REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. dott. Salvatore NOTTOLA Presidente. dott. Luigi IMPECIATI Consigliere relatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. dott. Salvatore NOTTOLA Presidente. dott. Luigi IMPECIATI Consigliere relatore"

Transcript

1 Sent. N.1707/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: dott. Salvatore NOTTOLA Presidente dott.ssa Chiara BERSANI Consigliere dott. Luigi IMPECIATI Consigliere relatore ha pronunciato la seguente SENTENZA nel giudizio di responsabilità iscritto al n /R del registro di Segreteria promosso dal Procuratore Regionale nei confronti del signor Maurizio PICA, rappresentato e difeso dagli avv.ti Giuseppe Dall Ozzo e Fiammetta Orsi, presso il cui studio in Roma, via Dandolo n. 27 è elettivamente domiciliato; visto l atto di citazione del Procuratore Regionale presso questa Corte depositato il 9 maggio 2011; esaminati gli atti ed i documenti di causa uditi, nella pubblica udienza del 25 ottobre 2011, con l assistenza del segretario dott.ssa Daniela MARTINELLI, il relatore dott. Luigi IMPECIATI, il P.M. in persona del Vice Procuratore Generale dott. Massimiliano MINERVA e l avv. Giuseppe DALL OZZO per il convenuto. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO La Procura regionale ha evocato in giudizio il sig. Maurizio PICA ritenendolo responsabile di un danno causato alla Pomezia Servizi s.p.a, per euro ,15. Espone il Requirente che, a seguito dei risultati di una verifica amministrativo-contabile effettuata dall ottobre al dicembre 2007 dal Ministero dell Economia e delle Finanze, nel corso

2 della quale sarebbero emerse irregolarità e disfunzioni, aveva disposto accertamenti istruttori all esito dei quali era emerso l asserito abuso, da parte dell odierno convenuto, di una carta di credito aziendale, utilizzata per effettuare pagamenti per soggiorni all estero e in Italia, acquisto di biglietti aerei e spese varie, nonché la sottoscrizione, quale Presidente della società ma senza alcuna autorizzazione da parte degli organi societari, di un contratto di leasing per una vettura dallo stesso esclusivamente utilizzata. Invitato con rituale atto a fornire le proprie deduzioni il sig. PICA, nell atto scritto e nel corso della sua audizione personale, ha contestato, in primo luogo, la giurisdizione di questa Corte e la sussistenza di qualsiasi responsabilità, ma il P.M. ha ritenuto di dover emettere l atto di citazione oggi in esame sulla base del convincimento che, in via preliminare, non possa dubitarsi del potere di ius dicere di questa Corte nella fattispecie rassegnata, fondato su consolidata giurisprudenza che ha puntualmente citato, richiamando quelli che, a suo avviso, erano i passaggi motivazionali più significativi, nonché la disposizione di cui all art. 16 bis della legge n. 31/2008 che avrebbe confermato l indirizzo giurisprudenziale condiviso dallo stesso P.M.. Non dubita, infatti, il Requirente, della natura sostanzialmente pubblicistica della società Pomezia Servizi, definita come ente strumentale del Comune di Pomezia sia per l oggetto sociale che per la sua genesi e la concreta attività sistematicamente allocata nell alveo dei contratti di servizio in favore dell Ente locale. In merito al comportamento addebitato, il Requirente ne sostiene l illiceità, stante la mancanza di qualsiasi attinenza tra spese sostenute e attribuzioni e mansioni del sig. PICA, quale Presidente della società, con particolare riferimento alle norme legittimanti il possesso e l uso di una carta di credito aziendale e la possibilità di sottoscrivere, come avvenuto, contratti di leasing: tutte condotte tenute in dispregio di elementari regole di diligenza. Ma il Requirente, oltre ad esprimere il convincimento della sua responsabilità amministrativa, ritiene che, quale consegnatario di una carta di credito aziendale, il dott. PICA può essere qualificato come agente contabile e, quindi, il suo comportamento debba essere vagliato ai

