Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO POSITIVE in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE


COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs n 198)

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO Premessa

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI

Analisi dati del Personale

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

COMUNE DI MONTALCINO

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza

Art. 1 Oggetto del Regolamento

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG)

Piano Triennale delle azioni positive

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio

PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs.

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

C.F. e P. I.V.A.: Sede legale: Via G. Cusmano, PALERMO

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari

Piano triennale di azioni positive

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

PIANO DI AZIONI POSITIVE

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

DIRETTIVA SULLE MISURE PER ATTUARE PARI OPPORTUNITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

COMUNE DI CANCELLARA

CITTÀ DI ISCHIA Provincia di Napoli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Stato dell arte a livello nazionale

Piano di Azioni P ositive ANNUALITÀ C P O (ART. 48 D. LGS. 198/06) Comitato Pari Opportunità

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo /04/2012 1

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

Pari Opportunità e performance nella PA

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO

Soroptimist International d'italia

Rapporto sulla implementazione della Carta

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Pari rappresentazione negli organi di Ateneo: teoria e prassi a confronto L esperienza dell Ateneo di Torino

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57)

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

ACCORDO DI COOPERAZIONE

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

THESAURUS DI GENERE PAROLE DI PARITÀ E PARI OPPORTUNITÀ TRA DONNE E UOMINI. Centro Risorse Servizi Pari Opportunità - Mercato del Lavoro.

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

COORDINAMENTO INTERPROFESSIONALE PARI OPPORTUNITÀ Provincia di Padova

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E

Cittadinanza di genere

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità Dicembre Pag. 1 di 19

Azioni e progetti sulla pubblicità sessista

Advertisement
Transcript:

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015, nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e s.m.i. e in modo particolare per favorire l occupazione femminile e realizzare l uguaglianza sostanziale tra uomini e donne nel lavoro, contiene l analisi delle misure che questa Provincia adotta al fine di rimuovere le difficoltà che di fatto impediscono la realizzazione di parti opportunità. Le azioni positive sono misure temporanee speciali finalizzate: a porre rimedio agli effetti sfavorevoli indotti dalle discriminazioni; ad evitarne eventuali svantaggi; a riequilibrare la presenza femminile nel mondo del lavoro. La direttiva del 23 maggio 2007 del Ministro per le Riforme e Innovazioni nella P.A. con il Ministro per i Diritti e le Pari Opportunità, nonché la direttiva del Parlamento e del Consiglio Europeo 2006/54/CE, indicano come sia importante il ruolo che le amministrazioni pubbliche ricoprono nello svolgere un ruolo propositivo e propulsivo nella promozione e attuazione del principio delle pari opportunità e valorizzazione delle differenza nella organizzazione del personale. ANALISI DEL CONTESTO L attuale situazione del personale dipendente in servizio al 31/12/2012, per un totale di 374 unità in servizio e rappresentata in un quadro di raffronto tra uomini e donne, risulta evidenziata nei seguenti prospetti di analisi: dipendenti a tempo indeterminato suddivisi per categorie DIPENDENTI TEMPO INDETERMINATO DIPENDENTI PRESENTI AL 31/12/2012 CATEGORIE UOMINI DONNE A 4 1 B 77 21 C 73 87 D 53 45 DIRIGENTI 11 1 SEGRETARIO GENERALE 1 0 TOTALE 219 155 dipendenti incaricati di posizione organizzativa TITOLARI POSIZIONE ORGANIZZATIVA AL 31/12/2012 UOMINI 12 DONNE 14 TOTALE 26

dipendenti incaricati di posizione di responsabilità TITOLARI POSIZIONE RESPONSABILITA AL 31/12/2012 UOMINI 14 DONNE 17 TOTALE 31 dipendenti contratto di lavoro part time DIPENDENTI CON CONTRATTO LAVORO TEMPO PARZIALE al 50% >50% totale UOMINI 11 3 14 DONNE 6 34 40 TOTALE 17 37 54 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013/2015 La Provincia di Como individua le seguenti linee-obiettivo per il piano delle azioni positive, triennio 2013/2015: a) valorizzare la presenza femminile all interno dell ente promuovendo l inserimento delle donne nei settori e nei livelli professionali nei quali esse sono sottorappresentate e favorendo il riequilibrio della presenza femminile; b) orientare la politica formativa alla valorizzazione delle diversità e al superamento degli stereotipi per il miglioramento dei servizi e della qualità del lavoro; c) favorire l armonizzazione tra tempi di vita e tempi di lavoro, attraverso interventi mirati alla conciliazione tra responsabilità familiare, personale e professionale; d) garantire condizioni di lavoro nel rispetto della dignità e libertà delle persone; e) promuovere lo sviluppo di una cultura di gestione delle risorse umane all interno dell organizzazione, in una prospettiva di valorizzazione, sviluppo delle competenze e delle potenzialità professionali di uomini e donne. OBIETTIVI E AZIONI POSITIVE DEL PIANO AZIONE n. 1 Prima fase rilevazione Valorizzazione della presenza femminile Valorizzare la presenza femminile all interno dell ente promuovendo l inserimento delle donne nei settori e nei livelli professionali nei quali esse sono sottorappresentate e favorendo il riequilibrio della presenza femminile Elaborazione di statistiche di genere sulla situazione del personale della Provincia; Analisi delle informazioni sui principali processi di gestione delle risorse e dei

documenti di pianificazione dell Ente. Seconda fase azioni positive Individuazione delle aree di miglioramento finalizzate al superamento degli stereotipi maschile/femminile, la promozione e lo sviluppo delle competenze femminili e il riequilibrio, ove possibile, della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche ove sussista un divario fra generi non inferiore a due terzi. AZIONE n. 2 Prima fase rilevazione Seconda fase azioni positive Valorizzazione della diversità e superamento degli stereotipi Orientare la politica formativa alla valorizzazione delle diversità e al superamento degli stereotipi per il miglioramento dei servizi e della qualità del lavoro Analisi del piano della formazione dell ente; Raccordo dei contenuti della leva formativa per lo sviluppo delle competenze delle lavoratrici. Introduzione, nei corsi di formazione, di moduli dedicati alla parti opportunità, alla gestione delle risorse umane, alla prevenzione delle molestie e delle violenze in genere. AZIONE n. 3 Armonizzazione tra tempi di vita e tempi di lavoro per lavoratrici e lavoratori Favorire l armonizzazione tra tempi di vita e tempi di lavoro, attraverso interventi mirati alla conciliazione tra responsabilità familiare, personale e professionale

Prima fase rilevazione Analisi degli strumenti regolamentari e disciplinari in essere; Rilevazione della consistenza e delle modalità attualmente utilizzate. Seconda fase azioni positive Revisione e/o perfezionamento degli strumenti vigenti; Salvaguardia e valorizzazione del parttime e delle altre forme di flessibilità; Verifica sulle normative dei permessi relativi all orario di lavoro per favorirne la conoscenza e la fruizione dei lavoratori; Incentivazione sull utilizzo dei congedi parentali da parte dei padri. AZIONE n. 4 Prima fase azioni positive Rispetto della dignità e libertà delle persone nel luogo di lavoro Garantire condizioni di lavoro nel rispetto della dignità e libertà delle persone Invio del Codice di condotta alle lavoratrici e ai lavoratori della Provincia al momento dell assunzione; Inserimento di un modulo formativo per la sensibilizzazione sul tema delle molestie rivolto alle lavoratrici e ai lavoratori; Vigilanza all impedimento di casi di molestia sessuale e psicologica; Prevenzione degli atteggiamenti moralmente violenti e vessatori nei confronti di coloro che si intendono emarginare professionalmente e socialmente. AZIONE n. 5 Promozione della cultura Promuovere lo sviluppo di una cultura di gestione delle risorse umane all interno dell organizzazione, in una prospettiva di valorizzazione, sviluppo delle competenze e delle potenzialità professionali di uomini e donne

Prima fase azioni positive Migliorare la comunicazione e la diffusione delle informazioni sui temi delle pari opportunità, con particolare riguardo: alla costituzione, al funzionamento e ai compiti del Comitato Unico di Garanzia dell Ente; al ruolo e alle competenze dell ufficio delle Consigliere di Parità. 5. Attuazione del Piano Il Piano di Azioni Positive della Provincia di Como è realizzato in collaborazione tra il Servizio Personale, le Consigliere di Parità e il Comitato Unico di Garanzia. I medesimi uffici si occuperanno della redazione di un documento di confronto, approfondimento e correzione di obiettivi e metodologie adottate, con cadenza annuale, nell ambito delle linee di indirizzo del Piano delle Azioni Positive.