Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

Aurora 2000 staff formativo

EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ: un esperienza sammarinese

Dati generali. 1. Tema. 2. Beneficiari. Responsabile (i) operativo (i) del progetto (Nome, Cognome,formazione prof., funzione)

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Monitoraggio Irc nei Centri di formazione professionali lombardi. anno 2009/2010. Bergamo, 6 aprile 2010 Casa del Giovane

Disturbi Specifici dell Apprendimento

Sistema qualità IC 16 Verona

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S

PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO (V&M) RAPPORTO DAI QUESTIONARI a.s. 2012/13 A cura dell INVALSI

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

1.3 Sportello Psicologico pag Accogliamo gli alunni stranieri pag Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

Settore Formazione Corso di informazione/formazione per gli insegnanti delle Scuole Medie Inferiori sull utilizzo di Lezioni di fiducia

CORSO - Educazione all affettività e alla sessualità -

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

UNA SCUOLA PER AMARE

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO PROGETTO SALUTE ED. ALL AFFETTIVITÀ ALLA SESSUALITÀ E ALLA RELAZIONE

ASLTO1 DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria

Attività di tirocinio 4 anno

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

SCUOLA COLLEGIO CONVITTO. celana. Via Papa Giovanni XXIII, 2/A Celana di Caprino B.sco Tel

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo di Leno

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA APRICENA (FG) Tel: 0882/641311

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI E ACCOGLIENZA STRANIERI

PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

Dalla osservazione degli infortuni e incidenti alla cultura della prevenzione: l esperienza della Regione Piemonte

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado

CCSC - FIDAE 2014 MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELLA SCUOLA CATTOLICA QUESTIONARIO INSEGNANTI

Relazione sullo svolgimento della Funzione Strumentale stranieri A.S

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE N Norme sull informazione e sull educazione sessuale nelle scuole. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

LA PROGETTAZIONE PER COMPETENZE IN RIFERIMENTO AL CURRICOLO VERTICALE DELLA SCUOLA DI BASE

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

ALFABETO DEL CITTADINO. Libera Lombardia

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n art. 6, co. 2, lett.

PROGETTO MEDICINA PER STARE

influenzano la funzione della scuola

EDUCAZIONE AFFETTIVA

Viale Trastevere, 251 Roma

Prot. MIUR AOO DRLO R.U. n Milano, Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole ed Istituti di ogni ordine e grado della REGIONE Lombardia

Questionario rilevazione bisogni formativi dei docenti

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

TITOLO: Sensibilizzazione degli insegnanti in tema di abuso sessuale ai bambini/e

Advertisement
Transcript:

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014

GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo grado, statali e paritari, con l obiettivo di: elaborare criteri che consentano di misurare l attenzione delle istituzioni scolastiche ai temi delle Pari Opportunità/Differenze di genere; operare una breve ricognizione sulle iniziative in atto nelle scuole. L indagine è stata svolta nei mesi di aprile-giugno 2014. IL QUESTIONARIO Il questionario (si veda allegato n. 1) prevedeva due sezioni. Una prima sezione era riservata al-la Dirigente Scolastico-a e vi si proponevano questioni legate al linguaggio in uso nella modulistica e nelle comunicazioni, nonché nella documentazione per le famiglie. Nella seconda sezione, proposta all attenzione del-la referente per il POF, si chiedeva di indicare se nella scuola fossero in atto progetti specifici e proposte didattiche sulle tematiche Pari Opportunità/Differenze di genere, di fornirne un breve riepilogo e di valutarne aspetti positivi e aree di criticità. Si chiedeva inoltre di specificare il numero di classi e/o sezioni in cui fossero attivi tali progetti e quali docenti fossero coinvolti-e. IL CAMPIONE Ai questionari, inviati in via telematica, hanno risposto 77 istituzioni scolastiche, 23 delle quali a Milano città (20 statali, 3 paritarie) e 54 in provincia di Milano (46 statali, 8 paritarie). Per quanto riguarda il numero delle sezioni o delle classi coinvolte in progetti di Pari Opportunità/Differenze di genere, una stima precisa è difficile poiché alcune istituzioni hanno indicato il numero delle classi/sezioni coinvolte, altre la percentuale sul totale di sezioni/classi della scuola. Analogamente anche il numero delle-degli insegnanti impegnate-i risulta difficilmente determinabile. Pur in assenza di dati numericamente significativi, si può affermare comunque che la maggioranza dei-lle docenti, che lavora a tali progetti, fa riferimento alle aree disciplinari di lettere e matematica/scienze.

È interessante sottolineare il fatto che sono in maggioranza scuole della provincia ad avere inviato risposte e a testimoniare quindi un attenzione a tali tematiche, attenzione che ha saputo declinarsi in lavoro educativo. Difficile ipotizzare le cause di una partecipazione più attiva da parte della provincia: forse un corpo docente più giovane e più motivato a elaborare o assecondare progetti che vengono percepiti come nuovi, piuttosto che a prediligere un offerta più consueta e rassicurante; forse una maggiore disponibilità, da parte degli-lle insegnanti, ad accogliere suggerimenti dell amministrazione scolastica, piuttosto che proseguire su strade già percorse. PRIMA SEZIONE Nella stesura della documentazione scolastica, sia per quanto riguarda il regolamento che il piano di lavoro annuale, nonché relazioni finali e registri, la maggioranza dichiara che c è attenzione ad adeguare il linguaggio alla presenza dei due generi. Lo stesso vale per la stesura delle documentazioni per le famiglie. Il linguaggio sembra dunque costituire un ambito privilegiato di attenzione. Sarebbe essenziale, a tale proposito, comprendere bene in che cosa effettivamente consista tale attenzione all adeguamento del linguaggio, poiché si tratta in generale di un ambito nel quale l innovazione fatica a trovare spazio. Basti pensare alle discussioni che periodicamente si accendono intorno all uso di forme femminili per designare quelle donne che ricoprono cariche pubbliche (ministra, assessora) o incarichi di altro tipo (direttora, segretaria di partito o sindacato, ecc.). Spesso infatti le forme maschili paiono più autorevoli (a volte alle donne stesse) e l uso del femminile un vezzo tardo-femminista. Appare per lo meno curioso che nelle istituzioni scolastiche, che hanno risposto al questionario, la maggioranza dichiari che il linguaggio è rispettoso dei due generi. Il linguaggio si presenta dunque come elemento da indagare ulteriormente e sul quale, nell elaborazione dei criteri, insistere in modo particolare. Per quanto riguarda corsi di formazione o aggiornamento, nella maggioranza delle scuole non sono stati seguiti né richiesti corsi relativi ai temi delle Pari Opportunità/Differenze di genere. Tali temi dunque non sembrano necessitare di preparazione o approfondimento particolare. Probabilmente viene considerata sufficiente la preparazione già acquisita (ma, come si vedrà, nei progetti viene poi coinvolto personale esterno). Ciò potrebbe prestarsi a una valutazione positiva, perché indicherebbe che il personale docente si considera preparato ad affrontare queste tematiche. Ma potrebbe anche costituire un elemento su

cui interrogarsi, perché gli-le insegnanti potrebbero ritenere il tema così ovvio e scontato, da non avere bisogno di formazione specifica. SECONDA SEZIONE La maggioranza dichiara che non sono previsti nel POF, né sono stati attuati negli ultimi tre anni, progetti o iniziative specifiche. Tale dato appare un po contraddittorio con quanto emerge relativamente al linguaggio: a fronte di un adeguamento che è dichiarato in atto in un ambito che appare il più delle volte restio al cambiamento, non emerge, infatti, un lavoro mirato ad allievi e allieve perché possano mutare atteggiamenti e comportamenti. Nelle istituzioni scolastiche sono comunque in atto alcuni progetti che testimoniano una certa ricchezza di interventi su un ampio ventaglio di argomenti: le relazioni tra i generi, l uso della lingua, la violenza contro le donne, l omofobia, i processi di crescita dei due generi, per citarne alcuni. Alcuni degli obiettivi di tali progetti riguardano la necessità di: educare ai sentimenti, all affettività, alla sessualità; educare al rispetto dei generi; sviluppare capacità relazionali; favorire una riflessione sui cambiamenti fisici; favorire una riflessione sulle differenze e sulle identità di genere; favorire una riflessione sugli stereotipi di genere; contrastare la violenza contro le donne. Come si diceva, si tratta di progetti molto variegati, alcuni focalizzati su aspetti specifici, altri mirati ad aspetti più generali, essenziali nelle fasi di sviluppo dell adolescenza, che possono comportare di conseguenza una riflessione sul tema del genere. È interessante notare che nei progetti sono stati coinvolti, in maniera massiccia, esperti o esperte esterni-e, quasi che gli-le insegnanti non si sentissero legittimati a condurre in proprio progetti su tali argomenti. Su tale elemento si aprono numerosi interrogativi. Gli-le insegnanti non si sentono legittimati perché non si sentono abbastanza preparati? Ciò però appare un po in contrasto con il fatto che non emergono richieste per corsi di formazione/aggiornamento.

Se gli esperti esterni sono considerati più preparati, non c è forse una sorta di confusività tra informazione e formazione 1? Un intervento esterno potrebbe anche essere utile se si tratta di fornire informazioni, ma chi meglio di insegnanti, che hanno costruito una relazione educativa con allievi e allieve, può effettivamente lavorare su aspetti pedagogicoeducativi che presuppongono una conoscenza continuamente aggiornata del gruppo classe? Inoltre il ricorso a esperti esterni, se da un lato testimonia l attenzione dei-lle docenti verso professionalità altre, dall altro non potrebbe anche ascriversi al desiderio di demandare progettazione e realizzazione di lavori che richiedono una competenza più articolata rispetto a quella necessaria all insegnamento del proprio specifico disciplinare? Per altro l intervento di esperti, generalmente di breve durata, potrebbe rischiare di presentarsi come un intervento spot, poco efficace, soprattutto in processi che richiedono di essere monitorati e rivisitati su tempi lunghi. Un ultimo dato riguarda la presenza, tra gli esperti, di psicologi e personale delle ASL, quasi che per affrontare argomenti legati alle differenze di genere e di sesso occorrano, o siano più rassicuranti, competenze di tipo sanitario. Per il dettaglio dei risultati, si veda l allegato n. 2. 1 Si veda a tale proposito: Sara Rossetti, La prevenzione educativa, Carocci editore, Milano, anno