Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Sci alpinismo nel gruppo di Puez

PROGRAMMA CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI Fara San Martino Approvato nel C.D. n 1/2015 del

Itinerario n Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO Luglio Schede descrittive degli itinerari

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

ULTRATRAIL 50 Km m dislivello positivo

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

TREKKING DEL "SELLARONDA"

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel )

TREKKING IN VAL MASTALLONE

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

Itinerario n Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore

Itinerario n La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo

Mobile Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

Itinerario 13. Orgia, Itinerari del Museo del Bosco: La passeggiata del Conte, Il fiume, il Romitorio, le carbonaie

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

Totes Gebirge - Austria

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

visita il nostro sito

LA VALLE DI PALANFRÈ

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno

SETTEMBRE 2011 SABATO 3 Itinerario ad anello con partenza da Campigna

17 Luglio Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Descrizione analitica dei sentieri CAI

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso

Monte Spino da S. Michele

C.A.I. PONTE S. PIETRO

: RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

Sezione di Avezzano. Sentieri del Parco Naturale Regionale Sirente Velino curati dalla sezione di Avezzano in accordo con l Ente Parco

Sezione di Avezzano. via G. Mazzini n. 32 Cap C.P. 284 Tel

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso)

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita m 15 km. 5 h (senza soste)

SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA

Ciaspolando nelle Dolomiti

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D /D )

INDICE 7.1) MONTE IGNO ) MONTE PRIMO ) VALLE DELLA SCUROSA ) GAGLIOLE E VALLE DELL ELCE... 8.

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich

PV-01 La Lomellina tra Pavia e Vigevano

Percorso Zona Orientale

Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del "Cammino di S.Carlo"

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna Segnaletica

BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Cima Grande di Lavaredo via Hasse Brandler

Sentieri a a a 995 DESCRIZIONE TEMPI NOTA

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

La Via Francigena. Tappa TO09 Da Gambassi a S. Gimignano

Monte Pisanino. Descrizione del percorso

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA".

5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI)

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

UN PARCO PER LE FAMIGLIE

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

LE ESCURSIONI piu belle della Val Venosta

Pizzo d'uccello (m.1781) - via Oppio- Colnaghi

TREKKING ALTA VIA DEI PASTORI

VAL PESIO. Sentiero Natura Certosa-Pian delle Gorre Cascate del Sault e Gias Sottano di Sestrera

Itinerario n Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

TREKKING. Claudio Pozzi, Guida alpina professionista

ORGANIZZA. Dal 25 al 29 luglio. Trekking di 4 giorni da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino di Castrozza

Trekking per il Monte Rosso - Roteck

Itinerario n La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

CIMA DI PRAMPERET m 2337

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Dolci Ricordi. Bed. Breckfast. Itinerario Partenza Arrivo Descrizione Difficoltà

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI

Esplorando i Sentieri del Linas in MTB

MAKALU 8463 m, NEPAL via normale nord-ovest, discesa in sci e cenni sulle altre vie del versante ovest 1

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di Borgomanero Corso Sempione, Borgomanero (NO)

DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede

VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello)

Percorso Sardegna Centrale

61 Ghiacciaio della Capra

Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

Advertisement
Transcript:

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Descrizione Ubicato a 1542 m sul versante settentrionale della Maiella, alle coordinate geografiche N 42 008 09 E 14 003 39, il rifugio é intitolato a Paolo Barrasso, un biologo che ha contribuito in modo sostanziale alla conoscenza dell ecosistema della Maiella in generale e della Valle deil Orfento in particolare. Prezioso collaboratore del Corpo Forestale dello Stato, è scomparso in un incidente in montagna nel 1991. Splendida base per attività escursionistica e, soprattutto d inverno, per lo scialpinismo, il rifugio si trova in una posizione panoramica che permette di spaziare sull intera Val Pescara, sulla catena del Gran Sasso e sul gruppo Velino-Sirente. La facilità di accesso con un percorso su prato oggettivamente privo di pericoli, consente a chiunque sia dotato di un minimo di preparazione di raggiungerlo in un ora. Itinerario per raggiungere il rifugio Da San Nicolao, frazione di Caramanico Terme, proseguire verso S. Eufemia a MaieIla, per raggiungere dopo km 1.800, a sinistra, il bivio con la strada forestale (asfaltata) che prosegue fino ad un piccolo piazzale, in località Guado S. Antonio (m. 1243), dove la carrozzabile è sbarrata, e, proseguendo (a piedi), si accede nella riserva naturale Valle dell Orfento. Da Guado S. Antonio parte in direzione Sud (a destra) un altra strada forestale, anche questa sbarrata, che dopo qualche centinaio di metri termina presso un bellissimo rjfugetto in legno. Seguirla per deviare poi sulla destra, qualche decina di metri prima del rifugetto, all altezza di una fonte con abbeveratoio, e quindi proseguire seguendo gli ometti e i segnavia bianco-rossi su di una cresta, costeggiando sul lato destro idrografico un evidente canale che sale verso Sud Est e termina sotto il rifugio Barrasso. Il canale si attraversa appena sotto il rifugio che si raggiunge in breve dopo un tratto un po ripido (1 ora da Guado S. Antonio). Itinerario per raggiungere il rif. Barrasso

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina m 1542 Possibilità escursionistiche La posizione del rifugio si presta come base per bellissime escursioni estive ed invernali. Escursioni estive Riguardano la salita al M. Pescofalcone e al M. Rapina. La salita al Monte Rapina costituisce una bella e semplice escursione che seguendo il sentiero recentemente segnato dal rifugio raggiunge a mezza-costa la cresta NO del monte e permette di ammirare la sottostante Valle dell Orfento. Dalla Cima del M. Rapina l itinerario prosegue seguendo quasi integralmente la cresta per raggiungere la cima del Pescofalcone, dalla quale è possibile osservare quasi tutto il versante NO della Maiella. Le escursioni più belle sono le traversate, tutte di grande soddisfazione e di interesse paesaggistico. Ne suggeriamo qualcuna, non senza aver precisato che si tratta di escursioni impegnative che prevedono esperienza, un buon allenamento e capacità di muoversi in montagna facendo uso della carta su itinerari la cui segnaletica è ad oggi ancora insufficiente. 1) Traversata (estiva) Rif. Barrasso Fara San Martino (EE) Salita la vetta del Pescofalcone scendere attraversando a mezzacosta in direzione Sud un pianoro punteggiato da alcune doline. Trascurando la salita a M. Amaro, raggiungere una sella all estremità Sud del pianoro affacciandosi sulla Val Cannella e scorgendo in basso il rif. Manzini. Raggiungere il rifugio e proseguire a destra (Sud) raggiungendo il fondo della valle e seguirla tutta fino a Fara. Punti significativi: la Grotta dei Diavoli sulla destra

idrografica e la Grotta dei Porci sulla sinistra, raggiungibili entrambe con brevi deviazioni. Ugualmente significativi sono il bosco di Macchia Lunga, la Sala del Monaco, il Vallone di Santo Spirito e il monastero omonimo, recentemente dissepolto. 2) Traversata (estiva) Rif. B Barrasso Campo di Giove (EE). Dall itinerario precedente, scendendo dal Pescofalcone, dopo aver raggiunto la sella del Manzini, risalire la cresta Nord di M. Amaro (m 2793) fino in vetta. Di qui scendere nel sottostante vallone di Femmina Morta fino alla depressione di Fondo di Maiella e imboccare a destra (Sud) la selletta di Forchetta Maiella per seguire il sentiero fino a Macchia di Secine, dove una strada forestale consente di raggiungere la SS 487, poco prima della base degli impianti di risalita di Campo di Giove (Guado Coccia). 3) Traversata (estiva) Rif. Barrasso Grotta del Cavallone (EE) Dal Monte Amaro, raggiunta Grotta Canosa, scendere per 140 (SE) imboccando la Valle di Taranta a destra (Sud) dell Altare di Stincone. Percorrerla tutta uscendo in fondo, a sinistra, su una traccia di sentiero che conduce alla stazione superiore della bidonvia per la Grotta del Cavallone (se aperta, merita una visita, informarsi prima). Di qui, con l impianto, se funzionante, oppure seguendo i piloni, raggiungere la strada sottostante (SS 84 Frentana: tratta Lama dei Peligni Palena). Escursioni invernali Sono essenzialmente di scialpinismo (BSA) e riguardano la salita al M. Rapina e la discesa verso San Nicolao fin dove l innevamento lo consente. Più impegnativa, da effettuare preferibilmente in primavera, è la salita fino all imbocco di Rava Cupa (cresta NO del Pescofalcone), che consente una meravigliosa discesa nel canale fino alla strada forestale per la Cesa, oppure il ritorno sul M. Rapina traversando a mezza costa. La salita invernale alla cima del Pescofalcone è di tipo alpinistico e prevede l uso di piccozza e ramponi.

Rava Cupa e il Pescofalcone Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina m 1542

Rif. Barrasso d inverno