3 sensi dell art. 74 R.D. n. 1214/34 e norme correlate. In conclusione ritiene ampiamente dimostrata la sussistenza degli elementi fondanti la responsabilità e, in particolare, anche di quella contabile in relazione all indebito utilizzo della carta di credito aziendale e ne chiede la condanna al pagamento, in favore della Pomezia Servizi s.p.a., della somma di ,15, oltre accessori di legge e spese di giudizio. Il sig. PICA si è costituito con il patrocinio degli avv.ti Giuseppe Dall Ozzo e Fiammetta Orsi. Nella comparsa di costituzione i difensori eccepiscono, in via pregiudiziale, il difetto di giurisdizione di questa Corte in quanto, a loro avviso e secondo quanto affermata dalla Suprema Corte di Cassazione nella decisione n del , la cognizione spetterebbe al giudice ordinario trattandosi di società avente personalità giuridica di diritto privato. In via preliminare, eccepiscono la prescrizione del presunto danno, in toto in relazione alla data di deposito dell atto di citazione rispetto alla data di addebito delle spese effettuate con la carta di credito, oppure parzialmente ove il dies ad quem dovesse essere individuato in quello di notifica dell invito a dedurre. Uguale prescrizione si eccepisce in esito al danno derivante dalla stipula del contratto di leasing dell autovettura. Quanto, più propriamente, alla sostanza dell addebito mosso, la difesa ne contesta la fondatezza e la genericità poiché l atto introduttivo non indicherebbe i documenti sulla base dei quali è fondata l accusa. Nello specifico, sostenuto che la carta di credito aziendale sarebbe strumento ordinario e non eccezionale per effettuare le spese inerenti la carica, si critica che il P.M. non avrebbe indagato sulle ragioni di differenziazione tra spese legittime e illegittime, atteso che la stessa società ritiene di poter indicare in ,44 gli importi non giustificati. Lo stesso prospetto della società, poi, avrebbe omesso di indicare gli importi oggetto delle trattenute operate sulla busta paga del dott. PICA.

4 Quanto all autovettura aziendale si assume che la stessa sia stata riconosciuta dal CdA, con delibera del , autovettura aziendale. La stessa difesa ritiene, inoltre, che manchi del tutto il necessario elemento soggettivo della colpa grave nonché il danno contestato, trattandosi di spese effettuate dal convenuto nell esercizio delle sue funzioni e, in ogni caso, la società avrebbe già trattenuto sulle buste paga dello stesso le spese non riconosciute come legittime. Si chiede, pertanto e in conclusione, l accoglimento delle eccezioni poste e, nel merito, l assoluzione del dott. PICA per difetto di prova e infondatezza della pretesa. In via subordinata espungere dal danno contestato le somme prescritte e quelle trattenute in busta paga nonché applicare il potere riduttivo. Nella discussione dibattimentale, limitata dal Presidente alle sole questioni di merito, il P.M. si è, preliminarmente, opposto all eccezione di prescrizione sollevata dalla difesa avversaria e, in relazione ai fatti contestati, ha evidenziato che trattasi di spese non espressamente autorizzate dalla società danneggiata, come rilevato anche dal Collegio Sindacale. E questo vale sia per l utilizzo indebito della carta di credito che si connette, a suo avviso, ad ipotesi di responsabilità contabile, sia per la sottoscrizione del contratto di leasing dell autovettura, mai previamente autorizzato. Ha concluso confermando la richiesta di condanna del convenuto. L avv. Dall Ozzo, nel riportarsi alla memoria di costituzione per la questione di giurisdizione e l eccezione di prescrizione, ha opposto l insussistenza di qualsiasi danno in quanto le spese non autorizzate sarebbero state recuperate dalla società mediante trattenute sugli stipendi. Nessun danno deriverebbe poi, come affermato anche dalla stessa Pomezia Servizi s.p.a. dal contratto di leasing. Su richiesta del Collegio ha affermato che nei confronti del convenuto non è mai stata, ad oggi, avviata azione di recupero coattivo delle somme asseritamente dovute. MOTIVI DELLA DECISIONE Dev essere affrontata e decisa dal Collegio, in via assolutamente pregiudiziale rispetto

