MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

CIMA DI PRAMPERET m 2337

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

: RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

C.A.I. PONTE S. PIETRO

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

Totes Gebirge - Austria

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

Ferrata Siggioli & Pizzo D Uccello

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

Percorso Zona Orientale

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

TREKKING DEL "SELLARONDA"

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

17 Luglio Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche

Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- :

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

Itinerario n La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo

Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del "Cammino di S.Carlo"

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza

Itinerario n La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

Itinerario n Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla

TREKKING IN VAL MASTALLONE

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Pizzo d'uccello (m.1781) - via Oppio- Colnaghi

SETTEMBRE 2011 SABATO 3 Itinerario ad anello con partenza da Campigna

Cima Grande di Lavaredo via Hasse Brandler

Monte Pisanino. Descrizione del percorso

Ispuligidenìe (Cala Mariolu)

TORRE VENEZIA, m 2337 parete O via Castiglioni-Kahn + varianti Soldà e centrale ed uscita Livanos salite del 12/10/1999 e del 22/5/2011

primo avamposto roccioso, spostandosi, al suo termine, a sinistra ove si trova una sosta su chiodi uniti da cordino rosso. Noi abbiamo sostato qui,

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA".

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO Luglio Schede descrittive degli itinerari

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel )

Itinerario n Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

TREKKING ALTA VIA DEI PASTORI

Alice Terasc (Val Bavona), 7a+ (6b+ obbl.)

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

Itinerario 13. Orgia, Itinerari del Museo del Bosco: La passeggiata del Conte, Il fiume, il Romitorio, le carbonaie

SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

Mobile Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

10 Maggio 2015 Rapallo (Santuario Caravaggio)

APPENNINO MARCHIGIANO - MONTE DI MONTIEGO Cresta del Ferro da Stiro

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

CIASPOLATA NEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO LAZIO E MOLISE

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

larioclimb.paolo-sonja.net PARETE STOPPANI BELLEZZA ESP. QUOTA PERIODO AVV. ALTEZZA STILE LIVELLO ATTREZZATURA CORDA

Alta Via dell'adamello

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich

Ferrata Monte Albano Ottorino Marangoni 2014, Mori

Vesio, maneggio (m 680) bivio Bocca Sospiri (m 1.000) Piazzale con traliccio (m 1.305) Val Cerese (m 1.266).

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Monte Spino da S. Michele

Da Nebbiuno a Fosseno percorso nr 1

LA VALLE DI PALANFRÈ

Sentieri a a a 995 DESCRIZIONE TEMPI NOTA

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

Lombardia, Alpi Retiche, Gruppo Masino-Bregaglia, Valle dell'oro, Valtellina, Sondrio

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

DAI PIANI RESINELLI AI SENTIERI DELLA GRIGNA

Azzerare il contachilometri

ESCURSIONE DEL PER LE CRESTE DELL'ANFITEATRO DELL'ALTA VALLE DELLE FERRIERE A S.MARIA DEI MONTI

Itinerario n Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

la vostra avventura inizia con noi dolomiti skirock

Dolci Ricordi. Bed. Breckfast. Itinerario Partenza Arrivo Descrizione Difficoltà

TI04 - L'Ipposidra, la ex-ferrovia a cavallo

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI

ULTRATRAIL 50 Km m dislivello positivo

DOLOMITI FRIULANE. Trekking Agosto 2015

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

: ARENZANO-PASSO GAVETTA-PASSO GAVA-P. TARDIA CREVARI-CAMPENAVE-VOLTRI :

Mezzanino Vecchio gattile STRADELLA Montù Beccaria Nuovo gattile Dove siamo

Da sasso a eremo di San Valentino

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Trekking per il Monte Rosso - Roteck

visita il nostro sito

ESCURSIONI AL LAGO SANTO MODENESE APPEN- NINO TOSCO-EMILIANO

I MARMI DI ROCCA BIANCA

Metato (408 m) - Focetta San Vincenzo (912 m) [innesto sentieri 101 e 112] Figura 1: Metato

Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D /D )

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

Distelgrube Faltmaralm

DA RIMINI ALLA VERNA A PIEDI IN CINQUE TAPPE

Advertisement
Transcript:

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge NOTIZIE. La cosiddetta Cresta dei Tausani è la dorsale che, dalla SS 258 Marecchiese in corrispondenza di Ponte Santa Maria Maddalena (188 m.), sale a Montefotogno (458 m.) passa per il caratteristico Borgo di Tausano (445 m.) e raggiunge il Monte Gregorio (578 m). Continua poi quasi in piano fino al Monte Penna del Gesso (578 m.) ed è tagliata in due dal Varco della Biforca (509 m. deviazione per il Monastero di Sant Igne). Da qui la cresta riprende a salire fino a raggiungere il suo culmine alla croce del Monte San Severino (658 m.) sopra il cimitero di San Leo. E un luogo molto frequentato dagli amanti della montagna della Bassa Romagna. Un posto a due passi dal mare dove si possono trascorrere piacevoli giornate in ambiente montano. Per gli appassionati della scalata è un interessante terreno di gioco fruibile praticamente tutto l anno grazie alla favorevole esposizione. Nella parte più rocciosa della dorsale sono stati attrezzati in questi ultimi anni numerosi itinerari di varie difficoltà con diverse vie anche di più tiri. Nel complesso un sito di arrampicata molto apprezzato ed utilizzato anche come palestra per i corsi roccia. Per le sue numerose caratteristiche nell ambiente alpinistico riminese la zona è denominata Piccole Dolomiti della Provincia di Rimini. L itinerario escursionistico più frequentato è sicuramente il sentiero che dal paese di Tausano percorre la cresta dell intera dorsale fino al valico stradale della Biforca per risalire nuovamente fino alla vetta del Monte San Severino, il punto più elevato dal quale si può ammirare un bellissimo panorama a 360 sull Alta Valmarecchia. Il ritorno normalmente avviene sul fianco nord con passaggio obbligato al Convento di Sant Igne, percorrendo in parte una carrabile a fondo bianco che conduce nuovamente a Tausano. Il versante Est di questa piccola catena montuosa presenta pareti molto ripide e scoscese. Soprattutto il versante Est, che va dal Monte Fotogno (458 m.) al Valico della Biforca; alterna zone boscose a pareti verticali o strapiombanti interrotte da boschetti pensili e esposte cenge erbose. Molto selvaggia e aspra è pure la vasta zona di frana del versante Est del Monte Gregorio e Tausano. Un ambiente nel complesso selvaggio, poco invitante per l escursionista e poco adatto alla scalata a causa della roccia discontinua e poco buona. A parte la via Sogno di Mezza Estate aperta sul versante Est del Monte Gregorio nei pressi del paese di Tausano, è sui versanti assolati delle guglie della Penna del Gesso nei pressi del Valico della Biforca che si è sviluppata l attività di scalata. Monte Penna del Gesso Punta del Sarto Monte Gregorio La Biforca Loris Succi - settembre 2014 1

AVVERTENZE. L itinerario escursionistico proposto, per gli aspetti tecnici e i luoghi attraversati rappresenta sicuramente una novità per la zona. Il tratto di percorso che si svolge sul versante est di questa dorsale, collega un interessante sistema di cenge e boschetti pensili che caratterizzano questo lato della montagna. Oltre alle evidenti tracce di passaggio di animali, alcuni interessanti manufatti che si incontrano, dimostrano come in tempi passati queste cenge fossero utilizzate non solo dagli animali ma anche dall uomo. E un percorso avvincente, per niente banale, sia dal punto di vista tecnico che panoramico, con bellissimi colpi d occhio su San Marino, sul Monte San Paolo, sul Carpegna e sulla valle sottostante. Inoltre la salita alla Punta del Santo, dove sono concentrati i passaggi più tecnici dell intero percorso, se pure breve, può essere considerata a tutti gli effetti una vera e propria salita alpinistica. Presenta diversi tratti esposti e alcuni passaggi di facile arrampicata da non sottovalutare. Anche molte altre sezioni della traversata sul versante Est risultano esposte e richiedono passo sicuro e assenza di vertigini. Poiché lungo tutto l itinerario (a parte un breve tratto attrezzato sulla Cengia di Pietramaura) non sono presenti ancoraggi per eventuali assicurazioni, è necessaria una certa esperienza nel muoversi in ambiente di montagna non protetto. L escursione è proposta con partenza e ritorno dal parcheggio della Chiesa di Montefotogno sulla strada asfaltata che dal Ponte Santa Maria Maddalena sale al paese di Tausano. In questa maniera il Sentiero delle Cenge è integrato con il tracciato di una mulattiera poco conosciuto e interessante dal punto di vista paesaggistico che raggiunge la dorsale principale salendo dal versante Sud/Ovest. Se si vuole evitare questa prima parte si può risalire con l automobile la strada asfaltata di Tausano, parcheggiare alle pendici del versante est del Monte Fotogno e partire a piedi in corrispondenza di un impianto di trasformazione della linea elettrica collocato su due pali (vedi relazione). In ogni caso il percorso viene proposto in questo senso di marcia perchè in questo modo si percorre in salita il tratto più impegnativo dell intero percorso: l ascensione alla Punta del Sarto che richiede in più situazioni l uso delle mani. Naturalmente sono possibili diversi collegamenti e variabili che ognuno si potrà costruire anche in base alle più approfondite conoscenze del luogo. La relazione, la presenza di alcuni ometti, l obbligatorietà dei passaggi e le evidenti tracce aiuteranno l orientamento su questo percorso non segnato. Come proposto, sono necessarie circa quattro ore ma occorre calcolare un po di più per chi lo affronta per la prima volta. Visti i numerosi passaggi insidiosi è opportuno che venga ripetuto con tempo buono e terreno asciutto. Sulla Cengia di Pietramaura, sullo sfondo San Marino 2

RELAZIONE. Parcheggiata l automobile nei pressi della Chiesa di Montefotogno, sulla strada asfaltata che da Ponte Santa Maria Maddalena sale al paese di Tausano, si percorre a piedi la strada asfaltata in direzione del paese di Tausano. Dopo circa duecento metri, a un bivio si prende a destra una stradina inghiaiata che si percorre per circa cinquecento metri. Dopo una casa bianca isolata sulla destra, alla fine di una breve discesa, si prende sulla sinistra un evidente mulattiera che in salita conduce sulla strada asfaltata di Tausano, alle pendici del versante Est del Monte Fotogno. Se si vuole evitare questa prima parte si può salire direttamente con l auto per strada asfaltata fino a questo punto. Si prosegue a destra per un breve tratto sulla strada asfaltata fino a un impianto di trasformazione della linea elettrica collocato su due pali. Si prende sulla sinistra (grosso palo ENEL) una larga traccia di sentiero che sale nel bosco in direzione della cresta. A un primo bivio si sale a destra fino a raggiungere il sentiero di cresta. Si scende a sinistra per una radura raggiungendo il filo della cresta. Si scende lungo il filo di cresta fino a imboccare (pochi metri prima di un albero con segnavia bianco rosso) una poco evidente traccia di sentiero che verso destra conduce a una cengia (La Cengia di Tausano) che permette di scendere nel versante opposto alla base della parete. Si segue la traccia nel bosco che verso destra porta alla vasta frana di Tausano. Diversi ometti segnalano l attraversamento del complesso e grande ghiaione di frana fino a uscire sullo stradello proveniente da Poggio Peggio nei pressi del paese di Tausano. Si prosegue in salita sullo stradello in direzione di Tausano. Dopo una cinquantina di metri nel punto in cui lo stradello piega a destra, anziché risalire al vicino paese si devia a sinistra e si prosegue nella traversata del versante Est della montagna. Si lascia sulla destra la traccia che sale nel camino di attacco della via Sogno di Mezza Estate e si scende verso sinistra nella grande frana del versante Est del Monte Gregorio. Diversi ometti segnalano il percorso attraverso la frana fino a uscire sullo stradello che conduce al Valico della Biforca. Dopo un chilometro e mezzo circa si lascia sulla sinistra la deviazione per il paese di Pietramaura e si prosegue in leggera salita verso la Biforca. Giunti sotto la verticale della sovrastante Palestra di Arrampicata anziché proseguire lungo lo stradello si sale nel boschetto in questo punto largo solo qualche metro fino alla base della parete, per prendere una cengetta che con ampio giro verso destra sale e sbuca alla base della parete superiore poco sotto l attacco della Via degli Aquilotti. Si percorre l intera cengia verso destra toccando tutti gli attacchi delle vie della palestra fino a raggiungere lo spigolo della Punta del Gesso poco oltre l attacco dell ultima via (Raggio di Luce). Un breve tratto attrezzato permette di scendere agevolmente sul versante opposto. Si attraversa in leggera salita il pendio ghiaioso fino a raggiungere un marcato canale. Si scende nel canale, poi per cengette e paretine con passaggi di I e II grado si scende al bosco sottostante. La grande frana sul versante est della dorsale del Monte Gregorio All estrema destra della parete sale la via Sogno di mezza estate 3

Si segue verso sinistra una traccia che per una trentina di metri costeggia la parete, si prosegue in mezzo al bosco in direzione Sud/Est per una cinquantina di metri fino a un largo stradello sterrato nel bosco. Si percorre per un centinaio di metri verso sinistra l ampio tratturo fino al suo termine a ridosso della parete. In questo punto sono presenti alcune caratteristiche rientranze nella roccia annerite dai segni di antichi fuochi. Si prosegue verso destra stando rigorosamente a ridosso della parete fino a imboccare in salita una caratteristica cengia rocciosa. Siamo all inizio della salita alla Punta del Sarto. La salita presenta diversi passaggi di I e II grado. Il percorso è evidente ed obbligato, sale per cenge e paretine che in svariati punti sono esposte al vuoto e verso il suo termine, un breve camino/canale, sbarrato da un muro di contenimento, richiede una facile arrampicata. Usciti dalla parete sul pendio erboso, si sale sulla destra per una cinquantina di metri a ridosso della cresta rocciosa che conduce alla Punta del Sarto, punto più elevato della vasta parete. Bellissimo panorama a 180 verso Sud/Est. Si prosegue per una trentina di metri in direzione Ovest su una crestina appena accennata ai margini del bosco fino a un evidente intaglio. Si va a destra e dopo una trentina di metri si abbandona la traccia per scendere per una costola erbosa in mezzo a una piccola radura fino a imboccare sulla destra il canale che conduce nuovamente sulla parete Est. Si prosegue verso sinistra per una cengia (La Cengia di Mezzo) con percorso pressoché pianeggiante ma molto esposto fino a uscire nel bosco. Senza apprezzabili variazioni di quota si contorna tutta la conca sotto la sella che divide la Penna del Gesso dal Monte Gregorio. Si continua in leggera salita fra vegetazione rada e rocce affioranti fino a una crestina ai margini del bosco fitto. Si scende per una decina di metri lungo la cresta fino ad un gradone di roccia che costringe a girarci e ad utilizzare le mani: siamo sulla Cengia del Belvedere. Attraversata la breve ma esposta cengia (buone prese per le mani) s imbocca un bel sentiero nel bosco che conduce all attacco della Cengia del Gregorio. Con un saliscendi, a ridosso della parete strapiombante, la si percorre tutta con tratti molto esposti e panoramici. Verso il suo termine, in piena parete gialla e strapiombante, un interessante grotta naturale mostra evidenti segni di utilizzo a testimonianza di antiche presenze umane. Superato lo spigolo, si imbocca in salita una cengetta. Un ultimo passaggio in traverso su un insidiosa placca di roccia ci permette di uscire dalle difficoltà e immetterci sull ampio sentiero di cresta. In breve si scende al paese di Tausano e da qui si ritorna alla Chiesa di Montefotogno percorrendo il breve tratto di strada asfalta fino alla mulattiera percorsa in salita. Settembre 2014 Loris Succi Testimonianze di antiche presenze umane La salita alla Punta del Sarto 4

5