Le parole e le cose - Correttore

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico PROVA DI ITALIANO. Scuola Secondaria di II grado. Classe Prima. Codici. Scuola:...

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana

Lo Yoga è nato in India

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Francese per principianti : PRESENTARSI : La famiglia Toussaud

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

CHE LETTORI SONO GLI STUDENTI ITALIANI? nei risultati delle indagini nazionali ed internazionali

«Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria»

COMPETENZE COMUNICATIVE ATTESE al termine della classe 2^ della secondaria di primo grado per la seconda lingua straniera (tedesco) LIVELLO A1 QCER

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Il linguaggio secondo Chomsky

COMUNITA LA CRISALIDE

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

1. Introduzione al corso

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Perché un libro di domande?

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

Curricolo Inglese Circolo Didattico Sassari

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello)

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

Disturbi dell apprendimento: dopo la diagnosi che fare?

Esercizi all interno del programma (On-Line)

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio

Articolazione delle prove. - comprensione locale del testo. - comprensione globale del testo. -competenza lessicale

Trattamento dell informazione

Linguistica Generale

Come imparare a disegnare

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico Spazio per l etichetta autoadesiva

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS)

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli

I DISCORSI E LE PAROLE

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti

Test di Ingresso. Italiano classi prime

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

Un differente punto di vista

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Perché Giocare è importante?

Come migliorare la tua relazione di coppia

La tombola delle frasi

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER


GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

Natale Ecco che giungono i giorni di festa e la gente a comprare i regali si affretta. Il Natale sta arrivando

revisionato il 17 novembre a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

Che cosa significano «semantico» e «pragmatico»?

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM

LA NATURA E LA SCIENZA

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

! ISO/ASA

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Università per Stranieri di Siena Livello 1

DIRECT MARKETING. La rivalutazione della comunicazione scritta. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management

Il gabbiano Jonathan Livingston

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno.

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

Esame lingua d interpretariato

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016

Lezione 9: Cambio di base

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

Esame lingua d interpretariato

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

Mario Basile. I Veri valori della vita

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

Testi d autore facilitati e semplificati per classi. plurilingue

CURRICOLO DI INGLESE L3

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

Unità 13. In questura. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Advertisement
Transcript:

Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità perché siamo molto abituati a chiamare ogni cosa con un certo nome. È tanto forte l abitudine di chiamare il cane col nome di cane, che quell animale ci sembra che debba chiamarsi così 2. Eppure, lo stesso cane in spagnolo si chiama perro, in francese chien, in inglese dog, in tedesco Hund ; quale sarebbe allora il «vero» nome del cane? Evidentemente nessuno; oppure dobbiamo dire che i «veri» nomi del cane sono tutti quelli usati nelle varie lingue. Gli uomini cominciarono a dare i nomi alle cose nella notte dei tempi 3, con sistemi che ignoriamo totalmente. Ogni tribù avrà avuto i suoi motivi per dare al cane, al sole, all albero e a tutto ciò che vedeva e immaginava certi nomi, che furono diversi da quelli dati da altre tribù. Noi oggi non conosciamo più quei motivi; accettiamo e usiamo le parole così come ci sono arrivate 4. Su di noi, invece, influisce molto l abitudine. È questa che ci fa sentire i nomi strettamente legati alle cose, concrete o astratte che siano. Qualche esempio, a questo punto, può far capire meglio tutto il discorso. La cioccolata potrebbe essere chiamata con un altro nome qualsiasi continuando a restare quella che è; ma siccome siamo abituati a chiamarla cioccolata, quando pronunciamo questo nome abbiamo subito un idea precisa di quella cosa e magari sentiamo anche l acquolina in bocca! Allo stesso modo, se una persona ha paura dei cani (magari perché è stato morso una volta), al grido di attento al cane! farà un salto di spavento: la parola cane, che pure potrebbe essere sostituita da un altra, in lui produce ormai quell effetto. Le parole, anche se sono nate per caso, possono dunque suggestionare 5 la nostra mente e i nostri sensi: e proprio per effetto di questa suggestione 6 noi impariamo facilmente le parole e ci abituiamo ad usare la lingua con prontezza ed efficacia. Alcune parole, per la verità, non ci sembrano formate proprio a caso. Ad esempio, rimbombo, ùlulo, scricchiolìo, abbaiare, miagolare, tintinnare sono parole che chiaramente imitano un suono o un rumore esterno. 1 Considerate in se stesse 2 crediamo che il cane possa solo avere il nome cane e non un altro 30 3 molto tempo fa 4 usiamo le parole con il significato che ci hanno insegnato quando eravamo bambini 5 colpire, impressionare 6 impressione

35 40 Eppure, anche queste parole sono diverse da una lingua all altra: gli studiosi che si sono occupati attentamente di questo fenomeno, hanno notato che per gli Italiani il gallo fa chicchirichì e l oca qua-qua; mentre per i Francesi il gallo fa cocoricò e l oca muàcmuàc o cuèn-cuèn; per gli Italiani lo sparo faceva pum e il bussare toc-toc, ma da quando si sono diffusi i fumetti, soprattutto Topolino che viene dall America, lo sparo fa bang e il bussare fa knock, perché gli Inglesi e gli Americani riproducono così questi rumori. Gli uomini, a quanto pare, hanno una sensazione diversa perfino dei rumori che colpiscono le loro orecchie. Questo conferma che le cose sono quello che sono e che noi cerchiamo di dare ad esse dei nomi secondo le nostre impressioni. Ma certo la stragrande maggioranza delle parole che oggi usiamo (del tipo sole, cane, strada, alto, bello, coraggio, attenzione, perché, sì, no), per noi non imitano proprio nulla. Se queste parole ci sembrano così adatte a esprimere quei concetti questo è dovuto solo all abitudine. Il chiamare una cosa sempre con quel nome ci fa sentire nel nome quasi la «presenza» della cosa stessa. (da: F. Sabatini, La lingua e il nostro mondo, Torino, Loescher, 1978, pp. 25-26)

Sezione A: comprensione del testo e conoscenza del lessico A1. (B13) Secondo l autore, le cose e le parole sono collegate da un rapporto a volte abbastanza chiaro, a volte difficile da scoprire. Nella maggior parte dei casi questo rapporto è Scegli tu la definizione esatta: non naturale, concordato fra gli uomini: sono stati e sono gli uomini a dare i nomi alle cose a loro scelta e senza un particolare motivo. B. naturale: le parole definiscono chiaramente le cose. Le cose non potrebbero essere chiamate con un altro nome. non naturale in generale, ma giustificato per qualche parola. naturale: le cose si chiamano come si chiamano da quando l uomo ha cominciato a parlare. A2. (B1) In quale modo puoi sostituire il termine eppure nella frase: Eppure, lo stesso cane in spagnolo si chiama perro... (riga 5) senza cambiare il significato? Insomma. B. Anzi. Invece. Comunque. A3. (B2) Che cosa significa l espressione nella notte dei tempi (riga 9)? Nei così detti secoli bui, durante il medioevo. B. In tempi antichissimi, agli inizi della storia dell uomo. In tempi oscuri perché gli uomini vivevano nelle caverne. Prima della glaciazione, quando il sole brillava meno chiaramente.

A4. Cosa significa ignoriamo totalmente alla riga 10? B. Conosciamo perfettamente. Non conosciamo per niente. Siamo tutti ignoranti. Sono completamente ignoranti. A5. (B4.) Quanti esempi vengono presentati nel terzo capoverso (righe 15-21)? Uno. B. Due. Tre. Quattro. A6. (B6.) Rileggi, alle righe 20-21: la parola cane, che pure potrebbe essere sostituita da un altra, in lui produce ormai quell effetto. Quale delle seguenti frasi ha lo stesso significato? La parola cane, che se vuoi puoi cambiare con un altra parola, gli fa provare un senso di paura. B. La parola cane, che non puoi cambiare per nessuna ragione con un altra parola, gli fa provare un senso di paura. La parola cane, che invece non puoi cambiare con un altra parola, gli fa provare un senso di paura. La parola cane, che infatti non puoi sostituire con un altra parola, gli fa provare un senso di paura.

A7. Quale delle seguenti frasi riassume l idea principale espressa nelle righe 22-24? Le parole, anche se sono nate per caso, possono dunque suggestionare la nostra mente e i nostri sensi: e proprio per effetto di questa suggestione noi impariamo facilmente le parole e ci abituiamo ad usare la lingua con prontezza ed efficacia. Noi impariamo facilmente le parole, anche se sono nate per caso, perché hanno un significato preciso. B. Le parole sono nate per caso e per questa ragione impariamo ad usarle con facilità. Impariamo con facilità ad usare le parole in modo efficace perché le parole creano delle impressioni nella nostra mente. Impariamo con fatica ad usare le parole in modo efficace perché le parole nuove ci fanno impressione. A8. Qual è il significato della frase: Alcune parole, per la verità, non ci sembrano formate proprio a caso. Ad esempio, rimbombo, ùlulo, scricchiolìo, abbaiare, miagolare, tintinnare sono parole che chiaramente imitano un suono o un rumore esterno (righe 25-27)? Alcune parole non ci sembrano formate a caso perché sono più lunghe delle altre parole e quindi sono più chiare. B. Alcune parole non ci sembrano formate a caso perché imitano un suono o un rumore. Alcune parole non ci sembrano formate a caso perché hanno più vocali e quindi sono più chiare da pronunciare. Alcune parole non ci sembrano formate a caso perché hanno un accento che aiuta a capire il loro significato.

A9. (B9.) Quale delle seguenti frasi riassume l idea principale espressa nelle righe 25-34? Alcune parole, per la verità, non ci sembrano formate proprio a caso. Ad esempio, rimbombo, ùlulo, scricchiolìo, abbaiare, miagolare, tintinnare sono parole che chiaramente imitano un suono o un rumore esterno. Eppure, anche queste parole sono diverse da una lingua all altra: gli studiosi che si sono occupati attentamente di questo fenomeno, hanno notato che per gli Italiani il gallo fa chicchirichì e l oca qua-qua; mentre per i Francesi il gallo fa cocoricò e l oca muàc-muàc o cuèn-cuèn; per gli Italiani lo sparo faceva pum e il bussare toc-toc, ma da quando si sono diffusi i fumetti, soprattutto Topolino che viene dall America, lo sparo fa bang e il bussare fa knock, perché gli Inglesi e gli Americani riproducono così questi rumori. Chicchirichì e cocoricò non sono il verso dello stesso animale. B. Alcune parole riproducono i suoni, per cui differiscono poco da una lingua all altra. Anche le parole che riproducono i suoni differiscono da una lingua all altra. Le parole che riproducono suoni non vengono tradotte, ma riprese così come sono. A10. Quale delle seguenti frasi riassume l idea principale presentata nelle righe 40-45? Ma certo la stragrande maggioranza delle parole che oggi usiamo (del tipo sole, cane, strada, alto, bello, coraggio, attenzione, perché, sì, no), per noi non imitano proprio nulla. Se queste parole ci sembrano così adatte a esprimere quei concetti questo è dovuto solo all abitudine. Il chiamare una cosa sempre con quel nome ci fa sentire nel nome quasi la «presenza» della cosa stessa. La maggior parte delle parole che usiamo imita un suono e per questa ragione è adatta a descrivere la cosa o il concetto ai quali si riferisce. B. La maggior parte delle parole che usiamo imita un suono e ci sembra adatta a descrivere la cosa o il concetto ai quali si riferisce perché ci abbiamo fatto l abitudine. La maggior parte delle parole che usiamo non imita un suono e ci sembra adatta a descrivere la cosa o il concetto ai quali si riferisce perché ci abbiamo fatto l abitudine. La maggior parte delle parole che usiamo non imita un suono e ci sembra adatta a descrivere la cosa o il concetto ai quali si riferisce perché nel nome c è la presenza della cosa stessa.

Sezione B: grammatica B 1. (B12.) Il titolo del testo è Le parole e le cose : quale funzione ha la congiunzione e nel titolo? Ci fa capire che il testo parla di due argomenti diversi, aggiunti uno dopo l altro (come in: comprerà pesche e albicocche). B. Ci fa capire che il testo parla di due argomenti che non sono in accordo fra di loro, che sono uno il contrario dell altro (come in: guerra e pace, luce e buio). Ci fa capire che il testo parla prima di un argomento e poi dell altro (come in: ha fatto una buona cena e un lungo sonno). Ci fa capire che il testo parla del rapporto che esiste fra le cose e i loro nomi (come in: gli uomini e le loro abitudini). B2. Quale parte del discorso è questa, nella frase: Di solito non ci accorgiamo di questa verità perché siamo molto abituati a chiamare ogni cosa con un certo nome. (righe 2-3)? nome B. verbo aggettivo (esprime una caratteristica del nome) pronome (sta al posto del nome)

B3. Nelle righe 6-7: [ ]quale sarebbe allora il «vero» nome del cane? Evidentemente nessuno[ ] vero e nessuno sono riferiti al nome del cane. Quale funzione grammaticale hanno i due termini? B. Vero è un nome; nessuno è un aggettivo. Vero è un pronome; nessuno è un articolo. Vero è un aggettivo; nessuno è un pronome. Vero è un verbo; nessuno è un nome. B4. Su di noi, invece, influisce molto l abitudine. È questa che ci fa sentire i nomi strettamente legati alle cose, concrete o astratte che siano. Qual è il soggetto logico delle due frasi? Noi: Su di noi, invece, influisce molto l abitudine. È questa che ci fa sentire i nomi strettamente legati alle cose, concrete o astratte che siano. B. L abitudine: Su di noi, invece, influisce molto l abitudine. È questa che ci fa sentire i nomi strettamente legati alle cose, concrete o astratte che siano. Le due frasi hanno due soggetti logici diversi: Su di noi, invece, influisce molto l abitudine. È questa che ci fa sentire i nomi strettamente legati alle cose, concrete o astratte che siano. Le due frasi non hanno soggetto logico.

B5. Ma certo la stragrande maggioranza delle parole che oggi usiamo (del tipo sole, cane, strada, alto, bello, coraggio, attenzione, perché, sì, no), per noi non imitano proprio nulla.. Qual è il soggetto di imitano (riga 39)? B. Oggi Noi. La stragrande maggioranza delle parole. Del tipo sole, cane, strada, alto, bello, coraggio, attenzione, perché, sì, no.