SINDACATO DELLE FAMIGLIE

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Roma, 15 gennaio 2015

i diritti dei membri della famiglia legittima.

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

REGOLAMENTO COMUNALE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres.

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO

TUTELARE E TRASMETTERE IL PATRIMONIO. Non lasciare al caso le decisioni importanti. Puoi scegliere consapevolmente con il supporto di esperti.

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

LA LEGISLAZIONE SULLA FAMIGLIA IN ITALIA

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà

CARTA DEI VALORI DI AREA

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

Manifesto dei diritti dell infanzia

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Proposta di legge "Del Patto Civile di Solidarietà"Presentata dall'on. Dario Rivolta e altri

Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali. G. Gambino

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

dicembre ver.1.0 Indice

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

ADOZIONI ADOZIONE. Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

Da dove nasce l idea dei video

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera

Policy La sostenibilità

Il lavoro a tempo... ma a che tempo?

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO

RELAZIONE MODIFICHE REGOLAMENTO PER

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e

VADEMECUM UFFICIO PACE

Indicazioni per la conduzione delle interviste

I doveri di solidarietà familiare. Premessa Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

Irregolarità e diritti alla persona in Italia e in Europa Filippo Scuto Corso Elettivo La salute della popolazione immigrata

Dott.ssa Graziana Campanato

CAPITOLO III CAPITOLO IV

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ESPERIENZA DI VITA E DI CITTADINANZA ATTIVA FONDAMENTO STORICO E GIURIDICO

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

NUCLEO DI VALUTAZIONE

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Guida al Risparmio COSA FARE PER ORIENTARSI

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

Policy. Le nostre persone

10^ Commissione Senato. Aggiornamento delle Linee Guida in materia di certificati bianchi (Atto 611) Memoria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE SBROLLINI, SCUVERA

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti)

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n (DL 65/2015)

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi)

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

Progettazione sociale 2014 VADEMECUM

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

Raccomandazione in favore del riconoscimento giuridico del lavoro di cura del familiare assistente

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA

Necessità della formazione efficace delle figure professionali nel campo della sicurezza negli ambienti di lavoro

proposta di legge n. 404

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

Il diritto antidiscriminatorio

(Collegio Docenti del / /2012)

Proposta di Legge. Disciplina dei cimiteri per animali d affezione

law firm of the year Chambers Europe Awards

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Advertisement
Transcript:

Roma, 19 febbraio 2015 SINDACATO DELLE FAMIGLIE Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nell'ambito dell'esame dei disegni di legge nn. 14 e connessi in materia di disciplina delle coppie di fatto e delle unioni civili Il Sindacato delle famiglie ringrazia il Presidente della Commissione Affari e Giustizia del Senato On. Nitto Palma per aver invitato l associazione a prendere parte al dibattito in corso riguardo alla regolamentazione delle unioni civili. Il Sindacato delle Famiglie è un associazione iscritta al Registro delle Organizzazioni di Volontariato che si propone di promuovere, nell ambito di quanto previsto dalla Costituzione Italiana, l istituto delle famiglia quale soggetto sociale insostituibile per lo sviluppo della società. L associazione tutela dunque la famiglia difendendone e promuovendone i diritti a livello politico, sociale, culturale ed economico. Intende inoltre rappresentare le famiglie presso enti pubblici e privati, nonché nell ambito del potere legislativo, al fine di rendere la famiglia un interlocutore essenziale nell ambito dei procedimenti legislativi innovativi che la riguardano. PREMESSA La famiglia è la cellula fondamentale della società, nucleo originario che custodisce le radici più profonde della nostra comune umanità, deputata alla crescita ed educazione delle nuove generazioni, fonte di coesione sociale e fondamento di una modalità di rapporti consolidati da una tradizione millenaria. Il matrimonio tra un uomo e una donna è per la società un istituto del diritto e come tale implica assunzione di responsabilità e doveri. L URGENZA DI POLITICHE FAMILIARI 1

Oggi sono quanto mai necessarie ed urgenti vere politiche familiari che sappiano investire sulla famiglia quale risorsa della società e del Paese. Nell attuale condizione di crisi che stiamo attraversando, la famiglia si è rivelata una risorsa in grado di ammortizzare le difficoltà economiche e occupazionali che attanagliano il Paese da quasi un decennio. Non è infatti un caso che il tessuto sociale italiano, dove la famiglia riveste un ruolo e una rilevanza fondamentale, sia rimasto compatto e abbia dimostrando caratteri di insperata vitalità. Per questo motivo, piuttosto che tentare di tracciare la mappa di nuovi diritti (quasi sempre senza corrispondenti doveri), prendendo ad esempio legislazioni di altri paesi che non hanno la nostra storia e la nostra cultura inutile sottolineare che l Italia costituisce un unicum da preservare e della cui storia andare orgogliosi sarebbe stato più utile e prezioso un intervento a favore di ciò che già esiste e ha mostrato di essere una risorsa imprescindibile per la coesione sociale ed economica, tramite a titolo di esempio la realizzazione di politiche fiscali in grado di incentivare le nascite (sgravi fiscali, defiscalizzazioni, fattore famiglia etc.). È appena il caso di ricordare che l Italia, secondo i dati ISTAT 2014, è tra gli Stati che detengono il record negativo delle nascite: non accorgersi che questa sia la vera emergenza del nostro Paese è, ad avviso di chi interviene, il vero vulnus dell attuale dibattito politico. LE UNIONI DI FATTO: LA TENTAZIONE DI APPLICARE SCHEMI PRESI A PRESTITO DA STATI (E CULTURE) STRANIERI Fatte queste necessarie premesse, il Sindacato delle Famiglie non intende sottrarsi all attuale dibattito politico circa la regolamentazione dei diritti e dei doveri nascenti da rapporti affettivi diversi e non accostabili alla realtà della famiglia: la convivenza di persone di sesso diverso, e quelle di persone dello stesso sesso. Partiamo da un presupposto che pare assodato, ma che è bene ribadire: i diritti individuali devono essere garantiti a tutti, indipendentemente dallo status personale di ciascuno. Questo principio, per essere effettivo, deve però essere correttamente declinato: la parola diritto ha come contenuto e presupposto una situazione meritevole di tutela, che paragonata ad una fattispecie analoga deve essere trattata in maniera analoga. È un principio logico, prima ancora che giuridico, quello per cui situazioni diverse, devono essere trattate in maniera differente: allo stesso modo, istituti giuridici e sociali diversi, come famiglia e convivenza, devono essere regolamentati in modo differente e non possono essere assimilabili, pena lo snaturamento degli istituti stessi. 2

È sbagliato pertanto adottare un approccio analogico tra matrimonio e convivenza, sulla sola considerazione che ci si trova di fronte a rapporti di affetto tra due persone. La relazione familiare fondata sul matrimonio e riconosciuta dalla Costituzione (art. 29) si basa su due fattori, la differenza sessuale dei coniugi e la stabilità del vincolo. L attuale corpus normativo sulla famiglia si è andato creando sul presupposto e sulla garanzia di certezza e di stabilità del rapporto che comporta, e soprattutto per la serietà dell impegno reciproco che gli sposi assumono dinnanzi alla legge e all intera comunità, come tale non revocabile unilateralmente. Trattare l istituto della famiglia alla stessa stregua di una realtà in evoluzione come quella delle coppie di conviventi, senza peraltro distinguere tra coppie di sesso diverso e quelle dello stesso sesso, significa applicare l analogia a realtà profondamente diverse. ANALISI DEL DISEGNO DI LEGGE: PERCHÉ È SBAGLIATO NEL METODO E NEL CONTENUTO Se da una parte l obiettivo, che il Sindacato delle Famiglie condivide, è quello di tutelare situazioni di fatto tra conviventi che si sono create nel tempo, dall altra detta aspirazione non legittima l attuale Legislatore a stravolgere il sistema normativo e giuridico, che riconosce a due coniugi che hanno contratto vincolo matrimoniale determinati diritti e doveri. Quello che invece purtroppo emerge dal disegno di legge in dibattito, è che l obiettivo sia non tanto tutelare posizioni giuridiche che necessitano di una regolamentazione, quanto piuttosto creare un nuovo istituto, quello della convivenza, da affiancare al matrimonio, del tutto simile a quest ultimo, ma con meno vincoli e meno doveri. Già dalle prime proposte si capisce che l obiettivo è quello di applicare per analogia le disposizioni che il codice prevede per l istituto del matrimonio anche alla convivenza (che istituto non è): l art. 2 del DDL propone di modificare l art. 143-bis cod. civ., al fine di consentire che la coppia di conviventi possa adottare un cognome comune: sintomatico è l uso delle parole: le parti dell unione civile tra persone dello stesso sesso stabiliscono il cognome della FAMIGLIA. Allo stesso modo viene fatto un rinvio generico alla legge sull affidamento dei minori ad una famiglia (L. 4 maggio 1983, n. 184), applicando un istituto, quello dell affido familiare, anche a persone conviventi dello stesso sesso, in aperto contrasto con le attuali disposizioni normative in materia. Il secondo e il terzo comma dell art. 3 del medesimo DDL presenta profili ancora più invasivi sul sistema giuridico. Si propone: 3

(i) (ii) di equiparare persone dello stesso sesso a familiari del convivente (comma 2) e che tutti i testi normativi che disciplinano disposizioni sui coniugi si riferiscano senza alcuna distinzione anche alle persone conviventi (quindi anche a quelle dello stesso sesso), con tutto ciò che ne può conseguire. L art. 4 del DDL impatta pesantemente sul diritto successorio: concordiamo con quanto espresso dal Forum delle Associazioni Familiari circa i dubbi sulla legittimità di una previsione simile. Anche in questo caso ci troviamo di fronte all uso di un istituto, quello della successione, che è stato previsto dal Legislatore al fine di garantire la continuità patrimoniale e tutelare i figli, premiando la stabilità e la rilevanza pubblica che i legami familiari assicurano. Proporre di trasmutare in blocco la disciplina della successione del diritto di famiglia a chi ha scelto un vincolo di mera convivenza, significa stravolgere la ratio dell istituto della successione. Piuttosto, se il fine è garantire che il convivente abbia a godere di quanto in vita ha condiviso con il proprio compagno, è più idoneo allo scopo stabilire forme contrattuali in grado di soddisfare detta aspettativa. Da ultimo, siamo contrari all estensione del diritto alla pensione di reversibilità: non è un diritto individuale, ma proprio della famiglia. Non si può stravolgere la ratio dell istituto, che è quella di tutelare una progettualità comune e non precaria propria solo del matrimonio. IL NOSTRO CONTRIBUTO ALL AFFRONTO DI QUESTI TEMI Vorremmo chiarire un punto che vale la pena sottolineare. Non abbiamo schemi precostituiti, o posizioni arroccate e discriminatorie da difendere. Preferiamo tutelare le persone piuttosto che le idee. Allo stesso tempo, vogliamo salvaguardare la possibilità di vivere un esperienza, quella della famiglia, che ha dato prova di essere luogo di edificazione umana della persona, e che non deve essere sminuita da tentativi errati di equiparazione. Se sposarsi o non sposarsi comporta gli stessi diritti, è ovvio che sarà incoraggiata una scelta di minor responsabilità e di minor tutela dei soggetti più deboli. Per questo motivo, piuttosto che ingenerare confusione, creando nuovi istituti sul modello familiare, riteniamo più opportuno lavorare sui diritti individuali tra persone: detti diritti, senza interferire con il corpo normativo dedicato alla famiglia, possono garantire adeguata protezione con accordi privati, anche di natura patrimoniale (ad esempio, si potrebbero trovare altre forme di garanzia per la successione ereditaria al fine di tutelare il partner di una coppia di fatto). Su questo terreno siamo disponibili a collaborare fattivamente per colmare eventuali lacune legislative, anche tramite la creazione di nuovi strumenti idonei allo scopo. 4

Ci auguriamo che il Governo in carica sia garante di un reale dibattito tra le forze politiche e le differenti sensibilità presenti, evitando di stravolgere le norme ordinarie e costituzionali che regolano un istituto, quello della famiglia, alla base del nostro benessere economico, sociale e culturale. 5