Nicoletta Orlandi Neumann Flavia Lughezzani Anna Gagliano Economia aziendale per il primo biennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nicoletta Orlandi Neumann Flavia Lughezzani Anna Gagliano Economia aziendale per il primo biennio"

Transcript

1 Nicoletta Orlandi Neumann Flavia Lughezzani Anna Gagliano Economia aziendale per il primo biennio 2 HOEPLI

2

3 Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano CLIPPy AzIENDA Economia aziendale per il primo biennio Volume 2 EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

4 UN TESTO PIÙ RICCO E SEMPRE AGGIORNATO Nel sito sono disponibili materiali didattici integrativi; eventuali aggiornamenti dei contenuti del testo. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A Via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali

5 Indice MODULO 0 Ripasso dell Economia aziendale 1 Alla scoperta del testo... 1 Come si apre il modulo... 1 Che cosa trovi nell unità di apprendimento... 2 Quali strumenti hai per esercitarti... 2 Un aiutante speciale il suggeritore... 3 Come puoi consolidare conoscenze e competenze... 3 Per concludere il modulo esercizi Con il PC... 3 Che cosa trovi a fine libro Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Verifica di modulo MODULO 1 Il credito e il fabbisogno finanziario Unità 1 il fabbisogno finanziario e i rapporti economici Il fabbisogno finanziario dei soggetti economici La famiglia 41 L impresa Le aziende non profit La Pubblica Amministrazione Il resto del mondo Il fabbisogno finanziario delle imprese Lo start up aziendale Il ciclo monetario e il fabbisogno finanziario.. 45 Le fonti di finanziamento 48 3 Il patrimonio aziendale Correlazione tra investimenti e finanziamenti Il leasing come finanziamento I vantaggi del leasing I tipi di leasing in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Unità 2 il credito e il mercato dei capitali 71 5 Il credito alle famiglie Il credito al consumo Il credito allo Stato I titoli pubblici Il mercato dei capitali Il credito diretto e indiretto I comparti del mercato dei capitali Il mercato mobiliare e la borsa valori I titoli privati in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Verifica di modulo Con il PC... 93

6 MODULO 2 I calcoli finanziari Unità 1 L interesse come remunerazione del capitale Il costo del capitale Il calcolo dell interesse semplice Il tempo nella formula dell interesse Le formule inverse dell interesse Il calcolo del montante. 105 Le formule inverse del montante L interesse netto sul deposito La ritenuta fiscale sugli interessi in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Unità 2 Lo sconto per il pagamento anticipato Il concetto di sconto mercantile e commerciale Lo sconto mercantile Lo sconto commerciale Le formule inverse dello sconto commerciale Il valore attuale Le formule inverse del valore attuale in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Unità 3 L unificazione e la suddivisione dei capitali nel tempo La scadenza comune stabilita La scadenza comune posticipata La scadenza comune anticipata La scadenza comune intermedia La scadenza adeguata La vendita a rate in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Verifica di modulo Con il PC MODULO 3 Gli strumenti di regolamento Unità 1 il regolamento del prezzo e i titoli di credito Le modalitˆ di regolamento del prezzo 181 I tempi di pagamento I mezzi di pagamento e gli strumenti di credito I titoli di credito Classificazione dei titoli di credito Le caratteristiche dei titoli di credito propriamente detti in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Unità 2 Gli strumenti bancari di regolamento La moneta bancaria L assegno bancario Il trasferimento dell assegno bancario Pagamento dell assegno bancario Mancato pagamento dell assegno bancario L assegno circolare Confronto tra assegni circolari e bancari in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te

7 Unità 3 La moneta elettronica Il ruolo delle banche e sua evoluzione Le funzioni della banca Le fonti di reddito della banca L intermediazione creditizia La trasparenza bancaria Il conto corrente bancario I tipi di conto corrente di corrispondenza L estratto conto Il bonifico bancario e il giroconto Le procedure RID, Ri.Ba. e M.AV Le carte di credito Modalità di utilizzo delle carte di credito Le principali tipologie di carte di credito Le carte di debito Il blocco della carta di credito o di debito I mezzi di pagamento postali in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Unità 4 Gli strumenti di credito cambiario La cambiale Le caratteristiche formali L imposta di bollo Il pagherò cambiario La cambiale tratta Tratta a tre persone Tratta a due persone La scadenza delle cambiali Il confronto tra cambiale pagherò e tratta Il trasferimento della cambiale Il pagamento della cambiale L avallo delle cambiali Il mancato pagamento delle cambiali Lo sconto cambiario Le fasi dell operazione di sconto cambiario Il tasso effettivo dello sconto cambiario in sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Verifica di modulo Con il PC Modulario Assegno bancario Assegno circolare Cambiale Bonifico indice analitico

8

9 MODULO 0 Ripasso dell Economia aziendale 1 Alla scoperta del testo Il secondo volume mantiene l articolazione dei contenuti suddivisi in moduli e unità di apprendimento. Queste ultime sono arricchite da numerosi strumenti didattici, suggerimenti e consigli che aiutano a comprendere le spiegazioni degli argomenti trattati e a svolgere con sicurezza gli esercizi, applicando un corretto metodo di studio dell Economia aziendale. Il Modulo 0 del primo volume illustra l apparato didattico che caratterizza entrambi i testi e il metodo di studio da applicare per un apprendimento efficace. Questo Modulo 0, dopo aver illustrato brevemente la struttura del testo, presenta schede di ripasso, test ed esercizi che richiamano i concetti studiati nel precedente volume. Come si apre il modulo Ogni modulo introduce gli argomenti delle varie unità con domande stimolo relative a situazioni reali e presenta il percorso didattico, le conoscenze ( Imparerai a ) e le competenze ( Sarai in grado di ) che si raggiungeranno al termine del modulo. MODULO 3 Gli strumenti di regolamento U1 Il regolamento del prezzo e i titoli di credito 1 Le modalità di regolamento del prezzo 2 I titoli di credito U2 Gli strumenti bancari di regolamento 3 La moneta bancaria 4 L assegno bancario 5 L assegno circolare serva Os im le gi ieri a n l tisu f e l s l gu e ntisitu e e zi niacon a o ont fr o Situazione 1 Per le prossime vacanze hai deciso di recarti a Dublino in compagnia di due amiche per mettere alla prova le vostre conoscenze della lingua inglese. a) Avete acquistato il biglietto aereo presso l agenzia di viaggi di fiducia pagando con un assegno circolare. b) Avete prenotato via Internet un soggiorno in ostello nel centro della città pagando l acconto con la carta di credito. c) Avete deciso di portare con voi pochi contanti in euro e le carte di credito prepagate che utilizzerete anche per saldare il costo dell alloggio. 1. Come avete pagato il biglietto aereo? Una volta prenotato l ostello a Dublino, come avete pagato l anticipo? Come salderete il costo del soggiorno? Quale soluzione avete scelto per evitare di portare in viaggio denaro in contanti?... Situazione 2 Un commerciante vende merci a un cliente di fiducia e concorda il pagamento frazionato. a) L imprenditore ha accettato come anticipo un assegno bancario rilasciato dal compratore. b) Nel giorno di consegna delle merci riceverà un bonifico bancario per metà dell importo residuo della fornitura. c) Per il saldo della fattura riceve due cambiali garantite da una firma per avallo con scadenze successive alla consegna delle merci. 1. Con quale modalità di pagamento il commerciante ha ricevuto l anticipo? Alla consegna della merce, come viene pagata parte della fornitura? Come riceverà il saldo una volta consegnate le merci? Quale delle modalità di pagamento è a tuo parere la più sicura per il creditore?... U3 La moneta elettronica 6 Il ruolo delle banche e sua evoluzione 7 Il conto corrente bancario 8 Le carte di credito 9 I mezzi di pagamento postali O d m rer Impa a a in S g o di Conoscere gli strumenti di pagamento e di credito Riconoscere i titoli di credito e le loro funzioni Conoscere gli assegni bancari e circolari Conoscere l evoluzione del ruolo delle banche e le sue fonti di reddito Conoscere la moneta elettronica e le sue diverse possibilità di utilizzo Distinguere caratteristiche e soggetti del pagherò cambiario e della cambiale tratta Comprendere lo smobilizzo del credito cambiario U4 Gli strumenti di credito cambiario 10 La cambiale 11 Il pagherò cambiario 12 La cambiale tratta 13 La scadenza delle cambiali 14 Il trasferimento della cambiale 15 Il pagamento della cambiale 16 Lo sconto cambiario Distinguere le caratteristiche e le tipologie dei mezzi di pagamento Individuare i tipi di titoli di credito Compilare assegni bancari e circolari Compilare i documenti per la tenuta del conto corrente Distinguere le tipologie di carte di credito e di debito e gli ambiti di utilizzo Compilare pagherò cambiari e cambiali tratta con girate Calcolare il netto ricavo e il tasso effettivo nello sconto di cambiali

10 ... (assegni e cambiali), di massa ( MODULO 0 Ripasso dell Economia aziendale Che cosa trovi nell unità di apprendimento Per stimolare la curiosità, all apertura di ogni unità di apprendimento, Riflettiamo sul caso presenta una situazione vicina all esperienza di ciascuno di noi. I quesiti che ne scaturiscono testano le conoscenze di base e motivano all apprendimento dei nuovi contenuti, sintetizzati nella mappa concettuale. UNITÀ 2 Il credito e il mercato dei capitali?riflettiamo sul caso Di recente hai cambiato appartamento, la casa in cui abiti ora è più grande e hai uno spazio tutto per te. Nei giorni scorsi ti sei recato in un mobilificio, dove hai scelto i mobili per la nuova cameretta. I tuoi genitori hanno discusso a lungo con il responsabile delle vendite sulla formula di pagamento differito più adatta e, fra le varie possibilità, il responsabile ha proposto anche il credito al consumo. I tuoi genitori hanno deciso di versare un anticipo e di ricorrere a un finanziamento per il residuo. u? Ti sei domandato quali sono le condizioni per ottenere un credito?? È sempre più diffuso il credito al consumo. Sai che cosa vuol dire? euncre n r ito? d All indirizzo Nelle risorse online sono disponibili Presentazioni in PowerPoint relative a ogni unità didattica che offrono spunti per ulteriori approfondimenti. I contenuti sono spiegati dettagliatamente in paragrafi arricchiti da immagini illustrative e schemi di sintesi, con definizioni e parole chiave ben evidenziate e numerosi esercizi ed esempi che abituano a leggere riflettendo.? Una persona che conosci ha comprato le vacanze a rate, ti sembra incredibile?? I risparmi delle famiglie possono essere investiti, sai che cosa vuol dire?? Talvolta si sente parlare di valori mobiliari, sai a che cosa servono?? Chi compra azioni fa un investimento rischioso, sai perché? Queste sono le domande a cui sarai in grado di rispondere dopo aver studiato l unità che presenta il seguente percorso di apprendimento. Il credito delle famiglie Il credito dello Stato Il mercato dei capitali Risparmio Soggetti in avanzo Investimenti di capitale Soggetti in disavanzo Credito al consumo IL MERCATO E IL CREDITO DEI CAPITALI Disavanzo finanziario Titoli pubblici Bot, Btp, Cct, Ctz Mercato diretto Credito diretto Azioni Mercato monetario Mercato aperto Credito indiretto Mercato mobiliare Mercato finanziario Obbligazioni Titoli di Stato All indirizzo puoi trovare materiali didattici relativi a questa unità Nel colonnino, box di arricchimento linguistico e di approfondimento sono riconoscibili dalle seguenti icone Glossario, per arricchire il lessico ed essere più consapevoli del significato dei termini tecnici utilizzati; i Words, per apprendere termini ed espressioni nella lingua inglese; Info, per ampliare, approfondire o aggiornare particolari aspetti di quanto esposto nel paragrafo; Lex, per abituare ai riferimenti normativi attinenti l argomento trattato; www, per suggerire siti in cui ricercare informazioni attraverso Internet. MODULO 2 I calcoli finanziari Numeri Ni Il termine indica il prodotto del capitale per il tempo. Il simbolo matematico della sommatoria dei Numeri è n1 N Considerando i diversi debiti C 1, C 2 e C 3 il capitale unico è M C 1 + I 1 + C 2 + I 2 + C 3 + I 3 ovvero, M (C 1 + C 2 + C 3 ) + (I 1 + I 2 + I 3 ) M (C 1 + C 2 + C 3 ) + (C r g )+ (C r g )+ (C r g ) Poiché si applica lo stesso tasso d interesse si può raccogliere a fattor comune r M (C 1 + C 2 + C 3 ) + r (C g + C g + C g ) (C 1 + C 2 + C 3 ) + r N Il tasso r moltiplica nella parentesi la somma dei capitali per i rispettivi giorni di posticipo di pagamento, ovvero la sommatoria dei Numeri di interesse. Il capitale unico con scadenza comune posticipata PROVIAMOINSIEME L azienda Marchi, avendo momentanei problemi di liquidità, concorda con il suo abituale fornitore di estinguere tutti i suoi debiti in un unica soluzione al 31/05, applicando il tasso d interesse del 4,25%. Le forniture riguardano le seguenti fatture fatt. n. 102 di 5.000,00 con scadenza 20/03; fatt. n. 115 di 7.000,00 con scadenza 14/04; fatt. n. 126 di 2.095,00 con scadenza 18/05. Determina il capitale unico che l azienda deve restituire alla scadenza comune stabilita. La scadenza comune è posticipata, perciò calcoliamo l interesse per i giorni di ritardo nel pagamento delle fatture evidenziati nello schema riassuntivo mostrato a fianco. Marzo Scadenza 20/03 Scadenza 14/04 Scadenza 18/05 Aprile Maggio Totale giorni Quali strumenti hai per esercitarti I contenuti teorici sono accompagnati dall applicazione pratica attraverso schede esercitative. Proviamo insieme presenta un esercizio svolto che dimostra e riepiloga l argomento spiegato, aiutando a chiarirne gli aspetti più complessi. Secondo l art.1992 e seguenti del codice civile, l assegno, in quanto titolo di credito, ha precise caratteristiche. Adire Rivolgersi all autorità giudiziaria per dirimere questioni giuridiche. Dirimere una controversia Risolvere una questione. Le caratteristiche dei titoli di credito propriamente detti UNITÀ 1 Il regolamento del prezzo e i titoli di credito Tra i diversi tipi di titoli poniamo particolare attenzione ai titoli di credito propriamente detti che hanno le seguenti caratteristiche comuni sono formali, perché devono contenere tutti i requisiti previsti dalla legge; sono letterali, poiché il diritto che il titolo incorpora si può desumere da quanto è scritto sul titolo; incorporano il diritto di credito, in quanto il possessore ha il diritto di esigere la somma indicata sul titolo alla scadenza prevista e il debitore ha l obbligo incondizionato di pagare; sono astratti, poiché sul titolo non sono indicate le motivazioni per le quali è stato emesso; sono autonomi, in quanto ogni legittimo possessore vanta un diritto indipendente dai rapporti intercorsi tra i possessori precedenti; sono all ordine, in quanto trasferibili mediante girata scritta sul titolo; sono esecutivi, perché in caso di mancato pagamento il beneficiario può adire le azioni esecutive nei confronti del debitore inadempiente. Schematizzare i concetti relativi ai titoli di credito Individua le caratteristiche dei titoli di credito propriamente detti e sintetizza le tue osservazioni completando la tabella e la mappa. PROVATU Per individuare i concetti chiave prova a farti alcune domande (che cosa sono, quali sono ecc.). Per ricordare quello che hai studiato è molto utile costruire mappe concettuali dei concetti e delle relazioni che li legano tra loro. Domanda Concetto Parole chiave 31/05 72 gg 47 gg 13 gg 2.095, , ,00 Scadenza comune posticipata 18/05 14/04 20/03 Per il calcolo del capitale unico è utile impostare il seguente schema. Scadenza comune stabilita 31/05 Numeri Giorni interesse Capitali Scadenze di posticipo di 5.000,00 20/ ,00 14/ ,00 18/ ,00 Numeri di interesse + 83,40 Interesse , ,40 Importo da pagare in data 31/ Il calcolo dei Numeri velocizza la determinazione dell interesse complessivo. Osserva, il capitale unico per il pagamento posticipato al 31/05 è il montante. Prova tu presenta esercizi a completamento e test, utili per riflettere sui concetti, controllarne la comprensione e avviare all autonomia nello studio e nell esercizio pratico. Che cosa sono i di credito? Quali sono i diversi tipi di titoli di credito in base al e all ambito di? Quali sono i diversi tipi di titoli di credito in base alla modalità di...? Quali... hanno i titoli propriamente detti? I titoli di credito sono... che incorporano Incorporano il... di ricevere una determinata il diritto prestazione. In base al contenuto si distinguono in... Contenuto e utilizzo...,... e titoli pubblici) e del titolo (fede di deposito e... di carico). In base alla modalità di circolazione si distinguono in al portatore Trasferibilità (trasferibili mediante semplice...), nominativi (trasferibili con indicazione sul titolo e sul dell ente mittente) e all ordine (trasferibili mediante...). I titoli propriamente detti sono..., letterali, Caratteristiche incorporano il diritto di., astratti,......, ed esecutivi

11 MODULO 0 Ripasso dell Economia aziendale Un aiutante speciale il suggeritore Lo svolgimento degli esercizi è accompagnato spesso da un suggeritore Smile che dà risalto ai collegamenti tra aspetto teorico e pratico, aiuta a sapere perché si deve fare così e indica tecniche di calcolo alternative. Il suggeritore inoltre ha l importante compito di guidare a una corretta applicazione del metodo di studio per imparare a leggere, comprendere, sottolineare, riassumere, schematizzare, esporre ecc. Follow me ;) Come puoi consolidare conoscenze e competenze Ogni unità di apprendimento si conclude con diverse tipologie di esercitazioni. In sintesi che cosa devo ricordare propone schede e mappe concettuali da completare, utili per ripassare i contenuti minimi. UNITÀ 2 Il credito e il mercato dei capitali In sintesi che cosa devo ricordare Per verificare le tue conoscenze, completa le seguenti frasi; se sorgeranno dubbi rileggi l argomento a cui si riferisce la domanda. MODULO 1 I rapporti economici e il mercato dei capitali E ora tocca a te OD OD Leggi il brano tratto dal sito evidenzia le informazioni chiave e rispondi alle domande. MC O La Banca del Tempo Siamo abituati ad associare la parola banca all idea del denaro e dei capitali. La Banca del Tempo è un istituto di credito un po particolare. Presso il suo sportello non si deposita denaro e non si riscuotono interessi, ma la disponibilità a scambiare prestazioni con gli altri aderenti utilizzando il tempo come unità di misura degli scambi. A ognuno degli aderenti viene intestato un regolare conto corrente-tempo e viene consegnato un libretto di assegni-tempo. Unico obbligo è il pareggio. Il termine Banca del Tempo viene coniato a Parma agli inizi degli anni Novanta del Novecento, ma sarà la sperimentazione effettuata da un gruppo di donne di Santarcangelo di Romagna a far conoscere a livello nazionale e internazionale il progetto. Partecipando alla Banca del Tempo si ottengono prestazioni che permettono di soddisfare piccoli bisogni immediati, ma il risultato più ampio e duraturo consiste nella ricostruzione di reti sociali e solidali sul territorio. Chi si iscrive alla Banca del Tempo definisce le prestazioni che intende offrire, indi- cando anche quelle di cui pensa di avere bisogno. La lista è indicativa, ma rappresenta un punto di partenza per dar vita a richieste e offerte. Definire bisogni e disponibilità permette di evidenziare fin da subito che il tempo è la moneta di scambio. A differenza di quanto avviene sul mercato, dove le offerte si selezionano in base alla domanda, nella Banca del Tempo quello che interessa è la relazione con gli altri. Per esempio, anche se non si era previsto l aiuto per imbottigliare il vino, ecco che a richiesta è possibile trovare qualcuno che sia disponibile. Gli stessi termini bancari (conto corrente, assegno, estratto conto) sono da considerarsi in chiave ironica perché, utilizzando il tempo come misuratore del valore delle prestazioni, di fatto si intende valorizzare le capacità intrinseche di ciascuno, indipendentemente dal proprio status sociale, anagrafico, culturale. La grande forza della Banca del Tempo, in cui ciascuno può essere aiutato a soddisfare un proprio bisogno e parallelamente contribuire a risolvere quelli altrui, sta nel costruire una rete di relazioni amicali e di mutuo aiuto. a) Che cos è la Banca del Tempo? b) Quando e dove è nata la Banca del Tempo nel nostro Paese? cc) Q Quali sono gli obblighi degli aderenti alla Banca del Tempo? E ora tocca a te si articola in esercizi di diversa natura. Una prova di comprensione del testo che attraverso un brano approfondisce un tema relativo ai contenuti dell unità. Test con domande a risposta aperta, test vero/falso, test di collegamento e di completamento. Attività di consolidamento delle abilità pratiche e applicative, graduati per livelli di difficoltà da svolgere autonomamente sul quaderno. 5. Il credito alle famiglie Quando il... percepito dalla famiglia supera il consumo attuale, si ha la formazione del... che viene destinato a consumi... Il... ha luogo quando due... scambiano una prestazione... con una... futura. Il credito... è concesso a una persona... ed è finalizzato a esigenze... Il debitore restituisce con mensili non solo il capitale, ma anche gli L Indice... di costo, noto anche come Tasso... effettivo globale (...) comprende sia il TAN (... annuo...) sia le spese di.. per la pratica e la documentazione. Il credit... è un indice che segnala la consumatore. 6. Il credito allo Stato... del I titoli di Stato più diffusi sono i..., i Cct, i... e i Ctz che costituiscono parte del... pubblico. Coloro che acquistano titoli pubblici,..., dopo un certo tempo recuperano, insieme al... investito, gli... maturati sul prestito. 7. Il mercato dei capitali I soggetti che detengono le risorse... sono operatori in..., coloro che hanno un reddito insufficiente a finanziare i loro..., sono gli operatori in... Il mercato dei... è l insieme delle negoziazioni di capitali tra i soggetti che... e i soggetti che... capitali. Lo scambio di capitali negoziato direttamente tra i soggetti in avanzo e quelli in disavanzo è definito credito..., mentre se vi è l intervento di è definito credito... Gli intermediari sono indispensabili perché per un soggetto in avanzo finanziario non è facile individuare, raggiungere chi ha bisogno di... e valutare i... dell operazione di... d) In che cosa la Banca del Tempo si differenzia dalle dinamiche del mercato? 83 finanziari... MODULO 2 I calcoli... e) Che cosa intende realizzare con la sua attività la Banca del Tempo? ca di modulo V Verifi RIS PR A T S O T seguenti domande. Rispondi brevemente alle A A T R E P 62 e 1. Che cos è il montant maturato in banca su un Che cos è il valore attuale deposito e come si calcola? commerciale? Verifica di modulo, proposta dopo l ultima unità, è una scheda di autovalutazione riepilogativa finale degli argomenti fondamentali del modulo.... la rata 3. Come si determina... T costante?... C 4. Completa la tabella risultato nelle caselle inserendo il calcolo e il Incognita Dati C 2.000,00 r 5% tasso di interesse gg t dal 28/04 al 18/07 Capitale 6.500,00 r 6% tasso di sconto Valore attuale 6.367,51 iniziale C 4.800,00 Deposito lordo r 3% tasso d interesse gg t dal 06/07 al 31/12 C 9.400,00 r 4,75% tasso interesse giorni) n 18 rate mensili (30 vuote. Formula M Montante... t Tempo Interesse netto (Rit. fisc. 27%) giorni elencate nella seconda o le corrispondenti voci con co colonna i l prima nella s ao r i ni descritte o indicato. o incognit 5. Associa le operazio 5 e all termine l t 1. i u a relativo s o indicaa il risultato A) IInteresse netto. A ccolonna. In basso % do, all tasso del 6% ,0 con 4 mesi di ritardo, pag 500,00 Montante. B) M B a chi paga pe % 1. È il valore spettante pagato in 12 mesi all 7%. il , 00 paga i 1 C) SSconto mercantile C per un bene del costo di 10/ ill 1 2. È dovuta pe de ill 30/06 e ,0 scadenti iale. CON IL PC.4,0 per 500,00 o 1.400,00 D) SSconto commercia D pagano po. 3. È la data in cui si paga pe 9 mesi di anticipo. al 7% per p e o.. prestito di $ USA pe per un pr Interesse complessiv EE) In pe spettante pe % 4. È il compenso all tasso del 6%.,0 600,00 6 i di debito per un prima pe 4 mesi pr Rata. FF) R 5 5. È la somma rimborsata 597,00.. e di le pi capitale e ,00 degu adeguata. di de Scadenza G) Sc,5 % G differenza tra iil montante 6 6. È laa dif de ill 31/03,, tasso 7,50%.,0 scadenti , e 15/01 l il de attuale. a scadenti,0 Valore 450,00 H) V H o 4 pagano 7. IIl 14/02 si paga 2.400,00. di g i del costo d ki g di un viaggio bo booking dv II) IInteresse. per l l advance %,0 all 3% ,00 8. È di 360,00 pe. semestrale dii po per un deposito JJ) SScadenza comune. riscossa il 31/12 pe %,0 all 5%. 35,04 9. È1la remunerazione d di 3 frazionato in 24 rate mensili,0, fr 800,00, i 8 di bene un pe per dovuto È... Nel mese di ottobre il capofam iglia percepisc5... e un... reddito lordo di 2.380, assoggettato a IRPEF che viene Determina IRPEF Imposta sul reddito diretta, personale e l imposta lorda in base agli scaglioni di reddito e alle aliquote progressiva, calcolata il reddito mensile netto indicate nel prospetto; percepito, tenendo conto con percentuali diverse di detrazioni d imposta su scaglioni di reddito. di 155, Con il PC Calcolare l imposta sui redditi e il reddi to netto Applicare la funzione SE C È utile svolgere gli esercizi proposti in tali schede per procedere così con sicurezza nello studio degli argomenti successivi.... I I Rata Risultato... Per concludere il modulo esercizi Con il PC A fine modulo, la scheda Con il PC propone esercizi da svolgere al computer con l applicativo di Excel, completi di spiegazioni per la creazione e la formattazione di tabelle e grafici, per l esecuzione di semplici calcoli con l uso di operatori matematici e di funzioni. Ciò permette di sperimentare le diverse logiche operative, approfondire le competenze raggiunte e valorizzare le eccellenze durante il recupero. I Salva il file nella tua Formattazioni cartella personale. Inserisci i dati del problema, applica le formule indicate, formatta il foglio come mostrato e imposta i parametri di Scheda Home/Stili cella stampa. In F5 inserisci SE($D$ 2>C5;SE($D$2<D5;$D$2-C Neutrale Calcolo 5;E5);0). Output La funzione logica SE annidata verifica i seguenti test 1 test SE D2 (reddito mensile lordo) è maggiore di C5 (scaglione minimo è minore o uguale di D5 mensile); ALLORA (2 (scaglione massimo mensile); test SE D2 ALLORA da D2 sottrai scrivi il dato di C5); ALTRIME il contenuto di C5; ALTRIME NTI (se non si verifica la NTI condizione posta dal 2 Nella funzione viene applicato test) scrivi 0. il riferimento assoluto per mantenere inalterato copia della formula. l indirizzo della cella D2 nella Al termine delle operazio ni salva le modifiche e chiudi il file. 93 Che cosa trovi a fine libro Ogni volume si chiude con i seguenti supporti didattici indice analitico, che elenca in ordine alfabetico tutti i termini presenti nei box Glossario, Info, Lex, Words e numerosi altri vocaboli specifici della disciplina, con la relativa traduzione inglese e la pagina di riferimento in cui sono trattati; modulario, contenente i prospetti di vari documenti commerciali da utilizzare in fotocopia per lo svolgimento degli esercizi. 3

12 2 Ripasso veloce modulo 1 Nel modulo sono ripresi i calcoli matematici applicati alle trasformazioni tra grandezze, al calcolo percentuale e ai riparti proporzionali. Le attività di seguito proposte permettono di ripassare e consolidare conoscenze e abilità di base. Smile, il suggeritore, ha svolto il compito di allenare al calcolo veloce grazie all utilizzo delle funzioni base della calcolatrice tascabile. Se non ricordi, rileggi i suggerimenti dati! L Completa gli schemi inserendo i termini mancanti. Il sistema decimale L unità di misura, i suoi... e sottomultipli sono collegati tra loro Misure di lunghezza Misure di... in base a un rapporto pari a... o a potenze di... Misure di... I SISTEMI DI MISURA Le misure complesse Il rapporto tra multipli e sottomultipli è... da dieci Misure di... Misure di lunghezza, peso e capacità in.., Liberia e Myanmar Peso netto Tara Peso netto Peso lordo LE RELAZIONI TRA GRANDEZZE Risultato economico... Risultato economico Costo Risultato economico Ricavo +... Consumo... Risparmio Risparmio... Reddito 4

13 Problemi con diverse grandezze PROVIAMOINSIEME Un commerciante ha acquistato una partita di merce del peso lordo di 5,3 t al prezzo di 0,90 il kg netto per rivenderla al prezzo di 0,12 l hg netto. Determiniamo a) il costo complessivo, sapendo che la tara è pari a 235,60 kg; b) il ricavo che si otterrebbe dalla vendita dell intera partita; c) il guadagno ottenuto dalla vendita di 500 kg di merce. a) Calcoliamo il costo complessivo considerando l imballaggio gratuito. 5,3 t kg Peso lordo in kg ,40 kg Peso netto in kg 5.064,40 0, ,96 Costo complessivo b) Calcoliamo il ricavo totale considerando il peso netto espresso in ettogrammi ,40 kg Peso netto in hg... 0, ,28 Ricavo complessivo c) Calcoliamo l utile della merce venduta.... kg hg Quantità vendute in hg ,00 Ricavo 500 0,90 450,00 Costo 600, ,00 Guadagno Risolvere problemi con diverse grandezze PROVATU Una famiglia ha redditi mensili da lavoro dipendente per 1.450,00 e per 1.180,00. Nell anno la famiglia sostiene le seguenti spese acquisto di generi alimentari per 1.500,00 bimestrali; pagamento di servizi per 2.850,00 trimestrali; spese di affitto 800,00 mensili. Determina a) il reddito annuo; b) il consumo annuo per ogni voce di spesa e quello totale; c) il risparmio annuo. a) Calcola il reddito annuo della famiglia , Reddito annuo del primo componente 1.180, Reddito annuo del secondo componente , Reddito annuo della famiglia b) Calcola il consumo totale della famiglia , Spesa annuale per generi alimentari 2.850, Spesa annuale per servizi 2.800, Spesa annuale per affitto , Consumo totale della famiglia c) Calcola il risparmio annuo della famiglia. Ricorda che un lavoratore dipendente percepisce anche la tredicesima mensilità (che, in questo caso, supponiamo sia dello stesso importo degli altri mesi) ,00 Risparmio annuo della famiglia 5

14 L Completa gli schemi inserendo i termini mancanti. LE PROPORZIONI Proporzionalità diretta Al raddoppiare di una grandezza... l altra... Proporzionalità inversa Al raddoppiare di una grandezza l altra... la... L EURO E LE ALTRE VALUTE Conversione di euro in valuta estera Cambio /$ 1, $ $ ,00 x x $... Conversione di valuta estera in euro Cambio /JPY 129, x 800 x... Problemi con proporzioni e valute PROVIAMOINSIEME La produzione di unità di un prodotto richiede l impiego di 3 macchinari per ore di lavorazione. Un cliente statunitense acquista prodotti al prezzo unitario di $ 2,36. Determiniamo a) il tempo impiegato per soddisfare la richiesta del cliente, sapendo che sono stati impiegati 5 macchinari; b) il ricavo complessivo espresso in euro sapendo che il cambio alla riscossione è di 1,497 dollari americani per 1 euro. a) Calcoliamo il tempo impiegato per ottenere prodotti con 3 macchinari. Quantità Ore x Q Q Ore 1 x Ore 2 La quantità prodotta e il numero di ore impiegate sono grandezze... proporzionali.... x Ore necessarie con 3 macchinari Calcoliamo il tempo impiegato per ottenere prodotti con 5 macchinari. 3 Macchinari 1 Macchinari Ore x 5 Macchinari 2 x Ore Ore 1 Le ore di lavorazione e il numero dei macchinari impiegati sono grandezze... proporzionali. x Ore impiegate con 5 macchinari... b) Calcoliamo il ricavo complessivo in dollari $ ,00 Convertiamo i dollari in euro al cambio di 1,497 dollari americani per 1 euro. Euro U$A 1 1,497 x ,00 1 1,497 $ x... $ Per convertire la valuta estera in euro si deve dividere l importo in valuta estera per il cambio.... x , ,18 Ricavo in euro... 6

15 Risolvere problemi con proporzioni e valute PROVATU 1. Nel Regno Unito si acquistano 400 metri di tessuto per tendaggi sostenendo un costo di 3.240,00. Determina a) quanti tendaggi si possono confezionare sapendo che si utilizzano 6,40 metri di stoffa ogni 4 tendaggi; b) il costo in euro del tessuto utilizzato per un tendaggio, sapendo che il cambio è di 0,909 lire sterline per 1 euro. a) Calcola il numero di tendaggi confezionati. Quantità Metri 4... x Q 1 6,40 M 1 x Q M 2 x Numero di tendaggi b) Calcola il costo in euro di un tendaggio , ,96 Costo in sterline del tessuto per un tendaggio Euro 1 0,909 x 12, x... x ,26 Costo in euro Il cambio delle valute è in continua oscillazione. Quando svolgi l esercizio informati sul rapporto di cambio corrente della lira sterlina rispetto all euro e calcola quanto costa il tendaggio con il cambio attuale. Puoi ottenere l informazione rapidamente attraverso Internet con il motore di ricerca Google utilizzando le parole chiave cambio valuta. 2. Un esportatore vende a un cliente statunitense merce per un valore complessivo di ,00. Determina l importo della fornitura in dollari, sapendo che alla vendita il cambio è di 1,488 dollari per 1 euro. Euro $ 1 1, ,00 x 1 1,488 $... x $ x $... Ricavo della vendita in $ 3. Un commerciante acquista da un fornitore giapponese una partita di merce per ,00. Calcola l importo della merce in euro, sapendo che al momento del pagamento il cambio è di 123,030 yen per 1 euro. Euro 1 123,030 x , x Prezzo pagato in 7

16 L A T Completa gli schemi inserendo i termini mancanti. Ricerca di P 100 r S... Ricerca di S... r... P Ricerca di r LE PERCENTUALI Calcoli sopra cento 100 (100 + r) S (S + P) Ricerca di (S + P) 100 ( ) S x Ricerca di S... (100 + r)... (S + P) Calcoli sotto cento 100 ( ) S (S P) Ricerca di (S P) 100 (100 r) S... Ricerca di S... (100 r)... (S P) Riparto diretto Riparto semplice Riparto composto Suddivide una quantità S Ripartisce una... rispetto a una o più quantità S rispetto una quantità... rispetto I RIPARTI... (a, b, c) in rapporto di... diretta a... sola serie di grandezze di riparto a S (a + b + c) Cr b c a... criteri di... S a 1 a 2 (a 1 a 2 ) + (b 1 b 2 ) + (c 1 c 2 ) Cr b 1 b 2 c 1 c 2 Problemi con percentuali e riparti PROVIAMOINSIEME a) Calcoliamo la percentuale di calo subita dalla merce. 8 Tre commercianti, Alberti, Bianchi e Corsi, hanno acquistato merce rispettivamente per 25 t, 30 t e 45 t. Durante il trasporto la merce subisce un calo pari a 300 kg che viene ripartito proporzionalmente tra i tre acquirenti. Determiniamo a) la percentuale di calo subita dalla merce; b) la quantità di merce totale giunta a destino (in kg); c) le tonnellate di merce ritirate da ciascun commerciante t Merce acquistata in tonnellate 100 t... kg Merce acquistata in chilogrammi r x % calo sul peso alla partenza S kg peso alla partenza P 300 kg calo 100 x x ,30% Percentuale di calo subita b) Calcoliamo la merce giunta a destino kg Merce giunta a destino in chilogrammi c) Calcoliamo le tonnellate di merce ritirata da ciascun commerciante kg... t Commercianti Merce acquistata (t) Criterio Merce spettante Alberti 25 a t... Bianchi 30 b t... Corsi 45 c t 44,865 Quantità da ripartire S t 99,700

17 S (a + b + c) 99,700 ( ) 0, ,925 t Merce ritirata da Alberti t Merce ritirata da Bianchi... 44,865 t Merce ritirata da Corsi Risolvere problemi con percentuali e riparti PROVATU Un commerciante sostiene spese accessorie di 630,00 da ripartire tra le seguenti partite di merce in proporzione al rispettivo costo d origine partita A di kg netti, prezzo 1,06 il kg lordo, tara 2,50% del peso lordo; partita B di kg lordi, prezzo 0,45 il kg netto, tara 2% del peso netto. Determina a) il costo d origine di ogni partita di merce; b) il costo primo di ogni partita di merce. a) Calcola il costo d origine di ogni partita di merce. r 2,50% tara sul peso lordo S x peso lordo P x tara Puoi determinare il peso lordo solo applicando il calcolo sotto cento. 100 S Peso lordo 2,50 P Tara 97,50 S P Peso netto x r 2% tara sul peso netto S x peso netto P x tara S + Peso netto 2 P Tara 102 S + P Peso lordo x... x kg Peso lordo x 1, ,00 Costo d origine della prima partita di merce x Puoi determinare il peso netto solo applicando il calcolo sopra cento kg Peso netto , ,00 Costo d origine della seconda partita di merce Merce Costo d origine Criterio Spesa A 3.180,00 a... B 2.250,00 b... Somma da ripartire S... S (a + b) 630,00 ( ) 0, ,00... Spese partita A ,05 Spese partita B 5.430,00 b) Calcola il costo primo di ogni partita di merce ,95... Costo primo della partita A 2.250, ,05 Costo primo della partita B 9

18 E ora tocca a te T O APERT A A Rispondi brevemente alle seguenti domande. 1. Che cosa indica il termine valuta estera? Quali basi di calcolo possono avere le percentuali successive?... T T T 1. La proporzione indica a) il prodotto tra gli estremi diviso il medio noto b) il rapporto tra le grandezze c) il rapporto tra antecedenti e conseguenti d) l uguaglianza tra due rapporti 2. Il calcolo sotto cento si ottiene a) sommando alla base il termine percentuale b) calcolando una terza grandezza S P c) togliendo il percento dalla base di calcolo d) calcolando un prezzo scontato Indica la risposta corretta barrando la relativa lettera. 3. Il riparto semplice diretto divide a) S in base a più serie di grandezze b) S in base a un solo criterio di riparto c) Cr per il prodotto delle grandezze d) tutte le risposte sono errate 4. La base di calcolo si riconosce perché è a) sempre indicata nel problema b) scritta accanto alla percentuale r c) il valore maggiore degli altri d) il valore su cui è rapportato il percento T V 1. Indica, barrando la relativa casella, se le seguenti affermazioni sono vere o false. a) Il peso netto è di 11,2 kg, la tara è di 4,8 kg, pari al 3% del peso lordo. V F b) Il ricavo è 78,00 e il costo è 60,00, perciò il guadagno è pari al 30% del ricavo. V F c) Il consumo è di 920,00 e il reddito è di 980,00, con un risparmio del 6,52%. V F d) Il costo primo di 23,00 è il 115% del costo d origine, perciò le spese sono 3,00. V F T Nella seconda colonna indica i risultati e nella terza associa le operazioni descritte con le corrispondenti voci A o B. 1. Paghi 5,00 un piatto di sushi pari a 653 al cambio di un euro per 2. Al cambio di 0,8505 per un euro ricevi 153,10 convertendo euro Percorri 4 km in 50 minuti alla velocità oraria di 4. Alla velocità di 60 km/h impieghi 1,5 ore, ai 40 km/h impieghi km/h h... m A) Proporzionalità diretta. B) Proporzionalità inversa T COMPLET 10 MENTO A 1. Completa le frasi con le espressioni mancanti, scegliendo tra quelle proposte alla fine dell esercizio (tieni presente che alcuni termini non sono da inserire). a) Il cambio è la... del valore di una. nel corrispondente... espresso in un altra... valore valuta moneta trasformazione convertitore denaro b) La provvigione è il... spettante all... o al rappresentante di ed è calcolato in... sulle... andate a buon fine. percentuale vendite utile commercio compenso agente ricavo

19 A ONODAMNONODAMNO Completa gli esercizi o svolgili sul tuo quaderno. 1. Esegui le seguenti equivalenze. Equivalenze 306,56 mm... m 66,504 kg... dag 236,4 cl... l 3,72 m... cm 102,56 g... hg ml... dl 4,506 km... hm 0,0504 t... kg 245,2 dal... hl 2. Misure di peso 3. Risultato economico 4. Risultato economico 5. Proporzioni 6. Proporzioni 7. Proporzioni 8. Percentuali 9. Percentuali 10. Percentuali 11. Riparti semplici e composti La tara è di 6 kg, il peso lordo è pari a 32 kg. Calcola il peso netto, la percentuale di tara sul peso lordo e sul peso netto. [R 26 kg; 18,75%; 23,08%] Il ricavo della vendita di un prodotto è pari a 220,00 e l utile ottenuto è di 60,00. Calcola il costo d acquisto del prodotto in termini assoluti e la percentuale di utile sullo stesso. [R 160,00; 37,5%] Dalla vendita di 600 kg di una merce si sono ricavati 9.000,00. Determina a) il ricavo che si consegue vendendo 320 kg della stessa merce allo stesso prezzo unitario; b) quanti chilogrammi della stessa merce si vendono per ottenere un ricavo di 5.700,00. [R a) 4.800,00; b) 380 kg] Un macchinario produce prodotti in 140 ore. Determina a) quanti prodotti si ottengono in 320 ore di lavoro; b) quante ore sono necessarie per produrre prodotti. [R a) prodotti; b) 144 ore e 48 minuti] Si impiegano 4 macchinari per 40 ore e 30 minuti per produrre unità. Determina a) in quanto tempo si ottiene la stessa produzione utilizzando 10 macchine dello stesso tipo; b) quante ore sono necessarie per produrre unità con 10 macchine. [R a) 16 ore e 12 minuti; b) 80 ore] Una produzione è stata ottenuta in 30 giorni di lavoro impiegando 12 operai. Determina a) quanti operai sarebbero necessari per realizzare la produzione in 20 giorni di lavoro; b) quanti giorni sarebbero necessari se si impiegassero 10 operai. [R a) 18 operai; b) 36 giorni] Un agente di commercio percepisce una provvigione del 7% delle vendite realizzate. Calcola le vendite effettuate, sapendo che nel mese di marzo ha percepito 2.800,00. [R ,00] Il prezzo di un computer ha subito prima un aumento del 18% e poi di 22,40. Determina il prezzo originario sapendo che il prezzo attuale è di 820,00. [R 675,93] Il prezzo di un viaggio ha subito prima un aumento di 130,00 e poi del 10%. Determina il prezzo originario sapendo che il costo attuale del viaggio è di 1.507,00. [R 1.240,00] Una società ha un capitale conferito dai soci Boschi per ,00 e Costa per ,00 e a fine anno consegue un utile di ,00 che viene assegnato ai soci in proporzione ai rispettivi conferimenti. Il socio Boschi distribuisce il 10% della somma riscossa ai figli Luca e Giulia, in base all età di 21 e 24 anni e al numero di esami effettuati, rispettivamente 9 e 21, e trattiene il residuo per la famiglia. Il socio Costa utilizza la somma percepita come anticipo del 40% sul costo d acquisto di un terreno e salda l importo residuo con un finanziamento bancario. Determina a) la quota di utile spettante a ciascun socio; [R ,00; ,00] b) la somma assegnata ciascun figlio del socio Boschi; [R 465,82; 1.242,18] c) il valore del terreno e del finanziamento ottenuto dal socio Costa. [R ,00; ,00] 11

20 3 Ripasso veloce modulo 2 Smile, il suggeritore, ha svolto il compito di allenarti 1. nell individuazione dei concetti chiave; 2. nel riassunto dei paragrafi attraverso schemi e mappe; 3. nella memorizzazione dei termini con l uso del glossario e dei concetti attraverso i collegamenti logici; 4. nell esposizione prestando attenzione alle domande poste. Se non ricordi, rileggi i suggerimenti dati! Nel modulo sono stati definiti i concetti fondamentali relativi ai bisogni, ai beni e all attività economica. Inoltre, si sono chiariti i ruoli assunti nel sistema economico dai diversi soggetti economici famiglie, imprese e Pubblica Amministrazione. Le attività che seguono permettono di ripassare e consolidare conoscenze e abilità di base. A I T Completa gli schemi inserendo i termini mancanti. I BISOGNI Stati di... dovuti alla.. di qualcosa Caratteristiche Soggettivi, variabili, saziabili,..., complementari,... e indotti Classificazione..., secondari,... e collettivi I BENI E I SERVIZI Mezzi necessari a... i... Caratteristiche dei beni economici... nella quantità,..., accessibili e utili Classificazione..., immateriali, mobili, immobili, strumentali, di... (immediato e...), semplici, complementari e succedanei Produzione Diretta Accrescere l Scambio Baratto... Scambio... È l insieme delle del bene o del sevizio... creditizio L ATTIVITÀ ECONOMICA... compiute dall uomo per... e utilizzare i mezzi Consumo... del bene o fruizione del sevizio... Indiretto Risparmio In natura al consumo immediato Tesoreggiamento Investimento 12

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI DI ECONOMIA AZIENDALE e INFORMATICA DI BASE ISTVAS Ancona Indirizzo: RAGIONIERI Proff.

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA Introduzione Definizione. La matematica finanziaria studia le operazioni finanziarie. Definizione. Una operazione finanziaria è un contratto che prevede scambi di danaro (tra i contraenti)

Dettagli

Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. CLIPPy AzIENDA. Economia aziendale per il primo biennio. Volume 2

Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. CLIPPy AzIENDA. Economia aziendale per il primo biennio. Volume 2 Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano CLIPPy AzIENDA Economia aziendale per il primo biennio Volume 2 EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice MODULO 0 Ripasso dell Economia aziendale 1

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: FRECCERO Bruna CLASSE: II B SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli

Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. ObIETTIvO AzIENDA. Economia aziendale per il turismo. volume 2

Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. ObIETTIvO AzIENDA. Economia aziendale per il turismo. volume 2 Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano ObIETTIvO AzIENDA Economia aziendale per il turismo volume 2 EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice MODULO START In viaggio nell Economia aziendale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM Obiettivi di apprendimento ( come da linee guida) Al termine del biennio lo studente deve possedere: 1. Conoscenze

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo Primo: Le operazioni di gestione 21 Fatti interni Trasformazioni economiche PARTE SECONDA LA GESTIONE AZIENDALE Capitolo Primo Le operazioni di gestione In questo capitolo analizzeremo le diverse

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari ... Nome... Classe... Data... Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari Scelta multipla Indicare con una crocetta la risposta esatta. 1. Concorre al soddisfacimento del fabbisogno finanziario

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Calcoli percentuali applicati alle imposte

Calcoli percentuali applicati alle imposte Calcoli percentuali applicati alle imposte Risolvere i seguenti problemi fiscali utilizzando la tecnica dei calcoli percentuali. La banca liquida gli interessi maturati a favore dei risparmiatori operando

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE PRIMA

COMPITI PER LE VACANZE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE PRIMA COMPITI PER LE VACANZE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE PRIMA 1 Il signor Rossi si reca in un supermercato che espone, tra le altre, le seguenti offerte speciali: a) set per scrivania, prezzo euro 150, sconto

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA INTERESSE SEMPLICE Calcolo dell interesse 1. Un capitale di 3.400 fu impiegato per 3 mesi al tasso del 5%. Qual è l interesse prodotto? 2. Un capitale di 1.725 venne impiegato per

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

e il calcolo percentuale

e il calcolo percentuale SCHEDA 1 Le proporzioni e il calcolo percentuale Gli obiettivi didattici Conoscere i concetti di proporzionalità diretta e inversa Conoscere il calcolo percentuale Saper applicare il calcolo percentuale

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni

UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni APPROFONDIMENTI UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni Novità Nella bozza del modello Unico 2006, per il 2005, apparso nel sito delle Entrate, compaiono le nuove deduzioni per carichi di famiglia, la

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale

Biblioteca di Economia aziendale Approfondimenti I calcoli finanziari Il montante e i problemi inversi I problemi inversi si hanno quando, noto il suo ammontare, l incognita è rappresentata dal capitale iniziale o dal tasso d interesse

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici Albez edutainment production Economia Aziendale I Scambi economici 1 La compravendita Secondo l articolo 1470 del Codice Civile: La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà

Dettagli

Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente

Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente La ditta Alfa di Palermo ha i seguenti debiti per fatture

Dettagli

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura 1 PREMESSA L art. 1 del DL 31.5.2014 n. 83, entrato in vigore l 1.6.2014 e convertito nella L. 29.7.2014 n. 106, ha introdotto

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

Sommario CORSI DI RIALLINEAMENTO 28/09/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012. Proporzioni. Proporzioni

Sommario CORSI DI RIALLINEAMENTO 28/09/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012. Proporzioni. Proporzioni CORSI DI RIALLINEAMENTO Sommario ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 PROPORZIONI; CALCOLO PERCENTUALE; RIPARTI. Tutor: Dott.ssa Lixi Marta 1 2 Una proporzione è l uguaglianza tra 2 rapporti. Terminologia

Dettagli

Attività di consolidamento

Attività di consolidamento Attività di consolidamento 1. Trascrivi le parole in calce nella seconda colonna della tabella individuando i legami logici. (Attenzione, alcuni termini non devono essere inseriti). Prelevamenti, Produzione

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Matematica Finanziaria Un utile premessa Negli esercizi di questo capitolo, tutti gli importi in euro sono opportunamente arrotondati al centesimo. Ad esempio,e2 589.23658 e2 589.24 (con un

Dettagli

OPERAZIONI DI PRESTITO

OPERAZIONI DI PRESTITO APPUNTI DI ESTIMO La matematica finanziaria si occupa delle operazioni finanziarie, delle loro valutazioni, nonché del loro confronto. Si definisce operazione finanziaria, qualsiasi operazione che prevede

Dettagli

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria Indice 1 Leggi di capitalizzazione 5 1.1 Introduzione............................ 5 1.2 Richiami di teoria......................... 5 1.2.1 Regimi notevoli...................... 6 1.2.2 Tassi equivalenti.....................

Dettagli

ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA

ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA Anno scolastico 2008/09 Prof. Romano Oss Matematica finanziaria è uno strumento di calcolo basato sulla teoria dell interesse,

Dettagli

Presentiamo la tratta, regolarmente accettata il 20 maggio, pagabile presso la sede di Venezia della Banca Antonveneta.

Presentiamo la tratta, regolarmente accettata il 20 maggio, pagabile presso la sede di Venezia della Banca Antonveneta. KIT DI RECUPERO DI ECONOMIA AZIENDALE CL. 2ATT a.s. 2014/2015 il lavoro deve essere svolto su un quaderno nuovo perché verrà ritirato e valutato per tutti gli studenti ammessi al terzo anno A* m 400= hm

Dettagli

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE:

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: La Banca CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: DURATA DELLA PROVA: Fase di gruppo:

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 LA GESTIONE 2 LA RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE 3 LA REMUNERAZIONE DEL CREDITO : L INTERESSE 4 IL PAGAMENTO ANTICIPATO DI UN DEBITO : LO SCONTO 5 L UNIFICAZIONE

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Aree gestionali e loro riflessi contabili e di bilancio [29 agosto 2013] Riclassificazione e analisi di bilancio di un impresa turistica [29

Dettagli

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente Cambio Conto Come cambiare il conto corrente INDICE Caro Cliente... 3 Cosa offre l iniziativa Cambio Conto come cambiare il conto corrente... 4 CAMBIARE IL CONTO CORRENTE IN 5 MOSSE... 5 2 1. SCEGLIERE

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Conto @me. Il conto corrente on line da gestire in autonomia.

Conto @me. Il conto corrente on line da gestire in autonomia. Conto @me. Il conto corrente on line da gestire in autonomia. 3,90% d interesse lordo che diventa 4,25% con almeno 18 eseguiti di borsa a trimestre. Zero costi di apertura e di gestione. Zero costi di

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: ASCHERI Maria Rosa CLASSE: I A c SETTORE: servizi INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA DELLA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE PROFILO AZIENDALE L impresa industriale Vini buoni SPA produce e vende vini imbottigliati. L impianto di produzione si compone dei seguenti beni ammortizzabili: vasche di scarico dell uva, diraspatrici,

Dettagli

Esercizi: Equivalenze Percentuali Grafici

Esercizi: Equivalenze Percentuali Grafici Esercizi: Equivalenze Percentuali Grafici Lunghezze 1. Nella tabella sono indicati alcuni oggetti e a fianco alcuni valori. Quale valore si avvicina di più alla misura della lunghezza dell oggetto indicato?

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA indice modulo d la gestione dell azienda capitolo 1 la gestione aziendale...5 1.1 Le operazioni di gestione...7 1.2 Le operazioni di finanziamento...9

Dettagli

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L Irpef L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L imposta sul reddito delle persone fisiche 360 Dopo la legge 289/2002 e la legge 311/2004,

Dettagli

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE 1. MONETA ELETTRONICA PER LE PENSIONI 2. LIBRETTI DI DEPOSITO AL PORTATORE BANCARI O POSTALI 3. I.S.E.E. 4. DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI ED INTERVENTI PER RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Interesse semplice (I)

Interesse semplice (I) 1^ Parte: INTERESSE SEMPLICE E INTERESSE COMPOSTO Glossario: Capitale (C): è una somma di denaro che viene concessa in uso per un determinato tempo. Interesse (I): è il prezzo d'uso del capitale. Saggio

Dettagli

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Obiettivi ed esercitazioni da svolgere vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 Obiettivi Lavorare con il software Dinamico Educational ci

Dettagli

Didattica della Ragioneria I modulo

Didattica della Ragioneria I modulo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO FACOLTA DI ECONOMIA Scuola di Specializzazione all Insegnamento secondario Didattica della Ragioneria I modulo Percorso formativo nel triennio degli istituti tecnici commerciali

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO

MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO CLASSE IV B CAT MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO A.S. 2013/2014 Insegnante : prof. SGANDURRA Emanuele A) PROGRAMMA SVOLTO DI ESTIMO ED ECONOMIA Il trasporto dei capitali

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Università di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali Facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Dott. Rundeddu Vincenzo LE OPERAZIONI

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI... 4 LA

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a far conseguire allo studente, al

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI Pagina 1 di 29 UTILIZZO DELLO SCADENZARIO Di seguito vengono indicate le operazioni preliminari necessarie per poter gestire lo Scadenzario, e alcuni esempi di utilizzo. OPERAZIONI PRELIMINARI impostare

Dettagli

La gestione dell impresa

La gestione dell impresa Albez edutainment production La gestione dell impresa Classe III ITC In questo modulo: La definizione di impresa e di gestione La classificazione delle operazioni di gestione La differenza tra beni a fecondità

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 2^ A AMF INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 2^ A AMF INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE Risolvi i seguenti problemi: Un impresa commerciale acquista merci per 18.360 ottenendo una dilazione di pagamento di due mesi al tasso

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE Vivere l azienda 2 Ripasso del programma di prima classe Soluzioni pag. 1 di 7 SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE Ripasso del programma di prima classe 1.6 CALCOLO DELLE PERCENTUALI DI COMPOSIZIONE DEI FINANZIAMENTI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA I finanziamenti sono le fonti delle risorse necessarie all azienda per svolgere la sua attività. Con i finanziamenti le imprese possono procurarsi i fattori della produzione (terra,

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

PayPal & Go La Linea di credito online al passo con te

PayPal & Go La Linea di credito online al passo con te PayPal & Go La Linea di credito online al passo con te SITO WEB www.paypal.it/paypalandgo TELEFONO 055/3069181 INDIRIZZO Findomestic Banca Spa, Casella Postale 6279 CS/Novoli 50127 Firenze PayPal & Go

Dettagli

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n.

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n. S.U.S.O. Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO CIRCOLARE n. 1/2014 La presente per informare i signori Associati sulle

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. I calcoli percentuali

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. I calcoli percentuali Albez edutainment production Economia Aziendale I I calcoli percentuali 1 Sommario 1. Rapporti e proporzioni 2. Terminologia 3. Proprietà fondamentale 4. Conseguenze della proprietà fondamentale 5. Esempi

Dettagli

PROF. ALBANO SALVATORE

PROF. ALBANO SALVATORE Istituto Statale di Istruzione Superiore Zenale e Butinone Economia aziendale KIT ESTIVO CLASSE 2^BTT PROF. ALBANO SALVATORE Fascicolo A Esercitazioni obbligatorie per tutti gli studenti da consegnare

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli