non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

Advertisement
Documenti analoghi
PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, gennaio 2005

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

LEGGE REGIONALE 4/2014

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione)

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

L imprenditoria femminile: una opportunità di cambiamento e di crescita

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Il lavoro a tempo... ma a che tempo?

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

IL CENTRO PARLA CON NOI

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI

ACCORDO DI COOPERAZIONE

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

La CAssetta degli attrezzi

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

VADEMECUM UFFICIO PACE

Art. 1 Oggetto del Regolamento

Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza

Assemblea coordinamento donne Cesena

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Comunità della Paganella

DECRETI PRESIDENZIALI

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

A più voci contro la dispersione scolastica

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n.

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

DONNE, IMPRESA E TERZIARIO: combinare le risorse per vincere la sfida competitiva

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

Rete Provinciale contro la violenza di genere

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

Programma Ore Preziose

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Alleanza contro la povertà

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PIANO POSITIVE in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE)

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

METTI IN MOTO IL TALENTO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

Indicatori di realizzazione finanziaria SPESE DI FUNZIONAMENTO. Capacità d'impegno

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne

INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA


CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

ANALISI DELLA POLITICA PUBBLICA ATTO N. 430 DATI IDENTIFICATIVI

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

Advertisement
Transcript:

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese

Vorrei che la conferenza delle donne dell Emilia-Romagna fosse l occasione vera per raccogliere intorno al PD tante donne, anche quelle che non hanno mai partecipato alla politica, anche quelle che ne sono rimaste deluse e si sono allontanate. Penso alla conferenza come ad un luogo di elaborazione, di proposte e di idee per rendere la politica più vicina alla vita delle persone, più credibile ed autorevole. La penso come un luogo accogliente, in cui ci si sente a casa, in cui ognuna si possa esprimere liberamente, possa discutere e condividere idee, per poi individuare i modi per realizzarle. La vorrei come un luogo in cui le più giovani possano far contare il loro punto di vista e in cui le donne con maggiore esperienza sappiano metterla a disposizione e abbiano ancora tanta voglia di imparare. La penso come un luogo in cui in cui i talenti e i saperi delle donne siano valorizzati per contribuire ad uno sviluppo di qualità della nostra regione, per una innovata imprenditorialità ed una buona occupazione, per migliorare il sistema dei servizi, aumentare la vivibilità delle città e la sostenibilità dell ambiente.un luogo in cui tante donne sentano e condividano la passione per la buona politica, per il governo della cosa pubblica, l interesse a cimentarsi con i progetti della comunità. Un luogo in cui si progettino e realizzino percorsi di formazione politica e si definiscano efficaci azioni per favorire la presenza delle donne negli organi dirigenti dei partiti e delle istituzioni. Un luogo in cui, nonostante gli infiniti impegni, le donne sentano che è utile ritrovarsi insieme. Mi sono impegnata e mi impegnerò affinché nella e dalla conferenza i saperi e il coraggio delle donne si esprimano, trovino condivisione e sostegno, per diventare vera risorsa, per cambiare la politica e per migliorare ben governandolo il Paese Costruiamo insieme la Conferenza Permanente delle Donne Democratiche dell Emilia-Romagna Mariangela Bastico Coordinamento Politico PD Emilia-Romagna

PER LA SALUTE della donna e del bambino non siamo bambole Il Gruppo del PD in Regione ha presentato nel mese di dicembre 2010 una risoluzione che impegna la Giunta Regionale a sostenere i percorsi sociosanitari diretti al miglioramento della qualità delle prestazioni in materia di salute e benessere della donna e del bambino, a valorizzare le realtà che già operano in questo senso e ad integrare le esperienze, anche educative, maturate nell ambito della cura materno-infantile, nella prospettiva di ampliare e potenziare i servizi a disposizione della comunità emiliano-romagnola.

Contro la violenza sulle donne siamo non bambole L Assemblea Legislativa dell Emilia-Romagna ha approvato una risoluzione presentata dal PD che invita la Giunta Regionale a rafforzare l impegno della Regione nel sostenere, anche dal punto di vista finanziario, i centri anti violenza e di assistenza, al fine di rispondere alle tante richieste di accoglienza da parte di donne che subiscono maltrattamenti o atti coercitivi, accompagnando questo impegno con una nuova campagna informativa. Il Partito Democratico ha chiesto inoltre un impegno sul fronte educativo e della promozione culturale (vale a dire della prevenzione rispetto alla violenza sulle donne) a cominciare da un sempre maggiore raccordo fra scuola, servizi territoriali, consultori per adolescenti e per le famiglie per intervenire direttamente nelle politiche educative volte all uguaglianza e al rispetto delle differenze. Nella risoluzione approvata si richiede in ultimo l avvio di una campagna di sensibilizzazione, con momenti di confronto promossi anche dalle istituzioni locali, che coniughi il tema delle libertà delle donne e il ruolo dell uomo e della donna nella società contemporanea, evitando così che la violenza di genere si riduca a un problema delle donne, ma diventi una questione che coinvolge prioritariamente gli uomini con piena assunzione di responsabilità da parte dell intera Comunità.

Conciliazione dei tempi di vita e lavoro siamo non bambole Grazie a una convenzione tra Regione e Presidenza del Consiglio dei Ministri sono in arrivo tre milioni per la conciliazione dei tempi di vita del lavoro delle donne emiliano-romagnole. La somma sarà investita per azioni riguardanti tre aree di intervento: il sostegno ai servizi educativi per la prima infanzia, l orientamento professionale con metodologia retravailler, dedicato alle donne adulte, e un insieme di progetti innovativi distribuiti sul territorio. E poi in via di approvazione la deliberazione sul riparto del Fondo sociale regionale, con cui la Giunta dell Emilia-Romagna deciderà come distribuire i fondi tra le diverse linee d intervento e le procedure per l erogazione dei finanziamenti: la previsione è che al sostegno ai servizi educativi siano destinati un milione e 400 mila euro, ai progetti innovativi da realizzare sul territorio un milione di euro e che il resto dei fondi vada agli interventi di orientamento professionale.

la Commissione Pari Opportunità E stato presentato un progetto di Legge bipartisan che propone l istituzione della Commissione regionale per la promozione di condizioni di piena parità tra donne e uomini, organo consultivo della Regione per tutti i provvedimenti ed iniziative che abbiano una ricaduta sulla condizione femminile e sull attuazione dei principi di uguaglianza e pari opportunità. Secondo il progetto di Legge, la Commissione può esprimere pareri e formulare osservazioni e proposte, comprese proposte di adeguamento normativo al fine della loro presentazione all Assemblea legislativa e valutare lo stato di attuazione nella Regione delle normative regionali, nazionali ed europee in materia di pari opportunità e di contrasto ad ogni forma di discriminazione diretta o indiretta nei confronti delle persone, con particolare riferimento alle leggi in materia di lavoro, formazione professionale, assistenza, servizi sociali ed attività culturali. Tra i compiti del nuovo organo vi sarà quello di promuovere iniziative volte a sostenere l adozione di azioni positive da parte di soggetti pubblici e privati, nel lavoro, nella formazione, nell istruzione, nella cultura, nell organizzazione dei tempi di vita, familiari e di lavoro, per espandere l accesso delle donne al lavoro, incrementare le loro opportunità di formazione e progressione di carriera professionale, sviluppare l imprenditorialità femminile. E ancora, di promuovere e sostenere la presenza delle donne nelle nomine di competenza regionale e sollecitare la realizzazione di iniziative volte a favorire la partecipazione attiva delle stesse alla vita politica, sociale ed economica e culturale. Per svolgere queste importanti funzioni si prevede che il nuovo organo svolga indagini conoscitive e ricerche sulla condizione femminile nell ambito regionale e sulle disparità in genere, curi la diffusione delle informazioni raccolte anche attraverso incontri, seminari, convegni, conferenze, pubblicazioni, l uso della stampa e delle strutture radiotelevisive e favorisca il migliore utilizzo delle fonti di informazione esistenti.

www.pder.it DNA Intelligenza e passione: Quello che serve all Italia noi lo abbiamo dentro