LE ERUZIONI VULCANICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ERUZIONI VULCANICHE"

Transcript

1 LE ERUZIONI VULCANICHE Eruzione del 1944 del Vesuvio. Da Timelife, Volcano, 1982 Time-Life Books Inc. I vulcani sono aperture sulla superficie terrestre dalle quali rocce fuse o gas o, in genere, entrambi, fuoriescono dall'interno della terra. E sono anche i rilievi edificati intorno all'apertura dall'accumulo del materiale emesso. E i vulcani sono pure l'insieme strutturale che, dalla zona profonda di fusione attraverso la litosfera condiziona la risalita del fuso, il magma, fino alla superficie. Da un punto di vista piu generale, in relazione al ruolo svolto dai vulcani nell evoluzione planetaria, essi possono essere considerati grandi separatori chimici di un fluido (il magma) da una sorgente parzialmente fusa (generalmente il mantello), e il loro continuo funzionamento ha progressivamente permesso la formazione dei diversi involucri che costituiscono le porzioni superiori del globo terrestre. Strutturalmente i vulcani possono essere ricondotti ad una geometria schematica nella quale si distinguono quattro zone (fig. 2.1): 1) la zona di eruzione, che ha estensione verticale variabile (da decine di metri a qualche chilometro) e comprende quella parte del sistema in cui il magma non e' piu' soggetto ad ostacoli passivi che ne possano arrest are l'ascesa; 2) la zona di differenziazione, che comprende quella parte di crosta superiore nella quale i magmi possono arrestarsi per tempi piu' o meno lunghi, cambiando la loro composizione a seguito di processi 1

2 piu' o meno complessi. La sosta del magma avviene in genere negli ultimi 10 km di crosta terrestre, in corrispondenza di importanti discontinuita' litologiche e porta alla formazione delle cosidette camere magmatiche; 3) la zona di alimentazione, che corrisponde al lungo percorso compiuto dal magma per trasferirsi dalla zona di formazione alla superficie; essa puo essere identificata con lo spessore di litosfera al di sotto del vulcano e si puo semplicisticamente assumere che nel corso dell ascesa il magma non cambi le sue caratteristiche fisico-chimiche; 4) la zona di produzione, che comprende quella porzione di involucro terrestre, in genere l astenosfera, nella quale le rocce si trovano in condizioni da fondere parzialmente. Il magma cosi formatosi percola verso l'alto creando rivoli sempre piu' importanti che convergono in una zona di stoccaggio profondo (spesso alla transizione tra mantello e crosta). Qui il magma si accumula fino a raggiungere condizioni idonee perche' singole masse di fuso si stacchino ed inizino la loro risalita verso la superficie. Fig A sinistra: Ricostruzione di un vulcano dalle radici alla superficie: il Kilauea nelel isole Hawaii visto attraverso una accurata tomografia sismica.. e un po di immaginazione. M.P.Ryan USGS Prof. Pap. 1350, 2, cap.52; A destra: Rappresentazione schematica delle diverse parti nelle quali e divisibile un sitema vulcanico 2

3 I prodotti che da un vulcano escono sulla superficie possono essere costituiti da frammenti di rocce solide "vecchie", strappate dal substrato ed eiettate in superficie dai gas, oppure da materiale "nuovo", allo stato liquido, originato dalla fusione parziale delle rocce della parte profonda del sistema. Tale materiale si chiama magma. La fuoriuscita in superficie di gas e materiale gia' solido e/o ancora fuso e' una eruzione vulcanica. Quando il materiale emesso e' rappresentato essenzialmente dal magma e dai gas da esso liberatisi, l'eruzione e magmatica. L eruzione e esplosiva se il magma e emesso in forma frammentata, effusiva se invece il magma esce come continuo liquido (fig.2.2). Alcune eruzioni sono caratterizzate dal coinvolgimento di gas generato dal riscaldamento di acqua esterna al magma: esse sono dette idroeruzioni (o idroesplosioni). Molte idroesplosioni eiettano in superficie solamente frammenti solidi di rocce preesistenti e prendono il nome di eruzioni freatiche. Altre emettono anche brandelli e particelle di magma fuso e vengono chiamate eruzioni idromagmatiche (freatomagmatiche se l'acqua non e' superficiale). Fig a sinistra: Eruzioni effusive: una grande colata lavica dell Etna si espande lentamente nella valle del Leone il 28 Settembre CNR-Gruppo Nazionale per la Vulcanologia, Mt. Etna: the 1989 eruption, Giardini, Pisa, 1990; a destra: eruzione esplosiva del 21 Aprile 1990, vulcano Redoubt (Alaska). La colonna eruttiva si innalza non dal cratere ma da una grande colata piroclastica che scorre sul fianco nord del vulcano. Una piccola colonna di vapore bianco esce dal cratere sommitale. Foto di J.Warren tratta dal sito I prodotti emessi in forma frammentata, allo stato liquido o solido, prendono il nome di tefra (o prodotti piroclastici), mentre il magma emesso come continuo liquido e chiamato lava (fig.2.3). Le rocce che si formano per raffreddamento del magma sono dette rocce magmatiche o ignee. Se il consolidamento si realizza dopo l'emissione in superficie le rocce sono chiamate estrusive o vulcaniche, mentre, se il magma non raggiunge la superficie e il consolidamento avviene in profondita', si formano le rocce intrusive o plutoniche. Il raffreddamento e la solidificazione della lava porta alla formazione delle rocce effusive, mentre rocce piroclastiche sono il risultato del consolidamento, talora per processi secondari, dei tefra. L'apertura attraverso la quale il materiale vulcanico fuoriesce in superficie e' la bocca eruttiva, ed il canale attraverso il quale il magma ris ale e' il condotto eruttivo. Se il condotto non e' tubulare ma e' costituito da fratture, queste sono anche dette dicchi di alimentazione (fig.2.5). Singole eruzioni, o eruzioni ripetute da una stessa bocca, in genere portano alla formazione di colline o montagne di forma spesso abbastanza regolare: sono i coni vulcanici. La sommita' di tali coni e' troncata ed occupata da una depressione a forma di scodella o di imbuto chiamata cratere. 3

4 La geometria del condotto e l elemento che porta ad una prima distinzione a carattere estremamente generale che classicamente viene ricordata al momento in cui si tenta di entrare nella sistematica delle forme vulcaniche. Vulcani centrali sono quelli il cui condotto principale e "mono - dimensionale", tubolare, mentre vulcani lineari sono quelli a condotto "bidimensionale", laminare. Fig Lave e Tefra. A sinistra: la lava dell eruzione del 1669 dell Etna che copri vasta parte della citta di Catania e circondo il Castello Ursino arrivando a circa un terzo della sua altezza. Tratto dal sito A destra: Un deposito di pomici esposto vicino a Burfells (Islanda). Foto Colgan, tratto dal sito: Fig Schema semplificato di un vulcano centrale e nomenclatura dei principali elementi strutturali 4

5 Fig Oltre che attraverso condotti tubolari, il magma risale attraverso fratture che prendono il nome di dicchi di alimentazione. Nella figura sono mostrate le diverse geometria e i diversi rapporti con l apparato centrale che i dicchi possono avere. Fig Vulcani centrali e vulcani lineari A sinistra: un esempio geometricamente quasi perfetto di vulcano centrale: il cono del Karymsky (circa 1500 m) nella penisola di Kamtchatka, situato al centro di una caldera di 5 km di diametro il cui bordo settentrionale e ben visibile a destra nella foto. L ultima eruzione del Karymsky risale al Foto del Kamchatka Calendar tratta dal sito: A destra: Le dorsali oceaniche rappresentano l esempio migliore di grandi vulcani lineari. L immagine mostra la morfologia (generata al computer) della dorsale del Pacifico Orientale, intorno a 9 gradi Nord. Il sottile asse centrale della dorsale, piu rilevato (in rosso), mostra l area di massimo vulcanismo. La faglia trasforme di Clipperton taglia la dorsale al tetto della figura. La vista e verso Nord. Da: U.S. Geological Survey's This Dynamic Earth, tratta dal sito: 5

6 IL MAGMA Il magma e una sostanza naturale ad alta temperatura, parzialmente o totalmente fusa, che costituisce un sistema chimico-fisico complesso nel quale prevale una fase liquida di composizione silicatica nella quale sono disciolte quantita variabili di specie gassose. In natura esistono anche liquidi magmatici a prevalente composizione carbonatica (magmi carbonatitici), ma si tratta di casi rari e particolari su cui non ci soffermeremo. Le proprieta' fisiche dei magmi sono sostanzialmente riconducibili alle proprieta' degli ioni Si4+ e O2- che di essi sono i costituenti piu' importanti. Il Silicio ha alta carica (4+), piccolo raggio ionico (0.39Å) e numero di coordinazione 4 con l'ossigeno. Cio' fa si' che le sue forze di campo ionico e di legame con l'ossigeno siano molto piu' forti di quelle degli altri ioni piu' comuni. L'Alluminio ha legami meno forti del Silicio ma piu' forti rispetto a Ca, Mg, Na, ecc. Sotto certi aspetti Si ed Al giocano ruoli analoghi nei solidi cristallini e vetrosi. I moderni concetti sullo stato strutturale dei liquidi silicatici sono basati sul modello di Zachariasen, secondo il quale, in tali liquidi, gli atomi sono legati tra loro da forze simili a quelle che agiscono tra gli stessi atomi nei cristalli, mancando pero' di simmetria e di catene a lungo periodo. Gli anioni O2- sono quindi gia' distribuiti ai vertici di unita' strutturali fondamentali tetraedriche, centrate da cationi Si4+o Al3+. In fusi molto ricchi di silice i tetraedri [SiO 4]4- sono legati tra loro in polimeri piu' o meno complessi mentre gli altri cationi tendono a legarsi con l'ossigeno genererando legami ionici piu' deboli e riducendo il grado di polimerizzazione del sistema. Si4+ e, in minor misura, Al3+, possono essere quindi definiti come cationi costruttori di reticolo", mentre i cationi che occupano posizioni intratetraedriche sono detti "modificatori di reticolo". Questi ultimi possono essere accomodati in quantita' fino al 20% del totale dei cationi senza che il reticolo tridimensionale dei tetraedri si rompa in unita' minori. Fig Il magma e un liquido ricco in silice la cui struttura puo essere studiata su ve tri sintetici di composizione opportuna. La struttura di un vetro e infatti analoga a quella del liquido che, per brusco raffreddamento, lo ha generato. I tetraedri che costituiscono l unita strutturale fondamentale dei silicati sono rappresentati da triangoli gialli al cui centro e situato il Silicio (o l Alluminio), rappresentato da 6

7 punti piccoli blu, e il cui vertice perpendicolare al foglio e occupato da Ossigeno, rappresentato da cerchi vuoti La complessa struttura dei liquidi silicatici si riflette sulle loro proprieta' fisiche; fra di esse di particolare interesse vulcanologico sono la viscosita' e la densita', perche' tali proprieta' condizionano fortemente le modalita' di risalita e fuoriuscita dei magmi. Composizione dei magmi I magmi sono sistemi multicomponenti, chimicamente complessi, variabili in composizione, temperatura, contenuto di cristalli e di volatili. La variabilita dei magmi riflette la diversita della loro storia evolutiva. La loro generazione avviene in genere per fusione parziale dell astenosfera, ma puo realizzarsi anche per fusione di rocce della crosta terrestre (magmi anatettici). Dopo la formazione, essi possono subire cambiamenti considerevoli prima di arrivare in superficie. Essi possono fermarsi per tempi anche molto lunghi in camere magmatiche piu' o meno superficiali e modificare la loro composizione chimica in seguito a processi di cristallizzazione e segregazione dei cristalli formati (frazionamento dei magmi), oppure di reazione con le rocce che li circondano (assimilazione). Molte camere magmatiche funzionano come sistemi aperti: esse possono essere periodicamente rifornite e periodicamente svuotate; tra magmi di nuovo arrivo e magma residente si realizzano allora processi di mescolamento. I principali fattori che controllano le caratteristiche chimiche e mineralogiche dei magmi emessi sono: 1 - la natura della "sorgente", della roccia cioe' che, fondendo parzialmente, genera i magmi; 2 - il grado di fusione parziale della sorgente; 3 - il grado di cristallizzazione del magma formato; 4 - l'entita' del frazionamento di cristalli subito dal magma; 5 - l'entita' della "contaminazione" subita dal magma al contatto con le rocce incassanti; 6 - l'entita' del mescolamento tra magmi e la loro composizione. Fusione Parziale percentuali di fusione uguali percentuali di fusione diverse di rocce diverse danno luogo a di rocce uguali danno luogo a fusi a composizione diversa fusi a composizione diversa Frazionamento man mano che il magma raffredda esso cristallizza; i cristalli hanno composizione diversa da quella del magma; il liquido residuo ha composizione diversa da quello iniziale fuso fuso iniziale = fuso fuso liquido raffreddamento cristalli liquido + residuo Fig A sinistra: La fusione di una roccia costituita da minerali diversi e un processo che inizia a temperatura fissata dalla natura dei componenti e dalla pressione, ma che puo abbracciare un intervallo di temperatura piu o meno ampio in funzione delle proporzioni tra i minerali. La frazione di roccia che fonde e tanto maggiore quanto piu la temperatura e al di sopra della temperatura di inizio del processo, e la composizione del fuso varia, oltre che al variare della roccia-madre, al variare di tale frazione. A destra: Un liquido magmatico raffreddando, cristallizza parzialmente lasciando liquidi sempre meno caldi e a composizione sempre diversa dal liquido iniziale. I cristalli hanno in genere densita superiore al liquido e in determinate circostanze possono separarsi da esso. I processi di questo tipo prendono il nome di frazionamento. 7

8 liquido iniziale raffreddamento del magma riscaldamento e fusione dell'incassante fuso generato neo- residuo refrattario liquido = residuo cristalli rocce incassanti Assimilazione Al contatto con rocce piu' fredde il magma cede calore, raffredda e quindi cristallizza. Se la quantita' di calore ceduto e' sufficiente a fondere porzioni dell'incassante, tra liquido residuo e fuso neogenerato si potra' avere mescolamento magma contaminato magma piu' freddo (residente) + magma piu' caldo = cristalli formatisi dal magma caldo + magma ibrido (mescolato) Mescolamento tra magmi Fig A sinistra: il processo di digestione da parte di un magma di porzioni piu o meno cospicue di rocce solide prende il nome di assimilazione. Da notare che il magma contaminato che il processo produce, puo contenere minerali in totale disequilibrio e di provenienza totalmente diversa. A destra: quando due masse magmatiche a temperatura e composizione diversa vengono a contatto, la piu' calda cede calore, raffredda e cristallizza mentre la piu' fredda si scalda (ed i cristalli che eventualmente essa conteneva fondono). All'equilibrio termico i due liquidi si mescolano (con tempi che dipendono dal rapporto tra le loro viscosita') e formano magmi ibridi. In conseguenza del diverso combinarsi di questi fattori i magmi possono avere composizioni assai diverse. Tali composizioni possono essere studiate solo in parte (attraverso l analisi delle rocce vulcaniche e magmatiche in generale), dal momento che, nel corso dell eruzione o anche della migrazione verso la superficie, gran parte dei gas si separano dal fuso e abbandonano il sistema. Nei magmi eruttati, e quindi nelle rocce vulcaniche, sono solo 10 gli elementi chimici che, insieme, costituiscono piu' del 99% di tutto il materiale presente sulla Terra, con l'ossigeno che, da solo, ne forma quasi il 50%. Dal momento che le proporzioni tra l'ossigeno e gli altri elementi sono fissate dalle rispettive valenze, e' abitudine riportare le composizioni di magmi e rocce in termini di ossidi piuttosto che di elementi. Una tale procedura non e altro comunque che un metodo conveniente di schedatura chimica per tabulare e confrontare tra loro composizioni le unita' essenziali sono in realta' ioni e gruppi ionici. Il costituente piu' abbondante delle rocce magmatiche e' la silice (SiO2) che varia tra valori minimi di 35-40% in peso a valori massimi superiori al 75%. L aumentare del contenuto in silice e accompagnato da diminuzioni piu o meno rego lari di tutti gli altri componenti tranne gli alcali (Na2O e K2O). Semplificando in maniera brutale, i magmi (e le rocce magmatiche) relativamente ricchi in elementi che costituiscono i minerali che si formano temperatura piu alta (Mg, Ca) possono essere 8

9 considerati piu primitivi dei magmi ricchi invece in elementi (Na, K) che entrano preferibilmente nei minerali piu freddi. Tabella Abbondanza media degli elementi nelle rocce vulcaniche elemento % in peso ossigeno silicio alluminio 8.08 ferro 6.08 calcio 3.61 sodio 2.83 potassio 2.58 magnesio 2.09 titanio 0.72 fosforo 0.16 altri 0.84 Tabella Abbondanza media dei principali ossidi nelle rocce. basalto hawaiite mugearite trachite andesite dacite latite riolite basa nite tefrite fonolite Nefelinite SiO TiO Al2O Fe2O FeO MnO MgO CaO Na2O K2O P2O Fig Contenuto relativo di alcali e SiO2 nelle rocce vulcaniche e nei magmi. Le variazioni reciproche dei componenti chimici delle rocce magmatiche non seguono quindi leggi stocastiche ma mostrano tra loro relazioni razionali, spesso di valore generale, che sono il risultato 9

10 dei processi liquido-cristalli che sono alla base delle maggiori variazioni' composizionali dei magmi. A livello di regolarita' di variazione la somma degli alcali (Na2O+K2O) e la silice sono i due parametri piu' significativi, le cui variazioni reciproche permettono di definire con buona approssimazione i campi occupati dai principali t ipi di roccia vulcanica (e di magmi). Si trova quindi che tutte le rocce di un certo tipo, cioe' con un certo nome (definito storicamente su basi mineralogiche, o chimiche) cadono in una campo relativamente ristretto di variabilita' SiO 2-( Na2O+K2O) (fig.2.10). I volatili nei magmi - La natura dei gas magmatici ( componenti volatili ) puo essere studiata attraverso il campionamento e l analisi diretta delle emissioni da fumarole o da colate laviche, come pure attraverso l analisi della composizione di piccole porzioni di fuso intrappolate da cristalli ( inclusioni vetrose e fluide ). Nel primo caso la precisa stima della composizione dei gas originariamente liberatisi dal magma e difficoltosa a causa delle reazioni che si svolgono successivamente all interno della miscela gassosa e tra gas e ambiente al variare di temperatura e pressione. Per una stima della composizione pre-eruttiva dei gas, le composizioni misurate vanno sempre corrette e trasformate in concentrazioni di equilibrio e devono essere associate a un analisi dei prodotti degassati. Nel secondo caso si possono ottenere informazioni affidabili sulla quantita e natura dei volatili presenti nel magma, ma le dimensioni del campione impediscono in genere l analisi delle specie meno abbondanti. Fig Fumarola del vulcano Kilauea (isole Hawaii). Cristalli gialli di Zolfo nativo si sono depositati attorno alla fenditura fumarolica per raffreddamento dei vapori ricchi in Zolfo elementare. Foto di R.L. Christiansen, Tratta dal sito: L analisi diretta dei gas vulcanici ha mostrato che essi contengono un limitato numero di elementi come specie molecolari diverse: H, C, O, S, N, Cl, F, Br. L idrogeno e l elemento piu abbondante, essenzialmente presente come H2O e, in misura molto minore come H2. L anidride carbonica CO2 e dominante tra le specie del Carbonio, tra le quali e presente anche CO. L anidride solforosa (SO2) e il solfuro d idrogeno (H2S) sono le specie principali dello Zolfo. Gli alogeni sono essenzialmente presenti come acidi (HCl, HF, HBr), mentre l azoto e presente esclusivamente come N2. I rapporti tra le diverse specie sono abbastanza variabili da vulcano a vulcano, ma in ogni caso H2O e CO2 sono sempre le specie di gran lunga predominanti. 10

11 Fig Composizione di equilibrio (temperature e pressione sono indicate) di gas campionati nel corso di eruzioni La quantita di volatili disciolti nei magmi prima dell essoluzione e assai variabile. I magmi piu primitivi sono in genere i piu poveri in volatili (spesso con un contenuto complessivo inferiore all 1% in peso). Al diminuire della temperatura e all aumentare del grado di evoluzione de l magma quasi tutte le specie volatili tendono ad aumentare la loro concentrazione nel fuso (con l eccezione delle specie dello S). Le concentrazioni massime complessive, per magmi stagnanti a medio-bassa pressione, non dovrebbero superare il 5-6% in peso. 11

