PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
ASSEMBLEA PROGRAMMATICA E ORGANIZZATIVA UST CISL PISA

Accogliere per partecipare

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ

Il Partito Democratico del Trentino.

Carolina Isabel Catalano. Educatore Professionale

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

CALENDARIO EVENTI 2014 Scuole Secondarie di secondo Grado

Figli e denaro: verso il futuro

IL CENTRO PARLA CON NOI

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti.

COMUNE DI DECIMOMANNU

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Le donne nel mondo della pesca di Ancona e in Italia

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS CHI SIAMO

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

CENTRO FEDERATO INER VERONA

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno

Istituti Comprensivi di Vicenza e Comune di Vicenza P.O.F.T. a.s. 2010/2011. Piano dell Offerta Formativa Territoriale

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

AFTER X B(eat)

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

Prima parte: LA COSTRUZIONE DEGLI SCENARI. La visione comune: SCUOLA SOSTENIBILE NEL 2014

Premio LeggiAmo a Scuola. Fiamme Gialle e Costituzione.

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

genitori educatori sindrome X Fragile disabilità intellettiva

CALENDARIO EVENTI 2013 Scuole Secondarie di primo Grado

PROGETTO ASTERIX. Promosso da

IL NOSTRO TEAM EMOZIONI IN CAMPO!

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Contrasto al lavoro sommerso

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

Il TCI ha il merito di aver inventato il turismo in Italia e di aver fatto dell Italia dei primi anni del 900 un Paese reale, vicino e accessibile.

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

PROGETTI Scuola primaria

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

15/16 TORNA A SCUOLA. Progetto di educazione ambientale per le scuole

UMANITA IMPARZIALITA NEUTRALITA INDIPENDENZA VOLONTARIETA UNITA UNIVERSALITA

Dal volontariato al progetto

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

XVII Meeting sui Diritti Umani Laboratori della Partecipazione Democratica

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO

IL COACHING delle Ambasciatrici

Questo concorso frutto della collaborazione fra il Centro studi "Paolo Borsellino" e la Direzione generale per lo Studente, l Integrazione, la

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

E' per questo che l'educazione ALLA LETTURA richiede tempi, attenzione, progettazione.

Settembre 2014 a oggi CONFAPI Confederazione Italiana della Piccola e Media Industria

Costruiamo insieme una nuova cultura!

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

Scheda di progetto prevista dall art.2 comma 6 del Decreto , n.44 da allegare al Programma Annuale relativo all A.F.

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

Il contesto Conferenza di organizzazione Stati Generali Iniziative

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

Gara creativa Video contest oom+

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1

Perché Giocare è importante?

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi

Questo concorso frutto della collaborazione fra il Centro studi "Paolo Borsellino" e la Direzione generale per lo Studente, l Integrazione, la

AfrikaSì / Emergency DIRITTI NEGATI Testimonianze dalle ingiustizie del mondo di oggi

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Advertisement
Transcript:

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE Di ENRICO COPPOTELLI

PROGETTO DI COORDINAMENTO DENOMINATO: COORDINAMENTO CISL GIOVANI. MOTIVAZIONE: Parlando della CISL di Frosinone si parla inequivocabilmente del primo Sindacato in Provincia, forte dei suoi iscritti e della sua classe Dirigente, che è indubbiamente ottimamente assortita, non ci sono anelli deboli nell Organizzazione, ogni Federazione di Categoria riesce nei suoi compiti e i dati degli iscritti, a prova di quanto detto sopra, ne sono l esempio. La CISL di questa Provincia è composta da diverse Federazioni di Categoria, Enti e Associazioni che ruotano intorno e mettono in pratica, gli ideali fondanti dell Organizzazione. Da diverso tempo ormai il Sindacato ha fatto un apertura alle donne mediante un Coordinamento Femminile per far sentire anche la voce di coloro che, una volta considerate sesso debole, oggi rappresentano un altra ricchezza inestimabile per questa Organizzazione. Un altra apertura che a mio parere, ma forse non solo mio, visto che i movimenti giovanili esistono da sempre e hanno continuamente portato innovazioni, nuovi stimoli e tanto tanto entusiasmo all interno degli ambiti in cui sono stati chiamati ad operare, cooperare ed esprimersi, è quella appunto che riguarda i Giovani Nella CISL di Frosinone si sta puntando alla costituzione di un COORDINAMENTO GIOVANI che raccolga i delegati, militanti, ed infonda loro, i valori di questa splendida Organizzazione, perché insieme si può cercare di creare una Provincia sempre

migliore e dissolvere poco a poco quel clima d incertezza che attanaglia e demotiva. Le nuove leve dovranno avere fame e voglia di cambiamento e porsi come obbiettivo la colonizzazione del futuro, quel futuro che bisognerà rendere roseo, guardare avanti per non tornare indietro. I giovani della CISL devono rinforzare l idea che il sindacato è ancora l opportunità per stare uniti, per non subire gli eventi, per lottare contro le ingiustizie, per affermare la solidarietà, e per rendere protagonisti attivi nel lavoro e nella società. Come da tempo indicato anche dal Segretario Generale Nazionale Savino Pezzotta e da tutta la Segreteria Confederale all interno dell Organizzazione nasce l esigenza di costituire una dimensione giovanile sindacale, a risposta di responsabilità solidale nei confronti delle nuove generazioni, promuovendo la partecipazione giovanile. Il Prof. Marco Carcano Docente di Sociologia dell organizzazione all Università di Parma indica quattro parole chiave, Promozione Inserimento Valorizzazione Tutela, che possono rappresentare una piccola cassetta degli attrezzi che un giovane può portare con se per non perdersi nella giungla del mercato del lavoro, il Sindacato deve aiutare i giovani, ma utilizzando un linguaggio nuovo e amico. La CISL ha quindi tutte le carte in regola per giocare un ruolo importante, per concorrere a costruire identità personali e sociali autonome che possono diventare protagoniste del cambiamento. Occorre umiltà nel riconoscere la fragilità su questo versante, ma anche determinazione per creare quelle condizioni che permettano ai giovani, iscritti o no, di comprendere che il modello sindacale può essere in grado di stimolare il bisogno di costruire,

relazioni umane ricche, orientate a costruire socialità e condivisione. Ragionare di più con i giovani per migliorarci reciprocamente. OBBIETTIVI: Promuovere nuove adesioni mediante una sorta di Proselitismo Piramidale che aumenti gli iscritti specialmente tra i Giovani. Migliorare la rete comunicativa inbound e outbound. Maggiori tutele e informazione per i Giovani che spesso non conoscendo e non avendo alle spalle nessuno, nell ambito lavorativo, ignorano quali sono i loro Diritti e Doveri. Maggiore consapevolezza da parte dei Giovani di cos è la CISL e i valori fondanti che hanno sempre animato questa Organizzazione Informare in maniera più approfondita gli stessi, di tutti i servizi della CISL: da Patronato (INAS) alla Tutela dei Consumatori (ADICONSUM) al Servizio Fiscale (CAAF) agli svaghi e i viaggi organizzati (ETSI) ecc. Dare la possibilità ai Giovani di discutere, confrontarsi, dibattere, con l unico obbiettivo di crescere insieme e dare un aiuto concreto all Organizzazione. Sui posti di lavoro affiancare ai Delegati Sindacali, ove possibile, i giovani, che coaudieranno, si formeranno e informeranno gli altri ragazzi direttamente sui posti di lavoro. Formare con incontri mensili coloro che faranno parte del Coordinamento, mediante le guide e gli insegnamenti impartiti dai Segretari Generali di Categoria o chi per loro, per dare nuovi stimoli e cercare nuovi stimoli. SOGGETTI COINVOLTI:

I Giovani, uomini e donne, di età compresa tra i 20 e i 30 anni Segnalati dalle rispettive Federazioni di Categoria. STRUMENTI E MODALITA : Individuare nelle categorie, enti e associazioni i Giovani iscritti, delegati, militanti di età compresa tra i 20 e i 30 anni chiedendo alle stesse categorie di fornire degli elenchi con i dati anagrafici, luogo di occupazione e recapiti degli stessi. Creare un database ed informare queste "nuove leve sulla CISL, i servizi e gli ideali. Istituire all interno della struttura il COORDINAMENTO GIOVANI che avrà un coordinatore e altri due membri di segreteria coadiuvati e supervisionati a loro volta componenti della Segreteria UST. FASE I Nominare un Coordinatore Individuazione e studio dei nominativi segnalati dalle Federazioni di Categoria Creare una sorta di piccolo statuto che fondi che proprie radici negli ideali della CISL e illustri i fini e gli obiettivi del Coordinamento CISL Giovani. FASE II Organizzare un Incontro con i Giovani per illustrare le linee da adottare e illustrare i programmi e i fini del Coordinamento Organizzare un Servizio di consulenza e aiuto mediante un referente che aiuti, o indirizzi nelle linee da seguire, i giovani aderenti. La mansione sopra citata verrebbe ricoperta dal Coordinatore, aiutato se necessario, da altri due membri del Coordinamento scelti dalla UST.

FASE III Istituzione del Coordinamento Giovani CISL di Frosinone e inizio programma Fare dei comunicati stampa e pubblicità sui quotidiani locali per illustrare e dare visibilità al Coordinamento e a tutta l Organizzazione Mettersi in collegamento con gli altri Coordinamenti Giovanili delle altre CISL Italiane per avere continui aggiornamenti e scambi reciproci. AZIONI DI COMUNICAZIONE ( Nelle Azioni di Comunicazione vorremmo limitare al massimo l invio di lettere personalizzate e la stampa di locandine per cercare di ottimizzare al massimo le risorse disponibili evitando, dunque, nella maniera più assoluta gli sprechi di Denaro). Comunicati Stampa E-Mail Sms