IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Siciliana. Sentenza 2926/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Siciliana. Sentenza 2926/2011"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Siciliana composta dai Magistrati: dott. Luciano Pagliaro dott. Guido Petrigni dott. Roberto Rizzi Presidente Consigliere rel. Primo Referendario ha pronunciato la seguente Sentenza 2926/2011 nel giudizio di responsabilità, iscritto al n del registro di segreteria, promosso dal Procuratore Regionale nei confronti di: ACIERNO Alberto, nato a Palermo, rappresentato e difeso dall avvocato Alberto Wolleb con studio in Palermo. Uditi, nella pubblica udienza dell 8 luglio 2011, il relatore dott. Guido Petrigni, il pubblico ministero, nella persona nella persona del vice procuratore generale, dr. Salvatore Chiazzese e l avv. Alberto Wolleb per il convenuto. Esaminati tutti gli atti ed i documenti di causa. FATTO La Procura regionale ha svolto una mirata istruttoria, finalizzata ad accertare la sussistenza di danno erariale in ordine a spese ingiustificate ed assunzioni illegittime segnalate nella gestione della Fondazione Federico II con sede in Palermo (Decreto Pres. Reg. 45/21.L del 14 agosto 199).

2 Assume l organo che procede di aver delegato il Comando del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza per l espletamento di indagini intese a verificare il corretto utilizzo di denaro pubblico negli esercizi finanziari 2006 e 200 da parte della Fondazione, con particolare riferimento alle spese sostenute dal Direttore generale Alberto Acierno per la utilizzazione di carte di credito aziendale, alle assunzioni effettuate ed alla gestione del servizio di biglietteria. Gli esiti degli accertamenti sono stati compendiati in una relazione della Guardia di Finanza con la quale si offrivano, come rievocati nel libello introduttivo del giudizio, i seguenti elementi di informazione. a) Utilizzazione della carta di credito aziendale American Express n Dall esame degli estratti conto della suddetta carta (recante il nome, quale utilizzatore, di Acierno Alberto, direttore generale della Fondazione) in relazione alle operazioni effettuate dal 19 dicembre 2006 al 3 dicembre 200, sono emerse spese non riconducibili ad attività istituzionali, in violazione del principio secondo cui l utilizzo di denaro pubblico va giustificato e rendicontato. Per tali spese, assume la Procura, non esiste agli atti della Fondazione alcuna documentazione in grado di giustificarne il fine istituzionale. Nella tabella A, che segue, sono indicate le indebite spese, costituenti danno erariale, nella misura di ,53. Tabella A Data Ogg.Spesa/Eventuale Esercizio Comm.le Importo abbonamenti tv satellitari

3 SKY Pagamenti Canoni Scaduti Milano 48, SKY Italia srl Roma 64, SKY Italia srl Roma 114, SKY Italia srl Roma 102, SKY Italia srl Roma 13, SKY Italia srl Roma 109, SKY Italia srl Roma 152,00 Elettrodomestici, hi fi, telefonia e informatica Il Telefonino TIM Cinisi Elettrodomestici vari 618, Take off Multitronics di Fiumicino Elettrodomestici vari 35, Take off Multitronics di Fiumicino Elettrodomestici vari 51, Li Vorsi di Palermo Elettrodomestici vari 1.291, Center Gross Euronics di Palermo Elettrodomestici vari 1.155, Center Gross Euronics di Palermo Elettrodomestici vari 590,80

4 Apple Sales Iinternational prodotti internet 98, Li Vorsi di Palermo Elettrodomestici vari 502,00 pedaggi autostradali Pedaggi Telepass Family Roma pedaggio stradale [1] 58,52 [1] soggiorno alle Maldive Olhuveli Beach R. & S.P.A. S. Malè Atoll Hotel Maldive 4.682, Alpha MVKB Maldives Malè prodotti artistici ed 96,3 artigianali Islanders Maldives Hulhule prodotti artistici ed 151,54 artigianali Islanders Maldives Hulhule prodotti artistici ed 25,89 artigianali Olhuveli Beach R. & S.P.A. S. Malè Atoll Hotel Maldive 484, Telenor Satellite Servic 0000 Bethhesda Telecom.ni 4, Telenor Satellite Servic 0000 Bethhesda Telecom.ni 4,69

