SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI"

Transcript

1 Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura ed applicazione, riteniamo utile proporvi una sintesi di tale materia, in merito alle fattispecie operative ritenute di maggiore interesse. Prima di scendere nel dettaglio analizzando le diverse fattispecie che si possono presentare nella realtà, è opportuno precisare il concetto di TRASFERTA, che interessa tutti quei lavoratori che prestano la propria opera lavorativa presso la sede di lavoro indicata nel contratto, ai quali solo eccezionalmente viene richiesto di prestare la propria opera in un luogo diverso, configurando appunto l ipotesi della TRASFERTA. SPESE PER VITTO E ALLOGGIO A) TRASFERTE NEL TERRITORIO COMUNALE - Disciplina IRE (per il dipendente) L art. 51, comma 5, ultimo periodo, del DPR n. 917/86 stabilisce un principio generale di concorrenza alla formazione del reddito di lavoro dipendente delle indennità o dei rimborsi di spese per le trasferte nell ambito del territorio comunale a prescindere dalla modalità di rimborso adottata (forfetaria, analitica o mista). Per l individuazione del territorio comunale si deve fare riferimento al Comune ove insiste lo stabilimento presso cui il lavoratore risulta in servizio (C.M. 23 dicembre 1997 n. 326/E). Con R.M. 8 gennaio 1993 n. 8/724, inoltre, il Ministero delle Finanze ha chiarito che l ampiezza del territorio comunale è irrilevante e che, pertanto, sono imponibili anche le indennità corrisposte per le trasferte effettuate in località (comprese nel territorio comunale) distanti dal centro abitato oltre 10 chilometri. Allo stesso modo non assume alcun rilievo l eventuale ripartizione del territorio in entità subcomunali, come le frazioni, dovendosi comunque avere riguardo al territorio comunale. - Disciplina IRES (per la Società) La disciplina attualmente in vigore non prevede limitazioni alla deducibilità delle spese sostenute dai dipendenti per trasferte all interno del territorio comunale ai fini della determinazione del reddito d impresa. Alla fattispecie in esame, pertanto, si rendono applicabili i principi generali di competenza, inerenza e documentazione. Si ricorda che, in ogni caso, i rimborsi spese che concorrono alla determinazione del reddito di lavoro dipendente (e, quindi, per le trasferte all interno del territorio comunale, le spese di vitto e alloggio e le spese di trasporto non effettuato con mezzi pubblici - come meglio specificato più avanti) sono integralmente deducibili ai sensi dell art. 95 comma 1, del DPR n. 917/86.

2 B) TRASFERTE FUORI DEL TERRITORIO COMUNALE - Disciplina IRE (per il dipendente) La disciplina applicabile è quella contenuta nell art. 51, comma 5, secondo periodo, in base al quale In caso di rimborso analitico delle spese per trasferte e missioni fuori del territorio comunale non concorrono a formare il reddito i rimborsi di spese documentate relative al vitto, all alloggio, al viaggio e al trasporto. La norma in esame stabilisce, pertanto, un principio generale di non tassabilità in capo al dipendente dei rimborsi spese corrisposti per le trasferte al di fuori del territorio comunale, senza limitazioni di importo, purché il rimborso avvenga secondo il metodo analitico. Tale sistema presuppone l obbligo per il dipendente di redigere apposite note riepilogative e di allegare alle stesse i documenti di spesa comprovanti il sostenimento dei costi rimborsati dal datore di lavoro. Il Ministero delle Finanze ha precisato in più occasioni la sussistenza dell obbligo per il dipendente e, correlativamente, per il datore di lavoro (anche ai fini della deducibilità dei costi dal reddito d impresa), di documentare idoneamente le spese sostenute nell esercizio della trasferta. In particolare sono ritenuti validi i documenti intestati sia al dipendente che al datore di lavoro, come ad esempio le ricevute fiscali o le fatture-ricevute fiscali rilasciate dai ristoranti e alberghi (R.M. n del 8 luglio 1975), ovvero intestati al solo dipendente (R.M. 9/1108 del 21 settembre 1979), oppure i documenti non intestati né all uno né all altro purché le spese siano elencate in una nota riepilogativa da cui risulti che le stesse sono state sostenute nei luoghi e nei tempi della trasferta (R.M. 9/2796 del 5 gennaio 1981). A seguito dell entrata in vigore del DPR 21 dicembre 1996, n. 696, contenente norme sulla semplificazione degli adempimenti in materia di scontrino e ricevuta fiscale, inoltre, costituisce documento idoneo a documentare le spese anche lo scontrino fiscale cd. integrato contenente la specificazione degli elementi attinenti la natura, la qualità e la quantità dell operazione e l indicazione del codice fiscale dell acquirente (il lavoratore) o del committente (si ritiene trattarsi del datore di lavoro) (C.M. 97/E del 4 aprile 1997). Si pone in evidenza che la disciplina esaminata trova applicazione anche nell ipotesi in cui il dipendente non provveda al pagamento in proprio delle spese nel corso della trasferta ma utilizzi la carta di credito aziendale. Anche in tale ipotesi, pertanto, il dipendente è tenuto alla compilazione della nota spese e alla produzione della documentazione giustificativa. - Disciplina IRES (per la Società) Con l entrata in vigore del D.L. 23 febbraio 1995 n. 41, convertito nella legge 22 marzo 1995, sono state introdotte delle limitazioni alla deducibilità dal reddito d impresa dei rimborsi spese corrisposti ai dipendenti. In particolare il comma 3, dell art. 95, del DPR n. 917/86, introdotto con il suddetto decreto, stabilisce che Le spese di vitto e alloggio sostenute per le trasferte effettuate fuori del territorio comunale dai lavoratori dipendenti e dai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa sono ammesse in deduzione per un ammontare giornaliero non superiore ad Euro 180,76; il predetto limite è elevato ad Euro 258,23 per le trasferte all estero. Si pone in evidenza che la norma in esame non prevede una presunzione iuris et de iure di deducibilità delle spese sostenute entro i limiti indicati e che, pertanto, resta impregiudicato il potere dell Amministrazione finanziaria di sindacarne, in base alla valutazione della necessaria documentazione, l inerenza e la competenza. - Disciplina IRE (per il dipendente) SPESE DI VIAGGIO E DI TRASPORTO A) TRASFERTE ALL INTERNO DEL TERRITORIO COMUNALE In base all art. 51, comma 5, ultimo periodo, del DPR n. 917/86 non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente i rimborsi di spese di trasporto comprovate da documenti provenienti dal vettore.

3 Da quanto sopra discende che restano escluse da tassazione le sole spese di trasporto comprovate da documenti provenienti dal vettore, quali i biglietti dell autobus o della metropolitana, le ricevute del taxi, mentre le indennità chilometriche eventualmente corrisposte per l utilizzo dell auto propria o per il noleggio di un auto, entrano a far parte della base imponibile della retribuzione; ciò perché gli spostamenti nell ambito del territorio del comune, sede dell attività lavorativa, non sono considerati trasferte ed in pratica non godono di alcuna agevolazione. La liquidazione delle spese di viaggio effettuato con mezzi di trasporto pubblici o privati può avvenire sulla base del documento proveniente dal vettore (biglietto ferroviario, biglietto della metropolitana ecc.) che, anche se anonimo, è sufficiente a comprovare le spese sostenute (Circolare 20 novembre 1974, n. 13/RT, del Ministero delle Finanze). Con C.M. n. 326/E il Ministero, tuttavia, ha chiarito che, ai fini dell esclusione dalla tassazione e della deducibilità dal reddito d impresa, oltre alla documentazione rilasciata dal vettore, è necessario che dalla documentazione interna risulti in quale giorno l attività del dipendente è stata svolta all esterno della sede di lavoro. B) TRASFERTE AL DI FUORI DEL TERRITORIO COMUNALE Nell ipotesi in cui le spese di viaggio e di trasporto si riferiscano a trasferte al di fuori del territorio comunale e i rimborsi siano corrisposti su base analitica trova applicazione il principio generale di non tassabilità di cui all art comma penultimo periodo. Si rendono necessarie, tuttavia, alcune considerazioni circa il mezzo di trasporto utilizzato. - AUTO DI PROPRIETÀ DEL DIPENDENTE Nel caso in cui il lavoratore effettui la trasferta avvalendosi di un veicolo di sua proprietà, per usufruire dell esenzione, il rimborso deve avvenire, di norma, sotto forma di indennità chilometrica calcolata sulla base delle tariffe elaborate annualmente dall ACI. Tali tariffe, infatti, tengono conto di gran parte dei costi relativi all utilizzo del veicolo, quali ammortamento del costo, spese di assicurazione, spese di carburanti, lubrificanti e di manutenzione e, quindi, costituiscono un equo parametro di riferimento ai fini della reintegrazione patrimoniale in esenzione di imposta a favore del dipendente a fronte dell impiego del veicolo stesso per conto del datore di lavoro. In assenza di indicazioni di carattere procedurale si deve far riferimento a quanto stabilito dal Ministero con la circolare n. 13/RT del 20 novembre 1974 in base al quale il rimborso dell indennità chilometrica e di trasferta è subordinato ad una preventiva autorizzazione scritta del datore di lavoro, con l indicazione dei dati relativi alla località da raggiungere alla percorrenza e al tipo di mezzo usato. In sede di liquidazione (risoluzione n. 10/628 del 1 luglio 1974), l ammontare dell indennità verrà determinato sulla base dell effettivo percorso effettuato, del tipo di automezzo usato dal dipendente e dei chilometri percorsi, che risulteranno dalle note spese riepilogative rilasciate dal dipendente stesso e dalle specifiche autorizzazioni all utilizzo del mezzo proprio rilasciate dal datore di lavoro. Qualora l indennità chilometrica riconosciuta dall impresa sia superiore a quella corrispondente al veicolo utilizzato dal dipendente (e di proprietà di quest ultimo), l eccedenza costituirà reddito imponibile in capo allo stesso. - AUTO AZIENDALE CONCESSA IN USO PROMISCUO

