TREKKING DEL "SELLARONDA"

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
C.A.I. PONTE S. PIETRO

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Totes Gebirge - Austria

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Itinerario n Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

ATTIVITA A PREZZO AGEVOLATO PER I CLIENTI DELLE STRUTTURE SPORT & OUTDOOR VAL DI FASSA - ESTATE 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

Itinerario n Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO Luglio Schede descrittive degli itinerari

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE

SETTEMBRE 2011 SABATO 3 Itinerario ad anello con partenza da Campigna

Trekking per il Monte Rosso - Roteck

Percorso Zona Orientale

TREKKING IN VAL MASTALLONE

CIMA DI PRAMPERET m 2337

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso

Domenica 27 settembre 2015

ULTRATRAIL 50 Km m dislivello positivo

LE DOLOMITI DI SESTO SEGRETE

DOLOMITI FRIULANE. Trekking Agosto 2015

Alta Via dell'adamello

Monte Kilimanjaro Climbing Safari

ORGANIZZA. Dal 25 al 29 luglio. Trekking di 4 giorni da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino di Castrozza

Trekking Valle Stura di Demonte Alpi Marittime

La Via Francigena. Tappa LA06 Da Sutri a Campagnano

TORRE VENEZIA, m 2337 parete O via Castiglioni-Kahn + varianti Soldà e centrale ed uscita Livanos salite del 12/10/1999 e del 22/5/2011

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

TREKKING ALTA VIA DEI PASTORI

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei

MI-01 Il Mincio dal Garda a Mantova

PV-01 La Lomellina tra Pavia e Vigevano

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

GIOVANE MONTAGNA. Domenica 4 maggio Benedizione degli alpinisti e degli attrezzi in Val Rosandra Carso triestino (per le Sezioni orientali)

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali:

<> 26 giugno 2 luglio 2010

Kamchatka, ghiaccio e fuoco

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

UN TREK IN FAMIGLIA SULLE DOLOMITI GARDENESI

LAND ROVER SELLARONDA EXCLUSIVE ADVENTURE,

Escursione dei sette laghi in Val Ridanna

visita il nostro sito

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

Itinerario n Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

22-29 AGOSTO 2015 SETTIMANA A LA VAL - ALTA BADIA

Cima Grande di Lavaredo via Hasse Brandler

Marcara: giorno di aclimatamento. Marcara - Cashapampa - Llamacoral. Llamacorral - Campo Base Alpamayo

Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze

Escursione sulla Montagna dei Fiori

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA".

ALTA VIA DI FORNI TRUOI ALT DI FÔR

Ferrata Siggioli & Pizzo D Uccello

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software

la vostra avventura inizia con noi dolomiti skirock

: RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso)

Scialpinismo nel Trentino

VA-01 Il Sentiero Valtellina - I tappa

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D /D )

Gruppo del Prosac Tremosine. ITINERARI E PROGRAMMI PER IL 2014

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

Ispuligidenìe (Cala Mariolu)

La Via Francigena. Tappa TO11 Da Monteriggioni a Siena

PASSI ALPINI Gold : Giugno 14'

LE ESCURSIONI piu belle della Val Venosta

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno

Mobile Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

ROUTE 085 RN 2014 Pescara 7, Tropea 1, Alta Valle del Conca 1

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

L escursione con 1100m di dislivello dura intorno alle 6-7 ore di cammino per camminatori abbastanza esperti.

RITROVO: AGNOSINE CHIESA PARROCCHIALE ORE 9,00 RITROVO SUCCESSIVO CHIESA PARROCCHIALE DI BIONE ORE 9,15 CON MEZZI PROPRI

Vie ferrate nelle Dolomiti

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel )

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Scialpinismo nelle Dolomiti

Itinerario n La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza

I PARCHI NATURALI DELLE DOLOMITI ALLA SCOPERTA DELLA NATURA DEI MONTI PALLIDI - PATRIMONIO NATURALE DELL'UMANITÀ UNESCO

MAKALU 8463 m, NEPAL via normale nord-ovest, discesa in sci e cenni sulle altre vie del versante ovest 1

Bergamo e la Val Seriana

Advertisement
Transcript:

TREKKING DEL "SELLARONDA" Quattro giorni nel gruppo del Sella Da venerdi 2 a lunedi 5 settembre 2005 Il trekking si svolge nell'inconfondibile gruppo del Sella, nelle Dolomiti,caratterizzato dal grande terrazzo detritico contornante le cime e si trova all'origine delle valli Ladine di Fassa, Gardena, Badia e Livinallongo. Sul Piz Boè si incontrano i confini delle provincie di Trento, Bolzano e Belluno. Il secondo giorno saliremo le tre cime del gruppo superiori ai 3000 m.:piz Lech Dlacè, Cresta Strenta e Piz Boè. Poi ci aspettano altre vette di poco inferiori ai 3000, ( per i "collezionisti"). Il percorso presenta tratti attrezzati con cavo metallico e necessita del "set da ferrata". Itinerario 1 giorno: Corvara - Staz. sup. funivia Boè - Rifugio Franz Kostner al Vallon (1h e 30') 2 giorno: Rifugio Franz Kostner al Vallon - Piz Boè - Forcella Pordoi - Sass Pordoi - Rifugio Boè Bambergehutte (6 h) 3 giorno: Rifugio Boè Bambergehutte - Cima Pisciadù - Rifugio F. Cavazza al Pisciadù (4 h) 4 giorno: Rifugio F. Cavazza al Pisciadù - Val di Mesdì - Corvara. (3 h e 30''). VENERDI 2 SETTEMBRE http://www.paolosnow.it/sellaronda/sellaronda.htm (1 di 7)12/07/2005 12.13.22

La partenza da Genova Bolzaneto (ingresso autostrada loc. "Bratte") è prevista per le ore 6. Dopo un viaggio in auto di circa sei ore è meglio dividere i 1000 m. di dislivello che ci separano dal rifugio con un tratto in funivia. Arrivati a Corvara (m.1550),nel primissimo pomeriggio, dopo una sosta per mangiare, alle ore 14 riapre la funivia del Boè, che in 15' ci porta a quota 2195 m. Qui ci carichiamo gli zaini in spalla e prendiamo il sentiero n 638 che all'inizio segue il tracciato della seggiovia lungo la pista da sci "nera" del Vallon, poi lo stesso prende più a sinistra in direzione del risalto dove sorge il rifugio. (m.2541). dislivello 350 m.- 1 ora e 30' - Difficoltà E. Rifugio F. Kostner al Vallon 2541 m. Itinerario del 1 giorno http://www.paolosnow.it/sellaronda/sellaronda.htm (2 di 7)12/07/2005 12.13.22

SABATO 3 SETTEMBRE Dopo la colazione (ore 7), per le 8 è prevista la partenza dal rifugio. Seguiamo per un brevissimo tratto il sent. 638, fino al bivio dove è posta la tabella della foto Itinerario del 2 giorno Qui seguendo le indicazioni prendiamo il sent. 672 salendo verso destra in un ghiaione. Questo sentiero in parte attrezzato, è denominato "Lichtensteinerweg" perchè fu tracciato dal Club Alpino Austro-Germanico e precisamente dalla sezione Lichtenstein, prima della Guerra 1915/18. E', senza ombra di dubbio, il più bel sentiero del gruppo del Sella: attraversa una zona selvaggia che ha mantenuto ancora la sua primitiva bellezza. Il sentiero nel ghiaione si addentra in un largo canalone fin sotto delle facili rocce che, per gradoni attrezzati, risaliamo fino ad una stretta cengia uscendo dalla gola rocciosa. Si prosegue verso SO in piano e poi in salita con altri tratti attrezzati fino a raggiungere il Piz da Lech Dlacè m. 3009 e da qui, per tracce di sentiero, la Cresta Strenta m. 3124. Più avanti dopo aver incontrato il sent. 638 che sale dal Rif. Boè raggiungiamo la cima del Piz Boè m.3152.( 3 ore - dislivello http://www.paolosnow.it/sellaronda/sellaronda.htm (3 di 7)12/07/2005 12.13.22

700 m. c. difficoltà EEA.) Chi non è mai salito su questa vetta, si stupirà, dopo ore di cammino selvaggio, di incontrare nugoli di turisti sdraiati seminudi, se il tempo lo consente, a prendere il sole, dopo essere saliti comodamente in vetta dal Sass Pordoi raggiunto in funivia. Completano il quadretto, un Rifugio (la Capanna Fassa), assai dubbia la sua utilità, ripetitori vari ecc. Una pausa per mangiare qualcosa e si scende dal versante opposto verso il Sass Pordoi con il sentiero 638 che ci porta ( dopo aver fatto una deviazione per la Punta De Joel m. 2945), alla Forcella Pordoi m. 2829 (con rifugio omonimo). Qui in pochi minuti saliamo sulla vetta deturpata dalla Stazione della funivia del Sass Pordoi (m. 2950). (1 ora - dislivello 350 m. in discesa e 130 in salita - difficoltà E.) Torniamo sui nostri passi fino alla Forcella e oltre fino alla deviazione con il sent. 627 che ci porta lungo l'alta Via delle Dolomiti n 2, costeggiando le pendici del Piz Boè, al Rifugio Boè m. 2871 ( 1 ora - dislivello quasi nullo - difficoltà E. ) DOMENICA 4 SETTEMBRE http://www.paolosnow.it/sellaronda/sellaronda.htm (4 di 7)12/07/2005 12.13.22

Rifugio Boè Bamberghehutte m.2871 itinerario del 3 giorno Dopo la solita colazione alle 7 con partenza alle ore 8 ci dirigiamo con il sentiero 647 in direzione N seguendo sempre l'avd2 che ci porta in vetta all'antersas m. 2907. Proseguiamo passando sotto la vicinisima Torre Berger e il Sas de Mezdì con magnifici scorci sulla Val di Mezdì, (percorreremo http://www.paolosnow.it/sellaronda/sellaronda.htm (5 di 7)12/07/2005 12.13.22

domani, in discesa,il tratto inferiore di questa bellissima valle). Incontriamo. dopo aver lasciato la deviazione a sin. del sentiero 647, il sentiero n 666 proveniente dal Passo Gardena attraverso la Val Setus. Altro bivio dopo poco e ancora prendiamo a destra, lasciando a sin. il sent. 649. Arriviamo poi alla deviazione per la cima del Pisciadù m. 2985 dove con mezz'ora di facile salita per gradoni in parte attrezzati giungiamo in vetta per il pranzo. Dopopranzo riscendiamo per la via salita e al bivio continuiamo sempre sul sent. 666 di prima in direzione N scendendo per gradoni attrezzati nella Val de Tita, costeggiando le pendici occidentali della cima Pisciadù. Ora in vista del rifugio per ghiaioni costeggiamo il laghetto omonimo e in breve arriviamo al rifugio. (4 ore - dislivello 500 m. in salita e 1000 m. in discesa - difficoltà EEA). LUNEDI 5 SETTEMBRE http://www.paolosnow.it/sellaronda/sellaronda.htm (6 di 7)12/07/2005 12.13.22

Rifugio F. Cavazza al Pisciadù m.2585 itinerario del 4 ed ultimo giorno Solito programma con partenza alle ore 8. Dal rifugio seguiamo il sentiero n 676 che dal pianoro del Pisciadù scende in direzione SE verso la Val di Mezdì. Scendiamo incontrando tratti attrezzati (per ultimo una paretina) fino ad incontrare, sotto il Dent de Mezdì, il sentiero n 651 che da Colfosco risale la val di Mezdì. Lo seguiamo in discesa in questa meravigliosa valle evitando i due successivi bivi che portano verso il Passo gardena e ci inoltriamo seguendo le cascate del Pisciadù (attenzione al ripido e franosissimo sentiero in discesa!) fino al bivio a destra che ci porta lungo una carrabile sterrata che d'inverno si trasforma in pista da fondo, seguendo il tracciato della seggiovia Borest a Corvara dove termina la nostra avventura. (3 h e 30' - dislivello 1000 m. c. in discesa - difficoltà EEA) Paolo Muzio e Paola Marchisio http://www.paolosnow.it/sellaronda/sellaronda.htm (7 di 7)12/07/2005 12.13.22