л ½±³» 8 ½ ²± ³ « ³ ²±² ½«²»ºº» ± «±½½«±²» λ² 8 Ð ± Ý ¹ ± ³³» ± Ó ½ ±²²» ¼» ݱ² ¹ ± Ô ¾¾ ³± ³» ½» ± ± º»»² «½ ó

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "л ½±³» 8 ½ ²± ³ « ³ ²±² ª @ ½«²»ºº» ± «±½½«±²» λ² 8 Ð ± Ý ¹ ± ³³» ± Ó ½ ±²²» ¼» ݱ² ¹ ± Ô ¾¾ ³± ³» ± @» ½» ± ± º»»² «½ ó"

Transcript

1 ÛÝÑÒÑÓ ß Î» «¾¾ ½ ÓÛÎÝÑÔÛÜT îç ÑÌÌÑÞÎÛ îðïì ç ª± ± Ô ²» ª л ½±³» 8 ½ ²± ³ «º ± ±»¹ ²¼ ³»» ¼«½»²¼±¹ ½± ³ ²±² ½«²»ºº» ± «±½½«±²» λ² 8 Ð ± Ý ¹» ª±»»¼» ±» º± ± ³³» ± Ó ½ ±²²» Ý ³«±æ»½½±» ½ 7²±² ½±²²± ô³ ± ±½±²»½± ± ±² Ó ²±ª»Ö±¾ ½ ± ±²±½ ³¾»òÚ»³± ± ½ ±» ±¹»²»» ÐÛÎÍßÐÛÎÒÛÜ Ð G ò½¹ ò ò ª± ±ò¹±ªò ÐÎÑÐÑÍÌÛÝÑÐ ßÌÛ ¹±ª» ²±½±» ± ±»¼»» ¹ ²¼ ³»» ̺ áò±² ± ±²±» ½ «¼»» ²¼ ½ ¼ ª Ó»± λ² ÔÛßÜÛÎÍØ ÐÐÑÔ Ì Ýß Ô ²¼ ²» ¼» ± ½±á ³³ ¹ ²± ½» ²½» Ó «±¼ º»²¼ «±²±³ ¼» ²¼ ½ ± Ó «±Ô ²¼ ² ÒÛÍÍËÒßÎÛßÆ ÑÒÛ Ó ½± ½» ½±³» Ó ½ ±²²»ô½» ± ±»» ± Ú ô ± ¼»½»» ½±»»² «½» ½«²» ±²» Í» ¹ ±Ó ½ ±²²» ÎÑÞÛÎÌÑ ÓßÒ ß ò ß «² ½» ± «² ± Í«²² Ý ³«± ²» ±³» ²» ó ª ô ô ¹» ² ³ ²±ô» ª ª» ± ¾ ½»½ ¼» «± «ºº ½ ± ½±² ºº ½½ ± «Ê Þ± ¹»»ò Ì º± ±ô ³» ¹¹ ô ½± ¼» ª± ² ² ¼» ݹ ô ½ 8 «² ²½ ± ¼ ¹»² ½±² «² ¼ ½ ±²» ¼ Í» ¹ ± Ó ½ ±²²» ¼» î ± ±¾» ½± ±ò Ð ¼» ³» ½ ±¼» ª± ±ô ¼¼ Ú½ ô ¼» ¼ ±¹»» u ± ³ ¼ ¾ ² eò Û¼ 8 ±ô»¹ ô ½±³ ± ºº ¼ ± λ² ò л½ æ uô ¾¾ ³± ³» ¹ ±²» 4eò»¹» ± ¹»²»» ¼» ݹ»¼»æ u껼»ô ¼ ½ ó ±²» ²±² 8 ³ ³»² ò ß ³»½± ½»³± ±½»«²½ ¼ ²± ª» ± ½» ± ±»»¼»ó ¹»» º ½» ¼» Ú»» ± ± ¼» ¼» ²± ±» ¼»²» ¼» ݱ² ¹ ± Ô ¾¾ ³± ³» ½» ± ± º»»² «½ ó» ½«²» ±²»eò uï ±»¹»² ±²» ¼» ¹±ª» ²± ²» ½±²º ±² ¼» ¹ ²¼ ±¹¹» ± ± ¼ ²»» ó ½± eò uï» ±»¼ Ó ½ ±²²» ó «²± ³»¹ ± ¼ «± ¹ ±² ³»² ±» ½ 7 ± ¹±ó ª» ²±²±² ½«² ¼ ±² ½±²º ±² ½±² ½ ô ½±³» ²¼ ó ½ ô»»² ²»» ¹»²» ó ô ²±² ½± ± ª eò u ¹±ª» ²±½±» ± ±»¼» ó» ¹ ²¼ ³»» ¼ ݱ²º ²¼«ó eò uô Ú ô»»½»¼ Ì» ±ó ±òòòý»²» ±²±» ²²±º» ±¾¾ eò uý±² ±½»» ½±³»8 ²± ó ³ ¼» º ³»²»» ¹ ²¼ ³»» ¼«½»²ó ¼± ± ±½± òó ²±² ½«²»ºó º» ± «±½½«±²»eò uò±² ²«²½ ³± ºº ± ó ¼» ¼ ±» ½ ³¾» Í ½±³»» º± ³»½» ±²±»»ó»²»òÒ±² «.»²»¼ ½ ³ó ¾» «¾¾ ½ ³³ ² ±²» ¹ ²¼± ± ¼ ª± ±» ²±² ó ¹ ²¼±» íð ³ ±² ó ² ¼±ª» ²² ¼ ²±¹ ²»» ¼» ±» º± ô ½» ó ²± ¼» «¾¾ ½ ³ó ³ ² ±²»ò Ú ½½ ± «² ±»»³ ±æ ̺ 8 ± ¼ ºº» ±ô º±²¼ ²»¹ ª ±²± º «± ¼» ½±² ±²»ò Ï ± ¹±ª» ²± ª«±» «³»²»»» «Ìº»»²»»ª ¼»² ²»¹ ó ª òû ²¼ ½ ²±² ª»¾¾» ± ó ± ± ¼ ½ ²»áß¹¹ «²¹±ô ²¹»ó ²»»ô ½» «² ± ½»½±²±³ ó ½» ² ª ²±² «. ó ¼«¹ ±¼»» ó»» ¼»» ò Ý±ó ³» ¼ ³±» ³» ½ ² ±²± ²»½» ¹ ²ª» ³»² ²ó ½» «¾¾ ½ eò uô ¾¾ ³± ¼» ±æ» ó ª» «² ó ³±²»ò Ý» ²½» Ù» ó ³ ² e Ò Ð ßÆÆß ß ³ ² º» ±²» ± ¹ ² ¾ ± ½± ± α³ ¼ ݹ»½ ± ½ ½ «² ³ ±²» ¼» ±²» uó» ½» ± ½±² ó» ¼ ª»² «² ±» ±²»¼ ± ¹±ª» ²±òÒ± ²±² ¾¾ ³± ¼«¾¾ ½»»»¹¹ ª ¼ ²± ¼ ½» ±ª» ² Ð ³»² ±ò Í ³± ³»²» ½±²ª ² ½» ½»±½½«ó ³ ± «±½» º ¼» ª± ±¼ º ¼«½ ò Û ± ± ¹±ª» ²± ²±² «.½» ± ¼» ½»²±² ½ ²± ó» ª»» ³»² ½±³»»»»³ ± ¹¹»»» ó ±»ô º± ³» «±² ± «º± ³ ¼»» ¹ «½±² ± ¼ ²» ¼»¹ ªª±½ ò Ò±² ½ ½±²º ±² ± ± ½±² ½ «² ó»»² ² ¹»²»»ò ß²½»» ³ ² ± б» «²¼±» ± ²½±² ±¼ «²»¼4²±²» ½ «± ± ¼ «² ²» ª»² ± ¼» ¹±ª» ²±»»³»²¼»ô»ª»² «ó ³»²»ô»¹¹»¼ Í ²ó ½±² ± 8 º ² ± ² «² ± ³±¼±ò Ò±² ±» ½ 7ò Û ²±² ± ²»³³»²±» ½ 7 «½«² ¹ ± ² ± ½½±² ± «² ²½±² ± ¼ ª» ± ¼ ± ±» ±» ±ò ݱ² ²«±»²» ½» ± » º ±½» ³ ² ²±² ²±»» ²±»±» ª ó ±² ò Í ½± ²±» ½± ± ±² ô ³ ²±²½»»² ª± ±òû ª± ±8 ¹ ²¼»¼±³ ²¼ ¼» ³ ² º» ±²»¼ ¾ ±eò uø ½ ³¾ ± ²»½±»ò ² ²ó ±ô½±² ± «±»¼ ³± ô 8 ª ± ½» ²¼ ½ ± ²±² 8 º ± ± ± ¼»²ó ±² ô ³ ²½» ¼ ¹ ±ª ² ô ¼»½ ô ¼ ¼ ±½½«ò Í 8 ª ± ½» ²½ «¼ ³±» ½» ²±² ¼ ª ¼ ³± ½±³» º ¹±ª» ²±eò uò±² ó ±²¼± ó ¼±³ ²¼» ½ 7¼» ±¼» ½ 8» ±ó ¹ ½ ½» ± ± ¹«¼» ³ ² º» ±²» ¼ ¾ ± ½±³» «² ² ª ²» ²± ¼» ¼ ¾ ó ± ¼» мò ²ª»½» » «² ¼» ª± ±eò uí±²±»¹» ±¹»²»»¼» ó ݹ ò ر» ±² ¼ ¼ ó º»²¼»» «±²±³ ¼» ' ¹ ²ó ¼» ²¼ ½ ± ²±» ²±² ²» ó ª»²¹± ²»» ª ½»²¼» ²» ²» ¼ «² ±ò л «² ± ¹«¼ Ó «ó ± ³ ³³ ¹ ²± ½» ¾¾» ± ² ±²» ««±²±³ ¼» ²¼ ½ ±eò uð» ½ 7 ²±² ½ 8 ½«²» ±ó ²» ½± ¼¼» ± ± ±º ±» ó ½± ±ïèòû¼8 ±» ±¹±ª» ²± ó ½±²± ½» ± ²» Ö±¾ ß½ ò λ² ó ± ª» «² ¹±³»² ±¼ Ó±² ¼» ²² º òô ¼ ºº»»² 8½» ±ó ݱ²º ²¼«¼ ½»ª ½» ²±²» ± ±¾»³ ô ³»²» ±¹ó ¹ «² ²» eò uý ¾»»³±» ²±» ² ó ª» ³ ²»²»²¼± ²» ª ¼ ò Ý ó ²²± ¹ ½ ±» ½± ô ³ ² ó º» ±² ² ª»» ± º»³± ± ½ ±» ± ¹»²»»ò Ô± ¼»½ ½±ó ³»»³» ²± ± ݱ³ ± ¼ ó» ª± ½±²ª±½ ±» ²±ó ª»³¾»eò w Î ÐÎÑÜËÆ ÑÒÛ Î ÍÛÎÊßÌß ÔßÌÎßÌÌßÌ ÊßñÑÙÙ ÔßÙË Ü ÒÝÑÒÌÎßÔ ßÜÜÛÔÔ ßÆ ÛÒÜßÜ ÐÎÑÐÎ ÛÌ`ÌÛÜÛÍÝßôÐÑ ÝÑÒÊÑÝØÛÎ` Í ÒÜßÝßÌ Ý ß ô ±² ± ½ ³» Ó» µ» ÔË Íß ÙÎ ÑÒ òô»²¼ ¼ Ù«¼»¹ ±» ² ± ± ³¾ ½»¼» ½ æ ª»»² ¼»» ½½»» ¼ Ì» ² ó ¼± ± ± «¼» ª ¼ ¼» ó ³ ²» º ó ½½»» ²¼±ò ܱ³»² ½ ½± ô ¼ Ô»± ± ¼ ô»³» ª»ª ±³» ± ¼«² ¼»»¹ ±²»¼»» ¾ «¼ ª±» ±½½» ±² ³»²» ¼» ±²»ò Û ¼» ª ¼»»º±ó ½ ±ô ¼» ³»²» Ó» µ» ô ª ± ½» ±» ¼» ß 8»«±² ½ Ì»² Õ «ò л ³±³»² ±»»º±²± ¼» Ý ²ó ½»» ²±² «±ô ³ ±¹¹ ± ͪ «±»½±²±³ ½± ³ ² ± Ú»¼» ó ½ Ù«¼ ³³ ² ±» ¼»»¹ ± ß Ô«½ Ó±» ò Í«ª± ± ½ 8» «¼» ³» ² ëëð¼»²¼»² 滲±² «² ½½± ¼±»»»» ¼ ½»² ³»² ± ó ²²± ³ ¼ Ò» ³»»²¼± ² ¹ ó ²±½½ ± «² ²» Ì» ² ô ½» ª ª» ½½»»» «²¼± ±òû ¼«½»²ó ¼± ¼ ½ ³»²» ¼ ½. ½»8 ³ ±¼»» ±» ¼» «¹ ½± ó ²±ò Ü ª» ½»º ³ ² ±Ù«¼» ³ó ³ ² ±»¼»»¹ ±Ó±» «±²± ¹ ¼ ª» ½± ó ¾ òô ±¾» ª±8 ±¼ ±»½» ± ¼» ±ªª»¼ ³»² ±»²¼» ½»»ª»¼» ¼ ³ ²«±²» ¼» «² ²» ó» ½ ¼± ¼» ± ¾ ³»² ±» ² ²±ò u»³» ½ ¼» ± ½» ¼± ± ²½±²ó ±ô ½ Ð ±¾ ¾ ³»²» ª»ó ²» ¼4 ± ¾ ± ± ³±e ¼ ½» Í»º ²± Ù «¹ ô Î «¼» Ú ±³ Ì» ² ½» ¾ ± ± ¼ ½± ¼» ³ ² ó º» ±²» ݹ» ½» ¹ ± ²± ¼± ±» Ô»± ± ¼ ¼ Ú»²»ò Ò» ¼ ¹ ± ² ¼ ²» ª ± λ² ±»¾¾» «² ± ½ ³» Ó» µ» ò ¼»²¼»² ¼» Ì ² ¼ Ì» ² ²»»»» ±» ² ó ½»ª«³ ²» ±ô± ¹ ²» ²²±«²» ¼ ± ¼ ª ² ³¾ ½»¼»ó ½ α³ òû ²» ± ³ ¹ ± ² ô «² ó ±» ¼ ± ¹ ² ± ¼ ª ² ¹ «ºº ½ ¼» ½ ³ ¼» ¼ Û»²ò Ô ³± ²¹»æ ïì²±ª»³¾»ý¹ ôý ó» Ë ó ½» « ª»»² ³«±ó ª±²± ½±³ ó ½»²¼» ²²± ² ½ ±»ó ±» «±±»ô ±» ²¼±½±² ± ³ ²½ «±²» ¼» ²± ¼ ³»ó ô ²½»» «º««±ø±¾» ª±¼» ó»²¼» ½ ««¼»»½±²¼± º± ó ²±» ³ ²½ ¹ ³»² ¼»²¼ ±ò w Î ÐÎÑÜËÆ ÑÒÛ Î ÍÛÎÊßÌß

2 îì ÝÎÑÒßÝß w Î ÐÎÑÜËÆ ÑÒÛ Î ÍÛÎÊßÌß Î» «¾¾ ½ ÓÛÎÝÑÔÛÜT îç ÑÌÌÑÞÎÛ îðïì ± ± ÐÛÎÍßÐÛÎÒÛÜ Ð G ò ³¾± ò²» ò«² ±²½ ³»»ò¹±ªò ÒËÓÛÎ íìïòëðð ßÆ ÛÒÜÛ Í±²±» ³»»½» ²ª» ±²± ² ±¼±»»½²± ±¹»¹»»²ô îïôèû ¼» ±» ïçôêû ÛÈÐÑÎÌ Í±²±» ³»»¹»»² ²»½»» ± ²± ¾ ³»²» ± ± ±¼± íðû ÒÒÑÊßÆ ÑÒÛ Í±²±» ³»» ³ ² º »¹»»² ½» «² ²± «²²±ª ±²» ïèôèû ÚßÌÌËÎßÌÑ Í±²±» ³»»¹»»² ½» ²²± «³»² ± ± ± º «± ²» ½± ± ¼» îðïí Ü ¹ ±²±³± ¾ ± ½» ± ª ²½ ¼» ³»» ¹»»² ½»º ²²±½» ½»» Ì»³ ±² ¼ ± ¼ ª± ±» êï» ½»² ±¼»»²«±ª» «² ±² ²»»»²¼»½» ²²± ²ª» ± ² ±¼±»»½²± ±¹»»½±ó½±³ ¾ ßÒÌÑÒ Ñ Ý ßÒÝ ËÔÔÑ ÎÑÓßò˲»²¼ «½ ² ½±³³» ± «ò ² ± ¹ «± ¼»½± ²ª» ±» «¼»½ ²²± ± ± ½ «² ²²±ª ±²»» ïèôè» ½»²ó ± ª ±½» ½»» ± ±º ó «±²» îðïíº ½»²¼±» ½ º ¼» ² «± í ³ ±² ò ͱ²± ½«² ¼» ²«³» ¼ Ù»»² îðïìô ± ±¼ Ú±²¼ ±²»Í ³¾±ó»Ë² ±²½ ± ± ³» ³ ² ò Í ²²± éðû ¼»» «² ±²»ª» ²²±» ¼ ½» ½» ª «± X «² ºº» ½± ½»»»²ó «² ²± ³ ³ ±ô ½» ª ¼» ± ' ¼ ±² ó»½ ô ¼ ¹ ± ³»²ó»»¼ ô ¼ ³ ² º ó «½ ³ ½ ô ¼»²» ¹ º «ò ² «±íìïòëðð»²ó ¼» ¼» ²¼ ¼»» ª ô ½±² ³»²±«²¼»²¼»²»ô½» ²²± ²ª» ± ²»¹ «³ ë ²² ± ²ª» ²²± ²²± ² ±¼±»»½²± ±¹» ò Ï ± ¹¹ «³»² ± ¼ ³ó»» «² ±º ± ¼»½ ³»²ó» ' ½±³» ª± ¼» ³»¼ ò ïçôê» ½»² ±» ± ¾ ó ³»²»ô½±² ± çôì» ½»² ±¼ ½ ²±² ²ª»»ò ͱ²±²«³» ½»¼ ²²±º± ª± ±ò Ò» îðïì»»²¼» ²» ¼» ²¼ ¼»» ó ª ²²± ±¹ ³³ ± ¼ ó «³»» ëðòéðð º ¹ ±º» ó ±²» ïèíòíðð º ¹ ½±² ½±³»»²» ³¾»² ò ² «± º ²²± îíì³ «² ±ó ² ô êï» ½»² ± ¼» ±»ò Ü»» ± 8 ±» ª»«ó Ô± «¼ ±¼ Ú±²¼ ±²» Í ³¾±» ˲ ±²½ ³»»æ ¼ ±² ± ó»½ ô» ³»» ³ ½» ¼» ³¾»²» ±²±» ' ½±³» ª» ±» òü «îðîðô»½±²¼± ݱ³³ ±²»ô ½»» ²²± îð ³ ±² ¼ ± ¼ ª± ±ª» ¼ æ éð» ½»² ± ¼ » «²ó ±²»ª» ¼»»²¼» ²» îðï컼» ²» ¼ ó ½» ½» ª ±¼ ø²» îðïí» êïôî» ½»² ± ò Ó «±²± ³»» ª» ¼ ½±² ' º««±á Ô»»²½± 8 ó ³»²» «²¹± ½»ô»²¼»²¼± ±» ²» ±ô «¼ ±»² ²ó»æ ª ¼ ô ¼ ¹«¼ ² «ó Ô ÛÍÐÛÎÌß Ý Þ ± ô ³³ ² ±» ¼»»¹ ± ¼ Ò±ª ³±²»» ¼»²» ¼ Ì» ² ½»» ± ¼ ¾±² º ½»ô ¼ ¹ ±²±³± ½»»» ±²»»½»»»² ½ ³¾ ³»²ó ± ½ ³ ½± ¹»± ±¹±»½ ó ± ² ¼» ± ¼ ±¹»± ±¹ ó ½±ô ¼ ±¹» ¼ ³ ² ± ½»²»»»½ ó ± ²» ½± «±²» ¼» ± òó ² «ó ± ½ ±²±»¹³»²ó ô '±³»²±½±²»² ô½» ½±²ª» ±²± ±¹ ½ ¼» ³ ¹¹ ±»»ºº ½»²»¼» ³ ²± ³ ±ò Ý» ± ² ½«² ½»²¼»²ó 8 '²» òô ½ ³ ½ 8 ²º ó»¼ ½±²ª» ±²»ª» ¼»ò Ô»¼ ó 8»¹² ¼ «² ½ ³ó ¾ ³»² ± ¼ ½»»½»¼» ±ó ¹» ô»» ¼»ºº ½»²»²» ¹» ½ ô» ±²»»½ ó ± ²» ³» ¼ ½± ó ¾»² ±²»»¾ ± ³ ± ³ó ¾»²»ò Ô ¹ ½± «ª»¼» ½±² ²«ª ² ¼» ¾ ± ±¹ ó ½±ò Ô ¹» ±²» ¼» º «¾ ó ±¹²± ¼ ½ ³ ½» ³ ² ¹» ½ ó ½ ¼ ¹»» ¹¹ ±¼ ¼ ½ ½ ½ ½ ±ò uô ³ ¹ ±» ± ½ ó ÝßÌ ßÞßÍÌ ÑÔ ôíý ÛÒÆ ßÌßÛÓßÒßÙÛÎ ²²±ª»» ¼» ±½½«±²»»½½± º ¼ ¼» ½ ³ ½ ª» ¼» ÎÑÓßò u º««±ô ²½» ¼ «² ± ¼ ª ¼» ±½½«±²»ô 8 ²» ½±»ó ¹ ³»² ±» ³»»»» ± ô ²¼ ¹ ½± «ò» ó ±» ¼» ¾ ±»½±²±³ ² Û«± ª»î³ ³ ¼ ª± ± ±»îî³ ±² ¼» ±²»eòÝ Þ ± ô ³³ ² ±»¼»»¹ ±¼ Ò±ª ³±²»» ¼»²» ¼ Ì» ² ô ¹«¼ º««± ¼» ¹ ±ª ² ½±² ±½ó ½ ± ª± ± ½ ¼ ²²±ª ±²» ¼» ½ ³ ½ ª» ¼»æ»½±²¼±» ³»¼» ݱ³³ ±²»ô» ±¹²»«± ²ª» ± ² ½» ½ ± ±²±± ó»²»» ï𻫱 ¼ º «±»² ± îðîëò ݱ «.º» ² á uô ±½½««² ± ±²»¼ «±»ª± ² ±» ±»òý±² ó ² «¹«±²»¼» ¾ ± ºº ²» ¼ Ó ½ б ±Ì±» ô ¼ ³± ó ±¼»»¼»± ½ ô¹«¼ ¹² ²¼± ³» ½ ±³»²ó» ½ º»» ²» ± ¼» eò Ï«² ± ª± ± «.½»»á uô ±½½«±²»8«²»»³»² ±¼ º± ¼»»¹ ¾ «½ ó ³ ½ ª» ¼»ò ѹ² ïòððð ±²²»» ¼ ¾ ± ½» ± ±²± ½»» êð ± ¼ ª± ±eò Ï«±²±»¾ ± ½» ²½ ½± ±²»áб»¾¾» ±½» ½»ó» ²»³ ¼ á u ¾ ± ±» ô ½±³ ± ¾ ô ±²¼±²±»² ³¾»» ¼±³ ²ó ¼»æ» «±²»¼» ²± ³ ª ±»¾¾»½±² ó ¾ «² ½» ½ ±½½«±²» ¼» ½±³ ± ¼ 'ê ³» ±²»òX «² º ¼ ³ ± ²»» ³±²¼±ô ª ± ½» ³ ± ³¾»²» ¼»» ª»½» ½»½±² ²«³»²»òܱ ³»²» ³ ± ²»» Û«± ô½» ½±³³» ± «¾ ±»½±²±³ òû ²½± ' ³ ± ²ó»» ô½» ±½»³»» ³»³ ¾«±² ½ ½» ½ eò» «² ½» ª«± º» ó 8 «²» «²²±ª ±²»ô ½±²± ½»² ô ¾»»» eô ± ±²» Û ó ³»» λ ½½ ô» ¼»²» ¼ Í ³¾± ò uߺº ±²» º ¼ ½±³» «² ¼±ª»»ô ½±³» ó ¼»³ ³»² ± ¾«±½ ½± ±¾ó ¾ ¹ ²» ² ±² ¹² º ½ ²±² ª» ½± ± ± ²¹ ±½±ò X«²»¹¹ ³»² ±»¹² ± ½» º»²» Ù ± ¼±æ ² «²± ¼» ¼ ±¹ ' ½»»¾ ¼» ¾ ±ô ²½» ¼ Í ²»¹ ¼ ª» ª«±»» º ¹ ¼ ³±¹»»¼ ²±² ª» ²»³ ª ± ±³¾» ½±» ½ 7 ««³»²» ¾» ½ ³ ½ ¼ ²±» ½ ³»¹¹ ª ³± ± Ò±² ± º±» ½» ³ ±ô ³» ¼» «² º ¹ ± Ü ±ò Û½½±ô ¹ ²ó ª» ³»² ±²± ²½» «² ½»» ±» ½» «² ½± eò Ý ¼»¹¹»» ½±³ó» ±²»¹ ±¾»» ²ª» ³»²ó ª ¹¹ ²± ²» ±æ ª ² ²»» ± ² ½«²²±ª ±²»»»² ±²» ó ³¾»²»²±²ª»²¹±²± ³»²±ò Ü ² ±¼» ½ º «±»» ±¼» ²± ³ ² º «8 ½» ½ «±» ½»² «³»²» ' ¼ ±»¼» ½±æ ïêôë» ½»² ± ½±² ± ïïôê» ½»² ±ò uï ²«³»»¹ ²±» ½ 7 ó «² ½±³³» ¹ ±²»ó ª±» ²½»»» ²«±ª» ³»ó»eô ¹¹ «²¹»Ú» «½½ ± Ü ¼ ó ²» ±ô» ¼»²» ¼ ˲ ±²½ ó ³»»òuÒ» ³±»³»»¼» îðïì ½±² ²± «ííòëðð ó«½» ²²± ²ª»ó ± ² ±¼±»»½²± ±¹» ª» ¼ ³ ³» ¼ ª ±»ª»¼±²± ¼ º ± ²» ± ³ ïî³» æ¾»² íéôï» ½»² ±¼» ±» ¼ »»²¼» ²» ²» ³» ³» ¼ ²ó ²±eò w Î ÐÎÑÜËÆ ÑÒÛ Î ÍÛÎÊßÌß íòðððòððð ÔßÊÑÎßÌÑΠͱ²± ¹»»² ±¾ ² ô ±ªª» ± ±» ¼» ³¾»²»» ±½ ³»²»» ±² ¾ îíôíû ßÍÍËÒÆ ÑÒ X «± ¼ ³»» ¹»»² ½»»ª»¼» ¼ «³»» ²» ½± ± ¼ ²²± îíìòððð ÑÝÝËÐßÌ Í±²± ± ¼ ª± ± ½» ²» îðïì ¼» ³»»¹»»²ô êïû ¼» ±» éðû Î ÝÛÎÝß ÛÍÊ ÔËÐÐÑ ²«±ª ± ¼ ª± ±» ½» ½» ª «±½»² »³ ½»¹»»² ø ³»îðïì éèû ÝÑÒÍËÓßÌÑÎ Ù ² ½» ±²± ¼ ±»²¼»» ¼ '» ±¼±»» ª ¹»»² ïðì ÛÓ ÍÍ ÑÒ Ô» ±²²»»¼ ² ¼ ¼» ½ ¾±² ½» ±¹² ³ ±²»¼»«± ¼ º «±

3 îè ÛÝÑÒÑÓ ß Î» «¾¾ ½ ÓÛÎÝÑÔÛÜT îç ÑÌÌÑÞÎÛ îðïì ²± ÐÛÎÍßÐÛÎÒÛÜ Ð G ª ôïôî³ ¼ ¼» Î ª ¾±² º ½ ¹ ½½±¹» ½» ¼» ½±³³ ±»¼» º±²¼ ½»» ª ²²± ² ³»² ±¼»» ¼» «¹ ½ ±² ½ ÔËÝß ÐßÙÒ ò Ò±² 8 ²½± ± ¼»º ² ª ò л ½ 7ô ½±³» 8 ± º ± ²±»ô ± ¼ ±²± ½«±¼ ó»» ±» ¾ ±¹² ²¼»»½ ò Ó ²±² ½ 8 ¼«¾¾ ± ½»²» ½±³»» ²½ ± ¼» ª ¼ Ì ² ±ô '¹ ²¼» ½½» ² ô»ó 8 ±»¹² ± «² «² ± ³ó ± ²»ò ¹ ¼» ¾«²» ¼ Ó ²±ô Ú ¾ ± Üùß ½ ²¹» ± ½½± ± ½»»»² ¼ ½±³ó ³ ± ± ¼ ² ±ô л ± ¹ «¼ ½» ¾ ± ½» ¼ » ³¾»²» ±²±»ª»² Ù²«¼ ¼ ¼» »» º ½±²º ²»» ½» ¼» ª ô ±³³ «±»³ ±» ¼ ±½««²»¼» º ó ³ ¹ Î ª ò Í ¼ ïôî ³ ó ¼ ½» ²²± ¼» ² ó ² ³»² ± ³¾»²» ¼» ó» ò Í»½±²¼± ¹ «¼ ½» u²» ½±²ó º ± ¼ e ¼» ±» ÝÑÓËÒÛ Ü ÍßÒÆß øíß Ð ÈÈ Ê Ó ¹¹ ±ôï èìðíð Í ² øí» ²± Ì» ò ðçéëíîîëíê º ðçéëíîîêîê ß»² ¼» ¼»½» ±»¹ ª± ²ò ïêíñîððêô»²¼» ²± ± ½»»ù»» ±½»¼ ô» ù ºº ¼ ³»² ± ¼» ª± ¼ æî «º ½ ±²»» Ê ± ±²» ¼» Ý»² ± Í ± ½±ó º ½ ³»² ± ¼»»» º±¹²»» ¼ ½»»¼ ±»» ¼ ª ³»² ±²»å øýëðæ ÙìíÛïìððððððððê Ý Ùæ ëééçðêèüýì Ô ¹ 8 ¹¹ «¼ ½ ½±² ½» ± ±ºº»»½±²±³ ½ ó ³»²» ' ª ² ¹¹ ± ø» ò ëí ½±³³ î» ò» ò èí ¼» ¼»½» ±»¹ ª± ²ò ïêí ¼» îððê» ò³ò ò» ÔòÎò ²ò ðíñðé» ò³ò ò óü»» ³ ² ¼ ¹¹ «¼ ½ ±²» ¼»º ² ª ²ò îëê ¼» ïëñïðñîðïìå 󱺺»»» ª»² ²ò éå ó Ü»» ½ ïå ó ³» ¹¹ «¼ ½ ßÌ ÜÛ Ó ÛÎ óóßîí ÝÑÊÛÌÛÎÛô ³ ²¼ ø½ ±¹ «± ݱ «±² ÜÛ Ó ÛÎ ½±²»¼» ² Í ² øíß Ê Ê ¼ ß¹ ô ª ðìïçéëîðêëìô ½±² «² «²»¹¹ ± ¼ ççôíîô «² ¾ ± ¼» ïëôíêû» ½±² «² ±ºº» ó»³ ± ¹¹ò ïèðô» ³ ± ± ²» ± ¼ ò ïòïíèòêïîôéç ±» ±²»» ½ ò îïòëïðôìçô» «² ³ ± ± ½±³» ª± ¼ ½±² ± ¼ ò ïòïêðòïîíôîèô ±»» ³ ¹ ±»»¼ ²»¹ ±² ± ±» ²» ±ºº»»½² ½»¼ ª ïðûå ó컳 ± ¼»»½«±²» ª± ¹ ± ² ïè𠱺º» ²»¼» ¼ ¹ å Ô Û»²½± ½±³» ± ¼»» ¼»»½ ² ¹ 8 ± ²»ó ± ²» ªª ± ²»¹» ¼» ªª»²«±»» ³»² ± «¾¾ ½ ± ¾± л ± ± ±² ²» ¼» Û²»» «± ò½±³«²»ò ² ò ò ò ¼» ݱ³«²» ¼ Í ² ò λ ±² ¾» ¼» Ð ±½»¼ ³»² ± ¹»±³ò Ù » Ê ¹» Ô ÝÑÓÓ ÍÍßÎ Ñ ½±³³ ± ± ¼ ² ± ¼» ª ô л ± Ù²«¼ ò ß ¼» ô ± ¾ ³»² ± ¼» «¹ ½± ¼ Ì ² ± ¼»» ±³³»» » u» ¹ ²»» ½± «±² ³»²» ó»ª ² ¼ ± ù ³¾»²» ó «¾»ô ª± ±» ô ó ³ e «³±²± u«² ª»² ²»ó ½» ³»²» «¾ª»²»eò Û»³»»½±²¼± ¹ ô u ²»³ ¼ ³³ ² ±²»¼»»¹ ²¼ ³»» ² ±¼ ² ± ª»² ¹ ²»» ³±² ø½±³» ±¼» ½»¼ ± ¼»» ³»» ¼ ¹ ²¼ ¼ ³»² ±² ¼»ª±²±»ó ½»¼»»¼ º ±²» ± ½±²ó» ª ±²» ¼»» ±» ±¼«ó ª»» ¼» ª» ±½½«±² eò Ò» º± ³ «½» ô ½±³³ ± ± ¼ ² ±¼» ó ÛÍÌÎßÌÌÑ ßÊÊ ÍÑ Ü ßÍÌß ÐËÞÞÔ Ýß Ô ¾ ¼ Ê ½»² ô ²»»½«±²»¼» ¼» ¾» ó ±²» ²ò ïïé ¼» îïòïðòîðïì ²¼» ± «² «¾¾ ½» ª»²¼ ¼ «² ½±» ¼»º ² ª± ²ó ½ ² ±ô¼ ³³±¾ «¼¼ ª ² ²òè ± ¼ ² ò ï ¼» «¾¾ ½ ½±²» ¼ ½«¹ ò ²ò éí» ò Ý» ²ò éê ¼» ÎòÜò ²ò èîéñïçîì ó ³» ±¼± ±ºº»»»¹»»ò î ¼ ²± ± ¼» ±ºº» Ô ±ºó º» ô «² ³»²» ¼±½«³»² ±²» ²¼ ½ ²» ªª ± ª»²» ² ¾«½ ² ±» ²±² ±»» ±» ïîòðð ¼» ¹ ± ²± ïë ¼ ½»³ó ¾» îðïì ½±²» ²» ªª ± ¼ ²»¹»ò Ô «¾¾ ½» ª»²¼ ¼»¹ ³³±¾ ² ²ò è ± ¼ ² ¹ ± ²± ïé ¼ ½»³¾»» ±» ðçòíð» ± ¹ ˺º ½ ¼» ¾ ¼ Ê ½»² ² Í ² Ð»ó ± ²ò êð Ê ½»² ô»»² ¼» Ò± ± ¼ ò Û² ½± Ó»» ¼ Ê ½»² ò Ô ªª ± ¼ ²»ó ¹» 8»» ¾» ²» ± ²» ²» ò ¾òª ó ½»² ò ø» ±²» ºº ± ª»²¼ ³³±¾»» ± ˺º ½ ± Ð ³±² ± ¼» ¾ò Ê ½»² ô îï ± ±¾» îðïì Ô ÝÑÓÓ ÍÍßÎ Ñ ÍÌÎßÑÎÜ ÒßÎ Ñ ÎÛÙ ÑÒßÔÛ Ú ²½» ½± Æ ²»¼» ½ ÞßÒÜÑ Ü ÙßÎß ÐÛÎ ÛÍÌÎßÌÌÑ ²»»½«±²» ¼» Ü» ¾» ²òîéè ¼» îìñðçñîðïìô Û ª Ý»² ± ²¼ ½»ô»² ¼» ÜòÔ¹ ò ²òïêíñîððê» ò³ò òô»¹²» ¹ æ Ðòßò ºº»»²» ݱ²ª»² ±²»» º± ² «ô ² «² ½± ± ±ô ¼ Í ó»³» ß¾ ±²» Ê»²± ¼ ±º» ² ô ½± «± ¼ ¹»ó ²» ±» ± ÊÒËÍ ÎÚÙî ± º«² ±² ³»²»» «ª»²»ô ² ½±³±¼ ± ¼ «± ¹ «±ô ½±²» ª Ý»» ± Ý ± Ú ± º«² ±² ³»²»» «ª»² ô» ¼ б³ ¼ ²º«±²»» «³»ó ½»² ô ² ½±³±¼ ± ¼ «± ¹ «±ô ½±²» ª± ³»» ¼ ½±²ó «³±ô ¼ ¼» ²»» ß»²¼» Í ²» ¼ ß» Ê Ý»² ±ô» «²» ±¼± ¼ íê ³» ô ½±² ± ±²»¼ ²²±ª±» ± ïî ³» ô» «² ª ±» ½±³» ª± ¼ Û«± íðéòëððôð𠪻¼ ±²» ¼» ½» ½ «ò Þ ²¼± ¼ ¹ 8 ± ²ª ± ÙËËÛ ïéñïðñîðïìò Ô» ±ºº»» ¼±ª ²²±» ª»²»»² ±» ³ ²»»ó»² ± ± ¼» ¹ ± ²± ðçñïîñîðïìò Ù ¼ ¹ ± ±²±»»» ª ó ±² «± æññ ò»ò ± ½ ² ò ñ» ªó½»² ±ñ Ú»²»ô îçñðçñîðïì ݱ³³ ± Í ± ¼ ² ± Ü òì ± Þ» ª ó½» 8 ±¹¹ ± ± «ó ¼ ±¼» ªª±½ ±Ð ± Í»ª» ²± ó «± ½± ¼¼»»¹¹» Ì» ¼» Ú«±½ ¼»ó ½» ± ݱ³» ˲ ½ó ½» ± ¼ ±ªª»¼ ³»² ½«8 ¹¹ «² ±ô½±³» ½± ¼ ±»ó ² ±»¼» Ð¼Ó ³±Ó«½½» ó ô» ¼»²»¼» ½±³³ ±²» ²¼«ô»³»²¼ ³»² ± ½» ½±²»² ± u ²¼±» ²ó ½»»»¼» Ù±ª» ²±ô¼ ½» ± ±ô ²½±² ±º««± «ó ³»² ± ¼ ½»ô ½±³³ ó ± ª»¾¾» ± «± ²¹»» º±²¼» ²» º ± ½ ³ó ±¼ «±ô ² ³»² ± ³ó ÛÍÌÎßÌÌÑ ßÊÊ ÍÑ Ü ÐÎÑÝÛÜËÎß ßÐÛÎÌß ÐÛÎ ÔßÚÚ ÜßÓÛÒÌÑ ÜÛ ÍÛÎÊ Æ ßÍÍ ÝËÎßÌ Ê ÎÛÔßó Ì Ê ßÔÔß ÝÑÐÛÎÌËÎß ßÔÔ Î ÍÕ ß ÌËÌÛÔß ÜÛÔ ÐßÌÎ ÓÑÒ Ñ Ü ÐÆÍ ÛÜ ßÔÔß ÎÛÍÐÑÒÍßÞ Ô Ìß Ý Ê ÔÛ ÊÛÎÍÑ ÌÛÎÆ Û ÐÎÛÍÌßÌÑÎ Ü ÑÐÛÎß Í»²¼» ²± ± ½»ô»² ¼» ÜòÔ¹ ò ïêíñîððêô 8 ± «¾ó ¾ ½ ± ²» ͳ»² ± Ù» ˺º ½» ¼» ˲ ±²» Û«±» ² ¼ ïëñïðñîðïì ½±² ²«³» ± ¼ º» ³»² ± ²ò íëððêïóîðïìó Ì» «± ò ò ¾ ²¼±» ª± ±½»¼» ºº ¼ ³»² ±» ª ½«ª» ª ½±» «ß Î µ ¼» ³±² ± ¼ ÐÆÍ» ¼» λ ±² ½ ª» ª» ±»»» ± ¼ ±» ò Ù ±» ±»½±²±³ ½ ²»» ± ±²± º» ª»²»» ±ºº»»ô»½±²¼±» ¼ «¼¼» ± ¾ ²¼±ô»² ±»²±² ±»» ±» ïîòðð ¼» ¹ ± ²± îëñïïñîðïì ó «± б ¹ º ½±» Æ»½½ ¼» ± Í ± Íò òßò Ü» ±²» ß½ó «ª Í ô ïðîé ððïíè α³ ò Ô Ü ÎÛÌÌÑÎÛ ßÝÏË ÍÌ ø ªªò ß» ± ß º±² ± Ý ³»² ¾»²»eò ±ªª»¼ ³»² ± ¼» ó ±» ±¼ ± ±¼ ±» ó ± ¹ Üùß ½ ²¹» ±ô «½» ¼» ³ Ó «± Ý» ½» Í»º ²± Ý ª ¼ ò Û ª»²²» ¹ «º ½ ± ¼ º ± ½» º±²¼ ½± «½±²± u ±ª»² ±¼» ¼» ¼ ± ó ±²» ²¼»¾ ½±² ² ¹ó ¹ ª e¼»¼»¹ ²¼ ¹ ¼ ²² ¼» Ú» º ² ² u¼ «ºº ¹¹ ª ô ¼ ²º»ó ³±²»» ¼ º» ½±ó ³«² ½ ±² ±½ ô ±» ½» ¼ ¼ ½ ±²» º «¼±»² ³»ó ¼ ²» º ½» ¼ º» ó ³»² ± º «¼±»² ± ¼ ª ± eò ˲ ²½» ² ½««²± ²ó ¼ ¹ ß¼ ²±»¼ Û³ ± Î ª ø «³± ¼»½»¼«±²» º ó»³ ± ô ³»²»» ± ¼» º ó ³ ¹ ²«²½ Ñ ½±³³ ± Ù²«¼ «. ½±²½»² «ª ½±² ¹ ²¼ ² ¼ ß ½» ± Ó ½» ª±»¾¾»»ª» ³ ² ± ó»³» «² ½± ¼ ² ¼ ½«º» ²½» ¹ «± ß ó ª»¼ òó ½±² ½»» ¼» º±²¼» ² ³»² ± ³¾»²» ±¾¾ ¹ ± ±»»¹¹»ô ½» ±ó ²» ªª»²» ª ±»ºº» ó ª ¼» ³ ² ± ¼» «¹ ½±ò w Î ÐÎÑÜËÆ ÑÒÛ Î ÍÛÎÊßÌß ÝÑÒÌ Í»³ ¹ ¹ ±¾» ª îðïì» ± ±½ ± ò Ò«±ª»ª ±²» ¾ ±»» ³»îðïì ¼ Í»³ô»½±²¼ ²»³» øëôèû ½±²»¹² Рߺº òô ²¼»¾ ³»² ±» ± º ²»îðïì8 ¼ ìôé ³ ¼ ò ª» ½ Í»³²±² ²²±» ½ «± ±» ¼ «² «³»² ± ¼ ½»±»³ ±²»¼ ¾±²¼ô ²½»»³± ¼ ½±³»»ª± ±½» ±¼ ¼»½±² ± ¼ ³»² ± ²²«²½ ± ¼ Û² ² «¹ ±òí»³ ½ «±» ± ³»»îðïì ½±²«²²» ± ²½ ± ¼» îìôèû éê ³ ±² ¼»«±» ª ±²»»¾ ¼» º± ½» ¹ ±¾» ª îðïì» «±²» ±»»¾ òí»³ ²²«²½ ± ¾»²¼ ±º ² ²¹ ²» ³±»³»»¼» îðïíò л îðïì ¹«¼ ¼ ˳¾» ±Ê» ¹ ²» ½±²º» ³ ± ½ ª ½ ½ ïí ³ ¼ ô ± ²¼±²»» ¾»¼» º± ½» ³ ¼ Û¾ ½ ½ êðð ³ ±² øêððóéðð ³ ±²»ª ±²» º ²»»½±²¼± ³»»» ²» ± 8» ± ½ ½ îèð ³ ±² øîèðóííð ³ ±² ò w Î ÐÎÑÜËÆ ÑÒÛ Î ÍÛÎÊßÌß ÔÝßÍÑñ ÔßÍÑÝ ÛÌ`ÚßÙËÛÎÎßÔÛÙßÔÛßÔÍËÑßÆ ÑÒ ÍÌßÜ ÝÑÒÌÎÑÔÔÑ Û²» Ù»»²Ð±» ½±² ± Ì» ± ± ½± ± Ì» ± ³ ó ²½»² ª òû»ª»¼ ¾»»» ½» ó ª» ²»ª ¾»ô ª ±½» ó ³± ²¼± ¼ «² «±ó ² Þ± ô ¼»ª» ó»¹ ²»» ¼ ««± ±ó ² ò Ó ²¼± ¼ Û²» Ù»»² б» ô ª ½»²¼ «²» ± ±»¼ ½²» ½±²ó ±ô» ½ 7 ª»¼»¼ º ± ³«±ª»»½ «½±² ± «± ±ó ² ²½»ò Ô ¼» ² ¼»» ±» ¼»» ²²±ª ¾ ô ² ±¼ «²± ²±ºº¼ Û²»»¼ ½ ³±ó ²± ± ¼»»²» éð» ½»² ± ¼»» «±» ¼± ± ½± ±½ ³»² ± ²Þ± ò ¼»½ ±¼ º»¼» ²«±¹ ½± ± Ì ½±² ± ½± ¼¼» ± ¼»½» ± ³ ó ²½»² ª ò Ûô ¼ ½±²»¹² ô ½±² ± Ù±ª» ²±ò ² ½ ô Û²» Ù»»² б» ³«±ª» ¹»¹» «± ½±²ó ± ±» ¼ «³ ² ô ª ± ½» ¹ «± Û²» ½±³» ±ó ² ¼ ³ ¹¹ ± ² ³ ²» ± ¼» Û½±²±³»¼»»Ú ² ²»½±² íïôîì» ½»² ±¼»» «±»ò Ú±² ª ½ ²» ¼»» ²²±ª ¾ º ²²±»» ½» u²±²½ 8¼ ±»²¼» ¼» ¼»ó ½ ±²»e»½»u ½± ±»» ó ²± ±ªª ±ô» ½ 7 ª»¼»»¼ ó ½ ±»¾¾» ½± «²»½»¼»²»³± ±» ½± ± ±eò Ò±² ± ±æ ¼ Û²» Ù»»²Ð±» ¼ ½±²± ²½»½±²ª ² ½» ½± ó ± ²±² ½» ½±²½ «¼» ½±² «²» ± º ª±»ª±» Ù±ª» ²±ò ß»»²» ½± ¼» ± ±²» ± ³ ¹ ± ² ô ó ²²± ³» ³»²»»¹ ¼ ß ±Î ²²±ª ¾ ô½±± ¼ ² ¼ ± «¼ ± ¼»»» ¼»²» ¼» ݱ» ݱ «±²» Ê» ± Ѳ ó ¼ ò Í ¼» ±½ ±²» ¼ ½»¹± ½» ½½±¹» ½ ½ ëð𻲼» ª» ¼ ² «ô ½«º ²²± ½ ± ±» ïòíðð ³ ²» ±»ïð³ ³»¹ ¼ ±ó»² ² ò ß»³» ݱ²ó º ¹ ½± «ôß ±Î ²²±ª ¾ ½½±¹»²¼±» ¼» ±² ó ²» ±²± ª»«²½»² ² ±ó» «² ½ «²» ½±²º ±² ¼» ¼»½» ± ½» ¹ ± ¹ ²½»² ª ¹ ³ ² º± ±ª± ½ ò ² ± ² ô ¼»½» ±»ª»¼»½» ±» ó ¼»¹ ³ ² ²± ½±» «² ³±¼«±²» ¼»¹ ²½»² ó ª ²½»»²» ¹ ±¼± ó ô ª ± ½» ª»²¹±²± ³ ¼ îð îëò ½» ¹² º ½ «² ó ¼«±²»¼»»³«²» ±²»¼» ½» ²ª» ±ô ½±² ½±²»ó ¹²»»ª ±²» ¼» ² º ² ²ó ò Ò»» ²»² ±² ¼» ¹±ª» ²±ô ¹ ± ¼»¹ ²½»² ª ¼±ª»¾¾» ½±²»²»»½ ± ¼ ±» ¼ ¼» ²» ¼» г ô ² ³±¼± ¼ ¾¾» ½± ±¼» ¾±» ó»» ³»»òÍ«½ ¼ ³ ó ²±ª» ² ±¹» ªª»² ² «Û«± ô ¼ Ù» ³ ² Í ó ¹² ô «²¼± ¾±±³ ¼»» ²²±ó ª ¾ º ±» «± ¼ ²ó ½»² ª ¹ ±¹² ²²±» ± ª ó «± ¼»»»²» ¹»ª» ¼ ¼»º ó ³ ¹»» ¼» ½½±»» ³»¼» ³ó»»ò Û²» Ù»»² б»» 8 ± ¹±² ¼» ¹ ± ² ¼ Þ± ò ± ± 8 ± «²±¼» ³ ó ¹ ± ¼ Рߺº ô½±²«² ½»ó ½ ¼»» «± ±² ¼» ëôë» ½»² ± ïôçﻫ±ò ³» ±ª «²» ± ± ª± ¼» ¾ ²½ ª ó» ˾ 滽±²¼±¹ ² u²»» ±¼± îðïìóîðïè ¹ ²ª» ó ³»² ¼» ¹ «± ±»¾¾» ± «ó»»¼» ëð» ½»² ± »ó ª e» ²²± º ±» ± ±¾» ª± îôí»«±» ±²»ò w Î ÐÎÑÜËÆ ÑÒÛ Î ÍÛÎÊßÌß

4

5

6

7

8

9 il caso ROBERTO GIOVANNINI ROMA Una volta lo chiamavano il «modello renano»: erailsistema-diffuso ovunque, nell Europa continentale- in cui governi, sindacati e imprenditori discutevano, condividevano obiettivi e strategie di politica economica, e concordavano(ognuno perlasuaparte)icomportamenti.initalia-anchesepoi indubbiamente c è stata una degenerazione-losièusato (Amato-Ciampi ) per battere l inflazione e avviare il risanamento dei conti, o per centrare l ingresso nell euro (Prodi 1996). Un relitto del passato, dopo le parole di Matteo Renzi, secondo cui «surrealeèpensarecheilgoverno tratti con il sindacato». Cgil-Cisl-Uil, ha spiegato il premier, possono negoziare soltanto con i datori di lavoro. Senonché, fanno notare i sindacati,ilgovernoèilpiù Isindacati: Ilgovernocisnobba? Èuncattivodatoredilavoro Il5e8novembreinpiazzaipensionatieidipendentipubblici Giachetti «Mattarellumsubito» «Ritorno al Mattarellum senza scorporo. Come promesso appena depositata! Domani la presento #riforma elettorale», ha twittato ieri il vicepresidente renziano della Camera Roberto Giachetti, allegando la foto di una sua nuova proposta di legge elettorale che, dice, si potrebbe approvare alla svelta: per il Mattarellum la «maggioranza c è». Gli rispondono via Twitter i colleghi Pd Stella Bianchi(«firmo!») e Giuseppe Lauricella («salta la riforma del bicameralismo se legge anche per il Senato?»). [F. SCH.] grande datore di lavoro d Italia. Tecnicamente, infatti, insieme con tutte le amministrazioni pubbliche, Palazzo Chigi è il «padrone» di 3,3 milioni di lavoratori italiani: i dipendenti pubblici.èilgovernoadecideresei contratti si rinnovano o meno: dal2008sièdecisodinonpostarepiùisoldinecessariperi ANDREW MEDICHINI/AP In marcia I sindacati continuano a manifestare Le prossime piazze sono Milano, Palermo e Roma rinnovi contrattuali, e di soldi noncenesarannofinoallontano Secondo stime accreditate,dal2009aoggii«pubblici»hannopersoinmedia4.800 euro di mancati aumenti. Sempre il governo(anche se indirettamente) è la controparte di fatto per 15 milioni di pensionati,dicuipuòmodificareincento modi l assegno o le condizioni di vita. Come si comporta il governo, come«azienda»? Tratta bene?«macché- accusa Rosanna Dettori, numero della Fp-Cgilèuncattivodatoredilavoro. Non sblocca la contrattazione, eliminando l unico strumento per aumentare la produttività e la qualità del lavoro pubblico. Tagliaiservizi,perchéitaglilineari producono solo un arretramento dello spazio pubblico o ricadono sulla tassazione locale. Abbandona persino l unica proposta davvero utile: la staffetta generazione, che si tradurrà in miseri 540 assunti invece dei promessi». Èverocheilgovernononlicenzia i pubblici dipendenti, nonostante gli inviti dell ex- Commissario Cottarelli. Forse i «pubblici» sono troppi(anche se le statistiche dimostrano che ineuropacenesonomoltodi più); di certo sono male utilizzati,comehaancheammessoil ministro Marianna Madia. Ma è pensabile che il contratto non si rinnovi proprio mai? Per protestare contro il«datore di lavoro» Renzi, i sindacati di categoria hanno unitariamente proclamato per l 8 novembre una manifestazione a Roma. E saranno invece addirittura tre-amilano,palermoeromale manifestazioni dei pensionati del 5 novembre, anche queste indette dalle organizzazioni di Cgil-Cisl-Uil. Spi, Fnp e Uilp chiedono interventi urgenti su reddito da pensione, fisco, welfare, sanità e non autosufficienza.maquelchebruciadi piùèlapromessa-nonmantenuta-delpremier,cheaveva detto la scorsa primavera che anche i pensionati poveri avrebbero avuto il bonus degli 80 euro.«è stato proprio Renzi ad annunciarlo - tuona Gigi Bonfanti, leader dei pensionati dellacisl-epoisel èrimangiata, deludendo le aspettative che aveva creato. Il problema non è trattare con i sindacati, ma ascoltare seriamente le proposte che avanzano».

10 ILCARROCCIO LA CRISI ECONOMICA CARLO FERRARO/ANSA LaLegarestaalverde Idipendentiinfuriati: Sisonomangiatitutto Cassa integrazione a zero ore in via Bellerio il caso FABIO POLETTI MILANO La Lega non ce l ha più d oro. Ce l ha in rosso come tanti. Vita finanziaria grama per il partito di Gli incidenti Nel 96, pochi giorni dopo la Dichiarazione d indipendenza della Padania, la Digos perquisì la sede: Maroni rimase ferito cercando di impedire agli agenti di entrare Umberto Bossi, Roberto Maroni e ora di Matteo Salvini che rischia di dare l ultima mandata alla storica sede di via Bellerio. Travolto dai conti economici che non tornano, l altro Matteo più famoso della politica, lunedì ha chiamato in assemblea plenaria i 76 dipendenti del partito e ha dato il ferale annuncio: «Siamo poveri in quanto a soldi ma ricchi di idee e consensi. Per questo abbiamo deciso di tagliare le spese del partito e puntare sul U SIMONA CHIOCCIA/ANSA L asilo Il 28 febbraio 2005 in via Bellerio viene inaugurato l asilo nido interno Per l occasione Bossi ricompare in pubblico dopo il malore 76 lavoratori Tutti i dipendenti della Lega andranno in cassa integrazione, esclusi quelli di Radio Padania La sede della Lega Nord a Milano FOTOGRAMMA nostro generosissimo volontariato». Traduzione: via alle procedure di cassa integrazione a zero ore per i 76 dipendenti. In via Bellerio, manco a dirlo, il sindacato non c è. Entro due settimane verranno avviate le procedure con Cgil, Cisl e Uil settore Commercio. Quello che succederà dopo non lo sa nessuno. Matteo Salvini fa l ottimista: «Vogliamo dare il massimo aiuto ai lavoratori-militanti che hanno accompagnato la Lega fino ad oggi». Uno dei custodi di questa ex azienda farmaceutica al 41 di via Carlo Bellerio - patriota italiano, mica le manda a dire dopo quattordici anni di lavoro e di militanza con uno stipendio da 1500 euro: «Ho un diavolo per capello anche se sono pelato. Si sono mangiati tutto. Non sappiamo nemmeno come fare a tenere aperta la sede se ci mettono in cassa e manco a rotazione». Chi lo sa se ci saranno una Camusso o un Landini a difendere i lavoratori e soprattutto le lavoratrici di questo partito che i sondaggi continuano a dare in decollo verticale - voti quasi raddoppiati alle Europee, tanti in piazza Duomo contro gli immigrati due settimane fa, Matteo Salvini che sogna Palazzo Marino - ma con i conti in profondo rosso. Alessandro Morelli, direttore di Radio Padania - i media della Lega sono stati esentati da questo giro di vite, hanno già dato - ammette che qualche mal di pancia c è: «Lunedì in riunione non è stato bello. È una scelta dolorosa si capisce. Matteo è stato bravo a metterci la faccia. Meglio intervenire subito prima che sia troppo tardi. E che non si parli di licenziamenti che solo la parola fa venire l orticaria a Salvini». A molti dei 76 dipendenti invece è venuto il cimurro. Chi c era lunedì nel salone al secondo piano giura che non c era una bella aria. «Vi siete arricchiti sulla nostra pelle». «Vi siete fregati i soldi». Il tormentone di sempre. Doppiamente attuale in un partito che ai tempi del tesoriere Francesco Belsito trafficava in Tanzania e in diamanti. Che ha avuto una intera classe dirigente finita sotto inchiesta per le spese pazze dei fondi di partito. «Solo due anni fa in cassa c erano 30 milioni di euro». «C è uno che per diventare Governatore ha speso una fortuna». Nei corridoi i veleni si sprecano. Ma è da sempre così in questo partito di duri e puri dove alla fine sono diritti solo i muri. Ai tempi dell accordo con Silvio Berlusconi, anno 1994, si favoleggiava di un patto con il Cavaliere che sul piatto avrebbe messo 70 miliardi di lire. Due miliardi di fideiussione solo per via Bellerio dove tra un po si rischierà di entrare dal retro, dove il muro è verde padano. Perché si sa, la Lega è al verde che più verde non si può.

11 GOVERNO LE SCELTE U Forestali,idirigentisuperanogliagenti Il sindacato autonomo Sapaf: troppi sprechi, sì all integrazione con la polizia ma salviamo le indagini il caso FRANCESCO GRIGNETTI ROMA La grande partita sul futuro della Forestale è cominciata. Dopo che nei giorni scorsi il ministro Marianna Madia ha ribadito cheperilgovernoèopportuno ridurre il numero delle polizie initalia,iltemaèdiventatocaldissimo. Molti sindacati, tipo l'ugl, si sono indignati. Altri no. Il sindacato autonomo Sapaf, ad esempio, ha appena inviato una lettera alla presidente Anna Finocchiaro, chiedendo un incontro in commissione Affari Costituzionali del Senato. «Anoi-sostieneilsegretariodelSapaf,MarcoMoroniinteressa mantenere le capacità investigative. Vogliamo integrarci con le altre polizie forestali esistenti e diventare una vera polizia ambientale e agroalimentare. Il resto non ci interessa, né il colore della casacca né le poltrone. Se queste capacità venissero esaltate confluendo nella polizia di Stato, va bene ugualmente purché non si disperdano le professionalità: penso alle indagini sui piromani,ogliecoreati,olatuteladelle specie protette». Èpiùomenolostessoragionamento della senatrice Leana Pignedoli, Pd, vicepresidente della commissione Agricoltura,doveoggisivoteràunparerefavorevolealddlMadia,ma condizionato al mantenimento di una seria polizia ambientale. «Occorre-dicelasenatrice-un duro lavoro di smontaggio e riallocazione di risorse da utilizzi improduttivi. Ma i progetti di riordino non possono non prevedere un corpo dedicato all agroambientale fortemente connesso al ministero dell Agricoltura». Pignedoli piuttosto è perplessa per le sovrapposizioni tra Corpo Forestale e nuclei carabinieri, come il Noe inserito dentro il ministero dell Ambiente e Nac nel ministero Agricoltura.«C è da riflettere». Il lavoro di«smontaggio» che viene richiesto dalla commissione Agricoltura merita un passo indietro: il Corpo Forestale, forte di circa 8000 agenti, costo mezzo miliardo all anno, disperde le sue forze su innumerevoli tavoli: sono circa 1000 quelli che si occupano di biodiversità, ossia allevamenti(a Belluno gli equini di razza maremmana, a Castel di Sangro equini di razza persano-salernitano e bovini, a Follonica equini di razza maremmana, all Aquila gli ovini, a Lucca la selvaggina, a Martina Francagliequinidirazzamurgese,a Mongiana equini di razza arabaeselvaggina,apescarail centro recupero rapaci, a Pieve equini di razza avelignese e bovini, a Potenza equini di razza anglo-arabo-sarda, a Siena equini da sella italiano e bovini) e 1500 quelli messi a disposizione dei parchi nazionali. Questi gestiscono castelli, tenute, ville. C èpoiunrepartovoloperlo spegnimento incendi con alcuni elicotteri e un aerotaxi. Sono in dotazione pure 2 motovedette e ventibarche.epoipesalaburocrazia interna: comando generale, ispettorato di 700 agenti, venti comandi regionali, cento comandi provinciali con annesse sale operative. Alla fine, nelle 1000 stazioni territoriali ci sono appena 2500 agenti. La moltiplicazioni di funzioni ha portato anche alla moltiplicazione dei dirigenti.«una riduzione sarebbe quanto mai auspicabile, visto che alcuni annoverano più personale per amministrare di quello operativo amministrato!»,scriveilsapaf.aprato,per dire,cisono4agentisulterritorioe9adirigerli. Piuttosto che lasciare, però, il CRISTIANO LARUFFA/AGF In divisa Il Corpo forestale dello Stato conta ottomila agenti e costa circa mezzo miliardo di euro l anno capo del Corpo, Cesare Patrone, ha rilanciato: la sua proposta al Senato,pochigiornifa,èdiraddoppiare la Forestale, incorporando le polizie provinciali che sono rimaste allo sbando, i sei Corpi Forestali regionali(esistono in Sardegna, Sicilia, Val d Aosta, Friuli, Trento e Bolzano), più l Ispettorato antifrodi del ministero dell Agricoltura. Sono circa 6500 agenti che potrebbero confluire nella Forestale. Il contropiano prevede«direzione delle operazioni di spegnimento degli incendi boschivi»,«attività ricognitiva del territorio»,«aggiornamento della relativa mappatura ed individuazione delle aree ad elevato rischio idrogeologico»,«direzione tecnica delle aree naturali protette nazionali». SOLO 100 MILA EURO Sangue infetto Un altra beffa sugli indennizzi alle vittime PAOLO RUSSO ROMA Hanno contratto epatite C e Aids per colpa dei controlli sul sangue all epoca praticamente inesistenti. Ed ora, a sentirelevittime,dopoildannoarrivalabeffa.perchéieriilsottosegretario alla salute, Vito De Filippo, ha annunciato alle associazioni dei pazienti la disponibilità di 735 milioni nella legge di stabilità, che serviranno a staccare un assegno di 100mila euro per danneggiati da trasfusioni ed emoderivati ed uno da 20mila perchiidannilihainvecesubiti dalle vaccinazioni obbligatorie. Una buona notizia si dirà.peccatochelaleggedel 2007 sugli emoindennizzi avevafissatoa420milaeuroilrisarcimento, che saliva a 618 milaperglieredidichiaquelle infezioni non è sopravvissuto.«epeccatocheadaverediritto al rimborso sarebbero almeno gli 80mila che hanno già visto riconosciuto il danno contantodivitalizioda700 euro mensili», denuncia Sandra D Alessio, vice presidente dell associazione vittime del sangue infetto. Il problema è chelaleggedel2007parla chiaro: al risarcimento hanno dirittosolocolorocheal31dicembre di quell anno erano in causaconlostatoeavevano aderito alla transazione. Che peròerasucifremoltopiùaltediquellemessesulpiatto. Pernonparlaredelfattochei 100 mila euro sono comprensivi anche delle spese legali fino ad oggi sostenute dalle vittime.«una elemosina», la definisce la D Alessio. Tutto questo mentre procedeapassodilumacailprocesso che vede imputata l azienda di emoderivati Marcucci e le regioni minacciano di sospendere il vitalizio perchélostatononsborsai700 milioni di arretrati che deve a corrispettivo degli assegni fin qui staccati.

12 gg Dossier/IproblemidelMeridione I NATI NEL MEZZOGIORNO E NEL CENTRO-NORD (dati in migliaia) MEZZOGIORNO CENTRO-NORD VARIAZIONE DELL OCCUPAZIONE 18,3 16,7 (dati %) PERIODO ,0 5,9 PIL PRO CAPITE PER REGIONE (anno 2013, euro a prezzi correnti) MEZZOGIORNO Mezzogiorno Centro Nord-Est Nord-Ovest ,2 0,9 0,7 0, TASSO DI CRESCITA MEDIO ANNUO DEL PIL PRO CAPITE (dati %) ,6-1,7-2,1-1,9-2,3 Centro -2,4 PERIODO Nord Est -2,5 Nord Ovest -9,0 Mezzogiorno Valle d'aosta Trentino Alto Adige Lombardia Emilia-Romagna Lazio Friuli Venezia Giulia Veneto Toscana Piemonte Liguria Centimetri LA STAMPA Marche Umbria Abruzzo Molise Sardegna Basilicata Puglia Fonte: elaborazione Campania LA STAMPA su dati Svimez Sicilia Calabria IlSudarischiodesertificazione Maicosìpochinatidal1861 Il rapporto Svimez: la recessione dura dal 2008, ogni anno emigra un intera città Nelsolo2013persi282milapostidilavoro.LaCalabriaèlaregionepiùpovera FLAVIA AMABILE ROMA Desertificazione umana e industriale. Parola orribile ma drammaticamente vera per raccontare il Sud del XXI secolo. È un Sud che non lascia alternative: si emigra a città intere ogni anno, solo nel 2013 sono andati via 116mila abitanti, come se tutti gli abitanti di città come Terni, Bolzano o Vicenza avessero deciso di andare altrove. Chi resta non fa figli, e di anno in anno diventa sempre più povero. È la difficile realtà che emerge dalla lettura del Rapporto Svimez sull economia del Mezzogiorno 2014 presentato ieri. E dal governo il ministro per gli Affari Regionali Maria Carmela Lanzetta chiede un inversione di rotta. «Meno assistenzialismo», migliore uso dei fondi europei e maggiore «determinazione» perché «senza il Sud l Italia non riparte». E il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio ammette che la strada seguita finora non è quella «giusta» ma assicura: «stiamo lavorando» con la speranza che «il Meridione diventi quello che per la Germania è stata la Germania dell Est». Nel 2013 i nati nel Sud hanno toccato il minimo storico, il valore più basso dal È più frequente morire che nascere in questo Sud che, invece, ha sempre avuto nei figli un valore ed una sua caratteristica rispetto al Nord. È accaduto solo in due casi: nel 1867 e nel 1918, vale a dire alla fine della terza guerra d Indipendenza e della Prima guerra mondiale ma anche in coincidenza con l esplosione della pandemia di Spagnola che uccise milioni di persone in Europa. Secondo lo Svimez siamo alla vigilia di uno «stravolgimento demografico, uno tsunami dalle conseguenze imprevedibili, destinato a perdere 4,2 milioni di abitanti nei prossimi 50 anni, arrivando così a pesare per il 27% sul totale nazionale a fronte dell attuale 34,3%». La Calabria è la Regione più povera d Italia con un Pil pro capite che nel 2013 si è fermato a euro, meno della metà delle Regioni più ricche come Valle d Aosta, Trentino Alto Adige PUBLIFOTO/OLYCOM I precedenti Le regioni del Sud hanno avuto un saldo demografico negativo (più decessi che nascite) solamente nel 1867 e nel 1918, dopo la Grande Guerra e Lombardia. Al Sud i più ricchi sono gli abruzzesi con euro di Pil. In media le regioni del Sud hanno un Pil pro capite di euro, quasi la metà della media del nord di euro. Per il Sud è il settimo anno di recessione con un calo dell 1,5% del Pil, mentre al Centro Nord la situazione è stazionaria. E, comunque, lo Svimez non prevede nulla di buono nemmeno per il 2015, quando al Sud dovrebbe esserci ancora un calo dello 0,7% mentre al Centro Nord si dovrebbe tornare in positivo con l aumento dell 1,3%. A lavorare è una donna su cinque, il 21,6% delle donne sotto i 34 anni ha un occupazione mentre sono più di 4 su 10 al Nord e più di 5 su 10 nell Europa a 27 Stati. E, comunque, anche quando lavorano le donne devono sapersi accontentare. Dal 2008 al 2013 le professioni qualificate femminili sono scese dell 11,7%, mentre sono aumentati del 15% i posti di lavoro nelle professioni poco qualificate. L economia è in forte difficoltà. Domanda interna e consumi sono in calo del 2,4%, gli investimenti hanno perso il 5,2% e i posti di lavoro il 3,8%. Tra il 2008 e il 2013 i redditi al Sud sono crollati del 15%. La conseguenza più immediata è l aumento della povertà. Le famiglie assolutamente povere sono cresciute oltre due volte e mezzo, da 443mila (il 5,8% del totale) a 1 milione 14mila (il 12,5% del totale), cioè il 40% in più solo nell ultimo anno. E dal 2008 al 2012 sono aumentate del 7% le famiglie in stato di «deprivazione materiale severa», cioè che non riescono a pagare l affitto o il mutuo o a fare un pasto di carne o pesce ogni due giorni. In Italia oltre due milioni di famiglie si trovavano nel 2013 al di sotto della soglia di povertà assoluta, equamente divise tra Centro-Nord e Sud (1 milione e 14mila famiglie per ripartizione), con un aumento di 1 milione 150mila famiglie rispetto al Tra il 2008 e il 2013, 985mila persone hanno perso il posto di lavoro in Italia e più della metà, 583mila, sono residenti nel Mezzogiorno. Nel Sud, pur essendo presente appena il 26% degli occupati italiani si concentra il 60% delle perdite determinate dalla crisi. Nel solo 2013 sono andati persi 478mila posti di lavoro in Italia, di cui 282mila al Sud. Di conseguenza gli occupati del Sud per la prima volta nella storia sono 5,8 milioni, il livello più basso almeno dal 197, anno da cui sono disponibili le serie storiche basi di dati.

13 MERCOLEDÌ 29 OTTOBRE 2014 Società 17 STEFANO RIZZATO MILANO Lo si può immaginare come un piatto gigante, riempito da un milione e 900 mila tonnellate di farfalle, rigatoni, maccheroni, trofie, fusilli. O come un lungo spaghetto intercontinentale che fa il giro del mondo. La pasta italiana non ha più confini. E dal 2004 a oggi ha aumentato notevolmente la sua presenza nei carrelli della spesa globali, con un più 23% nelle esportazioni. In tempi di recessione e segni meno, un caso più unico che raro. Nel 2013, secondo i dati di Aidepi (l associazione dei produttori) il 73% della pasta prodotta nell Unione europea è uscita da una fabbrica italiana. Finendo spesso il suo viaggio sopra una tavola straniera. I numeri parlano di due tendenze quasi opposte. La pasta esportata va verso la soglia storica di due milioni di tonnellate annue. Quella acquistata nel nostro Paese è in IL NUTRIZIONISTA Calabrese:«Da noi vittima di idee sbagliate nemiche di zuccheri e carboidrati» IL COLOSSO Barilla:«All estero piace se abbinata alla cultura ealnostrostiledivita» calo lieve ma costante: meno 10% negli ultimi dieci anni, da 28 a 25 chili pro-capite l anno. «Colpa della mentalità delle diete dimagranti e non equilibrate», dice Giorgio Calabrese, nutrizionista e dietologo. Che dietro al declino del consumo interno vede non la crisi niente di più anticiclico della pasta ma il segno di stili alimentari nemici della salute. «Negli ultimi anni si è diffusa l idea, sbagliatissima, che la dieta migliore sia quella che toglie zuccheri e carboidrati e aggiunge proteine. A breve termine magari si perde peso, ma si rischia la salute. La pasta non si può limitare troppo. Basta evitare condimenti troppo carichi e grassi». In ogni caso, le esportazioni hanno più che compensato il calo del mercato interno. La nostra pasta si vende a gran ritmo anche al di fuori dell Unione Europea, negli Usa e in Paesi emergenti alla scoperta dei sapori italiani. Anche in Cina e in Giappone. «Per promuovere la pasta in contesti simili bisogna saperla un po adattare e soprattutto abbinarci l italianità, la nostra cultura e gli stili di vita», La pasta prodotta in Italia (in tonnellate) dal % Pasta,ilmadeinItaly chevinceintrasferta eperde(unpo )incasa Piccolo è bello: a Gragnano i pastifici artigianali sono 15 mentre Agnesi chiude lo storico stabilimento di Imperia Consumo di pasta in Italia (in kg pro capite) 2004 spiega Luca Di Leo, portavoce di Barilla, colosso del settore. Il made in Italy resta quindi l ingrediente decisivo. Ma si sta facendo strada anche una dimensione più locale e radicata. Basti pensare al caso di Gragnano. Un paese di 36 mila abitanti in provincia di Napoli, che conta 15 pastifici tradizionali, duemila lavoratori tra addetti e indotto e un fatturato di 510 milioni solo nel Per l 80% esportazioni. «C è una grande riscoperta della pasta artigianale, in Italia e all estero», conferma Antonio Marchetti, presidente della Cooperativa dei pastai gragnanesi. «È un successo che viene da materie prime di qualità, processi di produzione lenti e curati, ma anche La pasta italiana esportata nel mondo (in tonnellate) dal % % della produzione Ue L Italia è di gran lunga il maggiore produttore europeo: da sola vale quasi tre quarti della produzione dei 28 Paesi dell Unione Distaccate, la seguono la Germania (7%), Spagna (6%) Francia (5%) e Grecia (4%) Fonte: Elaborazione su dati Aidepi e Unafpa Centimetri - LA STAMPA % dal 2004 valori immateriali come storia e tradizione locale». All incrocio tra locale e globale, c è spazio anche per storie di ben altro segno. Lo sanno i 110 lavoratori dell Agnesi di Imperia, in sciopero a oltranza da giorni contro la decisione della Colussi proprietaria del marchio di chiudere lo stabilimento ligure. In vista della probabile, ennesima delocalizzazione, l ultimo rigatone della storica azienda sarà sfornato a ottobre Per salvare i posti di lavoro s era parlato di convertire lo stabilimento alla produzione di sughi, ma forse non sarà così. Se ne saprà di più venerdì, dopo l incontro tra i dirigenti Colussi e il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando. La storia La nostra start-up piemontese in California OAKLAND (USA) fatto per passare dalla teoria alla pratica. E ora sognano un L hanno mulino tutto italiano, a immagine e somiglianza di quelli piemontesi. Però in piena California. Renato Sardo e Dario Barbone sono partiti da Bra (Cuneo) e sono finiti nella zona pedonale di Oakland, California, Stati Uniti. A poche miglia dalla Silicon Valley per aprire un pastificio slow food e biologico. Una startup a base di acqua e farina. «Ho iniziato nel 2011 per hobby, comprando una macchina per fare la pasta - racconta Renato Sardo - poi nel 2012 è iniziata l avventura: oggi abbiamo produzione e negozio vicini, a Oakland, e chi viene può vederci fare la pasta». L impresa ha un nome geniale, Baia Pasta, che fa riferimento alla baia di Oakland, ma agli americani suona come «Buy a pasta»: compra la pasta. «Il modello è quello italiano dello slow food prosegue Sardo e lo facciamo prendendo solo grano biologico americano, selezionatissimo. Qui c è una bella nicchia di amanti della pasta di qualità e organica, ma non si cucina poi molto in casa: insomma, con nostra sorpresa vendiamo più ai ristoranti che a privati cittadini. Ma andiamo bene e l obiettivo ora è farci un mulino in proprio, sul modello di quelli piemontesi di Sobrino e Marino, per avere la tracciabilità completa del prodotto finale». [S. RIZ.]

14 UNIVERSITÀ. HA INAUGURATO IL CORSO SU AUTONOMIE LOCALI E DIRITTI Lezione del prof. Monti sulle riforme Si fanno solo con grandi coalizioni «Intempidicrisi è l unico modo per superare i veti contrapposti» PIERO BOTTINO ALESSANDRIA Brevi cenni sull universo delle riforme istituzionali e strutturali, quelle che «danno sempre emozioni positive», ma non si fanno quasi mai per l opposizione delle forze in campo. L ex premier Mario Monti, invitato a tenere la lezione d apertura del corso sul dottorato di ricerca «Autonomie locali, servizi pubblici e diritti di cittadinanza», nella gremitissima aula 210 di Palazzo Borsalino, ha compiuto un vasto excursus parlando molto d Europa, ma anche di Italia. Il cuore del ragionamento - svolto in tandem con il suo ex ministro Renato Balduzzi, coordinatore del corso - è stato: nei momenti di crisi, come l attuale, condizione indispensabile per riformare un sistema superando veti contrapposti (e questo tanto in Europa quanto in Italia), è la capacità di tenere assieme visioni opposte, solitamente di destra e di sinistra. Di qui l elogio delle «grosse koalition» alla tedesca o dei governi di larghe intese all italiana, come gli ultimi tre che si sono succeduti a partire dal suo. Monti, ad esempio, ha ricordato che nel novembre 2011, quando entrò a Palazzo Chigi, all Italia sull orlo del baratro si chiedevano essenzialmente due cose: la riforma pensionistica, cioè di un sistema non più sostenibile; una più incisiva azione anti evasione fiscale, con alcuni che volevano anche una tassa patrimoniale. «Come si capisce la prima era invisa alla sinistra, la seconda alla destra. FEDERICA CASTELLANA Il professor Mario Monti mentre parla nell aula 210 dell Ateneo Ma il programma del mio governo, che le prevedeva entrambe, fu approvato in Parlamento dalla più ampia maggioranza mai registrata». Morale: ogni partito guarda al «costo elettorale» delle azioni di governo, «ma se costa un po a me e un po a te la somma è zero. La soma (il carico degli asini; ndr) delle riforme va portata da almeno due». Implicito via libera di massima dunque anche al renzismo, «benché riconosco sia un problema conciliare la gioventù anagrafica con l esperienza e la competenza». Ma lui, se fosse rimasto, avrebbe fatto agli italiani quello che si appresta a fare Renzi? Chissà.

15 SIMILIANO PEGGIO TORINO aiseiche empi supgiustizia, c è patteggiato la pena ALESSANDRO DI MARCO/ANSA si.ancheperle«mutande». gg Dossier/IguaidellaRegione g Chiamparino:nonscaricogliassessori Se lo facessi sarei un opportunista della politica. Sono convinto della trasparenza di Reschigna e Cerutti Firme false, nessun commento sull inchiesta: Ogni parola sarebbe un ingerenza sul lavoro della magistratura ALESSANDRO MONDO Se qualcuno avesse avuto dubbi sulla solidarietà di Sergio Chiamparino ad Aldo Reschigna e Monica Cerutti, per iqualiilgiphachiestol imputazione coatta per peculato nell ambito della«rimborsopoli» di sinistra, ieri è stato servito. Assessori blindati Durante il Consiglio regionale, chiesto dall opposizione per metterlo all angolo, ha difeso sia l uno sia l altra. La posizione deidue,sedutiaccantoaluiper tutta la durata della seduta, era la rappresentazione plastica di una vicinanza non soltanto formale. Il presidente non è entrato sull inchiesta che sta accertando la falsità di alcune autentiche alle ultime regionali:«legalità significa rispetto dell indipendenza della magistratura, ogni esternazione sulla vicenda potrebbe sembrare un tentativo diretto o indiretto di condizionarla». «Ci metto la faccia» Discorso diverso per la vicenda dei rimborsi, sulla quale Chiamparino mette anche la propria faccia:«lo dico chiaro: accanto alle facce degli assessorireschignaeceruttic èla mia. Sono fortemente convinto della loro trasparenza e correttezza. Rispetterò le sentenze della magistratura ma non è detto che concorderò». Richiamo al partito La stessa magistratura che a proposito di Reschigna e Cerutti, visibilmente provati, ha mostrato due atteggiamenti diversi: i pm avevano chiesto l archiviazione, il gip ha deciso per l imputazione coatta. Una sfasatura che il presidente ha rimarcatonelcorsodiunintervento volto a difendere gli assessorifuoriedentroilsuo stesso partito, messo sotto pressione dalla concomitanza delle inchieste e dove si registrano i primi ondeggiamenti: «Evitiamo che discussioni legittime, interne ai partiti, abbiano ricadute sulle istituzioni. Saràlastellapolaredelmio REPORTERS lcaso imilitanti, Stefano ex consiregionale monte ogvaipanet- in cambio ioni. Davii massimi atale 2010 ottiglie di el partito, rimborso appresenhigna, ex gi braccio hiampariilancio, ha oniairimnonhasa- spese di tediriso, idipizza riunioni. dell inchiesta egionali che ha atore Ro- amaggio- stra,giàa tocca anche lenco dei pochialtri dlscampagiudiziaria. indagatiper illegittimipercepiti sedicisierano la procura decisosiarchi- peculato.ie- eroberto er sollevato edura di«op- intoleri- zione per imponendoaipm putazione reallarigiudizio. alutazioni giudiceharie- inun ordi- pagine,tutti consiglieri do alcune «esigenze ompatibili ttività istituesempio pranzi e Sulla«Stampa» Nelmirino Il Palazzo della Regione Piemonte, in piazza Castello a Torino L inchiesta sui rimborsi chiesti dai consigliere si riferisce alla scorsa legislatura e ha già portato al rinvio a giudizio di diversi ex consiglieri di centrodestra: altri hanno già Rimborsopoli, toccaalcentrosinistra Nodelgipallarichiestadiarchiviazione Imputazionecoattaper10exconsiglieridelPiemonte,tracuidueassessoriincarica EoggiaTorinosiapreilprocessoaCotaeaipoliticiPdlgiàrinviatiagiudizio Aldo Monica Reschigna Cerutti 6.884euro euro Sono le spese sostenute come Oltre alle spese per capogruppo Pd, per servizi ristorazione, compaiono catering, rinfreschi e generi anche 500 euro in gelateria alimentari di varia natura e 79 euro per un navigatore Davide Gariglio euro Il segretario regionale del Pd dovrà giustificare spese per piccola pasticceria e bottiglie di Prosecco regalate a Natale l ex zarina del Piemonte, Mercedes Bresso, ora europarla- gruppo Pdl: Fabrizio Comba, pri, c è anche Angela Motta, trairimborsidieleonoraarte- quattro facevano parte del tre a Reschigna, Gariglio e Le- politiche giovanili. Spulciando mentare,tiratainballoconl ac- cusadifinanziamentoillecitoai gnale,lucapedrale,(chehagià DueinvecesonodiSel:l excon- scontrinodi2,90eurodell auto- Giampiero Leo, Gianluca Vi- tuttora in consiglio regionale. sio,ilgiudicehascovatouno partiti, per un documentario patteggiato l estate scorsa per sigliera Eleonora Artesio, in grill Crocetta Sud sull A21: un realizzatonellacampagnaelettoralecontrocota. ripescato come ex capogruplasanità, emonicacerutti, as- minuti dopo altro scontrino di lespesepersonalimaquiviene passato assessore regionale al- accendinobiceuncaffè.due Tra questi dieci indagati po).quattromilitanonelpd:ol- sessoreincaricacondelegaalla 10,70euro: unabirramedia, un comportamento». Un richiamo netto, che nella maggioranza è stato subito associato alla recenti dichiarazioni del deputato Anna Rossomando, secondo la quale bisogna aprire una discussione all interno del Pd. «Non sono opportunista» Chiamparino non ha dubbi: sulle ricadute nella trattativa con il governo per salvare la Regione dal disastro finanziario,«nel senso chenoncisaranno»,esulmodo di procedere.«dico altrettanto chiaramente che è sbagliato demandare alla magistratura, oltre alle indagini, anche le conseguenze meccaniche sugli equilibri del governo regionale- ha aggiunto-. Se anche avessi deciso di applica- Fianco a fianco Monica Cerutti e Aldo Reschigna seduti simbolicamente accanto al presidente Chiamparino nella seduta del Consiglio Regionale di ieri. «Io non scarico nessuno per salvare la mia faccia», ha detto il presidente Eleonora Artesio 5.000euro Tra gli acquisti non giustificati dell ex consigliere Sel anche un pacchetto di sigarette e un accendino Bic panino, pacchetto di sigarette Lucky Strike. Monica Cerutti, invece,haoltre9milaeurodi spese per ristoranti, spese per trasportiperoltre10milaeuro. Traquestevoci,annotailgiudice,comparequelladiunrimborsoinTunisiaa«favoreditaleMarcoFurfaro(pereuro240) e altri importi erogati al medesimo soggetto in relazione ad altri viaggi, nonché ricariche telefoniche effettuate a favore dibeneficiarinonidentificati». Pertuttipartiràd ufficiouna richiesta di rinvio a giudizio su cui deciderà un nuovo giudice. In linea di principio la procura potrebbe ribadire le scelte iniziali chiedendo, alla fine dell udienza preliminare, il proscioglimento, affidandosi alla discrezione del nuovo giudice. Nel commentare l ordinanza di Ruscello,ilprocuratoreaggiuntoAndreaBeconihadettocheil «giudicehaadottatocriteripiù restrittivi ma in linea con l impostazionedellaprocura». OggiintantosiapreilprocessoaRobertoCotaedaltri24 imputati. La Regione sarà partecivilecontrochinonharisarcito.cotaharestituitoirimbor- Il21ottobrelanotizia che anche il Centro sinistra era entrato nelle indagini per i rimborsi ai consiglieri regionali. re queste conseguenze, traslandole automaticamente in giunta, mi sarei sentito un opportunista politico, che per salvare la faccia scarica i suoi collaboratori. Questo non lo faccio». Nessun rimpasto,insomma.nonprimadiuna sentenza:«se quando si sono fattelelistecifossimotrovatidi fronte a una situazione simile, gli interessati avrebbero fatto un passo indietro per ragioni di opportunità. Dato che l imputazionecoattanonèunrinvioagiudizio,lasceltapiùsaggiaèattendere l eventuale dibattimento. Poi, a seconda della sentenza, scatteranno le procedure di legge». Per intenderci, la legge Severino. Parole sottoscritte da Davide Gariglio, capogruppo Pd:«Pronti a farci giudicare, ma dobbiamo difendere l onorabilità di tutti e il funzionamento dell ente. Se qualcuno di noi verrà condannato, saremoiprimiafarcidaparte». Chiamparino ha detto che la Regione si costituirà parte civile solo verso i consiglieri che non hanno rimborsato il denaro usato impropriamente. Mentre Reschigna, intervenuto brevementeinaulaconlacollega,ha precisato di avere chiesto al presidente di non occuparsi della delibera in questione. Opposizione all attacco Inevitabile la reazione della minoranza. Il Movimento 5 Stelle (Bertola, Bono) chiede un rimpasto di giunta:«nulla di personale Ha detto «Sequandosisono fatte le liste ci fossimo trovati difronteauna situazione simile, gli interessati avrebbero fatto un passo indietro per opportunità» «È sbagliato demandare alla magistratura, oltre alle indagini, anche le conseguenze meccaniche sugli equilibri del governo regionale» Sergio Chiamparino Presidente della Regione controdiloromaidueassessori, soprattutto Reschigna, non hanno la serenità per lavorare con questa ipoteca. A maggior ragione,afrontediunadelicatatrattativa con il governo». Forza Italia (Pichetto, Porchietto, Sozzani? ha battuto sulla vicenda delle firme.«leihafattotuttalacampagna elettorale sostenendo di non volerindagatieleistessohadettodiessereprontoascenderein campo quando è stato prosciolto sulla vicenda Murazzi- è intervenutopichetto-.miauguroche anche sulla vicenda delle firme si tratti di frottole, perché se dovesseemergerequellochenel2010è emerso su due liste minori, credo che lei, presidente, debba sentirsi fortemente a disagi In aula Slitta il voto sul taglio degli stipendi E in Consiglio scoppia la bagarre Palazzo Lascaris Le opposizioni non hanno voluto votare senza dibattimento Il presidente Laus espelle Bono(M5S) Ma il grillino non lascia l aula Ieri, nella seduta-fiume del Consiglio regionale, di tutto si èparlatoinaulamenochedel taglio dei costi della politica, con riferimento alla decisione di ridurre del 10% lo stipendio dei consiglieri e degli assessori:ilprimopassoinattesadi andare oltre, equiparando le bustepagaaquelladelsindacoditorino;ilsegnaleconcreto sollecitato da Chiamparino, che peraltro non lo ritiene sufficiente. A maggior ragione, invistadeisacrificicheiconti disastrati dell ente imporranno di chiedere ai cittadini: praticamente scontato l aumento delle aliquote Irpef e del bollo auto. Invece niente. L acceso botta e risposta tra il presidente del ConsiglioMauroLauseilconsigliere dei Cinquestelle Davide Bono, minacciato di espulsioneepoirimastoalproprio posto, non ha cambiato il senso di un occasione persa. La sforbiciata agli stipendi fissata con decorrenza da sabato primo novembre, il primo assaggio, slitta alla seduta della prossima settimana: quindi a mese avviato. Laus in persona, dopo avere consultato velocemente gli uffici,hagarantitocheinognicaso la riduzione scatterà dal meseprossimo,enondadicembre,comesieraventilatoinun primo momento. Nulla di dirimentepericontidellaregione,bisognosidibenaltririsparmi, comunque un(altro) pessimo segnale. Afarsaltareilbanco,nella sedutadiieri,unmixdifattori diversi: la decisione di chiudere la seduta in anticipo rispetto ai tempi, pare per impegni dell assessore alla Sanità Antonio Saitta, e la nomina dei revisori dei conti delle Asl. Non ultimo: la volontà dell opposizione, dai Cinquestelle a Forza Italia- di non rinunciare alla discussione prima dell approvazione del provvedimento. Vale in particolare per i«grillini», che sfidano Chiamparino sul suo stesso terrenoespingonoperuntaglio degli stipendi decisamente più massiccio. Nonacaso,sisonoinalberatidopoavereappresodal«tam tam» a margine della seduta che tra le file della maggioranzac erachisipreparavaadaddebitare il rinvio del provvedimento taglia-spese ad un loro presunto ostruzionismo: notizia di cui il capogruppo Bertola ha chiesto conto in aula, vedendosi negare il diritto di parola. AquelpuntoilcollegaBonola parolasel èpresalostesso, senza microfono, accusando la maggioranza di prenderli per i fondelli. DaquiloscontroconLaus, irritato dalla forzatura ma soprattutto dai toni, e la minaccia, poi rientrata, di espellere il consigliere. [ALE.MON]

16 ACQUI. DENUNCIA DI MISERICORDIA E CROCE BIANCA: TUTTO FERMO A MAGGIO L Aslnonpagadamesi ilservizioambulanze GIAN LUCA FERRISE ACQUI TERME «Come facciamo ad andare avanti?» A chiederselo sono Anna Leprato e Edoardo Cassinelli, rispettivamente governatrice della Misericordia e presidente della pubblica assistenza Croce bianca di Acqui, che denunciano ritardi nei pagamenti da parte dell Asl. «Per quanto riguarda i pagamenti per i servizi d ambulanza, siamo fermi rispettivamente ad aprile e maggio e questa situazione ci sta mettendo in seria difficoltà. Ai primi di settembre, abbiamo avuto un incontro con i vertici dell Asl, che si erano presi l impegno di istituire un tavolo tecnico, ma fino a oggi questo non è ancora avvenuto». Nel frattempo, sia la Croce Bianca sia la Misericordia, pur proseguendo nello svolgimento dei servizi di trasporto infermi per conto dell Asl, si sono rifiutati di firmare la convenzione per il 2014: «Ci è stata presentata solo a luglio e non c è l aumento automatico delle tariffe in base all Istat». Per quanto riguarda la Croce Bianca, che ha 6 dipendenti, «escludendo i servizi d urgenza del 118, l Asl ci deve ancora 45 mila euro» dice Cassinelli. È inferiore il credito della Misericordia, come spiega Anna Leprato: «Abbiamo 8 dipendenti e l Asl ci deve ancora 25 mila euro». Del caso si sta interessando il consigliere regionale Walter Ottria (Pd): «Sono Anna Leprato ed Edoardo Cassinelli con alcuni volontari stato informato dai responsabili della Croce Bianca e della Misericordia, sarà mia cura effettuare tutte le verifiche all assessorato regionale alla Sanità e all Asl». Intanto, dall Asl fanno sapere che i pagamenti sono effettivamente fermi a maggio, ma non escludono che nei prossimi giorni la situazione si possa finalmente sbloccare.

ÐÙÒ ÚÓÐÙÑ ÙÐÐ Å Ò ÉÙ ÒØ Ø ÙÖ ÄÙ Ö Ò ¹ Ò ÎÓÐÙÑ Ö ØØ Ö ØØ Ó Ñ ÒÙ Ð ½º ÎÎ Å Ò ÕÙ ÒØ Ø Í Æ Æ ½ ¹ËÅ˹ ¾º Ö Ð Ý Ä ÕÙ ÒØ Ø Ý Î Ò Àº Ï Ñ ÒÒ Ò ÐÐ Ó ½ ¹ ͹ º ÓÖ Ò Â Ñ º Ò Ö ÐÐ Ë Ò Ý º Ê Ð Ø Ú Ø ÕÙ ÒØÙÑ Ñ ¹ Ò Å¹

Dettagli

Ô ØÓÐÓ Ê ÙÐØ Ø Ô Ö Ñ ÒØ Ð ÓÑ ÑÔ Ñ ÒØ ÑÓ ØÖ ØÓ Ò Ô ØÓÐ ÔÖ ÒØ Ð ÅÊÁ ÔÙ Ó Ö ÚÓÐÑ ÒØ ÑÔ Ø Ò Ð ØÙ ÙÒÞ ÓÒ Ð Ö Ö Ð ÓÒ ÒØ Ò Ó ÙÒ³ ÑÔ ÐØ Ô Ö Ñ Ø ÑÓÐ Þ ÓÒ º ÁÒ Ô ÖØ ÓÐ Ö Ð ÒÓ ØÖ ØØ Ú Ø Ô Ö Ñ ÒØ Ð Ø Ø Ö ÚÓÐØ Ðг

Dettagli

¼»»»²»æͪ± ½«ò Ý º» ݱ¼ ½±² æ ² ± ±µ

¼»»»²»æͪ± ½«ò Ý º» ݱ¼ ½±² æ ² ± ±µ Ô»» л éí𻽱³ ± ïðð³ ² ²«²¹ ± ²± ² ± «²» ±½»¼ л ïð³ ±² ¼ ² ²»½» ±½±²ª»» ½±¼ ½» ² ß¹»² ¼»»»²»æͪ± ½«ò Ý º» ݱ¼ ½±² æ ² ± ±µ ÐÛÎÍßÐÛÎÒÛÜ Ð G òº ² ²»ò¹±ªò ò ¹»²»²»ò ÊßÔÛÒÌ Òß ÝÑÒÌÛ ÐËÒÌ ÔÊÛÒÛÎÜT ßÝÝÛÍÍÑÑÒÔ

Dettagli

INDICE ( $ 1 $ ( +. 0 & % 2 + % & %! + ' # 0 '. / + '! '! " ## %.. 1 & + #.. & +.... #. " + + ) * % # $ ' ( - $ % & '

INDICE ( $ 1 $ ( +. 0 & % 2 + % & %! + ' # 0 '. / + '! '!  ## %.. 1 & + #.. & +.... #.  + + ) * % # $ ' ( - $ % & ' ÍÆÁÎ ÊËÁÌ ÄÁ ËÌÍ Á Á ÊÇÅ ÌÇÊ Î Ê Ì ÇÄÌ Á Ë Á Æ Å Ì Å ÌÁ À ÁËÁ À Æ ÌÍÊ ÄÁ Ì ËÁ Á Ä ÍÊ ÁÆ ÁËÁ Ä Ñ ÓÒ È Å Ä Ô Ø Ó ÖÚ Ø Ú Ðг ÔÔ Ö ØÓ ÔÖ Ñ Ö ÙÐØ Ø Ê Ð ØÓÖ ÈÖÓ º È Ö ÓÖ Ó È ÓÞÞ ÓØغ Å ÖÓ ÓÐ ÒÓ Ä ÙÖ Ò Î Ð Ö

Dettagli

ÍÒ Ú Ö Ø ³ Ð ËØÙ ÒÓÒ Ö Þ Å Ò Ê Þ ÓÒ Ð ¹ È ÖØ ÁÁ ½º Ù Ø Ñ Ø Ö Ð Ô ÒØ ÓÑÓ Ò Ã Ã Ù Ù Ð ÐÙÒ ÞÞ Ð Ñ Ñ Å Ö Ô ØØ Ú Ñ ÒØ ÓÒÓ Ð Ø Ò Ã Ò ÑÓ Ó Ó Ø ØÙ Ö ÙÒ³ÙÒ Ø ÒÓÒ ÓÑÓ Ò ÐÙÒ ÞÞ ¾Ðº ÁÐ ÔÙÒØÓ Ñ Ó Ã ³ Ú ÒÓÐ ØÓ ÓÖÖ Ö

Dettagli

INTERFACCIA DTE/DCE P1 P2 P3 LIVELLO PACCHETTO LIVELLO TRAMA DTE LIVELLO FISICO DCE M LIVELLO FISICO LIVELLO TRAMA LIVELLO PACCHETTO DTE A PACCHETTO

INTERFACCIA DTE/DCE P1 P2 P3 LIVELLO PACCHETTO LIVELLO TRAMA DTE LIVELLO FISICO DCE M LIVELLO FISICO LIVELLO TRAMA LIVELLO PACCHETTO DTE A PACCHETTO ÊÌÁ Á ÌÄ Åº ÑÓÒ ÅÖ Ò º ÆÖ ÔÔÙÒØ ÞÓÒ ÓÒ ÓÒØÖÙØ ÒÖ ÒÓ ÙÓ ØØ ÊÒØÓ ÄÓ ÒÓ Å ÅÓ ÒØÓÒÓ ÆÙ ½¾ ÄÓ ØÒÖ º¾ º½ ÁÒØÖÓÙÞÓÒ Á ÁÌÌ ÓÑØØÓ ÓÒ ÙØÚÓ ÁÒØÖÒÞÓÒ ÔÖ ÌÓÒ ÌÖ µ ³ÓÖÒÓ ØÓÖ¹ ÑÒØ ÔÖÔÓ ØÓ ÒÞÓÒ ØÒÖ ÔÖ ØÑ ÖØ ØÓÑÙÒÞÓÒ ØØ

Dettagli

ÁÈÊÌÁÅÆÌÇ Á ÁÆÆÊÁ ÊÇÆÍÌÁ ËÈÁÄ ÈÓÐØÒÓ ÌÓÖÒÓ ÈÖÓÚ ÐÓÖØÓÖÓ ÔÔÙÒØ ÔÖ Ð ÐÐÚ ÁÒÒÖ ÖÓ ÔÞÐ Ð ÈÓÐØÒÓ ÌÓÖÒÓ ÊÓÑÙÐÓ ÊÍÇÌÇÄÇ ¾ ÊÓÑÙÐÓ ÊÙÓØÓÐÓ ¹ ÈÖÓÚ ÐÓÖØÓÖÓ ÁÒ ½ ÈÖÓÚ ØÖÞÓÒ ½º½ ØÖØØÓ ÐÐ ÒÓÖÑ ËÌÅ ¼ º º º º º º º º

Dettagli

ÊÌÁ Á ÌÄ Åº ÑÓÒ ÅÖ Ò º ÆÖ ÔÔÙÒØ ÐÐ ÐÞÓÒ ÓÒ ÓÒØÖÙØ ÒÖ ÒÓ ÐÙÓ ØØ ÊÒØÓ ÄÓ ÒÓ ÅÐ ÅÓ ÒØÓÒÓ ÆÙ ÈÖÓØÓÓÐÐ Ò ØÖ ÈÖÑ ÖÚÖ Ò ÕÙÐ ØØÐÓ ÔÖÓØÓÓÐÐ ÐÙÒ ÐÚÐÐ ÐгÖØØØÙÖ ÇËÁ ÙØÐ ¹ ÖÚÖ ÙÒ ÐÓÖØÑÓ ÒÖÐ ÙØÐÞÞØÓ Ò ÚÖ ÐÚÐÐ ÔÖ Ð

Dettagli

ÔÔÙÒ Ð ÓÖÓ ÁÒÖÓÙÞÓÒ ÈÖÓ ÐÓÖ ÁÒ ÈÖÓÐ ÓÒÞÓÒ ÐÖ º ÁÐ Ó ÖÓ º¾ ÁÐ Ó ÒÖÐ º ÖÙÞÓÒ ÓÒÞÓÒ ¾ Å ÓÒÞÓÒ ÐÖ ¾º ÒÞÓÒ ÔÖÓÔÖ ¾º¾ ÖÙÞÓÒ Ñ ÓÒÞÓÒ ÈÖÓ Ó º ÖÙÞÓÒ ÒÓ ÑÒÓÒÐ ÓÖÑ ÒÞ ÃÓÐÑÓÓÖÓÚ º ÍÒ ÑÔÓ Ð ÑÓÓ ÖÓÛÒÒÓ Ó ÔÖÓÓ ÏÒÖ ÈÖÓÐ

Dettagli

F 2. q 2. u R12 F 1. q 1

F 2. q 2. u R12 F 1. q 1 ¾ ÇÆ Å ÆÌÁ Á Ì ÇÊÁ Á ÁÊ ÍÁÌÁ Ä ÌÌÊÁ Á ¾ ÓÒ Ñ ÒØ Ø ÓÖ ÖÙ Ø Ð ØØÖ ÙÐØ ÑÓ ÓÖÒ Ñ ÒØÓ ÆÓÚ Ñ Ö ¾¼¼¼µ ÁÒ ÕÙ ØÓ Ô ØÓÐÓ Ú Ò ÓÒÓ Ö Ñ Ø Ð Ö Ò ÞÞ Ð ØØÖ ÓÒ Ñ ÒØ Ð º Ä Ø ÓÖ Ö¹ Ù Ø Ð ØØÖ ÔÙ Ó Ö Ö Ú Ø Ô ÖØ Ö ÐÐ ØÖ ØØ

Dettagli

ÐÑ Å Ø Ö ËØÙ ÓÖÙÑ ¹ ÍÆÁÎ ÊËÁÌü ÄÁ ËÌÍ Á Á ÇÄÇ Æ Ð ÓÖ ØÓ Ô Ö Ð ÓÖ Ó ÁÒØ Ö Þ ÓÒ È Ö ÓÒ ¹ ÓÑÔÙØ Ö ÓÖ Ó Ä ÙÖ Å ØÖ Ð Ò ÁÒ ÓÖÑ Ø ÈÊÇÈÇËÌ Á ÁÆÌ ÊÎ ÆÌÇ ÀÌÌÈ»»ÏÏϺÌÊÁÈ ÎÁËÇʺÁÌ» ËØÙ ÒØ Ë ÑÓÒ Ò Æ ÓÐ ÓÒ ÈÖÓ Ó Î Ø

Dettagli

5Convegno a Milano. Occupazione e potere d acquisto di pensioni e retribuzioni.

5Convegno a Milano. Occupazione e potere d acquisto di pensioni e retribuzioni. confederata in Questo numero è disponibile sul sito: www.ildirigente.it Sommario novembre-dicembre 2008 n. 259 novembre-dicembre 2008 - n. 259 Buon Natale Buon Anno EDITORIALE 4 2008: bilancio con auguri

Dettagli

PLCE: Partizione PLC Criptata Esempio di implementazione della funzione

PLCE: Partizione PLC Criptata Esempio di implementazione della funzione Newsletter Application 4/2008 PLCE: Partizione PLC Criptata Esempio di implementazione della funzione APPLICABILITÀ: CONTROLLO NUMERICO itnc 530 DA VERSIONE SOFTWARE 340 49x-04 A partire dalla nuova versione

Dettagli

ÈÖÓÚ Ö ØØ Ð ¾ Ë ØØ Ñ Ö ¾¼¼¾ ½º ÍÒ ØÖ Ô Ò ÙÒ ÙÖÚ Ö Ó ½ ¼ Ѻ Ë Ô Ò Ó ÙÒ³ ÙØÓÑÓ Ð Ð ÔÙ Ó «ÖÓÒØ Ö ÐÐ Ú ÐÓ Ø Ñ Ñ ½¾¼ ÃÑ» ÒÞ Ò Ö ÐÓÐ Ð Ó Æ ÒØ ØØÖ ØÓ ØÖ Ð³ ÐØÓ Ð ÖÙÓØ º Ë ÓÒ Ö ÔÓ ÙÒ ÓÒ ÙØÓÑÓ Ð ÓÑÔÐ Ø Ñ ÒØ ÒØ

Dettagli

X ± ² ± «² ²± ¹ ½± «± ³±ª ³»² ± 8 ². Ê»²¼± æ ß»³»» ½» ½. ½» Þ» «½±² º 4. Þ» «½±² «ª± ± º» ³.ô «²± «½± ±²» ±½» ±»²» ± ½± ¼» ²¼«²±² ±ó

X ± ² ± «² ²± ¹ ½± «± ³±ª ³»² ± 8 ². Ê»²¼± æ ß»³»» ½» ½. ½» Þ» «½±² º 4. Þ» «½±² «ª± ± º» ³.ô «²± «½± ±²» ±½» ±»²» ± ½± ¼» ²¼«²±² ±ó ÔÛ ÍÝÛÔÌÛ ÜÛ ÐßÎÌ Ì Î» «¾¾ ½ ÔËÒÛÜT íð ÓßÎÆÑ îðïë ïë Ô ² ÐÛÎÍßÐÛÎÒÛÜ Ð G» ±² ¹¹ ±» ¼» ¼» Ú ±³ ³«±ª» ««²¼± ±¾ ² ±æ»² ±²» ¼ ¹ ± ±½»ô ¹¹»¹» ² ± ²± «² ±¹» ± ± ½± ± ± ±²» ¹±ª» ²±»»³ ±» ± º± ³» ²¼ ½ ±» ½ ²»»

Dettagli

PARTE PRIMA - MORFOLOGIA 1. ALFABETO E FONETICA

PARTE PRIMA - MORFOLOGIA 1. ALFABETO E FONETICA 6 morfologia PARTE PRIMA - MORFOLOGIA 1. ALFABETO E FONETICA 1.1 ALFABETO Tabella 1.1 Stampato Pronuncia Nome della lettera À à Á á Â â Ã ã Ä ä Å å Æ æ Ç È É ç è é Ê ê Ë ë Ì ì Í í Î î Ï ï Ð ð Ñ ñ Ò ò Ó

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2 2. OBIETTIVO 2 3. QUANTIFICAZIONE ECONOMICA 2 4. COSTI ANNUI 6 5. RIDUZIONE EMISSIONI 9

1. INTRODUZIONE 2 2. OBIETTIVO 2 3. QUANTIFICAZIONE ECONOMICA 2 4. COSTI ANNUI 6 5. RIDUZIONE EMISSIONI 9 Ê ÔÔÓÖØÓ Ø Ò Ó Ô Ö Ë ÐÓ ÖÓÙÔ Á Á ÒØÖÓ ÁÒØ Ö Ô ÖØ Ñ ÒØ Ð ÐÙ Ó Ò Ñ Á Ö ÙÐ Í Ò ¾¾ Ë ØØ Ñ Ö ¾¼¼ Î ÐÙØ Þ ÓÒ ÐÐÓ Ò Ö Ó ÓÒÓÑ Ó¹ Ñ ÒØ Ð Ô Ö Ð³ ÑÔ ÒØÓ ÈÖ Ò Ó ØØÓ Ù ÓÒ ÙÑ Ó Ø Ñ ÓÒ Ðг ÙÑ ÒØÓ Ðг ÒÞ ØÖ Ö Ñ ÒØÓ Ò

Dettagli

41 ACCREDITO HELIOS - gennaio 2014 1 COMUNE DI CARBONIA NZ01997 PIAZZZA ROMA 4 CARBONIA 09013 CI IT52A0000000000000000064675

41 ACCREDITO HELIOS - gennaio 2014 1 COMUNE DI CARBONIA NZ01997 PIAZZZA ROMA 4 CARBONIA 09013 CI IT52A0000000000000000064675 41 ACCREDITO HELIOS - gennaio 2014 DENOMINAZIONE ENTE PAGAMENTI COD. ENTE INDIRIZZO CITTA' CAP PR Codice IBAN 1 COMUNE DI CARBONIA NZ01997 PIAZZZA ROMA 4 CARBONIA 09013 CI IT52A0000000000000000064675 2

Dettagli

RASSEGNA STAMPA GIUGNO 2013

RASSEGNA STAMPA GIUGNO 2013 RASSEGNA STAMPA GIUGNO 2013 movida fipe - Cerca con Google https://www.google.it/ Pagina 1 di 1 07/02/2014 movida fipe Accedi Web Maps Immagini Notizie Shopping Altro Strumenti di ricerca Circa 64.900

Dettagli

Prati permanenti e pascoli. Castagneti da frutto

Prati permanenti e pascoli. Castagneti da frutto Relazioni tra attività agro-forestale e sistema ambientale AGRICOLTURA L agricoltura riveste nelle problematiche ambientali un ruolo per niente secondario. Tale attività, invero, specie se esercitata in

Dettagli

La sintassi di XML può essere definita dall utente a seconda del tipo di documento da creare.

La sintassi di XML può essere definita dall utente a seconda del tipo di documento da creare. Á Á Á Á o o o o š š è 354698:=@?@A :>4CBEDGFIH JLKNM O XHTML 1.0 è stata la prima grande modifica allo standard HTML 4.0 (rilasciato nel 199). O Le specifiche sono reperibili all indirizzo http://www.w3.org/tr/2000/rec-xhtml1-20000126.!

Dettagli

n&dislessia Font ad alta leggibilità EasyReading RIVOLUZIONA COSÌ LA CLASSICA

n&dislessia Font ad alta leggibilità EasyReading RIVOLUZIONA COSÌ LA CLASSICA Font ad alta leggibilità n&dislessia DEDICATO AI LETTORI CON DISLESSIA È STATO CONCEPITO CON L APPROCCIO ALLA METODOLOGIA PROGETTUALE DEL DESIGN FOR ALL (PROGETTAZIONE UNIVERSALE) CHE LO RENDE UN FONT

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

UNI EN 1090-1 Metodi di marcatura e classe di esecuzione (con brevi cenni alla

UNI EN 1090-1 Metodi di marcatura e classe di esecuzione (con brevi cenni alla UNI EN 10901 Metodi di arcatura e classe di esecuzione (con brevi cenni alla rogettazione) Secifiche del coonente I rocessi rinciali (controlli non distruttivi, giunzioni eccaniche, rotezione dalla corrosione)

Dettagli

Report Analitico "COSTI" per Prestazioni Intermedie 2014

Report Analitico COSTI per Prestazioni Intermedie 2014 9 UROLOGIA BELCOLLE ANATOMIA PATOLOGICA 2,8 1, 2,8 91.42.2 ES.ISTIOCITOP.APP.DIG.POLIP.END.SINGOLA 1, 14,1 14,1 91.41.1 ES.ISTIOCITPAT.CUTE O TESS.MOLL.B.INCIS. 1, 14,1 14,1 91.4.4 ES.ISTIOCITOP.APP.UROGEN.B.TESTICOLARE

Dettagli

3. Lettura della carta di fattibilità geologica...4

3. Lettura della carta di fattibilità geologica...4 Ï Ð Ð Ï Ï Ð Ð ÐÑÐ Ð ÏÏkÐ Ò ÏkÐ Ó ÔkÔ$Õ Õ Õ Õ Ö Õ ØdÕ Õ ñ ò ñ ^^/ J )J"-ó %)"") ] ) ô/õ/õö -> 6 >-> 8946A@BC6D4-4 2*7 894 2 8 < 6E467-@4 2 8GFD6IH6D4@B 6 ""$ %%(' *)+,%- /. 13254677 8946;:2

Dettagli

44 ACCREDITO HELIOS - MAGGIO 2014

44 ACCREDITO HELIOS - MAGGIO 2014 44 ACCREDITO HELIOS - MAGGIO 2014 DENOMINAZIONE ENTE PAGAMENTI CODICE ENTE INDIRIZZO CITTA' CAP PR 1 A.C.L. - ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL LODIGIANO NZ00047 VIA INCORONATA 3 LODI 26900 LO 2 A.F.D. ASSOCIAZIONE

Dettagli

HTML: lezioni pratiche e verifiche

HTML: lezioni pratiche e verifiche 1255 HTML: lezioni pratiche e verifiche Capitolo 55 55.1 Struttura generale e intestazione.................... 1262 «55.1.1 File «struttura-01.html».......................1262 55.1.2 File «struttura-02.html».......................1267

Dettagli

TERMINALE POS OMERO 0DQXDOHG XVRSHUO HVHUFHQWH &DUDWWHULVWLFKH7HFQLFKHH)XQ]LRQDOL. Dionica Italia S.r.l. Via Torino, 25 20063 Cernusco sul Naviglio MI

TERMINALE POS OMERO 0DQXDOHG XVRSHUO HVHUFHQWH &DUDWWHULVWLFKH7HFQLFKHH)XQ]LRQDOL. Dionica Italia S.r.l. Via Torino, 25 20063 Cernusco sul Naviglio MI TRMINAL PS MR 0DQXDHG XVRSHU HVHUHQH &DUDHULVLKHHQLKHH)XQ]LRQDL Dionica Italia S.r.l. Via Torino, 5 0063 Cernusco sul Naviglio MI tel. 0 9110 fax 0 910334 ,1',&( &DSLRR &DSLRR &DSLRR &DSLRR &DSLRR &DSLRR

Dettagli

Esonero di fisica - 16 Maggio 2000

Esonero di fisica - 16 Maggio 2000 Esercizio 1 (7 punti) Esonero di fisica - 16 Maggio 000 Una pentola di rame di massa 500 grammi contiene un blocchetto di piombo di massa 1 Kg; essi si trovano in equilibrio termico alla temperatura ambiente

Dettagli

Cognome Nome. M F Luogo di nascita: Stato Provincia Comune N. C.A.P. 0. LQTXDOLWjGL,

Cognome Nome. M F Luogo di nascita: Stato Provincia Comune N. C.A.P. 0. LQTXDOLWjGL, FRSLDSHULO&RPXQH Forme speciali di vendita al dettaglio &200(5&,2352'277,3(50(==2',$33$5(&&+,$8720$7,&, &2081,&$=,21( Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 17 e 26 comma 5), LOVRWWRVFULWWR

Dettagli

DIRITTI DI AUTORE SIAE

DIRITTI DI AUTORE SIAE Anno XXXII n. 2 Chieti 16.01.2003-1 - ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALBERGATORI DIRITTI DI AUTORE SIAE Nuovi compensi per la diffusione di musica d ambiente attraverso radio, televisori ed altri apparecchi

Dettagli

Comune di Roma gestione ROMEO. totale di 124. 24 appartamenti sono stati dati al Comune di Pomezia (Zappalà- febbraio del 2004)

Comune di Roma gestione ROMEO. totale di 124. 24 appartamenti sono stati dati al Comune di Pomezia (Zappalà- febbraio del 2004) Comune di Roma gestione ROMEO VIA Federico Fellini: 82+ 3 negozi abitati totale di 124 +il grattacielo 39 per un 24 appartamenti sono stati dati al Comune di Pomezia (Zappalà- febbraio del 2004) Il documento

Dettagli

AWT: Abstract Window Toolkit

AWT: Abstract Window Toolkit AWT: Abstract Window Toolkit E una libreria che offre le componenti GUI essenziali Tutte le componenti GUI che sono visualizzabili sono sottoclassi della classe astratta Component Container è una sottoclasse

Dettagli

D Servizi Territoriali Est Trentino S.p.A. (STET S.p.A.) I Viale Venezia n. 2/e

D Servizi Territoriali Est Trentino S.p.A. (STET S.p.A.) I Viale Venezia n. 2/e A A A A A AGGIUDICATI Direttiva 2004/17/CE SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZO E PUNTI DI CONTATTO D Servizi Territoriali Est Trentino S.p.A. (STET S.p.A.) I Viale Venezia n. 2/e

Dettagli

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Daniele Pighin pighin@fbk.eu FBK Via Sommarive, 18 I-38050 Trento, Italy March 5, 2008 Outline 1 Sistema operativo e

Dettagli

Soluzioni più moderne

Soluzioni più moderne Soluzioni più moderne Anche i codici a 8 bit (255 caratteri) erano insufficienti a rappresentare tutti i caratteri necessari per uso generale anche solo per le lingue occidentali! Soluzione: definire una

Dettagli

Informazioni importanti

Informazioni importanti Telefoni proprietari digitali Guida di riferimento rapido Modello KX-T7625SP/KX-T763SP KX-T7633SP/KX-T7636SP Informazioni importanti Utilizzando i modelli della serie KX-T76XX, vi preghiamo di rispettare

Dettagli

5,VUO 1(2,035(6((1(2,035(1',725, 3529,1&,$',02'(1$ )6( 81,9(56,7$'(*/, 35202 5(**,2(0,/,$ 5LFHUFKH H,QWHUYHQWL GLSROLWLFDLQGXVWULDOH HGHOODYRUR

5,VUO 1(2,035(6((1(2,035(1',725, 3529,1&,$',02'(1$ )6( 81,9(56,7$'(*/, 35202 5(**,2(0,/,$ 5LFHUFKH H,QWHUYHQWL GLSROLWLFDLQGXVWULDOH HGHOODYRUR 02'(1$ )250$=,21( 5,VUO 5LFHUFKH H,QWHUYHQWL GLSROLWLFDLQGXVWULDOH HGHOODYRUR,175$35(1'(5($02'(1$1(/ 1(2,035(6((1(2,035(1',725,,13529,1&,$',02'(1$ Dicembre 2001 3529,1&,$',02'(1$ )6( 81,9(56,7$'(*/, &&,$$',02'(1$

Dettagli

MODULO 2 GESTIONE DEI FILE

MODULO 2 GESTIONE DEI FILE MODULO 2 GESTIONE DEI FILE Sommario La tastiera... 4 Tabella codice ASCII... 7 1. Avviare il computer... 8 2. Spegnere il computer... 8 3. Riavviare il computer... 8 4. Collegarsi in modo sicuro utilizzando

Dettagli

BILANCE TECNICHE DI PRECISIONE INOX IP65 SERIE TRD

BILANCE TECNICHE DI PRECISIONE INOX IP65 SERIE TRD BILANCE TECNICHE DI PRECISIONE INOX IP65 SERIE TRD Bilance di precisione ad alta risoluzione per industria e laboratorio, inox IP65. Particolarmente indicate in presenza di umidità o in ambienti ad elevati

Dettagli

7869/8+8 0 1 180 H 160 CM 16 LIGHTS CRISTALLO MULTICOLOR ORO / CRYSTAL MULTICOLOR GOLD

7869/8+8 0 1 180 H 160 CM 16 LIGHTS CRISTALLO MULTICOLOR ORO / CRYSTAL MULTICOLOR GOLD 1 3Lighting CLASSIC 1 32 3 Grazie di consultare il pišž recente catalogo illuminazione classico moderno šc oggettistica šc specchi šc bomboniere - bigiotteria di Arte di Murano. Arte di Murano nasce nel

Dettagli

d a v i d e s e b a s t i a n

d a v i d e s e b a s t i a n d a v i d e s e b a s t i a n s e l e c t e d w o r k s 2 0 0 2-2 0 0 9 w w w. d a v i d e s e b a s t i a n. c o m i n f o @ d a v i d e s e b a s t i a n. c o m D a v i d e S e b a s t i a n ( 1 9 8

Dettagli

L A S E D A Z I O N E P A L L I A T I V A : R U O L O D E L M E D I C O D I M E D I C I N A G E N E R A L E. D r. S a n d y F u r l i n i

L A S E D A Z I O N E P A L L I A T I V A : R U O L O D E L M E D I C O D I M E D I C I N A G E N E R A L E. D r. S a n d y F u r l i n i L A S E D A Z I O N E P A L L I A T I V A : R U O L O D E L M E D I C O D I M E D I C I N A G E N E R A L E D r. S a n d y F u r l i n i 1 N o n s o m m i n i s t r e r ò a n e s s u n o, n e p p u r e

Dettagli

VERBALE FORUM NAZIONALE AVIS GIOVANI EUR SUITE HOTEL - ROMA 29-30 GENNAIO 2005

VERBALE FORUM NAZIONALE AVIS GIOVANI EUR SUITE HOTEL - ROMA 29-30 GENNAIO 2005 VERBALE FORUM NAZIONALE AVIS GIOVANI EUR SUITE HOTEL - ROMA 29-30 GENNAIO 2005 SABATO 29 GENNAIO I lavori iniziano alle ore 15.00 presso la sala congressi dell Eur Suite Hotel di Roma. Risultano presenti

Dettagli

ݱ ¼ èêëçí¼º¼»ï½»çë¼êçºîîíê¼¾ïèì óþìüêðóþ öóïðìëðóðñëþñðûþüþìþ ÑÐÑÌÏÞÉÚÑËÞÖÏÍÐÙ º» ³»²»¹ ±²»»»¹ ±²» æ ÝßÌÌÛÜÎÛ ßÍÍÛÙÒßÌÛ ÍË ß Ü ÍÐÑÍ Æ ÑÒÛ ÒÛÔÔß ÚßÍÛ Þ ÜÛÔ Ð ßÒÑ ÍÌÎßÑÎÜ ÒßÎ Ñ Ü ßÍÍËÒÆ ÑÒ ÐÎÛÊ ÍÌÑ ÜßÔÔß

Dettagli

Breve descrizione Gigaset DA710

Breve descrizione Gigaset DA710 Breve descrizione Gigaset DA70 2 3 4 5 6 7 8 9 0 2 3 4 Display e tasti Display regolabile (impostare lingua display pag. ) 2 Tasto di navigazione per le funzioni del display 3 Tasto di commutazione 4 Tasto

Dettagli

H!"#$%&'()' *+,-..-/01- IJKLMNOPQRSOLT 56789::7569;

Dettagli

Rimborso spese di viaggio

Rimborso spese di viaggio º º Ú«² ±² ± ²½ ½ ± λ ¼»² ¹±ª» ² ª Ý»² ± ¼ º± ³ ±²»» ª «± Ð Ù±ª» ²± Ê ¼» Ù ¹¹ ² ï ðçïèïììííè ðçïèïìïêçð ðçïèïìììïì ðçïèïìïêçç ß» ¼» ¹» ±²» ³³ ² ª ðçïèïììíìðñíç ß» ¼» ½±² ²»¼» ± ª «± ðçïèïììíìîñëì Í»²¼»

Dettagli

Informatica Open. Competenze informatiche e abilità operative. A. Drivet E. Re T. Marino. Competenze informatiche e abilità operative

Informatica Open. Competenze informatiche e abilità operative. A. Drivet E. Re T. Marino. Competenze informatiche e abilità operative Inf_Open_Layout 1 18/01/11 17:49 Pagina 1 Competenze informatiche e abilità operative Affronta gli argomenti dell informatica di base in modo operativo e interattivo. Le applicazioni sono presentate sia

Dettagli

A mia madre Gerardina, a mio padre Raffaele Perché, per prima, si pensa a chi non c è più. A mia moglie Antonietta Il mio presente

A mia madre Gerardina, a mio padre Raffaele Perché, per prima, si pensa a chi non c è più. A mia moglie Antonietta Il mio presente A mia madre Gerardina, a mio padre Raffaele Perché, per prima, si pensa a chi non c è più A mia moglie Antonietta Il mio presente A mio figlio Raffaele, a mia figlia Ilary Il futuro Ai miei studenti Perché

Dettagli

Tengwanda Fëanaro. L alfabeto di Fëanor

Tengwanda Fëanaro. L alfabeto di Fëanor Tengwanda Fëanaro L alfabeto di Fëanor ndice ntroduzione... 3 ntroduzione alle Tengwar... 3 Pronuncia... 4 Riguardo alla trascrizione... 5 Regole morfo-sintattiche... 5 Quenya (Alto Elfico)... 6 Tengwanda

Dettagli

Documentazione integrativa indagini geologiche da allegare al PUC e RUEC del comune di Pastorano (CE) INTEGRAZIONE

Documentazione integrativa indagini geologiche da allegare al PUC e RUEC del comune di Pastorano (CE) INTEGRAZIONE Dott. Geol. Giovanni Tavano Via Bologna P.co dei pini 81022- CASAGIOVE (CE) tel e fax 0823469021 e mail: giovanni.tavano@libero.it Documentazione integrativa indagini geologiche da allegare al PUC e RUEC

Dettagli

Bordi Ricamati per Tovaglie

Bordi Ricamati per Tovaglie Cod. 6518 Cod. 6518 Ricamo Guipure in Lino e Tulle bianco Altezza fascia cm. 22 Cod. 6518 Ricamo Guipure in Lino e Tulle avorio Altezza fascia cm. 22 1 Cod. 001 Tovaglia per altare in Canapa - Lino con

Dettagli

Guida per l'utente del telefono Nortel DECT 413X e 414X

Guida per l'utente del telefono Nortel DECT 413X e 414X Guida per l'utente del telefono Nortel DECT 413X e 414X www.nortel.com 2005 Nortel Networks N0028563 01 Stampato in Danimarca Complimenti per il nuovo telefono Nortel 413X/414X! Il simbolo X rappresenta

Dettagli

RASSEGNA STAMPA MAGGIO 2013

RASSEGNA STAMPA MAGGIO 2013 RASSEGNA STAMPA MAGGIO 2013 tuttofood fipe - Cerca con Google https://www.google.it/ Pagina 1 di 1 07/02/2014 tuttofood fipe Accedi Web Shopping Immagini Notizie Video Altro Strumenti di ricerca Circa

Dettagli

Indice: Sezione Pagina Descrizione. - 2 Disegno sezionalr pompa 0. 5 AVVERTENZE DI SICUREZZA

Indice: Sezione Pagina Descrizione. - 2 Disegno sezionalr pompa 0. 5 AVVERTENZE DI SICUREZZA ÓßÒ ËßÔÛ Ü ÍÌÎ ËÆ ÑÒ É õ ÐÑÓ Ðß ÓÑÜ ËÔÑ Òòæ Ôìëíîêï Ì ÎÛÊ Í ÑÒÛæ ðïñîðïí ÔÛÙÙ ÛÎÛ Û ÝÑÓÐÎÛÒÜÛÎÛ Ô ÐÎÛÍÛÒÌÛ ÓßÒËßÔ ÐÎ Óß Ü ËÌ Ô ÆÆßÎÎÛ Ô ÐÎÑÜÑÌÌÑ Ñ ÛÍÛÙË ÎÛ ÑÐÛÎßÆ ÑÒ Ü ÓßÒËÌÛÒÆ ÑÒÛò 453260 ISS A 08.2008

Dettagli

DIECI ANNI DI SICUREZZA Il ruolo del coordinatore alla luce dei nuovi adempimenti normativi ed alle modifiche al D.LGS 494/96 Dibattito e confronto

DIECI ANNI DI SICUREZZA Il ruolo del coordinatore alla luce dei nuovi adempimenti normativi ed alle modifiche al D.LGS 494/96 Dibattito e confronto 1 -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Documentazione Biomateriali Alos

Documentazione Biomateriali Alos Documentazione Biomateriali Alos Via Nobel, 33 20851 Lissone MB tel 039.481123 fax 039.2453753 Lavori Clinici su Alos, idrossiapatite, acido poliglicolico e polilattico Analisi istologica di Biopsia Ossea

Dettagli

GUIDA UTENTE. Leggere queste istruzioni prima di iniziare ad usare la P-touch. Conservare queste istruzioni in un posto sicuro per riferimenti futuri.

GUIDA UTENTE. Leggere queste istruzioni prima di iniziare ad usare la P-touch. Conservare queste istruzioni in un posto sicuro per riferimenti futuri. 1800 GUIDA UTENTE Leggere queste istruzioni prima di iniziare ad usare la P-touch. Conservare queste istruzioni in un posto sicuro per riferimenti futuri. INTRODUZIONE Grazie per avere acquistato la P-touch

Dettagli

CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI

CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Prof. Stefano Gori 1 Comune di Palmi Piano Urbano del Traffico PUT Obiettivi del PUT miglioramento delle condizioni di circolazione (movimento e sosta) miglioramento

Dettagli

Telefonare con i telefoni DECT Gigaset PRO IP

Telefonare con i telefoni DECT Gigaset PRO IP Telefonare con i telefoni DECT Gigaset PRO IP Su esempio del portatile Gigaset SL610H PRO viene descritto come si telefona su una stazione base DECT Gigaset N510 IP PRO oppure su un Gigaset N720 DECT IP

Dettagli

1ª settimana 2ª settimana 3ª settimana 4ª settimana 5ª settimana 6ª settimana 7ª settimana 8ª settimana 9ª settimana 10ª settimana 11ª settimana 12ª settimana 13ª settimana 14ª settimana 15ª settimana

Dettagli

Entra nella nostra community. www.metadieta.it

Entra nella nostra community. www.metadieta.it Entra nella nostra community www.metadieta.it ORAC PRAL flessibilità, personalizzazione e rapidità nell elaborazione della dieta in real-time. archivio iniziale stampa della dieta misure di uso casalingo

Dettagli

Top A47 ISDN Istruzioni per l uso

Top A47 ISDN Istruzioni per l uso Top A47 ISDN Istruzioni per l uso Gentile cliente Grazie per avere scelto un prodotto Swisscom. Queste istruzioni hanno lo scopo di facilitare l uso dell apparecchio ISDN Top A47 ISDN. Teniamo ad attirare

Dettagli

L A S E D A Z I O N E P A L L I A T I V A : S o m à K a t i a

L A S E D A Z I O N E P A L L I A T I V A : S o m à K a t i a L A S E D A Z I O N E P A L L I A T I V A : R U O L O D E L L I N F E R M I E R E D O M I C I L I A R E S o m à K a t i a I l c o m p i t o p r i m a r i o d e l l e t i c a s a r à a l l o r a q u e l

Dettagli

Manuale tecnico di riferimento Panoramica RAPID

Manuale tecnico di riferimento Panoramica RAPID Manuale tecnico di riferimento Panoramica RAPID Software del controller IRC5 RobotWare 5.12 Manuale tecnico di riferimento Panoramica RAPID RobotWare 5.12 3HAC16580-7 Revisione: H Copyright 2004-2009

Dettagli

PROTOCOLLO HTTP POST/HTTP GET

PROTOCOLLO HTTP POST/HTTP GET PROTOCOLLO HTTP POST/HTTP GET INDICE 1 Protocollo HTTP POST e GET............ pagina 3 1.1 Invio SMS di tipo testo 1.2 Invio SMS con testo in formato Unicode UCS-2 1.3 Simulazione di un invio 1.4 Possibili

Dettagli

P R E S I D E N Z A DEL PRESIDENTE ROSARIO BOCCIA

P R E S I D E N Z A DEL PRESIDENTE ROSARIO BOCCIA CITTÀ DI CASTELFRANCO EMILIA PROVINCIA DI MODENA CONSIGLIO COMUNALE Seduta del P R E S I D E N Z A DEL PRESIDENTE ROSARIO BOCCIA I l P r e s i d e n t e i n v i t a i l S e g r e t a r i o G e n e r a

Dettagli

Gigaset A420/A420A Ð Ã INT 1. 23.04. 10:53 Menu. ª impostazioni audio. â richiamare la rubrica. Y Scorrere verso l alto/il basso

Gigaset A420/A420A Ð Ã INT 1. 23.04. 10:53 Menu. ª impostazioni audio. â richiamare la rubrica. Y Scorrere verso l alto/il basso Gigaset A420/A420A Breve descrizione del portatile 1 Livello di carica delle batterie 2 Simbolo segreteria telefonica (solo A420A) 3 Livello di ricezione 4 Tasti funzione 5 Tasto di fine chiamata e accensione/spegnimento

Dettagli

Il tuo nuovo dizionario di inglese e di francese

Il tuo nuovo dizionario di inglese e di francese I P Z P Z G! F! D T U -,,, ù. (. ): - - FS S D,. :, ; ' -, ù,.. P.:, I' Z A,,., ;, S, FS A,.. 1 :, I' 2 () :, 3 ( ) : ',. 1 ( ) :?, I?;, I 2 ( ) :,.. : ', ; '?, '?;?,?;?,? S!! :, I'. (, )... S:, I' S;,

Dettagli

1. Modifica alla lista dei namespace da indicare nell operazione di Login. 2. Modifica nell intestazione delle risposte inviate dal server EPP;

1. Modifica alla lista dei namespace da indicare nell operazione di Login. 2. Modifica nell intestazione delle risposte inviate dal server EPP; 5 giugno 2012 Principali modifiche apportate alle nuove versioni dei server EPP del Registro.it (disponibili sulla piattaforma di test del Registro - epp-pub-test.nic.it, epp-deletedpub-test.nic.it) e

Dettagli

6(=,21(,±$1$/,6,'(/&217(67262&,$/('(/3,$12

6(=,21(,±$1$/,6,'(/&217(67262&,$/('(/3,$12 3,$12',=21$'(,6(59,=,62&,$/, /HJJHH3LDQRVRFLDOHUHJLRQDOH $0%,727(55,725,$/(62&,$/( 'HQRPLQD]LRQH &267$68' Q (QWHGL$PELWR6RFLDOH &2081(',6,/9, &RPXQH&RPXQL &2081(',$75, &2081(',3,1(72 &2081(',6,/9, 5HIHUHQWHGHO3LDQR

Dettagli

Visconti tra film e testimonianze

Visconti tra film e testimonianze Sabato 4 marzo 2006 ROMA eventi GIOCHI DA TAVOLO, GIOCHI DI RUOLO E UN RECORD DA BATTERE OGGI E DOMANI AL POLO CIVICO TINTORETTO Un week end dedicato a chi vuole giocare Valeria Arnaldi Un intero fine

Dettagli

IP Phone Thomson ST 2030. un passo avanti

IP Phone Thomson ST 2030. un passo avanti IP Phone Thomson ST 2030 un passo avanti www.fastweb.it chiama 192 194 Per Offerta Company 800 188 881 Per Offerta Enterprise Indice 1. Introduzione 5 2. Informazioni per l utilizzo e la sicurezza 6 2.

Dettagli

6HOH[6,3URJHWWR6,6/ 20 Ottobre 2008

6HOH[6,3URJHWWR6,6/ 20 Ottobre 2008 6HOH[6,3URJHWWR6,6/,O6XSSRUWR/RJLVWLFRHGLO0DQWHQLPHQWRGHOOH &RQGL]LRQL2SHUDWLYHGHJOL$VVHW (QWHUSULVH 20 Ottobre 2008,QJ)UDQFHVFR6DYHULR'L6LELR $JHQGD Presentazione azienda: Selex-SI LoB Customer Support

Dettagli

Studio dell effetto del biofouling sull efficienza di rivelazione di un apparato Čerenkov sottomarino per neutrini astrofisici di alta energia

Studio dell effetto del biofouling sull efficienza di rivelazione di un apparato Čerenkov sottomarino per neutrini astrofisici di alta energia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE,FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN FISICA Studio dell effetto del biofouling sull efficienza di rivelazione di un apparato Čerenkov

Dettagli

IL PROTOCOLLO DETERMINA LE REGOLE SECONDO CUI DEVONO ESSERE STRUTTURATE E GESTITE LE INFORMAZIONI CHE PASSANO DA UN COMPUTER ALL ALTRO.

IL PROTOCOLLO DETERMINA LE REGOLE SECONDO CUI DEVONO ESSERE STRUTTURATE E GESTITE LE INFORMAZIONI CHE PASSANO DA UN COMPUTER ALL ALTRO. RETE DI COMPUTER: insieme di dispositivi hardware (cioè di apparati materiali) e software (cioè programmi) che permettono a più computer di comunicare tra loro. Ad esempio, da un computer collegato ad

Dettagli

CRITERI PER L ESECUZIONE DEI PIANI DI CONTENIMENTO ED ABBATTIMENTO

CRITERI PER L ESECUZIONE DEI PIANI DI CONTENIMENTO ED ABBATTIMENTO Criteri per l'esecuzione di piani di contenimento del rumore stradale Ministero dell'ambiente SIAR Centro Interuniversitario di Ricerca sull Inquinamento da Agenti Fisici CRITERI PER L ESECUZIONE DEI PIANI

Dettagli

Appunti di Trasmissione Numerica I Parte I - Concetti Introduttivi ed Elementi di Teoria dell Informazione

Appunti di Trasmissione Numerica I Parte I - Concetti Introduttivi ed Elementi di Teoria dell Informazione Appunti di Trasmissione Numerica I Parte I - Concetti Introduttivi ed Elementi di Teoria dell Informazione Stefano Buzzi 1 Maggio 2004 1 Università degli Studi di Cassino, Dipartimento di Automazione,

Dettagli

RISORGIMENTO E ARCHITETTURA: IL VECCHIO E IL NUOVO MONDO

RISORGIMENTO E ARCHITETTURA: IL VECCHIO E IL NUOVO MONDO 1 RISORGIMENTO E ARCHITETTURA: IL VECCHIO E IL NUOVO MONDO 1. VECCHIO E NUOVO MONDO Ogni periodo storico è visivamente rappresentato dalla sua architettura e dai nuovi tipi edilizi che essa crea per soddisfare

Dettagli

CALENDARIO DELLE PROSSIME CONVIVIALI

CALENDARIO DELLE PROSSIME CONVIVIALI !#"%$'&)(*+",$'-/.02143'5 687:9=@?/;+;>A B2C2D2CFEFGH;/I JK7KI L MNGPOQG+RTSGPMUL V2B2C2WXDRTVYSV2B2C2CXZ2[\B2C2CX] ^XÀ _)a7 a7:ij:?b_2v'c4deq?j`df? gqg2=a eq?j`jk=

Dettagli

Probabilità e incertezza di misura

Probabilità e incertezza di misura Probabilità e incertezza di misura G. D Agostini Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma 30 ottobre 2001 ii Probabilità Indice I Dal concetto di probabilità ai problemi di probabilità inversa

Dettagli

Il Porto di Brindisi

Il Porto di Brindisi l Porto di rindisi Dinamiche recenti dei flussi di transito Anni 00 003 004 First Draft ndice del Reort (First Draft) 3UHPHVVD0HWRGRORJLFD ORPSDUWR366(( ORPSDUWRGHOOD/67 Premessa Metodologica l HSRUW contiene

Dettagli

METTLER TOLEDO Bilancia da negozio MIRA

METTLER TOLEDO Bilancia da negozio MIRA Istruzioni per l'uso - METTLER TOLEDO Power Vendita Packassistita / self service / preconfezionamento METTLER TOLEDO Bilancia da negozio MIRA Bilancia singola Istruzioni per l'uso APP 6 Vendita assistita

Dettagli

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS Dr. Giorgio F. Signorini Dipartimento di Chimica Università di Firenze 7 dicembre 2006 ØØÔ»»ÛÛÛº ѺÙÒ º Ø» ÒÓ ÒÓ ÑºÙÒ

Dettagli

CALENDARIO DELLE PROSSIME CONVIVIALI

CALENDARIO DELLE PROSSIME CONVIVIALI !#"%$'&)(+*,&-&). /10121043456&,7 89"97 : ;=?5-@BA5>;C: D1/101EF0@BDGAD1/1010FH1IJ/1010FK LF.NMPO" O"%78%*QM1D1/FRS?*8TPEU7 ('VW. /10F01K UX.Y&-&). S?*8NZ[('*$Y"%S1* MP&)*\ LF*8%* ]1('"97 ^4. UX"98%7M1.

Dettagli

6 Ciliegie sulla torta

6 Ciliegie sulla torta 6 Ciliegie sulla torta In questo capitolo esaminiamo rapidamente alcune funzioni non strettamente indispensabili che possono rivelarsi molto utili, almeno a qualche lettore, anche se per ora non si immagina

Dettagli

Outstanding capitals e leggi finanziarie interne: un'analisi critica.

Outstanding capitals e leggi finanziarie interne: un'analisi critica. Outstanding capitals e leggi finanziarie interne: un'analisi critica. Marco Lonzi Samuele Riccarelli Sunto Alcuni concetti relativi alla valutazione di un'operazione d'investimento, uali il tasso interno

Dettagli

Introduzione a L A TEX

Introduzione a L A TEX Introduzione a L A TEX Andrea De Mauro demauro@gmail.com Indice Sommario Avete installato MiKTEX e volete imparare in pochi minuti le nozioni fondamentali per iniziare a produrre documenti in L A TEX?

Dettagli

C430 - C430 A C530 - C530 A

C430 - C430 A C530 - C530 A C430 - C430 A C530 - C530 A Congratulazioni Acquistando un prodotto Gigaset avete scelto un marchio estremamente sensibile ed attento alle tematiche della sostenibilità ambientale. Prodotto imballato in

Dettagli

Go 2016 SCOPRI I VANTAGGI ESCLUSIVI DELL OFFERTA FIDELITY 30 MIGLIORA IL TUO MODO DI COMUNICARE CON LE OFFERTE FASTWEB

Go 2016 SCOPRI I VANTAGGI ESCLUSIVI DELL OFFERTA FIDELITY 30 MIGLIORA IL TUO MODO DI COMUNICARE CON LE OFFERTE FASTWEB I Go 2016 SCPRI I VANTAGGI ESCLUSIVI DELL FFERTA FIDELITY 30 MIGLIRA IL TU MD DI CMUNICARE CN LE FFERTE FASTEB ""!! # "! Indice F alternativo nelle telecomunicazioni. È l azienda che è diventata il punto

Dettagli

5 6 & ' MANUALE D USO

5 6 & ' MANUALE D USO '&65 MANUALE D USO INDICE INDICE...1 INTRODUZIONE...3 Contenuto dell imballaggio... 3 Cosa contiene questo Manuale d Uso... 3 A chi è rivolto il Manuale d Uso... 3 Cosa leggere... 3 Convenzioni tipografiche...

Dettagli

SOCIETÀ COOPERATIVA BILANCIAI

SOCIETÀ COOPERATIVA BILANCIAI SOCIETÀ COOPERATIVA BILANCIAI Terminale D800 Manuale di uso e manutenzione Codice 813746 EDIZIONE 31 Gennaio 2002 Indice 1. GENERALITÀ 1-7 1.1 Dichiarazione di conformità 1-7 1.2 Premessa 1-8 1.3 Simbologia

Dettagli

S i g n o r V i c e M i n i s t r o p e r l U n i v e r s i t à, A u t o r i t à, M a g n i f i c i R e t t o r i, c a r i C o l - l e g h i, c a r i S t u d e n t i, S i g n o r e e S i g n o r i, r i

Dettagli

a) Gli obiettivi della nuova edizione b) I caratteri distintivi dei Master Nuval e collegam enti con il QSN c) I Program m i Master 2007/ 2009

a) Gli obiettivi della nuova edizione b) I caratteri distintivi dei Master Nuval e collegam enti con il QSN c) I Program m i Master 2007/ 2009 0$67(53(5(63(57, ', 352*5$00$=,21( ( 9$/87$=,21( '(//(32/,7,&+(',69,/8332 && 22 00 33 (( 77 (( 11 == (( 66 33 (( &&,, $$ //,, 66 77,, && ++ (( 33 (( 55 //,, 11 11 22 99 $$ ==,, 22 11 (( 11 (( // // $$

Dettagli