4 Nell ipotesi i cui il dipendente utilizzi l auto aziendale assegnatagli in uso promiscuo le spese per carburanti non concorrono alla determinazione del reddito in quanto sono incluse nel fringe benefit determinato sulla base delle tabelle ACI. Come esplicitamente riconosciuto dal ministero delle Finanze nella Circolare 23 dicembre 1997 n. 326/E, il valore del fringe benefit determinato secondo le tabelle ACI ha una valenza del tutto forfetaria e prescinde da qualunque valutazione degli effettivi costi di utilizzo del mezzo e dalla effettiva percorrenza che il dipendente effettua con lo stesso. È, quindi, del tutto irrilevante che il dipendente sostenga a proprio carico alcuni o tutti gli elementi che sono ricompresi nella base di valutazione del costo di percorrenza determinato dall Aci, così come si ritiene non influente il fatto che il datore di lavoro rimborsi alcuni oneri considerati dalle tariffe stesse (ad esempio spese di carburante) dovendosi comunque fare riferimento, ai fini della determinazione dell importo da assumere a tassazione, al totale costo di percorrenza esposto nelle suddette tabelle. I rimborsi delle spese per pedaggi autostradali, parcheggio e lavaggio, non essendo compresi nella base di valutazione delle tabelle ACI, sono soggetti alla disciplina dei rimborsi spese e non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente se rimborsati con metodo analitico. - AUTO AZIENDALE Nell ipotesi, infine, in cui il dipendente utilizzi l auto aziendale, non avrà diritto a nessun rimborso in quanto i costi di viaggio (benzina, pedaggi autostradali) andranno direttamente addebitati alla società, cui andrà intestata la relativa documentazione contabile, senza incidere sulla sfera patrimoniale del dipendente. La restituzione di quanto eventualmente anticipato dal dipendente, pertanto, darà luogo ad un reintegro di natura meramente patrimoniale che rimane al di fuori del trattamento di trasferta e di ogni eventuale o potenziale ipotesi di imponibilità e potrà non essere indicato dalla Nota riepilogativa presentata dal dipendente. - Disciplina IRES (per la Società) La disciplina IRES relativa alla deduzione dei rimborsi per spese si viaggio e di trasporto varia a seconda del mezzo di trasporto utilizzato ma è indipendente dalla destinazione della trasferta. - MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICI I rimborsi spese sono sempre deducibili dal reddito d impresa. - AUTO DI PROPRIETÀ DEL DIPENDENTE O AUTO A NOLEGGIO In base all art. 95 comma 3 secondo periodo, Se il dipendente o il titolare dei predetti rapporti sia stato autorizzato ad utilizzare un autoveicolo di sua proprietà ovvero noleggiato al fine di essere utilizzato per una specifica trasferta, la spesa deducibile è limitata, rispettivamente, al costo di percorrenza o alle tariffe di noleggio relative relative ad autoveicoli di potenza non superiore a 17 cavalli fiscali, ovvero 20 se con motore diesel. Tale norma ha dato luogo a notevoli difficoltà applicative a causa del generico riferimento ad autoveicoli con potenza fiscale fino a 17 ovvero a 20 cavalli. Fra i datori di lavoro è comunemente in uso assumere, quale parametro ai fini della quantificazione del predetto costo di percorrenza, valori non superiori (sovente anche ampiamente al di sotto) a quelli previsti dalle tariffe periodicamente predisposte dall ACI per ciascuna marca e modello di autoveicolo in

