. WS su Educazione alla pace. Internazionale Formazione in pattuglia Internazionale. Raccolta di materiale e attività sul tema. PNS Promozione della cultura della legalità e dell inclusione: - proposta ai capi, in particolare RS, strumenti per attività sulla legalità e l inclusione; - promozione di occasioni di confronto e sostegno alle Co.Ca. per situazioni critiche (es. familiari o ragazzi arrestati) Preparazione Workshop per adulti MASCI (con MASCI) Forum Terzo Settore Collegamento con organizzazioni del terzo Settore e rilancio di eventi interni ed esterni sul tema. collegamento con il progetto FIS: Educare Energia per la Vita. 7

8 Percorsi formativi per capi Effettuazione dei CFM: si punta a 4 L-C, 4 E-G, 1 R- S, collocati in periodi adatti ai capi. Effettuazione dei CAM, uno per branca. (in coll. con Area) Effettuazione di 15 CFT (con le Zone) e 1 CAEX. Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Laboratori nelle Zone su aspetti specifici dei Bilanci di Gruppo: progetto Amministrare con cura per curare meglio l azione sociale (in collaborazione con altre associazioni). Incontro formativo per i Capi Cerchio con Specialità di squadriglia: formazione sullo Incontro regionale capi di Branca. particolare attenzione ai neo Capi Cerchio (in coll. con Fo.Ca.). Incontro regionale capi di Branca. Momento di presentazione della proposta nazionale della nuova Pista/Sentiero (entro dicembre) strumento ed in particolare sulla Missione di Squadriglia. Incontro sul percorso Specialità di Squadriglia - rivolto agli iabz. Incontro capi di branca su Leadership e Con.Ca. WAM per neo Capi Clan. PC Momento formativo specifico per capi. Comunicazione Campetto per Capi. Sviluppo Diffusione delle Pillole di Sviluppo. Nautico Incontro per capi Alla scoperta dello scoutismo nautico. (in coll. con Fo.Ca.). Momenti di diffusione dello Scautismo nautico, con particolare attenzione all Ambiente Acqua nelle Zone. WS per capi. Incontri con le zone RS lombarde. 8

9 Formazione Quadri e Formatori Campo Capi Gruppo. Stage Capi Gruppo (sostegno alle Zone). Formazione neo Responsabili di Zona. Incontro formazione al ruolo neo IABZ e neo Incaricati di Zona (in collaborazione con Metodo). Incontro formazione IABZ e Incaricati di Zona (in collaborazione con Metodo). Incontro Regionale Formatori (RTT). Incontro degli AE di Zona. Partecipazione a Incontro nazionale AE a Brescia. Pubblicizzare eventi formativi organizzati dalle Zone. Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Ripresa delle Linee guida sul Ruolo degli IABZ in Consiglio. Promozione del mandato agli Incaricati di Zona. Sostenere la cultura associativa per l utilizzo dei bilanci di Gruppo con possibilità di incontri nelle Zone (in collaborazione con IZO). Consiglio Ripresa del Patto tra le Zone: Zona nuova. Momento di presentazione della proposta nazionale della Momenti di formazione nuova Pista/Sentiero (entro dicembre) IABZ. Conclusione del monitoraggio del sentiero attraverso i reparti sentinella Presentazione dati riguardo al monitoraggio sul Consiglio Capi Sviluppo Formazione al ruolo Incaricati allo Sviluppo di Zona durante gli incontri in calendario. Ripresa Vademecum Disponibilità per Sostegno alle Co.Ca. (con Fo.Ca.). 9

10 Eventi per ragazzi Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Sostegno a Basi aperte, coinvolgendo altre Basi.. Contributo economico del Fondo Solidarietà per situazioni problematiche nei Gruppi. Effettuazione di Piccole Orme (con le Zone). Effettuazione di 4 Tracce sul Sentiero. Effettuazione di Campetti di Specialità modificati con nuovo modello nazionale (con Zone e Settori) Specialità di Squadriglia Jamboree non solo per chi partecipa (con le Zone). Effettuazione di 3 ROSS, con coordinamento e sostegno agli eventi (con le Zone). Effettuazione di Workshop (con Zone e Settori). Tutti i Settori Collaborazione con le Branche per la proposta di eventi per ragazzi. Internazionale Pubblicizzazione dei campi all estero (in modo particolare del progetto Terrasanta, Sarajevo e Brasile) Pubblicizzazione di tutte le altre opportunità a livello nazionale e internazionale PC Interventi finalizzati allo sviluppo della coscienza dei principi fondanti la sicurezza e la prevenzione durante le nostre attività Foulard Blanc Conoscenza e pubblicizzazione delle iniziative. Nautico Fratelli della Costa Corso di tecniche nautiche (con il Nazionale) Campo regionale Reparti a indirizzo nautico Proposta del Pellegrinaggio e del servizio a Lourdes come Route di Servizio ai Capi Clan che ne fanno richiesta. 10

11 Letture della realtà - Monitoraggi Verifica dei nuovi Percorsi formativi. Monitoraggio su livello di formazione capi e Capi Gruppo. Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Riflessione sui Passaggi (col Nazionale) Conclusioni lavoro Coeducazione e Diarchia (col Nazionale) Riflessione sui Settori (col Nazionale) Verifica e revisione del sito regionale (col settore Comunicazione) Approfondimenti sulle tematiche di branca in esame a livello nazionale. Conclusione percorso con Rimando del Comunicazione 4 staff pilota dei laboratori Monitoraggio su Revisione del sito regionale. del gioco delle prede e Leadership ed Verifica dei siti di Zona. degli impegni. elaborazione documento Sviluppo Restituzione monitoraggio su Con.Ca. Sostegno affiancamento alle Zone su sulle Piccole orme. Situazioni di Aperture e Mantenimento. Monitoraggio aperture e chiusure Unità e Gruppi. Ambiente Avvio del coordinamento Cambuse critiche. Esame dei luoghi e adempimenti per i campi, partendo dalle Basi scout (in coll. con PC). PNS monitoraggio delle zone e dei gruppi sul tema della (cultura alla) legalità i gruppi come occasione di inclusione: analisi di casi critici che vedono coinvolti i gruppi (es. ragazzi arrestati o in messa alla prova). Incontri con le zone RS lombarde. 11

12 Elaborazione pedagogica Metodo (Branche e Settori con I.C.M.) Rielaborazione dei contenuti del Convegno Fede per rilanciare delle azioni (in relazione col Nazionale) Realizzazione del Progetto regionale sulle tematiche: Protagonismo giovanile. Dall incertezza al rischio. Dall accoglienza all inclusione. Riflessione sul valore dell accoglienza dell infanzia da parte del mondo adulto e di noi educatori. Condivisione delle riflessioni pedagogiche e metodologiche sviluppatesi durante i lavori di Branca mediante resoconti puntuali a disposizione di tutti i capi (attraverso il sito regionale). Monitoraggio dell andamento del percorso Specialità di Squadriglia sul sapersi progettare Percorso di verifica della Route nazionale R-S. Comunicazione Pubblicazione Agesci Lombardia. Sviluppo Riflessioni su Partenza associativa (con branca R-S). Ruolo degli extra-associativi. Eventuali azioni che saranno elaborate e definite durante l anno, alla luce di nuove esigenze e opportunità, verranno poste all approvazione del. 12

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 Approvato dal del 17-18 ottobre 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2016-17 Approvato dal Consiglio Regionale del 23 ottobre 2016 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile

Dettagli

Nell elenco indicato in calce, ci sono delle esemplificazioni relative ai termini più ricorrenti.

Nell elenco indicato in calce, ci sono delle esemplificazioni relative ai termini più ricorrenti. Utilità e uniformità: ecco le due parole guida dalle quali nasce il breve testo che segue. È un sussidio da consultare quando ci viene il dubbio se scautismo si scrive con la a o con la o, se Capo Guida

Dettagli

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI L adulto che ha fatto una scelta di servizio quale capo nell Associazione, a partire dall ingresso in Comunità Capi si inserisce in un itinerario di Formazione Permanente

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

Programma 2014-2015 SFIDA AMBIENTALE

Programma 2014-2015 SFIDA AMBIENTALE 1 Programma 2014-2015 SFIDA AMBIENTALE 1AM Creare un settore specifico per l ambiente con un referente ed una pattuglietta (composta da persone con voglia di formarsi e capaci di animazione verso capi

Dettagli

Verifica programma 2013-2014

Verifica programma 2013-2014 1 Verifica programma 2013-2014 SFIDA AMBIENTALE Obiettivo ANNO 2013-2014 1AM Creare un settore specifico per l ambiente con un referente ed una pattuglietta (composta da persone con voglia di formarsi

Dettagli

Programma per l anno 2012-2013

Programma per l anno 2012-2013 ZONA DI MANTOVA Programma per l anno 2012-2013 PREMESSA Come siamo arrivati a proporre questo programma. Il nostro ruolo di educatori ci impone di guardare al futuro pur mantenendo i piedi ben saldi nel

Dettagli

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 Chi siamo? Il Gruppo Scout Agesci Genova 29 opera nel quartiere genovese di Quarto dei Mille. Le nostre sedi sono rispettivamente

Dettagli

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 Il Clan, formato attualmente da 8 ragazzi, è una comunità formata da due gruppetti : i vecchi Rover e Scolte, e i Novizi

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona La Zona Valbisagno La Zona conta 9 gruppi e si estende geograficamente lungo tutta la vallata del torrente Bisagno. Per larga parte insiste sul Comune di Genova, nei seguenti municipi: I Centro Est, III

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1 PROGETTO EDUCATIVO Gruppo Scout CHIARI 1 Un esploratore è attivo facendo il bene, non passivo contentandosi di essere buono (B.P.) PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO Il progetto educativo descrive gli obiettivi

Dettagli

A.G.E.S.C.I. ZONA BARI CENTRO RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2013 2014 E PREVENTIVO 2014 2015

A.G.E.S.C.I. ZONA BARI CENTRO RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2013 2014 E PREVENTIVO 2014 2015 A.G.E.S.C.I. ZONA BARI CENTRO RELAZIONE AL BILANCIO 2013 2014 E 2014 2015 2013 2014 Il bilancio si chiude con un risultato totale negativo pari a - 139,94 pari alla somma tra il risultato della gestione

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Per comprendere meglio il programma 2014/2015

Per comprendere meglio il programma 2014/2015 Per comprendere meglio il programma 2014/2015 COMITATO Anche quest anno accompagniamo il programma con qualche parola per esplicitare nel modo migliore le intenzioni che stanno dietro alle azioni di programma.

Dettagli

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Guarda lontano e sorridi... Ma quando guardate, guardate lontano, e anche quando credete di star guardando lontano, guardate ancor più lontano! Robert Baden

Dettagli

Luogo che ospita contemporaneamente infrastrutture, verde, mare

Luogo che ospita contemporaneamente infrastrutture, verde, mare Il luogo Kirara-hama, Prefettura di Yamaguchi Kirara-hama e un area che e stata strappata al mare a Yamaguchi City, quasi 930 Km a sud di Tokio. Isola artificiale realizzata per ospitare nel 2001 il grande

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presentazione Il gruppo di formazione di Associazione Mosaico nasce per fornire la formazione agli obiettori di coscienza

Dettagli

Regione Lombardia Branca L/C Vademecum per i campetti di Tracce Sul Sentiero

Regione Lombardia Branca L/C Vademecum per i campetti di Tracce Sul Sentiero Ai capi Branco e Cerchio Lombardi Agli Incaricati di zona della Branca LC e p.c. al Coord. Metod. ai Responsabili e Assistente Regionali Milano, 28 maggio 2015 Regione Lombardia Branca L/C Vademecum per

Dettagli

VERIFICA. Staffetta tra capiredattori: cambiamenti, ma in continuità con la linea editoriale

VERIFICA. Staffetta tra capiredattori: cambiamenti, ma in continuità con la linea editoriale VERIFICA Staffetta tra capiredattori: cambiamenti, ma in continuità con la linea editoriale Nonostante difficoltà spedizioni: cinque numeri inviati + tre sul sito Veste più colorata, aumento di pagine,

Dettagli

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano PROGETTO EDUCATIVO 2008-2011 TERRITORIO La lettura continua di ciò che ci circonda e la ricerca di relazioni significative sul territorio, costituisce un valore per la Comunità Capi del Verona 8. È ormai

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

EDUCARE: ENERGIA PER LA VITA

EDUCARE: ENERGIA PER LA VITA EDUCARE: ENERGIA PER LA VITA EXPO 1 maggio 2015 31 ottobre 2015 Milano 184 giorni di evento 20 milioni di visitatori previsti Partecipanti non ufficiali: Società Civile Cascina Triulza Cascina Triulza

Dettagli

A.E. ABILITA' MANUALE ACCANTONAMENTO AGESCI AGI AKELA ALFIERE ALPENSTOCK ALTA SQUADRIGLIA ANGOLO DI SQUADRIGLIA ANNO SCOUT AQUILE RANDAGIE

A.E. ABILITA' MANUALE ACCANTONAMENTO AGESCI AGI AKELA ALFIERE ALPENSTOCK ALTA SQUADRIGLIA ANGOLO DI SQUADRIGLIA ANNO SCOUT AQUILE RANDAGIE A.E. ABILITA' MANUALE ACCANTONAMENTO AGESCI AGI AKELA ALFIERE ALPENSTOCK ALTA SQUADRIGLIA ANGOLO DI SQUADRIGLIA ANNO SCOUT AQUILE RANDAGIE ASSISTENTE ECCLESIASTICO ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI

Dettagli

Linee programmatiche. Regioni = 18 90%

Linee programmatiche. Regioni = 18 90% 1 2 3 Linee programmatiche Regioni = 18 90% 4 Formazione Persone che si occupano di formazione = 49 Si occupano anche di Sviluppo = 9 Che hanno partecipato all'isola dei Formatori ad aprile 2011 = 12 5

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara scuola comunale dell infanzia Arcobaleno Identità e filosofia di un ambiente Storia La scuola dell infanzia Arcobaleno nasce nel 1966 ed accoglie 3 sezioni. La scuola comunale è stata

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Birillo Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Birillo viene inaugurato nel 1971. Nasce come nido costituito da due sezioni

Dettagli

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare Il perché di un Progetto educativo? Lo scoutismo è certamente un avventura affascinante per

Dettagli

AGESCI Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani Regione Lazio Organizzazione - Tesoreria

AGESCI Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani Regione Lazio Organizzazione - Tesoreria RELAZIONE AL BILANCIO Assemblea Regionale 18 Ottobre 2009 Dall anno contabile appena trascorso siamo oramai prossimi a raggiungere l obiettivo di individuare nuove modalità operative per facilitare i processi

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

CarpiUno. Gruppo Carpi 1

CarpiUno. Gruppo Carpi 1 Gruppo Carpi 1 CarpiUno Il Progetto Educativo è lo strumento che, ispirandosi ai principi dello scautismo, individua le principali sfide in cui il Gruppo Carpi 1 è chiamato ad impegnarsi per un determinato

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

L AQUILONE vola alto

L AQUILONE vola alto onlus PROGETTO CULTURA L AQUILONE vola alto intrecciamo le nostre vite per poterle vivere al meglio. Scuole primarie PREMESSA Far cultura è uno dei fini statutari dell Associazione. Nel rispetto di tale

Dettagli

Regolamento ANPAS Servizio Civile

Regolamento ANPAS Servizio Civile Regolamento ANPAS Servizio Civile Approvato dal Consiglio Nazionale ANPAS il 22 novembre 2003 e successivamente modificato nelle date 1 aprile 2006 e 12 aprile 2008 Premessa La realizzazione di una struttura

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Contingente Italiano FIS - Federazione Italiana dello Scautismo VADEMECUM PER VIVERE AL MEGLIO IL PERCORSO EDUCATIVO DEL JAMBOREE

Contingente Italiano FIS - Federazione Italiana dello Scautismo VADEMECUM PER VIVERE AL MEGLIO IL PERCORSO EDUCATIVO DEL JAMBOREE VDEMECUM PER VIVERE L MEGLIO IL PERCORSO EDUCTIVO DEL JMBOREE Cari capi clan/fuoco/compagnia, di seguito abbiamo cercato di riassumere tutte le indicazioni per rendere il Jamboree la migliore avventura

Dettagli

PROGETTO DI ZONA 2012-2016 TESTO DA APPROVARE

PROGETTO DI ZONA 2012-2016 TESTO DA APPROVARE Zona di Bologna Via Rainaldi, 2-40139 Bologna fax +39 051 74145418 www.agescibologna.it - info@agescibologna.it PROGETTO DI ZONA 2012-2016 TESTO DA APPROVARE Nella definizione del progetto 2012-2016 per

Dettagli

VERIFICA DELLE ATTIVITÀ DEL SETTORE COMUNICAZIONE/STAMPA E PROGRAMMA 2011-12

VERIFICA DELLE ATTIVITÀ DEL SETTORE COMUNICAZIONE/STAMPA E PROGRAMMA 2011-12 Regione Emilia Romagna Via Rainaldi, 2-40139 Bologna tel. +39 051 490065 - fax +39 051 540104 emiro.agesci.it - segreg@emiro.agesci.it VERIFICA DELLE ATTIVITÀ DEL SETTORE COMUNICAZIONE/STAMPA E PROGRAMMA

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI!

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI! PREMESSA Dallo Statuto dell Agesci 2011: Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi ai principi dello scautismo ed al Patto associativo, individua le aree di impegno prioritario per il Gruppo a fronte

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

AGESCI ABRUZZO. Relazione al bilancio consuntivo 2009/2010

AGESCI ABRUZZO. Relazione al bilancio consuntivo 2009/2010 AGESCI ABRUZZO Relazione al bilancio consuntivo 2009-2010 2010 Il bilancio consuntivo 2009/2010 evidenzia il conto economico e lo stato patrimoniale. Il conto economico si compone di due prospetti: il

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CAOS

PROGETTO GIOVANI CAOS PROGETTO GIOVANI CAOS Cooperativa Sociale Albatros s.c.r.l. ONLUS Sede legale e amministrativa: via Parini, 15-20094 CORSICO (MI) Tel: 02 4470420 Fax: 02 87398283 info@albatroscoop.it www.albatroscoop.it

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARIA PIAZZOLI - RANICA PROGETTO SCUOLA NEL TERRITORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO MARIA PIAZZOLI - RANICA PROGETTO SCUOLA NEL TERRITORIO ISTITUTO COMPRENSIVO MARIA PIAZZOLI - RANICA PROGETTO SCUOLA NEL TERRITORIO SOLIDARIETA 2013-2014 MICRO - PROGETTO: realizziamo una scuola su misura per i bambini dalle ali bruciate del quartiere Scampìa

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Aquilone Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Aquilone viene inaugurato nel 1974. Nasce come nido costituito da tre sezioni

Dettagli

AGESCI Associazione Gruppo Scout Milano 29 Guide E Scout P.zza S. Materno, 15 Cattolici Italiani 20131 Milano E-mail : gruppomilano29@hotmail.

AGESCI Associazione Gruppo Scout Milano 29 Guide E Scout P.zza S. Materno, 15 Cattolici Italiani 20131 Milano E-mail : gruppomilano29@hotmail. Gruppo Scout 29 P.zza S. Materno, 1 Analisi della realtà- anno 2012/13 Bisogni dei ragazzi e delle famiglie: Le famiglie del gruppo non giocano un ruolo molto attivo, pur essendo sempre molto disponibili

Dettagli

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità Giunta Regione Toscana con il contributo della L.R. 16/2009 Cittadinanza di genere Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità (percorso per le scuole dell infanzia) Premessa

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

sesta edizione Bilancio sociale della Regione Lombardia dell AGESCI rappresenta tappa fondamentale utilizzare tale

sesta edizione Bilancio sociale della Regione Lombardia dell AGESCI rappresenta tappa fondamentale utilizzare tale 3 Questa sesta edizione del Bilancio sociale della Regione Lombardia dell AGESCI rappresenta una ulteriore tappa fondamentale del percorso che come associazione lombarda stiamo costruendo per utilizzare

Dettagli

Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra

Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra disabilità intellettiva, attraverso la proposta di

Dettagli

Gruppo scout CAPEZZANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2012/2015. Anno 2012/2013

Gruppo scout CAPEZZANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2012/2015. Anno 2012/2013 Gruppo scout CAPEZZANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2012/2015 Anno 2012/2013 Il territorio: Capezzano Pianore si estende su una vasta pianura e confina con Lido di Camaiore, Pian di Mommio, Camaiore e Pietrasanta.

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile dei Servizi Educativi del Museo Civico

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA TITOLO DEL PROGETTO «PER UNA COMUNITA CHE COSTRUISCE SAPERI E PRATICA CITTADINANZA» SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Assessorato all Educazione Servizi all infanzia Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Giovanna Malavolti Coordinamento pedagogico Servizi

Dettagli

Progetto educativo 2014-2017 Gruppo Scout AGESCI Schio 3

Progetto educativo 2014-2017 Gruppo Scout AGESCI Schio 3 INDICE Introduzione...4 1. Analisi dell ambiente: chi siamo e dove operiamo...6 1.1 La comunità capi e i ragazzi...6 1.2 La realtà che ci circonda...8 2. Proposta educativa: Ragazzi/Capi e chi più ne ha

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

Progetto. Anno scolastico 2006/07. Finalità/obiettivi

Progetto. Anno scolastico 2006/07. Finalità/obiettivi Progetto Corso di formazione/ricerca-azione sulla didattica orientativa rivolta ai docenti della scuola media e del biennio della secondaria superiore, finalizzato alla prevenzione e alla lotta della dispersione

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Progettare, Sostenere, Valorizzare, Accompagnare, Incontrare, Organizzare, Comunicare...un anno di vita associativa!

Progettare, Sostenere, Valorizzare, Accompagnare, Incontrare, Organizzare, Comunicare...un anno di vita associativa! Relazione Comitato Regionale 2015 Progettare, Sostenere, Valorizzare, Accompagnare, Incontrare, Organizzare, Comunicare...un anno di vita associativa! Un altro anno associativo, in cui abbiamo vissuto

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Promuovere e consolidare la rete di volontari della giustizia Agire Sociale CSV Ferrara, aderisce all invito della

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

Relazione di verifica 2012-2013

Relazione di verifica 2012-2013 Assemblea Regionale autunnale Torre di Pordenone, 9 novembre 2013 Relazione di verifica 2012-2013 Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Rilanciare la fiducia nella forza dell educazione (5 anno) Sinergie

Dettagli

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE X ASSEMBLEA DELL UFME Lisbona / Fatima (Portogallo) - 17-22 ottobre 2011 Europa, una missione e una sfida PROGETTO OFM PER L EUROPA Instrumentum Laboris INTRODUZIONE Il testo del Progetto Europa che viene

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

INTRODUZIONE. dal Regolamento. LA RETE FORMATORI INTRODUZIONE 1

INTRODUZIONE. dal Regolamento. LA RETE FORMATORI INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE Il presente documento rappresenta la sintesi del cammino intrapreso relativo alla formazione del formatore, al centro della riflessione dell Associazione, e oggetto di specifico approfondimento

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: DECISAMENTE ABILI 2014 AMBITO D INTERVENTO: affiancamento alle persone diversamente abili nelle attività di socializzazione a domicilio e nelle

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Sottogruppo progetto pedagogico

Sottogruppo progetto pedagogico COORDINAMENTO PEDAGOGICO PROVINCIALE Sottogruppo progetto pedagogico Macro punti di riflessione del gruppo a partire dal 2004 ad oggi Principali tematiche: A) Il progetto pedagogico analizzato nei suoi

Dettagli