12 Temperatura e densita dei magmi - A pressione atmosferica, i magmi hanno temperature e densita comprese rispettivamente tra 700 e 1200 C e 2300 e 2700 kg/m3. La variabilta' delle temperature e delle densita delle diverse composizioni di magma e' abbastanza limitata e tipica di ciascuna composizione. I magmi piu freddi (e quindi piu evoluti) sono anche i meno densi in virtu della loro composizione, povera negli elementi piu pesanti (essenzialmente Fe) e ricca in quelli piu leggeri (essenzialmente silicio e alluminio). Temperatura e densita aumentano con l aumentare della pressione. La temperatura dei magmi puo essere misurata direttamente sulle colate di lava attraverso termocoppie inserite nella lava o pirometri per la misura a distanza, oppure valutata attraverso lo studio dei cosidetti geotermometri (associazioni di minerali e minerali-vetro la cui composizione e molto sensibile alle variazioni di temperatura) e delle inclusioni vetrose nei minerali. Fig La variabilita' della composizione e della temperatura dei magmi Fig Misure di temperatura delle lave. A sin: misura attraverso termocoppie inserite direttamente nella colata. Nel caso fotografato la misura e facile perche il flusso di lava e quasi fermo, e comodo avvicinarsi ad esso e restarci il tempo sufficiente perche la termocoppia si equilibri nel fuso (foto di P. Mouginis-Mark). Ma non e sempre cosi, e un famoso vulcanologo, George Walker, una volta ebbe a dire: la temperatura di una colata di lava e inversamente proporzionale al confort del vulcanologo che fa la misura!. A destra: misurata a distanza attraverso strumenti all origine predisposti per misurare le temperature negli altoforni. Tratte dal sito: 1

13 Fig Da sinistra: variazione della densita' dei magmi in funzione della temperatura (pressione = 1 bar), della pressione e della composizione, espressa dal contenuto in silice. Termometria ottica - Un cristallo in crescita da un magma puo, in particolari circostanze (per es. una crescita rapida), intrappolare piccolissime gocce del fuso dal quale si sta formando. Nelle rocce vulcaniche (soprattutto se piroclastiche) queste gocce di magma appaiono congelate nel minerale che le ospita e sono costituite da vetro e da una bolla dovuta alla contrazione differenziale del vetro rispetto al cristallo. La tecnica fondamentale nello studio termometrico delle inclusioni e basata sull'osservazione al microscopio ottico dei cambiamenti nelle inclusioni in condizioni di riscaldamento controllato. La temperatura alla quale si ha omogenizzazione totale dell'inclusione in una sola fase liquida dopo la fusione del vetro (con riassorbimento della bolla di contrazione) può essere considerata equivalente alla temperatura minima di intrappolamento che, vista la relativa incompressibilità dei liquidi silicatici (che rende trascurabile la correzione per la pressione), la temperatura di omogenizzazione viene considerata equivalente alla temperatura di cristallizzazione del minerale ospite. Viscosita dei magmi - Si puo definire viscosita' la resistenza opposta da una sostanza a deformarsi sotto l'azione di una sollecitazione meccanica. Per sostanze fluide la viscosita e la resistenza opposta allo scorrimento. dx/dt σ z 2

14 Una forza di taglio σ applicata ad un fluido imprime ad esso una velocita' dv=dx/dt che dipende da una costante propria del fluido che e la viscosita η. σ = η(dx/dt) All'interno del suo spessore z, il fluido e' caratterizzato da un gradiente di velocita' (dv/dz). Si ha quindi: σ = η(dv/dz) Per uno stress applicato costante, ugualmente costante sara' la velocita' di flusso. Al momento in cui lo stress e' rimosso il liquido smette di fluire. La viscosita' tangenziale nei fluidi e' allora definita dal rapporto tra lo sforzo applicato e la "deformazione" (espressa da un gradiente di velocita'): Fig I diversi possibili comportamenti in un diagramma che illustra la velocita acquisita da un fluido viscoso in relazione alla forza ad esso applicata. OA = fluido newtoniano a bassa viscosita' OB = fluido newtoniano ad alta viscosita' OCD = fluido di Bingham con soglia di snervamento = OC OEF = fluido pseudoplastico I fluidi che seguono questa legge, conosciuta come legge di Newton della viscosita, vengono detti newtoniani. In un grafico [σ in funzione di dv/dz] il loro comportamento e rappresentato da rette passanti per l'origine, con pendenza uguale a η. Esistono altri fluidi, non newtoniani, che hanno comportamento diverso. In particolare lo scorrimento dei fluidi detti di Bingham e condizionato dal superamento di una soglia minima di sforzo applicato (limite di plasticita o soglia di snervamento). Quando tale soglia e superata, il comportamento di questi fluidi diviene identico a quello dei fluidi newtoniani. L unita di misura della viscosita nel sistema CGS e il poise che corrisponde alla forza che deve essere applicata su un cm2 di superficie per mantenere una differenza di velocita di un cm/s tra due strati distanti un cm. Nel sistema SI l unita di misura e il Pascal secondo (Pa s = 10 poise). 3

15 Fig La notevole variabilita della viscosita dei magmi e valutabile attraverso le forme della lava raffreddata. Sin. alto : lava basaltica a bassa viscosita, Hawaii 1987; sin. basso: lava riolitica ad alta viscosita, Lipari; destra: lava ad altissima viscosita, spina del vulcano La Pelee (Martinica) estrusa alal fine dell eruzione del 1902 I principali fattori che influiscono sulla viscosita dei magmi sono: la composizione chimica, la temperatura, il contenuto in elementi volatil, il contenuto in particelle solide. Piu alto e' il contenuto in silice, piu' alta e' la viscosita'. Lo stato strutturale dei fusi silicatici da ragione del ruolo del silicio nell'aumentare la viscosita' del fuso, nonche' del ruolo degli ioni a debole carica nel diminuirla. Piu' alta e' la temperatura, piu' bassa e' la viscosita'. La variabilita' della temperatura delle diverse composizioni magmatiche reali e' modesta, essendo in genere il campo delle temperature abbastanza tipico di ogni composizione. I magmi hanno infatti scarsa capacita' di fluire a temperature significativamente inferiori alle loro temperature di totale fusione (detta anche temperatura di liquidus), e, d'altra parte, e' molto difficile che in natura si formino magmi soprariscaldati. Quando i volatili sono disciolti nel magma essi tendono ad abbassarne la viscosita'. All'interno del fuso essi sono infatti generalmente presenti come anioni monovalenti (F-, Cl-, OH-, HCO3-, ecc.) che, sostituendo l'ossigeno ai vertici dei tetraedri, impediscono la connessione tra tetraedri, interrompendo la catena - O - Si - O - Si - OH. Diverso e' il discorso quando le condizioni del sistema inducono la liberazione dei gas che formano bolle che tendono ad abbandonare il magma. Il sistema e' allora bifase (gas+liquido) e la parte liquida, impoverita in volatili, sara' piu' viscosa del sistema omogeneo (monofase liquido) di partenza; ma la miscela liquido + bolle (di fatto una schiuma) nel suo complesso avra' viscosita' inferiore a quella del monofase liquido. Le particelle solide presenti nei fusi silicatici possono essere costituite da cristalli o da xenoliti. La loro presenza aumenta la viscosita' del magma semplicemente a causa degli effetti di frizione. Conseguenza di cio' e' anche l'aumento marcato della soglia di snervamento nei fusi silicatici quando il liquido comincia a cristallizzare. 4

16 riolite dacite temperatura ( C) andesite basalto volume % di cristalli 108 riolite (900 C) 106 dacite (1000 C) 104 andesite (1150 C) 102 basalto (1250 C) H 2O % in peso Fig Variazioni della viscosita' dei fusi magmatici. A sinistra: in funzione della temperatura alla pressione di 1 bar. (tutte le composizioni sono prive di volatili); al centro: in funzione della quantita' di cristalli presenti nel fuso. (valori calcolati per una tefrite leucititica del Vesuvio con contenuto in H2O costante di 0.7% in peso); a destra: in funzione del contenuto in acqua disciolta, con temperatura costante per ogni composizione e pressione di 1 bar La solubilita dei componenti volatili nei magmi - Una delle caratteristiche piu' tipiche dell'attivita' vulcanica e' la liberazione, qualche volta tranquilla, qualche altra violentissima, dei gas contenuti nel magma kb kb kb riolite (850 C) basalto (1200 C) H2O peso % Fig Solubilita' dei volatili nei fusi silicatici: a sinistra: la solubilita' dell'acqua e della CO2 e' maggiore nei fusi riolitici che in quelli basaltici. A destra: composizioni di saturazione H2O+CO2 a diverse pressioni (fase vapore presente) in fusi riolitici a 850 gradi e saturi in H2O+CO2. Ridisegnato da Wallace & Anderson, 2000, Encyclopedia of Volcanoes, Academic Press, san Diego Pressione (kb) Nel corso della sua risalita verso la superficie il magma, contenente volatili disciolti, raggiunge ad un certo momento, per decompressione, la sovrasaturazione in tali componenti. Essi si liberano e tendono ad abbandonare il sistema che ora e costituito da un fuso silicatico, particelle solide e gas in svolgimento. Le diverse modalita' di formazione del piromagma condizionano le differenti tipologie di eruzione vulcanica. 5

17 I dati esistenti indicano comunque che la componente di gran lunga prevalente tra le specie volatili disciolte nel magma e' l'h2o, cui si associano quantita', talora rilevanti di CO2, mentre minore abbondanza presentano HCl, HF, H2S, SO2, SO3, S, gas rari, N2, NH3. In linea di principio, nei magmi silicatici, la solubilita' di ogni componente volatile 1. aumenta all'aumentare della pressione 2. diminuisce all'aumentare della temperatura 3. diminuisce all'aumentare della quantita' degli altri volatili 4. varia di poco, a T costante, al variare della composizione del fuso Formazione e migrazione dei magmi Il mantello terrestre e' un solido cristallino che si trova ad una temperatura in genere vicina alla sua temperatura di solidus (cioe' la temperatura alla quale esso comincia a fondere). In circostanze adatte e particolari, esso puo arrivare ad intersecare la curva del solidus, tipica della sua composizione e delle condizioni fisiche (essenzialmente la pressione) che le competono. Si formano allora quantita' di liquido variabili in funzione della quantita' di calore disponibile. In prima approssimazione il grado di fusione parziale e proporzionale alla differenza ( T) tra la temperatura a cui il processo sta avvenendo e la temperatura di solidus: T=(Ql/Cp)f dove Ql e' il calore latente di fusione, Cp il calore specifico del liquido a pressione costante e f la porzione di fuso formata (da 0 a 1). Fig Diagramma semplificato che mostra come il gradiente geotermico medio (geoterma) non sia compatibile con l'inizio della fusione ("solidus") di un mantello "normale" (cioe' anidro). La generazione di magma puo' avvenire per fusione per decompressione in seguito a risalita di mantello (freccia nera) o per fusione di mantello modificato da fluidi, che ne abbassano la temperatura di solidus (solidus idrato). Modificato da Perfit M.R. & Davidson J.P, 2000: Plate tectonics and Volcanism, in Encyclopedia of Volcanoes, Academic Press. In condizioni "normali" il mantello (costituito da rocce peridotitiche) e' secco e l'aumento di temperatura con la profondita' (indicato dalla geoterma) non e' compatibile con l'inizio della fusione ("solidus"). I magmi si formano attraverso due meccanismi connessi a particolari condizioni geodinamiche: 1. fusione parziale di un mantello normale (secco) causata da una diminuzione di pressione connessa alla risalita di masse calde profonde (vulcanismo dei punti caldi e dei margini divergenti); 6

18 2. fusione parziale di un mantello modificato da fluidi che idratano il mantello e ne abbassano la temperatura di solidus (vulcanismo dei margini convergenti). Il magma si forma per lo piu a seguito della fusione parziale di peridotiti del mantello astenosferico. In un tale sistema, plastico ad alta viscosita, quando sufficiente liquido e' prodotto (il sistema diventa permeabile), esso puo' migrare verso la superficie mentre la matrice solida e libera di deformarsi, collassando. La mobilita' del liquido prodotto viene controllata essenzialmente da tre parametri: (1) la gravita', che agisce sul contrasto di densita' liquido/solido; (2) la presenza eventuale di pressioni differenziali che possono facilitare la risalita del liquido; (3) le variazioni di energia di superficie, che favoriscono la concentrazione del liquido in corrispondenza degli spigoli lungo i quali si realizza un contatto multiplo tra granuli minerali (giunzioni triple). In queste condizioni il magma si sposta con una velocita (Vm) che dipende dalla viscosita e dalla densita : Vm = ρgr2f/ηx dove ρ e il contrasto di densita' tra roccia e magma, g e' l'accelerazione di gravita', R il raggio medio dei cristalli, f la frazione di fuso formato, ηla sua viscosita', X una costante che dipende dalla porosita' e permeabilita' del mezzo e dalle dimensioni dei canali di scorrimento. La mobilita' del magma e' quindi tanto maggiore quanto piu' leggero e' il liquido rispetto al solido, e quanto meno viscoso e' il liquido. Cio' significa che quando il magma in migrazione incontra rocce a densita' minore di quelle a cui si era formato, esso rallentera' e potra' accumularsi; una situazione analoga si potra' avere a seguito di un rallentamento legato ad un aumento di viscosita' della testa della colonna in risalita se questa, per esempio, incontra rocce piu' fredde. Quando il magma raggiunge gli strati superiori dell'involucro terrestre (la litosfera) esso e' soggetto a meccanismi di trasferimento condizionati dal comportamento rigido del mezzo attraversato. Vari meccanismi possono essere invocati per la risalita dei magmi: - "fusione zonale" e stoping (il magma risale fratturando e fondendo in parte le rocce sovrastanti i cui residui affondano nel liquido); - tettonica compressiva o traslazionale che "strizzerebbe" il magma verso la superficie); - galleggiamento del magma all'interno di rocce piu' dense. 7

19 Fig Fratture riempite di lava ( dicchi ) nell isola di Tenerife (Arcipelago delle Canarie, foto Santacroce a sin.) e nella Provincia del Capo, Sud Africa (foto D.L. Reid, A.J. Erlank,D.C. Rex, S. Afr. J. Geol., 1991). Nel corso dell ascesa il magma potra' in realta' seguire leggi diverse a causa della variabilita' dei caratteri fisici della litosfera, ma il meccanismo certamente piu frequente e' la migrazione del magma all interno di fratture, di cui sono evidenza i dicchi che tagliano i fianchi erosi di molti vulcani, ma anche il basamento sedimentario o metamorfico o il mantello litosferico. Il progressivo accumulo di magma alla base della litosfera puo creare una sovrapressione sufficiente ad originare una frattura che si apre lentamente dal basso verso l'alto. Il magma riempie la frattura fino a che essa raggiunge una lunghezza critica, superata la quale la frattura migra lentamente verso l'alto richiudendosi verso il basso con una velocita' di risalita che dipende dal contrasto di densita' tra magma ed incassante. Fig Dicchi emergenti per erosione differenziale - Isola di Tenerife (arcipelago delle Canarie) Foto Santacroce 8

20 Al passaggio mantello litosferico-crosta ( Moho ) la densita' delle rocce incassanti si abbassa ed ai magmi (in genere piu' densi) e' preclusa la risalita per semplice contrasto di densita'. Ma l apertura della frattura comporta la depressurizzazione del magma alla base della frattura stessa, con conseguente abbassamento della solubilta' dei volatili e liberazione di bolle di gas. Queste gonfiano il fuso, ne riducono la densita' apparente e lo trascinano verso l'alto. La propagazione delle fratture e facilitata ed accelerata da un altro fenomeno: i volatili liberati dal magma alla punta della frattura sono chimicamente aggressivi (HCl, HF, H2S, ecc.) e, reagendo con l'incassante, ne riducono significativamente la resistenza alla fratturazione: ne conseguira' che la frattura potra' propagarsi anche senza aver raggiunto la sua lunghezza critica. La fuoriuscita del magma I volatili disciolti nel magma condizionano in larga misura la natura delle eruzioni vulcaniche. Al momento della loro formazione i magmi sono in genere lontani dalla saturazione in volatili, ma nel corso della risalita verso la superficie essi si avvicinano progressivamente alle condizioni di saturazione. Sappiamo infatti che la solubilita' dei volatili nel magma diminuisce al diminuire della pressione e quindi, in prima approssimazione, della profondita'. Quando la loro pressione parziale uguaglia la pressione confinante, i volatili cominceranno a liberarsi dal magma come fase indipendente (essoluzione dei gas). Piu' alto e' il contenuto in volatili disciolti, piu' elevata sara la profondita' alla quale comincia l'essoluzione. L'essoluzione dei componenti volatili indotta dall abbassamento di pressione prende il nome di essoluzione per decompressione o ebollizione primaria dal momento che essa si riflette nella formazione di bolle che tenderanno ad abbandonare il sistema. In questo esse sono pero ostacolate dalla viscosita del fuso, che aumenta anche in relazione alla essoluzione dei volatili. Al crescere della quantita' di bolle che non riescono a liberarsi, il rapporto di volume gas/liquido aumenta, il sistema gonfia e, in condizioni di condotto non ostruito, la velocita' di risalita aumenta. Se il magma esce in questa condizione (cioe come liquido continuo contenente una quantita' variabile di bolle), si avra l emissione di colate laviche e l eruzione sara detta effusiva. Ma nei magmi piu ricchi in gas, che sono anche i piu viscosi, la superficie di essoluzione e piu profonda e l'aumento del rapporto tra bolle incapaci di abbandonare il sistema e liquido puo proseguire fino a essere non piu' compatibile con un sistema liquido continuo: si arriva cosi alla frammentazione del magma, che uscira' in superficie come miscela gas-particelle liquide (e solide). Sono queste le eruzioni esplosive. 9

21 Fig Eruzioni effusive ed eruzioni esplosive. Le eruzioni effusive sono legate a magmi piu poveri in volatili e, in genere, meno viscosi. La superficie di essoluzione dei volatili e abbastanza superficiale. I magmi emessi nel corso delle eruzioni esplosive sono piu ricchi in volatili, piu freddi e piu viscosi. Di conseguenza piu' elevata e' la profondita' alla quale comincia l'essoluzione dei gas e maggiore e la difficolta dei gas essolti a liberarsi. Quando il rapporto tra bolle e liquido raggiunge un valore limite non piu' compatibile con un sistema liquido continuo il magma frammenta (e livello di frammentazione e' detta la profondita' nel condotto a cui il fenomeno si verifica). Fig Sopra: Spettacolare visione notturna di una modesta esplosione stromboliana del Cerro Negro, un vulcano del Nicaragua, nel Copyright Robert Decker, dal sito: A destra litografia di V.Day e figlio raffigurante una fase esplosiva dell eruzione del Vesuvio dell'ottobre In G. Poullet Scrope, Masson,

22 LA DISTRIBUZIONE DEI VULCANI SULLA SUPERFICIE TERRESTRE La maggior parte dei vulcani attivi si trova distribuito nelle zone di espansione e di subduzione. E in corrispondenza di tali aree, infatti, che, all'interno della Terra, si realizzano le condizioni per la formazione dei magmi e per il loro trasporto verso la superficie terrestre. Alcuni vulcani sono pero ubicati all interno delle placche, in connessione a situazioni geodinamiche particolari: punti caldi e rifts continentali. Vulcani delle zone di espansione Piu del 60% del magma che fuoriesce sulla superficie terrestre si forma lungo i margini divergenti, in corrispondenza delle dorsali medio-oceaniche (che non sempre si trovano, pero, in mezzo agli oceani). Esse costituiscono catene lunghe migliaia di chilometri che si elevano per m. dal fondo degli oceani e rappresentano il piu grande e continuo sistema vulcanico della Terra. Fig Sezione schematica attraverso una dorsale oceanica. Le frecce nere mostrano le linee di flusso divergenti e simmetriche del mantello astenosferico al di sotto della zona assiale. Al di sopra di una certa profondita' l'astenosfera in risalita incontra condizioni che ne provocano la fusione parziale e i fusi si muovono convergendo verso l asse della dorsale. Da qui, attraverso processi piu o meno complessi, essi fuoriescono creando nuova crosta oceanica. L'astenosfera impoverita da questo processo continua a risalire e, fluendo lateralmente, va a formare nuovo mantello litosferico, anch esso impoverito.ridisegnato da S.J. Sparks, 1992, Magma Generation in the Earth In: Understanding the Earth, Cambridge University Press, In corrispondenza dell asse delle dorsali si ha continua, lenta ascesa di mantello caldo astenosferico che spinge da parte la litosfera fredda. Il mantello in risalita e' sottoposto ad un forte abbassamento di pressione, massimo al di sotto dell'asse della dorsale. I principi della termodinamica e studi sperimentali mostrano che ad un abbassamento di pressione corrisponde una diminuzione della temperatura di inizio della fusione. E facile quindi che la decompressione provochi la fusione parziale e quindi la formazione di magma, che si separa dal solido e va a formare serbatoi magmatici subsuperficiali che alimentano il vulcanismo. In queste condizioni di formazione i magmi hanno composizione essenzialmente basaltica. Essi, sia che arrivino in superficie come lave basaltiche o raffreddino in profondita a dare intrusioni gabbriche, formano nuova crosta oceanica. Alla formazione di nuova litosfera contribuisce anche, fluendo lateralmente, l'astenosfera impoverita dalla separazione del magma.

23 Nonostante la sua sostanziale continuita il sistema vulcanico delle dorsali oceaniche e divisibile in segmenti di lunghezza variabile, i piu estesi dei quali sono limitati da grandi zone di frattura trasversali rispetto alla dorsale temperatura ( C) Fig Fusione per decompressione dell astenosfera. Porzioni di mantello a temperatura diversa in funzione della profondita di provenienza (tre casi mostrati) risalgono verso la superficie e intersecano la curva di solidus (inizio della fusione). Le curve tratteggiate mostrano l entita della fusione parziale in volume %. Ridisegnato da S.J. Sparks, 1992, Magma Generation in the Earth In: Understanding the Earth, Cambridge University Press, Vulcani degli archi insulari e dei margini continentali Uno degli apparenti paradossi delle subduzione e che lo sprofondamento di materiale denso e freddo in un astenosfera solida (anch essa fredda o comunque al di sotto della sua temperatura di inizio di fusione), e tipicamente associato a esteso magmatismo. La spiegazione e in realta abbastanza semplice e coinvolge due fenomeni diversi: - l acqua introdotta nel cuneo astenosferico soprastante la placca in subduzione abbassa la temperatura di inizio di fusione delle rocce dell astenosfera e consente la formazione di magmi (fusione parziale della peridotite idrata, vedi fig. 2.20) in un intervallo abbastanza ristretto di profondita (intorno ai km). La risalita di questi magmi e all origine della formazione degli archi vulcanici. Il vulcanismo in quest'ambiente può essere altamente esplosivo a causa dell'elevato contenuto in volatili del magma. - la discesa della placca dentro l astenosfera induce lo spostamento verso l alto di porzioni calde di astenosfera, provocandone la fusione parziale (per decompressione) e la generazione di magma. Il vulcanismo dei bacini retroarco e legato a questo processo. Ove la collisione si realizzi tra due placche oceaniche, il vulcanismo di retroarco avra caratteristiche molto vicine a quelle dei margini in distensione. Ove invece il bacino retroarco sia impostato su crosta continentale, i magmi che fuoriescono avranno alta probabilita di essere modificati per processi di interazione con la crosta, i vulcani saranno piu esplosivi e saranno comuni le grandi eruzioni ignimbritiche. Gli archi sono caratterizzati da una catena di vulcani subparallela alla fossa, spesso suddivisa in segmenti separati da zone prive di vulcanismo (che dovrebbero essere connesse a placche a angolo di immersione molto basso). Tale segmentazione puo essere significativamente condizionata dalle strutture della placca superiore, ma in genere riflette la geometria della placca subdotta, e in particolare la sua articolazione in fette (slabs) a diversa immersione. La distanza tra i vulcani di un arco ( volcano spacing ) non e casuale e in media puo essere assunta intorno ai 70 km.

24 Vulcani interni alle placche I vulcani non si trovano soltanto sui margini delle placche litosferiche ma anche, piu raramente, al loro interno, in corrispondenza di strutture tettoniche particolari ( rift valleys continentali ) e di quelli che vengono chiamati punti caldi (hot spots). I punti caldi vengono interpretati come manifestazioni superficiali di celle di convezione tubulari ( pennacchi caldi o hot plumes), stazionarie all interfaccia nucleo-mantello (fig.i.3), che portano continuamente in superficie materiale caldo astenosferico. Lo scorrimento di una placca litosferica sopra un punto caldo e marcato da un allineamento di vulcani di cui solo il piu recente (ancora sul punto caldo) e' attivo. Queste catene vulcaniche, di cui le isole Hawaii sono l esempio piu didattico e famoso (fig.2.29), rappresentano punti di riferimento fondamentali per ricostruire il movimento delle placche. Fig Il magma viene generato in un volume relativamente ristretto di astenosfera al di sopra della placca in subduzione. L instabilita fluidodinamica del magma, meno denso del mantello solido circostante, induce la formazione, a distanza grossolanamente costante una dall altra, di colonne permanenti di risalita di magma. La profondita all incirca costante alla quale si forma il magma fa si che la distribuzione in superficie dei vulcani sia controllata dalla geometria della placca in subduzione. Ridisegnato da: Moores and Twiss, Tectonics, Freeman & Co., New York, 1995 Fig Illustrazione schematica del movimento della placca pacifica sopra il punto caldo di Hawaii, fisso nella sua posizione, che illustra la formazione della catena vulcanica delle Hawaii. Tratto dal sito dell USGS, Hawaiian Volcanoes Observatory, modificato da un disegno di Maurice Krafft. Le rift valleys continentali e i grandi impilamenti di colate laviche (plateaux basaltici) sui quali le rift valleys in genere si impostano, possono essere interpretate come strutture legate ai fenomeni iniziali della separazione tra placche litosferiche. E probabile che anch esse siano da mettere in relazione con la presenza di punti caldi. Alcuni punti caldi si trovano infatti al centro di giunzioni

25 triple che, formatesi all interno di una placca, portano progressivamente alla sua frammentazione in tre parti. L esempio piu chiaro di questa situazione e rappresentato dal punto triplo dell Afar (fig.2.31). Su di esso confluiscono il Mar Rosso (margine divergente giovane che separa la placca nubiana da quella araba), il Golfo di Aden (margine divergente maturo che separa la placca araba da quella somala) e la Rift Valley est-africana (margine divergente embrionale che separa la placca somala da quella nubiana).

26 Fig Posizione dei principali punti caldi. Modificato da USGS, This Dynamic Planet Fig Schema della tettonica a placche nell area del punto triplo dell Afar. Le parti scure (M.Rosso e Golfo di Aden, indicano la natura oceanica della crosta. Modificato da Kearey & Vine, in Tettonica Globale, Zanichelli,1994

27 Eruzioni effusive di magmi viscosi Le colate di lava a composizione intermedia (andesitica, dacitica, ecc.) sono caratterizzate da superfici costituite da blocchi grossolanamente poliedrici che passano in basso a lava massiva. Nella parte interna queste lave sono talvolta finemente stratificate, frequentemente con i cristalli isorientati; questa foliazione e attribuibile all attrito sviluppato in regime di flusso laminare. Le lave piu viscose (a composizione riolitica o trachitica) hanno litologie molto variabil. Ossidiane nere, vetrose, compatte costituiscono talvolta uno spesso guscio rigido attorno al corpo principale litoide; esse si formano per brusco sovraraffreddamento del magma. Nelle ossidiane sono spesso presenti sferuliti, aggregati radiali di feldspato alcalino e silice, che si formano per ricristallizzazione secondaria. Livelli pomicei o ossidianaceo-pomicei si possono ritrovare intercalati con livelli ossidianacei e livelli sferulitici, e testimoniano dell essoluzione dei volatili (pochi) presenti nel magma durante lo scorrimento della colata. La componente litologica principale della maggior parte delle colate riolitiche e la lava litoide finemente foliata, che si forma per micro- e criptocristallizzazione del magma durante o dopo la messa in posto. Bande e lenti di perlite si formano per idratazione dell ossidiana che assorbe acqua dall atmosfera circostante; lo spessore della corteccia perlitica cresce con il tempo (a parita di altre condizioni quali composizione dell ossidiana e clima) secondo leggi abbastanza precise (il quadrato dello spessore cresce tra 0.5 e 30 micron2 ogni 1000 anni). Fig Lava andesitico-basaltica a blocchi del Monte Shasta (USA). La colata e lunga 6 km, spessa 110 m e ha circa 9700 anni. La Highway 97 si vede nella parte bassa della foto. U.S. Geological Survey (Figure 5 from Miller,1980). Fig Tipica morfologia di una colata lavica viscosa a composizione trachitica. Vulcano Hayligub nella catena dell Erta Ale (Afar, Etiopia). Foto Barberi, g.c. La superficie superiore delle colate viscose e tipicamente rugosa e a blocchi e su di essa si riconoscono spesso creste arcuate, grossolanamente concentriche, convesse nel senso del flusso. Queste creste sono state interpretate in vari modi: rampe rigide legate alla foliazione, pieghe sulla superficie (analoghe alle corde delle lave basiche), spremiture di magma piu fluido attraverso lacerazioni della crosta viscosa. Nel caso della colata ossidianacea delle Rocche Rosse a Lipari la foliazione subverticale indica che le creste, in quel caso, rappresentano strutture a rampa (fig. 2.48).

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE Tettonica a placche FRATTURAZIONE Della LITOSFERA MOVIMENTO Delle PLACCHE Placche Frammenti di litosfera Crosta continentale Crosta oceanica Crosta continentale + Crosta oceanica Cosa succede? Prima

Dettagli

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross.

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un SUPER VULCANO si nasconde non solo sotto i CAMPI FLEGREI ma anche sotto il meraviglioso

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

unità 12. I fenomeni vulcanici

unità 12. I fenomeni vulcanici Prodotti dell attività vulcanica materiali aeriformi materiali solidi vapore acqueo anidride carbonica composti dello zolfo, dell azoto, del cloro colate di lava (rocce effusive) piroclastiti Tipi di eruzione

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI dal latino terrae motus ossia movimento della terra. CO): deriva dal greco seismos ossia scuotimento. : deriva dal latino Tellus che era la dea romana della Terra. significano

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Struttura della Terra Lo studio delle onde sismiche ha fatto ipotizzare agli scienziati che la Terra sia formata da :tre principali strati La crosta terrestre

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene I vulcani si manifestano con diversi tipi di struttura a seconda delle loro caratteristiche magmatiche e della loro eruzione. Queste diverse strutture vulcaniche vengono anche definite con il termine di

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Prot. int. n UFVG2004/104 Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Rosa Anna Corsaro - Lucia Miraglia Il campionamento dei prodotti emessi nel corso dell eruzione etnea del

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE!

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! MANUALE TECNICO IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! Indice : - Introduzione - Come si forma il calcare? - Processo di nucleazione - Azione dell inibitore sulla formazione del calcare

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa PANTELLERIA L'isola di Pantelleria è situata nel Canale di Sicilia a 70 km dalla costa africana e a circa 100 km dalla costa sud-orientale siciliana. La sua superficie è di circa 83 kmq e la sua altezza

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME Tecnico

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Proprietà meccaniche Prove meccaniche prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Prova di trazione provini di dimensione standard deformazione

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM)

LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM) LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM) Con il termine grotte vulcaniche si intendono tutte le cavità formate, direttamente o indirettamente, da attività vulcanica. Ingresso

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7 TECNOLOGIA MECCANICA Parte 7 La principale differenza è legata alle forme che sono generalmente faae in leghe metalliche (acciai legac) in modo da essere uclizzate per un numero elevato di geg. Si uclizzano

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Come si presenta la materia? DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Il criterio per distinguere i materiali è la presenza di una o più FASI porzioni di materia fisicamente distinte tra loro delimitate da nette

Dettagli

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 V2.1 - Dinamica dei magmi, dei fluidi e delle rocce Studi sperimentali sulla reologia dei fusi silicatici. Studi sperimentali sui processi interazione tra rocce

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo Dipartimento di Chimica, Università di Bari Aldo Moro CAMPUS, via Orabona 4, 70126 Bari pietro.favia@uniba.it, gerardo.palazzo@uniba.it

Dettagli

Alcune proprietà dell aria

Alcune proprietà dell aria SCIENZE La Terra L aria, come già sai, è composta sostanzialmente di gas, ed è invisibile, tanto che normalmente non ci accorgiamo della sua presenza e finiamo per considerarla qualcosa di astratto. Ma

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

Teoria della tettonica delle placche

Teoria della tettonica delle placche Teoria della tettonica delle placche Un po di storia L idea di una Terra mobile nasce nel 1910 ad opera di Wegener (pubblicazione in forma completa 1915) Egli osservò la concordanza delle coste atlantiche

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Energia Geotermica

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Energia Geotermica UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Energia Geotermica La struttura della Terra Il calore geotermico si genera per decadimento di sostanze radioattive e si propaga verso la superficie

Dettagli

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL.

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL. L'ARIA L'aria è una cosa leggera che ricopre tutta la terra come copre la buccia la pera ma nessuno la vede o l'afferra E' una specie di fumo lucente e anche se non si vede con gli occhi, la respira col

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

L ARIA NEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

L ARIA NEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE FOCUS TECNICO L ARIA NEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE PROBLEMATICHE LEGATE ALLA PRESENZA D ARIA NEGLI IMPIANTI I problemi dovuti all aria contenuta negli impianti idronici possono essere gravi e fastidiosi

Dettagli

Si classifica come una grandezza intensiva

Si classifica come una grandezza intensiva CAP 13: MISURE DI TEMPERATURA La temperatura È osservata attraverso gli effetti che provoca nelle sostanze e negli oggetti Si classifica come una grandezza intensiva Può essere considerata una stima del

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie

Trattamenti delle acque primarie Trattamenti Impianti Meccanici 1 ELIMINAZIONE DELL ANIDRIDE CARBONICA ELIMINAZIONE DELL OSSIGENO AEREAZIONE DELL ACQUA DEFERRITIZZAZIONE DEMANGANIZZAZIONE ADDOLCIMENTO Impianti Meccanici 2 1 Trattamenti

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

LA DINAMICA DELLA LITOSFERA: DALLE OSSERVAZIONI AL MODELLO GLOBALE

LA DINAMICA DELLA LITOSFERA: DALLE OSSERVAZIONI AL MODELLO GLOBALE LA DINAMICA DELLA LITOSFERA: DALLE OSSERVAZIONI AL MODELLO GLOBALE Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.ssa Elena Tibaldi 1 Calcolo della densità terrestre Studio dei materiali prodotti dalle eruzioni

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha usato il sistema a scansione laser (LiDAR Laser Imaging

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli

Meccanica e Macchine

Meccanica e Macchine Introduzione alle macchine Meccanica e Macchine La statica tratta lo studio dell equilibrio dei corpi, si occupa delle forze, dei baricentri delle leve e delle travi. La cinematica tratta lo studio del

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione DIFFUSIONE ATOMICA La diffusione è un processo importante che influenza il comportamento di un materiale alle alte temperature (creep, trattamenti termici superficiali, tempra chimica del vetro, ricristallizzazione,

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli