I FRINGE BENEFIT RETRIBUZIONE VARIABILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I FRINGE BENEFIT RETRIBUZIONE VARIABILE"

Transcript

1 RETRIBUZIONE VARIABILE I FRINGE BENEFIT Riccardo Tamburini Da qualche tempo a questa parte hanno assunto diffusione e rilievo anche in Italia, tra gli strumenti di flessibilità retributiva adottati dalle aziende in favore dei propri dirigenti. Cerchiamo di verificare la consistenza del fenomeno considerando anche l eventuale impatto fiscale 1 Riccardo Tamburini è consulente di Athena Research

2 Nei precedenti articoli, dedicati sempre agli strumenti premianti che compongono la retribuzione variabile rivolta ai dirigenti del terziario, della distribuzione e dei servizi, sono stati analizzati i sistemi di incentivazione manageriale (Mbo) e subito dopo quelli assai più innovativi riconducibili ai piani di stock option. Per completare il quadro degli strumenti ancora disponibili non poteva certo mancare un articolo interamente dedicato ai fringe benefit. Il perché dei fringe benefit Di fringe benefit si iniziò a parlare nelle filiali dei più noti gruppi multinazionali (Ibm, Hp, Unilever, Procter&Gamble, ecc.), insediatesi nella seconda metà degli anni 50 in Italia, per soddisfare inizialmente le esigenze dei dirigenti provenienti dall estero e, in particolare, dalle consociate inglesi e statunitensi. Pur in assenza di un preciso riferimento normativo e fiscale, furono sempre quelle realtà multinazionali che alcuni anni dopo, per non ingenerare al loro interno delle spiacevoli discriminazioni, presero la decisione di estendere anche ai dirigenti italiani, in aggiunta al normale trattamento stabilito dal ccnl di categoria, un pacchetto di fringe benefit individuali comprendenti l assicurazione vita e di malattia, la previdenza integrativa, l uso dell auto e dell abitazione, ecc., con il chiaro scopo di attrarre, incentivare e motivare con più efficacia delle risorse umane in possesso di un elevato potenziale. Con l andar del tempo, per mantenere sul mercato del lavoro un accettabile livello di appealing nei confronti dei manager, la politica retributiva delle grandi aziende nazionali, a partire dalla Fiat, Fininvest, Alitalia, Mondadori, Gs, Autogrill, Rinascente, Benetton, ecc., seguite a ruota da numerose altre imprese medie e persino piccole, si è dovuta adeguare anche in Italia a quella introdotta dalle multinazionali; ragion per cui i fringe benefit sono andati a rivestire rapidamente, in termini non più di eccezionalità, una frequente valenza premiante nell ambito dei trattamenti inclusi nella classica Rga (retribuzione globale annua). Nel corso di pochissimi anni questa componente (i fringe benefit) della retribuzione variabile, rivolta principalmente ai dirigenti, per le aziende che vogliono restare sul mercato si è tradotta di fatto in un elemento di attrazione, incentivazione e/o motivazione difficilmente sostituibile nel momento in cui viene gestita, misurata e pesata professionalmente anche nel suo controvalore economico. Nei capitoli seguenti cercherò di dare al lettore la possibilità di avvicinarsi al tema dei fringe benefit non solo da un punto di vista pratico ma anche teorico, offrendo una panoramica sulle opportunità già sfruttate dalle aziende e su quelle ancora da esplorare a fondo inserendo tra i commenti alcuni flash sulle diverse implicazioni fiscali e contributive. Il comportamento delle aziende italiane nei confronti dei fringe benefit Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, secondo le società di consulenza specializzate nell area della compensation, sono pochissime le aziende italiane che fino ad ora hanno deciso di rivolgersi a loro con lo scopo di sfruttare al massimo la potenzialità dello strumento premiante riconducibile ai fringe benefit in chiave di effettiva integrazione del sistema di retribuzione variabile. Di contro è risultato invece che la maggior parte dei vertici delle aziende italiane, proponendosi un uso assolutamente empirico dei fringe benefit e non facendolo invece rientrare opportunamente tra le tecniche di compensation finalizzate ad arricchire nella Rga la quota di retribuzione variabile, giudica nei fatti l argomento come una vera e propria perdita di tempo. Secondo quanto emerso dalle numerose interviste effettuate, la scelta del fringe benefit verrebbe il più delle volte affidata, nelle aziende che non tengono nel giusto conto le potenziali ricadute premianti dello strumento, a un funzionario dell ufficio acquisti o dell economato, che difficilmente prende in considerazione, oltre all obiettivo economico, anche quello di individuare il modello di un auto aziendale che corrisponda effettivamente alle attese del dirigente. La scelta, in funzione proprio dell obiettivo premiante insito potenzialmente nell auto intesa come fringe benefit, invece di esaurirsi in un semplice momento di acquisto di un bene strumentale azien- Tabella A - Presenza dei fringe benefit nelle principali posizioni dirigenziali (2001) Posizione Frequenza Incidenza sulla Rga* Direttore generale 100% 10% Direttore personale 60% 10% Direttore amministrativo 80% 10% Direttore finanziario 85% 12% Controller 30% % Direttore Edp 70% 10% Direttore vendite estero 80% 15% Direttore vendite Italia 85% 15% Direttore filiale 65% 15% Direttore acquisti 5% 5 % Direttore logistica 75% 10% Direttore commerciale 75% 12% * Retribuzione globale annua Fonte: Espansione & Assores 15

