PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
C.A.I. PONTE S. PIETRO

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO Luglio Schede descrittive degli itinerari

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna Segnaletica

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

Mobile Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

ATTIVITA A PREZZO AGEVOLATO PER I CLIENTI DELLE STRUTTURE SPORT & OUTDOOR VAL DI FASSA - ESTATE 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE

Totes Gebirge - Austria

Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

ORGANIZZA. Dal 25 al 29 luglio. Trekking di 4 giorni da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino di Castrozza

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali:

TREKKING DEL "SELLARONDA"

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

Marcara: giorno di aclimatamento. Marcara - Cashapampa - Llamacoral. Llamacorral - Campo Base Alpamayo

PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

Vie Normali delle Dolomiti

Distelgrube Faltmaralm

Trekking per il Monte Rosso - Roteck

<> 26 giugno 2 luglio 2010

LE DOLOMITI DI SESTO SEGRETE

Itinerario n Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

Pizzo d'uccello (m.1781) - via Oppio- Colnaghi

TREKKING IN VAL MASTALLONE

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO

RITROVO: AGNOSINE CHIESA PARROCCHIALE ORE 9,00 RITROVO SUCCESSIVO CHIESA PARROCCHIALE DI BIONE ORE 9,15 CON MEZZI PROPRI

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

I PARCHI NATURALI DELLE DOLOMITI ALLA SCOPERTA DELLA NATURA DEI MONTI PALLIDI - PATRIMONIO NATURALE DELL'UMANITÀ UNESCO

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA

la vostra avventura inizia con noi dolomiti skirock

SETTEMBRE 2011 SABATO 3 Itinerario ad anello con partenza da Campigna

MAKALU 8463 m, NEPAL via normale nord-ovest, discesa in sci e cenni sulle altre vie del versante ovest 1

LA VALLE DI PALANFRÈ

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel )

3000 delle Dolomiti. VieNormali.it e Idea Montagna presentano: Guida escursionistica e alpinistica a 86 cime di 16 gruppi dolomitici

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Scialpinismo nel Trentino

CIMA DI PRAMPERET m 2337

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista Bolca VRwww.bolca.it

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

1 invito speciale. 12 percorsi eccezionali. 9 rifugi APERTI NEL CUORE DELLE DOLOMITI CADORINE

Ferrata Siggioli & Pizzo D Uccello

TORRE VENEZIA, m 2337 parete O via Castiglioni-Kahn + varianti Soldà e centrale ed uscita Livanos salite del 12/10/1999 e del 22/5/2011

COMUNICATO STAMPA. La COMUNITA MONTANA DEL FRIULI OCCIDENTALE. Vi invita a partecipare a LANDSCAPE TO DISCOVER DOLOMITI FRIULANE

Cima Grande di Lavaredo via Hasse Brandler

Club alpino italiano sezione di Salerno. SOGGIORNO IN CADORE dal 16/08 al 28/08/09

PROGRAMMA SETTIMANALE ESTATE 2014

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

Alta Via di Fundres 1 giorno

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE

DOLOMITI FRIULANE. Trekking Agosto 2015

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO (16-31 DICEMBRE 2015)

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

TREKKING ALTA VIA DEI PASTORI

Trekking Valle Stura di Demonte Alpi Marittime

Domenica 27 settembre 2015

PROGRAMMA MOENA OUTDOOR ESTATE 2016

Villaggi Walser a due passi dal Cielo

VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello)

CAI ALA di STURA Programma 2016

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno

Scialpinismo nelle Dolomiti

TREKKING PRIMAVERA/ESTATE

Dolci Ricordi. Bed. Breckfast. Itinerario Partenza Arrivo Descrizione Difficoltà

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich

Ciaspolando nelle Dolomiti

LE ESCURSIONI piu belle della Val Venosta

primo avamposto roccioso, spostandosi, al suo termine, a sinistra ove si trova una sosta su chiodi uniti da cordino rosso. Noi abbiamo sostato qui,

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso

L escursione con 1100m di dislivello dura intorno alle 6-7 ore di cammino per camminatori abbastanza esperti.

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Gruppo del Prosac Tremosine. ITINERARI E PROGRAMMI PER IL 2014

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

Tipps d escursioni in alta montagna S. VALBURGA

Cadini di Misurina e Dolomiti di Sesto-Tre Cime Lavaredo

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

Il trekking del Lagorai (TransLagorai)

DOLOMITI FRIULANE, DOLOMITI SCONOSCIUTE

QUATTRO ZAMPE E DUE SCARPONI

Monte Pisanino. Descrizione del percorso

Escursione dei sette laghi in Val Ridanna

Advertisement
Transcript:

Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche il più grande ghiacciaio. Dal punto di vista geologico si contrappongono splendide e ardite pareti di calcare a complessi di rocce eruttive che a volte si mischiano per dar luogo a particolari caratteristiche di metamorfismo. La singolarità di questo gruppo sta appunto nel fatto che si possono trovare a breve distanza preziosi cristalli racchiusi nella massa vulcanica e impronte di fossili impresse nel calcare. Il nucleo centrale della Marmolada è formato dalla massima vetta di Punta Penìa (3342 m) e dalla seconda vetta di punta Rocca (3309 m), estendendosi poi ad oriente con il Seràuta e a occidente con il Piccolo e il Gran Vernel. A nord del Passo Fedaia si estende il sottogruppo del Padon, una lunga cresta che si distingue nettamente dalle montagne circostanti per la sua origine vulcanica; mentre a sud del massiccio principale si innalzano le Cime d Auta e il massiccio dell Ombretta e Ombrettòla per poi terminare sulle creste eruttive del Monzoni. Fra le Alte Vie delle Dolomiti la N 2 parte da Bressanone e arriva a Feltre, attraversando a metà percorso il gruppo della Marmolada. Seguendo il sentiero N 606 che da Passo Fedaia sale al rifugio Pian dei Fiacconi per poi continuare a salire fino alla forcela Marmolda e ridiscendere al rifugio Contrin. TREKKING 3/4 GIORNI:

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Sentiero con traccia segnata Difficoltà: Escursionistico Facile Punto di Partenza: Villetta Maria Località Pian Trevisan (1680 m.) Versante salita: N-O Dislivello salita: 950 m Tempo Salita: 3,00 h Pernottamento al Rifugio Pian Dei Fiacconi 2626 m. (tel.3281218738) L escursione si svolge seguendo il vecchio sentiero militare austriaco scavato nella roccia dai prigionieri russi durante la prima guerra mondiale. Esso parte dal parcheggio dell albergo Villetta Maria lungo il sentiero N 619. Interessantissimo il continuo cambiamento di paesaggio, passando prima nel bosco, incontrando le caratteristiche marmitte scavate dall acqua ed attraversando in direzione est i pendii rocciosi ai piedi del ghiacciaio della Marmolada. Infine su sentiero in parte attrezzato si raggiunge la forcella Col de Bousc (2434 m.) con gli evidenti ruderi del vecchio rifugio omonimo, da qui seguendo il sentiero 606 in salita (direzione Sud) fino al rifugio Pian dei Fiacconi. VARIANTI: 1. In località Ciamorciaa si può seguire il sentiero N 618 (2200 m) che raggiunge il passo Fedaia. 2. Dalle marmitte si può proseguire diritti in direzione sud inerpicandosi per i ghiaioni per circa 200 metri di dislivello fino ad incontrare il sentiero N 606 al di sotto di uno sperone di roccia, da qui svoltare decisamente a sinistra (direzione Est) seguendo la traccia di sentiero (ometti) che riporta al rifugio Pian dei Fiacconi. 3. Dal rifugio Pian dei Fiacconi si può proseguire in salita fino ai piedi del ghiacciaio della Marmolada (15 min).

SECONDO GIORNO: SALITA A PUNTA PENIA FERRATA CRESTA OVEST Sentiero: traccia su ghiacciaio + via ferrata Difficoltà: EEA / PD- Punto di Partenza: Rifugio Pian dei Fiacconi (2626 m.) Versante salita: N + cresta ovest Dislivello salita: 700 m Tempo percorrenza salita: 3,30/4,00 h Tempo discesa: 1,30 h (via normale) Attrezzatura: scarponi, caschetto, imbracatura, set da ferrata, corda 30 m., piccozza, 2 chiodi da ghiaccio, ramponi. Possibilità di prenotare una guida alpina presso il rifugio Pian dei Fiacconi (tel. 3281218738) Pernottamento rifugio Pian dei Fiacconi. L escursione parte dal rifugio Pian dei Fiacconi abbassandosi subito di 50 metri nella piana al di sotto del rifugio. Si intercetta il sentiero N 606 seguendolo in direzione ovest (evidenti ometti); si prosegue per circa 30-40 minuti quasi in piano fino a oltrepassare un evidente sperone roccioso dove il sentiero svolta decisamente a sinistra (direzione Sud) cominciando a salire verso la forcella Marmolada. Inizialmente su sentiero roccioso e poi su ghiacciaio si raggiunge l attacco della ferrata (100 metri sotto la verticale della forcella). Da qui, con set da ferrata, seguire l itinerario in salita marcatamente segnato con fittoni, scalette e cavi d acciaio che si svolge per lo più lungo la cresta con un panorama mozzafiato sulla val di Contrin, fino a raggiungere la vetta. (Rifugio Punta Penia 100 metri prima della vetta). Discesa: lungo la via di salita o lungo la via normale su ghiacciaio (vedi relazione Salita Via normale).

ALTERNATIVA SECONDO GIORNO: SALITA A PUNTA PENIA VIA NORMALE Sentiero: traccia su ghiacciaio Difficoltà: EEA / PD- Punto di Partenza: Rifugio Pian dei Fiacconi (2626 m.) Versante salita: N Dislivello salita: 700 m Tempo percorrenza salita: 2,30/3,00 h Tempo discesa: 1,30 h Attrezzatura: scarponi, caschetto, imbracatura, Kit ferrata, corda 30 m., piccozza, 2 chiodi da ghiaccio, ramponi. La salita parte dal rifugio Pian dei Fiaconi e si svolge lungo un percorso alpinisticamente completo. Si sale in direzione Sud su sentiero roccioso fino a raggiungere i piedi del ghiacciaio (seguire ometti), da qui, con attrezzatura da ghiacciaio, si supera la prima rampa di ghiaccio (30 ), per proseguire dritto su pendio quasi pianeggiante fino a risalire la seconda rampa mantenendosi una cinquantina di metri al di sotto della parete rocciosa di Punta Rocca, prestando attenzione ai crepacci. Quando il ghiacciaio spiana per la seconda volta si attraversa in direzione sud-ovest dirigendosi verso la parete rocciosa (esposizione est) sotto la cresta di neve di punta Penia dove si intravede un canalino attrezzato con cavo d acciaio (crepaccio terminale). Proseguire salendo il canalino (100m) fino a giungere la cresta sommitale e seguire la Schena de mul fino alla cima con evidente croce. Cento metri a ovest dalla cima, lungo la cresta, si trova il rifugio Punta Penia. Discesa: lungo la via di salita o lungo via ferrata cresta ovest (vedi relazione salita via ferrata cresta ovest).

TERZO GIORNO SOTTOGRUPPO DEL PADON (CIMA BELVEDERE) Escursione facile con camminata su prati e malghe, ideale per famiglie. Sentiero con traccia segnata Difficoltà: Escursionistico Facile Punto di Partenza: Lago Fedaia ( 2054 m) Versante salita: S-E Dislivello salita: 610 m Tempo Salita: 2,00 h L itinerario parte dal Passo Fedaia in corrispondenza del rifugio Castiglioni, segue il sentiero N 698 fino a Porta Vescovo per poi girare a sinistra (faccia a monte) seguendo il sentiero N 636 che porta alla Cima Belvedere. Meraviglioso il panorama che si gode dalla Cima Belvedere con tutto il ghiacciaio della Marmolada e il Gran Vernel verso Sud, il gruppo di Sella verso Nord e la Civetta, il Pelmo, l Antelao, il Sorapis, le Tofane, il Cristallo verso Est. Rientro dalla via di salita. QUARTO GIORNO Volendo da Cima Belvedere anziché scendere al passo Fedaia si può proseguire lungo il segnavia N 636 seguendo la cresta che declina verso ovest per raggiungere in 2 ore il Rifugio Viel del Pan con possibilità di pernottamento con rientro il giorno successivo a Passo Fedaia lungo il sentiero 601 e poi lungo il sentiero N 605 a Pian Trevisan. ALTERNATIVA TERZO GIORNO (per alpinisti): FERRATA DELLE TRINCEE Via ferrata difficile Difficoltà: EEA Punto di Partenza: Lago Fedaia ( 2054 m) Versante salita: S-N Dislivello salita: 410 m Tempo Salita: 2,30 h Tempo discesa: 1,00-1,30 h

Attrezzatura: Imbragatura, kit da ferrata, casco, consigliato l uso della lampada frontale. Possibilità di prenotare la Guida e il Materiale al rifugio Pian dei Fiacconi. Si parte dal Passo Fedaia, versante Trentino (Rifugio Castiglioni) seguendo il sentiero N.698 fino a Porta Vescovo (2478 m.). Da qui si prosegue in direzione Est puntando all'evidente sperone roccioso dal quale parte la via Ferrata delle Trincee (2570 m). Il primo tratto è quasi verticale e si inerpica sul Bec da Mesdì raggiungendone la cima e attraversandola su un caratteristico ponte tibetano; la via ferrata prosegue sempre in direzione Est passando alternatamene dal versante Nord a quello Sud sempre attrezzata con cavo d acciaio. Molto suggestive le gallerie scavate durante la prima guerra mondiale che si attraversano durante l itinerario. La via ferrata termina al Bivacco Bontadini (2550 m). Da qui si può scendere a Valle scegliendo tra diversi sentieri: il più interessante è il sentiero geologico N 680 che attraversa i prati sopra il lago Fedaia (direzione Ovest) tornando a Porta Vescovo (Rifugio Gorza) per scendere poi al Passo Fedaia lungo l itinerario di salita; in alternativa si può raggiungere il Rifugio passo Padon (sentiero N 636) per poi scendere a Passo Fedaia sul versante Veneto percorrendo il sentiero N 699. Da qui, costeggiando il lago Fedaia lungo la vecchia strada (lato Sud del lago), si torna al Rifugio Castiglioni.