PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

Advertisement
Documenti analoghi
I Centri Antiviolenza metodologia di intervento a sostegno delle donne vittime di violenza di genere

L esperienza del Training Antiviolenza per uomini Caritas di Bolzano-Bressanone

RAVENNA, 20 Marzo 2014 ANCHE GLI UOMINI POSSONO CAMBIARE L ESPERIENZA DEL CENTRO LDV- AZIENDA USL DI MODENA 2 ANNI DOPO Monica Dotti-

DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA. Ospedale Evangelico Internazionale 27 NOVEMBRE 2015 DOTTORESSA COSMELLI ARIANNA

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n.

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori.

Rete Provinciale contro la violenza di genere

CONFERENZA Aula Magna Universita' per Stranieri di Siena Piazza Carlo Rosselli 27/28 11 NOVEMBRE SIENA

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

IL CENTRO PARLA CON NOI

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

Comunità della Paganella

Esperienze di partecipazione al programma europeo Daphne

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

C O M U N E D I LOIANO

Centro di ascolto per donne vittime di violenza Gorla Maggiore - Piazza Martiri della Libertà c/o Palazzo dell Assunta tel

OCCUPY MYSELF Mi riprendo me stessa/o

Legge 12 luglio 2011, n. 112

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA

Violenza sugli anziani

VADEMECUM UFFICIO PACE

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

PIANO DI AZIONI POSITIVE

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

PROGETTO ALBA. Territorio/i di attuazione del progetto formativo

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO

MASCHI CONTRO FEMMINE

UN FARO A SALVAGUARDIA DELL INFANZIA (Diritti dell infanzia e dell adolescenza)

PROVINCIA DI NOVARA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLE VIOLENZE DOMESTICHE

Incontriamoci a scuola

PROTOCOLLO DI INTESA

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

UNCEM Toscana, con sede in Firenze, Via Cavour 15, codice fiscale , rappresentata dal dott. Oreste Giurlani in qualità di Presidente,

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

*Perché parliamo di. genere e salute.

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

d) della necessità di riequilibrare la presenza dei centri antiviolenza e delle case-rifugio in ogni regione, riservando un terzo dei fondi

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

LA RETE Prevenire e Contrastare la Violenza e il Maltrattamento del Comune di Milano

IL CONSULTORIO dalle donne...per le donne

PIANO POSITIVE in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

Milano. Vittime % ,0 I CASI. < (I Semestre) Totale 172 4, , , ,9 3.

Le Donne: il motore della vita

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING

La Dichiarazione di Pechino

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

un percorso volontario, per la gestione dei conflitti parentali e la riorganizzazione delle relazioni familiari. terzo imparziale,

ACCORDO QUADRO. costitutivo del COORDINAMENTO NAZIONALE DEGLI ENTI LOCALI CONTRO LA TRATTA

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE. Dott.ssa Mariagrazia Rossi

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

PROGETTO MEDICINA PER STARE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gastaudo Isabella Data di nascita 23/03/1965. Dirigente ASL I fascia - SSD Consultorio Familiare

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO.

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza

Bambine e Bambini costruttori di pace

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

Advertisement
Transcript:

IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA PARTECIPA ANCHE TU IL CUG ISPRA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Interventi - Discussione - Confronto Lunedì 25 Novembre Sala Conferenze Brancati 48 Ore 10.00 Il CUG ISPRA ha aderito a

UOMINI VIOLENTI Spunti di Riflessione sugli interventi tratti dal Rapporto di ricerca 2012 realizzato da LE NOVE S.r.l. con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri Uomini abusanti

Agire contemporaneamente su tutti i livelli della società e in tutti gli ambiti educativo, culturale, giudiziario, legislativo, comunicativo, economico, ecc. - può portare a significativi risultati nella lotta alla violenza verso le donne (e i bambini). E quanto emerge dagli studi di ricerca più recenti in ambito internazionale. Un complesso di politiche integrate da attuare, rivolte a tutti i settori ed organismi della vita pubblica e associativa, per sollecitarne non solo un impegno più efficace, ma anche maggiore collaborazione e integrazione fra i soggetti coinvolti. Tra gli interventi integrati che stanno portando considerevoli risultati nel panorama internazionale, ci soffermiamo oggi sui programmi per gli autori di maltrattamenti e violenza sulle donne, che ne costituiscono una parte non di certo marginale.

In questo ambito l Italia si sta ispirando in particolare a quei Paesi dove sono nati e sono stati attuati già da molto tempo i programmi rivolti agli uomini violenti : Austria, Australia, Canada, Inghilterra, Norvegia, Spagna, Stati Uniti, Svizzera. Ciascuno di questi Paesi si è dotato di Piani nazionali (o comunque di atti pubblici relativi al complesso delle iniziative e delle pratiche di azione emanati dallo Stato) contro la violenza di genere, che prevedono programmi rivolti agli uomini offender per aumentare le possibilità di difesa delle vittime, in particolare della violenza domestica o nelle relazioni di intimità.

I Fattori comuni riscontrati nei vari programmi internazionali rivolti agli uomini violenti sono: sia pure con accentuazioni diverse, tutti riconoscono che si tratta di una violenza agita (soprattutto) dagli uomini sulle donne sulle quali si vuole esercitare potere e controllo in un rapporto di subordinazione; l attivazione dei programmi è considerata un aspetto essenziale per garantire maggiore sicurezza e protezione alle donne e ai/alle bambini/e vittime di violenza familiare/domestica; i programmi non prevedono sconti di pena per gli autori di violenza (condannati nell ambito del sistema giudiziario) che partecipano ai programmi. Sono solo previste, eventualmente, temporanee sospensioni della pena e pene alternative, se il percorso all interno del programma arriva a buon fine; fin dal principio della loro azione, i programmi si sviluppano promuovendo con istituzioni e servizi un lavoro in rete, che assume forme molto efficienti ed efficaci; tutti i programmi prevedono attività di monitoraggio e di valutazione dell efficacia dell intervento.

Le metodologie di lavoro adottate nei programmi hanno in comune obiettivi di recupero dei maltrattanti, pratiche di lavoro, modelli teorici di riferimento: tutti gli interventi partono da una prima fase di accertamento del rischio e delle effettive possibilità di riuscita del percorso psicosocioeducativo che il partecipante intraprenderà. La partecipazione può essere volontaria od obbligatoria (ingiunta dal Tribunale), ma la decisione ultima sull avvio del percorso la danno coloro che gestiscono direttamente l intervento; dopo la prima fase della selezione/ammissione al percorso realizzata tramite colloqui individuali, il partecipante deve assumersi la responsabilità di un accordo (il contratto) più o meno formale e strutturato secondo il quale una qualunque violazione può determinare la sua espulsione. viene utilizzato in misura più diffusa il lavoro di gruppo, che può essere accompagnato da un supporto individuale per il partecipante. La preferenza per il trattamento in gruppo è correlata all'impostazione psicoeducativa tipica soprattutto dei programmi dell'area anglosassone, secondo la quale la violenza è un comportamento appreso culturalmente e socialmente, che occorre disimparare, e il lavoro di gruppo rompe l isolamento tipico del fenomeno della violenza domestica. In gruppo si decostruisce l abitudine al silenzio, alla porta chiusa.

nel modello norvegese ATV si dà invece uno spazio considerevole al trattamento individuale, un trattamento che considera anche la natura personale dei problemi di violenza del soggetto, oltre quello socioculturale; gli approcci teorici sono molteplici, ma quello cognitivo comportamentale è largamente maggioritario perché utile nel portare l individuo a comprendere gli aspetti disfunzionali come quelli funzionali del comportamento violento, inoltre può abbinare tecniche specifiche per rispondere alla rabbia e alla violenza; c'è convergenza, di norma, nell'escludere il ricorso a terapie di coppia, a mediazione familiare, ritenute pericolose perché mettendo su un falso piano di parità uomo e donna, consentono all'uomo di mantenere il suo potere e la sua capacità di manipolazione.

I punti fermi che si trovano nei diversi Programmi riguardano i contenuti del lavoro terapeutico con l offender che deve: riconoscere tutte le forme di violenza agite, non solo le più appariscenti fisica e sessuale, ma anche quella psicologica, emotiva, economica, ecc ; assumersi la responsabilità dei comportamenti violenti senza nessuno spazio alla negazione, minimizzazione e giustificazione; divenire consapevole degli effetti che ha il proprio agito sulla donna e sui bambini/e (anche quando questi ultimi sono solo testimoni di atti di violenza e non la subiscono direttamente) sviluppando capacità empatiche; prendere coscienza degli stereotipi culturali legati al maschile e al femminile rispetto ai ruoli, alla sfera psicoemotiva e alla sua espressione; elaborare strategie individuali per arrestare il processo psicoemotivo interiore che porta all esplosione della violenza.

Nel panorama italiano le iniziative rivolti agli autori di maltrattamenti e violenze non sono purtroppo inserite in un piano di azioni generali, ma sono frutto di iniziative locali che spesso vedono la collaborazione tra il settore pubblico e privato. Tra queste, riportiamo quelle analizzate dal Rapporto di ricerca di LE NOVE S.r.l. con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri relativo alla situazione registrata nel 2012.

Bergamo - Il Progetto Uomini Non Più Violenti Bolzano e Rovereto - Il Consultorio per gli uomini Firenze - Il CAM Centro Ascolto Maltrattanti Genova - Il lato oscuro l altro aspetto della sofferenza Milano - Esperienze consolidate e progetti in movimento Modena e altre realtà dell Emilia-Romagna Roma - Esperienze in movimento Torino - Lo sportello telefonico per l ascolto del disagio maschile Trieste - L intervento con gli uomini maltrattanti Caserta: l esperienza della Cooperativa EVA