3 Tabella B - Frequenza e incidenza del variabile sulla retribuzione globale annua Posizione Frequenza % Incidenza % Frequenza % Incidenza % Direttore generale Direttore del personale Direttore amministrativo Direttore finanziario Direttore commerciale Direttore marketing Direttore approvvigionamenti Direttore tecnico Incidenza/frequenza media dale, potrebbe tradursi per il dirigente in un occasione di gratificazione personale, incentivazione e motivazione difficilmente ripetibile o riscontrabile attraverso altri strumenti premianti. Questa scarsa attenzione all effetto gratificazione ha avuto un lieve miglioramento a partire dalla seconda metà degli anni 90, ma in realtà sono ancora troppo poche quelle aziende che utilizzano correttamente ed efficacemente questi strumenti non come sistemi di frustrazione e di appiattimento, ma piuttosto come benefici in più e/o aggiuntivi. Come si collocano i fringe benefit all interno del reddito di lavoro? Prendendo spunto dall interrogazione contenuta nel titolo del presente capitolo, è prima di tutto necessario soffermarsi su cosa il legislatore ha inteso considerare per reddito di lavoro dipendente. Questo risulta costituito, in base all art. 8, Dpr n 917/1986 e successivi, da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo, percepiti dal dipendente in relazione al rapporto di lavoro, nel periodo di imposta di riferimento anche sotto forma di erogazioni liberali. La suddetta affermazione ha peraltro assunto un estensione, avendone ampliato il contenuto di fatto e il significato rispetto a quanto era previsto sotto lo stesso titolo nella normativa valida fino alla data sopra riportata. Infatti, sempre il legislatore nell art. 8 del richiamato Dpr ha voluto inserire, al posto della dizione compensi in denaro e in natura usata fino ad allora, quella di somme e valori in genere, con l evidente scopo di superare quelle controversie interpretative che nel passato avevano posto in discussione il significato da attribuire al termine compensi. Tutto ciò premesso si può quindi affermare che costituisce reddito di lavoro dipendente l insieme di quanto percepito dal dirigente in relazione al rapporto di lavoro, a nulla rilevando l effettiva esistenza di un collegamento tra la percezione delle somme o valori e la prestazione di lavoro resa. Peraltro è opportuno richiamare l attenzione sul fatto che - a differenza del lavoro autonomo non ritenuto meritevole dell esonero da imposizione fiscale di determinati beni e servizi non strettamente retributivi, tra cui rientrano a tutti gli effetti anche i fringe benefit - il lavoro di- pendente beneficia invece, a tale titolo, di talune esclusioni, totali o parziali, dal così detto reddito imponibile. Effettiva presenza dei fringe benefit e incidenza retributiva Proprio questa condizione d apparente vantaggio, nel rapporto esistente tra costi e benefici per i beni e servizi concessi sotto forma di fringe benefit, ha indotto le aziende più avvedute a sfruttare le possibilità offerte dalla normativa fiscale che anche l attuale governo, attraverso il ministero delle Finanze, sembrerebbe seguire con crescente attenzione per le ovvie implicazioni d interesse degli elettori coinvolti e di contro per il gettito fiscale posto in discussione. La penetrazione e l incidenza assumono oggi una certa rilevanza, soprattutto per quelle posizioni dirigenziali coinvolte più direttamente sui risultati aziendali, mentre appaiono assai più contenute quelle ascrivibili ai ruoli professionali o così detti di staff (tabella A). Questa tendenza, volta a sfruttare l impatto premiante assicurato dai fringe benefit sui ruoli manageriali, troverebbe conferma, in un certo qual senso, da quanto accaduto negli ultimi due anni in termini di ampliamento della base d impiego e dell incidenza sulla Rga dello strumento di retribuzione variabile (tabella B). I fringe benefit più comuni e il loro grado di diffusione tra i dirigenti Dopo aver approfondito in termini di principio l argomento e avendo messo in chiaro che cosa il legislatore italiano ha voluto intendere sotto la voce fringe benefit, passiamo ora ad analizzarne più in dettaglio i contenuti, evidenziando quali godano ancora di condizioni di sostan- 16 Tabella 1 MANAGER ANALISI DI SETTORE Dirigenti 6,30 30,0 59,08 0,66 30,05 29,23 51,57 5,6 13,25 29,58 13,62 Quadri 2,50 16,22 36,51 6,86 30,05 29,23 21,3 31,79 6,2 12,18 5,21 Dirigenti commercio 7,03 27,77 63,08 0,78 25,29 23,8 57,6 3,6 8,38 2,17 12,67 Quadri commercio 3,1 1,66,96 3,30 13,53 13,81 33,70 32,52,2 5,99 5,02 ALLOGGIO CARTE DI CREDITO Tasso % di diffusione dei singoli fringe benfit tra i manager italiani, a cura di OD&M CELLULARE TICKET ASSICURAZIONE SPESE MEDICHE AUTO PC CHECK-UP MEDICO STOCK OPTION PREVIDENZA INTEGRATIVA

4 ziale privilegio sotto il profilo dell assoggettamento fiscale e contributivo. Escludendo quelli meno conosciuti o rarissimi, dovremo limitarci a concentrare la nostra attenzione sui fringe benefit più diffusi e che per il loro contenuto di gradimento e di intrinseco valore economico possono rispondere meglio di altri a un compito di incentivazione, motivazione e di premio tra i dirigenti. Secondo una rilevazione dati effettuata nel corso dell anno 2001 la diffusione effettiva dei fringe benefit tra i dirigenti vede prevalere il telefono cellulare seguito a ruota dall auto aziendale, dal pc e via via da tutti gli altri. La situazione mostra comunque interessanti sfaccettature se analizzata confrontando i dirigenti e i quadri nel loro totale rispetto a quelli del settore commercio (tabella 1). Proseguendo nell esame dei fringe benefit non si approfondirà il discorso per quanto riguarda il ticket restaurant, il servizio mensa, le carte di credito, le spese di rappresentanza e i prestiti personali per il modesto impatto economico prodotto e per l eccezionalità della condizione individuale in cui gli ultimi due servizi si identificano. Saranno anche esclusi, oltre ai piani di stock option, già oggetto di analisi nell articolo Il sistema di compensation pubblicato sul n di questa rivista, le assicurazioni, la previdenza integrativa, le spese mediche e il check-up medico, in quanto la gran parte di questi, anche se con modalità diverse, è già assicurata dalla Fendac a tutti i propri iscritti, trovando una precisa disciplina nel contratto nazionale di lavoro della categoria. L attenzione si concentrerà quindi sul telefono cellulare, sull auto aziendale e sull abitazione in quanto rappresentano nel panorama dei fringe benefit quelli che più identificano un contenuto premiante e un valore intrinseco di sicuro rilievo. Telefono cellulare Il fringe benefit più comune è attualmente il telefono cellulare, che peraltro ha visto in Italia la sua introduzione all inizio degli anni 80 più come status symbol che come necessario strumento di lavoro. Istallato inizialmente in sostituzione delle antiquate ricetrasmittenti sulle auto dei vip e, subito dopo, su quelle destinate all alta direzione delle grandi aziende, negli anni che seguono avrà una rapida diffusione a seguito dell estensione delle zone di copertura del servizio radiomobile assicurato da Tim e poi da Omnitel. Questo consentirà la sua diffusione, oltre che come strumento di lavoro, anche come fringe benefit, inizialmente tra i direttori generali, a seguire tra i direttori di funzione, che potenzialmente avevano la necessità di comunicare costantemente o di essere contattati rapidamente anche fuori dell abituale sede di lavoro. L irrefrenabile impulso dato alla diffusione dello strumento a partire dagli anni 90, quando di fatto il telefono cellulare è stato concesso a tutti i dirigenti e progressivamente anche a molti quadri, ha fatto sì che la disciplina fiscale, per tenere in qualche modo sotto controllo il fenomeno e per poi tentare di portare un po di ordine nella materia, abbia considerato che le quote di ammortamento del cespite, i canoni di locazione anche finanziaria o di noleggio e le spese di impiego e manutenzione relativi ad apparecchiature terminali per il servizio radiomobile pubblico, terrestre di comunicazione divenissero deducibili aziendalmente nella misura solo del 50%, Iva compresa. In realtà tutto ciò è successo perché il legislatore fiscale, bontà sua, ha ritenuto in via presuntiva che in ogni caso tale strumento di comunicazione venga utilizzato per non meno del 50% del tempo per motivi di lavoro e per il restante come uso privato. Questo presuppone che l utilizzo del telefono cellulare per uso privato debba essere addebitato dall azienda al beneficiario oppure considerato a tutti gli effetti un fringe benefit, che concorre alla for- Tabella 2 - DISCIPLINA PRIMA E DOPO LE MODIFICHE Regime fiscale Regime previdenziale USO PARZIALMENTE PRIVATO DI AUTO AZIENDALE Fino al 31 dicembre 1997 Costituisce reddito imponibile il 30% del valore È soggetto a contribuzione per il dirigente la quota convenzionale dell auto, determinato moltiplicando parte di costo rimasta a carico del datore di lavoro, al netto per km la tariffa chilometrica Aci, diminuito di eventuali corrispettivi a carico del dirigente di quanto trattenuto al dirigente Dall 1 gennaio 1998 Costituisce reddito imponibile il 30% del valore convenzionale dell auto, determinato moltiplicando per km la tariffa chilometrica Aci, diminuito di quanto trattenuto al dirigente USO ESCLUSIVAMENTE PRIVATO DELL AUTO AZIENDALE Fino al 31 dicembre 1997 Costituisce reddito imponibile sulla base del costo È soggetto a contribuzione per il dirigente la quota specifico rimasto a carico del datore di lavoro, parte di costo posta a carico del datore di lavoro, diminuito di quanto posto a carico del dirigente al netto di eventuali corrispettivi a carico del dirigente Dall 1 gennaio 1998 Costituisce reddito imponibile sulla base del valore Costituisce bene imponibile per il valore normale del benefit, normale del benefit, diminuito di quanto posto diminuito di quanto posto a carico del dirigente a carico del dirigente 17

5 Tabella 3 - Importi annui, che costituiscono convenzionalmente l onere per l esercizio dell auto, limitatamente all uso extraziendale o privato nell anno 2001 Marca Tipo Serie FRINGE BENEFIT Alfa Romeo Alfa /16v ts 105 cv 3p. distinc ,29 Audi A3/1.8 turbo quattro 150 cv attraction Bmw 520i attiva touring 3.8,86 Bmw 7501 berlina 6.68,25 Chrysler Voyager 2.0/16 v se 2.68,99 Fiat Bravo 115 Gt 16v 3 porte 2.027,02 Ford Ka 1.3/60 cv 1.13,61 Mercedes c 320 v6 classic 3.605,57 Peuegeot 06/1.8.-8v sr 2.065,18 18 mazione del reddito imponibile. Peraltro, le difficoltà di scindere l uso privato da quello di lavoro vedono al momento prevalere l interpretazione che i costi inerenti l uso personale del cellulare non siano né rimborsati dal beneficiario né tassati come reddito dal datore di lavoro e quindi questo fa sì che il telefono cellulare, sotto il profilo quantitativo, sia ormai il più gettonato dei fringe benefit. Per concludere, un accenno va certamente fatto all ipotesi di concessione sempre più frequente di un pc portatile, del palmare o comunque di uno strumento multimediale che, oltre ad un utilizzo strettamente di lavoro, non consenta, per le sue stesse caratteristiche di trasferibilità spaziale e di flessibilità di impiego, una netta separazione tra la sfera privata e quella strettamente riconducibile al lavoro (ad esempio programmi di internet). Allo stato attuale il legislatore sembrerebbe ancora non essersi posto, con la dovuta accortezza, la necessità di dare vita ad una regolamentazione della materia sotto il profilo della configurazione qualitativa e quantitativa del fringe benefit. Questo permette alle aziende di sfruttare il gradimento certo che questi strumenti esercitano specialmente sui più giovani e di concedere senza troppe preoccupazioni o limitazioni, almeno per il momento, questi strumenti multimediali ad una vastissima schiera, ad esempio di neo-dirigenti. La company car Questo strumento meriterebbe il posto d onore tra i fringe benefit in quanto, oltre ad essere tra quelli più diffusi (tabella 1), risulta certamente il più gradito. L interpretazione dell art. 8 del Tuir più frequentemente utilizzata dalle aziende a partire dal gennaio 1998 (con riferimento all art. 5 comma 1, lett. a) b) c) e del decreto legislativo 30 novembre 1992, n 285) determina il ragionamento da farsi per poter calcolare come suddividere i costi dell automobile tra azienda e beneficiario. Nel caso in cui l utilizzo della company car sia promiscuo, cioè indistinto tra interesse privato del dirigente e quello dell azienda, il valore economico assunto ai fini dell assoggettamento fiscale del fringe benefit sarà il 30% (.500 km) dell importo corrispondente a una percorrenza convenzionale annua di km sulla base del costo chilometrico di esercizio tratto dalle tabelle Aci. L importo corrispondente ai.500 km convenzionali entrerà pertanto a tutti gli effetti nella base imponibile della retribuzione se si tratta di completo fringe benefit, attraverso un addebito al dirigente in busta paga o con una fattura con Iva, anche se c è chi sostiene che l Iva non andrebbe applicata. Diversamente è da inserire una parte del valore dell auto nella retribuzione imponibile e da fatturare l altra se le modalità di concessione dell auto al dirigente prevede un non completo addebito del controvalore della concessione. La previsione legislativa stabilisce, nell una e nell altra ipotesi, che il fringe benefit si ottiene considerando il forfait al netto degli ammortamenti eventualmente trattenuti al dirigente. È palese che il dirigente avrà tutto l interesse per massimizzare il valore dell auto aziendale in termini di fringe benefit e a usufruire il più possibile della forfetizzazione, compiendo per uso personale un numero di chilometri ampiamente superiore al limite di.500 km ipotizzati dal meccanismo fiscale (tabella 2). Per finire, volendo valutare potenzialmente l efficacia in termini di retribuzione variabile dello strumento premiante rappresentato dalla company car, è interessante a tale proposito osservare (tabella 3) come, in funzione dei vari livelli di responsabilità organizzativa e di dimensione aziendale, si possa agire in modo più premiante aumentando il modello e la cilindrata corrispondente alla vettura data in dotazione al dirigente. È tuttavia evidente che alcune incomprensibili remore da parte delle aziende italiane, a differenza di quanto avviene ad esempio in Germania o in Inghilterra, a sfruttare convenientemente tutte le opportunità di motivazione e di incentivazione attivabili attraverso l impiego di un ampio spettro di modelli, indirizzino ancora, nella maggior parte dei casi analizzati, la scelta verso una company car mono-marca, nella maggior parte dei casi del gruppo Fiat, di cilindrata compresa tra i 1600cc e i 2000cc e oltretutto con una scarsissima dote di accessori. L abitazione L abitazione, per l elevato costo degli affitti specie nelle grandi città del nord Italia, rappresenta nello scenario delle aspettative dei dirigenti un fringe benefit di alto valore. A tale riguardo il dettaglio legislativo stabilisce, come valore teorico riconducibile al fringe benefit casa, quello dato dalla differenza tra la rendita catastale aumentata delle spese inerenti e quanto eventualmente corrisposto dal dirigente beneficiario all azienda per il godimento. Sono da considerare tra le spese inerenti anche i canoni delle utenze non sostenute direttamente dal beneficiario e che restano invece sempre a carico dell azienda.

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative n. 44/2000 Pag. 5463 Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative di Antonio Iorio e Alberto Santi SOMMARIO Premessa 5463 Il regime Iva 5464 Le attività manuali 5464 Trattamento

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI contabilità generale SOMMARIO schema di sintesi veicoli concessi in uso promiscuo AUTO AZIENDALI IN USO PROMISCUO AI DIPENDENTI Art. 51 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 13 e 14 D.P.R.

Dettagli

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti LasettimANA FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti AUto e FABBriCAti di Saverio Cinieri QUADRO NORMATIVO Il trattamento fiscale dei compensi in natura è contenuto nell art. 51, D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1 Auto aziendali e Fisco 2013 1 La deducibilità dei costi 2 autovetture Mezzi di trasporto presi in considerazione dall art. 164, DPR 917/1986 ciclomotori Il veicolo non rientra in una delle categorie individuate

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa Welfare Aziendale Aspetti previdenziali e tributari Speaker Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa 14 ottobre 2015 Regola generale In generale

Dettagli

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 32 29.01.2014 Amministratori: uso promiscuo dell auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma

Dettagli

Paghe. Il rimborso chilometrico delle trasferte del lavoratore Emiliana Maria Dal Bon - Consulente del lavoro

Paghe. Il rimborso chilometrico delle trasferte del lavoratore Emiliana Maria Dal Bon - Consulente del lavoro Il rimborso chilometrico delle trasferte del lavoratore Emiliana Maria Dal Bon - Consulente del lavoro Trasferta Mezzo utilizzato per il trasporto In tutti i casi in cui il lavoratore non svolge la propria

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Beni aziendali in uso a soci / familiari : aspetti contabili e fiscali Diverse tipologie di utilizzo dei beni d impresa L assegnazione in godimento di beni ai soci è fattispecie che

Dettagli

Fringe benefit in busta paga

Fringe benefit in busta paga Fringe benefit in busta paga I fringe benefit sono particolari compensi che figurano in busta paga al solo fine di essere tassati essendo il loro valore intrinseco già usufruito dal dipendente o dal collaboratore

Dettagli

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile»

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

Tariffe Aci per il 2014

Tariffe Aci per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 08 10.01.2014 Tariffe Aci per il 2014 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma 1 del D.Lgs.

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 15 del 11 DICEMBRE 2014 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORE E FRINGE BENEFIT AUTOVETTURE INDICE

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 15 del 11 DICEMBRE 2014 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORE E FRINGE BENEFIT AUTOVETTURE INDICE Servizio circolari per la clientela Circolare n. 15 del 11 DICEMBRE 2014 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORE E FRINGE BENEFIT AUTOVETTURE INDICE 1 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORI 1.1 Principio di cassa;

Dettagli

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio Gli aspetti fiscali del welfare aziendale Studio Associato Specchio Scopo: esistono soluzioni per aumentare il reddito netto percepito dal dipendente riducendo il costo aziendale derivante da un tale aumento?

