Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese?

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Che lingua parla l Università italiana? di Gianpaolo Fontana, Ricercatore in diritto costituzionale - Università Roma Tre

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

SINTESI DELLA VALUTAZIONE DEI CORSI INTENSIVI DI INGLESE (Febbraio 2009)


prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

I libri di testo. Carlo Tarsitani

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

Strumenti didattici per la medicina generale

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

Carta degli studenti dell Università per Stranieri di Siena

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO TRIENNIO

Vent anni di Erasmus. Bilancio e prospettive

Università: Unicusano. Insegnamento: Sociologia dell ambiente e del mutamento sociale

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S

MIURAOODGOS prot. n Roma, 25 luglio 2014

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

Università del Salento

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

Linee strategiche per l internazionalizzazione dell Università di Padova. Alessandro Martin Prorettore, Relazioni Internazionali

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Classe: 2^B E Docente: Maurizio Verrina

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Facoltà di Giurisprudenza Programmazione didattica a.a. 2012/2013 LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA


PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

Introdurre alla realtà, ecco cos è l educazione.

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù

FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE

CORSO DI LINGUA INGLESE LIVELLO BEGINNER/ELEMENTARY (A1)

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

Discorso di apertura

PIANO DI LAVORO ANNUALE

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S

OSSERVAZIONI SUGLI ADATTAMENTI I.S. WALSER E MONT ROSE B B) MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO E FACILITANTI L ATTUAZIONE

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

Terziario Donna. Può apparire quasi provocatorio, un atteggiamento elitario e sterile che non guarda ai reali problemi del Paese

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere

Accademia Meytaqui (1983)

4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO

Presentazione. Cecilia CORSI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

FELLOWSHIP PROGRAM MUSEO DELLE ANTICHITÀ EGIZIE - TORINO EDIZIONE 2016

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e Letterature straniere. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a

Università degli Studi di Siena

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Progetto educativo. AA. SS (fase preparatoria); (realizzazione in classe)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

LINGUA E CULTURA STRANIERA

ECONOMIA E FINANZA (MEF)

Master s Degree in European and International Studies (Laurea Magistrale in European and International Studies)

Plurilinguismo: dal mondo a casa nostra Poster 6

Non cercate di soddisfare la vostra vanità, insegnando loro troppe cose. Risvegliate la loro curiosità.

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

Le aree disciplinari dentro cui costruire gli obiettivi formativi

Oggetto: Agevolazione personale PdS e loro familiari. Roma, il 28 Ottobre 2013

Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione.

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Profilo delle competenze Competenza Chiave Discipline coinvolte

Cos è la Scuola Galileiana

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

Università degli studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Master s Degree in European and International Studies (Laurea Magistrale in European and International Studies)

Sociologia e politiche sociali

Pos. AG Decreto n. 404 IL RETTORE

Elsworth/Rose,ADVANTAGE 1,Longman. -Jordan/Fiocchi,Grammar Files,Trinità Whitebridge

CORSI DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 LM-52)

Advertisement
Transcript:

Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese? Posizione del gruppo: CONTRO Composizione del gruppo: Michele Petrucci 73604 Valentina Viandante 74093 Corinne di Cesare 73850 Lorenzo Bazzano 73276 Francesco Alfredo Manieri 74710 Prima argomentazione 1 Premessa: Ogni studente per legge in Italia deve avere diritto allo studio. 2 Premessa: Il percorso universitario per essere fruttuoso non deve fornire agli studenti dei semplici contenuti. 3 Premessa: Erogare un corso di laurea interamente in lingua inglese va contro i principi costituzionali Italiani. :.(Tesi): Un università non può erogare un corso di laurea magistrale interamente in lingua inglese. Seconda Argomentazione 1 Premessa: La formazione universitaria corretta non è esclusivamente un passaggio di nozioni e contenuti ma una formazione tesa ad acquisire le capacità di rielaborazione dei contenuti stessi.

2 Premessa: Il rapporto tra lingua e pensiero è stretto, ed è quindi naturale che l elaborazione concettuale avvenga nella lingua madre. :.(Tesi): L uso esclusivo della lingua inglese porterebbe ad un impoverimento dell attività formativa. Terza Argomentazione 1 Premessa: Acquisire la padronanza di una lingua straniera, conoscere le sfumature che la caratterizzano e saper sostenere un dialogo interamente in lingua è molto difficile senza un istruzione adeguata. 2 Premessa: A differenza delle altre scuole europee dove si impara soprattutto a parlare e esprimersi, in Italia per studiare una lingua ci si focalizza troppo sulla scrittura e sulla grammatica. 3 Premessa: Mentre negli altri paesi nelle scuole superiori lo studio della lingua inglese è sempre presente, in Italia alcune scuole superiori non prevedono lo studio di questa lingua. :.(Tesi): La qualità del modello d insegnamento della lingua inglese in Italia è inferiore rispetto alle altre nazioni.

Quarta Argomentazione 1 Premessa: I docenti che non concordano con l insegnare le loro materie in inglese devono quasi sempre optare per l insegnamento nel triennio, dove invece si utilizza in via esclusiva l italiano. 2 Premessa: Molti docenti non avendo studiato in modo approfondito la lingua inglese nel loro periodo di studi, hanno più difficoltà nell insegnare discipline in lingua straniera. :.(Tesi): L uso esclusivo della lingua inglese in un corso di laurea causa disagi non solo agli studenti ma anche ad alcuni docenti. Quinta Argomentazione 1 Premessa: L uso esclusivo della lingua inglese in una laurea magistrale o in un dottorato di ricerca pone in posizione marginale la lingua ufficiale della Repubblica. 2 Premessa: L italiano va considerato come patrimonio storico-culturale, sia in senso statico, cioè come bene culturale da conservare, sia in senso dinamico, cioè come

elemento essenziale e conformante di un certo modo di pensare che è proprio di ogni lingua. 3 Premessa: Anche se molto importante, lo studio della lingua inglese non è l unico strumento utile alla formazione universitaria, bisogna invece rafforzare gli strumenti e i corsi già presenti nell università italiana. :.(Tesi): L apertura culturale delle università non si estende fino alla possibilità di sopprimere per interi corsi di laurea l utilizzo della lingua italiana. 1 Contro argomento: L insegnamento della lingua inglese in ambito universitario consolida la preparazione degli studenti e permette al paese di evolversi adeguandosi agli standard della globalizzazione. Argomentazione 6 (prima confutazione): E bene chiarire che l internazionalizzazione delle università Italiane non coincide con la loro anglicizzazione. Quando si parla di internazionalizzazione dei percorsi universitari, scatta immediato il corto circuito mentale lezioni in inglese. Ma in realtà non è così, poiché internazionalizzazione dovrebbe significare allargamento dei propri orizzonti verso ogni direzione, non soffermandosi esclusivamente su un unica lingua, affinché lo sguardo della cultura universitaria divenga realmente a 360 gradi.

2 Contro argomento: L insegnamento della lingua inglese in ambito universitario permette agli studenti di avere un futuro lavorativo migliore e porta il paese a maggiori guadagni economici. Argomentazione 7 (seconda confutazione): La colonizzazione linguistica inglese costa a noi italiani più di 60 miliardi di euro l anno, mentre la Gran Bretagna avendo abolito l insegnamento della lingua straniera dal 2004 risparmia 18 miliardi di euro ogni anno. Fonti: [1] Voce Lingue, quando il metodo di apprendimento fa la differenza raggiungibile al link: http://www.panorama.it/economia/lavoro/imparare-lingue-metodo/ [2] Voce Tar di Milano sentenza laurea magistrale in inglese raggiungibile al link: http://www.forumcostituzionale.it/wordpress/images/stories/pdf/documenti_forum/gi urisprudenza/giurisdizioni_amministrative/0015_croce.pdf [3] Voce Perché gli italiani non parlano inglese raggiungibile al link: http://www.linkiesta.it/it/article/2015/04/14/perche-gli-italiani-non-parlanolinglese/25478/ [4] Voce Le lingue: identità, emozioni e anima raggiungibile al link: http://www.ateneapoli.it/news/archivio-storico/le-lingue-identita-emozioni-anima [5] Voce E se le università italiane parlassero inglese? raggiungibile al link: http://www.panoramitalia.com/it/arts-culture/fine-arts/se-le-universita-italianeparlassero-inglese/1584/ [6] Voce Lingua inglese all università? Parere Accademia della Crusca raggiungibile al link: http://www.accademiadellacrusca.it/it/tema/lingua-inglese-universit [7] Voce Manifestazioni per la democrazia linguistica raggiungibile al link: http://www.internacialingvo.org/it/la-lingua-federale/livello-a1/86- notizieera/centopercentoitaliano-it/133-manifestazione-per-la-democrazia-linguisticacontro-loccupazione-inglese-dellitalia-e-del-mondo.html

Svolgere un dialogo interamente in lingua inglese è molto difficile senza un istruzione adeguata. Nello studio della lingua inglese in Italia ci si focalizza troppo sulla scrittura e sulla grammatica. In Italia alcune scuole superiori non prevedono lo studio della lingua inglese. Ogni studente per legge in Italia deve avere diritto allo studio. Per essere fruttuoso il percorso universitario deve essere formativo e non selettivo. L uso esclusivo della lingua inglese in una laurea magistrale o in un dottorato di ricerca pone in posizione marginale la lingua ufficiale della Repubblica. L italiano va considerato come patrimonio storicoculturale: come bene culturale da preservare e come elemento conformante di un certo modo di pensare. Erogare un corso di laurea interamente in inglese va contro gli ideali costituzionali. Lo studio della lingua inglese non è l unico strumento utile alla formazione universitaria, bisogna invece rafforzare gli strumenti e i corsi già presenti nelle università italiane. La formazione universitaria corretta consiste nell acquisire le capacità di rielaborazione dei contenuti. E naturale che la rielaborazione dei contenuti avvenga nella lingua madre. I docenti che non concordano con l insegnare le loro discipline in inglese devono optare quasi sempre per l insegnamento nel triennio. Alcuni docenti faticano a spiegare in inglese dato che durante i loro studi non hanno potuto studiarlo in modo appropriato. Un università non può erogare un corso di laurea interamente in lingua inglese. L uso esclusivo della lingua inglese porterebbe ad un impoverimento dell attività formativa. La qualità d insegnamento della lingua inglese in Italia è inferiore rispetto alle altre Nazioni. L uso esclusivo dell inglese in un corso di laurea causa disaggi non solo agli studenti ma anche ad alcuni docenti. L apertura culturale delle facoltà non si estende fino alla possibilità di sopprimere per interi corsi di laurea l uso della lingua italiana. TESI SOSTENUTA: Non è giusto che il corso di laurea magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in lingua inglese.

Contro argomentazioni L internazionalizzazione delle università non coincide con la loro anglicizzazione. Confutazione del contro argomento 1 L insegnamento della lingua inglese in ambito universitario consolida la preparazione degli studenti e permette al paese di evolversi adeguandosi agli standard della globalizzazione. L ostentato insegnamento dell inglese porta l Italia ad una notevole perdita economica. L insegnamento della lingua inglese in ambito universitario permette agli studenti di avere un futuro lavorativo migliore e porta il paese a maggiori guadagni economici. Confutazione del contro argomento 2

Saggio argomentativo La disputa: E giusto che il corso magistrale in Comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese? Il principio di ufficialità della lingua italiana e la visione di quest'ultima come fattore identitario, fanno parte di un pensiero culturale radicato nella nostra Repubblica. In particolare l'articolo 1.comma 1 della legge numero 482/1999 ribadisce che l'ufficialità della lingua italiana non ha solo una funzione formale ma funge da criterio interpretativo generale delle disposizioni che prevedono l'uso di lingue minoritarie, fra cui anche l'inglese, evitando che esse possano essere intese come alternativa alla lingua italiana o comunque tali da porre in posizione marginale la lingua ufficiale della Repubblica. Per questi motivi erogare un corso di laurea magistrale interamente in lingua inglese, come avviene nella nostra facoltà di comunicazione, suscita forti perplessità dato che potrebbe causare dei seri danni all'identità culturale. Innegabile è il fatto che la lingua inglese sia predominante nelle comunicazioni, soprattutto in ambito scientifico, della ricerca e tecnologico, ma secondo il parere della professoressa Rita Librandi, rappresentante dell' Accademia della Crusca, nonché docente di Linguistica italiana e storia della lingua italiana ''l'avere una lingua unitaria come l'inglese nel settore della ricerca può costituire un vantaggio e in contemporanea anche un rischio, poiché potrebbe danneggiare le lingue locali nella formazione del lessico: se una lingua non è più in grado di produrre tecnicismi con estrema velocità quella lingua è a rischio e potrebbe diventare un dialetto''. Inserire nelle università

italiane corsi esclusivamente in lingua inglese porterebbe l'opinione pubblica a pensare che l'italiano sia una lingua di minore importanza, a tale proposito si esprime il professor Nicola De Blasi, italianista all' Università Federico II di Napoli, che afferma: ''il cambiamento di prestigio di una lingua spesso comincia per un effetto a valanga, se si comincia ad eliminare l'italiano dall'università iniziando a promuovere corsi esclusivamente in lingua inglese si potrebbe pensare che la lingua italiana non sia idonea a trasmettere determinati contenuti e che sia dunque una lingua di serie B.'' Sicuramente con l'inserimento della lingua inglese nelle università italiane aumenterebbe il numero degli studenti provenienti da paesi esteri, però poiché una lingua si definisce nel tramite tra l'individuo e la realtà esterna, l'ideale sarebbe offrire lezioni in lingua inglese solo nella fase iniziale, per insegnare poi nella lingua del posto, secondo il modello tedesco. Sarebbe quindi auspicabile preferire un integrazione delle lingue, piuttosto che l'esclusività di una lingua straniera. L'uso prevalente della lingua inglese nei corsi di laurea magistrale porterebbe inoltre ad un impoverimento dell'attività formativa, poiché la formazione non è un passaggio esclusivo di nozioni e contenuti ma un'attività tesa a far acquisire le capacità di rielaborazione dei contenuti stessi, cosa non possibile o molto difficile per uno studente costretto a dover studiare in una lingua straniera. Eliminando quindi l'italiano dai corsi universitari si corre il rischio di fare lezioni manualistiche utili solamente a trasmettere dei contenuti, ma non adatte a far acquisire la capacità di elaborare l'insieme dei concetti. Sarebbe invece opportuno investire di più nella ricerca, nella

mobilità degli studenti, nei dottorati internazionali e nelle lauree gemellate. Da non sottovalutare inoltre la qualità d insegnamento dell inglese all interno delle scuole italiane che purtroppo è inferiore rispetto alle altre nazioni, dove il metodo pedagogico è decisamente diverso. Noi italiani ci concentriamo troppo su scrittura e grammatica, mentre nelle altre nazioni gli studenti imparano soprattutto a parlare, applicando la lingua a situazioni reali. Abbiamo quindi l accademia contro l espressione orale e il dialogo. Due concetti perfettamente complementari, ma la mera conoscenza della struttura grammaticale di una lingua non permette di potersi esprimere nel migliore dei modi e questo è sicuramente più evidente nelle spiegazioni di materie tecniche, le quali richiedono forme specifiche di espressione. Nonostante sia di comune credenza che l insegnamento della lingua inglese nelle università consolidi la preparazione degli studenti fornendo loro una migliore prospettiva lavorativa, permettendo allo stesso tempo al paese di adeguarsi agli standard della globalizzazione con un conseguente aumento della ricchezza della Nazione stessa, è tuttavia opportuno chiarire che l internazionalizzazione delle università, che non coincide con la loro anglicizzazione, costa a noi italiani circa 60 miliardi di euro l anno, mentre paesi come la Gran Bretagna abolendo l insegnamento della lingua straniera dal 2004 risparmiano circa 18 miliardi di euro. Nonostante l inglese permetta indubbiamente di accrescere il proprio profilo culturale e lavorativo, numerose sono anche le problematiche legate all esclusività del suo insegnamento in ambito universitario: problematiche culturali,

d apprendimento e elevati costi economici; fattori certamente da considerare se si auspica ad ottenere una formazione completa.