Generi e Mutamenti. 17 gennaio 2015 Villa Pallavicini, Bologna. Isabella Crespi (Università di Macerata)

Advertisement
Documenti analoghi
*Perché parliamo di. genere e salute.

Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Le transizioni familiari La conciliazione famiglia lavoro Quali sono le caratteristiche delle

Esperienze di genitorialità oltre l eterosessualità. Chiara Bertone

Corso di sociologia

PROGETTO MEDICINA PER STARE

I costrutti di base: l identità, il genere e l orientamento sessuale

1. Gender mainstreaming

Confronto su alcune domande:

Sessualità coniugale e metodi naturali

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A

Differenze di genere e Assertività

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Il curricolo geografico nella scuola primaria

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e

Pianificare il futuro

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp

Giovanna Rossi, Forum delle Associazioni Familiari Roma, 17 maggio 2014

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere

Da dove nascono le scelte formative di ragazzi e ragazze? Il caso delle Università milanesi 1 Francesca Crosta

Media e stereotipi di genere. di Massimo Benvenuto

Vediamone una alla volta.

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015

IDENTITA' DI GENERE E DISUGUAGLIANZE IA PARTE

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

CENTRO FEDERATO INER VERONA

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Sistemi di welfare 10. UN NUOVO WELFARE. A.A Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

La passione e la fatica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini)

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013

Il sistema delle discriminazioni di genere

Deontologia e responsabilità professionali dell'assistente sociale. Laboratorio di formazione per assistenti sociali. Brescia 2012

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

Rete Provinciale contro la violenza di genere

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Prof.a Giovanna Rossi Direttore del Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio

La cultura della qualita come risorsa dell organizzazione. I bilanci di competenze. Donne e lavoro: professionalita, competenza e leadership

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia. Roberto Pedersini

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

VADEMECUM UFFICIO PACE

NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA

Confederazione Italiana Centri RNF.

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Cristina Gamberi Università di Bologna

Elementi di Pedagogia di genere. Dott.ssa Irene Biemmi

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PAESAGGIO

Il capitale sociale: prospettive sociologiche

L uso e il significato delle regole (gruppo A)

Sociologia della famiglia

Giulia Paola Di Nicola, Donne e politica. Quale partecipazione?, Città Nuova, Roma 1983

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

Indicazioni nazionali per il curricolo

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

Caratteri Sessuali Terziari

La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di. solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane

La Dichiarazione di Pechino

Quale inclusione? Quali politiche e servizi per la disabilità nella prospettiva inclusiva?

Prima Conferenza Nazionale Alcol. Giovani: protezione dei minori, tutela della crescita, responsabilità e autonomia

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Indice. Introduzione. Le radici della violenza maschile di Sveva Magaraggia e Daniela Cherubini

Programmazione annuale Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

ASSOCIAZIONE ARTEMENTE

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA

Il caso della Scuola Oliver Twist

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011

MANIFESTO DELLA VITA

COORDINAMENTO INTERPROFESSIONALE PARI OPPORTUNITÀ Provincia di Padova

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Advertisement
Transcript:

17 gennaio 2015 Villa Pallavicini, Bologna Generi e Mutamenti Isabella Crespi (Università di Macerata) Elisabetta Ruspini (Università di Milano-Bicocca)

I parte 1. Genere e trasformazioni sociali (Isabella Crespi) 1.1 La questione sesso e gender: alcune definizioni e l evoluzione di un concetto 1.2 Famiglia e società: Genere, famiglia e socializzazione 2. Donne e uomini tra vincoli e cambiamenti (Elisabetta Ruspini) 2.1. Orientamenti sessuali 2.2. I lati oscuri della mascolinità 2.3. Nuove donne e nuovi uomini?

II parte Alcune riflessioni a partire dai contenuti del volume Genere e Religioni in Italia. Voci a confronto (a cura di Isabella Crespi e Elisabetta Ruspini, FrancoAngeli, Milano, 2014). Saggi di: Luigi Berzano, Carmelina Chiara Canta, Roberto Cipriani, Amina Crisma, Giulia Paola Di Nicola, Paola Donadi, Marcella Farina, Armando Matteo, Claudia Milani, Letizia Tomassone, Shahrzad Houshmand Zadeh

Isabella Crespi, Università di Macerata Elisabetta Ruspini, Università di Milano-Bicocca 17 gennaio 2015 Bologna GENERE E TRASFORMAZIONI SOCIALI IL CAMBIAMENTO SOCIALE E L EVOLUZIONE DI UN CONCETTO

1. LA QUESTIONE SESSO E GENDER Una questione terminologica Il rapporto tra attributo biologico e costruzione sociale dell identità di gender sesso : ci si riferisce alla differenza biologica tra maschio e femmina gender : si intende l insieme di status-ruoli attribuiti ad una persona o a un gruppo di persone esclusivamente sulla base della loro appartenenza sessuale: è questa la definizione sociale dell appartenenza di sesso (Piccone Stella e Saraceno, 1996) 2

SESSO, GENDER E IDENTITÀ: ESISTE UN PROBLEMA SOCIALE? La dimensione sessuale/sessuata è un dato scontato nell esperienza quotidiana tuttavia permea le relazioni sociali, l identità (senso del sé/identificazione) personale e quella sociale (ruolo) investe e condiziona pratiche e politiche I gender studies nascono come women s studies e segnalano la necessità di caratterizzare l esperienza e la conoscenza da un punto di vista femminile negli Usa negli anni Settanta in concomitanza con la c.d. seconda ondata femminista sottolineano il peso della costruzione sociale dell identità sessuale (identità di gender) 3

LA DIFFERENZA BIOLOGICA COME ELEMENTO POSITIVO NELLA RIVALUTAZIONE DELL IDENTITÀ FEMMINILE Il dato biologico della differenza sessuale è essenziale per la definizione del soggetto donna in quanto tale. In particolare, la base biologica femminile e i significati che ad essa sarebbero naturalmente attribuiti, contengono la vera chiave del rinnovamento per le donne e per la trasformazione sociale. Il corpo e l esperienza materna possono essere il punto di svolta per un recupero in positivo delle qualità femminili più originarie: qualità di spirito e di sensibilità, di amorosità e di intimità, di pacificità. Daly Rich De Beauvoir O Brien 4

LA DIFFERENZA BIOLOGICA COME ORIGINE DELLA DISUGUAGLIANZA La differenza biologica non può più essere recuperata come elemento per valorizzare la donna, perché questo in concreto realizza (e ha sempre realizzato) le condizioni per la disuguaglianza. L essenza della soggettività non viene più ad essere collocata e studiata solo nell appartenenza biologica, ma anche nell attività umana concreta, soprattutto quella organizzata all interno delle strutture capitalistiche; l identità di gender si lega profondamente alla divisione del lavoro, alla dimensione economica e politica, sulla base della quale vengono poi definiti i ruoli femminili e maschili, in base alla divisione sessuata del lavoro stesso. Rosaldo Ortner Mitchell Firestone Irigaray 5

LA COSTRUZIONE SOCIALE DELLE DIFFERENZE DI GENDER In risposta agli approcci che considerano la dimensione sessuale e/o biologica come spiegazione delle differenze di genere e come possibile punto di partenza per una valorizzazione della condizione femminile o per spiegare la disuguaglianza pensare il genere come una costruzione sociale, sganciata dalla dimensione biologica, agita in maniera differente o decostruita. Scott e Saraceno Nicholson Rubin Oakley 6

LA DE-COSTRUZIONE SOCIALE DELLE DIFFERENZE DI GENDER L obiettivo è quello di risolvere correttamente i problemi legati alla costruzione delle differenze di genere: ciò significa operare una de-costruzione dei processi stessi (simbolici, culturali o linguistici) che portano alla definizione del maschile e del femminile. Butler Kristeva Se finora i significati che sono stati attribuiti al genere hanno portato ad una crescente disuguaglianza è ipotizzabile che, decostruendo tali significati, si elimini anche l origine stessa della disuguaglianza. 7

ALCUNE CRITICHE Incapacità di spiegare relazionalmente il significato e le conseguenze della differenza Indistinzione tra i concetti di differenza e disuguaglianza Residualità della riflessività personale ed eccessiva decostruzione dei significati Rischio dell annullamento della differenza attraverso una prospettiva gender neutral 8

VERSO UNA RIVALUTAZIONE DELLA RELAZIONE TRA I GENERI: IL POST-FEMMINISMO RADICALE E I MEN S STUDIES Il tentativo di sfuggire all impasse che porta la teoria femminista a chiudersi in un solo genere (le donne) e a rimanere vincolata in questa circolarità oppure aprire alla neutralizzazione delle differenze Anche gli studi sull identità maschile sembrano convergere verso la necessità di intendere nuovamente il gender come un concetto relazionale: - sia internamente alla componente maschile della società - sia esternamente, nei confronti delle donne. Stanford Friedman Flax Connell (2004): ammette la possibilità di esprimere in diversi modi l identità maschile nella relazione sociale. Le tipologie da lui proposte sono rappresentate da: la maschilità egemonica ; la maschilità subordinata ; la maschilità marginale ; la maschilità di protesta. 9

IL CONTRIBUTO DELLA SOCIOLOGIA RELAZIONALE La relazione sociale come punto di partenza (codice simbolico della differenza, legami e ruoli sociali, eccedenza della relazione uomo e donna nei contesti dell esperienza quotidiana es. famiglia) Il concetto di differenziazione relazionale (maschile e femminile come non residuale) e l idea di persona (Donati, Rossi, Scabini) Somiglianza/dissomiglianza (dato biologico/natura costruzione sociale/cultura) e discriminazione/distinzione (dalla sola disuguaglianza come base della relazione di potere asimmetrico alla distinzione come base per una relazione reciproca) Codice duale come non residuale ma fondativo della differenza sessuale/di gender (riconoscimento di una reale alterità, nè dualistica né residuale, ma similare tra uomo e donna) interdipendenza relazionale Donati orientamento alla reciprocità 10 Di Nicola Rossi

LA DIFFERENZA DI GENERE COME INTERDIPENDENZA E ORIENTAMENTO ALLA RECIPROCITÀ ORIENTAMENTO ALLA RECIPROCITÀ elemento distintivo della relazione tra i generi La reciprocità si allarga a tutti i tipi di differenza (non solo rapporto uomo-donna) La persona è tale in quanto in relazione con le altre scambio dare-ricevere Interdipendenza relazionale tra i due generi : l io riconosce l altro simile a sé, attraverso la relazione. Bisogna conoscere le due strade e confrontarle, per trovare i confini e le specificità. Attraversamento dei confini maschile-femminile: oggi regole più flessibili

IPOTESI DI LAVORO E NUOVE SFIDE L identità sessuale/di gender in relazione alle dimensioni dell identità (identità personale, agency e identità sociale) Il concetto di riflessività applicato alla dimensione dell identità sessuale/di gender Il riconoscimento della differenza nell incontro con l altro attraverso al definizione del me/io/tu/noi nel maschile e nel femminile e nell appartenenza Nuove ipotesi per nuove sfide SFIDA: Differenti culture di gender nella società globale MULTICULTURALE 12

IN SINTESI Il punto di partenza della riflessione sul genere è stata la necessità di fornire una spiegazione alle pressanti richieste dei movimenti femministi e alle battaglie per il miglioramento della condizione femminile Oggi: necessità di dare un senso positivo e nuovo alla differenza, per valorizzare le relazioni e le differenze all interno dei molteplici percorsi di vita. Il codice simbolico del gender può rivelare positivamente il modo in cui un intera cultura affronta e gestisce la relazione tra l identico e il diverso, l uguaglianza nella pluralità delle prospettive e dei punti di vista. Il lato negativo è il rischio di incorrere in una generale de-differenziazione (neutralizzazione) delle specificità di ciascun gender; la perdita di una diversità è comunque una perdita. il processo di differenziazione fra i due generi sotto la figura dell uguaglianza/disuguaglianza (o della differenza-indifferenziazione) porta a delle fondamentali incomprensioni, mentre assumere la distinzione maschile/femminile sotto la figura della somiglianza/dissomiglianza risulta assai più fecondo e rispettoso della pari dignità di uomo e donna... nell ottica di una cultura relazionale delle interdipendenze fra i generi (Donati, 1998: 124). 13