Dettagli

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Il rapporto fra il fisco italiano e le auto non è certo dei più semplici e tranquilli. Le modifiche normative alla deducibilità dei costi

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

Auto in uso ai dipendenti

Auto in uso ai dipendenti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 23 23.01.2014 Auto in uso ai dipendenti Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei

Dettagli

Elementi Costitutivi della Retribuzione

Elementi Costitutivi della Retribuzione Elementi Costitutivi della Retribuzione Nel porsi la domanda: "sono ben ricompensato?" un lavoratore deve prendere in considerazione molti aspetti, non solo la retribuzione. Deve prendere in conto, come

Dettagli

Periodico informativo n. 5/2013

Periodico informativo n. 5/2013 Periodico informativo n. 5/2013 Tabelle ACI 2013 aggiornate e auto in uso promiscuo ai soci e dipendenti Gentile Cliente, Le inviamo la presente per comunicarle che l ACI ha pubblicato, come ogni anno,

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

Rebis. consulting & renting. Agenzia di mediazione creditizia e NLT. Viale Maestri del Lavoro, 25 70026 Modugno(BA)

Rebis. consulting & renting. Agenzia di mediazione creditizia e NLT. Viale Maestri del Lavoro, 25 70026 Modugno(BA) Rebis consulting & renting Agenzia di mediazione creditizia e NLT Tel/Fax: Cell: Email: 080/556.41.82 348/598.91.51 info@rebisrent.it Viale Maestri del Lavoro, 25 70026 Modugno(BA) Pagina 2 Liberati da

Dettagli

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori A tutti i nostri clienti Loro indirizzi Bolzano, 01 agosto 2012 Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori Gentili clienti, con la presente circolare

Dettagli

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro I commi da 26 a 34, introducono, in via sperimentale dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, la possibilità, per il lavoratore dipendente, che abbia un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso

Dettagli

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori;

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori; Introduzione In questa rubrica di aggiornamento si prosegue con la trattazione della disciplina relativa agli autoveicoli, affrontando, in particolare, le seguenti questioni e problematiche: - veicoli

Dettagli

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option n. 4/2000 Pag. 385 Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option di Gianfilippo Scifoni Il decreto legislativo n. 505/1999 (1) ha apportato sostanziali modificazioni al meccanismo impositivo

Dettagli

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE Bassano del Grappa, 29 Gennaio 2008 CIRCOLARE AUTO AZIENDALI Presentazione L anno 2007 si caratterizza per la frequenza degli interventi che interessano il settore delle auto utilizzate nell esercizio

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. Pagina1 CIRCOLARE Padova, 15 gennaio 2013 Spettabili CLIENTI LORO SEDI OGGETTO: Fiscalità degli autoveicoli a motore a decorrere dal 2013. Con la Legge di Stabilità si stabilisce che le autovetture aziendali,

Dettagli

La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi

La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi C 7 a p i t o l o La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi 1 Quadro generale In linea di massima, la struttura contabile relativa all acquisizione di servizi non è sostanzialmente diversa dall

Dettagli

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO 1. QUADRO RMATIVO...2 1.1 Contenuti del D.L. n. 93/08...2 1.2 Contenuti del D.L. n. 185/08... 2 1.3 Contenuti della L. n. 191/09...3 1.4 Contenuti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile.

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. NOTA OPERATIVA N. 8/2012 OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. - Introduzione L ormai sempre più rapido progresso tecnologico può rendere difficoltosa,

Dettagli

Studio Dott.ssa Pamela Frezza

Studio Dott.ssa Pamela Frezza PRESTITI CONCESSI DAL DATORE DI LAVORO AI DIPENDENTI Riferimenti D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 51, comma 4, lett. b) Agenzia delle Entrate, Risoluzione 28 maggio 2010, n. 46/E Trattamento fiscale

Dettagli

AD AZIONISTA. attraverso i piani di stock option. Riccardo Tamburini

AD AZIONISTA. attraverso i piani di stock option. Riccardo Tamburini AZIENDA DA DIRIGENTE AD AZIONISTA attraverso i piani di stock option 56 Nei precedenti articoli - Il concetto d incentivazione e di motivazione del maggio 2001 e Il sistema di compensation, pubblicato

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI a cura Dott. Emilio Iorio Nel presente lavoro riepiloghiamo le situazioni più frequenti che si possono verificare in azienda relativamente al trattamento

Dettagli

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Circolare N.69 del 10 Maggio 2012 Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Veterinari e medici: trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Gentile cliente, con

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia CIRCOLARE DI STUDIO 4/2016 Parma, 14 gennaio 2016 OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia La circolare esamina il trattamento fiscale dei redditi percepiti da una

Dettagli

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 29/2009 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE. di Sergio Mario Ghisoni

FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE. di Sergio Mario Ghisoni FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE di Sergio Mario Ghisoni Formule, esempi e schemi riportati in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. L elenco completo e le istruzioni per scaricare

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Gennaio 2014 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 In presenza di società/ditte individuali che concedono in godimento l utilizzo di beni d impresa a un socio/familiare

Dettagli

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili Sommario Detassazione 3 Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli 3 straordinari Il decreto anticrisi 4 Voci detassabili 4 Cosa dice la norma 5 Come deve procedere il lavoratore

Dettagli

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI INFORMATIVA N. 236 04 OTTOBRE 2012 IMPOSTE DIRETTE LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI Art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, DL n. 138/2011 Circolari Agenzia Entrate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente:

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente: RISOLUZIONE N. 88/E ma, Roma, 25 agosto 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore Servizi Energetici - GSE articolo 2 della legge 24 dicembre

Dettagli

Assegnazione e cessione beni ai soci

Assegnazione e cessione beni ai soci MAP Assegnazione e cessione beni ai soci Le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 A cura di Alberto Marengo Dottore Commercialista in Torino L articolo esamina la disciplina introdotta dalla

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI SPAZIO PAGHE Newsletter 02/2016 VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI I RIMBORSI CHILOMETRICI Per rimborsi chilometrici si intendono

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 121/E

RISOLUZIONE N. 121/E RISOLUZIONE N. 121/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IRAP.- Determinazione della base imponibile

Dettagli

La fiscalità della sanità integrativa

La fiscalità della sanità integrativa La fiscalità della sanità integrativa 1 Il trattamento tributario dei contributi Fonti normative Art. 10, comma 1, lettera e-ter del tuir 917/86(oneri deducibili) Art. 51, comma 2, lettera a) del tuir

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo L ARGOMENTO DEL MESE INDENNITA SOSTITUTIVA DEL PREAVVISO: Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo. Effetti della corresponsione della indennità sostitutiva del preavviso

Dettagli

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati

LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati IL LAVORO AUTONOMO Art. 53 TUIR l esercizio per professione abituale ancorchè non esclusiva della attività artistiche, intellettuali e

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti.

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. NOTA OPERATIVA N. 15/2015 OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. - Introduzione. È prassi comune quella di riconoscere rimborsi spese ai dipendenti che svolgono

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELLE AUTO DATE AI DIPENDENTI La risposta dell Agenzia delle Entrate

LA DEDUCIBILITÀ DELLE AUTO DATE AI DIPENDENTI La risposta dell Agenzia delle Entrate LA DEDUCIBILITÀ DELLE AUTO DATE AI DIPENDENTI La risposta dell Agenzia delle Entrate a cura di Antonio Gigliotti Nel corso dell esercizio 2007 si sono succeduti numerosi interventi normativi che hanno

Dettagli

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012 Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Legge di stabilità: stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Gentile cliente,

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento. A cura di Massimo Brisciani. Centro Studi Castelli. VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008.

FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento. A cura di Massimo Brisciani. Centro Studi Castelli. VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008. FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento A cura di Massimo Brisciani Centro Studi Castelli VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008 1 Auto aziendale Determinazione valore (1/2) Uso privato Valore normale art. 9 TU

Dettagli

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Moro & Partners Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Quadro di sintesi utile per potersi orientare all interno delle recenti modifiche normative in tema di autoveicoli aziendali. Moro

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLE SPESE TELEFONICHE ALLA LUCE DELLE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA FINANZIARIA

LA RILEVAZIONE DELLE SPESE TELEFONICHE ALLA LUCE DELLE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA FINANZIARIA Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 13/2007 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI (rif. Circ. n. 46/E dell Agenzia Entrate del 19 luglio 2007 e risoluzione n. 13/E del 20 gennaio 2008 per lo scambio sul posto) 1 Principali

Dettagli

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 OGGETTO

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc.

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc. Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003 Circolare n. 41/E Roma, 21 luglio 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione- Tassazione delle pensioni pagate ai sensi della legislazione

Dettagli