SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Sabato e Domenica 11/12 maggio 2013

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

C.A.I. PONTE S. PIETRO

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO Luglio Schede descrittive degli itinerari

TREKKING DEL "SELLARONDA"

Totes Gebirge - Austria

Itinerario n Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore

Itinerario n Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS.

visita il nostro sito

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

TREKKING IN VAL MASTALLONE

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

: RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

Itinerario n La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

Alta Via dell'adamello

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso)

Sentiero Attrezzato delle Creste della Mughera (1161) da Limone sul Garda

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

ULTRATRAIL 50 Km m dislivello positivo

Fig. 1 : La piazzetta di San Costantino,punto di partenza e di arrivo dell anello 7. Ref. : ap-2217.

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE

Percorso Zona Orientale

Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- :

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

10/11/12 Luglio 2015 Tour del Marguareis (Cuneo) Attrezzatura consigliata. Accesso Stradale. Introduzione

SETTEMBRE 2011 SABATO 3 Itinerario ad anello con partenza da Campigna

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich

Distelgrube Faltmaralm

Pizzo d'uccello (m.1781) - via Oppio- Colnaghi

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna Segnaletica

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel )

MAKALU 8463 m, NEPAL via normale nord-ovest, discesa in sci e cenni sulle altre vie del versante ovest 1

Monte Pisanino. Descrizione del percorso

I MARMI DI ROCCA BIANCA

ESCURSIONI AL LAGO SANTO MODENESE APPEN- NINO TOSCO-EMILIANO

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte

Esperti di passi e di sentieri

TI04 - L'Ipposidra, la ex-ferrovia a cavallo

Monte Spino da S. Michele

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda

primo avamposto roccioso, spostandosi, al suo termine, a sinistra ove si trova una sosta su chiodi uniti da cordino rosso. Noi abbiamo sostato qui,

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA".

Trekking per il Monte Rosso - Roteck

MI-01 Il Mincio dal Garda a Mantova

LA VALLE DI PALANFRÈ

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

Ferrata Siggioli & Pizzo D Uccello

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Monte Kilimanjaro Climbing Safari

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di Borgomanero Corso Sempione, Borgomanero (NO)

Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del "Cammino di S.Carlo"

Descrizione analitica dei sentieri CAI

Alice Terasc (Val Bavona), 7a+ (6b+ obbl.)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

Dolci Ricordi. Bed. Breckfast. Itinerario Partenza Arrivo Descrizione Difficoltà

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di Napoli Fondata nel Settimana verde a Bardonecchia Luglio 2016

Itinerario n Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

ALPI LIGURI Sentiero degli Alpini Monte Toraggio Balconi di Marta

Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS.

COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

TREKKING. Claudio Pozzi, Guida alpina professionista

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio

: ARENZANO-PASSO GAVETTA-PASSO GAVA-P. TARDIA CREVARI-CAMPENAVE-VOLTRI :

Cima Grande di Lavaredo via Hasse Brandler

ROUTE 085 RN 2014 Pescara 7, Tropea 1, Alta Valle del Conca 1

<<Itinerari sul filo della memoria: la prima guerra mondiale in Vallarsa (TN)>> 26 giugno 2 luglio 2010

Ispuligidenìe (Cala Mariolu)

Esplorando i Sentieri del Linas in MTB

Da sasso a eremo di San Valentino

Itinerario 13. Orgia, Itinerari del Museo del Bosco: La passeggiata del Conte, Il fiume, il Romitorio, le carbonaie

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI

GIOVANE MONTAGNA. Domenica 4 maggio Benedizione degli alpinisti e degli attrezzi in Val Rosandra Carso triestino (per le Sezioni orientali)

TORRE VENEZIA, m 2337 parete O via Castiglioni-Kahn + varianti Soldà e centrale ed uscita Livanos salite del 12/10/1999 e del 22/5/2011

CIMA DI PRAMPERET m 2337

Advertisement
Transcript:

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani dei monti Pietravecchia e Torraggio. In parte scavato nella viva roccia l'itinerario è posto a ridosso delle montagne che fanno da spartiacque tra l'italia e la Francia. Non a caso in questa zona sono ancora presenti resti e fortificazioni di opere militari costruite tra la prima e la seconda guerra mondiale. Il paesaggio che si potrà ammirare è molto suggestivo in quanto segna anche una linea di confine tra la costa e il paesaggio alpino, questa particolare collocazione ha contribuito a sviluppare un particolare tipo di flora che è difficile trovare altrove. Come sopra indicato, la zona è ricca di fortificazioni militari costruite per difesa tra la prima e la seconda guerra mondiale. Proseguendo per la strada militare del Colle della Melosa è possibile raggiungere la Cima di Marta (m. 2138) e da qui il balcone di Marta dove all'interno si trova un vero e proprio bunker. Il Monte Toraggio: ITINERARIO di due giorni: I giorno: Partenza Accesso automobilistico: Arcore Genova Imperia Colla Melosa Primo giorno: trasferimento da Arcore alla Colla Melosa (Rifugio Allavena) e Sentiero degli Alpini Tempo: 5/6 ore Dislivello: 800 metri in salita tra andata e ritorno Equipaggiamento : da media montagna Difficoltà: EE Relazione sul Sentiero degli Alpini e Balcone di Marta Alpi Liguri di Ben Lorena Pagina 1