5 circolazione. Tali tariffe sono state giudicate congrue dall Amministrazione finanziaria con risoluzione 29 agosto 1985, prot. 2/862. Le istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni dei redditi per il 1996 hanno precisato che ai fini della quantificazione dei predetti costi di percorrenza i contribuenti devono fare riferimento alla tariffa media delle autovetture di 17 cavalli fiscali (in genere auto di cilindrata inferiore a 1700 cc) ovvero di 20 cavalli fiscali se con motore diesel, calcolata dall ACI. Per quanto concerne l ipotesi di autovetture prese a noleggio direttamente dal dipendente o dall azienda per una specifica trasferta le stesse istruzioni ministeriali specificano che si dovrà fare riferimento analoghe tariffe medie di noleggio. Si pone in evidenza che, mentre la disciplina IRE fa riferimento alla tariffa chilometrica ACI relativa all autovettura effettivamente utilizzata, la disciplina IRES fa riferimento alla tariffa media prevista per le autovetture di 17 (o 20) cavalli fiscali. Ciò significa che se il dipendente di una società si avvale per i propri spostamenti di un auto propria con motore a benzina e potenza fiscale di 22 cavalli l impresa potrà continuare a rimborsare un indennità chilometrica pari alla tariffa ACI corrispondente al veicolo effettivamente utilizzato e tale indennità non concorrerà alla determinazione del reddito di lavoro dipendente. Poiché tuttavia il Testo Unico consente la deducibilità dal reddito di una somma non superiore alla tariffa applicabile ad un veicolo di potenza fiscale massima pari a 17 cavalli, l impresa stessa, al fine di determinare il costo deducibile dal proprio reddito, dovrà consultare la tariffa media predisposta dall ACI applicabile ad una autovettura di 17 cavalli fiscali. L eccedenza, vale a dire la differenza fra la tariffa applicata (di 22 cavalli fiscali) e quella media (riferita a 17 cavalli fiscali), costituirà un onere non deducibile per la società, senza alcun effetto in capo al dipendente. - AUTO AZIENDALE CONCESSA IN USO PROMISCUO In tale ipotesi la deducibilità dal reddito d impresa è totale in virtù di quanto stabilito dall art. 164 comma 1, lettera a), n. 2 per gli autoveicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d imposta. - AUTO AZIENDALE A DISPOSIZIONE I costi relativi all auto aziendale sono deducibili nella misura del 50 per cento secondo quanto previsto dal citato art. 164 del DPR n. 917/86. DISCIPLINA IRAP La scelta tra i diversi regimi retributivi della trasferta è rilevante anche ai fini IRAP. Infatti sono deducibili i costi sostenuti dal datore di lavoro per i servizi collegati alle trasferte per i dipendenti (vitto, alloggio, trasporti), a condizione che siano sostenuti direttamente dall impresa ovvero rimborsati a piè di lista al dipendente. Non sono invece deducibili dalla base imponibile le indennità di trasferta e le indennità chilometriche corrisposte al lavoratore per l uso della sua autovettura. LAVORATORI TRASFERTISTI Si tratta di quei lavoratori tenuti per CONTRATTO all espletamento delle attività lavorative in luoghi sempre variabili e diversi, non essendo espressamente indicata una sede di lavoro.

6 Il trattamento economico di tale categoria di lavoratori prevede delle indennità e maggiorazioni contrattualmente stabilite, in funzione delle modalità di svolgimento dell attività, per tutti i giorni retribuiti, senza distinguere se il dipendente si è effettivamente recato in trasferta e dove si è svolta quest ultima. Per quanto riguarda il reddito di lavoro dipendente, il 50% delle indennità e delle maggiorazioni specificatamente riferite alla natura della prestazione, non concorrono alla formazione del reddito. In considerazione del particolare trattamento fiscale delle somme di cui sopra, per evitare fenomeni elusivi dovrebbe essere emanato un apposito Decreto interministeriale Lavoro-Finanze, per identificare meglio le categorie di lavoratori e le condizioni di applicabilità dei benefici. Premessa AMMINISTRATORI I compensi ad amministratori costituiscono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, ai sensi dell art. 50 comma 1 lettera c-bis) del TUIR, quindi ai fini della deducibilità dal reddito di impresa si applica la regola del criterio di cassa allargato, ovvero sono deducibili tutti gli emolumenti corrisposti entro il 12 gennaio e relativi all anno precedente (art. 95 comma 5 del TUIR). Trasferte Ai rimborsi delle spese sostenute dagli amministratori si applicano le medesime regole che valgono per i dipendenti. Veicoli dati in uso (Circ. Min. 26/01/2001 n. 5) I veicoli possono essere concessi agli amministratori per uno dei seguenti usi: 1. uso esclusivamente personale; 2. uso promiscuo 3. uso esclusivamente aziendale. Nel caso di USO PERSONALE, i costi e le spese relative ai veicoli possono essere dedotte per un importo non eccedente il compenso in natura attribuito all amministratore, da determinarsi sulla base del valore normale (art. 9 comma 3 del TUIR). In pratica la parte di costi eccedente il compenso in natura non potrà essere dedotta per mancanza del requisito dell inerenza rispetto all attività esercitata. Se i veicoli sono destinati all USO PROMISCUO, l impresa può dedurre un importo pari all ammontare del compenso in natura spettante all amministratore (tassato), da determinarsi in base al CRITERIO CONVENZIONALE previsto dall art. 51 comma 4 lettera a) del TUIR: si assume il 30% dell importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di Km. Calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali che l ACI, al netto degli ammontari trattenuti al dipendente, mentre l eventuale eccedenza di costi sostenuta è deducibile sulla base delle regole dei beni ammortizzabili (50% art. 164 comma 1 lettera b) del TUIR). Nel caso di veicoli destinati dall amministratore all esclusivo USO AZIENDALE, le relative spese sono deducibili secondo le regole proprie dei costi relativi ai beni ammortizzabili (50% art. 164 comma 1 lettera b) del TUIR). In capo all amministratore non emerge nessun benefit tassabile. Utilizzo per finalità aziendali dell auto dell amministratore o di terzi Valgono le stesse regole previste per i dipendenti.

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Gennaio 2014 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e

Dettagli

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori A tutti i nostri clienti Loro indirizzi Bolzano, 01 agosto 2012 Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori Gentili clienti, con la presente circolare

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N. 15 del 20.04.2012 Il Caso della settimana A cura di Edoardo Martini I rimborsi spese a dipendenti ed amministratori per utilizzo auto personale La società ALFA s.r.l., per lo svolgimento della propria

Dettagli

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio Normativa e prassi Art.51 e 95 D.P.R. 22.12.1986 n. 917; Circ. Ag. Entrate 18.06.2011, n. 57; Circ. Ag.

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 24 25.06.2014 Rimborsi spese a dipendenti e collaboratori Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le spese sostenute dai dipendenti dell

Dettagli

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 29/2009 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti.

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. NOTA OPERATIVA N. 15/2015 OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. - Introduzione. È prassi comune quella di riconoscere rimborsi spese ai dipendenti che svolgono

Dettagli

Auto in uso ai dipendenti

Auto in uso ai dipendenti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 23 23.01.2014 Auto in uso ai dipendenti Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI Le trasferte per motivi di lavoro sono molto frequenti in quasi tutte le aziende a prescindere dalle loro dimensioni,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

8.1. Trasferte dei dipendenti

8.1. Trasferte dei dipendenti 8.1. Trasferte dei dipendenti Capitolo 8 TRASFERTE La disciplina normativa delle indennità e dei rimborsi spese che il datore di lavoro corrisponde al dipendente quando quest ultimo svolge la propria prestazione

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

STUDIO BELCASTRO. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI E COLLABORATORI

STUDIO BELCASTRO. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI E COLLABORATORI Dott. Claudio Belcastro Dott. Emanuela Candido Rag. Maria Teresa Cimarosa Dott. Franco Chiudino Rag. Sandra Macrì Dott. Cristina Pelle Rag. Caterina Piccolo Dott. Sergio Policheni Rag. Santina Sansotta

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario TRASFERTE E RIMBORSI SPESE Sintesi della normativa Casi pratici e novità fiscali Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale SOMMARIO Normativa e prassi di riferimento Le imprese e le varie

Dettagli

Tariffe Aci per il 2014

Tariffe Aci per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 08 10.01.2014 Tariffe Aci per il 2014 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma 1 del D.Lgs.

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1 Auto aziendali e Fisco 2013 1 La deducibilità dei costi 2 autovetture Mezzi di trasporto presi in considerazione dall art. 164, DPR 917/1986 ciclomotori Il veicolo non rientra in una delle categorie individuate

Dettagli

TRASFERTE E RIMBORSI SPESE IN AZIENDA

TRASFERTE E RIMBORSI SPESE IN AZIENDA Circolare N. 40 Area: SCRITTURE Periodico plurisettimanale 25 maggio 2010 TRASFERTE E RIMBORSI SPESE IN AZIENDA Esaminiamo la disciplina fiscale riguardante le trasferte dei dipendenti (e dei collaboratori)

Dettagli

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1563 22 LUGLIO 2009 RIMBORSI SPESE AGLI AMMINISTRATORI

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1563 22 LUGLIO 2009 RIMBORSI SPESE AGLI AMMINISTRATORI CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1563 22 LUGLIO 2009 RIMBORSI SPESE AGLI AMMINISTRATORI Regime fiscale di Roberta Braga I rimborsi spese erogati agli amministratori sono sottoposti ad un regime differenziato a

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Oggetto: Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e collaboratori Definizioni Per rimborso spese si intende la corresponsione di una somma in denaro da parte del datore

Dettagli

RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA A DIPENDENTI, COLLABORATORI E LAVORATORI ASSIMILATI (ARTT. 48/62 T.U.I.R.)

RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA A DIPENDENTI, COLLABORATORI E LAVORATORI ASSIMILATI (ARTT. 48/62 T.U.I.R.) Risposte a quesiti RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA A DIPENDENTI, COLLABORATORI E LAVORATORI ASSIMILATI (ARTT. 48/62 T.U.I.R.) I rimborsi delle spese sostenute dal dipendente, dal collaboratore, o dal lavoratore

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N protocollo 03/07 Titolo Approfondimenti sui rimborsi chilometrici Data 5 febbraio 2007 Approfondimento sui rimborsi spese chilometrici e sull uso di autovetture da parte degli amministratori di società

Dettagli

COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI

COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI OGGETTO: Trattamento fiscale dei rimborsi spese a dipendenti COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI A seguito dell'entrata in vigore della Legge Biagi, restano esclusi dall'ambito di applicazione delle

Dettagli

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 32 29.01.2014 Amministratori: uso promiscuo dell auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma

Dettagli

RIMBORSO delle SPESE di TRASFERTA: DEDUCIBILITÀ

RIMBORSO delle SPESE di TRASFERTA: DEDUCIBILITÀ RIMBORSO delle SPESE di TRASFERTA: DEDUCIBILITÀ IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Definizione del concetto di «trasferta»; 2. Sistemi di rimborso; 3. Lavoro dipendente e rimborsi spese; 4. Deducibilità dei rimborsi

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/AMMINISTRATORI: TRATTAMENTO FISCALE E DOCUMENTAZIONE 1 Rimborso spese: Trasferta: Sededilavoro: Territorio comunale: Soggetti percettori: Definizioni somma di denaro corrisposta

Dettagli

Paghe. Il rimborso chilometrico delle trasferte del lavoratore Emiliana Maria Dal Bon - Consulente del lavoro

Paghe. Il rimborso chilometrico delle trasferte del lavoratore Emiliana Maria Dal Bon - Consulente del lavoro Il rimborso chilometrico delle trasferte del lavoratore Emiliana Maria Dal Bon - Consulente del lavoro Trasferta Mezzo utilizzato per il trasporto In tutti i casi in cui il lavoratore non svolge la propria

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI SPAZIO PAGHE Newsletter 02/2016 VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI I RIMBORSI CHILOMETRICI Per rimborsi chilometrici si intendono

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI contabilità generale SOMMARIO schema di sintesi veicoli concessi in uso promiscuo AUTO AZIENDALI IN USO PROMISCUO AI DIPENDENTI Art. 51 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 13 e 14 D.P.R.

Dettagli

L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI

L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda 14 del 31/12/2004 Ai Gentili Clienti Loro sedi L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc.

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc. Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

Data: 5 febbraio 2009 Circolare: 05/2009 Argomento: RIMBORSI CHILOMETRICI Destinatari: Clienti in indirizzo

Data: 5 febbraio 2009 Circolare: 05/2009 Argomento: RIMBORSI CHILOMETRICI Destinatari: Clienti in indirizzo Studio Commerciale Associato Balestieri - Galdenzi Data: 5 febbraio 2009 Circolare: 05/2009 Argomento: RIMBORSI CHILOMETRICI Destinatari: Clienti in indirizzo Dott. Paolo Balestieri Dottore Commercialista

Dettagli

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori;

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori; Introduzione In questa rubrica di aggiornamento si prosegue con la trattazione della disciplina relativa agli autoveicoli, affrontando, in particolare, le seguenti questioni e problematiche: - veicoli

Dettagli

OGGETTO: Trattamento fiscale dei rimborsi spese.

OGGETTO: Trattamento fiscale dei rimborsi spese. Cod. H24D/P2 Protocollo Generale (Uscita) Cod. FF /ne cnappcrm aoo_generale Circ. n. 123 Prot.: 0002099 Data: 03/10/2014 Ai Consigli degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Beni aziendali in uso a soci / familiari : aspetti contabili e fiscali Diverse tipologie di utilizzo dei beni d impresa L assegnazione in godimento di beni ai soci è fattispecie che

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative n. 44/2000 Pag. 5463 Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative di Antonio Iorio e Alberto Santi SOMMARIO Premessa 5463 Il regime Iva 5464 Le attività manuali 5464 Trattamento

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE 1/5 OGGETTO DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE CLASSIFICAZIONE DT ART. 164 TUIR RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 19 BIS1, COMMA 1, D.P.R. 26 OTTOBRE

Dettagli

La gestione fiscale dei rimborsi chilometrici per l azienda, il dipendente e l amministratore

La gestione fiscale dei rimborsi chilometrici per l azienda, il dipendente e l amministratore Approfondimenti monografici di Fabio Garrini La gestione fiscale dei rimborsi chilometrici per l azienda, il dipendente e l amministratore Premessa In data 19 dicembre 2008, sono state pubblicate sul supplemento

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Circolare Nr. 09/ 2012

Circolare Nr. 09/ 2012 Noale, 7 dicembre 2012 Circolare ai Signori Clienti Loro Sedi Circolare Nr. 09/ 2012 DISCIPLINA DEGLI OMAGGI In prossimità delle festività natalizie numerose aziende e professionisti si attivano per acquistare

Dettagli

Trasferte: il vademecum operativo dopo le novità della Manovra Massimo Braghin Consulente del lavoro in Adria (RO)

Trasferte: il vademecum operativo dopo le novità della Manovra Massimo Braghin Consulente del lavoro in Adria (RO) Trasferte: il vademecum operativo dopo le novità della Manovra Massimo Braghin Consulente del lavoro in Adria (RO) Il regime fiscale dopo le novità introdotte dall art. 83, commi 28 bis, ter, quater, quinquies,

Dettagli

DETRAIBILITA DELL IVA DALL

DETRAIBILITA DELL IVA DALL CASO: spese di vitto e alloggio sostenute per le trasferte effettuate fuori dal Comune sede di lavoro dai lavoratori dipendenti e dai titolari di rapporti di co.co.co. (ad esempio anche Amministratori)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO Art. 1 Definizione di trasferta, attività di servizio e di rimborso spese 1. Per trasferta si intende l'attività

Dettagli

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Focus di pratica professionale di Luca Caramaschi Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Con la Legge n.228/12 (la Legge di Stabilità 2013 )

Dettagli

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Seminario LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Firenze 26 GENNAIO 2007 Le novità in materia di fringe benefit e stock option Auto Aziendali Stock Option Dott. Fabio Giommoni Studio Legale e Tributario

Dettagli

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE Bassano del Grappa, 29 Gennaio 2008 CIRCOLARE AUTO AZIENDALI Presentazione L anno 2007 si caratterizza per la frequenza degli interventi che interessano il settore delle auto utilizzate nell esercizio

Dettagli

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI Roma 4 settembre 2007 prot. n. 31.23 Spett.le LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI LEGA PROFESSIONISTI DI SERIE C LEGA NAZIONALE DILETTANTI UFFICIO AMMINISTRAZIONE F.I.G.C. LORO SEDI Si trasmette, in allegato,

Dettagli

Anno 2013 N.RF018. La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013

Anno 2013 N.RF018. La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013 Anno 2013 N.RF018 ODCEC VASTO OGGETTO La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013 www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 RIFERIMENTI ART. 164 TUIR; ART. 4 C. 72 L. 92/2012; ART.

Dettagli

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti LasettimANA FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti AUto e FABBriCAti di Saverio Cinieri QUADRO NORMATIVO Il trattamento fiscale dei compensi in natura è contenuto nell art. 51, D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali A. Detraibilità Iva La normativa sulla detraibilità dell Iva pagata al momento dell acquisto di veicoli

Dettagli

Auto aziendali Disciplina Fiscale

Auto aziendali Disciplina Fiscale Auto aziendali Disciplina Fiscale Milano, 1.4.2007 Novità in materia di veicoli RIFERIMENTI NORMATIVI CO. 5/6-TER ART. 36 DL 223/2006 CO. 71/72 ART. 2 DL 262/2006 MODIFICA ART. 102 DEL TUIR ESCLUSIONE

Dettagli

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa Fiscalità delle auto aziendali DISPENSA N 04/2016 A cura del Settore Fisco e Diritto d'impresa 22/04/16 Indice Contenuti 1.1 Veicoli a deducibilità integrale 4 1.2 Veicoli a deducibilità limitata 5 1.3

Dettagli

Periodico informativo n. 5/2013

Periodico informativo n. 5/2013 Periodico informativo n. 5/2013 Tabelle ACI 2013 aggiornate e auto in uso promiscuo ai soci e dipendenti Gentile Cliente, Le inviamo la presente per comunicarle che l ACI ha pubblicato, come ogni anno,

Dettagli

LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI ED A PROGETTO

LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI ED A PROGETTO FEDERTURISMO - CONFINDUSTRIA Roma, 23 settembre 2009 LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI ED A PROGETTO Relatore: avv. Benedetto Santacroce STUDIO LEGALE TRIBUTARIO SANTACROCE-PROCIDA-FRUSCIONE

Dettagli

FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE. di Sergio Mario Ghisoni

FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE. di Sergio Mario Ghisoni FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE di Sergio Mario Ghisoni Formule, esempi e schemi riportati in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. L elenco completo e le istruzioni per scaricare

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli

PROFILI CIVILISTICI, TRIBUTARI E PREVIDENZIALI PROCEDURE E CASISTICA MODULISTICA

PROFILI CIVILISTICI, TRIBUTARI E PREVIDENZIALI PROCEDURE E CASISTICA MODULISTICA T R I B U T I ROBERTA BRAGA I RIMBORSI SPESE PROFILI CIVILISTICI, TRIBUTARI E PREVIDENZIALI PROCEDURE E CASISTICA MODULISTICA AGGIORNATO CON L ORDINANZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE 29 LUGLIO 2013, N. 18237

Dettagli

AUTO. 9.038,00 : costo storico = X : ammortamento civilistico residuo al 31.12.97.

AUTO. 9.038,00 : costo storico = X : ammortamento civilistico residuo al 31.12.97. AUTO TIPOLOGIA Vengono qui trattati i soli autoveicoli intestati ad aziende che non hanno come attività propria dell impresa il commercio degli stessi e che non appartengano alla categorie di autocarri,

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

AUTOMOBILI AZIENDALI

AUTOMOBILI AZIENDALI AUTOMOBILI AZIENDALI Il concetto di auto aziendale non trova una sua unica collocazione all interno delle norme tributarie in quanto queste prevedono diversi trattamenti fiscali a seconda della tipologia

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Il rapporto fra il fisco italiano e le auto non è certo dei più semplici e tranquilli. Le modifiche normative alla deducibilità dei costi

Dettagli

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA Stampa Fisco: angolo quesiti agosto 2008 admin in Auto & Fisco, Modello UNICO, Unico 2008 QUESITO N. 1: Perdita Caparra La società Alfa srl ha costruito degli immobili ad uso abitativo su un terreno di

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

Risposta quesito rimborso spese, dott. Rocco Chiriano.

Risposta quesito rimborso spese, dott. Rocco Chiriano. Risposta quesito rimborso spese, dott. Rocco Chiriano. Su preciso quesito sono state redatte le seguenti note al fine di chiarire aspetti problematici dei rimborsi spese. RIMBORSO SPESA VOLONTARI. Il principio

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: la nuova disciplina dei beni d impresa concessi in godimento a soci e familiari. I nuovi adempimenti di comunicazione dei beni concessi

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE Emanato con Decreto Rettorale n. 50, prot. n. 2129/A13 del 16 giugno 2003 e s.m. e i. (D.R. n. 8, prot. n. 465/A3 del 21 gennaio 2010 e D.R. n. 88, prot. n. 6626/I3, del 24 luglio 2015). REGOLAMENTO INTERNO

Dettagli

UNIONCOOP. Reggio Emilia

UNIONCOOP. Reggio Emilia UNIONCOOP Reggio Emilia Oggetto: La gestione delle trasferte dei dipendenti e dei collaboratori Obiettivo della presente informativa è quello di fornire tutti gli elementi utili per consentire di sfruttare

Dettagli

?SOMMARIO SOMMARIO FISCO IN PRATICA VII

?SOMMARIO SOMMARIO FISCO IN PRATICA VII ?SOMMARIO SOMMARIO Capitolo 1 REDDITO DI IMPRESA: AUTOVEICOLI DEDUCIBILI AL 100% - IMPOSTE DIRETTE 1.1 Premessa... 3 1.2 L acquisto di veicoli deducibili al 100%... 3 1.2.1 Beni strumentali... 5 1.2.2

Dettagli

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 La deducibilità dei costi nel lavoro autonomo Con la presente si fornisce un quadro generale della deducibilità dei costi, a seguito delle numerose

Dettagli

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Circolare informativa area tributaria La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* )

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) NOZIONE DI TRASFERTA Si considerano in trasferta i dipendenti chiamati per motivi di servizio ad operare provvisoriamente fuori

Dettagli

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 OGGETTO

Dettagli

Il caso della settimana

Il caso della settimana N. 17 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) Maggio 05.05.2010 P.Iva e C.F. 03252150168 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali COMUNE DI OULX Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 11.05.2005 in vigore dal 12.06.2005

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli