Strategy Financial Services

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategy Financial Services"

Transcript

1 Strategy Financial Services Trasformazione digitale e il ruolo delle banche "on-line" in Italia 2014

2 Contents Section Overview Page 1 La digital transformation nel mondo e in Italia 1 2 Gli effetti del digitale nel settore bancario 9 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia 15 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni 26

3 La digital transformation nel mondo e in Italia 1

4 Section 1 La digital transformation nel mondo e in Italia La digital transformation sta cambiando il modo di vivere ed interagire con il mondo che ci circonda 1,6 miliardi 3G connection nel mondo 633 milioni websites attivi 2,4 miliardi web users nel mondo 5,1 miliardi ricerche giornaliere su Google 210 miliardi mail inviate ogni giorno 50 milioni GB di dati archiviati in dropbox milioni webpages esistenti 1 miliardo utenti di youtube 1,1 miliardi iscritti attivi su facebook $700 miliardi generati da attività e-commerce 77 miliardi apps scaricate nell ultimo anno tweets inviati al secondo 2

5 Section 1 La digital transformation nel mondo e in Italia La trasformazione digitale è un fenomeno globale Internet users (in milioni di persone) x +8x +4x +26x +2x +13x Africa Asia Europa Medio Oriente Nord America America Latina Australia 3

6 Section 1 La digital transformation nel mondo e in Italia in progressiva e costante espansione Penetrazione internet (% popolazione totale) 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% developed countries developing countries world globally

7 Section 1 La digital transformation nel mondo e in Italia accelerato dalla diffusione di tecnologie mobile Totale vendite globali (in milioni di unità) CAGR tablets notebook PC smartphones desktop PC +42% +32% % % 5

8 Section 1 La digital transformation nel mondo e in Italia e supportato da innovativi global players hi-tech Vision Connectivity is a human right and the Internet is the foundation of the global knowledge economy (which is) the future. Mark Zuckerberg, Facebook CEO Target (Today) for every person online, there are two who are not. By the end of the decade, everyone on Earth will be connected Erik Schmidt, Google executive chairman It took 16 years to gain the first billion smartphone users, but only 4 years for that number to double. Trend There's still so much you can do with technology to improve the customer experience. I believe it's still Day One, and that it's early in the day: the rate of change is now starting to accelerate. Jeff Bezos, Amazon CEO Tim Cook, Apple Inc. CEO 6

9 Section 1 La digital transformation nel mondo e in Italia L'Italia conferma la trasformazione digitale in corso (web e mobile) I numeri della digitalization italiana Telefoni e PC 48 milioni persone con un telefono cellulare 43 milioni persone con accesso ad un computer Smartphones e Tablets 24 milioni persone con uno smartphone 5 milioni persone con un tablet 4 italiani su 5 Accedono ad internet 2 italiani su 5 Accedono con connessione mobile Fonte: ISTAT 7

10 Section 1 La digital transformation nel mondo e in Italia e la crescente penetrazione dell'on-line nello sviluppo delle attività B2C ecommerce B2C 2013 Italia in mld 11,3 8,1 9,6 * Almeno un acquisto negli ultimi 3 mesi (Ottobre 2013) 4,1 5,0 5,8 5,8 6,8 2,0 2, Fonte: PWC: The Digital Factor Italia

11 Gli effetti del digitale nel settore bancario 9

12 Section 2 Gli effetti del digitale nel settore bancario Nel corso dell'ultimo decennio, tutti i Paesi Europei hanno vissuto un percorso evolutivo verso il digitale Penetrazione on-line banking 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% Evoluzione storica IT ES PL BE DE UK SE NL 0% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% I Paesi Europei hanno vissuto percorsi diversificati di digitalizzazione, seppur con velocità similari Penetrazione internet Fonte: Eurostat 10

13 Section 2 Gli effetti del digitale nel settore bancario Gli stadi di sviluppo del digitale nei Paesi Europei L'Italia è in una fase di diffusione dell'on-line 90% 80% Penetrazione on-line banking 3 FI SE NL "Selfbanking" 70% 60% 2 BE EE FR LU 50% 40% 30% 20% 10% 0 Paesi Emergenti "On-line in start up" GR 1 PT LT CZ IT 0% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% LV ES HU PL SK SI AT IE "On-line in diffusione" DE UK "Multi-canale integrato" Penetrazione internet Fonte: Eurostat 11

14 Section 2 Gli effetti del digitale nel settore bancario La propensione dei clienti bancari verso i canali Percorso evolutivo di transizione dalla filiale al digitale Livello di propensione dei clienti all'utilizzo dei canali On-line in diffusione Multicanale Self-banking 57% 59% 55% 47% 45% 34% 19% 19% 24% 25% 35% 41% 43% 48% 69% 73% Italia Spagna Germania EU UK Francia Paesi Bassi Svezia Online Altro ATM Filiale 12

15 Section 2 Gli effetti del digitale nel settore bancario Nelle preferenze dei consumatori, il digitale prevale soprattutto per le attività e i servizi transazionali Canale di accesso Servizi transazionali Altri prodotti e servizi bancari On-line / Self banking Call Center Promotori/Agenti Filiali Prelievi Versamenti Informativi c/c Conti deposito Investimenti Mutui Finanziamenti Assicurazioni Fonte: EFMA Retail Financial Services,

16 Section 2 Gli effetti del digitale nel settore bancario Esigenze diverse tra generazioni impongono strategie diversificate, con un ruolo crescente del mobile Online e Mobile sono i canali preferiti dalla Generation Y Survey Gen Y Gen X Baby boomers Matures After work Mobile 30% 26% 46% Online 60% 67% 88% 91% 92% 91% 85% Combined proportion of respondents who are currently using or considering using online or mobile banking services. Fonte: Banking will mean digital banking in 2015, 14

17 Il ruolo delle banche digitali in Italia 15

18 Diffusione Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia Il settore in Italia: dal trading alle banche digitali First mover e follower stanno definendo l'arena competitiva Fase espansiva e di trasformazione FIN CO ONLINE First Movers trainati anche da Private Equity Trading on-line WeTrade IMIWeb Trader FINECO Webank IWBank Retail Digital Banks ING DIRECT CheBanca! Widiba Hello bank! "Caccia alla liquidità" Iniziative fortemente spinte da strategie di raccolta (conti deposito on-line) New entrants Iniziative avviate in logica offensiva e difensiva, da grandi player (anche internazionali) Genesi (prima del 1995) Avvio ( ) Ieri ( ) Oggi ( ) Fonte: Company websites 16

19 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia I player si diversificano per strategia di canale I first movers più grandi stanno evolvendo al multicanale Player Canale Online / mobile Canale fisico (filiali e ATM) Reti terze (promotori) First mover ( ) FINECO IWBank Interazione con rete di sportelli dei gruppi azionisti e accesso ATM full Webank Iniziative ( ) CheBanca! ING DIRECT Rete propria di "filiali leggere" e accesso ATM full New entrants ( ) Widiba Hello bank! Modello ATM in corso di definizione Accesso ATM full Fonte: Company websites 17

20 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia Elementi distintivi delle banche digitali in Italia Focus sulla raccolta e i servizi ai privati Prodotti e servizi Impieghi Servizi Raccolta Prestiti Mutui Monetica Trading Diretta Indiretta Private Target di clientela Privati Affluent Retail Small Distribuzione prodotti di terzi Traders on-line Evoluzione a Banche digitali Imprese Mid Large 18

21 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia La struttura di attivo e passivo rispecchia l'offerta Bassi livelli di loan to deposit rispetto al sistema Loan to deposit ratio (impieghi / raccolta diretta) Benchmark banche commerciali "tradizionali" % Principalmente orientati verso lo sviluppo dell attività di raccolta 11% 4% 34% 37% Tale tendenza emerge soprattutto per gli operatori con modelli senza presenza di una rete fisica o interazione con la rete dell'azionista di riferimento IWBank FINECO Webank CheBanca! Fonte: Analisi su dati di bilancio

22 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia Punto di debolezza: gli impieghi e le imprese La raccolta viene investita nelle banche e in titoli Composizione dell attivo (mix) Crediti vs banche Impieghi vs clientela Portafoglio titoli Altro Importanti fonti di funding per gli azionisti 8% 15% 74% ~90% 92% 28% 26% 13% 5% ~70% 57% 68% Basso livello di investimento della raccolta in attività creditizia verso la clientela La rete fisica (diretta e reti terze) potrebbero consentire di sviluppare l'attività creditizia IWBank FINECO Webank CheBanca! Fonte: Analisi e stime su dati di bilancio

23 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia Spinta sulla raccolta indiretta (fondi e titoli) Le piattaforme "aperte" e le reti di promozione emergono come leva discriminante per lo sviluppo del risparmio gestito Gestito / indiretta Raccolta indiretta / totale raccolta 19% 63% 7% - Elevata penetrazione della raccolta indiretta, rispetto alla media delle banche Italiane (con punte elevate verso il comparto gestito nel caso di presenza di reti di promozione finanziaria) 35-50% 53% 71% 34% 6% Benchmark banche commerciali "tradizionali" IWBank FINECO Webank CheBanca! Fonte: Analisi su dati di bilancio

24 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia con appeal anche verso i privati di fascia "alta" Il modello di Fineco ha attratto un numero elevato di clientela affluent / private (segmentazione comportamentale) FINECO 33% Clienti con TFA > 500 k con il sopraggiungere della crisi Fineco ha fatto una scelta di campo: quella di focalizzarsi sulla clientela affluent da 500 mila euro in su % Altri clienti Direttore Commerciale Rete Fineco Bank Clienti 2013 (# '000) Total financial assets (Mix %) Fonte: Bilancio 2013 Total Financial Assets = Raccolta diretta + raccolta indiretta (amministrato + gestito) 22

25 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia Per alcuni, forte incidenza del margine da servizi Effetti connessi al trading, raccolta indiretta e monetica Margine da servizi / totale ricavi Maggiore contributo del margine da servizi per i player nati come trader on-line, grazie alla spinta verso la raccolta indiretta e l'attività di trading 35-40% 43% 44% Benchmark banche commerciali "tradizionali" 19% 10% IWBank FINECO Webank CheBanca! Fonte: Analisi su dati di bilancio

26 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia Modelli oggi diversificati in termini di marginalità Livelli di cost income e ritorno sul capitale investito Cost income e ROE 160% 140% 120% 100% ROE * 2% 26% 8% -10% 50% 0% -50% Benchmark banche commerciali (ex altri ricavi) 80% 60% 103% -100% 65-70% 40% 20% Cost income 0% 83% 56% 64% -150% -200% IWBank FINECO Webank CheBanca! Fonte: Analisi su dati di bilancio 2013 * ROE = Utile Netto / (PN Utile Netto) 24

27 Section 3 Il ruolo delle banche digitali in Italia Quale l'approccio dei grandi Gruppi Italiani? Strategie diversificate (offensive e difensive), in termini di offerta, canali, timing e scelte di brand Piattaforme e modelli di servizio on-line Banche digitali Gruppo Bancario Canale on-line per reti fisiche Canale on-line per reti private / promotori Modello di servizio indipendente Player on-line con canale diretto o a reti integrate Player on-line con reti di promotori Player on line puri (o quasi) Unicredit Unicredit FINECO - Intesa SP Intesa Sanpaolo Banca Fideuram Superflash IPO - (2014) MPS PasKey Widiba Prevista Banco Popolare By Web - YouBanking - integrazione - - (2014) BPM Webank BPM UBI Private UBI Banca Qui UBI Investment IWBank OPA + MedioBanca CheBanca! - - DELISTING ING DIRECT (2012) ING BNP-Paribas Hello bank! Fonte: Company websites 25

28 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni 26

29 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Le prospettive per il futuro in Italia a 5-10 anni Attesa un'accelerazione dei livelli di penetrazione Evoluzione attesa a 5-10 anni 90% 80% 70% Penetrazione on-line banking "Selfbanking" 60% 2 50% % 30% 20% 10% "Online in diffusione" 0% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: Stime su dati Eurostat "Multi-canale integrato" Penetrazione internet 27

30 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Effetti del percorso evolutivo per le reti di sportelli L'evoluzione è storicamente legata ad una razionalizzazione Stadi di evoluzione delle strategie di canale On-line in diffusione Multicanale Self banking Sportelli bancari ogni abitanti 4-6 anni 5-7 anni Target IT PT ES DE AT FR BE LU L'aumento di diffusione dei canali digitali è strutturalmente legato ad una razionalizzazione delle reti fisiche IE 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% Fonte: Analisi su dati Eurostat e BCE UK SE DK FI NL Utilizzo online banking 28

31 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni In Italia, a livello di sistema è prevedibile una riduzione di sportelli del 40-50% entro 7-10 anni Stadi di evoluzione delle strategie di canale On-line in diffusione Multicanale Self banking Sportelli bancari ogni abitanti % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% Fonte: Stime su dati Eurostat e BCE 3-5 anni Riduzione del 15-20% a 3-5 anni 5-10 anni Riduzione del 40-50% a 7-10 anni 2025 Il percorso di digitalizzazione comporterà una riduzione compresa tra il 40% e il 50% del numero di sportelli bancari in 7-10 anni Utilizzo online banking 29

32 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Il percorso verso modelli di business più "digitali" può abilitare un ritorno di marginalità e profittabilità Italia - OGGI Evoluzione al digitale 100% 90% ROE ~1-3% ROE ~10-12% DNB 80% 70% 60% 50% Cost income gap =~20%* NORDEA Handelsbanken Swedbank 40% 30% 20% Cost income 67% 14% 48% 18% SEB 10% 0% TC ratio Top 5 ITA Banche del Nord Europa Fonte: Analisi su dati di bilancio

33 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Quali strategie per le banche commerciali? Riduzione delle reti, valorizzazione di asset e evoluzione ruoli Approccio tradizionale Approccio digitale Single Channel Multi-Channel Cross-Channel Omni-Channel Digital Identity Evoluzione verso il digitale?? Implicazioni industriali a 3-5 anni Prodotti e servizi: Nuovi prodotti e modelli di servizio, con progressivo trasferimento dell attività transazionale sui canali digitali Sportelli: Razionalizzazione e di versificazione del modelli di filiale e valorizzazione delle componenti Real Estate Risorse umane: Evoluzione dei ruoli di rete verso la consulenza 31

34 Focus transazionale Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Quali possibili evoluzioni dei modelli di filiale? Modelli diversificati per contenuti relazionali e transazionali Filiali "self" automatiche Filiali complete One-stop banking Bank of America Self 24/7 Unicredit Filiali leggere In-store & corporate / community centers B A Flagship stores C D Focus su advisory San Diego State University U.S. Bancorp Assistenza relazionale Umpqua Bank 32

35 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni In Italia, i grandi Gruppi hanno già avviato progetti specifici basati su nuovi concetti di filiale Unicredit...per rendere più piacevole la fruizione dei servizi offerti dalla banca Radicale innovazione del modello di presidio del territorio con Hub & Spoke in ogni micromercato Piano Industriale BPM 2012 BPM Cariparma La filiale del futuro? Incrocia l'innovazione tecnologica con la consulenza su misura per adeguarsi a un mondo in rapida trasformazione Fonte: Company websites 33

36 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Quali percorsi per le banche digitali a 5-10 anni? Polarizzazione tra specializzazioni e evoluzioni dei modelli Prodotti e servizi Impieghi Servizi Raccolta Prestiti Mutui Monetica Trading Diretta Indiretta Private Target di clientela Privati Imprese Affluent Retail Small Mid?? Ieri DOMANI Estensione del business tramite logiche multicanali (reti terze + call center + filiali leggere / flagship stores & shops / mobile)? OGGI Large 34

37 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Possibili trend "disruptive" per il settore? Evidenze dei Paesi più avanti sul crescente ruolo del mobile NORDEA Technology-driven development of banking business # mln 38 Transazioni in FILIALE # mln Transazioni su MOBILE Nelle attività transazionali, il mobile ha raggiunto i livelli delle reti fisiche in soli 4 anni Fonte: Financial plan di Nordea 35

38 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Minacce ed opportunità da settori adiacenti Nelle attività transazionali l'accerchiamento è già iniziato! Social networks Facebank? Facebook Vodafone T-mobile Telco AT&T Amazon Retail & Consumer (B2C players) PayPal Banking Google Wallet Internet providers E-wallet Apple Samsung Mobile device producers 36

39 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Banking is just bits and bytes John Reed, 1980 CEO of Citibank Banking is essential, banks are not Bill Gates, 1994 CEO and co-founder of Microsoft 37

40 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Riferimenti e contatti Financial Services Strategy Digital Transformation Gianluigi Benetti Financial Services Strategy Leader Digital Transformation Team Andrea Correale Financial Services Strategy

41 Section 4 Uno sguardo al futuro tra 5-10 anni Grazie 39

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Ministro per l innovazione e le tecnologie Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Roma, giugno 2002 1 2 Presentazione La modernizzazione del Paese attraverso

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DIGITALE Aggiungere tecnologia al business per ottenere l Effetto Moltiplicatore

LA TRASFORMAZIONE DIGITALE Aggiungere tecnologia al business per ottenere l Effetto Moltiplicatore LOOKING FORWARD LA TRASFORMAZIONE DIGITALE Aggiungere tecnologia al business per ottenere l Effetto Moltiplicatore Ottavo volume Prefazione di Alessandra Poggiani e Gionata Tedeschi Introduzione di Marco

Dettagli

I servizi digitali e le piattaforme applicative per le imprese e le pubbliche amministrazioni

I servizi digitali e le piattaforme applicative per le imprese e le pubbliche amministrazioni I servizi digitali e le piattaforme applicative per le imprese e le pubbliche amministrazioni Programma di ricerca Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione SCREEN Ricerca L offerta di servizi

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE. Volume 2. La filiera agroalimentare

UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE. Volume 2. La filiera agroalimentare UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE Volume 2 La filiera agroalimentare UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE LA FILIERA AGROALIMENTARE GIANNINI EDITORE Grafica di copertina Ciro D ORIANO Editing e sviluppo editoriale: Raffaela

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Lo scenario dei mercati internazionali: opportunità, rischi e nuove strategie

Lo scenario dei mercati internazionali: opportunità, rischi e nuove strategie Lo scenario dei mercati internazionali: opportunità, rischi e nuove strategie Luigi Dante - Rappresentate esecutivo in Italia di EBRD Giovedi 21 giugno 2012 European Bank for Reconstruction and Development

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

TURISMO ITALIA 2020 LEADERSHIP, LAVORO, SUD

TURISMO ITALIA 2020 LEADERSHIP, LAVORO, SUD TURISMO ITALIA 2020 LEADERSHIP, LAVORO, SUD PIANO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA ROMA 18 GENNAIO 2013 A cura del Gruppo di Lavoro del Ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo

Dettagli

Guida per la formazione nelle PMI

Guida per la formazione nelle PMI Guida per la formazione nelle PMI Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea (UE) per l occupazione e la solidarietà sociale, Progress (2007-2013). Si tratta

Dettagli

Osservatorio Cloud & ICT as a Service Cloud: ora si fa sul serio!

Osservatorio Cloud & ICT as a Service Cloud: ora si fa sul serio! Osservatorio Cloud & ICT as a Service Giugno 2014 Indice Introduzione 3 di Umberto Bertelè, Raffaello Balocco, Mariano Corso, Alessandro Perego e Andrea Rangone La Ricerca Executive Summary 7 di Mariano

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION INDICE La semplicità nell era dei Big Data 05 01. Data Visualization:

Dettagli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli Cap. 21 del testo, Marketing. Il Management orientato al mercato, A. Mattiacci & A. Pastore, HOEPLI, 2013 G. Iasevoli Indice

Dettagli

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri Strategia per la crescita digitale 2014-2020 Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma 3 marzo 2015 Strategia per la crescita digitale 2014-2020 1 Premessa 4 1. Obiettivi strategici 7 2. Il contesto di

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Le rimesse dall Italia in tempo di crisi

Le rimesse dall Italia in tempo di crisi Working Papers 63/2009 Le rimesse dall Italia in tempo di crisi Giulio Giangaspero Novembre 2009 Via d Aracoeli, 11 00186 Roma (Italia) Tel. +3906 6990630 Fax +3906 6784104 e-mail: cespi@cespi.it - web:

Dettagli

E-LEARNING: LA RIVOLUZIONE IN CORSO E L IMPATTO SUL SISTEMA DELLA FORMAZIONE IN ITALIA

E-LEARNING: LA RIVOLUZIONE IN CORSO E L IMPATTO SUL SISTEMA DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Comunità I talenti italiani all estero E-LEARNING: LA RIVOLUZIONE IN CORSO E L IMPATTO SUL SISTEMA DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Interesse nazionale Settembre 2014 Il rapporto è stato realizzato da: - Monica

Dettagli

Il microcredito. di Paolo Pelgreffi. Una esplorazione nelle diverse esperienze di microcredito. borsista di ricerca della Fondazione G.

Il microcredito. di Paolo Pelgreffi. Una esplorazione nelle diverse esperienze di microcredito. borsista di ricerca della Fondazione G. Il microcredito Una risposta ai problemi delle famiglie e delle microimprese, per emancipare dal bisogno, promuovere autonomia, generare responsabilità sociale Una esplorazione nelle diverse esperienze

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

dell euro, del 5,0 in Italia (Banca d Italia, Considerazioni finali, 31 maggio 2010).

dell euro, del 5,0 in Italia (Banca d Italia, Considerazioni finali, 31 maggio 2010). 1 2 3 Telecomunicazioni: il processo di liberalizzazione dà i suoi frutti Persino nel 2009, annus horribilis 1, il settore delle telecomunicazioni ha sostanzialmente tenuto. Nel mondo, il settore delle

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Ricerca sul valore economico del Terzo Settore in Italia

Ricerca sul valore economico del Terzo Settore in Italia Ricerca sul valore economico del Terzo Settore in Italia 2012 Ricerca sul valore economico del Terzo Settore in Italia 2012 PREFAZIONE Maurizio Carrara Presidente di UniCredit Foundation R afforzare il

Dettagli

Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia

Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia Servizi sanitari, sociali e alla persona: i settori economici con il potenziale di occupazione più elevato (29 luglio 2014, ver. 1.2) Azione di Sistema

Dettagli

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo: Italia ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Il presente studio è pubblicato sotto la responsabilità

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli