di Fabio Venegoni, Advisor 1. Premessa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Fabio Venegoni, Advisor 1. Premessa"

Transcript

1 CONCORDATO IN CONTINUITÀ: ALCUNE RIFLESSIONI OPERATIVE (DALLA PARTE DELL ADVISOR) di Fabio Venegoni, Advisor Sommario: 1. Premessa - 2. Richiesta di pagamento dei crediti anteriori - 3. Trattamento dei debiti verso il personale dipendente - 4. Presenza di rilevanti attività immateriali nel compendio aziendale - 5. Moratoria di un anno sui debiti - 6. Conclusioni 1. Premessa Nella elaborazione dei Piani di Risanamento, da depositare presso il Tribunale competente in allegato ai ricorsi per l omologazione di concordati preventivi con continuità aziendale, sono emersi sul tavolo degli advisor e degli attestatori numerosi interrogativi, alcuni dei quali si ripetono pressoché in ogni procedura. Qui, a titolo esemplificativo, vengono esaminate quattro fattispecie: richiesta di pagamento dei crediti anteriori ; trattamento dei debiti verso il personale dipendente; presenza di rilevanti attività immateriali nel compendio aziendale; moratoria di un anno sui debiti. A parte forse il primo caso, negli altri sembra che si prefiguri un indissolubile conflitto di interessi tra i creditori e il soggetto debitore, che non può essere certamente sottaciuto o ignorato. 2. Richiesta di pagamento dei crediti anteriori A partire dalla presentazione del pre-ricorso, il debitore non può provvedere al pagamento dei debiti sorti per titolo o causa anteriore alla data del suo deposito presso il Tribunale competente. 1

2 Il soggetto debitore, infatti, può effettuare solo operazioni di carattere ordinario e, subordinatamente alla autorizzazione del giudice 1, operazioni di carattere straordinario 2. Tuttavia, spesso alcuni fornitori si trovano in una situazione di particolarissima forza contrattuale. Si pensi, ad esempio, al caso dei soggetti che somministrano servizi essenziali quali l energia: essi possono in ogni momento assumere un atteggiamento molto severo nei confronti dell impresa debitrice, minacciando l interruzione dell erogazione dell energia in assenza dell immediato pagamento del debito per i servizi resi prima del deposito del pre-ricorso, che l impresa debitrice non può effettuare, per espresso divieto di legge. Peraltro, il cambio del soggetto somministrante richiede tempo, secondo le modalità attuative in vigore, per cui l eventuale comunicazione al soggetto erogante l energia della volontà di cambiare il fornitore non avrebbe altra conseguenza che provocare l interruzione della fornitura, con effetti che potrebbero rendere del tutto inattuabile il piano di risanamento aziendale, vanificando ogni azione nel frattempo compiuta. Si pensi anche al caso in cui l impresa debitrice sia, ad esempio, una società commerciale con punti vendita aperti al pubblico, che realizza gli incassi anche attraverso il servizio delle carte di credito, prepagate e Bancomat. L interruzione del servizio di telecomunicazione impedirebbe, di fatto, la vendita di prodotti e servizi tramite sistemi elettronici di pagamento, così vanificando, immediatamente e direttamente, molti ricavi. Allo scopo di scongiurare l interruzione dei servizi essenziali, l art. 182-quinquies, comma 4, ha previsto che il debitore può richiedere al tribunale di essere autorizzato a pagare crediti anteriori per prestazioni di beni e servizi, se un professionista attesta che tali prestazioni sono essenziali per la prosecuzione della attività di impresa e funzionali ad assicurare la migliore soddisfazione dei creditori. A tale riguardo, mentre risulta agevole all Attestatore affermare che la fornitura di energia elettrica risulta essenziale per la prosecuzione della attività, risulta per contro più complesso confermare che essa si presenta funzionale ad assicurare la migliore soddisfazione dei creditori, se non sul presupposto che il percorso di risanamento possa proseguire e completarsi, quindi sulla base di numerose ipotesi e congetture. Peraltro, trattandosi di pagamenti di crediti anteriori, e quindi potenzialmente idonei a determinare una alterazione della par condicio creditorum, i giudici sono molto prudenti ad autorizzare detti pagamenti, senza una contemporanea maggiore visibilità del piano di risanamento. 1 Secondo il prevalente orientamento dei giudici, l autorizzazione alla effettuazione di operazioni di tipo straordinario non può essere concessa senza avere avuto coscienza del Piano, se non nella sua versione definitiva, almeno nei suoi tratti e nelle sue caratteristiche essenziali. 2 Lamanna, La problematica relazione tra pre-concordato e concordato con continuità aziendale alla luce delle speciali autorizzazioni del Tribunale, in IlFallimentarista.it. 2

3 In tali casi, sarebbe utile che la dottrina e l orientamento dei giudici identificasse una prassi per superare la criticità, così da evitare che percorsi di risanamento siano stroncati sul nascere per un evidente inconciliabilità tra l impossibilità, da parte dell impresa debitrice, di pagare i debiti pregressi (o anteriori) e l atteggiamento di quei fornitori strategici che, sentendosi particolarmente forti sul piano negoziale, subordinano la continuazione dell erogazione dei propri servizi al pagamento dei debiti scaduti. 3. Trattamento dei debiti verso il personale Nella predisposizione dei Piani di Risanamento nell ambito di progetti di concordato in continuità, l advisor si trova sempre nelle condizioni si svolgere un analisi comparata della convenienza (per i creditori, non per il soggetto debitore) della continuità aziendale rispetto all immediata liquidazione dei beni dell impresa in stato di crisi. In tali circostanze, l analisi comparata deve produrre un predeterminato risultato, caratterizzato dalla misura della soddisfazione dei creditori nelle due ipotesi (continuità e liquidazione). Vi è discussione sul fatto se il giudizio di comparazione debba fondarsi anche su altri elementi, oltre alla percentuale di soddisfazione delle ragioni creditorie, quali i tempi e le modalità secondo cui avverrebbe la soddisfazione dei creditori 3. In ogni caso, senza addentrarsi nel merito del problema, spesso l analisi comparata rileva una serie di situazioni delicate, che devono essere vagliate con assoluta prudenza e con la massima attenzione. Si pensi, ad esempio, al caso in cui un impresa abbia accumulato, nel corso degli anni, considerevoli debiti nei confronti del personale dipendente, per TFR, ferie non godute, indennità di vario genere. In tal caso, mentre lo scenario del concordato in liquidazione comporta l integrale pagamento dei debiti verso il personale, caratterizzato - tra l altro - da un generale privilegio, lo scenario del concordato in continuità potrebbe eliminare completamente la manifestazione finanziaria del pagamento, sul presupposto e nell eventualità in cui la prosecuzione dell attività dell impresa non determini alcuna riduzione del personale in forza e quindi tutti i dipendenti rimangano pienamente occupati. Quindi, venendo meno la necessità di liquidare i debiti accumulati nei confronti del personale, l impresa potrebbe destinare le medesime risorse finanziarie per aumentare la percentuale di soddisfazione degli altri Con ciò, indirettamente, esponendo il personale dipendente al rischio che, nel caso in cui il piano di risanamento non abbia buon fine, gli altri creditori siano stati 3 Cfr. Vitiello, Brevi (e scettiche) considerazioni sul concordato preventivo con continuità aziendale, in IlFallimentarista.it, 21 gennaio

4 maggiormente soddisfatti e i dipendenti rimangano senza riscontro del loro credito vantato nei confronti dell impresa, peraltro privilegiato. È evidente che, nella elaborazione dell analisi comparata, la semplice rimozione del debito nei confronti del personale dal novero della massa passiva da liquidare ai creditori non può essere una soluzione giustificabile: nella predisposizione del piano di risanamento, l impresa debitrice non può dimenticarsi che deve rispettare il grado del privilegio dei propri creditori, per cui il debito nei confronti del personale va mantenuto iscritto anche nell ipotesi di continuità, ancorché non immediatamente liquidato, al fine di rappresentare uno scenario di maggiore prudenza, non violare il grado di privilegio di creditori, ottenere un confronto di scenario (liquidazione/continuità) fondato su elementi coerenti, omogenei, confrontabili. Se poi, dall analisi del confronto, risultasse che il concordato in continuità si presenta migliore per i creditori (esclusi i dipendenti) per il solo fatto che i debiti nei confronti del personale non vengono liquidati sul presupposto della continuazione dell attività, allora significa che la convenienza risulta soltanto apparente e circoscritta a quei creditori (chirografari) che giuridicamente hanno un titolo di credito di valore inferiore rispetto al personale. Peraltro, non va dimenticato che, secondo quanto previsto dall art. 186-bis, comma 2, lett. b), l attestatore deve assicurare che la prosecuzione dell attività d impresa prevista nel piano di concordato è funzionale al miglior soddisfacimento dei creditori. Non può certo condividersi l approccio metodologico di chi offre ai creditori (esclusi i dipendenti dell impresa) una maggiore percentuale di soddisfazione delle loro ragioni creditorie per il solo fatto che la continuità aziendale comporta la non liquidazione del debito nei confronti del personale. Sarebbe auspicabile, sul punto, che la dottrina e l orientamento dei giudici si manifestassero rapidamente. 4. Attività immateriali La liquidazione delle attività aziendali comporta spesso la vendita atomistica delle componenti dell azienda. Nella generalità dei casi, tuttavia, la cessione in blocco delle attività alimenta il realizzo di corrispettivi maggiori nella misura in cui i complessi aziendali posti in vendita incorporino attività immateriali (ad esempio avviamento), in considerazione dell idoneità del complesso aziendale compravenduto a generare stabili redditi futuri. Si pensi sempre al caso dell impresa titolare di diversi esercizi commerciali (negozi). La liquidazione delle attività comporta la chiusura dei negozi, la risoluzione spesso onerosa dei contratti di locazione che assicurano la disponibilità dei locali, la vendita in blocco degli arredi, spesso di elevata qualità, se non la loro rottamazione. Per contro, la cessione sul mercato dei negozi potrebbe avere l esito di rinvenire un soggetto terzo disposto a riconoscere un valore agli arredi, a subentrare nel 4

5 contratto di locazione, a formulare una proposta di prezzo per l avviamento commerciale. Ciò significa che, salvo casi particolari, la prosecuzione dell attività con la vendita dei negozi in esercizio comporta generalmente il realizzo di corrispettivi maggiori, con conseguente maggiore soddisfazione dei Tuttavia, l affermazione non è certamente condivisibile laddove si ipotizzi che l impresa debitrice ricorra alla procedura del concordato in continuità, peraltro essenziale per assicurare il mantenimento in attività dei negozi, presupposto per il migliore realizzo. Infatti, nel concordato con liquidazione dei beni, tutte le attività dell impresa vengono cedute e liquidate, e quanto ricavato da tale attività viene devoluto ai Lo stesso non può dirsi nei concordati con continuità, che di norma prevedono una proposta ai creditori che contempla un pagamento predefinito (con falcidia per i debiti non assistiti da privilegio o cause di prelazione) sulla base di un piano, di solito della durata di qualche anno. Con il voto favorevole espresso dai creditori nell apposita adunanza e l omologazione da parte del Tribunale, il concordato con continuità riceve gli opportuni sigilli formali e l impresa debitrice si trova nelle condizioni di liberarsi dell impegno assunto attraverso la liquidazione dei debiti secondo le modalità e i tempi approvati nel Piano di liquidazione approvato dai Ipotizziamo, allora, il caso dell impresa che al termine di 5 anni abbia integralmente soddisfatto gli impegni del piano di liquidazione e che si trovi ancora in possesso di alcuni (se non tutti) i negozi di cui disponeva al momento dell avvio della procedura. Siamo di fronte ad un caso in cui i valori immateriali (avviamento) dei negozi non sono minimamente serviti al ristoro dei Detti valori, infatti, stante l esecuzione del piano di risanamento contemplato dal Piano di Concordato, sono rimasti nella disponibilità dell impresa debitrice, che così preserva importanti valori economici, a proprio esclusivo beneficio, contemporaneamente ad una richiesta di sacrificio ai creditori rappresentata dalla percentuale di falcidia richiesta nella proposta. È di evidenza che in tale situazione, del tutto normale in ipotesi di concordato in continuità, i creditori al termine del periodo quinquennale di piano si troverebbero soddisfatti solo in misura parziale e vedrebbero l impresa debitrice giovarsi degli avviamenti preservati nel tempo, con la continuità aziendale. Anche in questo caso, l attestatore potrebbe trovarsi in un particolare imbarazzo laddove si trovasse a dover assicurare che la prosecuzione dell attività d impresa prevista nel piano di concordato è funzionale al miglior soddisfacimento dei creditori. Soprattutto se la prosecuzione dell attività dovesse comportare la preservazione di significativi valori (avviamenti) in capo all impresa debitrice, dopo la definitiva esecuzione del Piano, con evidente e contemporaneo sacrificio dei D altra parte, non è per sua natura confrontabile un piano di liquidazione che prevede, senza limiti di tempo, l intera devoluzione del patrimonio aziendale a 5

6 beneficio dei creditori, con percentuali di falcidia che si stimano ex ante ma si consolidano ex post, con un piano di continuità che prevede prefissate ed immodificabili percentuali di falcidia a danno dei creditori, indipendentemente dal valore finale dell impresa debitrice al termine del periodo di piano. La diversa finalità dei due processi (concordato in continuità e con liquidazione dei beni) non può non prefigurare la legittimità di tali situazioni: la convenienza per i creditori derivante dalla continuità aziendale deve essere commisurata al periodo di piano, indipendentemente dalla circostanza che all impresa debitrice, alla fine del periodo di piano, possano rimanere valori, anche importanti, non trasferiti ai 5. Moratoria sui debiti L ultimo tema tecnico e pratico meritevole di riflessione riguarda la disposizione contenuta nell art. 186-bis, comma 2, lett. c), l. fall. Detta disposizione stabilisce che il piano può prevedere una moratoria fino a un anno dall omologazione per i creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca. Si pensi al caso in cui un impresa debitrice abbia stipulato un contratto di mutuo ipotecario con un istituto bancario. Nella domanda di concordato in continuità si prefigura la possibilità di prevedere la moratoria di un anno dall omologazione. Ci si chiede se decorsi 12 mesi debba ritenersi che l intero debito debba essere estinto (sia per capitale che interessi) o se sia possibile ipotizzare che per moratoria si intenda la semplice traslazione in avanti dei termini del piano di ammortamento iniziale, strumento del tutto tipico in progetti di risanamento aziendale, anche nell ambito di piani attestati ex art. 67 o di accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182-bis l. fall. Peraltro, nella grande maggioranza dei casi, non vi è dubbio che il debito ipotecario, in genere di rilevante ammontare, possa essere estinto solo se viene venduta l attività immobiliare che ne costituisce la garanzia, per cui laddove la previsione della moratoria sia da considerarsi come una sorta di dilazione di un anno concessa all impresa per onorare il debito, essa sarebbe generalmente inefficace e spesso comporterebbe la mancata esecuzione del Piano di concordato, qualora il bene posto a garanzia non fosse facilmente liquidabile 4. Sul piano pratico, secondo un approccio aziendalistico, è evidente come non sia prefigurabile la stesura di un piano di risanamento fondato su ipotesi difficilmente verificabili a posteriori: per superare l impasse non si può che approcciarsi al problema sul piano pragmatico, ipotizzando già nel Piano di concordato l eventualità che sia necessario rivedere le condizioni di rimborso del debito, in dipendenza del mancato realizzo del cespite, in accordo con il creditore. 4 Si pensi al caso di un complesso industriale di rilevanti dimensioni, occupato dall impresa stessa e indispensabile alla produzione: l ipotesi di cedere la proprietà immobiliare nell arco di un anno, soprattutto in determinati contesti congiunturali negativi, è del tutto didattica. 6

7 6. Conclusioni Le riflessioni che precedono, tratte da esemplificazioni e casi operativi, non hanno alcuna pretesa di essere esaustive. Tuttavia, pongono in luce criticità rilevanti sia nella fase di elaborazione di piani di risanamento, sia nel rilascio dell attestazione. La particolare novità dello strumento del concordato in continuità e l assenza di tale istituto nel nostro ordinamento fino allo scorso mese di settembre 2012, non permettono di avere chiari punti di riferimento e risposte univoche o quanto meno maggioritarie, alimentando così il rischio di elaborare piani di risanamento non supportati dall indispensabile requisito della coerenza interna 5. In ogni caso, le caratteristiche soggettive dell attività delle imprese in crisi determinano l insorgenza di particolari problematiche che ovviamente non sono compiutamente disciplinate dalla legislazione. Pertanto, accanto all interpretazione giuridica, l approccio aziendalistico e pragmatico alla situazione può essere un utile mezzo per affrontare situazioni imprevedibili e urgenti, come tipicamente accade in situazioni di criticità finanziaria. Il supporto all attività del giudice delegato, oltre che del commissario giudiziale, da parte di un professionista dotato di adeguate competenze aziendalistiche e non solo tecnico-giuridiche, può costituire un importante e determinante punto di forza nella consapevole assunzione di decisioni tanto importanti quanto critiche. 5 Cfr. le considerazioni di G. Savioli, La redazione e l attestazione del piano di risanamento nelle procedure di soluzione negoziale delle crisi d impresa, in IlFallimentarista.it, 28 gennaio

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Autore: Cristian Fischetti Categoria News: Fallimento e procedure concorsuali L ennesima mini riforma del diritto fallimentare ha visto

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Normativa di riferimento modifiche -apportate dal legislatore al R.D.267/1942 (legge fallimentare

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa INTRODUZIONE INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13 ANALISI PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa CAPITOLO 1 LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE NELLE PROCEDURE DI

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Comunicazione n 508 Oggetto: rilascio Durc ad imprese in concordato

Dettagli

AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA

AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA ART. 2560 C.C. (2 COMMA): Nel trasferimento di un azienda commerciale

Dettagli

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI 1 LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI Vendite fallimentari 2 Ante riforma (16.7.2006), solo vendite secondo il c.p.c.; vendite con incanto e vendite senza incanto;

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAUSI, MISIANI Modifica all articolo 11-quaterdecies del decreto-legge 30 settembre 2005,

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNIJURIS

ASSOCIAZIONE UNIJURIS ASSOCIAZIONE UNIJURIS ILCASO.IT IL CONCORDATO PREVENTIVO CON RISERVA E CON CONTINUITA E CONTRATTI IN CORSO DI ESECUZIONE Gli incentivi alle procedure di composizione di crisi dell impresa Prof. Sido Bonfatti

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

[Giurisprudenza] Il Caso.it

[Giurisprudenza] Il Caso.it Finanziamenti prededucibili finalizzati ad un piano concordatario o ad un accordo di ristrutturazione dei debiti: distinzione e oggetto dell attestazione del professionista Tribunale di Bergamo, 26 giugno

Dettagli

Corso Avanzato di Formazione Professionale

Corso Avanzato di Formazione Professionale Corso Avanzato di Formazione Professionale GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NELL AMBITO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI Diritto dei Contratti, Diritto Fallimentare e Crisi D impresa MODULO 1: Diritto dei Contratti

Dettagli

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE 1 LE NUOVE ATTESTAZIONI Attestazioni ai sensi dell art. 182 quinquies I comma: Finanziamenti prededucibili IV e V comma: Pagamento creditori anteriori Attestazioni

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA SOMMARIO CAPITOLO 1 ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA 1. Le ragioni della gestione privatistica dell insolvenza... 1 1.1. I rischi della negoziazione privata dell insolvenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 49/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Permanenza dell agevolazione prima casa in caso di vendita infraquinquennale e riacquisto nell anno anche

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA:

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA: Firenze, 18-19 19 maggio 2012 La scuola per il Praticante Dottore Commercialista ed Esperto Contabile Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI Diretta 16 novembre 2009 IL CONCORDATO PREVENTIVO Strumento duttile, normalmente usato in forma liquidatoria Le statistiche

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

Il concordato con continuità aziendale

Il concordato con continuità aziendale Milano, 28 novembre 2013 Il concordato con continuità aziendale Avv. Luciana Cipolla, La Scala Studio Legale La perdita della continuità aziendale può determinare una repentina e grave perdita di valore

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 maggio 2010 Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente Con

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro

Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro Relatore Luisella Fontanella Dottore Commercialista Revisore Legale Esperta in Consulenza del Lavoro Milano, 28

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Dott. Alfonso Mariella

Dott. Alfonso Mariella CASO PRATICO Caratteristiche della società GAMMA che propone il concordato: - holding di partecipazione; - le partecipazione possedute sono in società che operano nel settore industriale da oltre 20 anni;

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. -----------------------------

Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. ----------------------------- Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. ----------------------------- A seguito della pubblicazione di articoli di stampa

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO GIOVANNI LO CASCIO IL CONCORDATO PREVENTIVO SESTA EDIZIONE V \ MILANO - DOTT. A. GIUFFRfe EDITORE - 2007 INDICE Prefazione. CAPITOLO I IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO 1. Evoluzione del sistema normativo

Dettagli

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO 17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO di Luciano Quattrocchio, Professore Sommario: 1. I riferimenti normativi - 2. La disciplina nel contesto fallimentare - 3.

Dettagli

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione Alberto Tron Presidente Comitato Financial Reporting Standards ANDAF Crisi di impresa e informazione finanziaria: scenario di riferimento In questi

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti SPECIALE DECRETO SVILUPPO I LIMITI ALLA DISCIPLINA SOCIETARIA SULLA PERDITA DI CAPITALE di Giacomo D Attorre, Avvocato Sommario: 1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti - 2.

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o:

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o: TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. per: COOPCA SOCIETA COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO, con l avv. Giuseppe Campeis (d ora innanzi anche la Società

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

LE NOVITA INTRODOTTE ALLA LEGGE FALLIMENTARE DAL D.L. SVILUPPO N. 83/2012 Il Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, è stato definitivamente approvato, con

Dettagli

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI Rag. Fabio Mongiardini 1 Art. 33 DL 83/2012 (DECRETO SVILUPPO) Importanti novità in materia di perdite su crediti sia nell ambito di procedure concorsuali sia al di

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

LE NUOVE MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLA CRISI DI IMPRESA

LE NUOVE MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLA CRISI DI IMPRESA RESTRUCTURING ALERT GIUGNO 2012 LE NUOVE MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLA CRISI DI IMPRESA Lo scorso 15 giugno il Governo ha approvato il decreto legge finalizzato ad alimentare la crescita economica del

Dettagli

Studio Dott.ssa Pamela Frezza

Studio Dott.ssa Pamela Frezza PRESTITI CONCESSI DAL DATORE DI LAVORO AI DIPENDENTI Riferimenti D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 51, comma 4, lett. b) Agenzia delle Entrate, Risoluzione 28 maggio 2010, n. 46/E Trattamento fiscale

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Prestiti ai dipendenti pubblici anche da intermediatori finanziari (Decreto Ministero delle economia e delle Finanze 27.12.2006, n. 313) Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, n. 32, serie generale, del

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 8 maggio 2003

RISOLUZIONE N. 99/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 8 maggio 2003 RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 8 maggio 2003 Oggetto: Imposta sostitutiva sui proventi dei titoli obbligazionari di cui al decreto legislativo 1 aprile 1996, n. 239.

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

STUDIO MURER COMMERCIALISTI

STUDIO MURER COMMERCIALISTI 1 R E N A T O M U R E R G A B R I E L E G I AM B R U N O R O B E R T A F A Z Z A N A C A R M E N B A T T I S T E L DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI San Donà di Piave, 10 dicembre 2002 Alle Spett.li

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso -

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso - RISOLUZIONE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2008 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA SOMMARIO: 1. La massima - 2. Il caso - 3. La questione - 4. Soluzioni giuridiche 5 Osservazioni. 1. La

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

ID: 19851666 15/12/2005. TOSCOGEN S.p.A.

ID: 19851666 15/12/2005. TOSCOGEN S.p.A. TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni Società del gruppo Toscana Gas con sede legale in Via Bellatalla n.1, fraz. Ospedaletto Pisa Capitale sociale 2.582.284 i.v.

Dettagli