C.A.I. PONTE S. PIETRO

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
TREKKING DEL "SELLARONDA"

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

TREKKING ESTIVO: ALTA VIA N 2 DELLE DOLOMITI (DA DOMENICA 17 LUGLIO A SABATO 23 LUGLIO)

Alta Via dell'adamello

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

TREKKING ALTA VIA DEI PASTORI

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

Totes Gebirge - Austria

SETTEMBRE 2011 SABATO 3 Itinerario ad anello con partenza da Campigna

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

ORGANIZZA. Dal 25 al 29 luglio. Trekking di 4 giorni da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino di Castrozza

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

ULTRATRAIL 50 Km m dislivello positivo

PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel )

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

visita il nostro sito

Escursione dei sette laghi in Val Ridanna

TORRE VENEZIA, m 2337 parete O via Castiglioni-Kahn + varianti Soldà e centrale ed uscita Livanos salite del 12/10/1999 e del 22/5/2011

17 Luglio Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche

Trekking per il Monte Rosso - Roteck

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

DAI PIANI RESINELLI AI SENTIERI DELLA GRIGNA

Scialpinismo nel Trentino

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali:

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Itinerario n Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

CIMA DI PRAMPERET m 2337

TREKKING D AGOSTO in DOLOMITI SUI SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA Le Dolomiti sono davvero le montagne per tutti. Una vacanza in Dolomiti è qualcosa di

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

ALTA VIA DI FORNI TRUOI ALT DI FÔR

UN TREK IN FAMIGLIA SULLE DOLOMITI GARDENESI

Distelgrube Faltmaralm

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

TREKKING: VAL DI FASSA E PALE DI SAN MARTINO DA DOMENICA 20 A MERCOLEDI 30 LUGLIO 1995

Percorso Zona Orientale

TREKKING IN VAL MASTALLONE

ROADBOOK non è una competizione ma un trail autogestito privo di classifica e con balisaggio del percorso non integrale trail running

ATTIVITA A PREZZO AGEVOLATO PER I CLIENTI DELLE STRUTTURE SPORT & OUTDOOR VAL DI FASSA - ESTATE 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE

Cima Grande di Lavaredo via Hasse Brandler

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich

Scialpinismo nelle Dolomiti

LE DOLOMITI DI SESTO SEGRETE

SEI PROPOSTE DI TREKKING

Descrizione analitica dei sentieri CAI

Ferrata Siggioli & Pizzo D Uccello

Domenica 27 settembre 2015

<> 26 giugno 2 luglio 2010

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO Luglio Schede descrittive degli itinerari

Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- :

: RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

Traversata dei Sette Fratelli

PROGRAMMA SETTIMANALE ESTATE 2014

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

Alta Via di Fundres 1 giorno

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Itinerario n Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla

10/11/12 Luglio 2015 Tour del Marguareis (Cuneo) Attrezzatura consigliata. Accesso Stradale. Introduzione

la vostra avventura inizia con noi dolomiti skirock

Monte Spino da S. Michele

Vie Normali delle Dolomiti

Sentieri a a a 995 DESCRIZIONE TEMPI NOTA

Il trekking del Lagorai (TransLagorai)

PROGRAMMA MOENA OUTDOOR ESTATE 2016

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Marcara: giorno di aclimatamento. Marcara - Cashapampa - Llamacoral. Llamacorral - Campo Base Alpamayo

LE ESCURSIONI piu belle della Val Venosta

Ciaspolando nelle Dolomiti

Ispuligidenìe (Cala Mariolu)

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

Pizzo d'uccello (m.1781) - via Oppio- Colnaghi

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte

L escursione con 1100m di dislivello dura intorno alle 6-7 ore di cammino per camminatori abbastanza esperti.

GIRO DEL MONVISO. dal al PRIMA TAPPA giovedì partenza da Legnano ore 5.30

Région Autonome Vallée d Aoste - Regione Autonoma Valle d'aosta. Le Alte Vie 1-2

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA

Ciaspolando nelle Dolomiti

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS.

SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI

Gruppo del Prosac Tremosine. ITINERARI E PROGRAMMI PER IL 2014

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

Vie ferrate nelle Dolomiti

Itinerario n La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

da San Gimignano a Monteriggioni sulla via Francigena sabato 28 Novembre 2015

Sezione di Avezzano. Sentieri del Parco Naturale Regionale Sirente Velino curati dalla sezione di Avezzano in accordo con l Ente Parco

Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda

Sezione di Avezzano. via G. Mazzini n. 32 Cap C.P. 284 Tel

La Via Francigena. Tappa LA06 Da Sutri a Campagnano

Advertisement
Transcript:

Il n. dei partecipanti è fissato in 10/15 massimo Le iscrizioni si ricevono in sede c.a.i. il martedì e venerdì dalle ore 20,30 alle ore 22,00 previo versamento di 100 quale caparra. Il costo complessivo del trekking è di 300 comprensivo di ½ pensione nei rifugi. Le iscrizioni saranno aperte da venerdì 8 maggio 2015 chiusura iscrizioni martedì 16 giugno 2015 o comunque al raggiungimento del n. prefissato. C.A.I. PONTE S. PIETRO SUI SENTIERI DELLE LEGGENDE DA FUNES AL PASSO DI S. PELLEGRINO TREKKING DAL 29 GIUGNO AL 4 LUGLIO IL TREKKING SEGUE IL TRACCIATO DELL ALTA VIA N.2 CON ALCUNE VARIANTI LEGATE ALLE VIE FERRATE TREKKING MOLTO SPETACOLARE E PAESAGGISTICO CHE ATTRAVERSA I GRUPPI DELLE ODLE, SELLA, MESOLA- PADON,MARMOLADA E CIME D OMBRETTA RICHIEDE BUON ALLENAMENTO ALLE LUNGHE CAMMINATE IL TREKKING SI EFFETTUERA CON MEZZI PROPRI

1 TAPPA S Maddalena di Funes rifugio Genova Situato tra la Val di Funes e la Val Badia al Passo di Poma m2306 all interno del Parco naturale Puez-Odle. Da S Maddalena m1337 o da Malga Zannes m1680. Da S Maddalena una strada carrozzabile ci porta sino al parcheggio di Malga Zannes seguiamo la carrozzabile fino al chiosco e lungo il rio Caseril e con il sentiero n.33 arriviamo alla Malga Gampen m2062. Dalla malga si sale e si raggiunge in breve il rifugio Genova m2297. Ore 1,45. Se si vuole partire da S Maddalena ci vogliono ca. 3,30. 2 TAPPA Dal rifugio Genova al rifugio Puez Questa tappa attraversa la forcella della Roa. Dal rifugio si sale al Passo di Poma e si piega nettamente a destra quindi si traversa in lieve discesa fino alla Forcella Furcia e si prosegue verso S. lasciato il sentiero che scende al rifugio Firenze si prosegue dirigendoci verso un erto canalone e lo si risale raggiungendo la Forcella di Roa

6 TAPPA Dal rifugio Contrin al Passo di S Pellegrino Dal rifugio si segue il sentiero si segue il sentiero 607 e in direzione SE sale un ripido gradone, ad una conca si piega verso O e risalendo un ampio vallone detritico si raggiunge un varco sulla cresta: il Passo dellecirelle 2683m. ora si scende dritti verso S in un circo detritico abbastanza ripido ma con gradevole scivolata su ghiaia molto fine quindi su comodo sentiero attraverso i prati si giunge al rifugio Fuciade 1982m. quindi su comoda strada sterrata si arriva al Passo di S Pellegrino. 1907 m. ore 4. Il trekking non presenta particolari difficoltà tecniche ma necessita di buon allenamento alle lunghe camminate e alle vie ferrate. Oltre al normale equipaggiamento personale è necessario anche il set da ferrata, eventuali attrezzature e organizzazione per il viaggio, potranno essere indicate durante la pregita obbligatoria che avverrà la settimana prima della partenza. m2617. Quindi si scende verso S in una grande conca, si continua e si raggiunge con poche serpentine una sella, si sale brevemente con qualche corda fissa per poi calare nella conca erbosa del Puez e proseguendo si raggiunge il rifugio Puez. m 2475. Ore 5-6. Qualora le condizioni non lo permettessero sono possibili varianti al percorso sopra descritto. 3TAPPA Rifugio Puez Passo Gardena Rifugio Boè Con il sentiero n.2 ci si inoltra in direzione SE sull altipiano ad un bivio per il rifugio Gardeneccia si piega a S e si raggiunge la Forcella Ciampai 2366m. si piega quindi s SO prima in leggera salita, poi pianeggiante, quindi ripida discesa, traversata in piano e infine salita al Passo Cir 2469m si segue verso S fra sellette e grandi macigni e poi per pascoli si scende al Passo Gardena 2121m. Valico stradale tra la Val Badia e la Val Gardena. Dal Passo si sale una dorsale erbosa che piega a sinistra e che porta all imbocco della Val Setus, il sentiero risale lo stretto vallone roccioso con molte serpentine (corde metalliche)

e raggiunge la grande terrazza ghiaiosa da dove con breve discesa si perviene al rifugio Cavazza al Pisciadù 2585m. ore 4 dal rif Puez. Dal rifugio si scende al piccolo lago e costeggiando la sponda orientale si giunge alla Val di Tita, la si risale per facili roccette o per sentiero attrezzato sino a raggiungere la Della di Val Tita 2800m. si prosegue su sentiero sino a raggiungere il grande altopiano del Sella, lo si attraversa sino alla Forcella d Antersas 2861m. attraversatala si prosegue fra detriti sino a raggiungere il rifugio Boè2871m. ore 2,30 totale ore 6,30. Al rifugio possibilità di salire alla vetta del Piz Boè 3152m. in circa 1 ora, panorama imenso. 4 TAPPA Dal rifugio Boè al rifugio Dolomia Dal rifugio Boè ci si dirige verso O dapprima in leggera salita poi pianeggiante fino alla Forcella Pordoi; dalla Forcella si scende il ripido canale di ghiaia poi su buon sentiero a tornanti fino a Passo Pordoi, 2829m., celebre valico dolomitico in ore 1,30, dal Passo in prossimità di una cappelleta inizia un sentiero chiamato Viel del pan, antico sentiero che metteva in comunicazione le valli Ladine con l Agordino. Si segue il sentiero che fra dolci ondulazioni prative a ridosso della cresta della Mesola conduce dapprima al rifugio Viel del pan e successivamente allo stretto intaglio della Porta Vescovo. (stazione funivia). Lasciati gli zaini ci si attrezza per affrontare la via ferrata delle trincee, ardito percorso tracciato dai kaiserjager austriaci durante la 1 guerra mondiale. La via riporta in discesa ancora alla Porta Vescovo da dove un ripido sentiero porta al lago di Fedaia dove attraversata la diga, in breve al rifugio Dolomia. 5TAPPA Dal rifugio Dolomia al rifugio Contrin Dal rifugio con l ausilio della gabinovia si raggiunge Pian dei Fiacconi quindi in leggera discesa si aggira uno sperone e ci si immette nella lingua terminale (o quel che resta), del ghiacciaio, lo si attraversa e gradualmente si sale e si raggiunge la base della Forcella Marmolada che si raggiunge con un breve tratto attrezzato. Alla Forcella lasciati gli zaini, inizia la ferrata della Marmolada per la cresta Ovest che conduce alla vetta di Punta Penia 3345m. ritornati alla Forcella si scende sul versane opposto su lastre ripide ma attrezzate quindi per comodo sentiero sino al rifugio Contrin 2016m. ore 5.