5 Alitalia Vendita Biglietteria 91, Alitalia Vendita Biglietteria 91, Alitalia Vendita Biglietteria 91, Alitalia Vendita Biglietteria 91, Alitalia Vendita Biglietteria 1.233, Alitalia Vendita Biglietteria 955, Alitalia Vendita Biglietteria 955, Alitalia Vendita Biglietteria 955, Alitalia Vendita Biglietteria 955, Expedia Travel prodotti internet biglietti aerei 1.302, Expedia Travel prodotti internet biglietti aerei 960,46 altri biglietti aerei Alitalia Vendita Biglietteria [2][2] 1.269, Alitalia Vendita Biglietteria [3][3] 528, Alitalia Vendita Biglietteria [4][4] 568,59

6 Wind Jet Catania Servizio Aereo Internaz.Le 129, Wind Jet Catania Servizio Aereo Internaz.Le 306, Lastminute.Com Prodotti Internet 36, Ag Viaggi Lastminute Travelprice Milano 45,00 duty free Dufry Store Linate Aeroporto 139,30 soggiorno a Barcellona Bis Galleria d arte Barcellona 228, Burberry Barcellona Spain Boutique 210, Cereria Codina, Barcellona Artigianato Tipico 156, Confeccion Trivan s,barcellona Boutique Uomo 314, El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 112, El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 149, El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 245,00

7 El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 346, El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 40, El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 483, El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 8, El Corte Ingles, Barcellona Grandi Magazzini Generali 420,35 soggiorno a Panarea Albatros Panarea Supermercato 392, Hotel Raya Panarea Hotel 515, Stazione Di Servizio Agip Letizia Panarea Comp Petrol. 414, Tesoriero Panarea Ristorante Conduzione Familiare 198, Albatros Panarea Supermercato 305, Albergo La Piazza Srl Panarea Hotel 1.940,81 altri soggiorni e ristorazione in varie località Hotel Novotel di Milano 240,00

8 Bar Galleria Milano Night Club/Salotto 16, Plaza Hotel Milano soggiorno [5][5] 355, Ristorante Antico Stabilimento Balneare di Mondello 0,00 Servizi Enel Sicilia Sat Servizi Internet 35, Sicilia Sat Servizi Internet 410, Sicilia Sat Servizi Internet 499, Sicilia Sat Servizi Internet 434,00 Mobili ed arredi vari Excelsior Home Interiors Palermo Arred. Accessory Casa 36, Antica Arte Ray Castelbuono Mobili 580,00 abbigliamento ed accessori vari Boggi Milano Fiumicino Abbigliamento 199, Boggi Milano Fiumicino Abbigliamento 82,00

9 apparecchi ed accessori fotografici Angelo Randazzo Palermo 546,00 TOTALE ,53 b) Utilizzazione della carta di credito EGO n , intestata ad Acierno Alberto, il cui saldo veniva addebitato mensilmente sul conto corrente acceso presso il CREDEM n ed intestato alla Fondazione Federico II. Dalla lettura degli estratti conto della suddetta carta, in relazione alle operazioni effettuate nel periodo compreso tra il 5 febbraio 200 ed il 30 giugno 200, si sono evidenziate spese prive di giustificazione non riconducibili ad attività istituzionali (trattasi, prevalentemente, di spese per attività di gioco presso c.d. Casino on line, e, quindi, al di fuori di ogni settore di attività della Fondazione). Nella tabella B, di seguito riportata, vengono indicate le indebite spese, costituenti danno erariale, nella misura di 1.905,24. Tabella B Mese descrizione operazioni Importo in Febbraio multipurpose ,68

10 200 www. ask ibs.com 2.911,04 casinolux.com multipurpose ,22 totale mese 4.999,50 Marzo 200 ibs.com 3.920,44 casinolux.com www. ask ibs.com london,ukii 1.05,46 totale mese 4.995,90 Aprile200 www. ask ibs.com 2.43,60 casinolux.com www. ask ibs.com london,ukii 1.916,16 www. ask ibs.com england,ukii 18,22 Estanco boquera 24 barcellona 150,45 es totale mese 4.99,43

11 Maggio 200 www. ask ibs.com casinolux.com 1.223,5 www. ask ibs.com london,ukii 1.58,01 www. ask ibs.com england,ukii 110,83 totale mese 2.912,41 TOTALE GENERALE 1.905, ,24 c) Assunzioni illecite, in quanto effettuate al di fuori delle competenze istituzionali del direttore generale della Fondazione, in assenza di qualsivoglia delega da parte del Consiglio di amministrazione o del Comitato direttivo della Fondazione. Nella tabella C, che segue, vengono indicate le illegittime assunzioni, con l indicazione della spesa sostenuta. Tabella C

12 nominativo del dipendente compenso compenso totale lordo assunto mensile lordo corrisposto d) STASSI Giuseppe 1.04, ,2 ABBATE Maria Laura 1.010, ,85 BENIGNO Veronica 1.021, ,4 Uso di assegni e prelievo di contante dai conti della Fondazione, privi di MONTALTI Maria Teodolinda 1.010, ,18 giustificazione. TRAPASSI Eugenia 1.010, ,85 RIINA Viviana 1.021, ,95 Il vaglio della documentazione contabilità/cassa della LA SCALA Maria Elena 1.04, ,05 ROMANO Donatella 998, ,63 Fondazione per il periodo TOTALE ,25 gennaio/dicembre 200, ha permesso di verificare la sussistenza di somme anticipate ad Acierno Alberto dalla biglietteria, prive di qualsiasi rendicontazione o giustificazione. Le somme sono state indicate nella tabella D, che segue, detratti gli importi spettanti al Direttore generale quale compenso per le funzioni, pari ad ,00 mensili; di conseguenza, dal totale di ,1 devono essere detratti ,00, pari alle retribuzioni per i mesi da gennaio a novembre 200, con un residuale importo di 48.55,1, costituente danno erariale.

13 Tabella D Data Descriz.operaz. importo tot. mese 1/01/200 Pagam.addeb.i ass-51 acierno 2.500,00 25/01/200 Pagam.addeb.i ass-01 acierno ,00 totale gennaio ,00 0/02/200 Pagam.addeb.i esigenza cassa direzione ,00 totale febbraio ,00 01/03/200 Pagam.addeb.i pag.ft.acierno 02/ ,00 29/03/200 Pagam.addeb.i ass-561 acierno ,00 totale marzo ,00 10/04/200 Pagam.addeb.i esig. Cassa ,00

14 13/04/200 Pagam.addeb.i pag. ft ,00 24/04/200 Pagam.addeb.i pag. ft. Acierno ,00 30/04/200 giroconto acc.da biglietti ,00 totale aprile ,00 1/05/200 Pagam.addeb.esig. cassa 8.000,00 29/05/200 Pagam.addeb.i prelev.pag.ft ,00 totale maggio ,00 1/06/200 Pagam.addeb.i esig. Cassa 5.000,00 22/06/200 Pagam.addeb.i acc.su emol. Giugno ,00 29/06/200 Pagam.addeb.i acc.su ft.12 acierno 4.000,00

15 totale giugno ,00 05/0/200 pag.add.i ass.620 acc.su ft14 acierno 5.000,00 13/0/200 Pagam.addeb.i acc.su ft 14 aciernoo.000,00 25/0/200 Pagam.addeb.i esig.cassa direttore 3.000,00 [6] [6] totale luglio ,00 03/08/200 Pagam.addeb.i esig. Acc.su ft ,00 29/08/200 Pagam.addeb.i esig. Acc.su ft ,00 totale agosto ,00 21/09/200 Pagam.ass.65599x ustica 3.000,00 totale settembre 3.000,00

