PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Percorsi di libertà come contrastare la violenza contro le donne

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

Mai più violenza sulle donne

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

IL CENTRO PARLA CON NOI

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Incontriamoci a scuola

ATTIVITA ALTERNATIVA ALL I.R.C.- 3/ 4/ 5 ANNI SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/15 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ARGOMENTI DISCIPLINARI ATTIVITA

Anno scolastico

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO

4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Insegnamento della religione cattolica e attività alternative

La Scuola Secondaria di Primo Grado

Aurora 2000 staff formativo

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

L Orientamento Scolastico Professionale

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, gennaio 2005

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO Scuola secondaria primo e secondo grado

SITUAZIONE DI PARTENZA

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

PIATTAFORMA DEI VALORI DI RIFERIMENTO, DEI CRITERI PEDAGOGICI COMUNI CENTRI DI ESERCITAZIONE AI METODI DELL'EDUCAZIONE ATTIVA DEL PIEMONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 IL TESTO SLIDE 3 A CURA DELLA DOTT.SSA GIOVANNA GRISETA

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

Progetto Educativo d Istituto

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s

PROGETTO MEDICINA PER STARE

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

PERCORSO EDUCATIVO ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA

CLASSI PRIME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI MINIMI

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI UNIVERSALMENTE CONOSCIUTI TRA COSTITUZIONE ITALIANA E LEGISLAZIONE INTERNAZIONALE

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

Comunità della Paganella

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Il curricolo geografico nella scuola primaria

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

AREA DONNA ATTIVITA SETTORE DONNA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

IDENTITA, CREATIVITA' E COMUNICAZIONE PROGETTO INTERCULTURALE E DI INTEGRAZIONE PER BAMBINI NON ITALOFONI DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA A.S.

CLASSI PRIME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI MINIMI

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

Viale Trastevere, 251 Roma

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ANNO SCOLASTICO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

Advertisement
Transcript:

Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro paese e i dati più recenti seguitano a confermare che si tratta soprattutto di una violenza commessa da uomini a loro molto vicini (compagni, mariti, fidanzati, padri). Abbiamo a che fare, inoltre, con un fenomeno che attraversa tutte le culture, le classi, i livelli d'istruzione, di reddito e tutte le fasce di età, un fenomeno ancora sottostimato dal momento che i dati esistenti si basano sulle denunce delle donne che hanno trovato il coraggio di riportare le violenze subite, mentre sono molte anche quelle che ancora non ci riescono. Non si tratta, pertanto, di fatti privati, né di una questione di ordine pubblico, piuttosto di un problema storico e culturale che riguarda la qualità del rapporto fra i sessi, l asimmetria della posizione degli uomini e delle donne nel sociale e nell ordine simbolico. E insieme risultato e sintomo di culture e mentalità, profondamente radicate. Su questo problema solo da poco e troppo pochi uomini hanno cominciato ad interrogarsi e ad assumersi le proprie responsabilità. Su questo problema, però, la scuola può e deve fare molto perché è nella scuola che le giovani generazioni possono cominciare a sperimentare le forme di una possibile cultura e convivenza civile e non violenta fra uomini e donne. La scuola è, infatti, il luogo in cui le/gli studenti iniziano a fare società, a confrontarsi con l altra/o, ad acquisire strumenti di conoscenza e consapevolezza di sé attraverso la cultura e i modelli che questa trasmette. E importante, pertanto, che nella scuola i contenuti, i metodi e i modelli proposti tengano sempre più conto dell esistenza di due generi, abbandonando la falsa neutralità di una cultura che si è costruita sull esclusione delle donne e sulla svalorizzazione del femminile, su un immaginario al quale le donne reali corrispondono sempre meno. E perciò necessario che tutto questo si traduca in azioni didattiche e pedagogiche non episodiche (progetti, corsi extracurricolari, sperimentazioni occasionali, conferenze ) ma quotidiani e permanenti, capaci di ridefinire dall interno l intera e pratica pedagogica. Per questo è importante iniziare dalla formazione delle/i docenti. 1. Titolo del progetto PERCORSI DI LIBERTÀ - Come contrastare la violenza contro le donne è un progetto elaborato in collaborazione fra L Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia e la Biblioteca delle donne e Centro di Consulenza legale UDIPALERMO Si tratta di un programma di intervento articolato che prevede:

1. una pratica di formazione delle/gli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado che si svilupperà nel corso di due anni scolastici; 2. un azione rivolta alle/gli studenti della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado da attivare da parte delle scuole e delle/dei docenti che hanno seguito la pratica di formazione; 3. un concorso e una mostra che illustreranno e premieranno le produzioni realizzate dalle/gli studenti attraverso un ampia gamma di modalità di espressione e di comunicazione (poesia, foto, musica, teatro, multimedialità, cinema, ecc.) 2. Durata Due anni 3. Destinatari/e e numero di partecipanti I/le destinatari/e dell iniziativa sono le/i docenti dei tre ordini di scuola -dalla primaria alla secondaria superiore- che formeranno tre gruppi composti ciascuno da 30 insegnanti Sedi del corso: Palermo Catania 4. Obiettivi del Progetto formativo per i/le docenti Il percorso di formazione sarà finalizzato a: 1. acquisire conoscenze sul problema della violenza maschile sulle donne e sugli strumenti utili per sensibilizzare le/gli studenti sui temi della sicurezza e del benessere all interno delle relazioni affettive; 2. acquisire consapevolezza della presenza di stereotipi nella costruzione culturale del femminile e del maschile; 3. acquisire la capacità di mettere in crisi l'automatismo con cui questi stereotipi si riproducano nei processi educativi; 4. promuovere una riflessione sul carattere sessuato al maschile (falsamente neutro) dell impianto culturale e delle discipline su cui si fonda il sapere; 5. promuovere una riflessione su come tale cultura falsamente neutra costituisca il punto di partenza di una violenza simbolica sulle menti femminili in formazione; 6. acquisire la capacità di orientare attivamente e criticamente, nelle classi, la ricezione dei messaggi massmediatici; 7. sviluppare percorsi formativi (da svolgere nelle classi) per consentire alle/gli studenti di prendere coscienza della propria soggettività, del bisogno di relazionalità e della necessità di acquisizione modelli di comportamento fondati sul rispetto reciproco, la comprensione e la valorizzazione della fra i sessi Ciò consentirà di: 8. mettere in atto una pratica educativa aperta all accettazione e valorizzazione della sessuale, libera da stereotipi culturali e finalizzata a garantire alle ragazze visibilità, protagonismo, autorevolezza; ai ragazzi consapevolezza della propria parzialità e

ad entrambi i generi il senso della piena appartenenza alla dimensione umana senza rinunciare/negare la propria identità sessuata; 9. sviluppare un azione educativa che aiuti ragazze e ragazzi a progettare, individuare ed esprimere esigenze, aspettative, desideri autonomi; 10. sviluppare un azione educativa che aiuti le ragazze (ma anche i ragazzi) a riconoscere i fattori e le situazioni di rischio; 11. sviluppare un azione educativa capace di fornire a bambine/i e ragazze/i strumenti utili per destreggiarsi nel mondo dell'affettività e delle relazioni; 12. sviluppare un azione educativa capace di consolidare, nelle alunne, l autostima, la consapevolezza di sé e dell inviolabilità del proprio corpo, nonché di favorire la consapevolezza dei propri criteri di scelta attorno all'affettività e alla sessualità. 5. Contenuti, Attivita e Modalità di realizzazione del Progetto formativo dei/lle docenti Il progetto si articola in due momenti: il primo anno sarà indirizzato alla conoscenza del fenomeno e alla presa di coscienza, in un ottica consapevole della sessuale il secondo anno invece punterà ad andare oltre l emergenza/oltre la violenza per un pensiero costruttivo e consapevole della PRIMO ANNO Durata Incontri Contenuti / Attività Soggetti Conoscere al di là degli stereotipi Costruzione dei generi e violenza - Gli stereotipi legati al genere: esempi dalle aree umanistica, scientifica, storica e artistica - Il corpo differente: corpo e soggettività femminile/maschile - Noi e gli stereotipi su input dell esperta/o - Ascolto di comunicazioni - Lettura di testi - Rielaborazione - Genere - prevaricazione - violenza: una questione maschile - Leggere la violenza sulle donne e le sue diverse forme - Informazioni sulla violenza alle donne e sugli strumenti adatti a prevenirla - Lettura di testi - Interrogazione della propria esperienza 1 Psicologa che opera con e per le donne che subiscono maltrattamen ti e/o violenze

Generi e Violenza: interrogare i saperi La rappresentazione della violenza nei media/l immagin e stereotipata di maschile e femminile (scuola primaria) Genere e violenza - Decostruzione della falsa universalità della cultura data e stereotipi di genere: esempi dalla letteratura, le scienze, le arti, la filosofia - La rappresentazione del femminile come oggetto e come preda nella cultura maschile: esempi dalla letteratura, le scienze, le arti, la filosofia - La rappresentazione della violenza sulle donne nella cultura femminile: esempi dalla letteratura, le scienze, le arti, la filosofia - Lavoro sulle fiabe (Per la scuola primaria) - Lettura di testi docente - Individuazione di contenuti da proporre alle classi - I mezzi di informazione e il racconto del fenomeno della violenza sulle donne - Analisi e lettura critica di testi, immagini, pubblicità - Le forme della pubblicità-progresso e le campagne contro la violenza sulle donne: messaggi espliciti ed impliciti - Ascolto di comunicazioni - Analisi di documenti - Leggere ed interpretare i comportamenti - Identificare e prevenire i segnali di violenza - Gli/le adolescenti e la loro percezione della violenza di genere - Incontro (e comunicazioni) con due operatrici della rete antiviolenza e un avvocata penalista docente 2 Operatrici della rete antiviolenza 1 Avvocata penalista che opera con e per le donne che subiscono maltrattamen ti e/o violenze La violenza sulle donne: la presa di coscienza maschile - La riflessione maschile sulla violenza e il patriarcato - Lo sguardo maschile sulle donne, sugli uomini, sulla relazione fra i sessi - Ascolto di comunicazioni - Riflessione a partire dalla propria esperienza 1 Esperto, membro di associazione di uomini nella riflessione su si sé 1 Esperta in

esperte, di un programma di lavoro (costruzione di durante il successivo anno scolastico e per la esperte, di un programma di lavoro (costruzione di durante il successivo anno scolastico e per la SECONDO ANNO Durata Incontri Contenuti / Attività Soggetti Educare alla /relazi one tra i sessi come forma di prevenzione dei fenomeni di violenza - Teorie pedagogiche ed educative e pensiero della - Educazione alla parzialità - Decostruzione della falsa neutralità della cultura - Linguaggio e soggettività: come fare emergere due generi su input dell esperta/o - Lettura di testi - Rielaborazione Prendersi cura di se / sviluppare autostima - Il lavoro con le ragazze/i per apprendere e sperimentare l'affermazione di sé, la percezione e la consapevolezza della propria parzialità e dei propri limiti; per sperimentare e incrementare la propria autostima; per elaborare un'immagine di sé come giovane donna/uomo - Analisi di documenti Non solo vittime: la questione della libertà femminile - La soggettività femminile e la libertà cambiano i rapporti uomo/donna - I rapporti fra i sessi nella rappresentazione simbolica - Lavoro sulle fiabe (Per la scuola primaria)

- Lettura di testi - Interrogazione della propria esperienza Consapevolezza di se e inviolabilità del corpo femminile - Soggettività sessuata e sessuale come limite - Il concetto di inviolabilità del corpo femminile e la sua valenza simbolica - Essere consapevoli della propria (maschile e femminile) - La rappresentazione della nella cultura: esempi dalla letteratura, le scienze, le arti, la filosofia - Lettura di testi - Individuazione di contenuti da proporre alle classi Genere e violenza - Leggere ed interpretare i comportamenti - Identificare e prevenire i segnali di violenza - Gli/le adolescenti e la loro percezione della violenza di genere - Incontro (e comunicazioni) con due operatrici della rete antiviolenza e un avvocata penalista docente 2 Operatrici della rete antiviolenza 1 Avvocata penalista che opera con e per le donne che subiscono maltrattamen ti e/o violenze La presa di coscienza maschile: il maschile oltre il patriarcato - La riflessione maschile sulla violenza e il patriarcato - Lo sguardo maschile sulle donne, sugli uomini, sulla relazione fra i sessi - Ascolto di comunicazioni di esperti 1 Esperto, membro di associazione di uomini nella riflessione su si sé 1 Esperta in esperte, di un programma di lavoro (costruzione di e didattici

esperte, di un programma di lavoro (costruzione di e per la 6. Metodologia Nel percorso verranno impiegate metodologie formative di carattere attivo, alternando momenti di comunicazione, esercitazioni, lavori di gruppo, integrazioni esperienziali. Il gruppo, con le sue esperienze, costituirà la principale risorsa di lavoro. 7. Gruppo di lavoro Esperte/i del gruppo di pedagogia della della Biblioteca delle donne e Centro di Consulenza legale UDIPALERMO Formatrici/tori dell Ufficio Scolastico Regionale Il gruppo seguirà le fasi previste della e realizzazione dell attività formativa e svolgerà anche azioni di monitoraggio nelle scuole per le classi coinvolte nel progetto. 8. Pianificazione e programmazione temporale di tutte le attività ATTIVITA 01-04/2014 Corso di formazione I anno Azione. 09-10- 11-12 /2014 01/2015 02/2015 03/2015 04/2015 05/2015 Corso di formazione II anno Premiazione Concorso e mostra