Indicazioni nazionali per il curricolo

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 IL TESTO SLIDE 3 A CURA DELLA DOTT.SSA GIOVANNA GRISETA

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Costruire le competenze chiave di cittadinanza

IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Anno Scolastico / Sez. REGISTRO UNICO DELLA SEZIONE INSEGNANTI DELLA SEZIONE NOTIZIE STATISTICHE SCUOLA DELL INFANZIA ALUNNI FREQUENTANTI

SVILUPPO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (D.M. 12 luglio 2011)

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

IL CURRICOLO VERTICALE

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO

IL RAV. Maria Girone

a.s Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, Napoli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Dalle indicazioni nazionali alla costruzione del curricolo

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado

INDIRIZZI PER IL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

UNITA DI APPRENDIMENTO C ERA UNA VOLTA E C E ANCORA

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

Istituto Comprensivo di Porto Viro. Scuola Primaria

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

UNITA DI APPRENDIMENTO. E tempo di scoperta

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana Colle di Val d Elsa (SI)

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

a. s PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

Linee d'indirizzo del POF

Lector in fabula Lettura, analisi e punteggiatura delle Indicazioni Nazionali per il Curricolo

1.3 Sportello Psicologico pag Accogliamo gli alunni stranieri pag Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Prot. n / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

PIANO DI MIGLIORAMENTO

Competenze di cittadinanza ed Educazione Ambientale

via Regina Elena, Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/ Fax 0733/ IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico 20 / 20

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

Scuola primaria classe.. Referente DSA o coordinatore di classe

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Istituto Comprensivo Pescara 3. Progetto Bambino oggi, cittadino domani

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Circolare Ministeriale n. 3 del 13 febbraio 2015 Linee guida DOCUMENTO DI CERTIFICAZIONE DI COMPETENZE

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

ISTITUTO PARITARIO SUOR ORSOLA BENINCASA

NOVITÀ LIBRI DI TESTO 2014

ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO

ISTITUTO COMPRENSIVO TORRE PORDENONE LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

Le Nuove Indicazioni Processo di revisione, nodi culturali, orientamenti di lavoro.

Poffetto scuola primaria

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Piano dell Offerta formativa anno scolastico 2011/12

Rete Dalle Indicazioni Nazionali al curricolo verticale per competenze. Area storico-geografica-cittadinanza e Costituzione.

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO

Progetto Bambino oggi, cittadino domani

Istituto comprensivo di Finale Ligure. Cittadinanza e Costituzione

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Advertisement
Transcript:

Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir

L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento per la progettazione affidata alle scuole, nel rispetto dell Autonomia Scolastica (DPR 275/1999) Testo aperto che va contestualizzato attraverso specifiche scelte in relazione a: Contenuti Metodi Organizzazione Valutazione La scuola elabora il POF procede alla costruzione del Curricolo

Indicazioni Nazionali per il curricolo Indicazioni Nazionali 2004 (Moratti) Indicazioni per il curricolo 2007(Fioroni) Indicazioni Nazionali per il curricolo (D.M. 16/11/2012)

Indicazioni Nazionali 2012 la struttura CULTURA, SCUOLA, PERSONA FINALITÀ GENERALI Scuola, Costituzione, Europa Profilo dello studente L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Dalle Indicazioni al curricolo Aree disciplinari e discipline Continuità ed unitarietà del curricolo Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Valutazione Certificazione delle competenze Una scuola di tutti e di ciascuno Comunità educativa, comunità professionale, cittadinanza La scuola dell infanzia i bambini, le famiglie, i docenti, l ambiente di apprendimento I campi di esperienza La scuola del primo ciclo il senso dell esperienza educativa L alfabetizzazione culturale di base Cittadinanza e Costituzione L ambiente di apprendimento Le competenze disciplinari 4

Cultura, scuola, persona: La scuola nel nuovo scenario Centralità della persona Per una nuova Cittadinanza Per un nuovo Umanesimo

La scuola nel nuovo scenario Società molteplici cambiamenti grande varietà di esperienze formative Apprendimento scolastico una delle tante esperienze di formazione Necessità di una nuova dimensione di integrazione fra scuola e territorio fra sistema formativo e mondo del lavoro

Scuola: Compiti Formare saldamente ogni persona sul piano cognitivo e culturale perché possa affrontare positivamente l incertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali presenti e futuri Curare e consolidare le competenze e i saperi di base Formare cittadini in grado di partecipare consapevolmente alla costruzione della collettività nazionale, europea e mondiale Riconoscere e valorizzare le diverse situazioni individuali presenti nella classe e saper accettare la sfida che la diversità pone Insegnare ad apprendere insegnare ad essere

Finalità generali Profilo dello studente competenze al termine del primo ciclo di istruzione Scuola, Costituzione, Europa quadro delle competenze-chiave per l apprendimento permanente (Parlamento europeo e Consiglio dell Unione europea 2006)

Competenze chiave per l apprendimento permanente (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa 2006) 1. comunicazione nella madrelingua 2. comunicazione nelle lingue straniere 3. competenza matematica e competenza di base in scienza e tecnologia 4. competenza digitale 5. imparare a imparare 6. competenze sociali e civiche 7. spirito di iniziativa e imprenditorialità 8. consapevolezza ed espressione culturale

Il Curricolo Si articola attraverso: Campi di Esperienza (scuola dell infanzia) Discipline (scuola primaria e secondaria di 1 grado) Viene predisposto nel rispetto di: finalità traguardi per lo sviluppo delle competenze obiettivi d apprendimento traguardi per lo sviluppo delle competenze Vengono individuati al termine Per i docenti Della scuola dell infanzia Della scuola primaria Della scuola secondaria di 1 grado Indicano piste culturali e didattiche da percorrere Aiutano a finalizzare l azione educativa allo sviluppo integrale dell alunno Costituiscono i criteri per la valutazione delle competenze attese

Obiettivi di Apprendimento Definiti in relazione al termine del 3 e del 5 anno della scuola primaria e del 3 anno della scuola secondaria di 1 grado Sono organizzati in nuclei tematici Individuano campi del sapere, conoscenze e abilità indispensabili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze previsti dalle Indicazioni CAMPI DI ESPERIENZA Nella scuola dell infanzia Campi di Esperienza Luoghi del fare e dell agire del bambino Introducono i sistemi simbolico-culturali

L organizzazione del curricolo Dalle indicazioni al curricolo (Indicazioni come quadro di riferimento per la progettazione curricolare affidata alle scuole) Continuità ed unitarietà del curricolo (Progettazione di un unico curricolo verticale) Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Valutazione (Precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Ha funzione formativa di accompagnamento ai processi di apprendimento) Certificazione delle competenze (a seguito di una regolare osservazione, documentazione e valutazione ) Una scuola di tutti e di ciascuno (Integrazione stranieri 2007, Integrazione alunni con disabilità 2009, DSA 2011, BES 2012) Comunità educativa, professionale, cittadinanza

La scuola dell infanzia Si pone la finalità di promuovere nei bambini lo sviluppo dell identità, dell autonomia, della competenza, della cittadinanza. le famiglie sono portatrici di risorse che devono essere valorizzate nella scuola i docenti stile educativo ispirato a criteri di ascolto, accompagnamento, interazione partecipata, mediazione comunicativa professionalità (lavoro collaborativo, formazione continua in servizio, riflessione sulla pratica didattica) l ambiente di apprendimento equilibrata integrazione di momenti di cura, di relazione, di apprendimento l organizzazione degli spazi e dei tempi deve essere oggetto di esplicita progettazione e verifica L attività di valutazione nella scuola dell infanzia risponde ad una funzione di carattere formativo, che riconosce, accompagna, descrive e documenta i processi di crescita

La scuola dell infanzia I campi di esperienza: (ogni campo delinea una prima mappa di linguaggi, alfabeti, saperi, in forma di traguardi di sviluppo, che poi troveranno una loro evoluzione nel passaggio alla scuola primaria). Il sé e l altro Il corpo e il movimento Immagini, suoni, colori (linguaggi, creatività, espressione) I discorsi e le parole La conoscenza del mondo (oggetti, fenomeni, viventi, numero e spazio)

La scuola del primo ciclo (primaria e secondaria di 1 grado) Il senso dell esperienza educativa promuove un percorso di attività nel quale ogni alunno possa assumere un ruolo attivo nel proprio apprendimento L alfabetizzazione culturale di base alfabetizzazione strumentale (leggere, scrivere, far di conto) alfabetizzazione culturale e sociale educazione plurilingue (lingua materna, lingua di scolarizzazione e lingue europee) e interculturale

La scuola del primo ciclo Cittadinanza e Costituzione costruzione del senso di legalità e lo sviluppo di un etica della responsabilità prima conoscenza della Costituzione della Repubblica diritto alla parola(articolo 21) il cui esercizio dovrà essere prioritariamente tutelato ed incoraggiato in ogni contesto scolastico e in ciascun alunno garantire la padronanza della lingua italiana, valorizzando al contempo gli idiomi nativi e le lingue comunitarie

La scuola del primo ciclo L ambiente di apprendimento Utilizzare flessibilmente gli spazi Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità Favorire l esplorazione e la scoperta Incoraggiare l apprendimento collaborativo Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere Realizzare attività didattiche in forma di laboratorio

Discipline Indicazioni Fioroni (2007) Nuove Indicazioni (2012) Aggregate per aree disciplinari: Area linguistico-artisticoespressiva Area storico-geografica Area matematicoscientifico-tecnologica Italiano Lingua inglese Seconda lingua comunitaria Storia Geografia Matematica Scienze Musica Arte e immagine Educazione fisica Tecnologia Religione cattolica (DPR 11 /02/2010)

Alcune riflessioni: Curricolo verticale: deve stimolare una sicura progressione nei risultati degli apprendimenti, nella differenziazione delle condotte cognitive, nell ampliamento del patrimonio conoscitivo. Verticalità non significa uniformità. Valutazione: si riconferma il principio di una valutazione formativa, tesa a conoscere, descrivere, sostenere l apprendimento, piuttosto che a classificare, sanzionare, pesare i risultati. Prima vengono il progetto culturale della scuola, l organizzazione didattica e successivamente le valutazioni esterne con le loro strumentazioni. Nuove tecnologie: solo una sicura padronanza di strumenti personali di lettura, comprensione e analisi può consentire un utilizzo consapevole delle nuove tecnologie.

Alcune riflessioni: Italiano come lingua di scolarizzazione: seconda lingua per molti alunni(15% in alcune regioni). L intercultura non riguarda la presenza di stranieri in classe, ma un più generale atteggiamento culturale verso il mondo e la realtà in cui vivranno i nostri giovani. (La via italiana all educazione interculturale, MIUR 2007; Insegnare ed apprendere in un ambiente plurilingue, 2010). Padronanza sicura delle abilità di letto-scrittura: come chiavi di accesso all informazione consapevole, alla cittadinanza, all apprendimento permanente. Tuttavia non si auspica il ritorno ad un insegnamento grammaticale descrittivo e meramente esecutivo ma si afferma il legame tra padronanza della lingua e abilità cognitive più trasversali, il concetto di competenza linguistica come abilità trasversale alle varie discipline. Ruolo docente: richiamo esplicito alla figura dell insegnante, il docente deve avere competenze di psicologia «sociale». Prendersi cura degli allievi è una componente fondamentale del ruolo dell insegnante, che implica capacità di ascolto, osservazione, accompagnamento, incoraggiamento, mediazione.