5 all eventuale valutazione, nel merito, della domanda attrice, la questione circa la sussistenza o meno, in capo a questa Corte, del potere di ius dicere nella fattispecie portata all odierna cognizione. La difesa del convenuto esprime il proprio contrario convincimento in base alla considerazione che il danno presuntivamente cagionato dal dott. PICA sia stato prodotto avverso il patrimonio di un soggetto giuridico di diritto privato, ancorché con patrimonio sociale partecipato da un Amministrazione pubblica, come tale assoggettato alla comune disciplina codicistica e all azione dei soci dinanzi al giudice ordinario. Questo Collegio, condividendo, al contrario, la costruzione offerta dalla Procura erariale, ritiene che questa Corte sia pienamente attributaria della giurisdizione nella fattispecie oggetto del presente giudizio. E questo per un duplice motivo: sia per l intrinseca natura giuridica della società che, pur con la veste formale di soggetto di diritto privato, assoggettato alle norme di cui al libro V del codice civile, è intestataria di specifiche, concrete funzioni pubbliche e geneticamente collegata ad una investitura che trova in un regime speciale la propria fonte regolatrice; sia perché il soggetto ritenuto responsabile di danno erariale ha, col proprio comportamento, causato un danno al patrimonio pubblico in violazione della ragione stessa della partecipazione del Comune di Pomezia, cioè il perseguimento di pubbliche finalità istituzionali affidate alla società Pomezia Servizi s.p.a.. La difesa, a sostegno della propria tesi, richiama la sentenza n /09 delle Sezioni Unite Civili della Suprema Corte di Cassazione. Con la suddetta decisione la Corte di Cassazione si è dato carico di risolvere il problema relativo a quale statuto debba applicarsi, nei confronti di amministratori o dipendenti di una s.p.a. in mano pubblica, ritenuti autori di un danno al patrimonio sociale, ovvero se essi siano assoggettati alle comuni norme di diritto societario o se, invece, debbano rispondere secondo i parametri della responsabilità amministrativa (da accertarsi da parte del giudice contabile). E nota la soluzione cui sono pervenute, in quella fattispecie, le Sezioni Unite: il danno

6 inferto dagli organi della società al patrimonio sociale, che nel sistema del codice civile può dar vita all azione sociale di responsabilità ed eventualmente a quella dei creditori sociali, non è idoneo a configurare anche un ipotesi di azione ricadente nella giurisdizione della Corte dei conti: perché non implica alcun danno erariale, bensì unicamente un danno sofferto da un soggetto privato (appunto la società), riferibile al patrimonio appartenente soltanto a quel soggetto e non certo ai singoli soci pubblici o privati i quali sono unicamente titolari delle rispettive quote di partecipazione ed i cui originari conferimenti restano confusi ed assorbiti nell unico patrimonio sociale. Ma nella stessa occasione, con ordinanza n /09 la medesima Corte, pur in diversa composizione, ha ritenuto sussistere la giurisdizione della Corte di conti allorché si concretizzi un ipotesi parzialmente diversa, ovvero, anche se in presenza di una società avente formalmente veste giuridica di soggetto di diritto privato, essa possa essere assimilata ad un amministrazione pubblica, desumibile dal quadro normativo che le imprime caratteristiche peculiari. Le due pronunce, sulla cui traccia si è poi formato un chiaro indirizzo giurisprudenziale, hanno tra loro diversi elementi di contiguità, ancorché l esito possa far pensare ad una sorta di inconciliabilità. Nella decisione qui richiamata dalla difesa, relativa però ad una fattispecie radicalmente diversa dall attuale, quei Giudici hanno, nella parte motiva, più volte sottolineato come lo schermo societario si ponga come elemento di discrimine nel riparto di giurisdizione perché, in primo luogo, le società non perdono la loro natura di enti privati per il solo fatto che il loro capitale sia alimentato anche da conferimenti provenienti dallo Stato o da altro ente pubblico in quanto il modello giuridico-formale prescelto entra in tensione con il fenomeno economico sottostante, come non di rado accade proprio nel caso in cui lo Stato o altro ente pubblico assume una partecipazione in una società per perseguire in tal modo finalità di rilevanza pubblica. Quanto precede vale, ovviamente, nel caso in cui sia il soggetto giuridico società ad essere ritenuto responsabile di un danno erariale e non i suoi amministratori: integra rimane, perciò, la

7 distinzione tra la posizione della società partecipata e quella personale degli amministratori sicché nulla consente di riferire loro, sic et simpliciter, il rapporto di servizio di cui la società medesima sia parte (sent. cit.). Ma questo non esclude la configurabilità dell azione del procuratore contabile quando l amministratore o il componente degli organi di controllo della società partecipata dall ente pubblico abbiano, col loro comportamento, direttamente danneggiato il patrimonio di quest ultimo perché la presenza dell ente pubblico all interno della compagine sociale ed il fatto che la sua partecipazione sia strumentale al perseguimento di finalità pubbliche ed abbia implicato l impiego di pubbliche risorse non può sfuggire agli organi della società e non può non comportare, per loro, una peculiare cura nell evitare comportamenti tali da compromettere la ragione stessa di detta partecipazione sociale dell ente pubblico o che possano comunque direttamente cagionare un pregiudizio al patrimonio di quest ultimo (sent. cit.) Una prima, evidente, conclusione che si può trarre dalla pronuncia suddetta è che la partecipazione dello Stato o di altro ente pubblico al capitale sociale di una società disciplinata dal libro V del codice civile non dà titolo, per questo solo fatto, ad un attrazione della responsabilità sociale nell alveo della responsabilità amministrativa; quest ultima potrà ravvisarsi allorché il rappresentante del socio pubblico ometta di tutelare, con idonea azione, l integrità della partecipazione erariale nel capitale sociale. Ma anche un altra conclusione può trarsi dalla medesima sentenza (e dall ordinanza n /09 della stessa Suprema Corte): la responsabilità amministrativa deve essere rinvenuta allorchè non di società assoggettata al diritto privato può parlarsi ma quando, anche indipendentemente dalla partecipazione totalitaria del capitale (Corte Cass. SS.UU.CC. n /11), si sia in presenza di società di diritto speciale, soggetta ad un regime normativo che, al di là della veste esteriore di società azionaria, valga ad assimilarla ad un vero e proprio ente pubblico, di modo che l amministratore ivi designato dal soggetto pubblico partecipante possa definirsi un incaricato da esso di svolgere una funzione inerente ai suoi compiti istituzionali.

8 La qual cosa rientra, pienamente, nell alveo giurisprudenziale tracciato, da tempo, dalla stessa Suprema Corte, che ha concluso per l irrilevanza dell appartenenza o meno del soggetto ritenuto responsabile di danno alla pubblica amministrazione e della natura (contrattuale o extracontrattuale) del rapporto instaurato privilegiando, invece l assoluta rilevanza del suo inserimento nell organizzazione funzionale dell ente pubblico (Corte Cass. SS.UU.CC. n /09 e giurisprudenza ivi richiamata), tanto da farne un compartecipe dell amministrazione attiva. Detto questo, va allora verificato se la Pomezia Servizi s.p.a. rappresenti una tipica società per azioni disciplinata dalle norme di diritto privato e al c.d. statuto dell imprenditore ovvero se, come affermato dalla Procura, essa effettivamente possa essere, ratione materiae, compresa tra i soggetti, anche privati, che svolgono comunque una funzione pubblica. Il Collegio è convinto, come già anticipato, che vi siano elementi per ritenere che la suddetta società rientri nella tipologia da ultimo indicata. Il Ministero dell Economia e delle Finanze, nella relazione sulla verifica amministrativocontabile eseguita, dal 22 ottobre al 7 dicembre 2007, ai sensi dell art. 60, commi 3 e 5 del D. Lgs. n. 165/2001, ha ricostruito la genesi della predetta società, nata quale trasformazione, ex art. 115, comma 2, del D.Lgs. n. 267/2000, dell Azienda socio-sanitaria speciale a sua volta derivante dalla trasformazione della Azienda farmaceutica municipalizzata -. Ha, altresì, evidenziato come dallo Statuto emergano chiari i settori operativi delineati dall oggetto sociale che, oltre a confermare l attività di gestione dell azienda farmaceutica comunale svolge, per conto del Comune, socio totalitario, attività tipiche da questi prima svolte e, ora, demandate esclusivamente alla nuova società, come la gestione dei servizi di illuminazione pubblica, il trasporto di disabili, il servizio di pulizia e manutenzione di edifici comunali, la riscossione di tasse ed altro. La normativa evocata dal Ministero dell Economia e delle Finanze è quella del titolo V del T.U.E.L. che disciplina la gestione dei servizi sociali, ai quali debbono provvedere gli enti locali (art. 112) ed il comma 5 dell art. 113 (ora abrogato dal d.p.r. n. 168/2010) prevedeva la possibilità

9 di affidare l erogazione dei servizi a società interamente partecipate sulle quali però l ente doveva esercitare un controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi. La Pomezia Servizi s.p.a. poteva quindi definirsi una società in house, con la conseguenza che essa agisce come un vero e proprio organo dell Amministrazione dal punto di vista sostanziale (e, per questo, è richiesto il requisito del controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi dall amministrazione aggiudicatrice e della destinazione prevalente dell attività dell ente in house in favore dell Amministrazione stessa) (Cons. St. sez. V n. 7214/2010 ma anche n. 5620/2010). Lo stesso diretto, organico collegamento con l ente locale lo si ricava dall art. 5.3 dello Statuto ove si prevede che la società gestisca tali servizi e attività direttamente per conto del Comune di Pomezia. Il Collegio può affermare, sulla base di quanto precede, che la società Pomezia servizi s.p.a. deve ritenersi - in ragione dello schema normativo che ne ha disciplinato la costituzione e ne regola settori di attività e modalità di esecuzione per conto del Comune di Pomezia - che essa sia, come detto anche nei bandi di gara di cui è stata depositata copia, un ente strumentale dello stesso Comune e, come tale, partecipe, a pieno titolo, della funzione pubblica allo stesso affidata. Si tratta, a ben vedere, di una fattispecie sicuramente differente da quella scrutinata dalla Suprema Corte di Cassazione nella sentenza invocata dalla difesa del convenuto, con la conseguenza che i suoi amministratori, nominati dal socio unico, possono ritenersi, quali rappresentanti dello stesso, direttamente investiti della responsabilità di agire con quella particolare diligenza che, la stessa Suprema Corte lo ha richiamato nella sentenza n /09, sia idonea ad evitare che ogni comportamento illecito si riverberi direttamente sull ente pubblico. Il dott. PICA, quale Presidente del Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell art dello Statuto, era un rappresentante di nomina pubblica e quindi, attraverso la sua azione all interno della società, doveva agire per preservare (e non ledere) la partecipazione del Comune al patrimonio sociale.

10 Egli, pertanto, secondo l avviso del Collegio, è a pieno titolo assoggettato a questa giurisdizione. Detto questo in via pregiudiziale, deve essere ora esaminata l eccezione di prescrizione formulata dalla difesa del convenuto. La difesa ritiene che per le spese elencate negli estratti conto della carta di credito il dies a quo della prescrizione vada ravvisato con la data di addebito mentre quello ad quem con quello di deposito dell atto di citazione ( ) o, in subordine, con la data del , di notifica dell invito a dedurre. Per quanto riguarda il contestato danno derivante dalla stipulazione del contratto di leasing dell autovettura di servizio, ritiene che il dies a quo sia quello della sottoscrizione del relativo negozio ( ), con relativa maturazione della prescrizione in entrambi le ipotesi di individuazione del dies ad quem. Il Collegio, prima di procedere ad una disamina delle singole spese e dell eventuale responsabilità del dott. PICA deve ribadire quello che è un costante e ormai consolidato indirizzo interpretativo di questa Corte, ossia che il danno deve ritenersi, nel concreto, causato solo al momento dell effettivo depauperamento del patrimonio pubblico in forza di atti obbligatori o precettivi oppure di sentenze dotate di intrinseca esecutività che non possono, pur avendo in loro gli elementi giustificativi di una possibile spesa, definirsi lesivi delle pubbliche finanze in quanto tale connotazione rimane confinata, sino al momento del materiale pagamento, nell alveo di una volontà esecutiva non estrinsecata. Sul punto valga quanto deciso dalle SS.RR. di questa Corte nelle decisioni n. 7/QM/2000 e n. 14/QM/2011 e altre ivi richiamate. E allora non può accogliersi, in linea generale, quanto dedotto dalla difesa circa l individuazione del dies a quo, da un lato nella data di addebito delle spese e, dall altro, nella data di stipula del contratto di locazione a lungo termine. Non può accogliersi, il primo parametro, perché l elencazione della spesa negli estratti conto

11 della carta di credito non poteva, per questo solo fatto, integrare la perfetta (ed esaustiva) rappresentazione di una spesa illecita ma il momento di consumazione del danno va ravvisato nella mancata giustificazione di quell esborso attraverso la presentazione di documentazione amministrativa idonea a supportarne il legale discarico. Solo con la percezione dell effettiva effettuazione di una spesa non riconducibile ad attività di servizio e, quindi, con l utilizzo illecito di una somma di denaro anche sotto forma di plastic money si può far decorrere, ai sensi dell art c.c., il termine prescrizionale e misurare l inerzia del creditore. Lo stesso valga per il contratto di locazione dell autovettura c.d. di servizio, in quanto, a fronte della sua dedotta sottoscrizione illecita, il depauperamento effettivo deve essere ragguagliato al momento del pagamento di ogni singola rata del canone e, quindi, con l apprezzamento di singoli e distinti termini prescrizionali. Fatta questa premessa, deve dirsi che il Collegio ritiene corretta la prospettazione del Requirente circa la natura di agente contabile di colui che ha, nella sua disponibilità, una carta di credito aziendale. Vanno condivise, in tal senso, le argomentazioni poste dal Requirente nel suo atto introduttivo, nel quale ha fatto riferimento alle disposizioni recate dal R.D. n. 2440/23 e del regolamento di cui al R.D. n. 827/24 che disciplinano attività e, soprattutto, responsabilità dell agente contabile per diritto e di fatto, accomunati dalla risultanza di aver avuto a propria disposizione denaro pubblico che, per finalità normativa, deve essere destinato al solo soddisfacimento di esigenze della collettività e non personali. La disponibilità di pubblico denaro, comporta quale sua primaria conseguenza, quella di doverne rendere il conto e, in ultimo, averne il legale discarico solo con il supporto di una corretta procedura di autorizzazione alla spesa e la dimostrazione della sua effettuazione secondo i parametri e le finalità legali. Questo è il paradigma che doveva ispirare l azione del dott. PICA ma, nello specifico,

12 questo non è avvenuto per quanto si dirà in relazione alle spese effettuate usufruendo della carta di credito aziendale. Il Collegio, seguendo l orientamento giurisprudenziale di questa Sezione, confermato in appello, ritiene che il possesso e uso di tale strumento di pagamento sia perfettamente omologabile al maneggio di denaro dell ente di appartenenza o, comunque, rientrante tra le disponibilità finanziarie pubbliche. Tale equiparazione trova fonte e ratio, se non altro, proprio dalla disciplina normativa di tale mezzo (art. 5 del D. Lgs. n. 82/2005 e, in precedenza, art. 1, commi 47/53 della legge n. 549/95) che impone il rispetto di rigide formalità per il legale discarico delle spese effettuate ricorrendo alla carta di credito (vedi Sez. Giurisd. Lazio n. 957/2009). Orbene, come evidenziato dalla relazione ministeriale e dalla stessa società, non si rinviene in atti (né è stata depositata dal dott. PICA) alcuna documentazione relativa al legittimo uso di tale mezzo di pagamento, con relativa obliterazione del dovere dell agente contabile di rendere il conto delle spese sostenute, alcune davvero inverosimili rispetto alle funzioni espletate e grossolanamente giustificate dal PICA nella relazione inviata al Ministero dell Economia e Finanze in base a considerazioni di nessuna consistenza giuridica. L uso della carta di credito, poi, risulta illecito anche dal punto di vista genetico poiché, come affermato dalla stessa società, non risulta che il relativo contratto sia stato preceduto da autorizzazione da parte dell apposito organo consiliare. Appare, pertanto, questo un segno evidente del radicato convincimento del dott. PICA (attuato anche in relazione alla sottoscrizione del contratto di leasing), di poter operare al di fuori non solo delle regole comuni che disciplinano la vita societaria con idonea differenziazione tra poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione ma anche di quelle discendenti dall essere rappresentante di un ente pubblico; quindi, in teoria, di dover impostare sempre e comunque la propria azione al soddisfacimento del bene collettivo attraverso comportamenti trasparenti, senza indebite commistioni tra pubblico e privato, piegando il primo a soddisfacimento di propri egoistici

13 fini. Il riscontro a quanto precede è nelle cose: il dott. PICA non è stato in grado pur dicendosi, con sufficienza, convinto che siano congrui gli estratti conto di giustificare una sola spesa. Quanto poi alla prospettazione della difesa che propende per un inesistenza del danno derivante dall avvenuto rimborso delle spese personali effettuate pel tramite della carta di credito aziendale, vi è da dire che tale costruzione non è condivisibile. Richiama a tale fine le trattenute effettuate dalla società sulle buste paga dell amministratore in taluni mesi ma il Collegio ritiene che esse non siano assolutamente probanti per due ordini di motivi. Il primo è che sui prospetti-paga si parla genericamente di trattenute in acconto, prive di specifica causale che, anche in sede di contenzioso, avrebbe potuto essere adeguatamente sanata ad esempio - da idonea certificazione della società, evidentemente non richiesta dal convenuto. Né, a tal fine, risulta restituita volendo seguire la stessa impostazione difensiva - la somma utilizzata, per scopi personali (viaggio in Irlanda) perché gli allegati alla nota depositata presso la Procura enunciano, soltanto, l intenzione di recuperare la somma sullo stipendio di settembre 2006 (lettera del direttore generale del ) ma tale recupero non risulta, per tabulas, effettuato. Altro motivo della mancanza di possibile condivisione è che la società ha formalmente contestato anche se poi non vi ha dato formale seguito per ragioni che suscitano perplessità in questo Collegio - l esistenza di un credito derivante dall illiceità delle spese sostenute dal dott. PICA: cosa che non avrebbe ragion d essere ove il dott. PICA avesse rifuso le spese private indebitamente sostenute. Le stesse, pertanto, vanno ascritte a responsabilità dello stesso, ad eccezione di quelle effettivamente pagate in epoca anteriore al quinquennio precedente la data di notifica dell invito a dedurre (28 gennaio 2011), pari ad. 963,64, come rilevato dagli ultimi due allegati alla nota della Pomezia servizi s.p.a. del essendo, al riguardo, maturata la prescrizione.

14 Questo perché manca, con riferimento a diverso e successivo termine, la prova della percezione da parte della società dell illiceità della spesa in epoca posteriore al ricevimento dell estratto conto cosicché è a tale termine che deve presumersi, iuris tantum, la conoscibilità del comportamento dannoso. La stessa responsabilità amministrativa deve ascriversi al dott. PICA per quanto riguarda il costo sostenuto dalla Pomezia servizi s.p.a. in ragione della sottoscrizione del contratto di leasing, effettuata al di fuori non solo dei poteri di ordinaria amministrazione ma all insaputa della stessa società che solo successivamente, con decisione del Consiglio di Amministrazione del , presieduto dallo stesso convenuto, ha deliberato di destinare la vettura ad uso aziendale, richiedendo al Presidente il rimborso di tutti i costi fino ad allora sostenuti (il contratto era stato stipulato oltre un anno prima), con impossibile condivisione dell affermazione difensiva che trattavasi sembrerebbe ab origine di autovettura aziendale mentre, in realtà si trattava di un automezzo utilizzato esclusivamente dal PICA per fini egoistici e con addebito delle spese all azienda. Quanto alla sussistenza dell elemento soggettivo il Collegio reputa che lo stesso, anche per la sua personale, pregressa esperienza, abbia avuto effettiva e piena consapevolezza dell illiceità dei comportamenti adottati, che ha tentato di giustificare ex post con affermazioni dalle quali traspare una fastidiosa insopportabilità a dover dare dimostrazione di un modus agendi che, con tutta evidenza, deve aver ritenuto consono alla carica rivestita. Alla luce di quanto precede deve dirsi che, secondo il convincimento del Collegio, il dott. PICA deve essere dichiarato responsabile del danno causato in relazione alle spese descritte negli atti depositati ed effettuate, quanto ad ,80 mediante utilizzo di carta di credito ed ,71 in relazione ai canoni di leasing dell autovettura, con conseguente condanna del medesimo a restituire alla società la somma complessiva di ,51, oltre rivalutazione monetaria dal dì di ogni singolo pagamento degli estratti conto o dei ratei di leasing sino al deposito della presente decisione, dal quale decorreranno interessi legali sino al soddisfo.

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

MASSIMA Omessa comunicazione alla Funzione Pubblica. Danno Erariale. Corte dei Conti. Sezione giurisdizionale per la Regione Lazio

MASSIMA Omessa comunicazione alla Funzione Pubblica. Danno Erariale. Corte dei Conti. Sezione giurisdizionale per la Regione Lazio MASSIMA Omessa comunicazione alla Funzione Pubblica. Danno Erariale. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI Corte dei Conti Sezione giurisdizionale per la Regione Lazio 15 maggio

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA N. 01807/2011 REG.PROV.COLL. N. 01970/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

contro nei confronti di

contro nei confronti di . N. 00174/2012REG.PROV.COLL. N. 05054/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI nella persona del Consigliere Pina M. A. LA CAVA, ha pronunciato,

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 17/2010/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Silvio AULISI Presidente - Cons. Paolo SCARAMUCCI Componente - Cons. Paolo PELUFFO Componente - Cons.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA Sentenza n. 672/2013 REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio composta dai seguenti magistrati: DE MUSSO Ivan MAIO Giuseppina RONDONI

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte dei conti Sezione giurisdizionale di appello per la Regione siciliana

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte dei conti Sezione giurisdizionale di appello per la Regione siciliana Page 1 of 7 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte dei conti Sezione giurisdizionale di appello per la Regione siciliana composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA - Presidente f.f.-relatore

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

http://bddweb.corteconti.it/bdddaccessibile/doc/011/a3d00574011.htm

http://bddweb.corteconti.it/bdddaccessibile/doc/011/a3d00574011.htm Page 1 of 7 REPUBBLICA ITALIANA 574/2011 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE TERZA GIURISDIZIONALE CENTRALE D APPELLO composta dai signori magistrati : Dott. Ignazio de MARCO Dott. Amedeo

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA composta

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof.

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. 427/2010 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER IL VENETO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA N. 427/2010 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER IL VENETO SENTENZA Page 1 of 8 REPUBBLICA ITALIANA N. 427/2010 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER IL VENETO Composta dai seguenti magistrati: Dott. Davide Morgante Dott.ssa Stefania

Dettagli

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 10/2014 DEFC.2014.10 Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X / SKY ITALIA X La Responsabile del

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Che svolge le funzioni di Presidente ai sensi dell art. 4 del Regolamento

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Page 1 of 9 SENT. N. 2147/2010 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: dott. Ivan DE MUSSO Presidente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. avv. Vincenzo Meli Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Lombardia/1134/2009/PAR

Lombardia/1134/2009/PAR Lombardia/1134/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott. Giuliano

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A.

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. Sede in Milano, Viale F. Restelli n. 3/7 Registro delle Imprese di Milano n. 1595443 www.retelit.it Relazione illustrativa redatta dagli

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA 417/2015 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA 417/2015 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE DEI CONTI TERZA APP 417_24 agosto 2015.html REPUBBLICA ITALIANA 417/2015 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE DEI CONTI SEZIONE TERZA GIURISDIZIONALE CENTRALE d APPELLO Composta dai magistrati: Dott. Enzo ROTOLO Presidente

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo)

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) Buoni postali e comunione legale Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) BUONI POSTALI COMUNIONE LEGALE APPLICABILITÀ DELL ART. 177 COMMA I C.C. - SUSSISTE I buoni

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Deliberazione n. 1/2009/PAR

Deliberazione n. 1/2009/PAR Deliberazione n. 1/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia dott.

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 04642/2012REG.PROV.COLL. N. 07602/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n 007/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 14 gennaio 2009, composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Daniela

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio. Avv. Alessandro Leproux... Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di Presidente

Dettagli

sull appello in materia di responsabilità amministrativa, iscritto al n. 43076 del Registro di

sull appello in materia di responsabilità amministrativa, iscritto al n. 43076 del Registro di SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE TERZA SEZIONE CENTRALE DI APPELLO SENTENZA 301 2015 RESPONSABILITA' 20/05/2015 REPUBBLICA ITALIANA 301/2015 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*)

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) «Articolo 34, paragrafi 1 e 2, del regolamento di procedura Pregiudizio alla corretta amministrazione

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

N. 01863/2010 REG. SEN. N. 00464/2010 REG. RIC.

N. 01863/2010 REG. SEN. N. 00464/2010 REG. RIC. N. 01863/2010 REG. SEN. N. 00464/2010 REG. RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale di controllo per le Marche. nell adunanza del 30 luglio 2003 * * *

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale di controllo per le Marche. nell adunanza del 30 luglio 2003 * * * Deliberazione n. 5/2003/Pens. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per le Marche nell adunanza del 30 luglio 2003 * * * Visto il decreto n. 1170 in data 8 novembre 1999,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RISPOLI FARINA Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RISPOLI FARINA Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) MARINARI (NA) CARRIERO (NA) CONTE Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RISPOLI FARINA Membro designato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA FATTO

IL COLLEGIO DI ROMA FATTO composto dai signori: IL COLLEGIO DI ROMA Dott. Giuseppe Marziale.. Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO Provincia di Agrigento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 63 DEL 22/10/2015 OGGETTO : SENTENZA DI ASSOLUZIONE NEL PROCEDIMENTO PENALE RGNR N. 3272/12 ED RGGP

Dettagli

Verbale n. Adunanza del 15 giugno 2015

Verbale n. Adunanza del 15 giugno 2015 Verbale n. Adunanza del 15 giugno 2015 L anno duemilaquindici, il giorno quindici del mese di giugno, alle ore 11, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO SENTENZA Sent. N. 564/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Composta dai magistrati: Ivan De Musso Pina Maria Adriana La Cava Chiara

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Ter) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Ter) SENTENZA N. 05619/2010 REG.SEN. N. 00818/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale Regionale del Lazio

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale Regionale del Lazio Sent. n. 672/2012 REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale Regionale del Lazio composta dai seguenti Magistrati : Dott. Ivan DE MUSSO Dott. Andrea LUPI

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI INDICE ART.1: ART.2: ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: ART.7: ART.8: ART.9: Finalita Patrocinio

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

Promotori finanziari ed IRAP

Promotori finanziari ed IRAP Promotori finanziari ed IRAP Nuove sentenze e le opzioni di cui dispone il pf PREMESSA Resta sempre vivo l interesse per il tema della debenza, o meno, dell IRAP i capo ai promotori finanziari. Va ribadito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI Indice ART. 1: Finalita ART. 2: Patrocinio legale ART. 3: Conflitto di interessi ART. 4: Assunzione diretta ed indiretta degli oneri

Dettagli

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 pubblicato all Albo Pretorio on line lì 20.1.2015 n. ro Registro COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Cartella di pagamento Equitalia

Dettagli

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. La Corte dei conti. Sezione giurisdizionale d'appello per la Regione siciliana

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. La Corte dei conti. Sezione giurisdizionale d'appello per la Regione siciliana Repubblica Italiana In nome del popolo italiano La Corte dei conti Sezione giurisdizionale d'appello per la Regione siciliana composta dai magistrati: dott Salvatore Cilia dott. Luciana Savagnone dott.

Dettagli

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli