LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

Servizi per il turismo e la cultura

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

Legnano, 26 ottobre 2011

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

Ministero della Salute

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

Corso di Marketing Industriale

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

Il Piano di comunicazione

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

PROGETTO S PR T OGETTO S AR TAR T UPPER PROGETTO START UPPER T UPPER olimpia soliani emanuela spaggiari STUDIO GE.CO.

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA

RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

RENA. Rete per l Eccellenza Nazionale

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

La porta d accesso alle aziende

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Progetto giovani, oggi e domani

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

PROGRAMMA PLURIENNALE DELLA RICERCA. XV legislatura

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

A.I.N.I. Associazione Imprenditoriale della Nazionalità Italiana Udruga Poduzetnika Talijanske Narodnosti

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse

PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DI UN PROGETTO DI SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_ Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

La CAssetta degli attrezzi

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Voucher per la costituzione di startup. Formazione di base. Incontri con venture capitalist. Formazione specialistica

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Risorsa Uomo S.r.l. via F. Melzi d Eril Milano tel fax

4. Le Divisioni specializzate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

ASSE STORICO SOCIALE

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

Human Capital. Conoscere Ideamanagement

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Programma Nazionale per la Ricerca : Guida alla lettura

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese

Con il patrocinio morale di:

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

IL BUSINESS PLANNING COS E E PERCHE SI FA. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

una società cooperative Europea (SCE) ropea Moduli e metodologie Mediterranea

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Il polo di innovazione TECNOLOGIE DELLA SALUTE UMG - BIOTECNOMED. Sommario

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

2) PARTENARIATO LOCALE

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Politica per la Qualità della Formazione

Advertisement
Transcript:

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori. Secondo Maria Chiara Carrozza la ricerca in Italia pecca, però, di provincialismo, mancando a essa la capacità di intuire le potenzialità commerciali delle proprie idee e competenze. In Italia è assente inoltre una politica che sappia mettere in atto una programmazione sistematica in materia di ricerca e innovazione. Colmare questa lacuna è dunque l obiettivo primario da perseguire. Italianieuropei È indifferibile la necessità di adeguare il portafoglio di politiche a sostegno dell innovazione alle nuove necessità dell industria italiana, selezionando strumenti e modalità di intervento più coerenti con il modello di processo innovativo prevalente, non necessariamente R&D-based. Quali possono essere questi strumenti? Possiamo continuare ad affidarci al modello one size fits all o dobbiamo sviluppare strumenti di intervento settorialmente più specifici? Maria Chiara Carrozza Credo che il portafoglio di politiche a sostegno dell innovazione debba essere aggiornato in base alle nuove necessità dell industria italiana ma anche in funzione delle mutate condizioni del nostro sistema della formazione e della ricerca. Non sono un esperta di innovazione ma appartengo alla categoria dei ricercatori e quindi dei potenziali innovatori. Penso che a noi ricercatori manchino le capacità imprenditoriali per intuire il mercato potenziale delle nostre idee e delle nostre competenze. In media non abbiamo sviluppato l attitudine al rischio e il gusto per la realizzazione pratica delle nostre ricerche. Nonostante gli sforzi, credo che ancora oggi in Italia il modello del ricercatoreimprenditore non sia ancora decollato. Soprattutto dovrebbe essere compiuto uno sforzo sui giovani; è dai giovani che dobbiamo attenderci lo slancio innovatore, ma spesso in Italia i giovani non sono ritenuti affidabili, non si dà loro indipendenza né cre- Maria Chiara Carrozza è direttore della Scuola Superiore Sant Anna di Pisa e presidente del forum Università, saperi e ricerca del PD. 2 1.2010

Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza dito perché possano perseguire i loro obiettivi. Il mondo della finanza per l innovazione utilizza strumenti e linguaggi del tutto inaccessibili per i giovani ricercatori o imprenditori. Personalmente ritengo più efficaci le politiche che insistono sull individuo, sulla sua formazione, sulla sua cultura e competenza e sulla sua capacità di perseguire con fiducia un progetto innovativo. Nonostante tutti i tentativi di investire sul trasferimento tecnologico, i settori della ricerca, dell impresa e della finanza in Italia parlano linguaggi molto diversi; non occorrono mediatori ma una base culturale comune, strumenti professionali adeguati per poter individuare strade e progetti. Per analizzare bene questo fenomeno è importante confrontare la qualità delle presentazioni e delle proposte di start up italiane con quelle anglosassoni o americane. Dalle nostre traspare un livello di inadeguatezza e di scarsa professionalità che denota non una mancanza di competenze tecniche, ma una mancanza di cultura imprenditoriale con un ottica internazionale. Noi soffriamo ancora di provincialismo. Ie Quali leve è necessario attivare per innescare il cambiamento strutturale dell economia nazionale, in termini di specializzazione e dimensione media di impresa? Quale dovrebbe essere, nello scenario attuale e in quello futuro, il ruolo del capitale umano? M.C.C. Penso a un modello che abbia come assunto di base il trasferimento delle persone e non delle tecnologie. Il capitale umano è il cuore dell innovazione. Negli anni recenti il trasferimento tecnologico e la mediazione fra impresa e ricerca è stato considerato un terreno per persone mediocri, che non riuscivano bene né nella ricerca né nell impresa. Dobbiamo incoraggiare i nostri migliori talenti a impegnarsi nell innovazione perché, nell economia della conoscenza, è proprio sul terreno comune fra avanzamento scientifico e tecnologico e mercato che nascono le idee di impresa migliori. Personalmente combatto proprio questa battaglia, per convincere i migliori a impegnarsi nella strada dell innovazione: essere imprenditori di se stessi e delle proprie idee e mettersi in gioco deve essere l ambizione per i giovani talenti. Ie Gli interventi di natura soft posti in essere negli anni recenti hanno contribuito in modo del tutto marginale al miglioramento dei rapporti fra univer- I Quaderni di Italianieuropei 3

Le proposte per l innovazione sità e impresa. Con quali strumenti sarebbe possibile incidere più profondamente in questo ambito? M.C.C. Sono d accordo sull analisi e penso che sia necessaria una scelta strategica: occorrono risorse, strumenti formativi e servizi adeguati per il supporto all innovazione. Per chi fa ricerca non è semplice trovare chi svolga analisi di mercato o aiuti nella redazione di un business plan, senza considerare che manca il legame fra le start up e le grandi imprese. Inoltre si pensa che le start up possano competere sul mercato da sole e confrontarsi con la distribuzione o la certificazione. Questo rappresenta un problema; occorrono strumenti flessibili e adeguati ai singoli casi o a settori specifici. Investire nell aerospaziale, nella robotica oppure nel biomedicale non è la stessa cosa. Non credo agli strumenti trasversali. Infine penso che ci sia poco spazio in Italia per l innovazione d uso: a partire dal bisogno più o meno evidente di un servizio o di un prodotto manca l azione che porta allo sviluppo o all adattamento di tecnologie dedicate. Nel mondo scientifico l innovazione di questo tipo non è sempre apprezzata o considerata ricerca, mentre per il mercato questa può rappresentare una strada importante. Ie L assetto di governance delle politiche a sostegno dell innovazione soffre di gravi problemi, sia orizzontalmente, nello scarso coordinamento tra i diversi ministeri competenti, sia verticalmente, nella distribuzione delle deleghe e delle competenze tra Unione europea, Stato e Regioni. Quali sono le principali proposte per un sistema di governance più lineare ed efficace? M.C.C. Sono a favore di un agenzia unica che si occupi di ricerca e di innovazione, che coordini i bandi e le azioni, e dunque costruisca e metta in atto una politica. Non chiamerei politica quella attuale, piuttosto si tratta di un insieme di azioni poco coordinate e di tentativi meritevoli di inventare misure e strumenti. Una politica richiede programmazione, un arco temporale lungo, valutazione e consapevolezza del rischio. Lo sviluppo dell innovazione è un processo lungo, che necessariamente va oltre i mandati elettorali e gli incarichi nelle istituzioni. Per fare innovazione bisogna guardare lontano. Consideriamo la frammentazione fra ministeri, Stato e Regioni e poi la totale assenza dell Italia a livello europeo, dove non sappiamo esprimere una presenza nazionale con adeguato mandato istituzionale. 4 1.2010

Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza Ie È probabile che il rilancio della competitività e della prestazione innovativa del paese passi attraverso scelte drastiche in termini di concentrazione di cospicue risorse su pochi settori innovativi. Quali dovrebbero essere quelli prioritari? M.C.C. In Giappone, ad esempio, c è la consapevolezza che occorrano sistematiche attività di roadmapping in collaborazione fra industria e mondo della ricerca non solo per identificare i settori più promettenti per il futuro ma soprattutto per partire dalla società del futuro, dal contesto sociale, culturale e delle risorse disponibili per immaginare di quali prodotti e di quali tecnologie ci sarà bisogno. In Italia questo tipo di processo non è mai stato intrapreso: intanto avvicinerebbe i mondi della politica, dell impresa e dell università e poi consentirebbe di prevedere i bisogni e i mercati del nostro prossimo futuro. In mancanza di una seria analisi sullo stato della ricerca in Italia, posso elencare alcuni settori chiave: agroalimentare, biomedicale (inclusi i biomedical devices), energia e ambiente, informatica e telecomunicazioni, aerospaziale. Ma penso che su questi settori si trovi ampio consenso; è ora di entrare in azione e definire, rispetto ad ognuno dei campi scientifici e tecnologici, un processo di roadmap coerente con le condizioni della ricerca e dell industria italiana. Ie Può l Italia permettersi oggi scommesse tecnologiche di lungo periodo e ad alto rischio? M.C.C. L Italia deve farlo. Deve però farlo bene, scegliendo e non distribuendo contributi a pioggia. È proprio la mancanza di scelte che ci ha portato alla deriva. Deve, dunque, scegliere, e deve farlo con trasparenza. Lancio tre proposte: condurre un analisi dello stato della ricerca e della tecnologia in Italia, creare un agenzia unica per la ricerca e l innovazione, e creare dei comitati misti (impresa, ricerca, politica) per effettuare le roadmaps della società tecnologica italiana del futuro. I Quaderni di Italianieuropei 5