comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
regolamento per la partecipazione di Scuole e Universita

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Corso di sociologia

MiComunico. Comunicazione di genere nella provincia di Milano

PIANO DI COMUNICAZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

Insieme contro la violenza di genere

MASCHI CONTRO FEMMINE

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010

PROGETTO INTEGRATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ NELLE SCUOLE RACCOLTA DI PERCORSI DIDATTICI

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

CONCORSO EDUCATIVO. Science for Peace SCATTA LA FOTO DI DIVENTA PROTAGONISTA DEL MOVIMENTO INTERNAZIONALE PER LA PACE PER IL PROGETTO

Percorsi di libertà come contrastare la violenza contro le donne

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

ALLEGATO 1. Specifiche progettuali e modello di presentazione del progetto e budget

All. B - PROGETTO GENERALE. ANNO SCOLASTICO PROMOSSO DA: Presidenza della Commissione P.O. della Regione Calabria 1 :

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola

Poveri noi Poveri voi Insieme per costruire un nuovo domani

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

Elementi di Pedagogia di genere. Dott.ssa Irene Biemmi

Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne

CURRICULUM VITAE ASSOCIAZIONE ONLUS DONNE IN RETE.EU CONTRO OGNI VIOLENZA. Associazione di volontariato Donne in Rete.eu contro ogni forma

ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, 1948

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini.

PROGETTO MEDICINA PER STARE

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROTOCOLLO CONTINUITA

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici e Socio-Sanitari

Ministero della Salute

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni

ASSOCIAZIONE ARTEMENTE

ANNO SCOLASTICO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe:

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Donne e pubblicità: esempi e coordinate per capire il caso italiano. Annamaria Testa

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

IL COACHING delle Ambasciatrici

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

PERCORSI DI LEGALITÀ...PER DARE SENSO AL FUTURO

PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi,

La musica è primaria

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

6.1 L occupazione femminile

Pari rappresentazione negli organi di Ateneo: teoria e prassi a confronto L esperienza dell Ateneo di Torino

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

PREVENZIONE ALLA VIOLENZA DI GENERE

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA

articolotr3 le discriminazioni ciclo di conferenze comunicare la parità 1 Festival della pubblicità corretta venerdì 2 - sabato 10 maggio 2014

OBIETTIVI IN TERMINI DI: COMPETENZE, ABILITÀ, CONOSCENZE E ATTIVITÀ COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE ATTIVITÀ

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

CLASSI PRIME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI MINIMI

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

Elsworth/Rose,ADVANTAGE 1,Longman. -Jordan/Fiocchi,Grammar Files,Trinità Whitebridge

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

Cesar Via Cottinelli, CONCESIO (BS) t

Anoressia e bulimia discutiamone insieme. Seminario di approfondimento sui disturbi del comportamento alimentare

Accordo di programma tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Coni

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni

Provincia Regionale di Messina Assessorato Ambiente Laboratorio Territoriale Nodo IN.F.E.A ECO RECYCLING POINT S.R.L. BRUNO S.P.A

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Titolo Relazione finale. Donna e ruolo dirigenziale nell Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

DICHIARAZIONE D INTENTI

Pari opportunità nei media

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Disciplina: CITTADINANZA E COSTITUZIONE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: l alunno. Scuola: Primaria De Amicis/Monterumici

Indice. 1. Definizione. 2. Valori. 3. Principi. 4. Doveri comportamentali. 5. Doveri di riservatezza. 6. Doveri di competenza

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Confederazione Italiana Centri RNF.

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia. Roberto Pedersini

Advertisement
Transcript:

POTERE ALLA PAROLA IV edizione 2015-2016 comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio Comitato SeNonOraQuando? Torino in collaborazione con il Salone Internazionale del Libro 1

LA PREMESSA Ciò che non si nomina non esiste * *Cecilia Robustelli, Lingua e identità di genere Il linguaggio, sia parlato che scritto, esprime e trasmette la visione della realtà di chi lo utilizza: non riflette la realtà in sé, ma il modo in cui essa viene interpretata esiste uno stretto legame tra l uso del linguaggio e la disparità sociale di potere è facile intuire quanto il mondo dei media si configuri come un luogo carico di responsabilità, diffusore della coscienza del mondo sociale e portatore di modelli di comportamento linguistico della società Ma non sempre i comunicatori hanno la consapevolezza dell influenza esercitata su questa percezione e delle conseguenze derivanti da un utilizzo scorretto della lingua, oggi non più tollerabile In una società globale e multiculturale, l immagine dell altro del diverso da sé è sempre più presente nella vita quotidiana. Prioritario da parte dei media il loro ruolo nella lotta contro ogni forma di discriminazione nel sostenere il cambiamento e nel promuovere modelli sociali, lavorativi e culturali in cui ciascun soggetto possa riconoscersi E se da un lato le donne stanno acquisendo maggiore partecipazione nella vita civile, dall altro vi è una resistenza nell uso della lingua a riconoscere tali posizioni e chiamarle con il loro nome Nonostante un ascesa in ruoli, carriere, professioni e visibilità delle donne, non esiste un adeguata trasformazione delle lingua che usa ancora il maschile attribuendogli una falsa neutralità. Poiché il linguaggio e la realtà cambiano di pari passo e si influenzano reciprocamente, è invece importante conoscere le parole che esprimono i cambiamenti in atto dal punto di vista della parità e del riconoscimento della differenza. E necessario definire le cose col loro nome che in italiano è sempre declinato anche rispetto al genere. GIULiA donne, grammatica e media, suggerimenti per l uso dell italiano di Cecilia Robustelli una questione di concetto il rispetto passa anche attraverso la restituzione del genere Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati, 8 marzo 2014 2

IL PROGETTO Per cercare di cambiare, insieme, il presente e il futuro delle donne in Italia, crediamo che si possa avviare un dialogo costruttivo e vogliamo far riflettere sulla necessità di continuare un cammino verso la parità: le donne, presenti in tante professioni fino a poco tempo fa appannaggio solo degli uomini, chiedono di essere riconosciute. Vorremmo che istituzioni, pubblica amministrazione, scuola, politica, e ogni forma di informazione usassero il femminile ogni volta che si parla di una donna, qualunque ruolo o incarico ricopra. (Donne con la A, SeNonOraQuando? Torino, marzo 2015) Per creare consapevolezza sul problema della discriminazione di genere nel linguaggio, riteniamo indispensabile INFORMARE E FORMARE LE GIOVANI GENERAZIONI. le donne chiedono di essere riconosciute. GLI OBIETTIVI Vogliamo ribadire la necessità di costruire insieme, uomini e donne, il rispetto delle differenze tra i sessi tramite la correttezza lessicale e l osservanza della grammatica nella comunicazione. Attraverso l ideazione e la produzione di testi o campagne creati dagli/dalle studenti/studentesse il progetto si pone anche altri obiettivi: promuovere azioni di sensibilizzazione, diffondere la cultura di parità e di superamento degli stereotipi, combattere la disuguaglianza di genere. 3

IL TARGET DI DESTINAZIONE Questo progetto è destinato ai/alle GIOVANI: studenti/studentesse della Scuola Secondaria di primo e secondo grado e di Specializzazione dei futuri comunicatori/comunicatrici. LE DUE SEZIONI Per la realizzazione del progetto sono previste due sezioni: DIRE LA DIFFERENZA, destinata a: - allievi/e della Scuole Secondarie di primo e secondo grado. PROMUOVERE LA DIFFERENZA, destinata a: - allievi/e di Scuole di Specializzazione nel settore della Comunicazione. DIRE LA DIFFERENZA Potere alla Parola propone per l edizione 2015-2016 un lavoro sul linguaggio capace di promuovere e includere le differenze di genere attraverso l uso delle parole nel rispetto della parità, sia nella forma che nella sostanza. Per ripristinare la correttezza lessicale e il rispetto delle differenze tra i sessi, occorre ripartire dalla grammatica della lingua italiana e dalla scelta delle parole. Lina Appiano, la grammatica e le parole, Mammeonline Siamo convinte che sia un passo necessario per garantire la rappresentazione dei due generi di cui è fatto il mondo: le donne non sono l altra metà del cielo, sono una delle due metà. (SNOQ, Torino 8 marzo 2015) 4

Non si tratta di sovvertire la grammatica o il lessico, ma il modo scorretto in cui vengono utilizzati, così che le donne risultino riconoscibili e autonome in ogni campo dell agire e del sapere e raccontate al di là di stereotipi sessuali. Ai/alle partecipanti della sezione Dire la differenza verrà richiesto di elaborare un TESTO corredato eventualmente anche da immagini, che EVIDENZI IL CORRETTO USO DEL GENERE NELLA LINGUA ITALIANA, nella forma di: FIABA, RACCONTO, POESIA, DIALOGO, ARTICOLO, O ALTRO PROMUOVERE LA DIFFERENZA In italiano i nomi hanno il genere grammaticale maschile o femminile: il neutro, nella nostra lingua, non esiste. Se si parla di esseri umani (ma spesso anche di animali) di solito il genere grammaticale esprime l appartenenza sessuale. Alcune teorie affermano che la lingua influenzi il pensiero. Altre che lo rappresenti. La pubblicità italiana è considerata tra le più sessiste al mondo. Crea, sostiene e promuove stereotipi e modelli discriminanti, relegando la donna a ruoli gregari, decorativi, ipersessualizzati, sempre insignificante dal punto di vista della personalità e soprattutto delle COMPETENZE. Come conseguenza, oltre che come donne oggetto, le figure femminili vengono rappresentate dalla pubblicità nei ruoli di casalinga o mamma felice. Quasi del tutto assenti invece le donne lavoratrici (ad eccezione dell ambito domestico). La pubblicità italiana poco si occupa di donne che lavorano e che ricoprono un ruolo sociale al di fuori della famiglia. Per questo è importante realizzare una campagna di sensibilizzazione a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio, anche quello della pubblicità. Ai/alle partecipanti della sezione Promuovere la differenza verrà richiesto di elaborare una campagna di comunicazione sociale che PROMUOVA IL CORRETTO USO DEL GENERE NELLA LINGUA ITALIANA, nella forma di: SPOT, AFFISSIONE, ANNUNCIO STAMPA, LEAFLET, BROCHURE 5

LA FORMAZIONE E previsto un breve incontro di formazione aperto a tutte le persone interessate. La data dell incontro è fissata per giovedì 29 Ottobre 2015, presso la Sala delle Colonne del Comune di Torino in P.zza Palazzo di Città, 1 - dalle ore 14,30 alle ore 18,00. Interverranno: Rachele Raus Linguista, Docente Universitaria Milena Boccadoro - Giornalista Lorenzo Todesco - Sociologo della Comunicazione, Docente Universitario Elena Rosa Esperta di pubblicità PER PARTECIPARE Tutte le informazioni saranno disponibili sul sito www.senonoraquando-torino.it Per partecipare, e per qualsiasi chiarimento, è sufficiente inviare una mail a: potereallaparola3@gmail.com Tutti gli elaborati e le proposte DOVRANNO PERVENIRE ENTRO E NON OLTRE IL 31 marzo 2016, al seguente indirizzo di posta elettronica: potereallaparola3@gmail.com Referenti del progetto: Albertina Bollati cell. 3357720914 e Miresi Fissore cell. 3336866014 6