LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COOPERATICA SOCIALE ACTL:

DATI DEMOGRAFICI AMBITO DI BRINDISI (Popolazione per classi di età) INDICATORI SU OBIETTIVI DI SERVIZIO E COPERTURA DELLA POPOLAZIONE TARGET

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO. Centro Regionale di Programmazione

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

Avviso pubblico n. 2/ Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n telefono 070/ telefax 070/ SERVIZIO SOCIO CULTURALE

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Barbara Schiavon Servizio Governo dell'integrazione socio sanitaria e delle politiche per la non autosufficienza

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Facoltà di Economia e Commercio

AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO

Presentazione dei risultati del questionario pubblico 28 marzo 2015

BILANCIO SOCIALE 2014

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n telefono 070/ telefax 070/ SERVIZIO SOCIO CULTURALE

coop soc mn Based on Albo Cooperative Sociali

E valida comunque per tutto il territorio nazionale.

Sant Antimo (capofila) Frattamaggiore Grumo Nevano Frattaminore Casandrino ASL Na2 Nord UFFICIO DI PIANO. Corso di formazione

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

Ambito Sociale di Larino Piano Sociale di Zona Tavolo di Concertazione AREA DISABILI

LE OPPORTUNITÀ OCCUPAZIONALI NEI SERVIZI DEL

Le Imprese Sociali in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca

IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

AREA della DISABILITA

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO,

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

Indice delle tavole statistiche

SCHEDA DI RILEVAZIONE (allegato alla domanda di iscrizione all Albo Comunale delle Associazioni)

«FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a:

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA

Le attività di ricerca e consulenza

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante.

Àncora Servizi e la rete assistenziale

Duemilauno Agenzia Sociale. Guida. al lavoro in Cooperativa

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI

Curriculum cooperativa Sociale Il Blue

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona

Bilancio di missione Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi

SFIDE E FUTURO DELLA TUTELA MINORILE NELL AMBITO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Fondazione Rosselli Torino, 5 dicembre Marco Morganti Amministratore Delegato Banca Prossima Responsabile Laboratorio Banca e Società

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali

Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle risorse e nuovi bisogni.

Le Cooperative Sociali in Liguria: la fotografia al 31 Dicembre 2009

Ambito Distrettuale 6.1

C O M U N E D I S E N I G A L L I A

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO a cura di Francesco Linguiti

Prove Esame di Stato

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA

IL SUPPORTO ISTITUZIONALE: l'esempio del Comune di Milano

Interventi Sociali anno 2010

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/ 14 DEL

A cura dell Osservatorio provinciale sulle Cooperative Sociali. Realizzato da. in collaborazione con A.G.C.I. FVG

IL SISTEMA SOCIO ASSISTENZIALE SI FONDA SU ALCUNI PRINCIPI E SU ALCUNE LEGGI PILASTRO

Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia

I numeri del nonprofit in Piemonte:

1. DISABILI E FAMIGLIA

Verso quale sistema di welfare? Giovanni Bertin Università Ca Foscari, Venezia

STRUTTURA ORGANIZZATIVA. SEDE SOCIALE: Via Giacomo Leopardi n Catania P.IVA

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

20 anni al servizio delle persone

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI

) NOMI (TN)

CARTA DEI SERVIZI ZUMBINI 6 APPRODI INNOVATIVI

Codice Etico e di Condotta ai sensi del D. Lgs. 231/2001. San Francesco srl Via Don Rovelli Pinarolo PO (PV)

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale

ASSISTENZA PER L ASSEGNAZIONE FUNZIONALE TEMPORANEA DI INFERMIERI OPERANTI NELLA CASA RESIDENZA EX NUCLEO RSA

Città di Acireale. Conferenza di servizi - Legge 328

A.S.L. N 4 LANUSEI Via Piscinas n Lanusei Tel. 0782/490599/565 P.I

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI

INDICATORI SU OBIETTIVI DI SERVIZIO E COPERTURA DELLA POPOLAZIONE TARGET

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA

Advertisement
Transcript:

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2

Primo Censimento sul Non Profit in Italia (Dati ISTAT 2002) Istituzioni Non Profit 221.412 Cooperazione Sociale 4.651 LEGACOOP 1250 "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 3

Cooperazione Sociale nel Non Profit La Cooperazione Sociale nel mondo del Non Profit incide per il 2,1% su tutte le unità; fornisce il 23% di tutto il personale impiegato nel settore con forme regolarmente retribuite. "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 4

NON PROFIT E COOPERAZIONE QUADRO GENERALE Istituzioni Non Profit 221.412 Cooperative Sociali 4.651 2,1% Risorse Umane INP 4 milioni di persone Risorse Umane COOP SOC 153 mila persone 3,8% Entrate delle INP 73 mila miliardi Entrate delle COOP Sociali 6 mila miliardi 8% "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 5

Censimento Istat Distribuzione cooperazione sociale per area geografica 34% 49% Nord Centro Sud 17% "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 6

Distribuzione nazionale per settore fonte legacoop 35% 65% Tipo"A" Tipo"B" "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 7

Cooperazione Sociale in Sardegna Cooperative Sociali iscritte al Registro Regionale Assessorato Igiene Sanità ai sensi della L.R. 4/88 n. 385 Fonte Assessorato Sanità Sett. 2003 "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 8

COOPERAZIONE SOCIALE LEGACOOP SARDEGNA ( dic. 2003) Cooperative sociali attive Tipo A 100 Tipo B 08 "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 9

ATTIVITA PREVALENTI Cooperazione Sociale A Sanità 362 Assistenza Sociale 2396 "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 10

Nell ambito della Assistenza sociale rientrano tutte le cooperative sociali di tipo A aderenti a LEGACOOP 36% dell universo censito da Istat. "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 11

Tasso di crescita e valore della produzione (1998 2001) Tasso di Crescita: 36% Valore di Produzione: +60% Cooperative sociali Legacoop costituzione di nuove cooperative: 22%; crescita e sviluppo delle attività di quelle esistenti: 78%. Elaborazioni Centro Studi Legacoop comparati con i dati ISTAT "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 12

COOPERAZIONE SOCIALE E WELFARE Dalla metà degli anni ottanta la cooperazione sociale diventa strumento innovativo, agile e importante nella riorganizzazione del processo dei servizi sociali non solo in Sardegna ma su tutto il territorio nazionale imprimendo alle politiche sociali e alla sua programmazione forti criteri di coesione sociale "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 13

La Cooperazione Sociale di tipo A si caratterizza nel Dare risposte alla cittadinanza con servizi di: Assistenza domiciliare agli anziani; interventi socio-educativi; interventi di sostegno alla genitorialità; assistenza a sofferenti mentali; interventi di animazione "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 14

Le Cooperative Sociali di Tipo A Gestiscono: Servizi Socio assistenziali e Socio Educativi Comunali e Intercomunali; strutture residenziali e di assistenza per anziani; centri diurni e case famiglie per sofferenti mentali; centri di aggregazione sociale, ludoteche etc. "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 15

gestiscono anche: strutture riabilitative per disabili; centri informagiovani ed informacittà; centri informazione immigrati; centri di orientamento scolastico e professionale. "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 16

Legislazione di riferimento L.R. 4/1988 Legge 381/1991 L.R.16/97 Legge 328/ 2000 "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 17

La cooperazione sociale partner degli Enti Locali Situazione attuale Forte dipendenza dal Settore Pubblico Prospettiva Conquistare maggiore autonomia migliorando le strategie imprenditoriali "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 18

E necessario: Cooperazione Sociale Appalti e Regole definire procedure e regole più adeguate negli appalti riconoscere il valore anche economico e di sicurezza del lavoro ( L.327/ 2000 e L.142/2001) riconoscere i costi per la gestione dei servizi "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 19

COOPERAZIONE SOCIALE E OCCUPAZIONE La Cooperazione Sociale di tipo A è uno degli strumenti del mercato del lavoro che ha determinato occupazione di genere Le donne hanno determinato il nascere della cooperazione sociale di tipo A Presenza femminile nella cooperazione sociale =65% ( dati nazionali Legacoop) "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 20

Donne cooperatrici sociali Età e titolo di studio 23/ 55 anni licenza media / laurea "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 21

Legacoop Sardegna Presenza femminile nella cooperazione sociale di tipo A = 80% Occupazione tra precarietà e tenacia Sistema degli appalti Mobilita flessibilità "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 22

Precarietà e mercato del lavoro nel settore della cooperazione sociale di tipo A Il sistema della mobilità interna alla cooperativa o i passaggi ad altra cooperativa per cambi di gestione è da me definita precaria continuità che talvolta si traduce in creatività, talvolta in muta accettazione del sistema. "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 23

Cooperazione Sociale Imprenditorialità positiva basata su: Tenacia Capacità progettuale Formazione Tecnica organizzativa Qualità Flessibilità "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 24

CONCLUSIONI La Cooperativa Sociale di tipo A è Un impresa al femminile che dalla flessibilità (oggi elemento caratterizzante il mercato del lavoro) collegata al rischio di impresa ha tratto la forza per: stabilizzarsi nel sistema del welfare dare risposte ai cittadini come partner attivo dell ente pubblico creare coesione sociale "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 25