Itinerario: Dalla Colla Melosa (1540 m, rifugio Allavena) si segue la sterrata che sale verso il Monte Grai per circa 600 metri fino ad incrociare un sentiero a sinistra segnalato da un triangolo rosso. La traccia taglia in piano e poi risale per un breve tratto (corde metalliche) ed attraversa l'alveo roccioso di un ruscello. Dopo un altro tratto in salita si attraversa un altro ruscello e si prosegue fino ad arrivare ad un bivio dove si prende a sinistra, scendendo verso il Sentiero degli Alpini. Si passa davanti ad una fonte sotto le prime bastionate rocciose e si continua in piano attraversando una piccola galleria. Il sentiero prosegue tagliando le bastionate inferiori del Pietravecchia con saliscendi, tratti scavati nella roccia e altri franati, attrezzati con cavi metallici. Il rifugio Franco Allavena Con una serie di tornanti si raggiunge la Gola dell'incisa (1685 m), stretto intaglio sulla cresta di confine tra il Toraggio ed il Monte Pietravecchia. Rimanendo sempre sul versante italiano si prosegue sul sentiero pianeggiante che taglia i fianchi orientali del Toraggio (passaggi esposti attrezzati con cavi d'acciaio). Una volta giunti ai prati del versante sud si scende leggermente per poi prende a sinistra un sentiero che sale a tornanti (segnavia bianco e rosso dell'alta Via dei Monti Liguri). Si raggiunge velocemente il Passo di Fonte Dragurina (1810 m), dove si lascia l'alta Via dei Monti Liguri, per salire direttamente verso la cima occidentale del Monte Toraggio. Relazione sul Sentiero degli Alpini e Balcone di Marta Alpi Liguri di Ben Lorena Pagina 2

Il Monte Toraggio e il Monte Pietravecchia Salendo per una ripida traccia si entra in un vago canale che si apre tra le rocce terminali, si superano alcuni gradini rocciosi e si guadagna la vetta. Ritornati al Passo di Fonte Dragurina si prende verso destra l'alta dei Monti Liguri che ci porta sul versante francese. La mulattiera passa vicino alla Fonte Dragurina (non perenne) e poi taglia in lieve discesa i fianchi nord-occidentali del Toraggio. Costeggiando la cresta nord si ritorna alla Gola dell'incisa e da qui si prosegue in salita lungo l'alta Via dei Monti Liguri che aggira ad ovest il Monte Pietravecchia. Giunti al Passo della Valletta (1918 m) si scende sul versante opposto e si ritorna a Colle Melosa sulla vecchia strada militare. Un tratto del Sentiero degli Alpini scavato direttamente nella roccia Secondo giorno: Visita al complesso fortificato del Balcone di Marta Tempo: 5 ore Dislivello: 500 metri in salita Equipaggiamento : da media montagna, pila frontale o torcia per l interno della fortificazione Difficoltà: E Itinerario: Da Colla Melosa si imbocca la mulattiera che parte in corrispondenza della prima curva della strada sterrata ex militare e che si ricongiunge a quest'ultima poco prima del Rifugio Monte Grai. Relazione sul Sentiero degli Alpini e Balcone di Marta Alpi Liguri di Ben Lorena Pagina 3

Superato il rifugio si prosegue sulla strada che diventa pressoché pianeggiante fino ad incontrare un bivio, in corrispondenza delle quale si trova il confine. Poi si imbocca quindi la diramazione di sinistra (territorio francese) e proseguire sullo sterrato che a tratti diventa molto accidentato fino ai ruderi dei Baraccamenti di Marta. Il monte Grai La visita interna dell'opera, nonostante sia stata spogliata di tutto il materiale trasportabile, risulta piuttosto interessante. Vista la notevole estensione dei locali sotterranei (la visita completa richiede almeno un'ora), si consiglia di non avventurarsi all'interno da soli e di munirsi di efficienti mezzi di illuminazione, prevedendo lampade e batterie di riserva. A causa della presenza di correnti d'aria relativamente forti, si consiglia inoltre di coprirsi adeguatamente anche nella bella stagione. Le condizioni di conservazione dei locali sono generalmente buone, fatta eccezione per l'ingresso Artiglieria e per la prima casamatta della Batteria del Barcone, dai quali Relazione sul Sentiero degli Alpini e Balcone di Marta Alpi Liguri di Ben Lorena Pagina 4

sono state asportate le travi metalliche del soffitto, e per le camerate dei due centri di resistenza, nelle quali è stato parzialmente staccato il rivestimento anti umidità. Prestare attenzione lungo le ripide rampe di scale che scendono ai Centri 35 bis e 35 (all incirca 326 scalini!), che la frequente presenza di umidità può rendere scivolose, come pure nel corridoio in forte pendenza che le segue. Nel pavimento di quest'ultimo si trovano inoltre alcuni piccoli tombini privi di copertura nei quali è possibile inciampare. Il ritorno dall'esterno passando dall'ingresso Attivo del Centro 35, assolutamente da evitare in caso di non perfetta visibilità, è fortemente sconsigliato sia per la mancanza del sentiero che per la difficoltà del percorso. È inoltre decisamente preferibile ripercorrere l'itinerario interno di andata attraverso il corridoio di collegamento e le lunghe rampe di scale. Bibliografia e sitografia: www.rifugioallavena.it/activity.php www.gulliver.it/itinerario/48308/ Guida della Liguria Relazione sul Sentiero degli Alpini e Balcone di Marta Alpi Liguri di Ben Lorena Pagina 5