16 08/10/200 Pagam.addeb.i accon. Su ft.acierno 4.000,00 19/10/200 Pagam.addeb.i acc. su ft.acierno 3.000,00 26/10/200 Pagam.addeb.i pag.ft acierno ,00 31/10/200 Pagam.add.i esig.cassa dir.gen ass ,00 totale ottobre 2.600,00 30/11/200 Pagam.addeb.i prelev. In conto ,00 totale novembre ,00 01/12/200 Pagam.addeb.i ass-599 acierno 3.000,00 01/12/200 Pagam.addeb.i ass-966 acierno 2.000,00 01/12/200 Pagam.addeb.i ass-600 acierno 9.85,1

17 totale dicembre 14.85,1 TOTALE ,1 e) Sanzioni amministrative ed interessi per tardivo pagamento di contributi. Nel periodo in cui l odierno convenuto è stato in carica, la Fondazione non ha ottemperato, alle scadenze previste, al versamento dei contributi INPS relativi al 200; la qualcosa ha causato l applicazione di sanzioni ed interessi per il tardivo versamento, cagionando un danno erariale di ,12, indicato nella tabella di seguito riportata. Tabella E sanzioni Interessi TOTALE 3.2, , ,12 Secondo la ricostruzione fatta dalla Guardia di Finanza, sarebbe già riscontrabile un danno erariale di ,85 a carico di Acierno Alberto, danno da questi arrecato durante il periodo di svolgimento della carica istituzionale di Direttore generale della Fondazione Federico II, dal 28 luglio 2006 al 30 novembre 200. Con invito a dedurre debitamente notificato in data 1 marzo 2009, veniva contestato al predetto il danno patrimoniale come sopra quantificato, nonché il danno all immagine della pubblica amministrazione, quantificato, in via equitativa, in ,00, per il clamor fori derivato dal risalto dato all'illecito nella stampa locale ed in interrogazioni parlamentari. A seguito delle deduzioni difensive prodotte dal dott. Acierno e degli elementi offerti in sede di audizione in merito agli addebiti oggetto di contestazione, ove è stato confermato

18 integralmente il contenuto delle deduzioni difensive, sono stati richiesti alla Guardia di Finanza, con nota in data 12 maggio 2009, altri accertamenti il cui esito ha costituito oggetto di relazione in data 26 maggio In punto di diritto, la Procura ha ritenuto, certamente, sussistere la giurisdizione contabile nei confronti di amministratori e dipendenti della Fondazione Federico II, istituita con legge Reg. sic. 9 dicembre 1996 n. 44 in conformità all ormai costante giurisprudenza della Corte di Cassazione, secondo cui il criterio discretivo per l incardinamento della giurisdizione contabile è quello dell interesse pubblico perseguito e del profilo oggettivo legato all utilizzo delle risorse collettive (Cass /2004). Secondo l impostazione accusatoria, nella fattispecie in esame, è facilmente riscontrabile un danno erariale patrimoniale pari ad ,48, corrispondente alle spese effettuate da Acierno Alberto attraverso l utilizzazione di carte di credito aziendali (American Express n EGO n ) e di assegni o prelievi ingiustificati di contante dai conti della Associazione. L attività di indagine svolta dalla Guardia di Finanza, esperita attraverso l esame degli estratti conto delle suddette carte di credito aziendale nell arco temporale dicembre 2006/dicembre 200, dimostrerebbe, secondo parte attrice, con assoluta evidenza la sussistenza di spese per loro natura non riconducibili ad attività istituzionali dell ente e, comunque, assolutamente prive di pezze giustificative che consentano di potere riferire gli esborsi all espletamento delle funzioni svolte da Acierno Alberto. Più in dettaglio, il danno erariale, in relazione all utilizzo di tali carte ammonta ad ,53 per l utilizzo della Carte American Express (sub a) ed ad 1.905,24 per la carta EGO (sub b). Del pari, le somme prelevate in contante e anticipate ad Acierno dalla biglietteria dei siti

19 museali di Palazzo dei Normanni, previa detrazione delle somme a lui spettanti quale compenso mensile, sono risultate prive di qualsiasi giustificazione o rendicontazione per l importo complessivo di 48.55, 1 e costituiscono, di conseguenza, danno erariale (sub d). La Procura ha colorato come dolosa la condotta dell odierno convenuto, attesa l intenzionale violazione degli obblighi di servizio, finalizzata a realizzare l evento di danno come conseguenza diretta ed immediata della condotta illecita contestata. L organo che procede ha altresì illustrato le ragioni per le quali le giustificazioni addotte in sede di controdeduzioni all invito a dedurre appaiono prive di pregio, ricordando che dall esame della documentazione contabile, nessun credito vantava l Acierno nei confronti della Fondazione per i servizi svolti in occasione della organizzazione delle manifestazioni per il 60 anniversario dell ARS; al di fuori del compenso dovutogli per le funzioni di direttore generale, nulla al predetto competeva. Nella fattispecie sussiste, secondo la Procura, anche un danno all immagine della Fondazione Federico II, istituzione di particolare rilievo culturale e sociale per il suo precipuo compito di valorizzare la tradizione politica e culturale della Sicilia, con iniziative finalizzate a diffondere la conoscenza delle istituzioni siciliane (in particolare, l Assemblea regionale siciliana) e del patrimonio artistico e culturale dell Isola. L immagine di tale importante Fondazione è stata compromessa dai comportamenti illeciti contestati all Acierno, che hanno trovato ampia eco, sia in numerosi articoli di stampa (allegati agli atti del giudizio), sia in interrogazioni parlamentari. Per tale posta di danno è stata operata una valutazione equitativa,determinata in ,00, secondo criteri oggettivi, connessa alla gravità dell'illecito commesso ed alle modalità della sua perpetrazione; a criteri soggettivi, relativi alla collocazione che il

20 responsabile ha avuto nell'organizzazione amministrativa della Fondazione ed alla sua capacità di rappresentarla; a criteri sociali, basati sulle capacità esponenziali della Fondazione e sulla rilevanza delle funzioni ad essa intestate, oltre che sulla ampiezza della diffusione e del risalto dato all'illecito. Per quanto riguarda, invece, la contestazione del danno erariale emersa in esito a presunte illecite assunzioni di personale (sub c), e quanto alla contestazione di danno in ordine alle sanzioni amministrative ed interessi per il tardivo pagamento di contributi (sub e), la Procura non ha ritenuto di contestare alcunchè non ravvisando la sussistenza della colpa grave. Conclusivamente il dott. Acierno Alberto è stato convenuto in giudizio per risarcire il danno complessivo di ,48 ( ,48: danno patrimoniale; ,00 danno all immagine), oltre rivalutazione monetaria dalla data degli illeciti contestati, interessi legali, sulla somma rivalutata, dal deposito della sentenza e sino al definitivo soddisfo, e spese del presente giudizio. Con memoria di costituzione depositata in data 5 giugno 2010, si è costituito in giudizio il convenuto Acierno Alberto, difeso dall avvocato Alberto Wolleb deducendo, preliminarmente, di aver operato in assenza di un Consiglio di Amministrazione, con la conseguenza che non furono neppure adottate quelle fondamentali delibere attinenti al bilancio preventivo e consuntivo della Fondazione e con l ulteriore corollario che l Ente perse, per revoca, il contributo richiesto alla Regione per ,00; aggiungendo che, in occasione del 60 anniversario della Regione, quest ultima incaricava proprio la Fondazione e individuava nel dott. Acierno la figura di consegnatario, figura tipica e necessaria. Con la precitata memoria difensiva, il convenuto ha eccepito il difetto di giurisdizione

21 della Corte dei Conti nel riflesso che i caratteri distintivi dell Ente pubblico sono da rinvenirsi, più che nei fini di pubblico interesse da esso perseguiti, nello speciale regime giuridico che li contraddistingue e nell inserimento istituzionale, variamente atteggiato, delle persone giuridiche pubbliche nella organizzazione della p.a. come organismi ausiliari per il raggiungimento di finalità di interesse generale. Secondo tali principi, assume la difesa, la Fondazione è un ente di diritto privato e nessuna legge o provvedimento amministrativo fondato su legge ha attribuito la personalità giuridica di diritto pubblico. 2. Sugli aspetti finanziari, ha osservato che un attenta analisi del Bilancio della Fondazione evidenzia che la Fondazione negli anni 2006 e 200 ha finanziato la sua attività prevalentemente, anzi quasi esclusivamente, con mezzi propri e ciò implica che non è presente uno degli indici rivelatori della pubblicità della Fondazione, ossia quello attinente alla natura (preminente) delle risorse utilizzate. 3. Sui controlli della Fondazione, ha precisato che la gestione della stessa non è soggetta a controllo diretto da parte dei pubblici poteri, in disparte la considerazione che mai, dalla sua costituzione, la Fondazione è stata oggetto di controlli o verifiche da parte dei pubblici poteri. 4. Sulla esistenza di un rapporto di servizio, ha ricordato che, attesa la natura del rapporto di lavoro, tra lo stesso e la Fondazione, non sussiste relazione. Le prestazioni venivano rese, infatti, nell ambito di attività squisitamente imprenditoriali e commerciali della Fondazione come risulta dalla natura delle attività svolte. 5. Richiesta di sospensione del giudizio per pregiudizialità In considerazione del fatto che pende giudizio penale per i medesimi fatti, induce a ritenere necessario o quantomeno utile sospendere il giudizio quantomeno in attesa della

22 fine delle indagini da parte della Procura della Repubblica e conseguente deposito della documentazione costituente l impianto accusatorio, e sua piena conoscenza. Nel merito, viene contestata la valenza probatoria delle risultanze come offerte dalla Guardia di Finanza e, in ogni caso, si sostiene che il giudizio non può prescindere da una consulenza tecnica, che, in contradditorio, acquisisca la documentazione contabile relativa a tutte le voci di spesa contestate e la confronti con le risultanze dei libri della Fondazione, ed in primo luogo del Libro Giornale, e ricostruisca i rapporti con il dott. Acierno. Per quanto concerne, le spese di carattere personale sostenute con le carte di credito della Fondazione e l asserita mancata restituzione del denaro, la difesa ha messo l accento sulle compensazioni effettuate. Ha rilevato che il convenuto ha sì usato le carte di credito per uso personale, ma ciò non ha comportato alcuna sottrazione di denaro in quanto periodicamente lo stesso analizzava, unitamente alla dott.ssa Razete, gli estratti conto delle due carte, conteggiando le spese per fini privati con esse sostenute facendole decurtare dal compenso mensile dovutogli dalla Fondazione. Tale circostanza è, secondo la difesa, agevolmente evincibile dal Libro Giornale. Prova inconfutabile potrebbe trarsi dagli estratti conto delle carte di credito American Express che riportavano le annotazioni fatte a mano personalmente dall Acierno, per distinguere le spese personali da quelle pertinenti alla Fondazione, suggellate con la sigla della Razete. Tali estratti, però, non sarebbero più presenti in contabilità. La difesa ha poi messo in luce talune discrasie tra i duplicati degli estratti conto della American Express e le risultanze dei mastrini di sottoconto su cui sono stati fondati i conteggi.

23 La prassi della compensazione può essere asseverata in giudizio attraverso le deposizioni testimoniali dei Sigg. D Ippolito Giuseppe e Cusumano Salvatore, i quali hanno reso già dichiarazioni testimoniali nell ambito del parallelo giudizio penale. Per quanto afferisce le spese contestate ma di spettanza della Fondazione, la difesa ha osservato come vengano inserite nell atto di citazione spese di natura istituzionale che nulla hanno a che vedere con la vita privata del dott. Acierno; peraltro lo svolgersi in quei giorni delle fiere del turismo, già costituisce un dato sufficiente ad escludere, in assenza di maggiori dettagli, che si sia trattato di spese non istituzionali, ritenendo più che legittima la partecipazione della Fondazione a tali manifestazioni. Sull accusa relativa ai pretesi prelievi ingiustificati di denaro dalle casse dell Ente, la difesa del dott. Acierno ha dedotto che l accusa mossa è generica, in quanto la contestazione muove dalla contabilità della Fondazione e dalle dichiarazioni della sua responsabile. Ha aggiunto la difesa che le fatture dell Acierno esistenti alla Fondazione non sono quelle redatte di suo pugno bensì delle copie maldestramente contraffatte. Ha, infine, messo in risalto che somme gli furono dovute dalla Fondazione per la gravosa attività svolta nella qualità di consegnatario. Peraltro, che la documentazione contabile sia carente si evince dal fatto che, solo con l approvazione del bilancio consuntivo dell anno 200, ci si accorge del preteso ingente debito di Acierno, mentre lo stesso organo di controllo dell Ente, negli ultimi mesi del 200 e nei primi del 2008, non rilevava alcuna anomalia. La difesa ha poi messo in risalto le contraddizioni in cui sarebbe caduta la dott.ssa Razete, che avrebbe riferito di aver fatto stornare la fattura del luglio 200, relativa al compenso per l attività di consegnatario svolta dall Acierno con la nota di credito del 25 ottobre 200 in quanto le fu detto dal Presidente che nessun compenso ulteriore era dovuto al Direttore

24 generale (dichiarazioni rese alla Guardia di Finanza nell ambito delle indagini delegate dalla Procura della Corte dei Conti), quando poi, sentita in altra occasione (dichiarazioni rese nell ambito del procedimento penale), ha dichiarato che attorno ai primi giorni del mese di dicembre il Presidente Miccichè è venuto presso questi uffici e, in tale circostanza, gli ho mostrato le fatture sopra indicate: Egli le ha trattenute dicendomi che non avrei dovuto assumerle agli atti della contabilità. Non si intuisce, secondo la difesa, come la Razete abbia potuto stornare ad Ottobre una fattura per un compenso che solo a dicembre le fu detto non essere dovuto, o togliere dalla contabilità somme che già risultavano registrate. Inoltre le dichiarazioni rese dalla dott.ssa Razete volte a negare la spettanza di qualsivoglia compenso in favore dell Acierno sono in netto contrasto con la fattura pro forma n. 5/sa del 1 luglio 200, emessa dalla Fondazione nei confronti dell Ars in relazione ai servizi prestati con il proprio personale, dalla quale emerge il riconoscimento di un compenso extra al Direttore Generale per la presa in consegna delle opere d arte, pur senza riportarne l importo stabilito. Secondo la prospettazione defensionale, la lacunosità della documentazione probatoria emerge altresì da diverse circostanze, e precisamente: per i servizi resi in occasione delle celebrazioni in argomento la Fondazione ha ricevuto in bilancio un corrispettivo di circa ,00, sebbene abbia fatturato costi per circa 1.000,00 e ne abbia sostenuti in misura imprecisata ma certamente superiore al corrispettivo percepito; la qualcosa è indice della imprecisione della contabilità dell Ente laddove non è dato neppure conoscere l esatto ammontare dei costi sostenuti (e delle relative causali) in occasione della organizzazione delle manifestazioni per il 60^ anniversario dell Ars. Sul danno all immagine, la difesa ha osservato che mancano del tutto i presupposti per

25 riconoscere il risarcimento per il danno all immagine presuntivamente patito dalla Fondazione. Conclusivamente viene chiesto che sia dichiarato il difetto di giurisdizione; in subordine che sia sospeso il giudizio; nel merito che siano dichiarate infondate in fatto e in diritto le domande avanzate dal Procuratore; in via istruttoria che sia disposta consulenza tecnica d ufficio, affinchè acquisisca tutta la documentazione contabile della Fondazione; sia ammessa prova per testi dell Architetto Giuseppe D Ippolito e Salvatore Cusumano nonché del dott. Marco Giacalone secondi gli articolati di prova specificati nella memoria di costituzione; che la domanda attrice sia dichiarata inammissibile o infondata e, in via subordinata, venga determinata la sanzione pecuniaria nella misura minima. Con ordinanza n. 260/2010, in accoglimento parziale della domanda del convenuto tesa alla sospensione del giudizio nella prospettata necessità, ai fini di una compiuta difesa, di acquisizione di tutti gli elementi coperti dal segreto istruttorio nell ambito del parallelo giudizio penale, questo collegio disponeva la sospensione del giudizio. Con atto di riassunzione depositato in data 22 luglio 2010, l organo requirente, nel dar contezza del fatto che la Procura della Repubblica, con informativa datata 5 luglio 2010, ha comunicato di avere richiesto il rinvio a giudizio di Acierno Alberto per i medesimi fatti oggetto del presente giudizio di responsabilità amministrativa, nonché per altro indebito ( per il quale pende altra indagine da parte della Procura contabile) ha formulato istanza per la riassunzione del giudizio, confermando la richiesta di condanna già formulata con l atto introduttivo del giudizio. Il convenuto, in data 2 marzo 2011, ha prodotto ulteriore memoria per contestare l impianto accusatorio, e precisamente. Ha reiterato l eccezione di difetto di giurisdizione, ribadendo che mai la Fondazione,

26 contrariamente a quanto sostenuto dalla Procura, ha usufruito di sovvenzioni o finanziamenti (specificamente non ha ricevuto alcun contributo di ,00); l esame dei bilanci della Fondazione esclude che siano interessate risorse di provenienza pubblica; la stessa relazione dei Sindaci all esercizio del 200 evidenziava che la causa principale della perdita era determinata dalla revoca del contributo di ,00, previsto per l anno 200, di cui alla lettera H (legge finanziaria), causata dalla mancata approvazione del bilancio preventivo e consuntivo; la Fondazione non ha mai subito alcun controllo da parte della Regione, dall Assemblea o dai pubblici poteri. Ha poi aggiunto la difesa che, successivamente ai fatti per cui è causa, e specificamente nel 2009, lo Statuto della Fondazione è stato modificato all art. 3 e all art. 8, inserendo la previsione, prima mancante, di operare quale Ente strumentale o concessionario di servizi in house del suo fondatore e della Regione Sicilana (Art. 3); ed ancora per le attività in house la Regione Siciliana esercita un controllo sulla gestione analogo a quello esercitato sui propri servizi, attraverso un Comitato costitutivo con decreto che ne regolamenta la composizione ed il funzionamento. In altre parole solo nel 2009, i consulenti della Fondazione si sono resi conto della natura privatistica della Fondazione stessa, tra l altro per l assoluta assenza di controlli pubblici, e così hanno previsto le nuove clausole statutarie. La difesa ha poi sviluppato un articolato ragionamento per mettere in luce l illegittimità dell affidamento diretto della Fondazione. A mente del Codice dei beni culturali (D.lgs. 42/2004) non è più possibile la gestione indiretta tramite affidamento diretto; da ciò ne deriva che l affidamento in house oggi non è più legittimo. Ne consegue che l intera fattispecie deve essere rivista alla luce di quanto illustrato, in

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini.

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. Corte dei conti Via Antonio Baiamonti, 25 00195 Roma Tel. +39 0638761 Fax +39 0638763477 www.corteconti.it C C Corte dei conti

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli